Vai al contenuto


Foto
* * * - - 2 Voti

Steven Spielberg


  • Please log in to reply
197 replies to this topic

#21 Guest_pAggIoni_*

Guest_pAggIoni_*
  • Guests

Inviato 19 dicembre 2006 - 16:34

......senza dimenticare che ha addirittura prodotto l'ultimo Eastwood .

#22 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 28 dicembre 2006 - 18:22

......senza dimenticare che ha addirittura prodotto l'ultimo Eastwood .


Per questo molti hanno voluto vedere molte analogie tra le scene dello sbarco su Iwo Jima e l'inizio di Salvate il Soldato Ryan. Secondo me, invece, pur nella loro somiglianza tematica (lo sbarco), sono molto diverse. La cosa che mi colpiva nel film di Eastwood è che i soldati -in alcuni campi lunghi- sembravamo come tante formiche mandate al massacro, tutte uguali con le loro divise (così contrastanti nel loro colore rispetto alla terra nera di quell'isola vulcanica). Spielberg mi sembra abbia puntato di più sull'(iper)realismo nella rappresentazione dello sbarco in Normandia.
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#23 Andy Hood

Andy Hood

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 347 Messaggi:

Inviato 29 dicembre 2006 - 17:41

Io continuo a non capire l'avversione nei confronti di Hook. Film emozionante e sognante...sia da bambino che rivisto da poco.

Forse formalmente ha qualche difetto, forse è raffazzonato...ma la storia è molto affascinante e la colonna sonora originale di John Williams è da pelle d'oca. Per non parlare poi delle spettacolari interpretazioni di Robin Williams, Dustin Hoffman e il divertente Spugna (di cui però ignoro l'interprete).

Comunque penso chei migliori (per quanto sia legato a Jurassic Park, E.T. e alle colonne sonore di Williams) in assoluto siano Duel, Jaws e Incontri Ravvicinati...che poi sono proprio i primi film. Quando il genio del regista era ancora puro e intatto.

Di contro, la più grande delusione è stata A.I. (sopratutto per il legame con Kubrick che faceva sperare..) seguita a ruota da La Guerra dei Mondi che finisce in modo veloce e trascurato e offre una pessima interpretazione da parte di Tom Cruise, affossato del tutto dal pessimo doppiaggio italiano.

Nel mezzo invece stanno i vari Indiana Jones (il mio preferito resta Il Tempio Maledetto, con le strepitose sequenze della cena e degli strappa cuori) Schindler's List, i Jurassic Park, E.T., Minority Report...ecc..ecc..
E voglio sottolineare ancora una volta, in chiusura e visto che siamo in un forum di musica, il grandissimo contributo di John Williams alla riuscita di tanti dei capolavori spielberghiani.
  • 0

#24 Pierrotelaluna

Pierrotelaluna

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5349 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2007 - 09:34

Anche a me Hook non è dispiaciuto affatto.
Purtroppo non ho visto tutti i suoi film, ma una buona parte si.
A me piace molto Spielberg.
Mi è piaciuta moltissimo anche la sua versione de "La guerra dei mondi", della quale ho letto e sentito molt critiche, anche se non qui sopra.
Quando inizia il panico, quando cioè

Spoiler

esce quel tripede dalla strada, e la gente inizia a fuggire, e a rimanere polverizzata, sembra allo spettatore di essere partecipe. Grande!

fine spoiler

Non mi è piaciuto molto The terminal. Anzi per niente. Totalmente irreale. Accadono cose improbabili in quell'aereoporto. Nemmeno Malpensa!
Quasi meglio Cast Away per Hanks. Che parlava col pallone da pallavolo almeno.
  • 0
Ti ritiri tu? Tiritirità?
Tannen, io ti maledico.

#25 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 20 giugno 2007 - 10:00

Io continuo a non capire l'avversione nei confronti di Hook. Film emozionante e sognante...sia da bambino che rivisto da poco.

Forse formalmente ha qualche difetto, forse è raffazzonato...ma la storia è molto affascinante e la colonna sonora originale di John Williams è da pelle d'oca. Per non parlare poi delle spettacolari interpretazioni di Robin Williams, Dustin Hoffman e il divertente Spugna (di cui però ignoro l'interprete).


Non è da buttare, ma non è tra le cose migliori di Spielberg. Quoto sullo score di Williams, uno dei suoi migliori di sempre, e concordo sulla bravura di Hoffman e Hoskins, mentre invece Williams è piuttosto antipatico come Peter Pan cresciutello.

Io non mi stancherò mai invece di tessere le lodi di "Prova a Prendermi", uno dei film più belli degli ultimi 10 anni.

#26 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11802 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2007 - 14:18

Dai mi diverto anche io anche se non sono freschissimo di visione

Duel - 8/10 (rivisto da poco, a parte qualche ingenuità una lezione impressionante di ritmo, tensione e spettacolarità)

Sugarland Express - visto, ma chi se lo ricorda/10

Lo squalo - 7,5/10

Incontri ravvicinati del III tipo - 8/10 (per me forse il suo film simbolo)

1941 - visto ma chi se lo ricorda/10

I predatori dell'arca perduta - 8/10

E.T. - il mio primo film! chi se lo ricorda/10

Indiana Jones e il tempio maledetto - 6-/10 (per il divertimento di me ragazzino non cinefilo però molto di più)

L'impero del sole - 6/10 (girato con classe, ma noioso)

Indiana Jones e l0ultima crociata - 8/10

Hook - 6,5/10 film per bambini, ma divertente e girato con grande mestiere

Schindler's list - non me lo ricordo benissimo, ma quanto è sontuosa la messa in scena, quanto è noioso, banale, superficiale, retorico il film. 

Jurassic Park - 5,5/10 l'ho sempre trovato un inutile e bruttino blockbuster

Amistad - non me lo ridordo bene/10

Salvate il soldato Ryan - 6,5/10 i primi famosi venti minuti sono una lezione di cinema. Per le trentaquattro (molto più noiose) ore successive vale invece il discorso di Schindler's list. Spielberg dovrebbe EVITARE di cercare di fare film impegnati, non sono il suo pane, non è nè bergman, nè tarkovskij nè kubrick.

A.I. - non me lo ricordo, ma non mi era piaciuto/10

Minority Report - non me lo ricordo, ma mi era piaciuto/10



  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#27 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12702 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2007 - 15:02


Io continuo a non capire l'avversione nei confronti di Hook. Film emozionante e sognante...sia da bambino che rivisto da poco.

Forse formalmente ha qualche difetto, forse è raffazzonato...ma la storia è molto affascinante e la colonna sonora originale di John Williams è da pelle d'oca. Per non parlare poi delle spettacolari interpretazioni di Robin Williams, Dustin Hoffman e il divertente Spugna (di cui però ignoro l'interprete).


Non è da buttare, ma non è tra le cose migliori di Spielberg. Quoto sullo score di Williams, uno dei suoi migliori di sempre, e concordo sulla bravura di Hoffman e Hoskins, mentre invece Williams è piuttosto antipatico come Peter Pan cresciutello.


Al di là che HOOK mi pare oggettivamente bruttino, girato proprio male, il film è esecrabile soprattutto per come manda a puttane la materia che tratta.
Il "Peter Pan" di Barrie al pari di "Alice" di Carroll o il "Tom Sawyer" di Twain è un racconto (un testo teatrale in origine) che dietro il divertimento è una riflessione tutt'altro che bamboleggiante e rassicurante sull'infanzia.
Peter Pan è un personaggio mercuriale, sfuggente, ambiguo, inquietante, che non a caso nel film di Disney aveva le sembianze androgine di un folletto più che di bambino.

Ecco, persino Walt "la-moralina-gliela-incarto?" Disney aveva saputo conservare il lato inquietante a anarchicio dei personaggi di Barrie, in quello che è probabilmente uno dei suoi film migliori.

Spielberg invece butta tutto nella bambocciata più stupida e retrograda: i Bambini Perduti da bambini che rifiutano l'autorità (e la morale) degli adulti, diventano degli odiosi burini da scuola pubblica americana, L'Isola Che Non C'è da inquietante utopia infantile viene declassata a parco giochi per cretini, la celebrazione dell'anarchia infantile del testo è ridotta a stronzate tipo tirarsi il cibo addosso e ruttare (è questa l'infanzia che Spielberg mitizza?), solo il Capitan Uncino di Hoffman conserva un po' della luce luciferina dell'originale.  

Ma non basta, per rincarare la dose Spielberg di suo ci mette pure la moralina finale, con tanto di menata political-correct sulla paternità e sul "quanto è bello diventare adulti".
Che è come riprendere l'"Amleto" per concludere, senza ironia, quanto è divertente essere pricipi in Danimarca.

Non è la prima ne l'ultima volta che il "film della vita" di un grande regista esplode nelle mani dell'autore.
  • 0

#28 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11802 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2007 - 15:36



Io continuo a non capire l'avversione nei confronti di Hook. Film emozionante e sognante...sia da bambino che rivisto da poco.

Forse formalmente ha qualche difetto, forse è raffazzonato...ma la storia è molto affascinante e la colonna sonora originale di John Williams è da pelle d'oca. Per non parlare poi delle spettacolari interpretazioni di Robin Williams, Dustin Hoffman e il divertente Spugna (di cui però ignoro l'interprete).


Non è da buttare, ma non è tra le cose migliori di Spielberg. Quoto sullo score di Williams, uno dei suoi migliori di sempre, e concordo sulla bravura di Hoffman e Hoskins, mentre invece Williams è piuttosto antipatico come Peter Pan cresciutello.


Al di là che HOOK mi pare oggettivamente bruttino, girato proprio male, il film è esecrabile soprattutto per come manda a puttane la materia che tratta.
Il "Peter Pan" di Barrie al pari di "Alice" di Carroll o il "Tom Sawyer" di Twain è un racconto (un testo teatrale in origine) che dietro il divertimento è una riflessione tutt'altro che bamboleggiante e rassicurante sull'infanzia.
Peter Pan è un personaggio mercuriale, sfuggente, ambiguo, inquietante, che non a caso nel film di Disney aveva le sembianze androgine di un folletto più che di bambino.

Ecco, persino Walt "la-moralina-gliela-incarto?" Disney aveva saputo conservare il lato inquietante a anarchicio dei personaggi di Barrie, in quello che è probabilmente uno dei suoi film migliori.

Spielberg invece butta tutto nella bambocciata più stupida e retrograda: i Bambini Perduti da bambini che rifiutano l'autorità (e la morale) degli adulti, diventano degli odiosi burini da scuola pubblica americana, L'Isola Che Non C'è da inquietante utopia infantile viene declassata a parco giochi per cretini, la celebrazione dell'anarchia infantile del testo è ridotta a stronzate tipo tirarsi il cibo addosso e ruttare (è questa l'infanzia che Spielberg mitizza?), solo il Capitan Uncino di Hoffman conserva un po' della luce luciferina dell'originale. 

Ma non basta, per rincarare la dose Spielberg di suo ci mette pure la moralina finale, con tanto di menata political-correct sulla paternità e sul "quanto è bello diventare adulti".
Che è come riprendere l'"Amleto" per concludere, senza ironia, quanto è divertente essere pricipi in Danimarca.

Non è la prima ne l'ultima volta che il "film della vita" di un grande regista esplode nelle mani dell'autore.


senza fare confronti e badare a morali, come intrattenimento leggero è un film divertente. Non capisco in questo caso tutte queste analisi: due orette che riescono ad essere spensierate. E mica è così poco.
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#29 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2007 - 15:47




Io continuo a non capire l'avversione nei confronti di Hook. Film emozionante e sognante...sia da bambino che rivisto da poco.

Forse formalmente ha qualche difetto, forse è raffazzonato...ma la storia è molto affascinante e la colonna sonora originale di John Williams è da pelle d'oca. Per non parlare poi delle spettacolari interpretazioni di Robin Williams, Dustin Hoffman e il divertente Spugna (di cui però ignoro l'interprete).


Non è da buttare, ma non è tra le cose migliori di Spielberg. Quoto sullo score di Williams, uno dei suoi migliori di sempre, e concordo sulla bravura di Hoffman e Hoskins, mentre invece Williams è piuttosto antipatico come Peter Pan cresciutello.


Al di là che HOOK mi pare oggettivamente bruttino, girato proprio male, il film è esecrabile soprattutto per come manda a puttane la materia che tratta.
Il "Peter Pan" di Barrie al pari di "Alice" di Carroll o il "Tom Sawyer" di Twain è un racconto (un testo teatrale in origine) che dietro il divertimento è una riflessione tutt'altro che bamboleggiante e rassicurante sull'infanzia.
Peter Pan è un personaggio mercuriale, sfuggente, ambiguo, inquietante, che non a caso nel film di Disney aveva le sembianze androgine di un folletto più che di bambino.

Ecco, persino Walt "la-moralina-gliela-incarto?" Disney aveva saputo conservare il lato inquietante a anarchicio dei personaggi di Barrie, in quello che è probabilmente uno dei suoi film migliori.

Spielberg invece butta tutto nella bambocciata più stupida e retrograda: i Bambini Perduti da bambini che rifiutano l'autorità (e la morale) degli adulti, diventano degli odiosi burini da scuola pubblica americana, L'Isola Che Non C'è da inquietante utopia infantile viene declassata a parco giochi per cretini, la celebrazione dell'anarchia infantile del testo è ridotta a stronzate tipo tirarsi il cibo addosso e ruttare (è questa l'infanzia che Spielberg mitizza?), solo il Capitan Uncino di Hoffman conserva un po' della luce luciferina dell'originale.   

Ma non basta, per rincarare la dose Spielberg di suo ci mette pure la moralina finale, con tanto di menata political-correct sulla paternità e sul "quanto è bello diventare adulti".
Che è come riprendere l'"Amleto" per concludere, senza ironia, quanto è divertente essere pricipi in Danimarca.

Non è la prima ne l'ultima volta che il "film della vita" di un grande regista esplode nelle mani dell'autore.


senza fare confronti e badare a morali, come intrattenimento leggero è un film divertente. Non capisco in questo caso tutte queste analisi: due orette che riescono ad essere spensierate. E mica è così poco.


la prima mezz'ora di Hook non è affatto male, anzi... sospesa tra nostalgia e sogno è, secondome, uno dei vertici creativi della sua filmografia... peccato che poi mandi in vacca tutto. dal momento che Peter arriva sull'Isola-che-non-c'è il film diventa uno stupido video-game, fine a se stesso.
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#30 Guest_materasso-divino_*

Guest_materasso-divino_*
  • Guests

Inviato 20 giugno 2007 - 15:59

Beh la sequenza rapimento---ritorno a casa---scoperta rapimento è da antologia anche per me. Veramente inquietante.

#31 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12702 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2007 - 16:15

senza fare confronti e badare a morali, come intrattenimento leggero è un film divertente. Non capisco in questo caso tutte queste analisi: due orette che riescono ad essere spensierate. E mica è così poco.


A me sembra che la moralina svilente, il politicamente corretto, le strizzatine d'occhio e la stupidità abbiano la meglio sul divertimento (e la poesia - perché questo film voleva esserlo eccome poetico). E lo stesso Spielberg l'ha sempre preso dannatamente sul serio, parlandone del suo film simbolo (e mi fa incazzare anche per questo, perchè poteva veramente essere il suo capolavoro). Poi i confronti mi paiono d'obbligo quando un autore non solo traspone un'opera ma intende pure rivisitarla, come in questo caso.

Comunque visto che qualcuno si domandava perché il film è ritenuto generalmente così brutto, ho provato a spiegare uno dei motivi principali per cui a molti, compreso me,  pare un film fallimentare.

Magari la prossima volta mi limietrò a scrivere "Non mi ha fatto ridere", così non annoierò nessuno.
  • 0

#32 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11802 Messaggi:

Inviato 20 giugno 2007 - 16:39


senza fare confronti e badare a morali, come intrattenimento leggero è un film divertente. Non capisco in questo caso tutte queste analisi: due orette che riescono ad essere spensierate. E mica è così poco.


A me sembra che la moralina svilente, il politicamente corretto, le strizzatine d'occhio e la stupidità abbiano la meglio sul divertimento (e la poesia - perché questo film voleva esserlo eccome poetico). E lo stesso Spielberg l'ha sempre preso dannatamente sul serio, parlandone del suo film simbolo (e mi fa incazzare anche per questo, perchè poteva veramente essere il suo capolavoro). Poi i confronti mi paiono d'obbligo quando un autore non solo traspone un'opera ma intende pure rivisitarla, come in questo caso.

Comunque visto che qualcuno si domandava perché il film è ritenuto generalmente così brutto, ho provato a spiegare uno dei motivi principali per cui a molti, compreso me,  pare un film fallimentare.

Magari la prossima volta mi limietrò a scrivere "Non mi ha fatto ridere", così non annoierò nessuno.


Ah ma guarda che non mi hai annoiato e ti dico di più, concordo su molte delle cose che hai detto, ruguardo alla moralina e al politically correct. Le trovo assolutamente vere. E se leggi i miei commenti più sopra vedi come io sia fermamente convinto che Spielberg da grande artigiano e da mediocre artista quale lo ritengo, quando mira in alto, al "messaggio", fa le cose peggiori (a parte duel). 
Però quando ho guardato Hook l'ho trovato anche un film divertente e mai noioso. Moralistico, sdolcinato, politicamente corretto, certo. Ma come film anche funzionante. Senza grandi pretese (come l'ho visto io, non sapevo che spielberg lo considerasse nientemeno che il suo film più rappresentativo), ma non posso dire di non aver trovato simpatici i duetti tra spugna e uncino, per esempio. O il discorso di Uncino per convincere i bambini che i genitori non gli vogliono bene... :D

Tutto lì.
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#33 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21856 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2007 - 07:41

RU-FI-O
RU-FI-O
RU-FI-O
;D
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#34 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 09 agosto 2007 - 18:43

Kubrick a Spielberg, riferendosi al soggetto di A.I.:
"You'd be the best guy to direct this film"

Bergman su Spielberg:
"Among today's directors I'm of course impressed by Steven Spielberg [...]"

secondo voi perché due geni assoluti, quali Kubrick e Bergman, hanno tanto apprezzato il cinema di Spielberg?
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#35 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 09 agosto 2007 - 19:04



secondo voi perché due geni assoluti, quali Kubrick e Bergman, hanno tanto apprezzato il cinema di Spielberg?


perchè è un grande regista! ;)

#36 Mia

Mia

    Non sono bionda.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3392 Messaggi:
  • LocationCork, Ireland

Inviato 09 agosto 2007 - 19:20

Kubrick a Spielberg, riferendosi al soggetto di A.I.:
"You'd be the best guy to direct this film"

Bergman su Spielberg:
"Among today's directors I'm of course impressed by Steven Spielberg [...]"

secondo voi perché due geni assoluti, quali Kubrick e Bergman, hanno tanto apprezzato il cinema di Spielberg?


Probabilmente l'hanno detto dopo aver mangiato pesante.

  • 0

#37 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21453 Messaggi:

Inviato 09 agosto 2007 - 20:38

Kubrick a Spielberg, riferendosi al soggetto di A.I.:
"You'd be the best guy to direct this film"

Bergman su Spielberg:
"Among today's directors I'm of course impressed by Steven Spielberg [...]"

secondo voi perché due geni assoluti, quali Kubrick e Bergman, hanno tanto apprezzato il cinema di Spielberg?


Perchè è bravo, ma bravo forte eh..
  • 0

#38 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 25 agosto 2007 - 15:46

E bravo sì, caspita! E secondo me a qualcuno dà fastidio il fatto che abbia successo.
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#39 Focus

Focus

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 441 Messaggi:

Inviato 28 agosto 2007 - 08:16

Secondo me Spielberg è uno dei più grandi registi della seconda metà del 1900 perchè è riuscito a coglierne lo spirito,ed è uno dei più innovativi degli ultimi anni. All'inizio invece quasi nessuno,a parte in un intervento,ha citato uno dei suoi migliori film:
1941-Attacco ad Hollywood. Si tratta di una geniale parodia dei film di guerra U.S.A. sulla seconda guerra mondiale. Lo consiglierei a chiunque per una sua certa carica ironica e antimilitarista,mentre molti lo hanno accusato (a torto) del contrario per Salvate il soldato Ryan e La guerra dei mondi.
  • 0

#40 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 28 agosto 2007 - 11:36

Se c'è un regista che è antimilitarista, per i temi affrontati in alcuni suoi film, credo sia proprio lui!
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq