Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Cinema vs Letteratura


  • Please log in to reply
179 replies to this topic

#21 Pickpocket

Pickpocket

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 663 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2006 - 20:25



Con chi ce l'hai?
Così so se devo replicare..


Ce l'ho con Jazzer, ma se non sei d'accordo con quanto detto da me (leggi ovviamente il suo intervento che non ha niente a che vedere con il tuo) gradirei comunque una tua risposta.


No allora non replico...tanto più che il tuo intervento si concilia perfettamente col mio..


Bene.
  • 0

#22 MissWisteria

MissWisteria

    fottuta di malinconia

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1235 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 04 settembre 2006 - 20:40

Effettivamente nella maggior parte dei casi si verifica una di queste due ipotesi: o il film è superiore o è inferiore all'opera letteraria da cui è tratto.
Cosa lo rende superiore od inferiore?
Cosa invece porta ad un equilibrio perfetto tra le due espressioni?

Credo ciò si abbia quando si può percepire dall'espressione cinematrografica la comprensione del senso dell'opera letteraria da parte del regista o degli autori che può portare ad una riproduzione fedele di tale senso, ad un rimaneggiamento o ad un totale stravolgimento di esso. Poi subentra anche la valutazione dal punto di vista estetico e del puro gradimento.

Un caso di perfetto equilibrio, a mio avviso è Jules et Jim di Truffaut.
  • 0
People I see just remind me of mooing like a cow on the grass,and that’s not to say that there’s anything wrong with being a cow anyway, but people are people with the added advantage of the spoken word. We’re getting on fine but I feel more of a man when I get with the herd.

#23 botty

botty

    ask me about intersectionality

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5555 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2006 - 21:13

Alta fedeltà ... Traspotting ... Brokeback mountain

E viva le edizioni feltrinelli!


Scusate l'off topic, ma che io sappia nessuno di questi libri è stato pubblicato da Feltrinelli!! :o
  • 0

I aim to misbehave


#24 Debord

Debord

    Everyday people

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 243 Messaggi:
  • LocationMarche

Inviato 04 settembre 2006 - 21:47

Film molto meglio del libro: "Fight Club" (adoro Palanhiuk ma forse quello è il suo libro peggiore, che comunque avrà venduto più di tutti proprio grazie al traino del bel film di Fincher, più profondo e diretto della carta stampata, entrato ormai di diritto nell'immaginario collettivo).
  • 0

#25 Panfilo Maria Lippi

Panfilo Maria Lippi

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3098 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2006 - 22:02

il Club Dumas di Arturo Perez Reverte che diventa La nona porta di Roman Polansky mi ha strappato più di un sorriso e più di un imprecazione. Il libro mi è piaciuto molto (anche se non amo i trhiller) sia per i personaggi (tutti molto interessanti) che per il particolare intreccio e il modo interessantissimo e inusuale (almeno per me) di trattare anche l'argomentazione satanica. Nel film sono stati fatti dei tagli (il che di per se' è comprensibile, ma non in questa misura) veramente allucinanti. POSSIBILE ANZI QUASI CERTO SPOILER: innanzitutto viene eliminata tutta la parte dell'intreccio su Dumas e i tre moschettieri che dava al romanzo alla fine uno dei suoi significati più importatni nell'elogio della narrativa di pura fiction oltre ad offrire degli spunti interessantissimi; e poi tutti i raffazzonamenti per aggiustare la trama senza quest'elemento sono a dir poco ridicoli (la scena della setta satanica è quasi esilarante). Inoltre vengono tagliati o modificati in maniera deprecabile alcuni dei personaggi fondamentali: Flavio La Ponte diventa l'innocuo Walter o Wally o non ricordo cosa che per altro muore alla seconda scena (altra cosa: nel libro ci sono pochissime morti mentre nel libro i cadaveri abbondano). Sorvolerò sul fatto che La vedo TEllfer (o come minchia si scrive) me la immaginavo molto più patana e passerò direttamente alla cosa peggiore della trasposizione, la figura di Irene Adler: nel libro è un personaggio delizioso e la cosa è soprendente visto che si tratta del diavolo, trattato in maniera veramente unica (ispirata forse solo a "Il diavolo innamorato" di cui nel libro si fa menzione); nel film la parte viene affidata a Michelle Seigner che pur essendo una bellissima donna è molto più "canonica" come diavolo, non so se riesco a spiegarmi: ha quegli atteggiamenti inquietanti che uno si aspetta tranquillamente da un personaggio satanico (cosa invece del tutto assente nella Adler del libro, e qui sta una delle particolarità principali). Inoltre viene completamente traslata la scena in cui lei e Corso (alla fine il personaggio reso meglio: anke perchè non fa altro che bere gin a qualunque ora del giorno e della notte) scopano: nel libro è un esilarante descrizione delle difficoltà erettili del protagonista (il tutto paragonato alla battaglia di Waterllo: geniale!), e nel film diventa un allucinante amplesso demoniaca sullo sfondo di un castello che brucia (!!!). Inoltre la decisione finale di Corso di compiere il rituale demoniaca nasce praticamente dal nulla senza che vi sia alcuna evoluzione nel personaggio che la faccia anche solo intuire.
Peccato perchè da Polanski ci si poteva aspettare di meglio.
  • 0

#26 Guest_LoriVarney_*

Guest_LoriVarney_*
  • Guests

Inviato 04 settembre 2006 - 23:13

Un esempio di equilibrio l'ho trovato in Stand By Me.
Forse e' addirittura meglio il film, data la stupenda fotografia e l'atmosfera in generale, le coinvolgenti prove dei giovani attori, ed anche una colonna sonora azzeccata. Ed e' un film che non invecchia mai.

#27 DerekForeal

DerekForeal

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 45 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2006 - 02:17

Film molto meglio del libro: "Fight Club" (adoro Palanhiuk ma forse quello è il suo libro peggiore, che comunque avrà venduto più di tutti proprio grazie al traino del bel film di Fincher, più profondo e diretto della carta stampata, entrato ormai di diritto nell'immaginario collettivo).

Hai letto anche Survivor e Invisible Monster di Palanhiuk?
Se la risposta è si come fai a dire che Fight Club sia il libro peggiore scritto da Palahniuk?
  • 0

#28 Ejzenstejn

Ejzenstejn

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 98 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2006 - 08:19


Un caso di perfetto equilibrio, a mio avviso è Jules et Jim di Truffaut.


Nel caso di Jules et Jim secondo me il film è superiore al libro. Pur essendo una trasposizione abbastanza fedele, il film arricchisce i personaggi, sarà forse merito della Moreau, non so...

Un altro esempio di film superiore al libro è Solaris di Tarkovskij.

Come esempio "alla pari" mi verrebbe da dire Il pasticciaccio... difficile scegliere tra Gadda e Germi!
  • 0

#29 Debord

Debord

    Everyday people

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 243 Messaggi:
  • LocationMarche

Inviato 05 settembre 2006 - 08:30


Film molto meglio del libro: "Fight Club" (adoro Palahniuk ma forse quello è il suo libro peggiore, che comunque avrà venduto più di tutti proprio grazie al traino del bel film di Fincher, più profondo e diretto della carta stampata, entrato ormai di diritto nell'immaginario collettivo).

Hai letto anche Survivor e Invisible Monster di Palanhiuk?
Se la risposta è si come fai a dire che Fight Club sia il libro peggiore scritto da Palahniuk?


Di Palahniuk ho letto molto, compreso Survivor e Invisible Monster. Sono ancora convinto che Fight Club sia un ottimo libro ma fra i suoi minori, anche se quello di sicuro di maggior successo.
Come faccio a dirlo? Beh, son gusti, Survivor ad esempio mi ha attaccato alle pagine, l'ho divorato credo in due giorni, Fight Club l'ho trovato più "spezzato", irrisolto, stancante ed un filo ampolloso.
Fincher nel film invece riesce a ridare lustro e vivacità alla pagina scritta.
  • 0

#30 grivs

grivs

    ---o<-<

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7827 Messaggi:
  • Locationale, i'vorrei che tu e pierpinky e io

Inviato 05 settembre 2006 - 10:44

Pur non essendo l??esatto rifacimento del libro, Apocalypse Now amplia e approfondisce le tematiche di ??Cuore di Tenebra? scritto da Conrad, inserendole a perfezione nel contesto della guerra del Vietnam.

Ave a Coppola

  • 0
[0:08] webnicola: allora facendo una media di 80 anni e cagando 300 gr al giorno (siamo italiani dai caghiamo di piu) cachiamo 8,7 tonnellate in una vita quindi [0:09] webnicola: possiamo teorizzare che nella propria vita fa un peso di merda [0:10] webnicola: circa 100 volte il proprio peso [0:10] webnicola: cmq sostanzialmente in un anno circa si caga il proprio peso quindi potresti farti un amico di merda e nel tiro alla fune si sarebbe pari

[webnicola]: io [mi aspettavo] che si dimettesse subito o che non si dimettesse. tipo "resisto è stata solo un colpo di testa dei miei uomini" e l'assalto alla camera sfasciata e qualche cranio rotto, gente che caga dentro la testa di cicchitto morto, cose così

oggi ho combattuto come un toro. ho il cuore sfiancato. sento che stanno crollando le mura DI QUESTA BABILONIA PRECRISTIANA! vinceremo! Cit. Ale

webnicola: non sto leggendo. mi state facendo venire la colite

gli butto lì un "rizoma" così mi si bagna


#31 scirocco

scirocco

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2016 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2006 - 12:02

Mi viene in mente Almost blue di Lucarelli. Romanzo MERAVIGLIOSO (soprattutto alcune poetiche descrizioni di Bologna, dei suoi portici e dei suoi vicoli), film terribile (nonostante la magnetica Lorenza Indovina) che elimina proprio le sfumature migliori del testo (quelle più psicologiche e sottili) a favore, secondo me,  di una banale trama da thriller di seconda mano, patinatissimo e confezionato come uno spot pubblicitario.
  • 0

#32 Guest_Cannibal Ox_*

Guest_Cannibal Ox_*
  • Guests

Inviato 05 settembre 2006 - 16:30

Ciao a tutti,
faccio parte ormai da tempo della "maggioranza silenziosa", che si limita a leggere il forum annotandosi su un block notes i gruppi possibili da scaricare, insomma, il drammatico utente medio. Rompo il mio silenzio per far notare a tutti come:

1-Ogni film di Kubrick sia tratto da un libro o racconto, tranne 2001, la cui sceneggiatura è però stata scritta a 4 mani con Clarke, che fece uscire il libro in contemporanea (doveva servire da "supporto" alla visione del film, se non ricordo male)

2-Di conseguenza, essendo ogni film di kubrick generalmente considerato un capolavoro nel suo genere (horror-fantascienza-guerra-etc.), ogni suo film è superiore al libro da cui è tratto, tranne nel caso di lolita, dove il film fu però pesantemente limitato dalla censura; e si piazza comunque a livello di capolavoro.

Insomma, tutto questo per dire che, mentre di solito il film sminuisce il libro, o perchè non rende le giuste atmosfere, o perchè taglia troppo alla storia facendo un semplice best of delle scene più yeah! del libro, kubrick anche in questo riesce a dare le pannocchie a tutto il mondo del cinema.




#33 oyster

oyster

    none

  • Administrators
  • 333 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2006 - 16:57

Strano che nessuno abbia nominato Blade Runner, rilettura di "Ma gli androidi sognano pecore elettriche?" di Philip K. Dick, come uno dei migliori esempi di trasposizione cinematografica di un libro.
Anche il Giardino di Cemento di Andrew Birkin l'ho trovato ben fatto e all'altezza del libro.
  • 0

#34 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22335 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2006 - 17:09

Dunque...

Ho aperto il thread dopo aver finito uno degli innumerevoli romanzi di Wilbur Smith...alla fine della lettura, visto che il libro è di 15 anni fa, mi sono chiesto come mai ancora nessuno ne avesse fatto un film...

La considerazione che ho fatto l'altro giorno prima di postare qui si basa su una differenza sostanziale fra la cosiddetta letteratura dei giorni nostri in contrapposizione con la letteratura del passato...gli autori attuali scrivono pensando già in funzione di un futuro film, ci sono casi di scrittori abbastanza eclatanti in cui il tenore della scrittura è più simile ad una sceneggiatura per il grande schermo che ad un vero e proprio romanzo...

E' chiaro che limitando le introspezioni e le descrizioni e puntando tutto su ritmo sostenuto e dialoghi fittissimi l'autore moderno dà una grossa mano agli sceneggiatori...è per questo che, secondo me, era molto più difficile trasporre Gadda o Nabokov piuttosto che Grisham o King (o Follett, o Clancy, o la Cornwell o persino Brown)...

Proprio avendo riguardo a molti degli autori dei fantomatici best-sellers americani, a mio avviso più lo stile diventa "dialogato" e meno "ragionato" più le possibilità di azzeccare l'adattamento filmico diventano elevate...

Faccio due esempi molto vicini a noi nel tempo:

1) I legal-thriller di John Grisham hanno trovato spesso un buon adattamento: l'ultimo, soprattutto, La Giuria di Fleder è nettamente più divertente del libro, tanto più che lo scrittore si impigrisce sempre di più e il margine di fantasia concesso agli sceneggiatori aumenta...

2) Dall'altra parte prendiamo un autore contemporaneo più complesso e di statura completamente diversa, Philip Roth...adattare La macchia umana è stata una scelta molto infelice perchè nel film s'è perso tutto il non detto che costituisce l'atmosfera del romanzo...

E così via..
  • 0

#35 Guest_Cannibal Ox_*

Guest_Cannibal Ox_*
  • Guests

Inviato 05 settembre 2006 - 17:16

Dunque...

Ho aperto il thread dopo aver finito uno degli innumerevoli romanzi di Wilbur Smith...alla fine della lettura, visto che il libro è di 15 anni fa, mi sono chiesto come mai ancora nessuno ne avesse fatto un film...

La considerazione che ho fatto l'altro giorno prima di postare qui si basa su una differenza sostanziale fra la cosiddetta letteratura dei giorni nostri in contrapposizione con la letteratura del passato...gli autori attuali scrivono pensando già in funzione di un futuro film, ci sono casi di scrittori abbastanza eclatanti in cui il tenore della scrittura è più simile ad una sceneggiatura per il grande schermo che ad un vero e proprio romanzo...

E' chiaro che limitando le introspezioni e le descrizioni e puntando tutto su ritmo sostenuto e dialoghi fittissimi l'autore moderno dà una grossa mano agli sceneggiatori...è per questo che, secondo me, era molto più difficile trasporre Gadda o Nabokov piuttosto che Grisham o King (o Follett, o Clancy, o la Cornwell o persino Brown)...

Proprio avendo riguardo a molti degli autori dei fantomatici best-sellers americani, a mio avviso più lo stile diventa "dialogato" e meno "ragionato" più le possibilità di azzeccare l'adattamento filmico diventano elevate...

Faccio due esempi molto vicini a noi nel tempo:

1) I legal-thriller di John Grisham hanno trovato spesso un buon adattamento: l'ultimo, soprattutto, La Giuria di Fleder è nettamente più divertente del libro, tanto più che lo scrittore si impigrisce sempre di più e il margine di fantasia concesso agli sceneggiatori aumenta...

2) Dall'altra parte prendiamo un autore contemporaneo più complesso e di statura completamente diversa, Philip Roth...adattare La macchia umana è stata una scelta molto infelice perchè nel film s'è perso tutto il non detto che costituisce l'atmosfera del romanzo...

E così via..


Aggiungo alla lista dei best-selleristi di successo sullo schermo Michael Crichton , con Sfera, Congo e Jurassic Park; più la serie di ER e il 13esimo guerriero, che non ho letto

Tre best seller passabili, buoni per l'estate, due film ciofeche e un classico della mia infanzia (JP, naturalmente).

Andando a memoria, anche questi tre libri erano caratterizzati da dialoghi fittisimi, più le solite descrizioni introduttive iper-tecniche di luoghi e attrezzature, che tanto caratterizzano i best-seller, e che possono tranquillamente essere tagliate nel film senza gravi danni per la storia

#36 whitekross

whitekross

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 156 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2006 - 17:19

Strano che nessuno abbia nominato Blade Runner, rilettura di "Ma gli androidi sognano pecore elettriche?" di Philip K. Dick, come uno dei migliori esempi di trasposizione cinematografica di un libro.
Anche il Giardino di Cemento di Andrew Birkin l'ho trovato ben fatto e all'altezza del libro.


blade runner in effetti è uno di quei film un pò controversi...io lo adoro, ma molti dei puristi di dick sostengono spesso che ridley scott abbia trasformato troppo la trama del libro...e in effetti è così... solo che forse si perde di vista lo "spirito" dickiano che nel film è presente e vivo, di certo come in nessun altro film tratto dai romanzi dello stesso scrittore (vedi l'improponibile Minority Report...)



2-Di conseguenza, essendo ogni film di kubrick generalmente considerato un capolavoro nel suo genere (horror-fantascienza-guerra-etc.), ogni suo film è superiore al libro da cui è tratto, tranne nel caso di lolita, dove il film fu però pesantemente limitato dalla censura; e si piazza comunque a livello di capolavoro.



su arancia meccanica avrei i miei dubbi comunque...il libro è di burgess è fantastico, non ci piove.
anzi secondo me in questo caso si potrebbe dire che i due media corrono accanto senza farsi del male, anzi sorreggendosi a vicenda...anche grazie al genio di kubrick che traforma ogni ripresa, ogni scena e ogni azione del film in un'esperinza per gli occhi, le orecchie e il cervello. se però uno vuole apporfondire le temetiche "morali" della trama allora il libro è insuperabile...e poi quel modo di scrivere è già di per se un capolavoro, tanto che anche kubrick ha pensato bene di non stravolgere lo slang usato dai protagonisti...
  • 0

#37 Guest_Cannibal Ox_*

Guest_Cannibal Ox_*
  • Guests

Inviato 05 settembre 2006 - 18:51



...



su arancia meccanica avrei i miei dubbi comunque...il libro è di burgess è fantastico, non ci piove.
anzi secondo me in questo caso si potrebbe dire che i due media corrono accanto senza farsi del male, anzi sorreggendosi a vicenda...anche grazie al genio di kubrick che traforma ogni ripresa, ogni scena e ogni azione del film in un'esperinza per gli occhi, le orecchie e il cervello. se però uno vuole apporfondire le temetiche "morali" della trama allora il libro è insuperabile...e poi quel modo di scrivere è già di per se un capolavoro, tanto che anche kubrick ha pensato bene di non stravolgere lo slang usato dai protagonisti...


Beh, certo, hai ragione te; il libro di Arancia Meccanica è tra l'altro tra quelli che non  ho letto (a questo punto provvederò, se addirittura approfondisce le tematiche morali + del film). Non avevo intenzione di distruggere i libri da cui sono tratti i film (tra l'altro, doppio sogno è un racconto bellissimo), ma di mostrare come tutti i film idolatrati di kubrick, cioè la quasi totalità, siano tratti da libri o racconti, mai da soggetti originali.
Anche 2001 se è per questo aggiunge molto alla storia, togliendo, secondo me, la poesia del film in cambio di una spiegazione univoca del perchè HAL sbrocchi e che ci faccia un bambino nel cielo alla fine, e diventando un banale libro di fantascienza.

Il fatto è che non toppa di fronte ai capolavori (Lolita, Arancia Meccanica, Doppio Sogno) e trasforma libri scarsi (Barry Lyndon, la sentinella [mi ero dimenticato: racconto alla base di 2001], shining) in capolavori.
E lo fa spesso fregandosene del libro, seguendo si la storia, ma senza ossesioni di verosomiglianza col testo, cambiando finali e sensi della storia; credo che in "Orrizzonti di Gloria" nel racconto i tre addirittura venissero salvati.

I film che provano a riproddure il libro in quanto tale, quasi sempre sono destinati a fallire, a diventare al massimo un "buon film, ma inferiore al libro".Mi viene in mente un bellissimo Moby Dick, caposaldo della programmazione mattutina rai, con Gregory Peck che fa l'Acab migliore della storia; per forza inferiore al libro, cazzo, Moby Dick, centinaia di pagine sull'uomo, il mostro, la natura, eccetera, classico riconosciuto da tutti, come fai a competere con 120 min di immagini?

Se aggiungi il dramma di non riuscire a trasportare i monologhi interiori sullo schermo e di potersi basare solo sull'espressività dell'attore, capisci perchè quasi sempre i grandi romanzi non rendano al cinema, e solo gli scrittori dotati già in partenza di uno "stile cinematografico", molti dialoghi stretti, molta azione, monologhi solo descrittivi e non introspettivi; non credo però che lo "stile cinematografico" (urca! chissà se esiste già come deifinizione, calza a pennello) nasca con l'intento di facilitare la vita agli sceneggiatori e registi;Philip K. Dick secondo me in questo è perfetto: idee geniali, ottime per un cinema sci-fi d'azione o più "riflessivo", molti racconti brevi, già abbondantemente razziati, e una scarsa struttura narrativa, che poco aggiunge all'idea iniziale (secondo me, ovvio, non vorrei iniziare una discussione con un suo fan).

Insomma, a parte paroloni buttati a caso per sembrare più serio, spero di essermi spiegato meglio.

#38 ollivander

ollivander

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 303 Messaggi:

Inviato 19 settembre 2006 - 22:12

Trainspotting nella versione cinematografica perde molto perchè non trasmette le ambientazioni e l'atmosfera create dal libro, anke se ci hanno messo molti effetti speciali superflui.


soprattutto danny boyle non ha minimamente dato spazio a quello che nel libro è un continuo alternarsi di inglese oxfordiano e scotch slang, nei dialoghi come nella narrazione. per non parlare degli adattamenti "perbenistici" fatti per il cinema.

recentemente ho visto le particelle elementari. devo dire che benchè non pedissequamente fedele al libro non mi ha delusa, anzi è riuscito a rendere perfettamente l'amarezza così caratteristica di houellebecq.

stesso discorso applicherei ad arancia meccanica, benchè abbia trovato libro e film 2 cose assolutamente diverse e geniali. il libro fortemente politico il film provocatorio, più violento e comunque bellissimo.
  • 0

#39 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22139 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2006 - 14:44

Anche 2001 se è per questo aggiunge molto alla storia, togliendo, secondo me, la poesia del film in cambio di una spiegazione univoca del perchè HAL sbrocchi e che ci faccia un bambino nel cielo alla fine, e diventando un banale libro di fantascienza.


Banale non direi. In quel libro ci sono delle immagini dello spazio paurose (almeno leggendolo in inglese :)). Anche più emozionanti del film, forse.
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#40 {`tmtd`}

{`tmtd`}

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7074 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 27 settembre 2006 - 14:50

credo che la migliore trasposizione cinematografica di un libro sia senza dubbio Il Grande Gatsby, con un roberto redford magistrale.
ne parlai approfonditamente in un thread del vecchio forum..
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq