Vai al contenuto


Foto
* * - - - 2 Voti

Fontaines D.c. - Dogrel (Partisan, 2019)


  • Please log in to reply
203 replies to this topic

#41 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8848 Messaggi:

Inviato 03 maggio 2022 - 20:12

Buon disco per me, direi un 7. Meglio del precedente, si ascolta con piacere a parte quella palla della canzone con l'organetto che sarebbe dovuta durare la metà e anche Nabokov non mi fa impazzire.

Successo per me comprensibile, rispetto a parecchi altri hanno l'orecchio per la melodia, il cantante ha personalità (non trovo sbagliati i riferimenti a Gallagher) e la band sa come vestire i pezzi con gusto regalando la giusta dose di dramma. Restano poco sorprendenti nello sviluppo dei pezzi, gli manca qualcosa per farmi veramente strappare i capelli ma penso che me lo riascoltero'.


  • 0

#42 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5002 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 03 maggio 2022 - 21:02

Per me invece è un mezzo passo indietro sia rispetto all'esordio (che rimane il loro miglior album) sia rispetto al suo seguito. E mi rammarica il fatto che, nonostante la giovane età, abbiano già perso quella sana componente rock 'n' roll che caratterizzava, per esempio, un brano come "Boys in the Better Land", che per me fu una rivelazione. 

 

Detto questo, loro rimangono bravi e si meritano tutto il successo (anche se, mi ripeto, paradossalmente lo stanno ottenendo con quello che è fin qui il loro lavoro più debole). 


  • 0
xi5kmZq.gif
 

OR

 

 


#43 Garpanucci

Garpanucci

    Bomber, monogenere e ora pure sempliciotto

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25612 Messaggi:

Inviato 04 maggio 2022 - 07:29

A me sta piacendo parecchio e non l'avrei mai detto dopo la delusione del secondo. Che però credo andrò a recuperarmi in sti giorni.

Primo inarrivabile.


  • 0
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
"vabbeh garp te oltre alla barriera linguistica c'hai pure la barriera monogenere"
 

 


#44 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5945 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 00:29

Per come la vedo io: non sono sopravvalutati.
 
Non mi piacciono, li trovo poco originali, decisamente piatti dal punto di vista delle cose che cerco in una composizione, e senz'altro lontano dal mio gusto.
Ma nel loro campo non saprei indicare qualcuno che stia facendo meglio. Quale campo? Beh, quello del riciclaggio & riattualizzazione delle sonorità post-punk a uso e consumo del popolo alternativo che, orfano di un po' tutto, oggi stravede per questo genere di revivalismo e per ben poco altro. È in questo senso che credo sia scorretto parlare di sopravvalutazione. Incarnano i valori musicali di quella parte (minoritaria, ma stando ai numeri dello streaming senz'altro non trascurabile) degli ascoltatori che si riconosce in una precisa continuità, che affonda le sue radici negli anni immediatamente a cavallo fra 70 e 80, prosegue con l'indie e poi l'alternative anni 90, si abbevera comunque sia alla fonte del britpop più trad-rockeggiante, e in qualche modo arriva a oggi. Non è il mio percorso e non riesce ad attirarmi, ma posso capire le reazioni: con quello spoken word trascinato che viene dai Fall ma almeno dagli Slint è una mossa profonda e intellettualissima, l'accento che aggiunge artefatta credibilità, il bassone ben in vista, il sound mesto e ripetitivo col ritmetto furbo perché la palpebra non cali troppo, tutti i pezzi si incastrano come in un puzzle. Per chi viene da quella scuola e aveva passato gli ultimi anni a chiedersi dove fossero di colpo spariti i suoi riferimenti, l'avvento di una band di questo tipo è stato ed è ancora, figurativamente, un'apparizione di Babbo Natale quando ormai eri straconvinto non esistesse.
Qualcuno su Facebook, commentando il disco del mese, scriveva che sarebbero "la band più sopravvalutata di sempre": ecco, questa sì mi sembra una sopravvalutazione bella e buona, che identifica l'universo indie/alternative con la totalità dell'esistente e trascura il fatto che, fuori dal circoletto delle testate indie e relativo pubblico, Fontaines & accoliti sono un fenomeno essenzialmente inesistente (questo almeno fino a ieri, con questo nuovo album vedremo).
 
Certo, diventano sopravvalutati se li si identifica coi salvatori del rock, gli si attribuisce sai quale centralità nell'evoluzione musicale di questi anni: sono fanservice per una specifica comunità, non c'è nulla di male nell'esserlo ma appunto è giusto circostanziare. Questi però sono giudizi di carattere storico, non di apprezzamento, e non credo che occupino più di tanto la mente di chi legittimamente li ammira perché hanno un sound figo e fanno dei dischi capaci di entusiasmare.
 
Comunque ci ho provato: nonostante la buona partenza corale con "In ár gCroíthe go deo", che mi fa pensare più ai These New Puritans dei tempi d'oro che all'ennesima ventata di squallore metropolitano, e al groove ammetto assai efficace di "Jackie down the line", a me gran parte di questi brani non dice proprio niente, né mi spinge a riascoltare perché chissà mai magari devo solo entrarci un po'. Ma d'altronde mi rompono i coglioni pure i Joy Division, insomma, non è che mi sorprenda troppo di me stesso. Non è un progetto rivolto a me. Fra gli altri episodi in qualche modo soddisfacenti, comunque, ho trovato in generale quelli che spingono la paraculaggine di fondo in territori più Madchester: con una melodia degna del nome "Roman Holiday" probabilmente mi convincerebbe, e anche la title-track spacca finché non parte la voce (e con essa le insopprimibili bestemmie da parte mia).
 
Nel complesso, visto anche il bacino di utenza di Ondarock, disco mediocre (senza essere davvero brutto) e scelta azzeccatissima.


Raramente ho letto un post più presuntuoso e fastidioso di questo, la ricettina su come mettere il suono giusto per fare presa sul pubblico indie rock somaro pronto ad esaltarsi per la solita sbobba retrograda, robe che si sentivano vent'anni fa per la dance e per tutta la musica da classifica.

Ma vi siete visti voi? Ma chi siete? Che due coglioni.
  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#45 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20998 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 05 maggio 2022 - 05:29

E invece sbagli. Non so bene chi siano i "vi" con cui polemizzi, ma posso risponderti per me stesso.
La cosa delle "ricettine" non è mica un problema: mi entusiasmo regolarmente per dischi che ne utilizzano, solo che essendo legato a filoni diversi anche le "ricettine" sono diverse. Non c'è niente di male. Giusto qualche settimana fa ho messo un 8 a un album che riscalda la minestra dei Godspeed You! Black Emperor e delle altre band similari, mettendo assieme i pezzi nel modo giusto. Senza essere originale (ma d'altronde non lo sono da tempo nemmeno i Godspeed You! Black Emperor) ma con personalità, proprio come i Fontaines DC. Un disco che risulterà un capolavoro a chi apprezza un certo sound già ben delineato, e dirà poco o niente agli altri. Proprio come.
Quello che si faceva vent'anni fa (ma anche oggi, magari non qui) era sostenere implicitamente o meno che la musica si potesse valutare in modo sostanzialmente obiettivo catalogandola in base all'innovazione e a puttanate come l'"urgenza espressiva" e la "seminalità". Quel che dico oggi è più francamente che in alcune cose l'originalità non la vedo (limite mio, mi sa) e non mi entusiasmano perché non è il mio genere (forse non mi entusiasmerebbero nemmeno se suonassero nuovissime), che in altre non la vedo e mi va benissimo così, e che i dischi originalissimi di questi anni probabilmente mi piaceranno fra venti o mai, e che manco li sto/stiamo ascoltando perché appartengono a generi da cui mi sento/ci sentiamo lontani. A volte però provo a farmi un'idea del perché ciò che a me non piace attragga altri.
Presunzione? Boh, come vuoi. Per me hai letto il post supponendo un certo atteggiamento e hai ignorato le evidenze contrarie. Il "somaro", per dire, è del tutto tuo. Il "retrogrado" no, ma da rimasto sotto terminale degli anni Settanta credo di poter affermare con onestà di esserlo anch'io e fino al midollo. Soprattutto, poi, mi sembra che tu abbia scambiato il giudizio di "artefatto, fatto a misura di X" come una stroncatura in sé, ma non lo è affatto perché il 90% della musica che mi piace è fatta tenendo ben presente il proprio pubblico, atteggiandosi a questo o a quell'altro, e riciclando a man bassa cose già fatte da altri. Mi sa davvero che a leggere il ragionamento con la mentalità di 20 anni fa sei stato tu.


  • 2

#46 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5945 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 10:44

Io non ho fatto riferimenti degradanti a chi ascolta un certo tipo di musica nel 2020, non a caso Gozer ha scritto un post in armonia con il tuo ma dicendo in modo più diretto i suoi pregiudizi su "ascoltatore medio di Ondarock" e band a seguito. Elencare a mo'di bugiardino il ritmo giusto per la palpebra, l'accento di artefatta credibilità, a ogni elemento dai un tornaconto che è solo nella tua testa e non avvalorata dalla realtà, secondo la tua logica ci dovrebbero essere 5-6 band con il medesimo successo dei Fontaines D.C. cosa che non capita ma soprattutto l'ascoltatore medio indie non è così disperato da celebrare qualsiasi band con il sound certosino che tu vai a sbandierare. In tutto il tuo discorso ma in generale il tuo atteggiamento da anni proponi qui quando parli di questo genere è sempre allusivo a una mentalità ristretta di chi ama il genere e francamente mi hai prosciugato i coglioni. Tutto un atteggiamento generale anche di altri in cui si liquidano dischi in modo sordo buttando la solita solfa del "non ci sono melodie" "non ci sono le canzoni" che nemmeno su Debaser si leggeva un pressappochismo simile.
Guardo la tabella dei voti sul sito e vedo il disco dei Beach House promosso da tutti ma nel forum nessuno ne parla, credo ormai per l'idea pesante di doversi interfacciare oltre con te anche con pensieri simili ai tuoi di altri utenti che pensano di aver capito tutto sul perché la gente ascolta cose,le sue debolezze la nostalgia e bla bla bla.

E poi abbiamo capito che non ti piacciono i Joy Division, lo ripeti da anni questa cosa brillantissima abbiamo capito sei fico spari sui capisaldi ottimo.
Ovvio che i Russo, Amoroso, Roma e altri se ne sono andati, qua circola ormai un aria viziata e asfissiante.
  • -1

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#47 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25470 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 10:54

Ovvio che i Russo, Amoroso, Roma e altri se ne sono andati, qua circola ormai un aria viziata e asfissiante.

 

Mica ho capito cosa c'entri Wago con l'abbandono di gente che è andata via cent'anni fa per tutt'altri motivi...

(so che non gli serve l'avvocato, ma intervengo lo stesso perché in generale la politica del "per colpa tua è andato via tizio o caio" la trovo davvero malsana. Vieppiù se, come in questo caso, è del tutto fuori fuoco. Ma anche fosse stata a fuoco).

 

Poi non ho capito cosa ci sarebbe di male nell'analizzare il pubblico. A me sembra evidente che i Fontaines D.C. oggi li ascoltino perlopiù nostalgici e/o conservatori (a livello musicale, non di intenzione di voto :D ), perché non dovrebbe essere detto? Non si tratta di giudizio di merito, si tratta di analisi sociologica della musica, cosa che ormai è tabù da queste parti visto che viene presa come attacco personale manco stessimo parlando a un gruppo di estremisti woke, ma nei fatti esiste eccome.


  • 0

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#48 good vibrations

good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8319 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 05 maggio 2022 - 11:46

Beh, però che certi dischi vengano massacrati solo per pregiudizi verso il tipo di musica e i suoi ascoltatori è piuttosto palese.


  • 0
Immagine inserita

#49 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25470 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 11:53

I Fontaines D.C. massacrati? La stampa si farebbe infilare un cactus anche nei più reconditi orifizi dal loro cantante e sarebbe in seguito pronta a giurare di averlo trovato piacevole. asd Mi sembrano ben altri i gruppi che sono stati massacrati (per esempio, chi faceva post-punk dieci/quindici anni fa). 


  • 1

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#50 good vibrations

good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8319 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 05 maggio 2022 - 11:58

Intendevo qui sul forum, in giro se ne parla in effetti anche troppo bene


  • 0
Immagine inserita

#51 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25470 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:04

Se lo chiedi a me, e quindi solo per me posso rispondere, non riesco a digerire che dopo un decennio abbondante di post-punk accusato delle peggio nefandezze, ora all'improvviso sia fichissimo farlo, vieppiù quando chi veniva accusato di nefandezze era bravo mentre i fichissimi di adesso non fanno che declamare/bofonchiare/sbraitare tutto il tempo senza che si veda un minimo di lavoro sulla composizione. Niente di più, niente di meno.


  • 2

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#52 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8848 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:12

A me sembra evidente che i Fontaines D.C. oggi li ascoltino perlopiù nostalgici e/o conservatori (a livello musicale, non di intenzione di voto :D )

 

In che senso pero'? Si poteva dire lo stesso di chi nei 90s ascoltava britpop (genere con forti richiami al passato percepito all'epoca come musicalmente abbastanza conservatore rispetto ad altre scene), non e' comunque un termine neutro ci sta sentirci una certa supponenza (di solito infatti lo usa la gente che ascolta le targhe per sminuire chi ascolta musica ascoltabile asd)   

 

Cosa ascoltano i non conservatori di oggigiorno se si parla di roba non sperimentale e si esclude il rap?

 

Piu' che analizzare il pubblico mi pare che in molti casi si cerchi d'inscatolarlo con generalizzazioni non sempre accurate per crearsi una narrativa che corrisponda ai propri pregiudizi. Siamo sicuri di sapere chi ascolta i Fontaines DC? Su cosa ci basiamo? I teenagers se li ascoltano? O sono solo gli ultratrentenni a cui manca il rock? 

 

Poi tornando alla musica, nessuno cerca di spacciarli come innovativi, ma neanche gli Horrors per dire lo erano. Non ci/vi sareste impuzzoniti se uno che ascoltava che ne so i Fuck Buttons veniva a dirvi, ah ecco un tipico specimen di ascoltatore conservatore/nostalgico?

 

Per chi e' stato in giro parecchio queste stesse considerazioni (gia' sentito / solita solfa / etc) si sono sentite per l'82.7% di gruppi chitarristici o generi per lo meno dai 90s in poi. 

 

edit: ah ecco anche tu noti il parallelo con gli horrors. pero' appunto, non cadrei nello stesso errore. (asd hai cancellato il loro nome nel messaggio sopra asd)


  • 3

#53 Ugo il re del judo

Ugo il re del judo

    direttore della scelta delle pietre miliari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1330 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:13

Potrebbe essere una buona idea separare: creare un topic apposta, o anche più di uno, per le analisi sociologiche e tutti gli altri aspetti paralleli, chi è interessato a questi approfondimenti può scrivere lì --- così non sarà necessario ripetersi in ogni topic relativo a band tipo i Fontaines Dio Cane

Ci pensa Bara, entro questa sera avrete il topic; io sì che sono un vero moderatore

Faremo dei veri e propri identikit sugli ascoltatori, e i topic sui dischi saranno liberi da queste analisi
  • 0

#54 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25470 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:16

Markmus, non concordo con niente di ciò che hai scritto su Horrors e britpop, quindi viene difficile risponderti non avendo alcun punto di base comune da cui partire. 

 

Una cosa è oggettiva: Horrors e britpop sono stati osteggiatissimi da un parte della critica per questa presunta derivatività. Oggi di quelle critiche per i Fontaines D.C. non c'è manco l'ombra (e lo stesso vale per gli altri di quell'ambito).


  • 1

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#55 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20998 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 05 maggio 2022 - 12:17

Poi rispondo meglio, però mi spiace che il mio intervento sia letto come un "massacrare". Non era il mio scopo. Ho scritto la mia impressione sul disco, chiarendo che non mi piace per limiti miei in relazione al tipo di musica proposto dal disco. Ho anche riconosciuto dei meriti e fatto un'ipotesi su chi possa maggiormente apprezzare quei meriti. Qua e là ci si poteva leggere un tono polemico? Massì, certo. Ma non credo davvero che fosse l'elemento principale del discorso, che voleva molto più essere il circostanziare la presunta "sovraesposizione" dei Fontaines e delle band loro simili, che è tale solo se si guarda esclusivamente all'ambito indie-alternative. Spero che osservare come i Fontaines siano e restino un fenomeno di nicchia (ok, una nicchia grossa) non sia da considerarsi lesa maestà. Il resto consideratelo pure un rant da proggarolo renitente, quello è e mi sembra anche eccessivo prenderlo come qualcosa di diverso.
  • 0

#56 mongodrone

mongodrone

    post-feudatario

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10736 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:27

Potrebbe essere una buona idea separare: creare un topic apposta, o anche più di uno, per le analisi sociologiche e tutti gli altri aspetti paralleli, chi è interessato a questi approfondimenti può scrivere lì --- così non sarà necessario ripetersi in ogni topic relativo a band tipo i Fontaines Dio Cane
Ci pensa Bara, entro questa sera avrete il topic; io sì che sono un vero moderatore


Io farei anche una sezione intera per parlare solo di STORIA, così intanto dividiamo gozer e wago, è faticoso affrontare entrambi nello stesso topic
  • 0

#57 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25470 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:33

Te invece per rendere un topic illeggibile basti e avanzi da solo.

 

(Oltre al fatto che di musica non sei capace di parlare, e vabè dettagli)


  • 0

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#58 mongodrone

mongodrone

    post-feudatario

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10736 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:39

Beh chiaro, per rendere decente la musica che ascoltate è fondamentale parlarne, una volta che l'avete cosparsa di idee è tutta un'altra cosa.
  • 0

#59 mongodrone

mongodrone

    post-feudatario

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10736 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:41

È un po' come Solaris con la Apple, dopo che hai speso migliaia di euro che fai, non lotti fino alla morte per sostenerne l'importanza?
(ashd)
  • 0

#60 Ugo il re del judo

Ugo il re del judo

    direttore della scelta delle pietre miliari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1330 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:43

Manfroiser, apri il topic e chiudiamola lì

Faremo analisi sociologiche allo sfinimento, vai; io ora non posso perché a fatica vedo quello che scrivo, lo farò domani
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq