Vai al contenuto


* * - - - 16 Voti

Queen


  • Please log in to reply
2061 replies to this topic

#61 Guest_Stipe_*

Guest_Stipe_*
  • Guests

Inviato 06 agosto 2006 - 22:42

Il riscatto cominciò ad avvenire da THE MIRACLE in poi, ma era troppo tardi.


A me sto disco non è mai piaciuto, gli preferisco i precedenti The works e A kind of magic, senza ovviamente contare Innuendo che rispetto ai 3 citati è decisamente superiore.

#62 R.R.R

R.R.R

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 31 Messaggi:

Inviato 06 agosto 2006 - 23:05

macchè ......gli unici veri queen sono stati quelli dei primi 3 o 4 albums...dove sopravviveva quello spirito barocco/classico,con quel tocco di glam,poi in seguito hanno continuato a seguire una traiettoria quasi tutta discendente basta pensare all'album venuto prima di hot space ovvero flash....anch esso lascia molto a desiderare!!!!!!!!!!!! :(
  • 0

#63 Francis

Francis

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3017 Messaggi:

Inviato 06 agosto 2006 - 23:49

I Queen negli anni '80 erano diventati una potenza mondiale, era ovvio che il dovere accontentare un pubblico sempre più vasto e la necessità di restare sulla scia in un decennio che aveva visto la maggior parte dei gruppi storici dei 70's spazzati via, aveva portato a qualche disco in cui si cercasse il colpaccio da classifica che attirasse le giovani generazioni....ciò non significa che brani come Under Pressure, Radio Ga Ga o A Kind Of Magic non fossero impeccabili canzoni pop, e comunque è proprio in quegli anni in cui la dimensione live della band toccò vertici davvero epici (basti pensare al Live Aid dove i Queen fecero una prestazione straordinaria, oscurando tutti gli altri artisti che si esibirono).
Nel giro di neanche 20 anni, i Queen hanno realizzato una marea di hit entrate nell'immaginario collettivo che li rende paragonabili in questo senso soltanto ai Beatles, e hanno in ogni caso prodotto 4-5 dischi che vanno considerati come apici stilistici di un'intera epoca del rock.
Buon ultimo il sottovalutato Innuendo, che oltre ad essere un drammatico e toccante epitaffio di Freddie Mercury è anche un album di altissimo livello.
  • 0

#64 Trespassive-aggressive

Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16994 Messaggi:

Inviato 07 agosto 2006 - 00:04

ehm momento...scusa se may è un guitar hero... allora scusa fripp e keith richards e proprio x sparartene un altro van halen cosa sono ?! dei in terra ..poi anche sulla bravura di taylors e sull ispirazione che ha potuto dare anche qui m oppongo...xchè lui piu che un 4/4 a mo di  :"tun cia tun tun cia" non lo sa tenere! non so se ho reso l'idea...e poi è assurdo mettere come icone un gruppo che pur di fare soldi ha messo su un cd come hot space...


1)Sono un ex batterista..e sul discorso TAYLOR..ti capisco..ma ovviamente non concordo..!
Ti capisco..in quanto TAYLOR non ha mai preteso spazio negli album..e si limitava a fare il suo "compitino"..!
Al contrario..se ascolti un qualsiasi LIVE dei Queen negli anni '70..ti accorgi che TAYLOR e' un grandissimo batterista..magari non tecnicamente il massimo..ma sicuramente uno stile molto molto raffinato..!
Purtroppo negli album..si limitava a fare il compitino semplice....ma quando gli veniva dato piu' spazio (dal vivo..) era tutta un'altra cosa..!

2)sull'ultima frase..be'..direi che e' molto campata per aria..!
Per farti qualche esempio: "The Invisible Touch" dei GENESIS..ti pare un lavoro all'altezza della loro fama e caratura? E' un lavoro vomitevole..fa cagare..ma non per questo i GENESIS non devono essere considerati delle icone..!
Stesso discorso per i Pink Floyd: non mi direte che "THE FINAL CUT" e' un album degno di mostri sacri come loro..vero?
E' normale ogni tanto "sbagliare" disco..! Soprattutto se hai una carriera lunga e senza pause..!
In piu' per HOT SPACE (che ribadisco..NON MI PIACE..) bisogna dire (come e' gia' stato detto..) che e' stato comunque un disco coraggioso..perche' hanno provato sonorita' nuove..diverse dai loro canoni..! Sono stati molto coraggiosi..! Ma a questo non pensa mai nessuno..vero? :D
Poi va be'..che come disco non mi piaccia..ok..l'ho detto..ma e' un altro discorso! ;)
  • 0

#65 Angelus Novus

Angelus Novus

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 31 Messaggi:

Inviato 07 agosto 2006 - 08:14

Non va di moda parlare da fan dei Queen, ma arrivo innanzitutto per quotare ogni singola parola di Francis in questo topic, in più per dire
Hot Space ha qualche calo netto nei pezzi di Taylor, ma come album non è assolutamente il peggiore dei Queen (JAZZ). Cool cat, Dancer, Life is Real, Las Palabras De Amor a me paiono belle canzoni pop. C'è poco da fare

Sul discorso importanza dei Queen, a parte le referenze e le attestazioni di grande stima di Frank Zappa, Elton John, Robert Plant, Axl Rose, Trent Reznor, Billy Corgan, David Bowie, Robbie Williams, George Micheal, Metallica (mi sa che l'unico a cui ho sentito parlare male dei Queen è stato Thom Yorke), e di fatto tutti quelli che erano al Freddie Mercury Tribute quel giorno del 92 (che personalmente ricordo con nostalgia, trasmesso in diretta sull'allora videomusic, qualcuno di voi magari era sintonizzato quel giorno?)... a parte tutto questo non si può negare che i Queen abbiano lasciato nell'immaginario collettivo tante, ma dico tante canzoni che hanno fatto la storia del rock. Da Bohemian Rhapsody a Innuendo, passando per canzoni inizialmente minori che col tempo sono state rivalutate (ad esempio Stone Cold Crazy).

Queen II, A Night At The Opera, Innuendo: questi tre album meritano ben più che il rispetto.
The Game negli USA prende 5 stelle ovunque credo.

Poi ci terrei a sottolineare che le tante schifezze (raccolte varie poi, mica tanto altro) della loro discografia sono uscite TUTTE dopo la morte di Mercury. Prima cosa era uscito? Un solo Greatest Hits (uno dei più famosi della storia del rock, se non IL). Il secondo Greatest Hits, comunque in programma, uscì che Mercury era sul letto di morte mi pare. Quindi fecero operazioni commerciali quanto vi pare, ma per quasi vent'anni di attività molto meno di altri gruppi loro contemporanei e non. E' che è cambiato il mercato discografico negli anni 90, forse sarebbe successo lo stesso con Mercury vivo, ma sicuramente i Queen sono stati meno spudorati dei Black Sabbath, Led Zeppelin (quante raccolte sono uscite dei Led Zeppelin e dei Black Sabbath, le avete mai contate?), o negli ultimi anni Nirvana e Jeff Buckley.


Ma in fondo non mi preme parlare di questo.
Penso piuttosto che se i Queen hanno sbagliato qualcosa, oltre a come hanno curato la loro immagine nel periodo post-mortem, lo hanno fatto quando hanno perpetrato quest'ironia amara (la vera chiave di lettura della loro musica) in modo ostentato, facendosi beffe della critica che inizialmente li aveva etichettati per cloni dei Led Zeppelin, fino a quando non sono venute fuori canzoni come Bohemian Rhapsody, Somebody To Love, Love Of My Life.
Ironia che solo una parte della critica ha ben interpretato, e che è stata presente lì fino all'ultimo, anche su Innuendo (penso ai video di I'm Going Slightly Mad o These Are The Days Of Our Lives), con un Mercury pelle e ossa che non ha rinunciato a farsi vedere al suo pubblico per dire "I still love you" (circolavano delle voci, ma non si sapeva che fosse malato veramente, e Mercury praticamente dall'86 al '91 dicono sia uscito di casa una manciata di volte, solo 2 giorni prima di morire fece un annuncio radiofonico dicendo la verità... qualcun altro magari ci avrebbe speculato sopra per anni ad una simile malattia, invece lui che secondo qualcuno era un venduto, no).

Questione tecnica: Mercury come voce direi che non si discute. Idem come pianista.
Ho letto in questo topic che May non sarebbe un gran chitarrista. May è un mostro con la sei corde, sia perchè si è spesso rifatto alla musica classica, sia perchè avendo una chitarra che possiede solo lui a questo mondo, ha avuto modo di crearsi un suono (pomposo, solenne, stridulo quanto vi pare) unico. Non è un caso che ci sono pochi gruppi che provano a fare - con successo - cover dei Queen. E dove lo trovi uno che somigli a Mercury e un chitarrista che replichi May senza copiare ogni singola nota sulla tastiera della chitarra?
Deacon proprio su Hot Space ha dato una grande performance al basso. Forse è stato l'elemento meno in luce del gruppo, ma le sue canzoni pop semplici semplici mi piacciono più di quelle di Taylor, che in ogni caso alla batteria non è un batterista prog, ma sa il fatto suo eccome.

Sono d'accordo anche con Francis quando dice che i Queen hanno suonato di tutto nella loro carriera, dall'hard rock, al prog (The Prophets Song, The March Of The Black Queen, Liar, Innuendo), al pop, alla dance (Hot Space appunto), al punk (Sheer Heart Attack - 77), addirittura industrial (Machines - 84 , Don't Lose Your Head - 86), blues (Dreamer's Ball, My Melancholy Blues), eccetera eccetera eccetera.
Forse avrebbero fatto più felice la critica se avessero fatto sempre lo stesso album, di modo che essa potesse classificarli.

(sono un buon avvocato)
  • 0

#66 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7508 Messaggi:

Inviato 07 agosto 2006 - 08:16

I Queen negli anni '80 erano diventati una potenza mondiale,


Io in realtà sapevo che negli anni '80 i Queen avevano avuto un calo molto pesante di vendite tanto che nel 1983 (appunto dopo l'orribile Hot Space) sembrava si dovessero sciogliere. Solo dopo l'album The Works (in parte) e A Kind of magic, anche grazie al successo del film Highlander, tornarono sulla breccia.
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#67 Guest_Julian_*

Guest_Julian_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 08:42


Secondo me i Queen dal punto di vista tecnico erano tutti preparati. Al di là di Mercury che possedeva indubbiamente una delle voci più belle della storia del rock e da solo rappresentava un valore aggiunto anche per tanti pezzi che di per sè sono abbastanza mediocri (penso a "We're the champions", "We will rock you"), c'era un chitarrista come May che si rifaceva anche a compositori classici e che dava quel tocco glam che caratterizza tutti i loro dischi.
Anche gli altri componenti, come dice Francis, si difendevano bene.
E lo dice uno che non li ha mai schifati ma nemmeno amati, e che concorda quando si parla di una certa commercialità della loro proposta, almeno nella seconda parte della carriera. Il fatto che anche Pink Floyd e Led Zeppelin abbiano venduto quanto e più di loro non significa nulla...secondo me alcuni dischi dei Queen, al di là del fatto che li trovo quasi sempre apprezzabili, erano proprio concepiti allo scopo esclusivo di vendere il maggior numero di copie possibile. e quindi non per comunicare qualcosa ma per piacere ad un pubblico più ampio possibile.
Ma, ripeto, ciò non significa che non siano dischi di buona ed a volte ottima qualità, i due discorsi sono fra loro indipendenti.

Quello che dici tu è posssibilmente vero , anzi forse potrebbe arrivare a spiegarmi il motivo di tanta ostilità da parte degli ascoltatori di rock nei loro confronti. Però nonstante l' indubbbia "anima" commerciale che la loro musica trasuda( probabilmente anche nei primi, e qui anche da me giusatmente, apprezzati album) ciò non toglie che alcuni lavori sono molto riusciti.
Quello che è mancato ai loro album che mi piacciono ( tra quelli che ho ascoltato che sono cmq pochi) per assurgere alla categoria del capolavoro è forse quello che dici tu: cioè il loro essere ruffiani toccando tanti generi diversi ( cabaret, glam, hard rock, teatralità e prodezze canore) nel tentativo di strizzare l' occhio a una fetta di pubblico il più vasta possibile. E' come se mancasse quella dimensione comunicativa di voler dir qualcosa  al prorpio pubblico che non vada al di là ( soprattutto nela seconda fase di carriera) dell' energia dei cori da stadio di cui loro stessi sono stati artefici ( vedi le strasopravvalutatissime We Are The Champion o We Will Rock You).
Ad ogni modo proprio in questi giorni sto ascoltando Il secondo album, datato 1974, che a dispetto di tutte queste cose dette da me or ora, mi sembra esseRe una sorta di eccezione. Tuttavia ancora il mio ascolto non si è fatto approfondito tanto da eventualmente ritrattatre cio dche ho detto almeno per quanto riguarda  questo secondo album.
A dopo allora, quando magari sarò in grado di parlare più diffusamnete e più consapevolemnete di II.


Sono d'accordo. Anche sul fatto che II è un album notevolissimo, il primo album dove emerge l'originalità della band e dove emerge la capacità di rifarsi a generi e sonorità diverse con classe e perizia.
Secondo me però "A night at the opera" rimane il loro disco più bello e riuscito, fosse anche solo per "Bohemian Rapsody", che si rifa tanto a certe intuizioni di Zappa quanto al glam ed all'hard-rock, oltre che all'operetta, al musical.
Insomma, in quel pezzo ed in tanti altri i Queen hanno dimostrato di essere musicisti preparati ed originali.
Io non sono mai riuscito ad amarli fino in fondo, probabilmente per i motivi cui tu stesso alludi, ma ciò non significa che non siano stati un gruppo significativo con meriti notevoli.

#68 Guest_Stipe_*

Guest_Stipe_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 09:26

The Game negli USA prende 5 stelle ovunque credo.


Infatti qui è stato l'album di maggior successo e soprattutto con il singolo di maggior successo (Another one bites the dust) ma ciò non toglie che sia un album appena sufficiente, non certo un capolavoro.

#69 Guest_Eugenetic Axe_*

Guest_Eugenetic Axe_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 09:32


The Game negli USA prende 5 stelle ovunque credo.


Infatti qui è stato l'album di maggior successo e soprattutto con il singolo di maggior successo (Another one bites the dust) ma ciò non toglie che sia un album appena sufficiente, non certo un capolavoro.


Il migliore del periodo '78/'82, indubbiamente, si merita un bel 6,5.

#70 Guest_Stipe_*

Guest_Stipe_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 09:36

Il migliore del periodo '78/'82, indubbiamente, si merita un bel 6,5.


Questo non lo metto in dubbio, anche sul voto son d'accordo  :)

#71 Guest_JackNapier_*

Guest_JackNapier_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 09:52


I Queen negli anni '80 erano diventati una potenza mondiale,


Io in realtà sapevo che negli anni '80 i Queen avevano avuto un calo molto pesante di vendite tanto che nel 1983 (appunto dopo l'orribile Hot Space) sembrava si dovessero sciogliere. Solo dopo l'album The Works (in parte) e A Kind of magic, anche grazie al successo del film Highlander, tornarono sulla breccia.

è vero. So però che la decisione di restare uniti fu presa dopo il Live Aid (non ricordo l'anno, sorry) dove le regine rubarono la scena a tutti gli altri artisti. Io ho visto il filmato dove loro si esibiscono e devo dire che effettivamente erano dei fenomeni sul palco (Freddy soprattutto)

macchè ......gli unici veri queen sono stati quelli dei primi 3 o 4 albums...dove sopravviveva quello spirito barocco/classico,con quel tocco di glam,poi in seguito hanno continuato a seguire una traiettoria quasi tutta discendente basta pensare all'album venuto prima di hot space ovvero flash....anch esso lascia molto a desiderare!!!!!!!!!!!! :(

ma abbiamo gia detto migliaia e migliaia di volte che flash è una colonna sonora. E poi non mi pare poi tanto una ciofeca

#72 Guest_Eugenetic Axe_*

Guest_Eugenetic Axe_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 09:59

ma abbiamo gia detto migliaia e migliaia di volte che flash è una colonna sonora. E poi non mi pare poi tanto una ciofeca


Forse il R.R.Ragazzino non ha mai visto il film (lui sì, 'na ciofeca) e non lo sa.

#73 dvst8

dvst8

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 78 Messaggi:

Inviato 07 agosto 2006 - 10:57

[quote author=Angelus Novus link=topic=720.msg23791#msg23791 date=1154936965]
(mi sa che l'unico a cui ho sentito parlare male dei Queen è stato Thom Yorke)[/quote]

a quanto ne so Yorke in gioventù ascoltava parecchio i Queen, tuttavia avava il terrore, suonando la chitarra, di assomigliare troppo a May, da cui era di fatto influenzato.


[/quote]
è vero. So però che la decisione di restare uniti fu presa dopo il Live Aid (non ricordo l'anno, sorry) dove le regine rubarono la scena a tutti gli altri artisti. Io ho visto il filmato dove loro si esibiscono e devo dire che effettivamente erano dei fenomeni sul palco (Freddy soprattutto)


[/quote]

mi sembra fosse il 1985. è unanime il riconoscimento che i Queen abbiano reso meglio di chiunque altro all'evento.
appena usciti dallo stage, Freddie fu "assalito" verbalmente da Elton John, il quale gli disse, consapevole della grandezza della loro esibizione: "Bastardi! Bastardi! Ci avete rubato la scena!"[quote author=Eugenetic Axe link=topic=720.msg23822#msg23822 date=1154943246]


[quote]ma abbiamo gia detto migliaia e migliaia di volte che flash è una colonna sonora. E poi non mi pare poi tanto una ciofeca[/quote]

infatti mi risulta sia molto apprezzata dalla critica
  • 0

#74 Guest_Pablito_*

Guest_Pablito_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 11:11

Allora, facciamo il punto:
- IMPARATE A QUOTARE GRAZIE

- io non riesco a crederci che in una discussione si arrivi a disquisire su cosa ascoltava Thom Yorke da piccolo nei momenti in cui non si sparava le seghe sulla terza pagina del Sun. Parlate di cosa ne pensate voi, cristo.

- ad ogni discussione sui Queen aperta su questo forum intervenivano utenti iscritti all'uopo, sempre fan del gruppo, magari provenienti da qualche altro forum. Tutti benvenuti per carità, ma ricordiamoci sempre che ondarock non è un fan-club di nessuno.

Buon pranzo.

EDIT : per R.R.R. e tutti gli altri: moderiamo i toni e non facciamo i fan/ultras. Chi vuol capire capisca...

#75 alcatr4z

alcatr4z

    utente provinciale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2142 Messaggi:
  • LocationMatera

Inviato 07 agosto 2006 - 11:43


Il riscatto cominciò ad avvenire da THE MIRACLE in poi, ma era troppo tardi.


A me sto disco non è mai piaciuto, gli preferisco i precedenti The works e A kind of magic, senza ovviamente contare Innuendo che rispetto ai 3 citati è decisamente superiore.


Io sinceramente preferisco The Miracle che secondo me offre pop di più alta fattura rispetto a the works e a kind of magic. Singoli come "the miracle" o "scandal" sono troppo sottovalutati anche dai fans più accaniti, forsa pagano il fatto che non esistano versioni live in quanto il gruppo non fece il consetuo tour dopo l'uscita dell'album.

Non penso affatto che i Queen abbiano mai pensato minimamente di fare prog, l'unica canzone che forse richiama questo genere è il gioiellino "The Fairy Feller's Master-Stroke" contenuta in Queen II.

Capitolo Taylor, era un ottimo battirista, forse lo è ancora, ma cristo aveva una vociazza, Tenement Funster è il suo capolavoro seguita degnanemente da I'm In Love With My Car! poi si è perso totalmente fino a scrivere due hits di grande sucesso, ma di scarso valore artistico come "radio gaga" e "a kind of magic".
  • 0

#76 Trespassive-aggressive

Trespassive-aggressive

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16994 Messaggi:

Inviato 07 agosto 2006 - 12:01

Be' Alcatraz..se vogliamo..anche "March Of The Black Queen", "Prophet's Song" e "Liar" sono pezzi simil-Prog..o no?

Volendo anche Bohemian Rhapsody..
  • 0

#77 alcatr4z

alcatr4z

    utente provinciale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2142 Messaggi:
  • LocationMatera

Inviato 07 agosto 2006 - 12:13

Be' Alcatraz..se vogliamo..anche "March Of The Black Queen", "Prophet's Song" e "Liar" sono pezzi simil-Prog..o no?

Volendo anche Bohemian Rhapsody..


No, art rock le prime due più Bohemian e rock  pomposo e regale "Liar" che impreziosisce Queen, il bell'esordio della band, ma tanto, tanto sottovalutato dai più!
  • 0

#78 Guest_Julian_*

Guest_Julian_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 12:16

Secondo me una minima influenza del progressive nella stutturazione dei brani si sente eccome. Certo, siamo lontani dal sinfonismo degli Yes o dai King Crimson però brani lunghi, complessi, articolati in più sezioni come alcuni fra quelli citati non possono non ricordare il progressive.
Del resto ad inizio anni 70' hard-rock e prog viaggiavano spesso a braccetto, in primis in una delle band fondatrici della musica hard come i Deep Purple.

#79 Guest_JackNapier_*

Guest_JackNapier_*
  • Guests

Inviato 07 agosto 2006 - 13:53

ma abbiamo gia detto migliaia e migliaia di volte che flash è una colonna sonora. E poi non mi pare poi tanto una ciofeca


Forse il R.R.Ragazzino non ha mai visto il film (lui sì, 'na ciofeca) e non lo sa.

allora, che il film sia nà ciofeca mi pare fuori da ogni dubbio. Io parlavo dell'album/colonna sonora. Non mi pare da tre, ecco tutto. Almeno un cinque se lo merita, imho.

PS: Mamma mia, ma come fate a catalogare in maniera così scientifica i generi delle canzoni  :o... sono stupito... comunque un retrogusto di prog in qualche brano lo avverto anch' io... che ci sia davvero? :)

#80 Gong

Gong

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 218 Messaggi:

Inviato 07 agosto 2006 - 14:02

Be' Alcatraz..se vogliamo..anche "March Of The Black Queen", "Prophet's Song" e "Liar" sono pezzi simil-Prog..o no?

Volendo anche Bohemian Rhapsody..

Allora se proprio dobbiamo dirla tutta, io credo che i Queen del primo periodo sicuramente furono in fluenzati dal prog rock. Ad ogni modo credo anche che quell' influenza nella loro musica no è poi così importante. Nel senso che da parte loro c'era la volontà di voler dimostrare qualcosa in più rispett oalla loro tecnica compositiva e strumentale. Inevitabilmente sotto questo profilo il loro tentativo di fare del prog appare piuttosto pretenzioso. Questo però non toglie il fatto che alcuni pezzi del II, la struttura data a quest' album( il fatto che i brani si susseguono senza soluzione di continuità, il fatto che inizia con una sorta di preludio strumentale che poi sfocia nela potente ma melodica Father to son), la presunta tematica concettuale che sottende al disco ( lotta tra bene e male, tra bianco e nero) e alcune perle dell' album A Night T The Opera, sono ottimi esempi seocondo me di come si possa fare musica complessa , rock artistico, musica per cui bisogava esssere preparati tecnicamente senza la necessità di diventare prog. Cioè prendere  aprestito magari solo alcuni elementi o ispirarsi ai dettami del rock progressivo per dimostrare di essere capaci di fare bella musica, anche se lo stile è hard. Leggevo che la maggiore preoccupazione del gruppo all' alba del loro esordio era di non riuscire a essere nuovi: infatti tutte le anime musicali contenute nel loro album erano in effeti tutte già esplose, dall' hrad al glam ecc., da qui quell' ansia di esere etichettati ( come poi ho scoperto) come degli epigoni. La loro ispirazione in brani come quelli che avete citato è sicuramente prog, ma loro cmq non fecero mai rock progressivo.

Furono invec abbastanza capaci nel formulare particolarissime composizioni in cui infilavano tutto ,dal cabaret a un certo spirito glam, all' hard a un canto a tratti efficace a tratti paradisiaco, spesso con piano classico, che io farei entrare piuttosto nel genere del cosidetto art rock. I pezzi più significativi in questo senso sono senza dubbio il loro brano più famoso, Bohemian Rapsody, ma anche il pezzo d' apertura dell' album cioè Death on two Legs ( da me considerato uno dei loro più riusciti esmpi in quel genere sotto forma di canzone, in cui la maestosità del loro sound è sorretta da una performance vocale e di Mercury e degli altri col leader che fa venire i brividi), Killer Queen, Innuendo ecc.

Un brano come Prophet's Song invece lo inserirei più in un tentativo di sperimentazione vocale e produttiva davvero notevole, ma non certo prog.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq