Vai al contenuto


Foto
* * - - - 2 Voti

Fontaines D.c. - Dogrel (Partisan, 2019)


  • Please log in to reply
203 replies to this topic

#61 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25714 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:44

Beh chiaro, per rendere decente la musica che ascoltate è fondamentale parlarne, una volta che l'avete cosparsa di idee è tutta un'altra cosa.

 

Beh, per parlare dell'immondizia che ascolti tu* capisco che di parole ne servano poche. "Bzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz" per cinquanta minuti e fatto il disco. 

 

*E io posso dirlo, perché ascolti sostanzialmente solo quello; mentre per te dirlo è un filo più difficile visto che ascolto diecimila generi diversi e quindi se non ti va bene niente il problema ce l'hai evidentemente tu, con qualsiasi cosa che non sia un drone. Lo stesso drone che plausibilmente fa da radiazione di fondo nella tua testa vuota.


  • 0

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#62 mongodrone

mongodrone

    post-feudatario

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10798 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:47

Che delusione, questa risposta sembra venire dal 2011, puoi fare di meglio.
  • 0

#63 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25714 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 12:48

Non ne sono sicuro. Tu sicuramente sì, che peggio di così non vedo come.


  • 0

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#64 good vibrations

good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8358 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 05 maggio 2022 - 13:02

Poi rispondo meglio, però mi spiace che il mio intervento sia letto come un "massacrare". Non era il mio scopo. Ho scritto la mia impressione sul disco, chiarendo che non mi piace per limiti miei in relazione al tipo di musica proposto dal disco. 

 

Wago, io stesso non mi riferivo solo a te come non mi riferivo solo ai Fontaines DC (potrei nominare i Black Country, New Road, ancora più osteggiati a priori)


  • 1
Immagine inserita

#65 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21120 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 05 maggio 2022 - 13:46

Wago, io stesso non mi riferivo solo a te come non mi riferivo solo ai Fontaines DC (potrei nominare i Black Country, New Road, ancora più osteggiati a priori)

 
Sì, scusa, hai ragione. Ho risposto frettolosamente nel cambio tra due ore e mi sono senz'altro perso questo aspetto. Pardon.
Visto che siamo sul punto, però, preciso: tendo a scrivere solo dei dischi che ho sentito e ad ascoltare solo i dischi che ho impressione possano piacermi. Dei Black Country ho detto peste e corna in riferimento al secondo disco (o meglio: delle tracce successive alle prime) ma lo ho ascoltato perché il primo mi era piaciuto un sacco; pure i Fontaines, come coordinate più distanti da me, li ho messi su perché di questo album avevo letto impressioni che mi avevano fatto ben sperare: hanno dei ritmi che arrivano dirtti dagli Stone Roses (condivido), melodicamente stan più vicini al britpop che ai soliti riferimenti post-punk (concordo meno — nel senso che il britpop lo sento ma non mi sembra prevalere. Ma magari sbaglio perché il britpop in realtà lo conosco poco). Insomma, il discorso del "partito preso" in parte lo capisco, però almeno quando si parla di commenti "seri" (non della sidebar insomma, che prendo molto più come caciaronata) credo di non ricaderci.
 
Tornando sul tema di prima, invece:
 

secondo la tua logica ci dovrebbero essere 5-6 band con il medesimo successo dei Fontaines D.C. cosa che non capita ma soprattutto l'ascoltatore medio indie non è così disperato da celebrare qualsiasi band con il sound certosino che tu vai a sbandierare.


Di band molto strombazzate in questo filone ce ne sono tante, più di 5 o 6, e stando ai commenti su Facebook e alle visite del sito direi che sì, sono davvero le preferite in questo momento dei lettori di Ondarock (a giudicare dalla visibilità data loro su altre testate di ambito indie, direi non solo di Ondarock). Non hanno il successo dei Fontaines DC, è vero, ma lo ho scritto subito che nel loro settore non vedo formazioni migliori di loro in quanto ad appetibilità per il loro pubblico.

Per il resto sì, è vero che sono un disco rotto e che vedere questo genere così pompato (e tante altre cose per me valide di questi anni pressoché ignorate) mi irrita, ma nel messaggio che ti ha fatto sbroccare avevo davvero fatto un tentativo di andare oltre alla riaffermazione della mia insofferenza: ricordo che era una risposta a "secondo me sono sopravvalutati", nella quale sostenevo non lo fossero!

 

Ultima cosa riguardo a questo punto:

 

Ovvio che i Russo, Amoroso, Roma e altri se ne sono andati, qua circola ormai un aria viziata e asfissiante.

 

Di Amoroso e Roma non so davvero, credo di averci interagito pochissimo perché avevamo gusti molto distanti; con Raffaello (o parli di Fabio?) però non ho mai avuto screzi e da lui ho tratto diversi spunti di ascolto. Non credo di avere corresponsabilità nel suo addio, che peraltro è avvenuto se ricordo in un periodo in cui scrivevo davvero poco. Sui perché del ristagnare del clima forumistico ho percezioni diverse, ma per quanto lo trovi un tema sempre interessante direi che è parecchio off topic.


  • 1

#66 good vibrations

good vibrations

    Il primo disco del White Album è davvero un disc one

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8358 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 05 maggio 2022 - 14:52

 

Wago, io stesso non mi riferivo solo a te come non mi riferivo solo ai Fontaines DC (potrei nominare i Black Country, New Road, ancora più osteggiati a priori)

 
Sì, scusa, hai ragione. Ho risposto frettolosamente nel cambio tra due ore e mi sono senz'altro perso questo aspetto. Pardon.
Visto che siamo sul punto, però, preciso: tendo a scrivere solo dei dischi che ho sentito e ad ascoltare solo i dischi che ho impressione possano piacermi. Dei Black Country ho detto peste e corna in riferimento al secondo disco (o meglio: delle tracce successive alle prime) ma lo ho ascoltato perché il primo mi era piaciuto un sacco

 

Tu sei uno che spiega molto bene i tuoi giudizi, te ne do atto. Anche quando stronchi.

 

Quello dei BC,NR è un esempio come altri, possiamo aggiungere Squid, Fiona Apple, Protomartyr, ecc.

Però leggere come commento un "mamma mia che schifezza di disco" fa davvero cadere le palle.

A prescindere che sia ponderato poi (per me non sempre, magari in questo caso sì), io mi tengo alla larga dai "dischi schifezza" (e non torniamo sul discorso "se non lo ascolto come faccio a sapere che è una schifezza").

 

Poi addirittura un commento da ricevere 3 +? Sono perplesso.

 

So che Rosalìa mi farebbe cagare, non la ascolto e vado su altro. Non fremo dalla voglia di ascoltarla (20 secondi a traccia) solo per poterla stroncare sul forum. Questo era il senso.

 

Che qualcosa non piaccia è sacrosanto, io stesso sono intervenuto perché siamo nel topic dei Fontaines DC e volevo esprimere il mio parere avverso.

Avrebbero tutto per piacermi, sono proprio uno di quegli ascoltatori, sarei proprio quel target eppure mi piacciono davvero poco (estendo a tutti e tre gli album). Non per questo me ne esco con certi commenti però, che più che criticare il disco sembrano essere rivolti a chi il disco lo ascolta e lo apprezza, con un'aria di superiorità che non esiste.


  • 1
Immagine inserita

#67 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21120 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 05 maggio 2022 - 16:38

 

Cosa ascoltano i non conservatori di oggigiorno se si parla di roba non sperimentale e si esclude il rap?

 

Boh, per me la risposta può tranquillamente essere anche "niente, il rock è ormai musica da conservatori". E continuerei ad ascoltarlo, tutto sommato. Anche se, pensandoci, non è forse il genere prevalente fra i miei preferitissimi degli ultimi N anni (mi prendo volentieri del conservatore comunque eh, d'altra parte la mia alternativa sono trad-folk, nu jazz e idm rifritta).

 

Piu' che analizzare il pubblico mi pare che in molti casi si cerchi d'inscatolarlo con generalizzazioni non sempre accurate per crearsi una narrativa che corrisponda ai propri pregiudizi. Siamo sicuri di sapere chi ascolta i Fontaines DC? Su cosa ci basiamo? I teenagers se li ascoltano? O sono solo gli ultratrentenni a cui manca il rock? 

 

Ecco, questo è un punto per me interessante ed era quello su cui mi aspettavo andasse a parare la controargomentazione a quel che scrivevo ieri. La prima cosa che scrivi è ovviamente vera. In mancanza di dati analitici, interpolare col proprio pregiudizio è l'atteggiamento più consueto, e mi sa che nessuno ne è immune.

La risposta a "su cosa ci basiamo?" nel mio caso è un affermare che non sono poi del tutto privo di dati, ma anche ammettere che sono molto parziali. Il mio (ri)sentimento si basa soprattutto sui commenti visti nell'ultimo anno sulla pagina Facebook di Ondarock. Credo basti una lettura rapida (la mia purtroppo non lo è) per accorgersi di quanto presso il nostro pubblico le band post-post-punk siano idolatrate e viste come ultimo baluardo del rock. Ovviamente da qui a estendere all'intero universo indie/alternative il salto logico è bello ampio: può tranquillamente essere (e immagino in parte sia così) che i follower di Ondarock siano una platea con una sua inclinazione, probabilmente "selezionata" dal trattamento generalmente positivo se non entusiastico riservato negli anni a questi suoni, e senz'altro dotata di caratteristiche di età ed estrazione che la rende poco rappresentativa della fanbase di Fontaines & accoliti nel suo complesso.

L'interrogativo che mi pare più interessante è però quello sui teenager. In base a evidenze puramente aneddotiche posso dire che qualche giovane che si interesse a questi suoni, almeno per curiosità se non proprio per passione, anche da noi c'è. In UK immagino siano molti di più, e con caratteristiche diverse. Riferisco di quelli con cui ho potuto parlare: seguono l'informazione musicale americana (che mi pare non stravedesse per la precedente ondata post-punk ma è tendenzialmente positiva verso quella attuale), guardano su RYM e Reddit, e visto che queste cose sono hype si dicono sentiamo un po' come sono. Non per forza possiedono "le basi", nel senso dei termini di paragone a cui noialtri vecchi scassacazzo tendiamo a rapportare tutto quel che ascoltiamo: magari proprio grazie ai nomi che saltano fuori nei commenti sul web vanno a recuperarsi i presunti "ispiratori". D'altra parte pure io mi sono avvicinato ai Gang of Four perché qua sul forum si diceva che i Bloc Party ne erano solo la copia sbiadita (cazzata, ma sono contento di aver seguito lo spunto).

In generale il tema della presa delle "nuove ondate" di questo o quello su ascoltatori che non sono stati attratti dalle precedenti mi sembra stimolante ed è una questione che da un po' vorrei approfondire. Ovviamente la curiosità mi è nata da tutt'altro ambito (leggendo il pubblico dei Marillion anni Ottanta avesse una larga componente di giovani fan che il progressive storico non lo conoscevano ancora) e in altro ambito mi ripropongo di svilupparla, ma mi sembra un tema non banale su cui forse qualche dato un po' più circostanziato (ad esempio in forma di intervista/questionario) lo si può raggranellare. Su RYM c'è gente che ha voti molto alti a band new prog contemporanee e quasi nulla al prog storico, potrei iniziare da lì per capire se la cosa è (come immagino) "questi suonano più attuali", "ho conosciuto loro per primi quindi sono affezionato a loro" o la faccenda è più sfaccettata.

 

Quello dei BC,NR è un esempio come altri, possiamo aggiungere Squid, Fiona Apple, Protomartyr, ecc.

Però leggere come commento un "mamma mia che schifezza di disco" fa davvero cadere le palle.

A prescindere che sia ponderato poi (per me non sempre, magari in questo caso sì), io mi tengo alla larga dai "dischi schifezza" (e non torniamo sul discorso "se non lo ascolto come faccio a sapere che è una schifezza").

 

Poi addirittura un commento da ricevere 3 +? Sono perplesso.

 

So che Rosalìa mi farebbe cagare, non la ascolto e vado su altro. Non fremo dalla voglia di ascoltarla (20 secondi a traccia) solo per poterla stroncare sul forum. Questo era il senso.

 

Sul commento ai Black Country: sì, hai ragione. Un più è mio, tendo a dare poco peso a questo genere di segnali e senz'altro l'ho messo in maniera un po' compulsiva. Ovviamente non era un capolavoro di intervento. Il meccanismo dei + e - comunque è abbastanza meschino, spesso vengono valorizzate uscite a effetto e se uno dà peso a ste cose può finire per puntare su quel fattore anziché sui messaggi più articolati e costruttivi.
Sul 20 secondi a traccia: come noto sono un fan, ma anche quello lo faccio coi dischi che mi incuriosiscono, e poi non è che corra nel thread a dirne male. Anche perché in genere il thread non c'è e il disco è una qualche assurdità estone uscita 40+ anni fa :D Nei pochi casi di rilevanza forumistica, per far polemica basta ampiamente la status bar (altra creatura del demonio che però esercita un suo influsso morboso su di me come su un po' tutti).


  • 0

#68 vuvu

vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17769 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 16:42

Il target è arcinoto, revival post punk per nostalgici delle sonorità che ben conosciamo, un trend che qui spopolava dieci anni fa, scemando poi nel tempo, fuori invece è la miglior band dell'universo conosciuto degli ultimi cinque anni. Diciamo che all'esterno viaggiano spesso con un lustro di ritardo. Quantomeno verso certe smanie. Certo, qui non sempre è così. In questo caso però mi pare di capire che il forum sia fuori dal recinto. Venendo al disco, ho poco da dire. Un album come tanti altri del genere. Onesti ma mai un guizzo, una trovata, una capriola, una piroetta, poco o nulla oltre il compitino post post post post post post punk.  


  • 0

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#69 Ugo il re del judo

Ugo il re del judo

    direttore della scelta delle pietre miliari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1427 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 16:58

Per la verità, che io ricordi, questo revival esiste dai tempi degli Interpol, almeno, sia sul forum che nella realtà; possiamo discutere sulla capacità, sulle melodie, sugli abiti delle band, ecc ecc ecc, non però sulle basi di appoggio --- personalmente mi fanno schifo praticamente tutti da 25 anni ad oggi, la motivazione principale è questa: hanno estrapolato i suoni e lo stile senza avere nessuna attinenza con lo spirito della new wave che, già nel nome, indica la propria strada

Per il resto, molto più importante del mio giudizio, direi di aprire un topic per le metadiscussioni, quelle sul pubblico medio, sui giovani nostalgici, sui vecchi malinconici, ecc, non posso leggere dei post kilometrici e delle litigate lunghissime su minchiate da asilo, di chiunque sia la colpa (non mi interessa proprio)

Gli amanti di queste analisi avranno il proprio spazio, e chi non è in grado o non ha voglia di farle, starà lontano
  • 1

#70 Ugo il re del judo

Ugo il re del judo

    direttore della scelta delle pietre miliari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1427 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 17:13

In sostanza, per partecipare a queste discussioni sul pubblico medio, un utente che vuole SOLO sentire disco, dovrebbe informarsi su una serie di aspetti, tantissimi, che vanno oltre l'ascolto; non giudico questi approfondimenti ma sono da fare fuori dai topic aperti dal "pubblico medio" perché good per primo ha dichiarato di farne parte e giustamente non gliene fotte nulla di fare una eventuale autocritica sui propri ascolti, confessera' in privato i peccati

Di leggere tutte quelle minchiate su Facebook, dei commentatori delle schede di Òr, non ho alcuna voglia, ad esempio; e non ho voglia di partecipare ad un forum in gran parte formato da questo presunto pubblico medio per poi parlare e analizzare lo stesso pubblico, sarebbe una prospettiva diabolica e contorta, mi sentirei fuori posto io, non certo gli appartenenti a questo presunto universo mediocre che aprono i topic sui loro idoli mediocri che puntano al presunto target mediocre
  • 1

#71 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8884 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 17:21

lassy da quando sei diventato direttore della scelta delle pietre miliari hai acquisito un tono da elder statesman.

wago, il rock & dintorni come musica conservatrice ci puo' stare ma a quel punto viene meno appunto la necessita di applicare l'etichetta a un genere piuttosto che a un altro. poi ovvio ci sara' sempre l'artista/band "incatalogabile", pero' ecco non vedo perche' debba applicarsi al post punk piuttosto che al synth pop o cantautorato - per me per dire l'ultimo dei vituperati blackmidi catalogati sotto post-punk e' fra le cose piu' originali degli ultimi anni.

sul "cosa ci basiamo?" concordo che abbiamo alcuni indizi ma non abbastanza da giungere a conclusioni universali. per dire, il successo della scena sul facebook oR conferma che sono popolari fra i nostalgici del rock ma ci lascia l'interrogativo se piacciano anche a quelli troppo giovani per essere nostalgici per cui tocca poi basarsi sull'aneddotica. pure per me a naso hanno buon riscontro, di solito lo capirei dai concerti, ma in questo caso non ho avuto modo di testare. comunque in linea di massima concordo con la tua analisi e come detto per me ci sono paralleli con quello che qualcuno avrebbe potuto dire sui bloc party dal di fuori 15 anni prima, e' un mix di ingredienti gia' usati ma difficile confondere i Fontaines DC per esempio con una qualsiasi delle bande delle varie ondate precedenti (con altre band e' gia' piu' dura magari asd).
  • 1

#72 Ugo il re del judo

Ugo il re del judo

    direttore della scelta delle pietre miliari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1427 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 17:28

Taci che fai parte del target e anche del pubblico medio
  • 0

#73 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25714 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 17:32

direi di aprire un topic per le metadiscussioni

 

 

Fai come ti pare, ma io continuerò a farle dei topic dei rispettivi dischi che a te stia bene o no. E che siano minchiate è opinione tua, per me spesso è l'unica cosa di interessante da leggere/dire che ci sia sulla musica, almeno in un forum. 


  • 0

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#74 Ugo il re del judo

Ugo il re del judo

    direttore della scelta delle pietre miliari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1427 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 17:43

No, minchiate sono quelle di Facebook, le tue sono analisi su un pubblico che è lo stesso che apprezza i topic in cui fai questi approfondimenti, è una prospettiva contorta/diabolica

Possono essere analisi interessantissime ma sarebbero da fare nei topicc dedicati, dove ci sono utenti in grado di partecipare; mediamente nelle discussioni come questa, ci sono 3 o 4 utenti che apprezzano il disco e poi una serie di interventi sul pubblico medio che comprende gli utenti stessi che gradiscono questo revival

Praticamente sono topic che si trasformano in analisi psicologiche sull'ascoltatore medio, sui motivi che l'hanno portato a, ecc ecc, tutte cose interessantissime per alcuni ma nelle discussioni sui dischi portano a quello che leggi nelle ultime pagine --- forse sono troppo permalosi quelli del pubblico medio, non ho idea ma non è importante

Tra l'altro ormai gli utenti stessi ammettono le proprie colpe, siamo tutti consapevoli della degenerazione incombente: vecchi, revivalisti, nostalgici,malinconici, ecc, tutti difetti diffusi tra gli adulti per i quali non mi stupirei più di tanto, mi stupirei di più del contrario

Comunque io lo apro, tu se vuoi stai lontano; se non vuoi partecipare, magari lo useremo per parlare del pubblico medio della wave polacca

Ovviamente è abbastanza prevedibile che nel topic dedicato, gli analisti non scriveranno, troppo semplice farlo lì
  • 0

#75 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25714 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 18:01

Possono essere analisi interessantissime ma sarebbero da fare nei topicc dedicati, dove ci sono utenti in grado di partecipare

 

Boh, io fossi un utente ics di Ondarock mi sentirei anche un po' offeso dal sentirti dire preventivamente che non sono in grado di partecipare a una discussione. ashd


  • 0

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#76 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5948 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 18:12

stando ai commenti su Facebook 

 
Wago, non seguo la pagina Facebook di Ondarock, credo di far male visto che sicuramente ci sono robe da ridere e non nego che questo gruppo sia seguitissimo dalle cariatidi rock, ma non ne vedo nemmeno un problema così degradante per loro, innanzitutto perché questo atteggiamento frena qualsiasi pretesa di ricerca che loro posso fare oltre il loro orticello, e da chi scrive e divulga musica mi sembra un bel fallimento, e secondo esistono una fetta enorme di gente che continua e continuerà ad ascoltare Radio Capital e fregarsi zero della scena musicale attuale. Saranno dei cagnolini ben addestrati ai bordoni di basso e alle melodie elementari però almeno fanno uno sforzo che in Italia è già ammirevole.
Io prenderei ad esempio il primo posto in Uk, il dodicesimo in Italia (per me risultato notevole ma potrei sbagliarmi) e al credito sempre crescente che hanno in america.

Hanno dei difetti, limiti alla lunga distanza ma non finirei a scrivere cose come: 
 

Onesti ma mai un guizzo, una trovata, una capriola, una piroetta, poco o nulla oltre il compitino.

 
YAWN

 

Tra l'altro ormai gli utenti stessi ammettono le proprie colpe, siamo tutti consapevoli della degenerazione incombente: vecchi, revivalisti, nostalgici,malinconici, ecc, tutti difetti diffusi tra gli adulti per i quali non mi stupirei più di tanto, mi stupirei di più del contrario[/size]


Anche gli adolescenti che smaniano per una reunion dei The Smiths e li usano per film, serie tv sono vecchi dentro. Poracci, come li abbiamo ridotti.


  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#77 Ugo il re del judo

Ugo il re del judo

    direttore della scelta delle pietre miliari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1427 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 18:12

 

Possono essere analisi interessantissime ma sarebbero da fare nei topicc dedicati, dove ci sono utenti in grado di partecipare

 

Boh, io fossi un utente ics di Ondarock mi sentirei anche un po' offeso dal sentirti dire preventivamente che non sono in grado di partecipare a una discussione. ashd

 

 

beh, mi pare che non tutti siano in grado di individuare il pubblico medio di questo o di quel disco, anche perché le autoanalisi sono difficili: chi apprezza fortemente gli Interpolli o i Fontaines, difficilmente è in grado di vederne i difetti

 

e queste analisi, che spesso si spingono su aspetti sociali/psicologici (????), richiedono un certo tempo e una certa voglia, non è solo una questione di essere più o meno capaci; e l'ascoltatore medio nemmeno è disposto a sentire 300 dischi alla settimana per poi mettersi a creare delle categorie in cui infilare gli appassionati, di solito preferisce stare nel suo e spendere il tempo per i propri ascolti

 

è un atteggiamento sbagliato? da vecchi? da nostalgici? certamente sì ma il forum e la realtà sono così, in gran parte, per fortuna ci sono degli illuminati che sono oltre questa mediocrità diffusa

 

aggiungo una considerazione: questi calderoni di moda vengono creati dalla stampa, chi ha il tempo di entrare nel dettaglio spesso scopre che ci sono grandi differenze, come per ogni genere, fare un minestrone unico ha poco senso perché le band sono tantissime e non credo che gli ascoltatori siano degli automi che gridano al miracolo ogni volta che esce un disco di new new wave

 

tra l'altro, avessi mai visto gli analisti della musica, scrivere pagine e pagine sull'ascoltatore medio dei propri dischi; i cliché sono una costante ma chi ci è dentro fatica a vedersi come una delle tante bandieruole 


  • 0

#78 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21120 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 05 maggio 2022 - 18:15

Moh, a me le minchiate sembrano le ripicche incrociate, gli "è colpa tua se"; ora vedo di là pure i messaggi passive-aggressive "in stile" comunicazione-tossica-che-ha-ormai-distrutto-il-forum (e che invece sicuramente daranno un contributo superpositivo al clima).

Finché si scrive a me pare che questa musica sia sopravvalutata - a me no, ti spiego - no guarda hai detto una scemenza perché A B C a me pare la discussione sia del tutto ok. Peraltro in genere anche attinente alle questioni strettamente musicali da cui invece con la deriva polemica delle ultime pagine si è un bel po' deragliati.

Peraltro Lassi sbaglio o anche a te fregancazzo dei Fontaines DC? Insomma, perché mo' sei qui a chiedere di lasciare il thread sgombero dalle analisi criptosociologiche, non mi pare che senza suddette analisi la discussione ti avrebbe coinvolto particolarmente. Magari sbaglio.

 

Ciò posto mi permetto di proseguire perché senz'altro allontanerò gli utenti medi (categoria che è un'invenzione completa di chi sta soffiando sul fuoco) ma mi pare ci siano degli spunti interessanti:

 

wago, il rock & dintorni come musica conservatrice ci puo' stare ma a quel punto viene meno appunto la necessita di applicare l'etichetta a un genere piuttosto che a un altro. poi ovvio ci sara' sempre l'artista/band "incatalogabile", pero' ecco non vedo perche' non possa appartenere al post punk  piuttosto che al synth pop o cantautorato - per me per dire l'ultimo dei vituperati blackmidi catalogati sotto post-punk e' fra le cose piu' originali degli ultimi anni.

 

No ma infatti, non è che l'etichetta riguardi un genere o un altro; è che a parità di conservatorismo alcuni generi hanno più fortuna in un ambito e altri meno. Da qui il mio discutere di band che esprime i valori musicali della comunità indie/alternative (argomentazione che è prontamente stata appiattita su "gli artisti anziché esprimersi consultano le statistiche sul loro pubblico", vabbè), caratteristica che peraltro secondo me caratterizza anche i black midi — originali, sì, condivido, ma soprattutto molto in sintonia con le direzioni di ascolto di chi apprezza questa scuola postpostpunk. Che è ben contenta di trovare riferimenti ai King Crimson e alla Mahavishnu Orchestra nel loro sound, ma non è che tendenzialmente si strappi le vesti per formazioni che integrino elementi prog, anche quando altrettanto originali come (ne cito una che ha un pedigree abbastanza credibile in ambito indie e mi piace da matti) i Crying. Questo per dire cosa? Che non è semplicemente l'"originalità" o personalità in sé a creare interesse verso alcuni progetti ma anche la capacità di questi di agganciarsi, anche grazie ai meccanismi mediatici, a un opportuno pubblico. Banalità? Sì, ovvio, eppure per qualcuno pare essere offensivo e sconcertante.

 

ci sono paralleli con quello che qualcuno avrebbe potuto dire sui bloc party dal di fuori 15 anni prima, e' un mix di ingredienti gia' usati ma difficile confondere i Fontaines DC per esempio con una qualsiasi delle bande delle varie ondate precedenti (con altre band e' gia' piu' dura magari  asd).

 

Ecco, e anche ricordando i commenti epoca Bloc Party quando scrivo che non li trovo originali (questione per me secondaria ma vabbè) intendo dire esattamente ciò che ho scritto: che io non sono capace di vederci l'originalità. Come chi al tempo accusava le band nu wave di non avere mezza idea (ora penso sia evidente che alcune non solo avevano idee ma anche stilisticamente erano poco accostabili alla wave-punto-e-basta). Non ho dubbi che qualcuno più sul pezzo di me saprà sbugiardarmi e sotto sotto era quello che mi aspettavo, invece si è preferito partire coi "questa è psicologia non musica" e non ribattere sul punto, che appunto immagino essere tranquillamente smentibile (anche solo osservando cosa rende particolari i pezzi di questo disco — dei quali a dire il vero sono quello che ha scritto più estesamente finora in questa discussione, fatto abbastanza buffo).


  • 0

#79 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25714 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 18:17

 e non credo che gli ascoltatori siano degli automi che gridano al miracolo ogni volta che esce un disco di new new wave

 

Beh, guarda solo su Rateyourmusic che ondate che si generano. Quello che spesso si fatica a capire è che ragionare per massimi sistemi non significa dare della capra a te (te in senso di qualunque ascoltatore nello specifico). 

"Questo disco ha questo target" (cosa molto spesso fattuale) non - sottolineo, non - significa "Ma che ti piace? A cojone!". 


  • 0

RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

7 ottobre 2020, il più grande esperto di tennis del forum su Sinner al Roland Garros:

 

Tra due anni torniamo per vincere.

#80 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8884 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2022 - 18:21

Taci che fai parte del target e anche del pubblico medio


Io mi conto fra i giovani non nostalgici
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq