Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Bitcoin


  • Please log in to reply
244 replies to this topic

#1 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13988 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 11 dicembre 2017 - 10:11

Non ne so nulla.

 

Però vedo che sul Corriere ne parla Cazzullo perciò non apro il suo articolo e chiedo agli Illuminati del Forum una seconda opinione che mi pare veramente eticamente il minimo.

 

Vanno bene anche link, però le domande che mi nascono spontanee sono:

 

Cosa sono?

 

Perché esistono?

 

A cosa servono?

 

Perché hanno un valore?

 

Quali rischi comporteranno(non capisco nulla di Borsa, ma mi puzza di bolla speculativa lontano un miglio)?

 

Vi ringrazio in anticipo


  • 1
Adescatore equino dal 2005

#2 oblomov

    Mommy? Can I go out and kill tonight?

  • Moderators
  • 18413 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2017 - 10:16

In questo momento vedi sv “bolla dei tulipani”, fluttiazioni di speculazione pura grazie all’afflusso di capirali di persone che non sanno nemmeno cosa stanno trattando e a cosa serva lo strumento che scambiano. Inizano a collocare i futures da questa settimana vedremo che succede
  • 1
Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni.

#3 veryc

    E i ramo' ?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1451 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2017 - 10:37

Il topic di debaser non bastava per parlarne?

Si tratta di una delle tante criptovalute esistenti utilizzabili per pagare beni e servizi (laddove accettati). Esiste perché qualcuno voleva farsi i soldi da sé ed ha sfruttato la crittografia per renderlo possibile.

Cool ma tu non lavori nel settore della finanza? Come fai a non conoscerli? cazzi tuoi, alcuni dicono che spazzeranno tutto!


  • 0

Ha già fatto tutto Black Mirror

 


#4 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13988 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 11 dicembre 2017 - 10:40

Primissima domanda da ignorante del settore: ma quotando in borsa i derivati sui Bitcoin, non si sta letteralmente creando un valore economico/finanziario basato sul nulla?

 

Probabilmente ho una concezione troppo basata sul mondo aziendale, ma i derivati sono o di copertura o speculativi, però basati - almeno nella mia breve e lacunose esperienza - sull'oscillazione dei cambi previo acquisto di valuta.

 

La cosa principale che non afferro è come si movimenta il valore, ma è perché non capisco cosa sia. Nel senso, il Bitcoin è una sorta di Second Life di una ipotetica moneta mondiale?

 

Ma se l'esistenza di derivati rappresenta un'arma pazzesca di guadagni/perdite, non sarebbe più logico dichiarare illegale tutto questo, anziché vedere Banche che fanno "cartello" per regolamentare l'utilizzo di monete inesistenti.

 

Sono veramente confuso.


  • 0
Adescatore equino dal 2005

#5 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13988 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 11 dicembre 2017 - 10:41

Non avevo visto topic di Deb, si può accorpare lì se i moderatori sono d'accordo, però credo che sarebbe utile capirne molto di più.

 

(Ver, no finanza, azienda piuttosto) 


  • 0
Adescatore equino dal 2005

#6 Life Is Insignificant

    Deadman

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3003 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2017 - 10:45

*
POPOLARE

La risposta alle prime tre domande la trovi facilmente, ci sono molti link e video su YT, quindi non mi dilungo.

 

"Perche' hanno un valore?"

Al momento i BTC hanno un valore che e' puramente speculativo, nel senso che chiunque sta investendo lo sta facendo solo con l'obiettivo di rivenderli ad un prezzo piu' alto in futuro.

Non hanno alcun valore intrinseco: nessun commerciante sano di mente li puo' accettare come metodo di pagamento, perche' il valore dei BTC ha fluttuazioni enormi per essere una currency e se tu devi pagare le tasse in euro o dollari non ti puoi permettere di vedere i tuoi guadagni ridotti del 30% overnight. 

Il mercato al momento e' in una chiara bolla che (ovviamente) non si sa quando finira', guidata da molti believer in questa "rivoluzione" delle cryptocurrencies che come tutti i "believer" in qualcosa sono chiaramente biased.

 

Principali punti su cui io sono dubbioso a riguardo del loro futuro successo:

- innanzitutto, i BTC (non tutte le crypto) non sono piu' anonimi delle fiat currency che usiamo al momento. Da un codice transazione, in un paio di click chiunque puo' risalire a tutto lo storico di pagamenti che un particolare utente ha effettuato, mentre con le fiat currencies questa cosa la puo' fare solo la polizia con un mandato (ed e' aggirabile pagando in contanti). 

- nessuno obbliga i grandi player (Amazon, Apple, etc.) ad accettare BTC come metodo di pagamento, quindi nessuno vieta alle grandi aziende di creare le proprie cryptocurrency (Apple sta gia' preparando il terreno, con Apple Pay e Apple Wallet, ad esempio) e accettare solo quelle.

- qualsiasi governo puo' vietare dall'oggi al domani a qualsiasi negoziante di accettare BTC come metodo di pagamento, relegandoli al solo mercato illegale.

 

"Quali rischi comporteranno?"

Per rispondere a questa domanda, devi prima specificare cosa intendi per rischi. 

Al momento l'unico rischio e' per chi ha investito fiat currency per comprare BTC, nel senso che il loro valore potrebbe scendere a 0 e tutti gli investitori che fino ad oggi erano milionari "sulla carta" si troverebbero con il loro investimento in fumo.

Da oggi pero' e' cominciato il trading dei futures su CBOE (e settimana prossima dovrebbe cominciare su CME). Ancora non si sa come il mercato reagira' a questo, ma di sicuro c'e' che visto che i BTC futures sono con cash settlement e non physical, ora sara' molto semplice avere posizioni short. Inoltre, sara' semplice creare leverage per poter prendersi queste posizioni, e se il mercato diventa troppo leveraged puo' diventare un problema piu' grande. 

Alla fine della fiera, finche' non c'e' leverage non mi preoccuperei piu' di tanto, i "rischi" sono solo per gli investori in BTC. 


  • 11

#7 thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3453 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2017 - 10:59

relegandoli al solo mercato illegale.

 

anch'io ammetto di saperne molto poco, però a naso ho parzialmente ricondotto la bolla (oltre a sana speculazione) all'intervento di investitori non esattamente polite

 

ovvero, premesso che le transazioni su deep web al 90% viaggiano su bit-coin non potremmo essere di fronte alla più grande operazione INVERSA di riciclaggio al mondo? (prendo capitali "puliti" per farne perdere le tracce/assoldare sicari russi)


  • 0

#8 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13988 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 11 dicembre 2017 - 11:02

Ecco, un altro argomento di cui so 0 ma che vorrei davvero capire è il deepweb, il suo funzionamento e le modalità di ingresso/utilizzo


  • 0
Adescatore equino dal 2005

#9 Life Is Insignificant

    Deadman

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3003 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2017 - 11:24

Primissima domanda da ignorante del settore: ma quotando in borsa i derivati sui Bitcoin, non si sta letteralmente creando un valore economico/finanziario basato sul nulla?

 

Probabilmente ho una concezione troppo basata sul mondo aziendale, ma i derivati sono o di copertura o speculativi, però basati - almeno nella mia breve e lacunose esperienza - sull'oscillazione dei cambi previo acquisto di valuta.

 

La cosa principale che non afferro è come si movimenta il valore, ma è perché non capisco cosa sia. Nel senso, il Bitcoin è una sorta di Second Life di una ipotetica moneta mondiale?

 

Ma se l'esistenza di derivati rappresenta un'arma pazzesca di guadagni/perdite, non sarebbe più logico dichiarare illegale tutto questo, anziché vedere Banche che fanno "cartello" per regolamentare l'utilizzo di monete inesistenti.

 

Sono veramente confuso.

In questo post c'e' un po' di confusione su cosa siano i derivati. : )

 

Un derivato e' semplicemente un prodotto finanziario il cui valore deriva da un prodotto sottostante (underlying). Il prodotto sottostante puo' essere qualsiasi cosa; solitamente e' un asset, ma puo' essere un tasso di interesse, una currency, la volatilita' del mercato, il tempo atmosferico, etc.

Un future (che per ora e' l'unico derivato sui BTC) e' un accordo per comprare o vendere il "prodotto sottostante" (il perche' delle virgolette lo spiego sotto) in un certo momento nel futuro per un certo prezzo.

Esempio: tu compri un future (quindi hai una posizione long) per comprare 1 kg d'oro a 1000 euro in data 20 luglio 2018. Io sono quello che ti vende questo future (quindi ho una posizione short); questo significa che in data 20 luglio 2018 sono obbligato a consegnarti 1 kg d'oro e tu sei obbligato a pagarmi 1000 euro. Se in data 20 luglio 2018 1 kg d'oro sul mercato vale 1500 euro, significa che tu hai risparmiato 500 euro e io ho perso 500 euro, visto che e' sempre un gioco a somma zero. 

Questo per spiegarla in maniera semplicissima. 

 

Spiegazione del virgolettato: nel mio esempio, il future prevede un physical settlement, che significa che io ti devo consegnare fisicamente 1 kg d'oro a certe condizioni in un certo luogo (come previsto nel contratto); per avere una posizione short in un future di questo tipo, e' ovvio che io debba essere o proprietario di un 1 kg d'oro da consegnarti, oppure io debba andare sul mercato in data 20 luglio 2018 e comprare 1 kg d'oro.

Se il future avesse previsto un cash settlement, significherebbe che non ci sarebbe alcun trasferimento di oro, ma il perdente della transazione deve trasferire la differenza monetaria al vincente.

Un future che prevede un cash settlement puo' quindi essere visto come una pura scommessa sul prezzo futuro di un particolare prodotto. Questo e' il caso dei future sui BTC, ed e' il motivo per cui non c'e' bisogno che io sia effettivamente proprietario di BTC per poter avere una posizione short in un future.  

 

Il discorso che fai su derivati di copertura/speculativi non mi e' molto chiaro, magari puoi spiegare meglio cosa intendi?


  • 2

#10 thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3453 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2017 - 11:50

Il topic di debaser non bastava per parlarne?

 
me l'ero perso, grazie al tuo intervento ho potuto distribuire un po' di meritori meno a satyajit e un più a questo post enorme di Ortodosso, di 5 anni fa

Spoiler

  • 1

#11 bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 11 dicembre 2017 - 11:54

thom, non ci ho capito un cazzo ma mi sono commosso al "bene ma non benissimo" usato senza ironia e perfettamente calzante, sembra veramente roba d'epoca
  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#12 Trickster017

    Rocker statale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4936 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 11 dicembre 2017 - 12:14

Primissima domanda da ignorante del settore: ma quotando in borsa i derivati sui Bitcoin, non si sta letteralmente creando un valore economico/finanziario basato sul nulla?

 

Probabilmente ho una concezione troppo basata sul mondo aziendale, ma i derivati sono o di copertura o speculativi, però basati - almeno nella mia breve e lacunose esperienza - sull'oscillazione dei cambi previo acquisto di valuta.

 

 

Che la finanza stia creando attività per la moltiplicazione dei profitti basata sul nulla è ormai conclamato e purtroppo non è necessario attendere i bitcoin: è da tempo ormai che lo scollamento tra mercato dei pezzi di carta e mercato delle merci si è fatto allarmante e incontrollabile. I derivati ne sono un esempio lampante: dovrebbero derivare da un prodotto sottostante, ma solo in teoria, perché dei grandi geni della finanza sono stati in grado di metterci dentro di tutto e di più, per cui il prodotto non è più uno e soprattutto si è completamente perso il collegamento. Come giustamente ha semplificato un amico che si occupa di investimenti e gestione dei risparmi: se un semplice cittadino avesse mai voglia di utilizzare così il denaro, farebbe molto prima ad andare in una bisca, dato che l'incertezza del guadagno è la stessa.

Su questo tema ti consiglio vivamente questo:

 

gallinofc.jpg

 

Non è un mattone (avrà un 200 pagine), non c'è una riga sprecata ed è scritto in modo chiarissimo. Però non c'è nulla sui bitcoin. Su quest'ultimo argomento infatti mi sono limitato a leggiucchiare qua e là, ma è ancora un fenomeno marginalissimo quindi per ora mi limito allo studio di cose un po' più davanti ai miei occhi. Però se trovo qualcosa di interessante sui bitcoin la pubblico subito.


  • 0

Keine Gegenstaende aus dem Fenster werfen


#13 thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3453 Messaggi:

Inviato 11 dicembre 2017 - 12:15

thom, non ci ho capito un cazzo ma mi sono commosso al "bene ma non benissimo" usato senza ironia e perfettamente calzante, sembra veramente roba d'epoca


ma al 98% è off-topic, è solo una nota di colore, piuttosto come la vedi questa INTUIZIONE?

premesso che le transazioni su deep web al 90% viaggiano su bit-coin non potremmo essere di fronte alla più grande operazione INVERSA di riciclaggio al mondo?


  • 1

#14 volontario laico

    non sono stato io

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 671 Messaggi:
  • Locationun po' qui, un po' lì

Inviato 11 dicembre 2017 - 12:28

L'elemento che va sottolineato è la decentralizzazione, cambio di paradigma rispetto a quella delle fiat, anche se ho visto una mappa con i mining pool principali di Bitcoin che fa un pò paura.

La storia del deep web (il creatore di silk road è in carcere e penso ci starà a vita) e del traffici illeciti è una mezza bufala, in numerosi interventi le banche centrali nazionali di svariati stati hanno segnalato come sia un rischio residuale, ed il quel senso il contante presenta vantaggi indubbi che stranamente nessuno evidenzia.

Le transazioni sono tracciabili anche se ho letto ma non approfondito di servizi di mixer che "anonimizzerebbero" le trasnsazioni. In ogni caso non è la cripto più anonima (vd monero).

Il valore potrebbe essere valutato anche inferiore a un "prezzo" ideale in considerazione del fatto che di bitcoin secondo l'algoritmo principale e non considerando eventuali fork potranno essere minati solo 21m milioni, ed oggi stiamo già a 16,734,100 in massimo dieci anni si prevede di estrarre tutto il possibile (inflazione ci sei?).BTC ha il vantaggio dei videoregistratori (o dvd non ricordo bene), tecnologia inferiore rispetto ai concorrenti ma la diffusione iniziale ha dato un vantaggio incolmabile. E' interessante scommettere sul successore di Btc, visto che in tutta probabilità verrà usato come riserva di valore (oro), mentre per le transazioni quotidiane i contendenti sono tanti, vedi ethereum, litecoin, monero e tanti altri.

Una applicazione della blockchain che (spero) rivoluzionerà il mondo, più delle crypto in sè saranno gli smart contract, ma andiamo nel campo del futuribile.


  • 0

#15 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13988 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 11 dicembre 2017 - 12:36

Banalmente, derivati di copertura hanno un "sottostante" di cui coprono le fluttuazioni (es: derivato a copertura del tasso di cambio di un finanziamento - Interest Rate Swap -, oppure derivati sui cambi; il sottostante è rispettivamente il finanziamento e la fattura in valuta), quelli speculativi no. Io onestamente nei bilanci delle società ho visto solo i primi.


  • 0
Adescatore equino dal 2005

#16 Trickster017

    Rocker statale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4936 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 11 dicembre 2017 - 12:37



premesso che le transazioni su deep web al 90% viaggiano su bit-coin non potremmo essere di fronte alla più grande operazione INVERSA di riciclaggio al mondo?

 

Questo semplice passaggio è la sintesi di tutto. Merita voti a caterva.


  • 0

Keine Gegenstaende aus dem Fenster werfen


#17 Ortodosso

    baby even the losers

  • Administrators
  • 9931 Messaggi:
  • LocationPortola Valley, CA

Inviato 14 dicembre 2017 - 21:53

*
POPOLARE

 

Il topic di debaser non bastava per parlarne?

 
me l'ero perso, grazie al tuo intervento ho potuto distribuire un po' di meritori meno a satyajit e un più a questo post enorme di Ortodosso, di 5 anni fa

Stripe è una roba fatta da due ventenni irlandesi coi coglioni, che è genio puro e la prima società dove andrei a chiedere lavoro se volessi vivere in quel bitumaio che è San Francisco

 

 

Aggiornamento:

 

2012: scrivo questo post, Stripe sono 25 persone sgarrupate e vale forse cento milioni di dollari

2013: Stripe mi offre un lavoro, sono in 60, valgono centocinquanta milioni ma a me San Francisco fa cagare quindi vado a LA a lavorare per un'azienda di gaming

2014: chiedo in ginocchio che mi prendano ma se la sono un attimo presa che li ho mandati affanculo e mi fanno il dito. Sono in cento.

2017: Stripe sono mille persone, valgono 15B, i Collison sono in copertina di Fortune, io evito di fare il calcolo di quanto avrebbero le opzioni dell'offerta del 2013 onde non bestemmiare il nome del dio sangue. Il capo di tutti gli ingegneri di Google Europa si trasferisce a San Francisco per fare il VP Eng di Stripe. Io, che sono un grandissimo stronzo, lavoro in quel bitumato che è San Francisco. L'azienda per cui lavoro è cliente di Stripe. Io sono uno stronzo, è necessario ribadirlo.

 

Ah:

 

- Keith è stato dimissionato da Stripe perché nel 2013, proto-Weinstein, ha molestato un impiegato di Square. Curioso per uno che a Stanford era a capo del giornalino omofono insieme a un compagno di law school, Peter Thiel, anche lui cripto (così stiamo in tema) frocio che ha fatto chiudere Gawker, giornale che aveva fatto outing su di lui, sponsorizzando una causa contro lo stesso fatta da Hulk Hogan (non sto inventando). Adesso fa il venture capitalist.

 

- Square si è quotato e vale 12 bilioni, hanno fatto una app (Cash) che sta obnubilando Venmo e ci hanno attaccato una carta che, attaccandoci direct deposit, assegni e bill pay diventa una banca senza essere una banca. In dieci anni saranno grandi come Wells Fargo mentre le banche tradizionali andranno a fare in culo. Il product manager è un mio amico nigeriano.

 

- Venmo ha venduto a Braintree, Braintree ha venduto a Paypal, i due founder di Venmo esemplificano cosa vogliamo dire quando diciamo che i soldi ti rendono semplicemente più di quello che già sei: uno è andato a fare i silent retreat di dieci giorni di yoga in assoluto silenzio, l'altro vaga per bar di NYC dove ha abbordato una mia conoscente, le ha offerto on the spot di investire diecimila dollari nel suo side business Etsy di vendita di succinti vestiti cuciti a mano da scampoli di tessuto avanzati con tasche, mentre le offriva di diventare investitore (alla Fratini) le metteva una sudata mano a metà coscia. Gli è andata male che lei è nata e cresciuta a Midtown: soldi in banca, business scomparso, bernarda vista neanche col binocolo.

 

Ciao stelline mie


  • 15

voter negativity
Gozer il Gozeriano 119
reallytongues 112


#18 Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 38210 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 14 dicembre 2017 - 22:17

mentre le offriva di diventare investitore (alla Fratini)

 

Alla Fratini nel senso che ci metteva pochi soldi?  ;D  (speriamo che Alessandro non ci legga...)


  • 0

#19 Trickster017

    Rocker statale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4936 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 15 dicembre 2017 - 21:53

www.repubblica.it/esteri/2017/12/15/news/danimarca_italiana_ingaggia_killer_uccidere_fidanzato_bitcoin-184226605
  • 0

Keine Gegenstaende aus dem Fenster werfen


#20 volontario laico

    non sono stato io

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 671 Messaggi:
  • Locationun po' qui, un po' lì

Inviato 16 dicembre 2017 - 13:48

www.repubblica.it/esteri/2017/12/15/news/danimarca_italiana_ingaggia_killer_uccidere_fidanzato_bitcoin-184226605

A dimostrazione del fatto che i bitcoin non siano la migliore moneta per compiere illeciti. Se lo avesse pagato in contanti come avrebbe potuto dimostrare il pagamento?


  • 1

#21 Trickster017

    Rocker statale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4936 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 16 dicembre 2017 - 19:56

www.corriere.it/esteri/17_dicembre_16/corea-nord-l-accusa-seul-pyongyang-ha-hackerato-milioni-bitcoin-42dd3040-e28a-11e7-8f76-99e6e07abbd9.shtml
  • 0

Keine Gegenstaende aus dem Fenster werfen


#22 Ortodosso

    baby even the losers

  • Administrators
  • 9931 Messaggi:
  • LocationPortola Valley, CA

Inviato 19 dicembre 2017 - 18:10

*
POPOLARE

Mette tutti a posto Alessandra Puato del corriere, con un articolo mondiale pubblicato sul newspaper of record italiano.

 

Ho provato a comperare i Bitcoin e mi sono fermata. Perché dare a non so chi, definitivamente, i dati della mia carta di credito, del mio conto corrente? Non lo faccio neanche quando acquisto un biglietto del Frecciarossa, eppure conosco Trenitalia. Ma qui, chi sono “loro” ? E chi mi garantisce che, dopo che ho guadagnato qualcosa (se succede, e finora succede), i soldi mi vengano accreditati sull’unghia sul conto, un euro dopo l’altro? E chi mi assicura che possa vendere quando voglio e al prezzo di mercato questa criptovaluta, che gira sulla blockchain, una tecnologia criptata di trasferimento ritenuta «sicurissima» dagli addetti ai lavori, ma complicatissima (praticamente un insieme di algoritmi e validatori fisici, persone, sostituiscono la banca centrale, per incrociare gli scambi)? Questi i miei dubbi. Si sono affastellati in corso d’opera. Difatti mi sono fermata, restando lì, con il cellulare in mano e quell’icona dell’app che ancora mi occhieggia, azzurra e perfidamente invitante, dallo schermo. Quella «C» di Coinbase, così si chiama la mia app, con il wallet, il portafoglio per contenere le criptovalute. La apri e subito ti mostra il grafico dei Bitcoin, che oggi, 19 dicembre 2017, alle dieci del mattino valevano 18.899 dollari (-50 dollari da ieri, come dire -0,26%), cioè 16.005 euro (l’uno!) e in gennaio non arrivavano a mille (792,10 dollari, 670 euro). Un’impennata che neanche l’Everest. Ma niente paura, si può comperare per frazioni. Frazioncine. Anche 50 euro. L’esca è vicina alla bocca di tutti. Difatti c’è chi comincia a usare i Bitcoin, in qualche altrove, per pagare il conto al ristorante o acquistare una macchina. Moneta virtuale, ma dati della privacy reali, realissimi. Preziosi e regalati. L’app C Nel mio caso, comunque, è andata così. Un mio collega tecnologico si avvicina: «Vuoi guadagnare 500 euro in due giorni? Io l’ho fatto». «E dai proviamo». «Scarica l’app». «Fatto». «Adesso procedi». Coraggio, voglio investire 50 euro. La prima cosa che mi viene richiesta è la registrazione con nome e cognome, email, password e la certificazione di avere più di 18 anni (ma so di ragazzini che lo fanno regolarmente con il profilo della madre, me l’hanno detto martedì sera a una festa prenatalizia di professionisti borghesi milanesi: non si parlava d’altro, tra un calice di prosecco e una tartina di uova di salmone). Dopo la conferma dell’indirizzo email, si apre l’applicazione: «Sei quasi pronto per investire», dice lo schermo. Vedi d’un tratto tutte le criptovalute trattate: i Bitcoin, ovviamente, i più famosi; e poi gli altri, molto meno cari, si fa per dire: gli Ethereum a 858 dollari (726 euro, +20% da ieri), i Litecoin a 360 dollari (304 euro, +14%). Ma prima ancora di partire lo smartphone mi impone: «Completa il tuo conto». E chiede di inserire: a) il mio numero di cellulare con annesso codice di verifica ricevuto; b) aggiungere un metodo di pagamento: dal conto Coinbase (se ce l’hai), alla carta di credito o di debito, fino al conto corrente. Scelgo la carta di credito, mi chiedono di scannerizzare e fotografare la carta d’identità, il passaporto o la patente. Lascio perdere, non ho voglia di mettere in Rete i miei documenti personali. La banca estone Il logo della Lhv Pank Così torno indietro e scelgo l’opzione conto corrente. Per «verificare il conto corrente», è scritto, mi chiedono di mandare un euro su un deposito indicato. Vediamo dove finisce quest’euro. Sopra la schermata c’è scritto: «Collegati con il tuo conto bancario». Iban destinatario: EE957700771001355096; Nome destinatario: Coinbase Uk, Ltd.; Paese banca: Estonia; Nome banca: As Lhv Pank (quella che ha sviluppato i conti deposito in Bitcoin, scoprirò in seguito); Indirizzo banca: Tallinn; Indirizzo del destinatario (finale, effettivo): Londra. Presto detto: mando un euro a una banca estone, ma a riceverlo è una banca con sede a Londra. Intanto il mio Iban è finito nelle loro mani. Non mi convince. Soprassiedo, benché il mio amico insista: «La catena è sicura, si guadagna!». I 50 euro restano nel mio portafoglio. Missione vendita Ma il punto che mi lascia più perplessa è la vendita. Se entrare nella criptovaluta è infatti relativamente facile (abdicando a ogni privacy, sia chiaro), e si può persino acquistare Bitcoin in Posta con Postapay, dal tabaccaio con Sisal, online con l’app Jiffy, uscirne è complicato. Vendere a chi? E come? A un intermediario tra clienti? A una tra le tante «exchange company» dedicate, società molteplici e poco definite? Il livello di sicurezza è basso, avverte il web. E poi bisogna fornire, di nuovo, i propri dati sensibili, per ricevere gli euro. La carta di credito, per esempio. O l’Iban del proprio conto corrente. Si può provare a vendere i bitcoin online. O addirittura andare di persona a ritirare i soldi da chi vuole comperare la criptovaluta. A parte la difficoltà che qualcuno si prenda la briga di muoversi per acquistare piccole somme criptrovalutate, sul web spiccano gli allarmi: «Non fatelo in luoghi poco affollati!». Tipo scambi del Ponte delle spie, per capirsi. Inoltre i tempi di accredito possono essere lunghi e non sono rari, pare (almeno, a leggere i siti su Internet), i casi di compratori che si siano tenuti sia i Bitcoin dello sfortunato venditore sia i soldi con i quali dovevano pagarli. Altro problema è il prezzo. Una considerazione frequente sul web è infatti questa: «Quanto devo stare sotto il prezzo di mercato perché i miei Bitcoin siano appetibili»? Perché per vendere la criptovaluta, apprendo, devono incrociarsi domanda e offerta. Bisogna cioè fare una proposta e augurarsi che venga accettata da qualcuno. Il prezzo di riferimento (come i 16 mila euro di oggi) è solo un riferimento, appunto. Nessuna garanzia che sia pagato. Perciò mi faccio l’idea che vendere sia molto più complicato che comprare. E rischioso. In Borsa lo chiamerebbero scarsa liquidità. Mary Poppins E comunque. In questo momento tutti, tanti comprano Bitcoin e simili e hanno alti guadagni — virtuali. È un fatto. Ma chissà se tutti vendessero ora (a patto di riuscirci bene e in fretta): che succederebbe? Non è che si genera l’effetto Michael Banks? È il piccolo del film Mary Poppins, che a un certo punto va alla banca dove lavora il padre, Mr. Banks, perché vuole indietro il soldino versato. La banca non vuole ridarglielo, succede un parapiglia, tutti gli altri clienti copiano il bambino reclamando i propri soldi. La banca fallisce. Sarò catastrofica, ve lo concedo, ma i miei 50 euro resteranno euro. Sono solo lo 0,3% di un bitcoin e non crescono come le monete sull’albero di Pinocchio, ma almeno sono soldi veri. Opinioni da neofita, sia chiaro. Se qualcuno di voi lettori ha avuto in accredito sul proprio conto corrente dei soldi, avuti in contanti dalla vendita delle criptovalute — poniamo mille o 10 mila euro — ci scriva. Chiusure e derivati I segnali non sono positivissimi. È proprio di oggi l’annuncio che la piattaforma di scambio di Bitcoin della Corea del Sud, Youbit, «ha dichiarato che sta per chiudere, dopo essere stata violata due volte quest’anno», scrive LaPresse-Retuters. Fra l’altro ora che sui Bitcoin c’è pure il future (ha debuttato il 18 dicembre al Cme, la borsa mercantile di Chicago), lo strumento finanziario che consente di scommettere sull’andamento futuro di un bene, potrebbe anche partire la speculazione al ribasso, in un mercato che non è regolamentato . Mentre fioriscono i prodotti derivati più strani come i Cfd, «contratti per differenza» sulle criptovalute, del broker londinese Activetrades. Scommettono sui balzi di prezzo. Dalla valuta virtuale si sta espandendo la finanza virtuale. Prepariamoci.


  • 12

voter negativity
Gozer il Gozeriano 119
reallytongues 112


#23 khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16842 Messaggi:

Inviato 19 dicembre 2017 - 18:31

straordinario.

 

25507992_10214532540562374_7111992668112


  • 1

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#24 Trickster017

    Rocker statale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4936 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 19 dicembre 2017 - 18:54

Ho letto stamattina questo articolo del corriere e ha confermato tutte le mie perplessità sui famigerati bitcoin. Mi ritrovo spesso a leggere pubblicazioni di carattere economico, per diverse ragioni, e tanti e insistenti sono i tentativi di vari ambienti della finanza di disegnare un'economia in cui l'individuo-utente-сonsumatore, attirato e allettato da qualche vantaggio, si consegna mani e piedi a un sistema pensato per controllarlo, manipolarlo, dirigerlo e... bloccarlo. Bloccarlo in che senso? A parte i problemi sottolineati in termini di scarsa trasparenza e privacy sempre più violata, c'è infatti un pericolo enorme legato alla scomparsa del denaro materiale.
Immaginiamo una crisi finanziaria (non è difficile immaginarla no?) e un individuo che per proteggere i suoi risparmi si rechi allo sportello bancario o bancomat per prelevare del denaro in caso di temuto fallimento della propria banca. È l'incubo di ogni istituto bancario quello della folla che si accalca allo sportello per avere il proprio denaro contante, ma è anche l'unica arma che un cittadino ha in caso dovesse avere il sentore di imminente chiusura dell'istituto. Il giorno in cui il denaro dovesse diventare virtuale, una persona correrà il rischio di perdere totalmente il controllo dei propri risparmi.
Se a questo aggiungiamo anche i pericoli raccontati in questo articolo...
  • 1

Keine Gegenstaende aus dem Fenster werfen


#25 Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37285 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 19 dicembre 2017 - 19:03

sto bitcoin ha dei groviera che manco ti immagini 


  • 4

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#26 Trickster017

    Rocker statale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4936 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 19 dicembre 2017 - 20:40

Hai il dono della sintesi.
  • 0

Keine Gegenstaende aus dem Fenster werfen


#27 bosforo

    ¬`¬`

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19668 Messaggi:

Inviato 20 dicembre 2017 - 10:32

Perché dare a non so chi, definitivamente, i dati della mia carta di credito, del mio conto corrente? Non lo faccio neanche quando acquisto un biglietto del Frecciarossa, eppure conosco Trenitalia.


WUT
  • 1

#28 veryc

    E i ramo' ?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1451 Messaggi:

Inviato 20 dicembre 2017 - 14:45

"Perche' hanno un valore?"

Al momento i BTC hanno un valore che e' puramente speculativo, nel senso che chiunque sta investendo lo sta facendo solo con l'obiettivo di rivenderli ad un prezzo piu' alto in futuro.

Non hanno alcun valore intrinseco: nessun commerciante sano di mente li puo' accettare come metodo di pagamento, perche' il valore dei BTC ha fluttuazioni enormi per essere una currency e se tu devi pagare le tasse in euro o dollari non ti puoi permettere di vedere i tuoi guadagni ridotti del 30% overnight.

 

A me questo punto interessa particolarmente. Se qualcuno è capace con la finanza di trarne dei profitti buon per lui, ma alla fine conviene adoperarli per comprare beni e servizi?

Ho visto un servizio in TV che parlava di Rovereto (ne ho avuto la conferma anche su altre fonti, tipo qui) come una città dove sono accettati come sistema di pagamento o pagamento di salari.

Esistono siti come https://coinmap.org/ e in veste puramente italiana https://www.quibitcoin.it/ con liste di negozi che almeno sulla carta accettano pagamenti in BTC. Dov'è il trucco se sono di valore così fluttante?


  • 0

Ha già fatto tutto Black Mirror

 


#29 Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3621 Messaggi:

Inviato 25 dicembre 2017 - 11:19

"Perche' hanno un valore?"Al momento i BTC hanno un valore che e' puramente speculativo, nel senso che chiunque sta investendo lo sta facendo solo con l'obiettivo di rivenderli ad un prezzo piu' alto in futuro.
Non hanno alcun valore intrinseco: nessun commerciante sano di mente li puo' accettare come metodo di pagamento, perche' il valore dei BTC ha fluttuazioni enormi per essere una currency e se tu devi pagare le tasse in euro o dollari non ti puoi permettere di vedere i tuoi guadagni ridotti del 30% overnight.

 
A me questo punto interessa particolarmente. Se qualcuno è capace con la finanza di trarne dei profitti buon per lui, ma alla fine conviene adoperarli per comprare beni e servizi?

È un sistema che può gestire al massimo 5 transazioni al secondo per design (Visa ne fa tipo 2000 in media), e se vuoi qualche speranza che la tua transazione venga approvata in tempi umani devi pagare una commissione media che al momento sta sopra i 20$. Secondo te?
  • 0

#30 arvic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3514 Messaggi:

Inviato 25 dicembre 2017 - 12:38

Senza contare il consumo energetico utilizzato per la quantità ridicola di transazioni rispetto a quelle visa.
Ma una cosa non capisco: il prezzo di scambio del Bitcoin è quello del momento di validazione o quello della transazione? Cioè in teoria la validazione dovrebbe essere solo una consuntivazione, ma se io compro i Bitcoin oggi a x e lo scambio avviene realmente due settimane dopo, quando il Bitcoin vale 2x, praticamente la Fee di commissione definisce quanto vuoi spostare nel tempo il future, no?
  • 0

#31 pooneil

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6106 Messaggi:

Inviato 09 gennaio 2018 - 09:54

http://peerism.org/

 

#ilfuturo?


  • 0

#32 Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7663 Messaggi:

Inviato 17 gennaio 2018 - 22:18

Un mio collega (a cui un po' voglio bene ma di cui non ho granché stima) mi ha dimostrato una volta di più di che minchia è fatto per un buon 80% il mercato (semplificando in stile Pareto). Sulla scia degli amici coglioni ignoranti che ha prende e compra Ethereum per 200 euro l'altro giorno, "che stanno esplodendo anche loro". Subito dopo che li ha comprati, questi cominciano a fluttuare e poi scendere rovinosamente, al che oggi in prenda al panico vende pigliandosi 100 euro e rotti. Poi continua e guardare e cominciano a risalire, al che gli viene voglia di mettere altri soldi. Dio quanto ho goduto, ma anche un po' Dio Cristo che miseria umana.


  • 1

Statisticamente parlando, non lo so.


#33 cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13988 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 18 gennaio 2018 - 10:01

asd


  • 0
Adescatore equino dal 2005

#34 PDeVo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3653 Messaggi:

Inviato 18 gennaio 2018 - 21:07

a proposito di Ethereum 

 

http://www.lastampa....LmN/pagina.html

 

magari qualcuno che ne sa può commentare


  • 0

#35 volontario laico

    non sono stato io

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 671 Messaggi:
  • Locationun po' qui, un po' lì

Inviato 19 gennaio 2018 - 09:49

smart contracts, smart contracts everywhere


  • 1

#36 veryc

    E i ramo' ?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1451 Messaggi:

Inviato 23 gennaio 2018 - 11:05

Voi avete votato al sondaggio della BCE?

 

tweet-bce-sondaggio-bitcoin.jpg?uuid=344


  • 1

Ha già fatto tutto Black Mirror

 


#37 tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6545 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 31 gennaio 2018 - 00:20

Franco, un mio ex compagno di classe di prima superiore (16 anni fa), con cui ho avuto modo per caso di rientrare in contatto qualche anno fa, è stato il primo in Italia a seguire i BitCoin (2010).
é il presidente di bitCoin italia. Un innocuo bravo ragazzo.
Nel 2013 quando ancora lavorava me ne parlava in treno.
Nei primi anni coniava anche i bitcoin. Ora credo che sia ricco.

Questo non è un post ne pro ne contro bitcoin.
Una sua intervista (a 2 ore e 50 min), ovviamente è il tipo nerd :)

  • 0

#38 volontario laico

    non sono stato io

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 671 Messaggi:
  • Locationun po' qui, un po' lì

Inviato 31 gennaio 2018 - 12:20

ma è HostFat! Avresti dovuto ascoltarlo asd asd


  • 1

#39 volontario laico

    non sono stato io

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 671 Messaggi:
  • Locationun po' qui, un po' lì

Inviato 31 gennaio 2018 - 12:24

in Italia qualcuno ha visto lungo, Bitgrail (che è un po' nei casini) è un exchange di un italiano con sede in Italia, e al vertice di Bitfinex c'è un altro italiano (Devasini ) ed in futuro anche questo forse sarà nei casini asd


  • 0

#40 tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6545 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 01 febbraio 2018 - 01:52

Eugenio Benetazzo vs Franco (HostFat)


  • 0

#41 strafanich

    .

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4241 Messaggi:

Inviato 01 febbraio 2018 - 10:08

Ho frequentato per anni (prima di Ondarock) un forum dove bazzicava anche HostFat, avrei avuto anch'io l'occasione di ascoltarlo ashd


  • 0

#42 thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3453 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2018 - 15:40

Ecco il legame nascosto tra porno e Bitcoin

 

Alla mancanza di trasparenza si unisce il dato sempre più preoccupante della crescita esplosiva del criptomining abusivo. Si calcola che nel mondo un'azienda su cinque è oggi colpita dagli hacker che sfruttano la potenza di calcolo dei computer per generare criptovalute, all'insaputa delle vittime. A mettere insieme i dati è la società di sicurezza Check Point Software Technologies che ha stilato un rapporto relativo al periodo luglio-dicembre 2017.

 

Tra i virus malevoli più usati per questo scopo c'è “Coinhive”: è progettato per produrre la criptovaluta Monero quando un utente visita una pagina web, ovviamente senza la sua approvazione. È emerso nel settembre 2017 e ha già infettato il 12% delle aziende a livello globale.

 

io sono certo di essere infettato: ogni due anni circa mi prendo un notebook nuovo spendendo un migliaio di euro e mi pare sia sempre più lento del precedente; davo la colpa alla legge di moore, ma è evidente che col mio i7 zombizzato c'è chi fa criptomonete fruscianti

 

se le percentuali di cui sopra sono vere, mi pare sia il più grande fenomeno di hacking al mondo che sta bellamente passando sottotraccia 

 

meanwhile in Russia ...

 

Altro episodio a dir poco sconcertante, quello che pochi giorni fa ha interessato alcuni scienziati russi che lavorano nel centro di ricerca nucleare (VNIIEF) di Sarov, città a 370 chilometri da Mosca. Sono stati arrestati perché hanno cercato di generare le criptovalute sfruttando il supercomputer del centro di ricerca.


  • 1

#43 Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3621 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2018 - 18:28

ma i programmi anti-malware li usi? comunque questo e' solo uno dei tanti articoli che devono dare addosso alle criptomonete (ai finanzieri non stanno molto bene, come si e' ormai capito), prova ne sia il fatto che descrivono coinhive come un virus: non e' un virus, e' uno script in java che gira sul browser quando visiti un sito che ospita quello script. La disonesta' sta nel fatto che i gestori del sito non ti chiedono il permesso (generalmente), ma non e' certo un virus.
  • 1

#44 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2018 - 18:29

ma i programmi anti-malware li usi? comunque questo e' solo uno dei tanti articoli che devono dare addosso alle criptomonete (ai finanzieri non stanno molto bene, come si e' ormai capito), prova ne sia il fatto che descrivono coinhive come un virus: non e' un virus, e' uno script in javaSCRIPT che gira sul browser quando visiti un sito che ospita quello script. La disonesta' sta nel fatto che i gestori del sito non ti chiedono il permesso (generalmente), ma non e' certo un virus.

 

è in javascript, non in java

 

vorrei scrivere "LE BASI!!!!" ma con Marguati sarebbe troppo, non ho mai visto nessuno correggerlo


  • 1

 


#45 thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3453 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2018 - 19:37

comunque questo e' solo uno dei tanti articoli che devono dare addosso alle criptomonete

 
l'articolo ha passaggi ingenui, concordo anch'io che non sono un informatico, ma il problema esiste o no?
la zombizzazione di PC (ma in altri articoli si parla addirittura di qualsiasi dispositivo, finanche le lavatrici smart) per il mining abusivo ha davvero quei numeri?
 
questo è l'argomento che portavo avanti, anche perché - pur essendosi deprezzato - l'exploit del valore del bitcoin (e delle altre criptovalute a ruota) potrebbe giustificare un investimento in strategie di hacking sempre più complesse e a vasta scala

 

altro argomento che trovo preoccupante rispetto al mining delle criptovalute:
 

La creazione delle criptovalute richiede quindi un’elevata potenza di calcolo e di conseguenza un alto dispendio energetico, che rende il mining spesso infruttuoso per i singoli operatori. Secondo alcune stime l’elettricità complessiva utilizzata annualmente per produrre Bitcoin supera infatti i 32 terawatt, quindi ben superiore ai consumi di un Paese come l’Irlanda (25 terawatt l’anno).


https://powercompare.co.uk/bitcoin/

non trovo numeri sull'intero comparto delle criptovalute, ma direi che già così mi paiono grandezze fuori controllo


  • 0

#46 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2018 - 20:40

 

 
Opera, nell'ultima versione di recente strapubblicizzata proprio per questo motivo, ha già al suo interno, un sistema anti; usa quello (lo faranno anche gli altri browser a breve o c'è già) o un semplice anti-malware come ti ha suggerito marguy
 
tanto il problema dell'autorizzazione da parte dei siti resterà sempre in una zona grigia
 
e stai sereno, non leggere troppi giornali, tra Trump che scatena la guerra nucleare, le attrici ricattate/trombate, il fascismo 2.0 che avanza e i bitcoin, mi pare stiano esagerando negli ultimi periodi
 
vedrai che sistemeranno tutto IL DUSI e 10 Volte Meglio


 

La disonesta' sta nel fatto che i gestori del sito non ti chiedono il permesso (generalmente), ma non e' certo un virus.


Marguy scusa se ti correggo di nuovo ma non è detto che la colpa sia dei gestori, ad esempio Everlast utilizzava Helpout per aiutare i clienti negli acquisti ma non sapeva che fosse infettato (penso e spero asd)


  • 0

 


#47 Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3621 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2018 - 23:07

comunque questo e' solo uno dei tanti articoli che devono dare addosso alle criptomonete


l'articolo ha passaggi ingenui, concordo anch'io che non sono un informatico, ma il problema esiste o no?
la zombizzazione di PC (ma in altri articoli si parla addirittura di qualsiasi dispositivo, finanche le lavatrici smart) per il mining abusivo ha davvero quei numeri?

questo è l'argomento che portavo avanti, anche perché - pur essendosi deprezzato - l'exploit del valore del bitcoin (e delle altre criptovalute a ruota) potrebbe giustificare un investimento in strategie di hacking sempre più complesse e a vasta scala

altro argomento che trovo preoccupante rispetto al mining delle criptovalute:

La creazione delle criptovalute richiede quindi un’elevata potenza di calcolo e di conseguenza un alto dispendio energetico, che rende il mining spesso infruttuoso per i singoli operatori. Secondo alcune stime l’elettricità complessiva utilizzata annualmente per produrre Bitcoin supera infatti i 32 terawatt, quindi ben superiore ai consumi di un Paese come l’Irlanda (25 terawatt l’anno).

https://powercompare.co.uk/bitcoin/
non trovo numeri sull'intero comparto delle criptovalute, ma direi che già così mi paiono grandezze fuori controllo
I numeri per coinhive non mi sembrano così esagerati, leggevo tipo 30 milioni di visite ai siti su cui gira, per una media di 4 minuti di esecuzione. Sostanzialmente niente, almeno per gli smartphone.

Per quanto riguarda il consumo energetico di Bitcoin, non è affatto una questione da poco stabilire come si colloca rispetto a nazioni e corporations. Sto facendo qualche conto ma non ho ancora niente di definitivo - però non mi sorprenderebbe se fosse in linea con nazioni e/o corporations in termini di profitto per Wh.

P.s. tralasciamo i watt invece che i wattora nell'articolo
  • 1

#48 oblomov

    Mommy? Can I go out and kill tonight?

  • Moderators
  • 18413 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2018 - 07:03

La differenza è che corporations e nazioni non consumano wh per una speculazione pura di una valuta che non è una valuta. Credo il punto dell'articolo sia quello.
  • 0
Soltanto chi non ha approfondito nulla può avere delle convinzioni.

#49 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2018 - 09:58

l'articolo postato da thom ha un titolo per fare presa, quello sul legame porno-bitcoin, e poi non fa altro che ripetere cose che negli ultimi giorni sono state dette e ridette in tutte le salse/balle su tutti i giornali, pure Novella2000 (il grave è che i termini sono sempre gli stessi)

 

le escort professioniste accettano pagamenti in bitcoin come c'è scritto alla pari di tutti gli altri venditori online, non c'è nulla di strano

 

i siti porno permettono (con avvisi più o meno evidenti) agli utenti di "produrre energia" per il mining alla pari di altri siti che non sono porno ma fanno meno notizia, o meglio sono notizie già vendute; non sempre tra l'altro è colpa/idea dei gestori dei siti, ci sono casi tipo quello che ho citato sopra, Everlast, dove alcuni servizi forniti (nel caso dell'azienda di abbigliamento è helpout) erano stati presi di mira da terze parti

 

la questione che più spaventa o vuole spaventare: la richiesta di energia è aumentata e quindi non bastano più i singoli utenti che si masturbano su youporn condividendo la propria sbubb... ehm potenza di calcolo, da qui tutte le storielle (l'articolo di Thom porta l'esempio del centro di ricerca russo) sulle aziende installate in Islanda (e non solo) per coniare criptovalute mettendo a rischio la griglia energetica dei paesi in questione --- sono veri i termini e le grandezze di cui si parla o si tratta di terrorismo? Boh, il calcolo lo lascio a Marguy ma è già da un po' che girano queste voci (così le chiamerei più che articoli) e non mi pare di avere ancora visto nessun servizio televisivo con gli islandesi che cenano romanticamente a lume di candela

 

per l'utente singolo, quello che si masturba fornendo energia alle criptovalute, o guarda le serie romantiche sulla camorra, i consigli sono:

1) le estensioni anti dei browser

2) un semplice anti-malware

 

così thom non dovrà cambiare pc e non si sentirà "infettato"; comunque tanti script (legati a valute diverse) avvisano, e non tutti utilizzano grandi potenze di calcolo, alcuni si limitano a sucare qualcosina senza modificare le prestazioni del pc in maniera tangibile

 

l'unica cosa bella dei Bitcoin è che le persone parlano dei Bitcoin


  • 0

 


#50 thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3453 Messaggi:

Inviato 14 febbraio 2018 - 10:39

sì, però come ho già detto, tralasciando le note di costume (sia dell'articolo sia del mio post che - se non fosse chiaro - conteneva alcuni spunti lontanamente umoristici), gli argomenti mi paiono rilevanti

 

sul consumo di energia tra l'altro - da quello che capisco - non potrà che aumentare nel senso che l'algoritmo va via via crescendo di complessità (e il focus è limitato solo al bitcoin, ricordiamoci che ethereum ha una capitalizzazione pari ca. al 60% di quella dei bitcoin, quindi presumo un consumo energetico globale rilevante)

 

per l'utente singolo, quello che si masturba fornendo energia alle criptovalute, o guarda le serie romantiche sulla camorra, i consigli sono:

1) le estensioni anti dei browser

2) un semplice anti-malware

 

questo mi interessa e credo sia anche (collateralmente) in topic: caliamoci nel reale - non ho rinnovato kaspersky perché da quello che (mi pareva) di aver capito windows defender settato piuttosto alto (su win10) ha dei benchmark di poco inferiori; come browser chrome con ad-block, ci sono o no?


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi