Vai al contenuto


Foto
* * * - - 1 Voti

Qualificazioni Europeo 2020 - The Rise And Fall Of Rolando Mandragora


  • Please log in to reply
400 replies to this topic

#41 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19775 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 12:09

Tetto agli extracomunitari = mi prendo il sudamericano ma con passaporto comunitario


  • 0

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#42 maelstrom

maelstrom

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2106 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 12:58

C'è anche da chiedersi come mai tanti talenti non son diventati i campioni che promettevano, penso a Destro, Santon, Fabbrini, Balotelli, Saponara, Berardi, De Sciglio, Gabbiadini, El Sharawy e così via. Loro lo spazio lo hanno avuto.


  • 0

#43 10 Maggio 1987

10 Maggio 1987

    [pco] sporco scriba [pco] non sei degno della vita eterna

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5257 Messaggi:
  • LocationNapoli

Inviato 05 settembre 2018 - 13:10

Tetto agli extracomunitari = mi prendo il sudamericano ma con passaporto comunitario

 

IL NONNO DI VERON


  • 0

#44 FUsandro

FUsandro

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3595 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 13:34

Santon ha scoperto la fica.
El Sharawy la bamba.
Balotelli ha raggiunto l'apice tra i 17/18 anni e gli è bastato così.
Berardi lo ricorderemo come quello che non si sentiva ancora pronto.
Gli altri sono scarsi a prescindere dal passaggio al calcio vero.

Il problema è che spesso si tende a sopravvalutarli questi nostri giovani.


  • 0

#45 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15376 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 13:38

A proposito, stamane sulla Gazzetta ho avuto un deja-vu: c'era il grafico con la "futura formazione della nazionale:wub:  asd

Tutti 98-99-2000 di cui fra tre anni ci saremo già dimenticati (tolte un paio di eccezioni).

 

Sarebbe bello recuperare tutte le "nazionali del futuro" proposte dai giornali nel corso degli anni (e sono sicuro che qualcuno di voi le può trovare e tirare fuori facilmente).


  • 0

#46 GargAdani

GargAdani

    La Cura.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8668 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 13:44

Sarebbe bello recuperare tutte le "nazionali del futuro" proposte dai giornali nel corso degli anni (e sono sicuro che qualcuno di voi le può trovare e tirare fuori facilmente).

 

Gazzetta (ovviamente), 10 anni fa:

 

MILANO, 12 febbraio 2008 - Chi giocherà il mondiale del 2014? Domanda che torna d’attualità dopo un’esplosione di talenti che non ricordiamo di aver vissuto prima. Il destro al volo di Alberto Paloschi a San Siro è l’ultima prodezza di una stagione cominciata con la conferma di De Silvestri. Il terzino della Lazio con i suoi vent’anni è tra i più vecchi della nazionale che ci siamo "inventati".
IL GIOCO - Abbiamo provato a comporre l’Italia per il mondiale 2014 in Brasile. Un paio le regole: i ragazzi debbono essersi affacciati in prima squadra ed essere nati dopo il 1986. Difficile mettere insieme la difesa. Davanti a Consigli concedeteci Criscito e De Ceglie, nati nel 1986 e noi li affiancheremo a Ranocchia (’88 protagonista l’anno scorso con l’Arezzo in serie B, e quest’anno in C1) e appunto a De Silvestri, inserito tra i migliori venti talenti al mondo dagli inglesi, specialisti unici in classifiche su ogni cosa.
LA MENTE - Difesa a 4, agile al centro e potente sugli esterni. Centrocampo su due linee con la coppia Russotto-Dessena davanti alla difesa. Tanta fantasia, fosforo e muscoli. Ci sarebbe servito anche Cigarini, ma... è nato nel 1986: allora ne facciamo a meno e cambiamo modulo, dal 4-3-3 al 4-2-3-1. Questo ci obbliga a mettere in panchina Bolzoni, ma il tempo gioca per lui: è nato nel 1989, si rifarà.
IL PERNO - Prima di scegliere le tre mezze ali puntiamo tutto sul rosso, anzi sul rossonero: Alberto Paloschi centravanti. Lui sa fare reparto da solo, in area "sente" la porta, è rapido e potente. Dovrà imparare a muoversi, a creare spazi per i compagni, ma quel che deve fare lo sa benissimo. Il gol è la sua missione.
TRIS - Dietro di lui si potrebbero muovere Cerci, Balotelli e Forestieri anche se abbiamo qualche problema. Solo il primo infatti è italiano, anzi romano. Anzi romanista, uno dei talenti scovati e cresciuti dalla scuola di Bruno Conti. Il secondo ora ha solo il passaporto ghanese, deve prima prendere quello italiano (ad agosto) per ottenere l’azzurro dopo il nerazzurro dell’Inter. Martin Forestieri, invece, sarà il nostro Camoranesi: già titolare nelle piccole Under, dovrà solo confermare l’azzurro.
PASSATO E FUTURO - Lo sappiamo. Abbiamo lasciato fuori Montolivo (85) e Cigarini (86). C'è Giuseppe Rossi che ora è al Villareal, non c’è Gilardino, che nel 2014 a 32 anni sarà il Vieri della spedizione. Non ci sono gli altri ’86, da Bolzoni ad Abate, da Capelli a Marzoratti. Ne mancano tanti, qualcuno però anche del ’92 (annata eccezionale, ci assicurano) e — perché no — del ’93. Perché nel 2014 potrebbe esserci anche Alberto Baccarin, nato a Vicenza nel ’93 e ora alla Fiorentina: un 10 classico. Uno tra Rivera e il primo Pirlo, per intenderci. E per molti lui il Mondiale 2014 lo vedrà da molto vicino.

  • 5

"Sei stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo Gargamella."


#47 Garparaghini

Garparaghini

    farsical aquatic ceremony

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20290 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 13:50

Gilardino, che nel 2014 a 32 anni sarà il Vieri della spedizione

 

asd  asd  asd 


  • 0
"Correr, corre cualquiera, pero jugar al fútbol es más complicado."
(Juan Román Riquelme)

 


#48 DeVos

DeVos

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2781 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 13:50

Mi piace l'umiltà di tale Baccarin, che pur essendo un incrocio tra Rivera e il primo Pirlo decide di giocare nel Longare dato che prima della gloria viene la maglia
  • 0

#49 Sandor

Sandor

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3203 Messaggi:
  • LocationVersilia

Inviato 05 settembre 2018 - 13:50

Forestieri era bello pompato,non ho voglia nemmeno di vedere che fine ha fatto.


  • 0

#50 Garparaghini

Garparaghini

    farsical aquatic ceremony

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20290 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 13:52

Bolzoni l'ho visto in una news dell'altro giorno e mi pare avesse firmato per il Bari. Russotto invece Lega Pro fisso da anni ormai.


  • 0
"Correr, corre cualquiera, pero jugar al fútbol es más complicado."
(Juan Román Riquelme)

 


#51 wild horse

wild horse

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3865 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:00

 

Sarebbe bello recuperare tutte le "nazionali del futuro" proposte dai giornali nel corso degli anni (e sono sicuro che qualcuno di voi le può trovare e tirare fuori facilmente).

 

Gazzetta (ovviamente), 10 anni fa:

 

MILANO, 12 febbraio 2008 - Chi giocherà il mondiale del 2014? Domanda che torna d’attualità dopo un’esplosione di talenti che non ricordiamo di aver vissuto prima. Il destro al volo di Alberto Paloschi a San Siro è l’ultima prodezza di una stagione cominciata con la conferma di De Silvestri. Il terzino della Lazio con i suoi vent’anni è tra i più vecchi della nazionale che ci siamo "inventati".
IL GIOCO - Abbiamo provato a comporre l’Italia per il mondiale 2014 in Brasile. Un paio le regole: i ragazzi debbono essersi affacciati in prima squadra ed essere nati dopo il 1986. Difficile mettere insieme la difesa. Davanti a Consigli concedeteci Criscito e De Ceglie, nati nel 1986 e noi li affiancheremo a Ranocchia (’88 protagonista l’anno scorso con l’Arezzo in serie B, e quest’anno in C1) e appunto a De Silvestri, inserito tra i migliori venti talenti al mondo dagli inglesi, specialisti unici in classifiche su ogni cosa.
LA MENTE - Difesa a 4, agile al centro e potente sugli esterni. Centrocampo su due linee con la coppia Russotto-Dessena davanti alla difesa. Tanta fantasia, fosforo e muscoli. Ci sarebbe servito anche Cigarini, ma... è nato nel 1986: allora ne facciamo a meno e cambiamo modulo, dal 4-3-3 al 4-2-3-1. Questo ci obbliga a mettere in panchina Bolzoni, ma il tempo gioca per lui: è nato nel 1989, si rifarà.
IL PERNO - Prima di scegliere le tre mezze ali puntiamo tutto sul rosso, anzi sul rossonero: Alberto Paloschi centravanti. Lui sa fare reparto da solo, in area "sente" la porta, è rapido e potente. Dovrà imparare a muoversi, a creare spazi per i compagni, ma quel che deve fare lo sa benissimo. Il gol è la sua missione.
TRIS - Dietro di lui si potrebbero muovere Cerci, Balotelli e Forestieri anche se abbiamo qualche problema. Solo il primo infatti è italiano, anzi romano. Anzi romanista, uno dei talenti scovati e cresciuti dalla scuola di Bruno Conti. Il secondo ora ha solo il passaporto ghanese, deve prima prendere quello italiano (ad agosto) per ottenere l’azzurro dopo il nerazzurro dell’Inter. Martin Forestieri, invece, sarà il nostro Camoranesi: già titolare nelle piccole Under, dovrà solo confermare l’azzurro.
PASSATO E FUTURO - Lo sappiamo. Abbiamo lasciato fuori Montolivo (85) e Cigarini (86). C'è Giuseppe Rossi che ora è al Villareal, non c’è Gilardino, che nel 2014 a 32 anni sarà il Vieri della spedizione. Non ci sono gli altri ’86, da Bolzoni ad Abate, da Capelli a Marzoratti. Ne mancano tanti, qualcuno però anche del ’92 (annata eccezionale, ci assicurano) e — perché no — del ’93. Perché nel 2014 potrebbe esserci anche Alberto Baccarin, nato a Vicenza nel ’93 e ora alla Fiorentina: un 10 classico. Uno tra Rivera e il primo Pirlo, per intenderci. E per molti lui il Mondiale 2014 lo vedrà da molto vicino.

 

 

 

 

 

Bardi, Leali, Perin in porta

camporese, caldirola, capuano centrali...crescenzi, faraoni, florenzi terzini

saponara, fabbrini, poli mediani..verratti o tassi dietro le due punte

balo, destro, el shaarawy, gabbiadini, paloschi, borini, insigne, immobile in attacco..

Già sbavo...se TUTTI questi mantengono le promesse come farà questa squadra a non vincere i mondiali del 2018?

 


  • 3

 


#52 oblomov

oblomov

    Mommy? Can I go out and kill tonight?

  • Moderators
  • 17804 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:01

tanto per chiarire che quella di mancini è una sparata per garantirsi il ministero dello sport in quota salvini quando nel 2019 saranno a spasso lui e il governo gialloverde

 

https://www.ilpost.i...onato-italiano/

 

d'altro canto uno che fa polemica sullo scarso utilizzo dei campionissimi Gagliardini, Cristante e Pellegrini si qualifica da sè. Che poi vorrei capire: se sono validi giocano poco per quale motivo? Il calcio di alto livello è quanto di più meritocratico esista, in serie A limiti di stranieri (comunque inattuabili e illegali per UE, per gli extra già c'è, per quanto cervellotico e legato al tesseramento) non servirebbero a nulla se non ad abbassare il livello medio. 

La vera differenza è che in tutti i maggiori campionati europei esistono le squadre B. Noi siamo con i 19enni che vanno al viareggio come massimo obiettivo sportivo e poi iniziano a scoprire che il professionismo è un'altra cosa e a 23-24 anni sono ancora considerati giovani promesse. 


  • 0
Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni.

#53 Garparaghini

Garparaghini

    farsical aquatic ceremony

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20290 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:06

Perché nel 2014 potrebbe esserci anche Alberto Baccarin, nato a Vicenza nel ’93 e ora alla Fiorentina: un 10 classico. Uno tra Rivera e il primo Pirlo, per intenderci. E per molti lui il Mondiale 2014 lo vedrà da molto vicino.

 

 

https://www.transfer.../spieler/136087


  • 1
"Correr, corre cualquiera, pero jugar al fútbol es más complicado."
(Juan Román Riquelme)

 


#54 GargAdani

GargAdani

    La Cura.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8668 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:09

 

se TUTTI questi mantengono le promesse come farà questa squadra a non vincere i mondiali del 2018?

 

 

 

Il bacio della morte.


  • 0

"Sei stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo Gargamella."


#55 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13090 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:14

Basta italiani!
  • 0

Siamo vittime di una trovata retorica.


#56 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 4948 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:16

 

 

Abbiamo delle giovanili molto buone, che fanno risultati e producono talenti 

 

secondo me abbiamo delle giovanili che se la cantano e se la suonano tra loro e questo le fa sembrare belle

poi quando 'sti ragazzi mettono piede nel mondo del calcio vero si sciolgono spesso come ghiaccioli

ben vengano le squadre B a fare la gavetta in provincia

 

 

Ne parlavo qualche settimana fa in vacanza con un interista convinto che mi cagava il cazzo sul fatto che loro avevano le migliori giovanili d'Italia e che tutti gli anni fanno incetta di campionati e titoli. Vero eh, ma alla domanda "quanti poi si impongono pure a livello di prima squadra?" è andato a mangiarsi un Cucciolone Algida.

 

 

Beh, basta guardarsi un paio di partite della Primavera per capire che è un altro gioco proprio. È normale che poi anche quelli che sembrano fortissimi lì spariscano. 


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#57 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15376 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:16

tanto per chiarire che quella di mancini è una sparata per garantirsi il ministero dello sport in quota salvini quando nel 2019 saranno a spasso lui e il governo gialloverde

 

 

Soprattutto: non ho una memoria così buona, ma non mi pare di ricordare che il prode Mancini abbia lanciato chissà quali giovani quando era alla guida delle sue corazzate (non ditemi "Balotelli", dai, perché non ne basta uno per abbattere un discorso).


  • 0

#58 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14919 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 05 settembre 2018 - 14:26

Tetto agli extracomunitari = mi prendo il sudamericano ma con passaporto comunitario

 

Un limite c'era, e il nostro campionato era tra i migliori del mondo (forse il migliore) nonostante giocassero molti italiani. Quei tre stranieri che potevi prendere dovevano essere davvero "speciali" mentre ora l'Udinese li prende con la pesca a strascio. Fermo restando che siamo in UE, non credo sia una bestemmia mettere il limite a tre extracomunitari massimo in rosa, poi se Dybala accettava la convocazione sarei stato io il primo a festeggiare. 


  • -1

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#59 Duck

Duck

    Categnaccio

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19775 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:57

Non hai capito.
  • 0

«Mister, possiamo lavorare sulle diagonali?», la richiesta di qualche giocatore. No, la risposta del tecnico. 

 

 


#60 oblomov

oblomov

    Mommy? Can I go out and kill tonight?

  • Moderators
  • 17804 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2018 - 14:59

Sarebbe bello recuperare tutte le "nazionali del futuro" proposte dai giornali nel corso degli anni (e sono sicuro che qualcuno di voi le può trovare e tirare fuori facilmente).

 
Gazzetta (ovviamente), 10 anni fa:
 
MILANO, 12 febbraio 2008 - Chi giocherà il mondiale del 2014? Domanda che torna d’attualità dopo un’esplosione di talenti che non ricordiamo di aver vissuto prima. Il destro al volo di Alberto Paloschi a San Siro è l’ultima prodezza di una stagione cominciata con la conferma di De Silvestri. Il terzino della Lazio con i suoi vent’anni è tra i più vecchi della nazionale che ci siamo "inventati".
IL GIOCO - Abbiamo provato a comporre l’Italia per il mondiale 2014 in Brasile. Un paio le regole: i ragazzi debbono essersi affacciati in prima squadra ed essere nati dopo il 1986. Difficile mettere insieme la difesa. Davanti a Consigli concedeteci Criscito e De Ceglie, nati nel 1986 e noi li affiancheremo a Ranocchia (’88 protagonista l’anno scorso con l’Arezzo in serie B, e quest’anno in C1) e appunto a De Silvestri, inserito tra i migliori venti talenti al mondo dagli inglesi, specialisti unici in classifiche su ogni cosa.
LA MENTE - Difesa a 4, agile al centro e potente sugli esterni. Centrocampo su due linee con la coppia Russotto-Dessena davanti alla difesa. Tanta fantasia, fosforo e muscoli. Ci sarebbe servito anche Cigarini, ma... è nato nel 1986: allora ne facciamo a meno e cambiamo modulo, dal 4-3-3 al 4-2-3-1. Questo ci obbliga a mettere in panchina Bolzoni, ma il tempo gioca per lui: è nato nel 1989, si rifarà.
IL PERNO - Prima di scegliere le tre mezze ali puntiamo tutto sul rosso, anzi sul rossonero: Alberto Paloschi centravanti. Lui sa fare reparto da solo, in area "sente" la porta, è rapido e potente. Dovrà imparare a muoversi, a creare spazi per i compagni, ma quel che deve fare lo sa benissimo. Il gol è la sua missione.
TRIS - Dietro di lui si potrebbero muovere Cerci, Balotelli e Forestieri anche se abbiamo qualche problema. Solo il primo infatti è italiano, anzi romano. Anzi romanista, uno dei talenti scovati e cresciuti dalla scuola di Bruno Conti. Il secondo ora ha solo il passaporto ghanese, deve prima prendere quello italiano (ad agosto) per ottenere l’azzurro dopo il nerazzurro dell’Inter. Martin Forestieri, invece, sarà il nostro Camoranesi: già titolare nelle piccole Under, dovrà solo confermare l’azzurro.
PASSATO E FUTURO - Lo sappiamo. Abbiamo lasciato fuori Montolivo (85) e Cigarini (86). C'è Giuseppe Rossi che ora è al Villareal, non c’è Gilardino, che nel 2014 a 32 anni sarà il Vieri della spedizione. Non ci sono gli altri ’86, da Bolzoni ad Abate, da Capelli a Marzoratti. Ne mancano tanti, qualcuno però anche del ’92 (annata eccezionale, ci assicurano) e — perché no — del ’93. Perché nel 2014 potrebbe esserci anche Alberto Baccarin, nato a Vicenza nel ’93 e ora alla Fiorentina: un 10 classico. Uno tra Rivera e il primo Pirlo, per intenderci. E per molti lui il Mondiale 2014 lo vedrà da molto vicino.
 
 
 

Bardi, Leali, Perin in porta
camporese, caldirola, capuano centrali...crescenzi, faraoni, florenzi terzini
saponara, fabbrini, poli mediani..verratti o tassi dietro le due punte
balo, destro, el shaarawy, gabbiadini, paloschi, borini, insigne, immobile in attacco..
Già sbavo...se TUTTI questi mantengono le promesse come farà questa squadra a non vincere i mondiali del 2018?


Rilancio

http://forum.ondaroc...a/#entry1561146
  • 3
Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq