Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Consigliami Il Libro


  • Please log in to reply
323 replies to this topic

#21 Leeeo

Leeeo

    nazi-core

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 663 Messaggi:

Inviato 28 gennaio 2015 - 23:42

P.S. Hai abbandonato Gargantua! E' così palloso?

Io l'ho comprato l'anno scorso, ma solo perché c'erano gli sconti e perché mi piace avere nella libreria certi classici che so che non leggerò mai (credo).

Boh, più che palloso non rientra nei miei interessi, diciamo. Una scena e un elenco telefonico di parole: si accenna ad un pranzo e parte la sequela di cibi, bevande, odori, sapori, azioni delle mani, della bocca, dello stomaco, dell'intestino per pagine e pagine e pagine. Dopo un paio di centinaia però non ce l'ho più fatta e ho desistito.

Ringrazio dei consigli, frattanto.


  • 0

"Скучно на этом свете, господа!"

RYM RYM RYM

ANOBII ANOBII


#22 Reynard

Reynard

    segno zodiacale: salamandra ascendente testadicazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9636 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 29 gennaio 2015 - 08:49

Sì sì certo. Mi sento in colpa perché sono praticamente le uniche due nazioni che non ho considerato finora. Anche se loro ci mettono del proprio, si può dire.

 

 

Coi tedeschi sette-ottocenteschi dovresti buttarti piuttosto sulla drammaturgia. Ci sono chicchine come:

"Minna von Barnhelm" di Lessing

"Don Carlos" di Schiller

"Il principe di Homburg" e praticamente qualsiasi altra cosa di von Kleist

"Woyzeck" di Buchner

"Prima del levar del sole" di Hauptmann

"Amoretto" di Schinitzler

E ovviamente il "Faust".

 

Per la narrativa piuttosto ci sono degli autori di racconti, il solito von Kleist chediolabbiaingloria, Hoffmann, Storm, Moricke, Schnitzler.

 

I grandi romanzi  cruccofoni sono roba più novecentesca.


  • 3
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#23 Leeeo

Leeeo

    nazi-core

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 663 Messaggi:

Inviato 30 gennaio 2015 - 00:11

No, niente drammaturgia per me, non ce la faccio.

Mi sono segnato Hoffmann, Schnitzler e Fontane. Von Kleist l'ho letto ma non m'ha lasciato granché. 


  • 0

"Скучно на этом свете, господа!"

RYM RYM RYM

ANOBII ANOBII


#24 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3895 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 30 gennaio 2015 - 14:36

Ottimo topic, ho meditato più volte di aprirlo io per non pasticciare "cosa state leggendo"...  :nod:

 

Dunque, a me piacerebbe:

 

- Approcciare Simenon, ma ha scritto davvero troppa roba e non so davvero che parte cominciare... se non sbaglio tra di voi ci sono parecchi appassionati (Piersa?).

 

- Leggere qualcosa di divulgativo sull'intelligenza artificiale dalla sua nascita ai recenti sviluppi

 

grazie!


  • 0
"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

Ricette Veg

#25 piersa

piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20043 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 02 febbraio 2015 - 15:34

Ottimo topic, ho meditato più volte di aprirlo io per non pasticciare "cosa state leggendo"...  :nod:

 

Dunque, a me piacerebbe:

 

- Approcciare Simenon, ma ha scritto davvero troppa roba e non so davvero che parte cominciare... se non sbaglio tra di voi ci sono parecchi appassionati (Piersa?).

 

 

Ecchime, amore abbastanza recente e escludente i Maigret (almeno per ora). Mi pare che Dest sia quello più ferrato ma tra i tre che ho letto almeno due sono considerati, a ragione, dei piccoli gioielli. Su L'homme qui regardait passer les trains avevo scritto qualcosa in "comunicazione ai moderatori" ( ?_?), qui approfitto di aver appena finito La neige etait sale per dire due parole e consigliarteli entrambi (La neve era sporca e L'uomo che guardava passare i treni).

La neve era sporca è ambientato nella Parigi occupata dai nazisti dove vige il sospetto di tutti contro tutti e alcuni si sono organizzati con i traffici di derrate, alcol, donne e... orologi meccanici.

Se da un lato è un ritratto molto secco di quei giorni, dall'altro seguiamo un diciottenne che legge Zola ma che ha un animo da Raskolnikov con cui condivide freddezza e un piano che aspira a una sorta di elevazione. Anche in questo caso la storia è divisa equamente in delitto e castigo.

La differenza tra un giallo qualsiasi e questo di Simenon (per non dire di Dostoevskji), oltre passare il piano puramente comportamentista, è tessere uniformemente gli stati emotivi alla trama talchè questi non sono inserti gratuiti e slegati ma motore essi stessi degli atti finali, cioè il comportamenti, le azioni.

Questo è un concetto che sfugge ancora alle cosiddette scuole di scrittura creativa e a tutti gli scribacchini che pensano di essere chissà chi.

Buona lettura.


  • 4

#26 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3895 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 02 febbraio 2015 - 16:21

Grazie!  :)


  • 0
"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

Ricette Veg

#27 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6721 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 11:54

Non che abbia strettamente bisogno di consigli, visto il comodino (/libreria/etc) strapieno, però mi sono accorto ieri sera di aver letto qualcosa come 5 libri scritti da donne in tutta la mia vita. E non è stata una misoginia consapevole.

Quindi: consigli su autrici valide/interessanti/nonsolamentefemministe*?

 

*per quanto mi ricordi di aver apprezzato Cassandra di Christa Wolf


  • 0

#28 Reynard

Reynard

    segno zodiacale: salamandra ascendente testadicazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9636 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 04 febbraio 2015 - 12:20

Tra quelle cinque c'è Marguerite Yourcenar?


  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#29 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6721 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 12:23

Sí, solo L´opera al nero, ma devo dire che non è che mi abbia particolarmente entusiasmato (lo so che è un po´ un´eresia, ma vabbè, non si può avere tutto).


  • 0

#30 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 04 febbraio 2015 - 12:40

Anne Tyler

Praticamente qualsiasi cosa anche a caso va bene

Fai presto però, che ci sta che prenda il nobel o crepi e mi diventa un hype


  • 1

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#31 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6721 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:00

Proverò perché mi fido, ma due parole due?

Per dire, da wiki, questa frase non mi incoraggia molto: Her subject in all her novels has been the American family and marriage.


  • 0

#32 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7474 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:03

Non che abbia strettamente bisogno di consigli, visto il comodino (/libreria/etc) strapieno, però mi sono accorto ieri sera di aver letto qualcosa come 5 libri scritti da donne in tutta la mia vita. E non è stata una misoginia consapevole.

Quindi: consigli su autrici valide/interessanti/nonsolamentefemministe*?

 

*per quanto mi ricordi di aver apprezzato Cassandra di Christa Wolf

 

Lalla Romano (Le parole tra noi leggere, La penombra che abbiamo attraversato), Elsa Morante (La Storia), Oriana Fallaci (Un uomo). Questi te li consiglierei di sicuro, in particolare la Romano.


  • 1

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#33 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6721 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:11

Prendo nota, grazie anche a te, JK.
Peró ditemi magari di cosa parlano, il genere, lo stile, qualcosa oltre ai nomi buttati là.

 

EDIT: mi rendo anche conto che senza mettere nomi di cose che mi piacciono, magari è anche difficile.

Sparo due nomi io stavolta di uomini che mi piacciono e non scrivono "cose solo da uomini" (per dire no Roth, Miller, e non dico neanche Ballard va):
Auster, Beckett, Saramago, Wallace, Kundera, Kafka.

Insomma, pensandoci i libri di qusti qui potrebbero essere scritti anche da donne (magari non al 100%, ma almeno in buona parte). O il fatto che siano fra i miei preferiti è intrinsecamente collegato con il loro essere maschi?


  • 0

#34 ravel

ravel

    mon cœur est rouge

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2098 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:33

Alice Munro (e spero dest non si riferisse maliziosamente a lei, parlando di quelli che prendono il Nobel e poi diventano finti... :)). Scrittrice canadese (e il Canada è molto presente come ambientazione e paesaggio), maestra del genere del racconto. Come spesso nelle scrittrici notevole parte hanno le tematiche dei rapporti intersoggettivi (non necessariamente solo quelli uomo/donna).

Ma è tutto un po' ridicolo quello che mi stai costringendo a scrivere... asd

 

Poi, ci sarebbero alcune poetesse, se tu leggessi anche poesia... Che so, robette come Emily Dickinson, Sylvia Plath, Anne Sexton, molte italiane.


  • 0

"Ciò che l'uomo può essere per l'uomo non si esaurisce in forme comprensibili".
(k. jaspers)

 

Moriremotuttista


#35 ArchieFisher

ArchieFisher

    pacato come il vecchio che ho in avatar da 50 anni

  • Moderators
  • 6416 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:41

Ne parlavo con una mia amica, che in quanto femminista militante legge quasi solo romanzi scritti da donne, e mi diceva che la maggiorparte dei libri che legge non me li consiglierebbe perché sono libri "da donne".

E detto fra di noi, non credo sia una teoria tanto campata per aria.

 

Comunque anche io leggo pochissimi libri scritti da donne. Uno dei motivi è anche che in questi ultimi anni ho letto tanti classici, e nell'800/primo900 di scrittrici ce ne erano veramente poche (Austen, Bronte, Woolf e chi altri?).

 

Recentemente ho letto La Trilogia della Città di K di Agota Kristoff e la consiglio a chiunque - dunque anche a te.

 

Poi dopo il nobel avevo letto anche qualche racconto della Munro e mi erano sembrati molto belli (Edit, vedo che Ravel te l'ha già consigliata a sufficienza).

 

A proposito di classici, nella classifica 2014 avevo messo L'Età dell'Innocenza di Edit Wharton, che uno di quei romanzi di inizi 900 sulla borghesia e le sue contraddizioni.


  • 1
Life was never better than
in nineteen sixty-three

Ogni vita ha peso e dimenticanza calcolabili

"What kind of music do you usually have here?"
"Oh, we got both kinds. We got Country, and Western."

#36 combatrock

combatrock

    fallito linkatore seriale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30156 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:46

Ne parlavo con una mia amica, che in quanto femminista militante legge quasi solo romanzi scritti da donne, e mi diceva che la maggiorparte dei libri che legge non me li consiglierebbe perché sono libri "da donne".

E detto fra di noi, non credo sia una teoria tanto campata per aria.

 

Quanto mi piacerebbe iniziare una discussione su questo tema. O forse è meglio di no.


  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#37 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:50

gustie Munro (e spero dest non si riferisse maliziosamente a lei, parlando di quelli che prendono il Nobel e poi diventano finti... :)). Scrittrice canadese (e il Canada è molto presente come ambientazione e paesaggio), maestra del genere del racconto. Come spesso nelle scrittrici notevole parte hanno le tematiche dei rapporti intersoggettivi (non necessariamente solo quelli uomo/donna).
Ma è tutto un po' ridicolo quello che mi stai costringendo a scrivere... asd
 
Poi, ci sarebbero alcune poetesse, se tu leggessi anche poesia... Che so, robette come Emily Dickinson, Sylvia Plath, Anne Sexton, molte italiane.

non mi riferivo alla munro, ovviamente, però leggendo dei gusti di 10000 non so quanto la Tyler possa piacergli, col suo stile cesellato e concentrico che dalla minuziosa indagine del quitidiano e delle dinamiche interpersonali riesce a tirar fuori, con sublime leggerezza, la poetica e volte disarmante complessità dell'umana natura - specie femminile
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#38 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:52

Ne parlavo con una mia amica, che in quanto femminista militante legge quasi solo romanzi scritti da donne, e mi diceva che la maggiorparte dei libri che legge non me li consiglierebbe perché sono libri "da donne".
E detto fra di noi, non credo sia una teoria tanto campata per aria.

Comunque anche io leggo pochissimi libri scritti da donne. Uno dei motivi è anche che in questi ultimi anni ho letto tanti classici, e nell'800/primo900 di scrittrici ce ne erano veramente poche (Austen, Bronte, Woolf e chi altri?).

Recentemente ho letto La Trilogia della Città di K di Agota Kristoff e la consiglio a chiunque - dunque anche a te.

Poi dopo il nobel avevo letto anche qualche racconto della Munro e mi erano sembrati molto belli (Edit, vedo che Ravel te l'ha già consigliata a sufficienza).

A proposito di classici, nella classifica 2014 avevo messo L'Età dell'Innocenza di Edit Wharton, che uno di quei romanzi di inizi 900 sulla borghesia e le sue contraddizioni.

puoi sempre dirle che il migliore libro mai scritto su una donna è opera di un uomo - Flaubert - e poi vedere come reagisce
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#39 combatrock

combatrock

    fallito linkatore seriale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30156 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 13:58

 

puoi sempre dirle che il migliore libro mai scritto su una donna è opera di un uomo - Flaubert - e poi vedere come reagisce

 

 

giphy.gif


  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#40 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6721 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2015 - 14:00

 

Ne parlavo con una mia amica, che in quanto femminista militante legge quasi solo romanzi scritti da donne, e mi diceva che la maggiorparte dei libri che legge non me li consiglierebbe perché sono libri "da donne".

E detto fra di noi, non credo sia una teoria tanto campata per aria.

 

Quanto mi piacerebbe iniziare una discussione su questo tema. O forse è meglio di no.

 

Iniziatela che io vi leggo volentieri. Dopotutto le mie richieste partono/vergono anche da/su questi dubbi.

 

Grazie a tutti per i consigli, la Kristof è quella che mi ispira di più finora, metto sempre in wishlist (aka la leggerò nel 2016).


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq