Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Ondalibri: Classifica 2013


  • Please log in to reply
26 replies to this topic

#1 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20471 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 10:36

Quando piersa chiama, c'è poco da fare asd

Via alla classifica delle letture ondarockiane degli ultimi 12 mesi, ecco le regole:

- NON sono necessari libri del 2013, l'intento è di scambiarsi due parole su quanto si legge, mica dare un premio della critica,

- è ammesso tutto, saggi, fumetti e poetica compresi

- è gradita anche una spiegazione, specialmente per le prime posizioni. Per il primo posto, se non la mettete siete pessimi.

- non si farà il conteggione finale quindi non c'è nazi-good a controllarvi la formattazione. Comunque se vi volete mantenere al modello classico, ecco un esempio:

1. Piero Calò - La penultima città
2. Boleyn Ground - Juve merda
3. sfos - Le mie pinete



In questo thread si mettono solo le classifiche, per i commenti ne apro uno a parte. Se la modificate fatelo sapere anche tra i commenti.
Se volete, chi prende il maggior numero di + si prende il premio di "Miglior classifica" ma tanto si sa che vince Euripidello...

C'è tempo fino all'anno nuovo :)
  • 5

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#2 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7646 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 10:49

1. paul mccartney & barry miles - many years from now



...
  • -3

HarryBudini - Licence To Kill (album, file rar)
 
intero album in italiano: Licenza di uccidere (rar)

 


#3 ArchieFisher

ArchieFisher

    pacato come il vecchio che ho in avatar da 50 anni

  • Moderators
  • 6435 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 14:00

1. Michel Houellebecq - Le Particelle Elementari
2. Jonathan Franzen - Le Correzioni
3. John Steinbeck - Furore
4. Harold Pinter - Proust
5. Chad Harbach - L'arte di vivere in difesa
6. Emile Zola - Germinale
7. Murakami Haruki - Kafka sulla spiaggia
8. Herman - Melville - Billy Budd
9. Mo Yan - Sorgo Rosso
10. Elie Wiesel - La Notte

Riguardo a Houellebecq, quando l'ho comprato, il mio amico libraio mi ha detto profeticamente: "Dopo averlo letto non sarai più lo stesso".
Non ricordo un libro che mi abbia sconvolto così tanto.
Di lui quest'anno ho letto anche Estensione del domino della lotta, che però mi è piaciuto decisamente meno.

In ogni caso, i primi 5 libri della mia lista sono stati per me veramente :wub:

Una menzione speciale per:

Enzo Miccio - L'eleganza del maschio

Immagine inserita

il libro ideale da regalare se avete amici che non si sanno vestire (io ne ho regalate già tre copie nell'anno solare 2013).
  • 0
Life was never better than
in nineteen sixty-three

Ogni vita ha peso e dimenticanza calcolabili

"What kind of music do you usually have here?"
"Oh, we got both kinds. We got Country, and Western."

#4 zazdarovje

zazdarovje

    in realtà sono io Melina Riccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 558 Messaggi:
  • LocationMosca, Russia

Inviato 15 dicembre 2013 - 14:35

Solo 8 per me, ma belli cicciosi:
  • Le fantastiche avventure di Kavalier & Clay - Michael Chabon
  • L'assassino cieco - Margaret Atwood
  • Wolf Hall - Hilary Mantel
  • L'enigma di Finkler - Howard Jacobson
  • Vernon God Little - DBC Pierre
  • Il senso di una fine - Julian Barnes
  • La vedova incinta - Martin Amis
  • Avviso ai naviganti - Annie Proulx

  • 1

#5 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12981 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 15:29

Metto tutto quel poco che ho letto, di un'annata pulp. Molto pulp.

1. Raymond Carver - Vuoi star zitta per favore?
2. Raymond Chandler - Vento rosso (racconti)
3. Dino Buzzati - 60 racconti
3. Dino Buzzati - Un amore
3. Dino Buzzati - Il colombre
4. Charles Bukowski - Scrivo poesie solo per portarmi a letto le ragazze (racconti)
5. Ennio Flaiano - Tempo di uccidere
6. Dashiell Hammett - Spari nella notte (racconti)
6. Dashiell Hammett - L'uomo ombra
6. Dashiell Hammett - Piombo e sangue
6. Dashiell Hammett - Il bacio della violenza
7. fantasy pre-nerd...
7. Karl Edgar Wagner - La crociata nera (1976)
7. Norvell W. Page - Venti di fuoco (1939)
7. John Jakes - Sangue di strega (1969)
7. Avram Davidson - La fenice e lo specchio (1969)
7. Henry Kuttner - La maschera di Circe (1948)
7. William Tenn - L'ultima Medusa (1951)
  • 0

#6 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7476 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 15:57

E' stato l'anno di Lalla Romano, i suoi La penombra che abbiamo attraversato e Le parole tra noi leggere vanno certamente nel meglio letto quest'anno. Mi ha affascinato il suo stile: parla del passato con naturalezza e grazia, fa rivivere sensazioni sue dell'infanzia con garbo, parla dell'essere piccoli, dell'essere genitori, in un modo colmo di rispetto e di amore per le scoperte connesse a questi "stati" della vita. Ha la sobrietà dei nordiciitalici senza il cinismo dei nordici. E poi scrive con delicatezza non banale. In mezzo a miliardi di personaggi che trattano tutto esagerando, esasperando lei procede con cura e amore dei dettagli, con capacità analitica e tenerezza.

Mi sono piaciuti anche La Storia della Morante, Un Uomo della Fallaci, Roma senza papa di Morselli. Poi ho letto Guerra e pace ma su quello ho fatto un discorso a parte su "costa state leggendo". Poi ci sono stati altri titoli ma questi sono quelli che più mi son rimasti.
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#7 Stephen

Stephen

    Gatto disidratato

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3294 Messaggi:
  • LocationAmong these dark Satanic Mills

Inviato 15 dicembre 2013 - 16:43

Ho inserito cinque saggi e cinque testi "d'arte". Non ho inserito riletture (lo so, mi giustifico così: è stato un anno di recupero di gravi mancanze), classici dalla lettura mai conclusa (Critica della ragion pura, Fenomenologia dello Spirito, Tucidide...), o lavori troppo specialistici (come La deduzione trascendentale e il problema della finitezza in Kant, di un certo Massimo Adinolfi, che ora litiga con Travaglio sulle pagine dei quotidiani, ma qualche anno fa scriveva di argomenti seri). Le date si riferiscono, quasi sempre, alla prima edizione in lingua originale.

1. S. D'ARRIGO, Horcynus Orca, 1975
[Lo so che è in prima posizione, ma c'è davvero bisogno di dire molto, in questa sede? Un romanzo monumentale - probabilmente il più imponente - del '900 italiano. Un'opera-leviatano, che tra Omero, Melville e Joyce - e non solo - forgia una lingua letteraria siciliana di immensa portata espressiva.]
2. LUCIANO DI SAMOSATA, I dialoghi (trad. it. di Settembrini), 1974
[Traduzione storica per i Millenni, Einaudi. Letteraria, graziosa e scorrevole.]
3. G. SCARPAT, Parrhesia greca, parrhesia cristiana, 2001
[Esperto di filologia latina, ma anche acuto studioso e mirabile conoscitore della classicità greca. Un testo del 1964, poi ristampato, ma con varie aggiunte. Con grande attenzione viene analizzato l'utilizzo greco, le varie traduzioni latine e la ricezione cristiana del termine parrhesia, che si configura come una parola-chiave per comprendere il pensiero della politica greco e la grammatica del suo mutamento nei secoli successivi. Non solo per chi è del settore.]
4. M. BULGAKOV, Il Maestro e Margherita, 1967
5. S. BECKETT, Malone muore, 1951
6. T. BERNHARD, Il soccombente, 1983
7. R. KOSELLECK, Critica illuminista e crisi della società borghese, 1959
[Il più bello dell'autore, che, lo riconosco, non è all'altezza degli altri in "classifica". Deve tanto, tantissimo a Carl Schmitt, ovviamente. Ma è un lavoro chiaro e importante]
8. C.L.R. JAMES, I giacobini neri, 1936
[Saggio storico appassionante, scritto da un afroamericano, sulla prima rivolta contro l'uomo bianco, per citare il sottotitolo. Puntuale ricostruzione, in tutte le sue fasi, di quel coacervo di contraddizioni della politica occidentale che è la Rivoluzione di Santo Domingo.]
9. S. HALLIWELL, L'estetica della mimesis. Testi antichi e problemi e moderni, 2002
[Se si è interessanti al concetto di mimesis, in Platone, Aristotele e la filosofia greca in generale, fondamentale per comprendere non solo l'"estetica" antica, ma la filosofia tout court, credo.]
10. A.C. DANTO, La destituzione filosofica dell'arte. 1986

Ciao ;)
  • 1

"Proprio luiii... Piątek, il pistoleeerooo!!!"

Uno show crossover con Montalbano e Don Matteo.


#8 sfos

sfos

    utente unisalento

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4111 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 17:53

1. Henry James - La bestia nella giungla
In generale è stato l'anno di Henry James (e dei romanzi brevi), così ho voluto premiare il suo lavoro che più mi ha colpito. Si tratta di pochi capitoli, una trama esilissima che si regge su un equilibrio precario, ma al tempo stesso miracoloso. Racconto squisitamente psicologico, tutto incentrato sulle fobie di un uomo che dalla nascita vive nell'attesa di un fatto sconvolgente - "la bestia nella giungla", appunto- che cambierà per sempre il corso della sua vita. In questa attesia piena di fobia e ansia, il protagonista affronta un percorso introspettivo in cui riveste un ruolo decisivo una donna conosciuta tempo addietro e reincontrata quasi per caso in un castello che ricorda il palazzo di Marienbad, per il suo isolare nel misto di caos e snobismo di alta società, due anime così simili. Questa donna è l'unica al quale l'uomo abbia confidato il suo segreto (ed è splendido la scavo interiore che fa rinvenire alla mente del protagonista la circostanza in cui rivelo così tanto di sè), e anche la prima a capire cos'era poi questo evento così sconvolgente che lo avrebbe travolto. Finale da brividi.

Qualcosa lo attendeva, alle curve e agli incroci lungo il cammino dei mesi e degli anni, come una bestia feroce in agguato nella giungla. Poco significava che la bestia in agguato fosse destinata a sbranarlo o ad essere abbattuta. Il punto era che sarebbe inevitabilmente balzata fuori.

2. Beppe Fenoglio - Una questione privata
3. Bram Stoker - Dracula
4. Haruki Murakami - La fine del mondo e il paese delle meraviglie
5. Mark Twain - Le avventure di Huckleberry Finn
6. Thomas Mann - La morte a Venezia
7. Joseph Conrad - Tifone
8. Henry James - Il carteggio Aspern
9. Alessandro Piperno - Con le peggiori intenzioni
10. Emile Zola - L'ammazzatoio
  • 3
"The sun was setting by the time we left. We walked across the deserted lot, alone. We were tired, but we managed to smile."

#9 oblomov

oblomov

    Mommy? Can I go out and kill tonight?

  • Moderators
  • 17884 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 19:00

Me menate a tradimento, a' Giuda?

e vabbè

1. Anatole France - Taide
2. Albert Camus - Lo straniero
3. Mishima Yukio - Il padiglione d'oro
4. John Fante - Una vita piena
5. Agota Kristof - trilogia della città di K
6. Jorge Amado - Terre del finimondo
7. Luigi Pirandello - I vecchi e i giovani
8. Knut Hamsun - Il risveglio della terra
9. Sinclair Lewis - Babbitt
10. Murakami Haruki - Dance dance dance
  • 2
Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni.

#10 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20471 Messaggi:

Inviato 15 dicembre 2013 - 19:00

1. Giorgio Scerbanenco - Milano calibro 9
Tutti racconti nerissimi, con protagonisti perfettamente umani. Il criminale colpisce spesso per disperazione, perchè spesso è l'unico modo per vedere una luce in fondo al tunnel (come in Stazione centrale ammazzare subito). Non leggevo questo genere di narrativa da anni, ora ho ricominciato.
2. Fruttero & Lucentini - L'amante senza fissa dimora
Non è un giallo, almeno non di quelli convenzionali. Il mistero ruota attorno alla figura di un uomo e finisce quasi nel mito. Meglio forse addirittura questa Venezia (non quella banale, quella dell'interno) che la Torino del più famoso "La donna della domenica".
3. Aldo Busi - Vendita galline km 2
4. Walter Tevis - Il colore dei soldi
5. Mo Yan - Sorgo rosso
6. Kurt Vonnegut - Dio la benedica, Mr Rosewater
7. Luigi Pirandello - Uno, nessuno e centomila
8. W.S. Burroughs - Pasto nudo
9. Roberto Bolano - La letteratura nazista in America
10. Salman Rushdie - Joseph Anton

Oblo questo è lo spazio per le classifiche, anche se quella di moda ci poteva stare (ma non l'aveva vista al momento del menaggio asd )
  • 4

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#11 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9932 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 16 dicembre 2013 - 07:13

sfortunatamente ho letto solo non-fiction quest'anno. diciamo che è una classifica abbastanza monotematica (ed inutile), però magari qualcuno si interessa di storia della Cina ( ashd ) e può trovare qualche titolo utile:

1. Womack - China and Vietnam: The Politics of Asymmetry
2. Kang - East Asia Before the West
3. Ford - The Mind of Empire: China's History and Modern Foreign Relations
4. Swope - A Dragon's Head and a Serpent's Tail: Ming China and the First Great Asian War, 1592-1598
5. Morgenthau - Politics Among Nations: The Struggle for Power and Peace
6. Suzuki - Civilization and Empire: China and Japan's Encounter with European Western Society
7. Westad - Restless Empire: China and the World Since 1750
8. Johnston - Cultural Realism: Strategic Culture and Grand Strategy in Chinese History
9. Lebow - The Tragic Vision of Politics: Ethics, Interests and Order
10. Wang - Harmony & War: Confucian Culture and Chinese Power Politics

fuori concorso, soliti classici cinesi riletti in lingua originale (con supporto in inglese a vista):
1. 道德經 ("Classico della via e della virtù")
2. 孫子兵法 ("L'arte della guerra di Sunzi")
3. 孟子 ("Mencio")
4. 論語 ("I dialoghi")
5. 资治通鉴 ("Specchio comprensivo per l'aiuto nel governo"-passi scelti)

miglior libro letto in cinese (moderno):
1. Zhao - 天下体系: 世界制度哲学导论 (Il sistema tianxia: introduzione ad una filosofia per le istituzioni mondiali)
  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 


#12 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20085 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 16 dicembre 2013 - 08:04

I commenti sono nel 3d dei commenti e lì li trovate, quelli che ho spostato.
  • 0

#13 murphy

murphy

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1441 Messaggi:

Inviato 16 dicembre 2013 - 09:58

1. Saul Bellow - Le avventure di Augie March
2. Joseph Roth - Giobbe
3. Henry Roth - Chiamalo sonno
4. Cormac McCarthy - Meridiano di sangue
5. Jorge Luis Borges - L'Aleph
6. Mario Vargas Llosa - La festa del caprone
7. Gesualdo Bufalino - Diceria dell'untore
8. Jack London - Martin Eden
9. Ennio Flaiano - La solitudine del satiro
10. Graham Greene - Brighton rock
11. Dino Buzzati - Sessanta racconti
12. Georges Perec - W ou le souvenir d'enfance
13. Carlos Fuentes - La morte di Artemio Cruz
14. Italo Calvino - La giornata d'uno scrutatore
15. Saul Bellow - Il dono di Humboldt
  • 3

#14 marcio

marcio

    burning from the inside

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2954 Messaggi:
  • LocationTV

Inviato 16 dicembre 2013 - 15:39

1. Raymond Chandler - Il grande sonno
primo romanzo di Chandler con il personaggio dell'investigatore Marlowe ed è pieno amore: l'atmosfera malata e disincantata di tutto il libro, il personaggio del cinico investigatore, duro e giusto, ma anche lui con i suoi dubbi e le sue debolezze, gli altri personaggi sono perfetti (soprattutto le sorelle Sternwood), e la trama si dipana chiara senza punti deboli
Il maestro dell'hard boiled al suo massimo (da vedersi pure il film con uno strepitoso Bogarde e una fascinosissima Bacall)

2. Jonathan Coe - La casa del sonno
3. Arthur Conan Doyle - Sherlock Holmes - Uno studio in rosso
4. Kurt Vonnegut - Ghiaccio nove
5. Jonathan Coe - La banda dei brocchi
6. Hanif Kureishi - Il Budda delle periferie
7. Elia Kazan - Gli assassini
8. Kurt Vonnegut - Madre notte
9. J.G. Ballard - Foresta di cristallo
10. Aldoux Huxley - Il mondo nuovo
  • 3

#15 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 17 dicembre 2013 - 20:55

1. Gabriel Garcia Marquez - L'amore ai tempi del colera
Il miglior narratore degli ultimi 40 anni senza se e senza ma. Ti cattura regalandoti un piacere che non ha bisogno di razionalizzazioni e spiegazioni, su cui quindi glisso. Faccio solo un'eccezione: magistrali le divagazioni con cui Maruqez ritarda il compimento di un corteggiamento lungo mezzo secolo restituendo la sensazione di un'attesa infinita.
2. Fedor Dostoevskij - Le notti bianche
Romanzo bastardissimo perché ti riporta alla mente tutte le tue delusioni sentimentali e fa affiorare un pessimismo 'esistenziale' anche in chi non lo coltiva. Personalmente sono emerso dalla lettura talmente emozionato che sono dovuto uscire per fare una camminata di mezz'ora a passo svelto. Ed era l'una di notte.
3. Michele Mari - Verderame
Attraverso un'indagine in stile poliziesco condotta da un ragazzino, con un sessantenne smemorato ubriacone e malato come principale interlocutore (assenti le figure genitoriali per entrambi), Mari parte dal giardino di un paesino del varesotto negli anni cinquanta e arriva a romanzare mezzo secolo di storia d'Italia, del costume, dei rapporti di censo, persino delle relazioni internazionali. Immaginazione al potere, saldamente.
4. Cees Nooteboom - Rituali
Romanzo del 1980, olandese e nippofilo, il cui tema fondamentale è l'atteggiamento dell'uomo nei confronti della morte, dello scorrere del tempo e del caos che regola l'umana esistenza (treccani.it), che mi ha ricordato il miglior cinema coevo alla Wim Wenders.
5. Amin Maalouf - I disorientati
Un'opera in constante ricerca dell'equilibrio tra intensità emozionale e profondità intellettuale, in un certo senso tra romanzo e saggio. Tre scene uber alles: il confronto con l'estremista islamico, vertiginosa riflessione autobiografica sull'identità dello stesso Maalouf, filtrata dal protagonista suo alter ego; le pagine dedicate alla signora irachena, emozionante immersione nel ricordo dell'infanzia e della preadolescienza come periodi di formazione culturale e di iniziazione alla sensualità; il finale, che fa virare quella che ormai sembrava una scampagnata tra amici verso la brutale realtà del contemporaneo, e della Storia tutta.
6. Alvaro Mutis - Abdul Bashur sognatore di navi
Un commosso r.i.p al suo grande autore.
7. Ismail Kadare - Chi ha riportato Doruntina?
8. Gesualdo Bufalino - Calende greche
9. Mo Yan - Cambiamenti
10. Romain Gary - La vita davanti a sé

Fuori top-10 a malincuore:

11. Irene Nemirovsky - Jezabel
12. Dacia Maraini - Bagheria

Impossibili da valutare nel bene e nel male:

1. David Foster Wallace - Infinite Jest
2. Aldo Busi - El especialista de Barcelona

Libri letti nel 2013: 31 (grazie Anobii)
  • 4

#16 verdoux

verdoux

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2788 Messaggi:

Inviato 18 dicembre 2013 - 10:44

1. Il giro d'Italia (Mimmo Franzinelli)
Interessante la parte dedicata alla preistoria del ciclismo, al fiorire dell'industria meccanica ad inizio 900. Ho scoperto cose che mi sarei mai immaginato, al di là del fatto che il ciclismo mi affascina.
2. L'eredità (Lilli Gruber)
Qui il coinvolgimento è stato molto personale, io e l'autrice siamo pressoché compaesani e coetanei, ho imparato cose di me e della mia zona di origine che non sapevo, per esempio che sono un “welschen”
3. Fisica e Filosofia (Werner Heisenberg)
4. Il dottor Faust (Christopher Marlowe)
5. Fedra (Jean Racine)
6. Io sono Spartaco (Kirk Douglas)
7. L'ultima tentazione di Cristo (Nikos Kazantzakis)
8. Il bosone di Higgs (Corrrado Lamberti)
9. Il matematico impenitente (Piergiorgio Odifreddi)
10. Storia del primo maggio (Francesco Renda)
  • 1

#17 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20085 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 18 dicembre 2013 - 17:16

(ho spostato un po' di commenti nell'apposito 3d).

La mia classifica:

1. Storia universale dell'infamia (JLBorges, Adelphi)
2. Critica della ragion pratica (Immanuel Kant, BUR)
3. Le due zittelle (Tommaso Landolfi, Adelphi)
4. Un uomo che dorme (Georges Perec, Quodlibet)
5. Lettera di una sconosciuta (Stefan Zweig, Adelphi)
6. Dialogo dei massimi sistemi (Tommaso Landolfi, Adelphi)
7. Cretinismo scientifico (Maurizio Blondet, FdF edizioni)
8. Patologia della vita sociale (Honorè de Balzac, Bollati Boringhieri)
9. Revolver (Andrea Malabaila, Book Salad)
10. Caro scrittore in erba... (Gianluca Mercadante, Las Vegas)

Quella di Borges è una mirabolante raccolta di racconti che ruotano intorno a personaggi spacciati come realmente esistiti ma borgesiani fin nel midollo, in quella centrifuga di ineluttabilità, naturale magia del quotidiano, liste debaseriane e improbabili ellissi che vanno a chiudere cerchi narrativi a distanza di decenni in cui nulla è dato sapere di questi strambi "eroi del nostro tempo".
Composizione giovanile del Nostro, su cui ritorna a varie riprese tra il 1935 e il 1955 potrebbe essere considerato l'esordio di un genere letterario che ebbe numerosi emuli (compreso quel Perec che trovate al IV posto) ma nessuno alla sua altezza.
  • 3

#18 Paz

Paz

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 869 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 19 dicembre 2013 - 15:19

Mi piace questo thread, è importante e utile rendere conto agli altri e a se stessi di ciò che si è letto. Aiuta a fare il punto sul proprio percorso di lettore e a condividere esperienze e giudizi. Quest'anno ho letto molti libri e tutti molto belli, avrò difficoltà a scegliere i migliori.

1. G.W.F. Hegel, Scienza della logica (1830). Si tratta in realtà della cosiddetta "piccola Logica", che sarebbe la prima parte dell'Enciclopedia (non avevo tempo di leggere la "grande Logica"). Hegel è uno degli autori più criticati e meno letti. Io stesso ho fatto fatica ad avvicinarmi ai suoi scritti fino a quando un mio caro amico non mi ha spiegato come vanno letti. Ebbene, per me è stata una sorpresa incredibile: la Scienza della logica è un'opera meravigliosa, anche più bella della Fenomenologia. Lo stile assomiglia a quello dell'Etica spinoziana (tuttavia senza mos geometricus), con brevi paragrafi molto densi, caratterizzati da un'espressività propriamente concettuale, seguiti da scoli esplicativi dal tono più colloquiale, a volte lirico. Si tratta di un libro imprescindibile per chiunque ami la filosofia, una lettura che cambierà inevitabilmente il vostro modo di pensare e, per coloro che vivono appieno la passione del pensiero, persino il vostro modo di essere.
2. R.W. Emerson, The Transcendentalist (1842). Questo brevissimo testo semi-sconosciuto è un vero gioiellino nascosto del trascendentalismo americano. Melville ne trasse l'ispirazione per il suo Bartleby. Si tratta di un discorso in cui il tono edificante si mescola a quello filosofico per sfociare infine in un vero e proprio ritratto letterario della figura del "trascendentalista". Se vi è piaciuto il racconto di Melville questo scritto di Emerson vi commuoverà.
3. H.D. Thoreau, Walden ovvero Vita nei boschi (1854). Questo libro è unico, indimenticabile. Thoreau alterna capitoli di grande forza intellettuale, come il primo, a momenti descrittivi in cui la raffinatezza della prosa naturalistica si mescola superbamente con l'analisi spirituale. Il suo stile fermo ma al tempo stesso dolce rende giustizia alla sottigliezza del suo pensiero. Si consideri ad esempio con quale amore Thoreau descrive le infinite sfumature di colore delle acque del suo lago. Quello incarnato da Thoreau è lo spirito americano che amo di più. Consiglio anche altri scritti meno noti come Camminare, Life Without Principles e Letters to a Spiritual Seeker.

4. G.W.F. Hegel, Fenomenologia dello spirito (1807). Lo stile è oscuro e brachilogico, ma il contenuto non può essere ignorato. Ignorare questo libro sarebbe quasi un delitto.
5. H. Melville, Billy Budd (1891) e Benito Cereno (1855). Melville era un grande. Non ho altro da dire.
6. F. Dostoevskij, Umiliati e offesi (1861), Il sosia (1846) e Il giocatore (1866). Dostoevskij è il mio scrittore preferito. Anche qui non ho molto da dire, perché i suoi romanzi dicono così tanto da soli.
7. S. Kierkegaard, Enten-Eller (1843). L'insostituibile affresco della soggettività contemporanea.
8. M. Heidegger, Essere e tempo (1927). La parte migliore secondo me è quella sulla storicità dell'esserci, senza la quale tutta l'analitica esistenziale risulterebbe un po' formale e, quindi, ambigua.
9. H. Marcuse, L'uomo a una dimensione (1964). Un libro che oggi risulta un po' scontato, per il semplice motivo che il suo contenuto è troppo attuale: le contraddizioni che vi sono mirabilmente descritte sono sotto gli occhi di tutti. Un motivo in più per fare tesoro di questo saggio.
10. P. Sorrentino, Tony Pagoda e i suoi amici (2012). A proposito di Sorrentino, figura molto interessante nell'attuale panorama italiano, posso dire che preferisco lo scrittore al regista. Hanno tutti ragione era un libro discreto, questo è forse un po' meno valido ma vale comunque la pena di leggerlo. Divertente, lirico, intelligente.
  • 0
« Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum » (F. Nietzsche, Götzen-Dämmerung, 1888, cap. I, af. 33).

#19 vandiemen

vandiemen

    L'ultima spiaggia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 590 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2013 - 13:50

1. Jonathan Franzen - Libertà (Einaudi, 2010)
Non avevo mai letto nulla di Franzen prima, ma sono rimasto colpito dalla capacità chirurgica con cui è riuscito ad individuare e descrivere tutte le sfumature di un rapporto tra i due protagonisti maschili. Naturalmente il resto non è solo contorno: è tutto quello che è rimasto del sogno americano nel nuovo millennio, cioè poco, molto poco.

2. John Williams - Stoner (Fazi Editore, 1963)
Una storia ordinaria scritta in maniera straordinaria, citando Peter Cameron.
Che fa generare rabbia per come descrive un uomo incastrato dentro la vita, completamente inerme.

3. Italo Calvino - Lezioni americane (Mondadori, 1988)
"La mia fiducia nel futuro della letteratura consiste nel sapere che ci sono cose che solo la letteratura può dare con i suoi mezzi specifici."

4. Ennio Flaiano - Diario notturno (Adelphi, 1956)
5. Pier Paolo Pasolini - Lettere luterane (Garzanti, 1976)
6. Junot Diaz - La breve favolosa vita di Oscar Wao (Mondadori, 2007)
7. Cormac Mc Carthy - Sunset Limited (Einaudi, 2006)
8. Paolo Nori - Si chiama Francesca, questo romanzo (Marcos Y Marcos, 2002)
9. Raymond Carver - Principianti (Einaudi, 2009)
10. Jennifer Egan - Il tempo è un bastardo (Minimum Fax, 2010)
  • 1

#20 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6768 Messaggi:

Inviato 24 dicembre 2013 - 19:11

1. William Golding - Il Signore delle Mosche
Un libro bellissimo e scorrevole, attuale come non mai, sulla crudeltà dei bambini e dell'essere umano tutto. Mi è venuto in mente Stephen King più volte, non fosse che questo romanzo fa più male e paura di quelli di Stephen King. Un must-read per tutti, in particolare per i misantropi di qualunque epoca.
2. Italo Svevo - La coscienza di Zeno
Sempre per la serie "i classici che non avevo mai letto", un romanzone che appare un po' più datato del precedente, ma che mi è piaciuto moltissimo, sia per tematiche che per lo svolgimento originale e ironico. Non parliamo poi del finale apocalittico e visionario.
3. Samuel Beckett - In nessun modo ancora
Raccolta di scritti, "le due trilogie minori" o come diavolo si chiamano: Compagnia, Mal visto mal detto, Peggio tutta, Né l'uno né l'altro, Fremiti fermi, Qual è la parola. Splendidi il primo e l'ultimo di questi racconti (per quanto possano essere definiti racconti, come d'altronde fatico a definire romanzi i precedenti scritti di Beckett), ma tutti si leggono anche (se non soprattutto, a volte) per la bellezza della prosa.
4. T.S.Eliot - Four Quartets
5. J.L. Borges, Silvina Ocampo, Adolfo Bioy Casares - Antologia della letteratura fantastica
6. David Grossman - Vedi alla voce: amore
7. Imre Kertész - Essere senza destino
8. Lewis Carroll - Alice nel paese delle meraviglie
9. Kurt Vonnegut - Piano meccanico
10. Roberto Recchioni, Massimo Carnevale - Mater Morbi
Questo è un fumetto, per lo più seriale essendo un episodio di Dylan Dog, ma potrebbe essere letto benissimo come graphic novel a sé stante e nell'edizione deluxe della Bao i fantastici disegni di Carnevale vengono valorizzati al massimo, compresa l'introduzione aggiunta e dipinta. In realtà però questo fumetto mi colpisce per i temi trattati, a me molto cari, quindi giudizio più fazioso che mai.
  • 2




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq