Vai al contenuto


- - - - -

[Monografia] Stanley Kubrick


  • Please log in to reply
324 replies to this topic

Sondaggio: Scegliete il film preferito (229 utente(i) votanti)

Scegliete il film preferito

  1. Orizzonti di Gloria (6 voti [2.33%])

    Percentuale di voti: 2.33%

  2. Spartacus (1 voti [0.39%])

    Percentuale di voti: 0.39%

  3. Votato Lolita (8 voti [3.10%])

    Percentuale di voti: 3.10%

  4. Votato Il Dottor Stranamore (33 voti [12.79%])

    Percentuale di voti: 12.79%

  5. 2001: Odissea nello spazio (65 voti [25.19%])

    Percentuale di voti: 25.19%

  6. Votato Arancia Meccanica (61 voti [23.64%])

    Percentuale di voti: 23.64%

  7. Votato Shining (27 voti [10.47%])

    Percentuale di voti: 10.47%

  8. Full Metal Jacket (25 voti [9.69%])

    Percentuale di voti: 9.69%

  9. Barry Lyndon (25 voti [9.69%])

    Percentuale di voti: 9.69%

  10. Eyes wide shut (7 voti [2.71%])

    Percentuale di voti: 2.71%

  11. Rapina a mano armata (0 voti [0.00%])

    Percentuale di voti: 0.00%

  12. Il bacio dell'assassino (0 voti [0.00%])

    Percentuale di voti: 0.00%

Voto I visitatori non possono votare

#41 duff

duff

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 4 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 15:19

secondo me "eyes wide shut" è, a suo modo, un film di denuncia: le perversioni e i curiosi passatempi notturni dell'altissima società newyorkegna (e non solo).

il tutto abilmente mascherato da elucubrazione intellettual-filosofica.

p.s. di recente ho notato l'occhio-nel-triangolo della locandina di arancia meccanica:

Immagine inserita

(per chi non lo sapesse, è un simbolo massonico-esoterico che alcuni chiamano "occhio di lucifero", e dal 1935 appare anche su tutte le banconote da un dollaro)

a me "eyes wide shut" è piaciuto davvero poco,solo la colonna sonora non è male,mi piace molto...e poi Kubrick si è ispirato al libro "doppio sogno" di Schnitzler e lo ha solo contestualizzato...e,a mio modesto parere è molto più bello il libro,se si pensa che è stato scritto tra il 1921 e il 1925! :P
  • 0

#42 Pierrot le fou

Pierrot le fou

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 645 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 15:43

Icra, se il film non ti è piaciuto perchè non ti ha lasciato nulla dentro non vuol dire che  sia una "schifezzuola". Perchè alla fine, dal tuo saggio, è questa l'unica cosa che viene fuori.
Ogni disanima alla forma di un film di Kubrick offende la sua magnifica ossessione.
Probabilmente il margine di rapporto forma/sostanza (per quello che intendi tu con "forma") è più evidente in Barry Lyndon.
Scusa ma le teorie di Bresson c'entrano come i cavoli a merenda, anzi, probabilmente avvalorerebbero EWS e risolverebbero alla grande le critiche avanzate da molti sull'inespressività di Cruise. Non è una regola che la sottrazione determini "calore" e "vicinanza", anzi, forse è proprio l'illusione della sottrazione a sostenere ingenuità.
Mi piacerebbe sapere da te dove si evincerebbe che Eyes wide shut non sia un film tutto di Kubrick.
  • 0

#43 Icra

Icra

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 371 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 16:07

icra, ma sai che non ho capito molto il tuo discorso sulla forma del cinema? secondo me hai ragione quando dici che shining è basato sulla forma, anzi è "formalmente perfetto". e credo che la sua grandazza, la sua atmosfera unica non può prescindere da ciò, non è la ciliegina sulla torta, è la torta stessa. le inquadrature geometriche, simmetriche, matematiche, sono quelle che, contrastando con il senso di irraziolismo che pervade il film, creano tensione, ansia, paura. non è pensabile secondo me un film senza forma. al massimo è pensabile un film che la rinneghi, ma di fatto anche quello è un modo di abbracciarla, anche se da un altro punto di vista (penso al cinema di vontrier). il cinema, come lo conosciamo noi è di per se forma: il montaggio è l'atto formale per eccellenza.


Quello che dici è vero. Ogni film ha la sua forma, questo è certo. E'  opera di un regista che vi ha proiettato il suo essere. Le sue scelte, quelle degli attori , del montatore... danno una certa forma al film. Tutto ciò è innegabile e proprio qui risiede la magia del cinema: entrare nel "sentire " di qualcun'altro. Con il termine "sostanza" intendo proprio questo "sentire". E' chiaro poi che il cinema è un'arte figurativa e pertanto ha come caratteristica intrinseca quella di essere "forma". Quindi il sentire si traduce in forma e pertanto forma e sostanza debbono essere inscindibili, un tutt'uno. Devono andare a braccetto e allora avremo un'opera sincera genuina. Altre volte la forma entra nel campo della sostanza, la precede in una ipotetica scala id importanza. Ciò accade, a mio avviso, quando l'opera manca di un contenuto che il regista DEVE esprimere.Elephant ad esempio manca totalmente di un contenuto e il regista per riempire la pellicola è stato costretto ad eleggere la forma contenuto. A me come spettatore non interessa un esercizio stilistico,  bensì entrare in comunicazione con il regista, con un'idea, con un sentimento, ricevere qualcosa.
In sostanza dico che non si deve ingannare lo spettatore vendendo fumo per arrosto
Non so se mi sono spiegato: la forma per me deve esistere ma in modo INTRINSECO nell'opera e non deve essere un insieme di accrocchi appiccicati dopo.
Il cinema è prima id tutto immagini.
Quanto dici a riguardo di  vontrier e al dogma 95 è vero: il rinnegare la forma tradizonale del cinema si traduce nell'aquisizione di una nuova forma. Ciò non toglie che " Le onde del destino" e soprattutto "Dancer in the Dark" siano autentici pugni nello stomaco e "Festen" di Vintenberg  sia un gran film.
  • 0

#44 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 06 luglio 2006 - 16:07

-Eyes wide shut: schifezzuola. Si vede che non è tutto suo; non regge minimamente il confronto con gli altri suoi lavori.


ma che stai dicendo?

#45 Icra

Icra

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 371 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 16:27

Icra, se il film non ti è piaciuto perchè non ti ha lasciato nulla dentro non vuol dire che  sia una "schifezzuola". Perchè alla fine, dal tuo saggio, è questa l'unica cosa che viene fuori.
Ogni disanima alla forma di un film di Kubrick offende la sua magnifica ossessione.
Probabilmente il margine di rapporto forma/sostanza (per quello che intendi tu con "forma") è più evidente in Barry Lyndon.
Scusa ma le teorie di Bresson c'entrano come i cavoli a merenda, anzi, probabilmente avvalorerebbero EWS e risolverebbero alla grande le critiche avanzate da molti sull'inespressività di Cruise. Non è una regola che la sottrazione determini "calore" e "vicinanza", anzi, forse è proprio l'illusione della sottrazione a sostenere ingenuità.
Mi piacerebbe sapere da te dove si evincerebbe che Eyes wide shut non sia un film tutto di Kubrick.




Io dico che è una "schifezzuola" proprio per l'immensa ammirazione che ho verso questo regista. Inoltre è un parere soggettivo ed ho usato come metro di giudizio la sua filmografia e non il livello generale del cinema.

In barry Lindon forma e contenuto trovano una fusione perfetta

Le teorie di Bresson non erano assolutamente contrapposste a kubrick( non avrebbe senso contrapporre due si grandi registi) bensì inserite in un discorso più ampio da cui mi ero fatto prendere

Non ho mai tiraato in ballo Tom Cruise che comunque reputo un buon attore

Penso di non essere ingenuo e neanche che la sottrazione determini automaticamente calore e vicinanza.
Ne "il decalogo" ciò avviene però.

Dicendo "non è tutto suo" mi sono espresso male,volevo solo dire che  era in punto di morte durante la sua realizzazione e questo potrebbe avergli tolto qulche energia. Inoltre qualche operazione sul film è stata fatta anche dopo la sua morte.

Comunque a me non piace , a te probabilmente si, che dobbiamo fare?
  • 0

#46 Peel Slowly And See

Peel Slowly And See

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 825 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 17:19

Dite quello che volete, tanto alla fine sono tutte opinioni, ma "Eyes Wide Shut" mi sembra un film "minore" all'interno della filmografia Kubrickiana. E' il classico film che punta sugli effetti "grandiosi", che in qualche modo cerca di fare sensazione, ma che si rivela più forma che sostanza. La storia è da alcuni punti di vista suggestiva, ma sembra sfocata, non perfettamente delineata, un pò confusa. Tecnicamente il film è ben realizzato, ma il confronto con capolavori come "2001: Odissea Nello Spazio", "Arancia Meccanica", "Il Dottor Stranamore", "Barry Lindon" appare impietoso. E' come voler confrontare il "Padrino Parte III" con i due film precedenti, solo perchè è ben realizzato ed eventualmente suggestivo da alcuni punti di vista. 
  • 0

#47 whitekross

whitekross

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 156 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 17:48

io sono d'accordo sul fatto che ews sia minore nella filmografia di kubrick, però davvero non capisco che diavolo c'entri la storia narrata. può essere confusa quanto vuoi, ma davvero non credo sia questo l'importante. grandi film sono stati girati senza una trama da romanzo d'epoca. mi viene in mente apolypse now!: qual'è trama? un uomo che cerca un altro uomo. finito. però dentro c'è dell'altro. la grandezza sta nel fatto che su questa premessa si costruisce la più acuta esplorazione della violenza umana che io ricordi. con questo voglio dire che l'intreccio non è decisivo nel cinema, almeno in quello fatto con una certa maestria. per restare a kubrick, ditemi, è l'intreccio (praticamente inesistente) che fa di 2001:odissea nello spazio quel capolavoro che è (per quanto ho già detto che a me personalmente risulti un pò indigesto...), oppure il lavoro formale sull'immagine, la sublimazione dell'immagine a metafisica??
kubrick è grande proprio per la sua capacità formale, per il suo modo di narrare al di là della storia narrata, per la sua capacità di esprimere emozioni (fredde, gelide, agghiaccianti, secondo me) solo attraverso l'immagine. è un maestro del cinema proprio per questo. perchè riesce a trasmettere grazie alla potenza delle immagini. altrimenti tutti potevano prendere il libro di burgess e farci un film. invece lui ci ha fatto arancia meccanica. la differenza è il lavoro sulla forma, questo lavoro è lo sguardo preminentemente cinematografico.
  • 0

#48 Peel Slowly And See

Peel Slowly And See

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 825 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 19:08

io sono d'accordo sul fatto che ews sia minore nella filmografia di kubrick, però davvero non capisco che diavolo c'entri la storia narrata.


Ok, il punto non è soltanto la storia narrata. Se guardiamo la potenza espressiva delle immagini, e pensiamo che "2001: Odissea Nello Spazio" risale al 1968, ci rendiamo conto che "Eyes Wide Shut" non è poi così magnifico. Io credo che se anche lo avesse realizzato un altro regista, forse sarebbe stato più considerato da un certo punto di vista, ma non credo che sarebbe passato alla storia. Con tutta onestà, un film come "Rapina A Mano Armata", meno magnificente nella forma, risulta molto più interessante ed originale. E comunque, Kubrick ha realizzato alcuni dei massimi capolavori della storia del cinema, ma se un film è meno riuscito bisogna pur ammetterlo, non c'è niente di male.
  • 0

#49 whitekross

whitekross

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 156 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 20:07

infatti non c'è niente di male...ti do ragione, ma forse non mi sono spiegato. credo che ews sia un film minore, e in parte poco riuscito proprio dal punto di vista formale, nel senso che è a volte ridondante, barocco, poco ispirato se confrontato con gli altri kubrick. anche barry lindon è barocco, ma lì è giustificato dal contesto. ews mi pare forzatamente costruito, seppure non mancano scene di grande impatto.
e forse hai ragione tu, se era di un altro regista forse non saremmo qui a parlarne  ;D.
  • 0

#50 Kesson

Kesson

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 138 Messaggi:

Inviato 06 luglio 2006 - 23:42

Credo che il mio avatar risponda al sondaggio di suo...

che dire, credo che "2001 : Odissea Nello Spazio" sia il piu' grande film che Kubrick abbia fatto, piu' in generale il Capolavoro della cinematografia moderna (assieme a "C'era una volta in America").

Ma resta comunque difficile scegliere uno solo fra i Capolavori che Kubrick ha donato al cinema. Partendo dai lungometraggi giovanili, "Fear And Desire", "Killer's Kiss" e "Rapina a Mano Armata" (splendidi film), Kubrick ha praticamente partorito Capolavori uno dietro l'altro. Su tutti "Orizzonti di Gloria", "Lolita", "Il dottor Stranamore", "Arancia Meccanica", "Barry Lyndon", "Shining" e "Full Metal Jacket".

A mio modo di vedere, un gradino sotto si collocano "Spartacus", kolossal in tutto e per tutto, che in qualche modo imbriglio' l'estro e il genio di Kubrick, e "Eyes Wide Shut" opera sicuramente interessante, che affronta la psicologia umana come solo Kubrick é in grado di fare, ma che lascia un po' di rammarico considerato che é l'epitaffio del piu' grande regista di tutti i tempi. Restano comunque, due grandissimi film, anche se non li considero due capolavori.
  • 0

#51 Guest_gunner_*

Guest_gunner_*
  • Guests

Inviato 07 luglio 2006 - 01:28



Ho votato Eyes Wide Shut, inimitabile capolavoro.


impossibile scegliere .. ma questo no! penso sia il peggiore.

perfettamente d'accordo...secondo me il migliore è arancia meccanica ..e non sto parlando solo di Kubrick(se la gioca con quarto potere)

#52 teo89

teo89

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 3 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 11:36

Da vedere mi mancano solo Arancia meccanica e Eyes wide shut, per il resto mi sono piaciuti tutti, da Rapina a mano armata a Full metal Jacket. Ho votato per 2001 perché è il primo che ho visto e perché sono appassionato di astronomia, viaggi spaziali, ecc.....
  • 0

#53 Guest_DiamondSeaII_*

Guest_DiamondSeaII_*
  • Guests

Inviato 07 luglio 2006 - 13:39

Kubrick è IL regista nel senso assoluto del genere.Non ci sono parole per descriverne il genio.Se proprio devo scegliere Arancia meccanica,ma è durissima!

#54 Guest_DiamondSeaII_*

Guest_DiamondSeaII_*
  • Guests

Inviato 07 luglio 2006 - 13:43

Salvo "Lolita" e "Spartacus" Kubrick ha realizzato solo capolavori.


;D

Ok per Spartacus che non mi fà impazzire,ma come si fà a dire che Lolita non è un capolavoro!?

E' uno di quei film che non mi stanco mai di rivedere,ogni volta trovo diverse chiavi di lettura e degli aspetti che mi erano sfuggiti alle precedenti visioni.

#55 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 07 luglio 2006 - 16:11

ragazzi, mica ho detto che "Lolita" fa schifo...

è un grandissimo film. Ma rispetto agli altri di Kubrick lo trovo inferiore.

#56 Deckard

Deckard

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 34 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 17:31

Personalmente ritengo che Kubrick (regista che, a onor del vero, non amo alla follia) abbia realizzato tre veri capolavori, che io metto per motivi diversi sullo stesso piano e che si distaccano nettamente da tutti gli altri suoi film:
- 2001: Odissea nello spazio: sicuramente il più importante film di fantascienza mai realizzato. Attenzione: il più importante, non il più bello, che è Blade runner, e di gran lunga. Ma 2001 è venuto prima, ed ha dato lustro ad un genere che fino ad allora veniva considerato di serie B. Notevoli le domande che il film si pone e fa porre al pubblico, una su tutte: ma che cacchio vuol dire il finale?
- Shining: film dell'orrore solo in superficie. Ma che superficie! Film visivamente bellissimo, girato splendidamente (mitico l'uso della steady-cam), incredibile per il modo in cui riesce a terrorizzare senza ricorrere minimamente ai trucchetti dei film dell'orrore (un esempio su tutti: luce diffusa, sempre e comunque, invece del buio). Horror solo in superficie, dicevo: in realtà profonda riflessione sulla solitudine e la follia latente dell'uomo moderno.
- Full Metal Jacket: il miglior film di guerra che io abbia mai visto, senza dubbio. Opera agghiacciante, durissima, profondamente antimilitarista (ma sul serio, non come Salvate il soldato Ryan....). Niente ipocrisie,  banalità o luoghi comuni (non come in Salvate il soldato Ryan...): qui c'è la guerra vera, quella che uccide l'anima prima ancora del corpo.

A parte questi tre, il resto della filmografia kubrickiana non mi esalta. Arancia Meccanica non sono mai riuscito a digerirlo, lo trovo davvero eccessivo e sopra le righe (ok, mi direte che è voluto, ma tant'è...). Barry Lindon è un'opera minore, Eyes wide shut non si capisce dove voglia andare a parare. Ah già c'è il dottor Stranamore! Bè, non sono ancora riuscito a vederlo: grave lacuna che cercherò di colmare al più presto.
  • 0

#57 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21453 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 17:41

Personalmente ritengo che Kubrick (regista che, a onor del vero, non amo alla follia) abbia realizzato tre veri capolavori, che io metto per motivi diversi sullo stesso piano e che si distaccano nettamente da tutti gli altri suoi film:
- 2001: Odissea nello spazio: sicuramente il più importante film di fantascienza mai realizzato. Attenzione: il più importante, non il più bello, che è Blade runner, e di gran lunga. Ma 2001 è venuto prima, ed ha dato lustro ad un genere che fino ad allora veniva considerato di serie B. Notevoli le domande che il film si pone e fa porre al pubblico, una su tutte: ma che cacchio vuol dire il finale?
- Shining: film dell'orrore solo in superficie. Ma che superficie! Film visivamente bellissimo, girato splendidamente (mitico l'uso della steady-cam), incredibile per il modo in cui riesce a terrorizzare senza ricorrere minimamente ai trucchetti dei film dell'orrore (un esempio su tutti: luce diffusa, sempre e comunque, invece del buio). Horror solo in superficie, dicevo: in realtà profonda riflessione sulla solitudine e la follia latente dell'uomo moderno.
- Full Metal Jacket: il miglior film di guerra che io abbia mai visto, senza dubbio. Opera agghiacciante, durissima, profondamente antimilitarista (ma sul serio, non come Salvate il soldato Ryan....). Niente ipocrisia, nè banalità o luoghi comuni (non come in Salvate il soldato Ryan...). Qui c'è la guerra vera: quella che uccide l'anima, prima ancora del corpo.

A parte questi tre, il resto della filmografia kubrickiana non mi esalta. Arancia Meccanica non sono mai riuscito a digerirlo, lo trovo davvero eccessivo e sopra le righe (ok, mi direte che è voluto, ma tant'è...). Barry Lindon è un'opera minore, Eyes wide shut non si capisce dove voglia andare a parare. Ah già c'è il dottor Stranamore! Bè, non sono ancora riuscito a vederlo: grave lacuna che cercherò di colmare al più presto.


Se proprio si vuole essere severi, ma molto severi, forse due non capolavori, ma quasi capolavori, sono nel terzetto da te citato..."Full metal jacket" non è di certo il miglior film di guerra mai realizzato, lo stesso Kubrick con "Orizzonti di gloria" aveva raggiunto vette più alte...ma ripeto stiamo parlando di differenze minime...tu invece la dici un pò grossa definendo sopra le righe "Arancia meccanica" e un film minore "Barry Lyndon" e, permettimi, ma per un amante di cinema e di Kubrick (che poi è un pò la stessa cosa) sono due errori grossi così..
  • 0

#58 Icra

Icra

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 371 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 17:45

Barry Lindon è stupendo.
  • 0

#59 Guest_JackNapier_*

Guest_JackNapier_*
  • Guests

Inviato 07 luglio 2006 - 17:57

...tu invece la dici un pò grossa definendo sopra le righe "Arancia meccanica" e un film minore "Barry Lyndon" e, permettimi, ma per un amante di cinema e di Kubrick (che poi è un pò la stessa cosa) sono due errori grossi così..


quoto

Barry Lindon è stupendo.

Straquoto ;D :-* ;)

#60 Zarathustra

Zarathustra

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 183 Messaggi:

Inviato 07 luglio 2006 - 18:08

Non mi esprimo sul resto per non ripetere cose dette da altri.
Aggiungo solo che la prima volta che ho visto Arancia Meccanica la cosa che mi ha sconvolto davvero è la regia, la fotografia, la colonna sonora, il montaggio: tutto mi sembrava così incredibilmente avanti nel tempo...non posso credere sia un film del 1971! Secondo me in molte produzioni successive l'impronta lasciata da un film sconvolgente come questo è evidente.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq