Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Appunti di Guerra


  • Please log in to reply
286 replies to this topic

#41 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6131 Messaggi:

Inviato 06 dicembre 2006 - 18:32

Ho solo riportato...non sono certo quello che stravede per le organizzazioni internazionali,sovranazionali o altro di quel genere.Anzi, mi ispirano diffidenza a prescindere.
  • 0

#42 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6131 Messaggi:

Inviato 07 dicembre 2006 - 10:15

Poi c'è di meglio....

"Blair d'accordo con Gates: Non stiamo vincendo la guerra in Iraq"

http://www.canisciol...ticle&sid=19054


Vabbeh dai....c'hanno provato ed è andata male....che ci vuoi fare !?
Rimarrà tanta fame,tanto caos socio-economico,il controllo dei pozzi,e metà delle croci bianche di Omaha Beach.
Se qualcuno è stato in grado di tener conto dei morti irakeni,invece,ha la mia completa ed incondizionata ammirazione.
  • 0

#43 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 22 febbraio 2007 - 16:20

chissà se c'è qualche collegamento tra questo:

Blair annuncia l'inizio del ritiro dall'Iraq

http://www.corriere..../21/blair.shtml

e questo (da euronews):

Regno Unito, il principe Harry parte per l'Iraq
22/02 13:55 CET

E' ufficiale: il reggimento del principe Harry sarà inviato in Iraq per 6 mesi. La decisione è stata annunciata dal ministro della difesa Des Browne che ha fornito i dettagli della prossima rotazione di truppe. Terzo nella linea di successione alla nonna, la regina Elisabetta, Harry è destinato a essere il primo membro della famiglia reale a operare in una zona di guerra dopo lo zio, principe Andrea, che ha fatto il pilota di elicottero durante il conflitto delle Falklands nel millenovecento ottantadue.

L'unità di cui fa parte Harry sarà inviata nel sud dell'Iraq, una zona non violenta come la capitale Baghdad, ma comunque a rischio.


oppure è soltanto una divertente (?) coincidenza.

#44 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7508 Messaggi:

Inviato 23 febbraio 2007 - 11:09

Londra: «Temiamo attacco Usa contro Iran»

http://www.corriere....o/23/iran.shtml
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#45 Guest_galway_*

Guest_galway_*
  • Guests

Inviato 24 febbraio 2007 - 11:26

Gli Usa non rinunciano alle 'cluster bomb'
respinta la proposta di messa al bando


link repubblica.it

#46 Communism is gay

Communism is gay

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 5 Messaggi:

Inviato 01 marzo 2007 - 09:08

E' a causa dei confini che c'è la guerra e i confini sono solo immaginari.
  • 0

#47 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7508 Messaggi:

Inviato 05 marzo 2007 - 10:38

E in Afghanistan continuano le stragi di civili. La guerra diffusa e infinita finalizzata al nulla se non alla guerra stessa, un "nemico" da combattere a tempo indefinito, un nemico che non si sa più quale sia, se il "terrorista", i "terroristi" o oramai tutta il gruppo delle collettività. Il fallimento di una liberazione nella quale i liberatori a tempo indefinito diventano giorno dopo giorno i nemici da odiare e da combattere. Uno stato "liberato" che non esiste, piegato nel sangue tribale delle violenze private dove tutte le distinzioni (se mai ci sono state) scemano.
L'alibi ridicolo dell'approssimazione, dell'errore continuo che muore di fronte all'assenza di una prospettiva di futuro. Il futuro unico del "mandiamo più truppe", "in primavera vinceremo". La politica della "vittoria". Su chi, su cosa, perché, non si capisce più.
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#48 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6131 Messaggi:

Inviato 06 marzo 2007 - 18:54

Anniversario....

Belgrado sanguina ancora


Otto anni fa, nella feroce primavera del 1999, il 23 marzo, gli atlantici, gli anglo-americani e i loro caudatari, governo italiano del ??pacifista? D??Alema compreso, portarono la guerra nel cuore della nostra Europa, bombardando Belgrado e la Serbia storica del Kosovo-Metohja.
I media dell??Occidente, imboniti dai loro fornitori di veline d??oltreoceano, giustificarono l??intervento - che rendeva carta straccia tutte le solenni dichiarazioni costituzionali di ??ripudio della guerra?, come quella italiana o dell??Onu - in ??difesa dei diritti umani? della comunità etnica albanese kosovara della quale i serbi -dichiaravano gli atlantici- stavano facendo strage.
In realtà autori delle fosse comuni, delle stragi, della distruzione delle radici culturali (serbe e greco-ortodosse) di quella provincia, erano i terroristi albanesi dell'U?K (Ushtria ?lirimtare e Kosovës, il cosiddetto "Esercito di liberazione del Kosovo"), finanziati dagli Usa e dai traffici di schiave del sesso, di armi e di stupefacenti.
Come cercherà di non prendere atto questo lunedì 5 marzo il Tribunale fantoccio dell??Aja davanti al quale è imputato di crimini di guerra Ramush Haradinaj, già comandante dell??Uck appoggiato dalla Nato e dall??Onu durante l??aggressione alla Serbia e poi fatto diventare, dagli occupanti atlantici, il ??premier? del ??Kossovo albanese?.
Una entità statale inesistente (il Kosovo Metohja è ancora una provincia serba), creata attorno ad una falsa capitale, Pristina, dagli aggressori occidentali e dal loro braccio diplomatico onusiano, il finlandese Martti Ahtisaari.


Ugo Gaudenzi

  • 0

#49 *alessandro*

*alessandro*

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2540 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 07 marzo 2007 - 14:18

Inviato di Repubblica sequestrato in Afghanistan

http://www.repubblic...arzo/index.html
  • 0
ex "victor"

#50 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 24 marzo 2007 - 10:48

ecco un'anteprima di come verrà creato il casus belli che porterà all'attacco contro l'iran:

http://www.corriere....catturati.shtml

una variazione sul tema "soldati israeliani catturati in territorio... ?", e ovviamente tutti i nostri fedeli e leali mezzi d'informazione ci fa(ra)nno credere a una violazione territoriale da parte dei cattivoni.

#51 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 14 giugno 2007 - 11:45

e uno:

http://www.peacerepo...idc=&idart=8143

e due:

http://www.corriere....aerei_usa.shtml

notare come la cloaca-corriere cerchi di suscitare il nostro orgoglio nazionale: adesso ci sarà anche un po' di italia, nelle bombe americane che cadranno sulla testa di poveri stronzi innocenti.

#52 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 02 luglio 2007 - 10:02

L'incursione delle forze col mandato Onu: 80 morti, donne e bimbi tra le vittime

http://www.repubblic...bul-civili.html

#53 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6131 Messaggi:

Inviato 05 luglio 2007 - 11:27

Quando sembra che si paghi poco per debellare i tiranni della terra.


Mistero uranio impoverito: la storia infinita

| Sabato 30 Giugno 2007 - 4:12 | Tatiana Genovese |

Un nuovo documento sull??Uranio Impoverito, dedicato a ??coloro che sono morti perché ignoravano un pericolo che altri conoscevano?, perché ??ognuno di loro non è solo un numero, ma ha un nome e gli appartiene un briciolo di storia?. Sono queste alcune frasi che sintetizzano ??Il libro nero sul presunto killer?, l??ultima fatica di Franco Accame, presidente dell??Anavafaf, l??associazione che tutela le vittime arruolate nelle Forze dell??Ordine e i familiari dei caduti.
Presentato a Roma nella splendida cornice della nuovissima Casa del Cinema, presso Villa Borghese, il libro in realtà è stato fatto ??con mezzi di bordo?, come ha scritto lo stesso autore, e forse per tale motivo ancora non ha una vera e propria conformazione editoriale, ma è solo un insieme di fotocopie rilegate tra loro. Questo però nulla toglie al contenuto del testo, il primo in cui vengono elencati i nomi dei 50 militari morti per sospetta contaminazione da uranio impoverito.
Accanto ai nomi dei deceduti è specificato il ruolo o il grado che ricoprivano nelle forze armate, la data del decesso, le cause cliniche, il luogo d??impiego e quello di provenienza (nord, sud o centro Italia). Da questa tabella già emergono i primi dati importanti. Il primo di sicuro interesse riguarda proprio la provenienza dei militari, su 50 infatti, 33 vivevano nel Sud Italia; dato questo apparentemente irrilevante, ma che, riflettendo sugli alti numeri della disoccupazione nel Meridione, fa pensare a quanti di questi giovani abbiano deciso di arruolarsi nelle finte ??missioni umanitarie? in prospettiva di un elevato guadagno.
L??altro dato riguarda le patologie, se infatti generalmente chi si occupa di uranio impoverito ha sempre ricondotto il suo possibile utilizzo alla sola nascita di leucemie o del Linfoma di Hodgkin, scoprirà, analizzando la tabella, che esiste un numero sempre crescente anche di tumori cerebrali riconducibili alla contaminazione dal materiale radioattivo.
Altro ed ultimo dato interessante attiene al luogo d??impiego dei militari, luogo che non riguarda solo le missioni all??estero, ma anche, in ben dieci casi, i poligoni sparsi sul territorio italiano: quelli sardi di Salto di Quirra, di Perdasdefogu, di Capo di Frasca, di Capo Teulada e quello friulano di Dandolo. In questi poligoni non si svolgono solo operazioni militari (e quindi sotto il controllo delle autorità militari), ma anche sperimentazioni di ditte civili, molto spesso appartenenti a Paesi non appartenenti alla Nato, ma soprattutto sconosciute. Sperimentazioni che, in larga parte, sfuggono al controllo militare, ma anche civile-istituzionale, in quanto queste ditte si rifiutano di fornire rapporti sulle loro attività, decretando un ulteriore stato di vassallaggio dell??Italia.
Anche perché alla fine i militari che durante questi esperimenti, magari estraggono i bossoli di uranio a mani nude, sono italiani.
Comunque i dati riportati in tabella si riferiscono solamente a i casi in cui si è ritenuto che esistesse un più che sufficiente grado di probabilità che la malattia in questione potesse dipendere da uranio impoverito, cioè da contatti ??intensi? per quanto concerne le dosi del materiale radioattivo assunto dai singoli.
Il pericolo è infatti correlato alla vicinanza (spazio-temporale) dalla zona colpita. Ma bisogna anche sottolineare che esiste anche il rischio derivante dal maneggio dell??uranio impoverito; rischio che talvolta è dimenticato. E questo è il caso di tutti i militari che operano, lontano da zone colpite, come l??Italia, che prestano magari servizio in un??officina o in un deposito in cui sono stati collocati materiali che possano essere stati affetti da polveri del materiale radioattivo.
Sempre come riportato nel libro, oltre ai casi presenti in tabella, ci sono poi diversi casi di morte sospette ricollegabili all??uranio impoverito. Per un??esatta determinazione dei dati, sarebbe infatti necessario poter disporre dei documenti matricolari del personale, attestanti lo stato del servizio e le destinazioni ove tale personale ha operato. Bisognerebbe inoltre poter visionare le cartelle cliniche per stabilire con certezza il tipo di patologia riscontrata. Ma tranne in rari casi, coloro che si occupano di queste ??morti sospette?, non sono in possesso di questi dati. Dovrebbe essere compito del Ministero della difesa, per quanto attiene ai militari, e agli altri Ministeri, sotto la cui insegna ha operato il personale dei Corpi Armati dello Stato e di quelli equiparati ad essi, fornire tali documenti, magari alla Commissione d??inchiesta Parlamentare. Ma questo evento si verifica con estrema rarità e anche molti dati contenuti nei documenti lasciano non pochi dubbi.
Ma, come ribadito più volte, ci sono anche molti altri casi di cui si è occupato, Accame, riferibili alla contaminazione di uranio impoverito ma che vengono completamente trascurati, anche dalle stesse Commissioni d??inchiesta parlamentari. Si tratta ad esempio dei casi di malformazione alla nascita di bambini. Una problematica non prevista dagli ??ordinamenti vigenti? che non prendono in considerazione i danni indirettamente causati alla prole. I casi di malformazioni però esistono e per questa sorta di ??infortunio indiretto?, di cui nel libro si fa solo accenno a due casi per motivi di privacy, il presidente dell??Anavafaf richiede una modifica alla legislazione vigente e una revisione degli studi sinora sviluppati in materia, come quelli effettuati dalla Commissione Mandelli.
Di seguito nel libro vengono trattati quei casi, di cui poco si sa, di personale contaminato al di fuori dell??ambito militare. Come i nove vigili del fuoco colpiti da melanoma, o quelli di alcuni agenti dalla polizia forse contaminati. Per tutti questi casi Accame ha ribadito come i ministeri a cui faceva capo questo personale non hanno fornito sufficienti informazioni.
Infine il testo dedica uno spazio a tutti i civili coinvolti nelle zone dove sono state gettate armi all??uranio impoverito: le popolazioni della Somalia, dei Balcani, dell??Iraq e dell??Afghanistan; perché anche a loro ??è destinato questo documento d memoria che vuole anche non dimenticare l??ambiente e tutte le forme di vita che in esso si sviluppano?.
Senza dimenticare poi tutti quei casi di morte per possibile contaminazione da uranio impoverito che sono rimasti del tutto sconosciuti, sia perché i decessi non erano stati collegati dalle stesse vittime alla possibilità che fossero ricollegabili all??elemento radioattivo, sia per la scarsa possibilità da parte delle vittime di rendere noti questi casi attraverso mezzi di comunicazione, sia per motivi di privacy.


  • 0

#54 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 23 luglio 2007 - 08:02

Bush Executive Order: Criminalizing the Antiwar Movement

The Executive Order entitled "Blocking Property of Certain Persons Who Threaten Stabilization Efforts in Iraq" provides the President with the authority to confiscate the assets of whoever opposes the US led war.

http://www.globalres...ext=va&aid=6377

"Apart from a bland Associated Press wire report, which presents the executive order as "an authority to use financial sanctions", there has been no media coverage or commentary of a presidential decision which strikes at the heart of the US Constitution."

#55 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7508 Messaggi:

Inviato 30 luglio 2007 - 15:19

Rice annuncia la vendita di armi a Egitto e Israele

Il segretario di Stato americano, Condoleezza Rice, ha annunciato oggi una serie di accordi militari con diversi Paesi del Medio Oriente, tra cui Egitto, Israele, Arabia Saudita e altri suoi alleati del Golfo Persico.

In una dichiarazione diffusa prima di partire alla volta di Sharm-El-Sheik per il primo degli incontri che, insieme al segretario alla Difesa, Robert Gates, avra' in settimana in Medio Oriente, la Rice ha precisato che gli Stati Uniti si sono accordati con Israele per una vendita di armamenti del valore di 30 miliardi di dollari in 10 anni, "per assicurare a Israele la capacita' di difendersi".

Gli Usa - ha aggiunto Condoleezza Rice - hanno "anche cominciato una serie di trattative" per un analogo accordo di "assistenza militare" con l'Egitto (valore complessivo della partita, 13 miliardi di dollari in dieci anni) per "rafforzare la capacita' dell'Egitto di far fronte a obiettivi strategici condivisi".

Condoleezza Rice ha infine aggiunto che il suo viaggio in Medio Oriente e' finalizzato ad incontrare i Paesi alleati del Golfo "per aiutare a rafforzare la loro capacita' difensiva", confermando cosi' implicitamente la notizia - anticipata nei giorni scorsi dai alcuni media americani - secondo cui l'amministrazione Bush avrebbe in programma una megavendita da 20 miliardi di dollari in forniture militari all'Arabia Saudita e agli altri Paesi alleati del Golfo.

"Su questi temi - ha detto la Rice - abbiamo intenzione di avere confronti ravvicinati sia con il Congresso, sia con i nostri alleati".

20+20+13 fanno 53 miliardi di dollari in 10 anni. 5,3 miliardi di dollari l'anno, 10 mila miliardi delle vecchie lire, un terzo di finanziaria italiana. Ma serve a rafforzare la cosiddetta "capacià difensiva", quindi stiamo tranquilli, è solo economia che gira e finchè c'è "difesa" c'è speranza...

http://www.rainews24...sp?newsID=72423
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#56 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 13 settembre 2007 - 08:40

Media confirms Israel attacked Syria

Damascus sent a letter to UN Secretary-General Ban Ki-moon warning that the international community's failure to censure Israel over the intrusion would ??place the region as well as the peace and security of both countries in the face of uncontrollable tragedies.?

http://www.israeltod...d=178&nid=14037


US confirms Israeli air strike on Syria

A US official has confirmed that Israeli warplanes carried out an air strike "deep inside" Syria, escalating tensions between the two countries.

http://www.telegraph.../wisrael112.xml

#57 Pierrot le fou

Pierrot le fou

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 645 Messaggi:

Inviato 13 settembre 2007 - 08:51

Media confirms Israel attacked Syria

Damascus sent a letter to UN Secretary-General Ban Ki-moon warning that the international community's failure to censure Israel over the intrusion would ??place the region as well as the peace and security of both countries in the face of uncontrollable tragedies.?

http://www.israeltod...d=178&nid=14037


US confirms Israeli air strike on Syria

A US official has confirmed that Israeli warplanes carried out an air strike "deep inside" Syria, escalating tensions between the two countries.

http://www.telegraph.../wisrael112.xml


che fine hanno fatto quelli che reputavano normale l'attacco del libano in seguito alla cattura di 2 soldati israeliani?
  • 0

#58 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 16 settembre 2007 - 17:28

Nucleare, rivelazione dagli Usa: "In Italia 90 bombe atomiche"

ROMA - Lo vieta la legge e in più occasioni in passato lo ha dichiarato anche il governo, ma l'Italia è un paese nucleare. A rivelarlo è uno studio americano, secondo il quale sul territorio italiano ci sono 90 bombe atomiche statunitensi. Una presenza della quale si parla molto poco, ma che ha un peso strategico importante negli equilibri internazionali. Sul tema sono intervenuti alcuni esponenti di Rifondazione, che stanno anche promuovendo una raccolta di firme. (...)

Tra Italia e Stati Uniti esisterebbe anche un accordo segreto per la difesa nucleare, rinnovato dopo il 2001. William Arkin, un esperto dell'associazione degli scienziati nucleari, ne ha rivelato recentemente il nome in codice: "Stone Ax" (Ascia di Pietra). Le bombe atomiche in Italia sono di tre modelli: B 61-3, B 61-4 e B61-10. Il primo ha una potenza massima di 107 kiloton, dieci volte superiore all'atomica di Hiroshima; il secondo modello ha una potenza massima di 45 kiloton e il terzo di 80 kiloton.

Il governo di George Bush ha ribadito molte volte di non escludere l'opzione nucleare per rispondere ad attacchi con armi biologiche o chimiche ed ha avviato la produzione di bombe atomiche tattiche di potenza limitata, non escludendo di servirsene contro i Paesi considerati terroristi. Almeno due di questi, Siria e Iran, si trovano nel raggio dei bombardieri di stanza in Italia. (...)

articolo di repubblica

#59 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18568 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 16 settembre 2007 - 18:44

The Sunday Telegraph: Bush prepara l'America alla guerra con l'Iran

"[...] Senior officials believe Mr Bush's inner circle has decided he does not want to leave office without first ensuring that Iran is not capable of developing a nuclear weapon [...] The vice president is said to advocate the use of bunker-busting tactical nuclear weapons against Iran's nuclear sites [...] The US also announced the creation of a new base near the Iraqi border town of Badra, the first of what could be several locations to tackle the smuggling of weapons from Iran. [...] The intelligence officer said that the US military has "two major contingency plans" for air strikes on Iran.

"One is to bomb only the nuclear facilities. The second option is for a much bigger strike that would - over two or three days - hit all of the significant military sites as well. This plan involves more than 2,000 targets.""

http://www.telegraph...16/wiran116.xml
  • 0

#60 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:
  • LocationUdine, Padova

Inviato 16 settembre 2007 - 23:32

Bernard Kouchner parla alla radio e chiede sanzioni europee a Teheran
"Bisogna prepararsi al peggio, ma intanto negoziamo fino alla fine"

Iran, il ministro degli Esteri francese
[size=15pt]"Sul nucleare il mondo rischia la guerra"

PARIGI - Il ministro degli Esteri francese Bernard Kouchner parla del programma nucleare dell'Iran e lancia un profezia che fa rabbrividire: "Il mondo deve prepararsi al peggio...cioè alla guerra". In un'intervista ad una radio l'esponente del governo Sarkozy chiede alla comunità internazionale di far capire al regime degli ayatollah che la situazione è seria. "Ai piani ci pensano gli stati maggiori - ha detto Kouchner - ma non è per domani. Intanto facciamo capire a Teheran che non accetteremo che questa bomba sia costruita. Servono sanzioni più efficaci". La Francia, dal canto suo ha già inziato a prendere delle iniziative.

"Noi - ha proseguito il ministro - abbiamo già chiesto ad un certo numero di grandi imprese di non investire in Iran. E non credo che siamo i soli ad aver fatto ciò". Kouchner chiede ai partner europei, come già chiesto dalla Germania, di pensare a delle sanzioni "che si aggiungano a quelle dell'Onu". Anche perché avvisa: "Se Teheran si dota dell'arma nucleare sarebbe un pericolo per tutto il mondo".

(16 settembre 2007)



  • 0

the music that forced the world into future





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq