Vai al contenuto


Foto
* * * - - 29 Voti

rassegna stampa


  • Please log in to reply
32063 replies to this topic

#41 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 06 luglio 2006 - 11:28

armare i signori della guerra non è servito, e adesso ci toccherà bombardare questi dannati islamici figli di puttana!

arrrrr  :-X

#42 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 06 luglio 2006 - 16:26

ehi, non starai mica insinuando che...  :)

cosa diceva andreotti?
"a pensare male si fa peccato ma si indovina"... :P

buona serata.
  • 0

#43 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 08 luglio 2006 - 18:23

carità cristiana cercasi:

http://notizie.tisca...08_1084912.html

buona serata a tutte/i.
  • 0

#44 stregaccia

stregaccia

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 928 Messaggi:

Inviato 13 luglio 2006 - 07:41

La Corte suprema annulla la condanna di un giovane di Latina
accusato di aver violentato l'ex fidanzata minorenne
Cassazione: "Stupro non sempre reato
se lei dice sì all'inizio del rapporto"

http://www.repubblic...cassazione.html

Inorridisco sempre a leggere simili sentenze...!!!
  • 0

#45 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 13 luglio 2006 - 10:44

armare i signori della guerra non è servito, e adesso ci toccherà bombardare questi dannati islamici figli di puttana!

arrrrr  :-*


Tu sei un pazzo squilibrato. Mi fai paura.

#46 virginia wolf

virginia wolf

    apota

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6639 Messaggi:

Inviato 17 luglio 2006 - 18:49

Un articolo intelligente che mi auguro leggano in molti.

Adriano Sofri: "Cari pacifisti, basta sciocchezze"

  • 0
Penso a come contiamo poco, come tutti contino poco; com'è travolgente e frenetica e imperiosa la vita, e come tutte queste moltitudini annaspino per restare a galla.

#47 stregaccia

stregaccia

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 928 Messaggi:

Inviato 20 luglio 2006 - 08:04

http://www.repubblic...nova/index.html

Per non dimenticare
  • 0

#48 MrsKowalski

MrsKowalski

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 66 Messaggi:

Inviato 20 luglio 2006 - 08:50

http://www.corriere..../20/sAl0m.shtml

sarò ingenua, ma a me sto genere di provvedimenti fa venire i granetti!
  • 0

#49 pippokennedy

pippokennedy

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 131 Messaggi:

Inviato 20 luglio 2006 - 08:53

http://www.corriere..../20/sAl0m.shtml

sarò ingenua, ma a me sto genere di provvedimenti fa venire i granetti!


I tempi cambiano anche nella Repubblica Popolare Cinese, anzi lì capiscono tutto fin troppo rapidamente.
  • -1

#50 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 31 luglio 2006 - 13:34

il degno pubblico per l'ex ammaliatore da crociera:

http://www.repubblic...illionaire.html

saluti a tutte/i.
  • 0

#51 Guest_Mia_*

Guest_Mia_*
  • Guests

Inviato 05 agosto 2006 - 10:56

http://www.corriere..../20/sAl0m.shtml

sarò ingenua, ma a me sto genere di provvedimenti fa venire i granetti!


abbastanza agghiacciante davvero.

#52 Guest_Mia_*

Guest_Mia_*
  • Guests

Inviato 05 agosto 2006 - 11:03

http://www.repubblic...hristiania.html


Speriamo davvero di no

#53 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 19 agosto 2006 - 16:51

Due notizie "simpsoniane" dall'India.


http://www.corriere..../19/acqua.shtml


http://www.repubblic...omo-bipene.html
  • 0

#54 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:
  • LocationUdine, Padova

Inviato 27 agosto 2006 - 11:43

Una buona notizia per noi abitanti del nord-est:

Le cesoie usate per una delle trappole esplosive del bombarolo
del Nordest ha lasciato "un'impronta" nelle mani della scientifica
Unabomber incastrato da una forbice
"Quella prova ci porta a lui"
di ANDREA IANNUZZI



VENEZIA - L'hanno cercata per anni, con pazienza certosina. E alla fine l'hanno trovata: la prova che incastra Unabomber, il folle attentatore che da tredici anni terrorizza Veneto e Friuli, è nelle mani degli investigatori.

Un paio di forbici: un oggetto comune, banale, quotidiano, così come le sue trappole esplosive, confezionate di volta in volta con tubetti di salsa, pennarelli, ovetti, accendini, bottiglie. Quelle forbici, sequestrate nei mesi scorsi a casa di uno dei principali indiziati, hanno lasciato una firma inconfondibile, una sorta di impronta digitale.

? stato quel paio di forbici - e nessun altro, dicono gli esperti del Ris - a tagliare un pezzo di lamierino utilizzato per costruire un ordigno, poi rimasto inesploso e recuperato integro, sotto il sellino di una bicicletta da donna, a Portogruaro.

Ora quelle forbici, insieme alle perizie che le trasformano da oggetto domestico a prova di un delitto, sono all'esame della procura distrettuale di Trieste, che con quella di Venezia indaga sul bombarolo del Nordest. E il proprietario, che appartiene alla ristretta cerchia dei potenziali Unabomber - una dozzina di persone, rispondenti al profilo criminale tracciato dagli specialisti - è tenuto sotto costante sorveglianza, in attesa di quel passo falso che finora non ha mai compiuto.

Contro di lui il pool ha già raccolto numerosi indizi, ma niente che finora potesse reggere con certezza in un'aula di tribunale. Le forbici potrebbero rappresentare il tanto atteso passo in avanti, anche se rimane il dubbio dell'ammissibilità della prova, non essendoci precedenti nella giurisprudenza italiana.

Durante una delle numerose perquisizioni effettuate nei mesi scorsi, gli investigatori hanno sequestrato tutto ciò che potesse dar loro una traccia: materiale elettrico, plastica, utensili, coltelli. E quelle forbici. Poi, la scorsa primavera, un ex agente specializzato in balistica è stato chiamato ad analizzare il pezzo di lamierino recuperato a giugno del 2005 sotto il sellino della bicicletta di Alessandra Pedrina, bibliotecaria di Portogruaro che l'aveva lasciata alla stazione prima di prendere il treno per andare a lavorare a Padova.

L'attentatore aveva piazzato una carica di nitroglicerina all'interno di una musicassetta, con un innesco a oscillazione che l'avrebbe fatta esplodere alla prima vibrazione del sellino. Ma la bici rimase parcheggiata per diversi giorni sotto la pioggia, i contatti si ossidarono e la bomba restò inesplosa. La bibliotecaria si accorse di quello strano involucro solo quando lo vide cadere per terra un paio di settimane dopo.

Per gli investigatori è stato un colpo di fortuna: un ordigno intatto ha permesso di raccogliere molti dettagli utili alle indagini. In particolare, l'attenzione dell'esperto si è concentrata su quel supporto di lamierino e sui tagli del bordo. L'analisi al microscopio elettronico ha permesso di stabilire che solo un paio di forbici, fra tutte quelle sequestrate agli indiziati, poteva aver prodotto quel tipo di tagli sul metallo. Per la controprova, la procura di Trieste ha affidato l'incarico ai carabinieri del Ris di Parma.

E le analisi di laboratorio hanno nuovamente dato un risultato univoco, l'impronta "digitale" di quel paio di forbici. Ora gli investigatori non hanno più dubbi: l'attentatore di Portogruaro per loro ha un nome e un volto.

Ma ci sono altre decine di casi irrisolti, dalla prima bomba alla sagra di Sacile del 1994 alla bottiglia galleggiante che ha ferito un infermiere sulla spiaggia di Porto Santa Margherita nel maggio scorso. Ecco perché i magistrati finora hanno scelto la prudenza. Ma bisogna fare presto: il superindiziato è sotto indagine da settembre 2004 e fra poche settimane scadono i termini dell'inchiesta.

(27 agosto 2006)


  • 0

the music that forced the world into future


#55 Guest_Number 5_*

Guest_Number 5_*
  • Guests

Inviato 01 settembre 2006 - 10:32

Eccheccazz... Maronna che schifo, mi vergogno di essere italiano e mi viene voglia di non toccare più un pomodoro.


http://espresso.repu... Puglia/1370307

Leggere, tutti e subito.

Nel frattempo per questioni personali ho imparato qualche altra bella illogicità e meschinità della Bossi-Fini.

#56 cup

cup

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 196 Messaggi:

Inviato 02 settembre 2006 - 00:32

Una buona notizia per noi abitanti del nord-est:

Le cesoie usate per una delle trappole esplosive del bombarolo
del Nordest ha lasciato "un'impronta" nelle mani della scientifica
Unabomber incastrato da una forbice
"Quella prova ci porta a lui"
di ANDREA IANNUZZI

(...)

(27 agosto 2006)


Il grande indiziato abita a Corva di Azzano Decimo, è un ingegnere elettronico che lavorava per un'azienda di esplosivi.
In questi giorni il suo nome e il suo volto sono in prima pagina sul Gazzettino e sul Messaggero Veneto.
Mi chiedo a cosa serva dare risonanza a queste notizie e soprattutto rendere pubbliche le generalità di un indiziato prima di avere prove schiaccianti della sua colpevolezza, se non a rovinare la vita sua, di sua moglie e di sua figlia.
In un Paese civile - dove per la tutela della Privacy si infestano le burocrazie -  la presunzione d'innocenza dovrebbe essere qualcosa di più che un'elegante locuzione.

  • 0

#57 Guest_Number 5_*

Guest_Number 5_*
  • Guests

Inviato 05 settembre 2006 - 08:23

Da "La Padania"

LA MEMORIA STORICA
Il falso plebiscito del 1866

demetrio serraglia*
--------------------------------------------------------------------------------
140 anni fa, nel 1866, in questi giorni si stava preparando in Veneto quella truffa referendaria (plebiscito di unione all??Italia) che tolse la libertà al Popolo Veneto e che lo costringe tuttora a sottostare a un??illegale stato di occupazione da parte dell??Italia.
Ma ricapitoliamo gli avvenimenti: in giugno a Custoza e in luglio a Lissa le forze armate italiane persero gli scontri con l??esercito asburgico composto anche da istro-veneti, la bandiera tricolore italiana per questi valorosi soldati e marinai istro-veneti era solo un bottino di guerra che veniva conquistato al grido di «Viva san Marco!». Con il loro sangue i soldati Veneti rovesciarono gli accordi segreti di Parigi (aprile 1866), in cui il Veneto sarebbe passato all??Italia senza referendum come una merce di scambio qualsiasi. Così, grazie a queste vittorie i Veneti si conquistano il diritto di decidere liberamente del proprio destino di Popolo, tramite una consultazione referendaria da svolgersi sotto l??egida della Francia, una potenza terza rispetto Austria e Italia. Il timore per l??Italia era che si ricostituisse la Repubblica Veneta e che l??espansione savoiarda finisse in una bolla di sapone: difatti erano ancora vive le esperienze di Daniele Manin nel 1848 e del Governatorato del Lombardo-Veneto di Massimiliano d??Asburgo. A fronte di questa preoccupazione crescente, e ritenendo che una libera consultazione tra il Popolo Veneto avesse causato la rinascita di un??entità statale veneta, il governo italiano con i suoi prezzolati tirapiedi si mobilitarono per evitare che ci fosse alcun controllo internazionale della consultazione, violando così in modo palese gli accordi decretati dalla Pace di Vienna e dall??Armistizio di Cormons. Per realizzare il proprio malvagio piano l??esercito italiano cominciò una crescente campagna intimidatoria accompagnata dall??occupazione di tutti i municipi veneti.
Ecco alcuni esempi di pubblica minaccia: per quello che dicevano, i manifesti per il plebiscito erano una sorta di ricatto morale a chi andava a votare, in uno di questi si può leggere: «Chi dice Sì mostra sentirsi uomo libero, padrone in casa propria, degno figlio d??Italia. Chi dice No la prova d??anima di schiavo nato al bastone croato! Il Si, lo si porta all??urna a fronte alta, sotto lo sguardo del sole, colla gioja nell??anima, colla benedizione di Dio! Il No, con mano tremante, di nascosto come chi commette un delitto, colla coscienza che grida: traditore della patria!». La Gazzetta di Verona il 17 ottobre 1866 parlando del plebiscito riporta: «Sì, vuol dire essere italiano ed adempiere al voto dell??Italia. No, vuol dire restare veneto e contraddire al voto dell??Italia». Come mai sottolineare l??essere veneto? Non erano forse tutti per l??unità stando a quanto ci viene riportato nei libri di scuola? Questo mi sembra uno dei vari elementi che mettono in dubbio il fatto che i risultati del plebiscito siano la risultante della reale volontà della gente veneta.
La truffa ai danni dell??invitto Popolo Veneto si consumò il 19 ottobre 1866 in una stanza dell??hotel Europa, nel Canal Grande a Venezia, nella quale il plenipotenziario francese il gen. Leboeuf consegnò il Veneto ai commissari italiani ben due giorni prima della data in cui era fissato il referendum: questa fu la palese violazione di quanto stabilito dagli accordi internazionali sanciti dall??Armistizio di Cormons e dalla Pace di Vienna. Il 21 ottobre 1866 ebbe luogo sul suolo Veneto la farsa plebiscitaria con tutto il Veneto invaso da forze d??occupazione dell??esercito italiano, in cui vennero proibite dall??Italia perfino le tradizionali processioni religiose in quanto «assembramento pericoloso per l??ordine pubblico». Il risultato (641.758 si, 69 no, 273 nulli) è la prova intangibile del broglio perpetuato, soprattutto i 69 sono emblematici: il valore sul campo di battaglia dei soldati veneti che vinsero contro l??Italia sono dati di fatto incontestabili e provati dalle relazioni degli stati maggiori Asburgici, mentre i verbali del plebiscito redatti nei seggi sono introvabili. Lo stesso storico Luigi Sutto di Rovigo, nel 1903, fu incaricato dal Museo del Risorgimento di ricostruire dati ed episodi del Plebiscito. Il suo insuccesso fu quasi totale perché non riuscì a visionare i verbali del plebiscito. Perché gli fu vietata tale visione?
*responsabile Ufficio per il rifacimento del referendum del 1866


____________________

A quando un bell'articolo di fondo su: "Attualità scottante! La romanizzazione dei valorosi popoli celti da parte di Giulio Cesare: un mito da sfatare"?

Allucinante che esista tra i lombardo-veneti (o ancora "padani"?), sedicenti odiatori della burocrazia, un "responsabile Ufficio per il rifacimento del referendum del 1866" e dunque addirittura un intero "Ufficio" dedito a questo assurdo scopo. Quando si dice: roba da matti...



#58 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5871 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2006 - 10:55

Da: Il Gazzettino (un anno fa circa)

[ Pagina originale ]



Martedì, 26 Luglio 2005

CASSOLA A Venezia Demetrio Serraglia si è laureato in storia con una tesi sul Veneto Serenissimo Governo

I Serenissimi conquistano Ca' Foscari

Il neodottore (105 su 110) spiega come ha bypassato le obiezioni della commissione


Cassola

Il "Veneto Serenissimo Governo", non una normale associazione ma secondo i suoi militanti "un governo in esilio" pur sotto l'"occupazione italiana", è stato il protagonista della tesi di laurea di uno studente cassolese, Demetrio Serraglia, di recente laureatosi in storia a Venezia, alla facoltà di lettere e filosofia di Ca' Foscari, relatore il prof. Pietro Brunello. 105 su 110 il punteggio finale. Una tesi di laurea diversa dalle solite, perchè Serraglia è lui stesso un militante del Vsg. Scrive infatti nell'introduzione che dal 2000 ha ricevuto l'incarico di "Corriere di Gabinetto del Veneto Serenissimo Governo": «Il mio avvicinarmi alla causa veneta non è un'idea improvvisa le cui radici sono in superficie, ma una scelta che va ricercata nella famiglia in cui sono cresciuto. Fulcro della mia decisione è stato principalmente mio padre Valerio».

Che problemi di gestazione ha avuto la sua tesi?

«I problemi iniziali consistono nel fatto che il Veneto Serenissimo Governo non è un normale partito o movimento - spiega Demetrio Serraglia - ma un governo in esilio, non fuori del Veneto ma nei luoghi storici dell'antico governo veneto. C'era qualche resistenza a far ricostruire la storia del Vsg da parte di un avente parte in causa come me. Il prof. Brunello ha così proposto di realizzare un'antologia di documenti, una raccolta finora mai fatta prima, in modo che il lettore possa farsi un'idea sua. Io ho lavorato su questo progetto». Così nelle oltre 400 pagine gli interventi e le introduzioni di Serraglia rappresentano la parte minore, mentre il maggior spazio è occupato dai documenti.

Quali obiezioni ha sollevato la commissione durante la discussione della tesi?

«Ha trovato difficoltà a capire come il Vsg sia erede e continuatore della storia e della cultura della Serenissima Repubblica. Questo è un fatto che spiazza il lettore. Mi è stato contestato che il Vsg, oggi, usa della storia della Repubblica di Venezia solo i punti che gli fanno comodo. Ho spiegato vi è un utilizzo della storia particolare da parte di qualsiasi governo: stando alla realtà italiana, il centrosinistra farà più leva sui valori della Resistenza, mentre il centrodestra preferisce rivalutare quelli di base della Rsi».

Una delle pietre miliari su cui fondate il vostro essere "governo in esilio" è quello che definite "referendum farsa", il plebiscito del 1866 sull'unione del Veneto all'Italia. Che cosa ne pensano i commissari?

«Su quello non hanno avuto nulla da ridire. Gli accordi internazionali furono disattesi, su questo non c'è dubbio anche se sono passati 139 anni di dominio italiano. Una domanda invece è stata questa: il Vsg è autoreferenziale, chi è che lo legittima? Ho risposto che anche De Gaulle, quando parlava ai francesi, non era riconosciuto dal governo Petain...».


Insomma il Vsg ancora un movimento di liberazione?

«Questo è ciò che lo distanzia dalla Lega e da altri movimenti localistici. Non chiede ai veneti di andare alle urne, per non legittimare l'occupazione italiana. E una parte cospicua della tesi raccoglie i documenti che attestano l'attività di "politica estera" del Vsg per cercare legittimazione presso altre Nazioni» (c'è spazio per lettere inviate a Bush e a Israele, con risposta del bureau di Sharon, nel 2002, in cui si legge che il governo israeliano "non si intromette nei conflitti interni degli Stati stranieri", ndr).

Lei naturalmente crede fermamente nella natura "liberatoria" del suo movimento.

«? sempre stato così, dalla fondazione di Conselve nel 1987 in poi. Luigi Faccia, da allora ininterrottamente il presidente del Vsg, era uscito dalla Liga Veneta contestando le diatribe interne per la disputa di poltrone a Roma, e da quel momento si mise a punto l'operazione "risveglio del leone" che poi sarebbe culminata, 10 anni dopo, nell'assalto al campanile di San Marco del 1997, effettuato anche per mettere in second'ordine i festeggiamenti per i 200 anni della caduta della Serenissima. Il Vsg era semiclandestino, furono 10 anni dedicati a preparare l'evento e a costruire i due tanki. La distanza con la Lega e altri partiti veneti fu nel 1997 chiara, dopo l'assalto: i Serenissimi furono insultati e considerati "provocatori" e "brigata mona"».

Il Veneto Serenissimo Governo è anche un'associazione, registrata a Bassano nel '99, oggi con sede a Cassola.

«Quella fu una forzatura contro il carcere comminato ai Serenissimi: la provocazione stava nel depositare all'ufficio del registro italiano lo statuto di un'associazione che era pure movimento di liberazione».

La tesi chiude con proposte di costituzione veneta. Cioè?

«? un punto di partenza per chi vede un futuro veneto indipendente. Il modello della rivoluzione francese in due secoli ha portato a guerre e grazie ad esso sono andati al potere i dittatori. Un nuovo modello secondo noi deve avere come valori fondanti le radici giudaico cristiane di Veneto ed Europa, i 10 comandamenti pur in uno stato non confessionale, il rispetto della famiglia e leggi morali indiscutibili».

Il neodottore Demetrio Serraglia ne è convintissimo. Ha dedicato la sua tesi "a tutti i veneti che in ogni tempo e luogo hanno lottato per la libertà della propria terra dagli occupanti".

Claudio Strati

P.S. Non è poi tanto un "mona"....


  • -1

Qua sul forum non è mai sbarcato un povero profugo o un povero clandestino, ovviamente.

Ma è approdato dopo lunga deriva un bisognoso di un qualche aiuto, magari non lo ha chiesto, poverino aveva evidenti sbandamenti emotivi oltre che psicologici...ha chiesto di essere cancellato perchè gli sono arrivati solo calci in faccia, derisione e manifestazione di fastidio per la sola presenza...che per lorsignori significava rompere l'idilliaca armonia tipica degli attaccabrighe benpensanti, la fottuta rogna di dover leggere ( chissà perchè poi ) le sue inestricabili parabole di giochi di parole fatte per liberare il proprio pensiero...e ovviamente l'invasione del loro territorio.

 

W la solidarietà. Quella vera !


#59 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:
  • LocationUdine, Padova

Inviato 06 settembre 2006 - 15:10

Calderoli a Bush: "Mandi un'atomica
per il compleanno di Ahmadinejad"

ROMA - "Condivido completamente le valutazioni del presidente Bush su Ahmadinejad, perchè è evidente che il successore, ammesso che l'interessato non sia già morto, di Osama Bin Laden non può che essere lui. Ma comunque, se fossi Bush, tenterei l'ultima azioni diplomatica: non so quando Ahmadinejad compie gli anni ma se è così appassionato del nucleare perchè gli Stati Uniti non gli mandano un'atomica per il suo compleanno? Magari innescata per posta aerea?". Lo afferma il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli.

"Ho inoltre deciso - continua l'esponente della Lega - di mandare una delle mie magliette con le vignette (quelle satiriche contro l'Islam, ndr.) a Bush perchè è una delle poche persone serie che esistano al mondo, perchè ha capito il rischio che viene da chi, utilizzando la religione, vuole fare le crociate"

(6 settembre 2006)


Con tutto il rispetto per le idee altrui non riesco a concepire più il votare un personaggio del genere che oltre a far continua mostra della propria delirante idiozia sembra essere un esempio perfetto della tattica suicida scelta dalla Lega.
  • 0

the music that forced the world into future


#60 Guest_PadovaScoppia_*

Guest_PadovaScoppia_*
  • Guests

Inviato 06 settembre 2006 - 16:27

Calderoli a Bush: "Mandi un'atomica
per il compleanno di Ahmadinejad"

ROMA - "Condivido completamente le valutazioni del presidente Bush su Ahmadinejad, perchè è evidente che il successore, ammesso che l'interessato non sia già morto, di Osama Bin Laden non può che essere lui. Ma comunque, se fossi Bush, tenterei l'ultima azioni diplomatica: non so quando Ahmadinejad compie gli anni ma se è così appassionato del nucleare perchè gli Stati Uniti non gli mandano un'atomica per il suo compleanno? Magari innescata per posta aerea?". Lo afferma il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli.

"Ho inoltre deciso - continua l'esponente della Lega - di mandare una delle mie magliette con le vignette (quelle satiriche contro l'Islam, ndr.) a Bush perchè è una delle poche persone serie che esistano al mondo, perchè ha capito il rischio che viene da chi, utilizzando la religione, vuole fare le crociate"

(6 settembre 2006)


Con tutto il rispetto per le idee altrui non riesco a concepire più il votare un personaggio del genere che oltre a far continua mostra della propria delirante idiozia sembra essere un esempio perfetto della tattica suicida scelta dalla Lega.


Se va avanti così crepa d'infarto con la bandierina americana in mano, tutte le volte che lo vedo mi preoccupo per la sua salute, ha la classica faccia da preinfarto.

Riflettendoci comunque un ex ministro italiano che invoca l'atomica sull'IRAN non fa che dimostrare che Amhadinejad tuttosommato è  moderato e diplomatico con il suo "nucleare per scopi pacifici" e con "lo stato di israele deve scomparire".




1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq