Vai al contenuto


Foto
* * * - - 3 Voti

La Ricerca Del Lavoro [Ortodosso Vs Feudatari]


  • Please log in to reply
1381 replies to this topic

#101 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81609 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:32

slot ti ho già detto quanto pagavano all'inizio i siti web per articoli sulla musica, quando però a scriverli erano pochi e molto meno capaci di ora

per avere 200000000 persone che fanno un articolo (spesso con insulti) sui Soft Moon (che vendono 300 dischi) il prezzo da pagare è questo; tornare indietro è impossibile ma magari una via di mezzo...

tra l'altro così la qualità va a farsi benedire perché non c'è alcuna selezione, anche se devo ammettere che questa Stoya è una gran fica ed è brava
  • 0

#102 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11424 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:33



abe 2-3-400? ahahah vivi in un mondo che non è questo. Per i pezzi su FattoQuotidiano.it, non posso comunicare la cifra, pagano come se tu e la tua ragazza andaste a mangiarvi fuori una pizza a Milano.


In un settimanale locale un collaboratore che scrive un articolo di 4000 battute (spesso con telefonate a suo carico, sempre con benzina asuo carico) prende dai 5 ai 10 euro.


Anche i quotidiani nazionali non è che paghino di più, io conosco qualcosa sul "QN" e insomma, una miseria.


I quotidiani nazionali è un miracolo che riescano a uscire tutti i giorni, sono 12 anni che mi chiedo come facciano.
  • 1

#103 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7385 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:33



abe 2-3-400? ahahah vivi in un mondo che non è questo. Per i pezzi su FattoQuotidiano.it, non posso comunicare la cifra, pagano come se tu e la tua ragazza andaste a mangiarvi fuori una pizza a Milano.


In un settimanale locale un collaboratore che scrive un articolo di 4000 battute (spesso con telefonate a suo carico, sempre con benzina asuo carico) prende dai 5 ai 10 euro.


Anche i quotidiani nazionali non è che paghino di più, io conosco qualcosa sul "QN" e insomma, una miseria.


Il carlino nazionale - non a caso - trae la sua forza dalla base costruita negli anni dalel sue versioni locali. Non credo che le sue politiche siano le stesse degli altri giornali nazionali.
  • 0

#104 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7385 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:35

slot ti ho già detto quanto pagavano all'inizio i siti web per articoli sulla musica, quando però a scriverli erano pochi e molto meno capaci di ora


Che io sappia il 90 e rotti % dei siti musicali, per lo meno italiani, non pagano. Nel settore musicale pare che sia così anche su buona parte della carta. E' semplicemente la coperta corta.
  • 0

#105 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81609 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:36

I quotidiani nazionali è un miracolo che riescano a uscire tutti i giorni, sono 12 anni che mi chiedo come facciano.


indoviniamo o lo sappiamo?
  • 0

#106 Nijinsky

Nijinsky

    Señorito En Escasez

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13281 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:37

marzy pensa che bello se ci ritroviamo colleghi come insegnanti(medie va bene? i ragazzi sono più simpatici e meno rompicoglioni dai). poi facciamo i dispetti a quelli di mate e scienze per vendicarci delle cattiverie che dicono su OR. non vedo l'ora.
  • 7

Siamo vittime di una trovata retorica.


#107 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11424 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:38


I quotidiani nazionali è un miracolo che riescano a uscire tutti i giorni, sono 12 anni che mi chiedo come facciano.


indoviniamo o lo sappiamo?


No, nel senso che è uno degli ambiti lavorativi dove ci sono più masochisti disposti a farsi trattare di merda e lavorare in ogni condizione senza essere pagati. E sono tutti laureati, ovviamente.
  • 0

#108 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81609 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:38

E' semplicemente la coperta corta.


sì, è anche un mestiere che tutti vogliono fare perché sembra semplice e cmq fa ancora figo nel senso che alcuni ancora ti dicono orgogliosi "scrivo su Sentire&Ascoltare" :facepalm:
  • 0

#109 grivs

grivs

    ---o<-<

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7814 Messaggi:
  • Locationale, i'vorrei che tu e pierpinky e io

Inviato 27 settembre 2013 - 10:38

marzy pensa che bello se ci ritroviamo colleghi come insegnanti. poi facciamo i dispetti a quelli di mate e scienze per vendicarci delle cattiverie che dicono su OR. non vedo l'ora.


pugni nei reni come alla naja
  • 1
[0:08] webnicola: allora facendo una media di 80 anni e cagando 300 gr al giorno (siamo italiani dai caghiamo di piu) cachiamo 8,7 tonnellate in una vita quindi [0:09] webnicola: possiamo teorizzare che nella propria vita fa un peso di merda [0:10] webnicola: circa 100 volte il proprio peso [0:10] webnicola: cmq sostanzialmente in un anno circa si caga il proprio peso quindi potresti farti un amico di merda e nel tiro alla fune si sarebbe pari

[webnicola]: io [mi aspettavo] che si dimettesse subito o che non si dimettesse. tipo "resisto è stata solo un colpo di testa dei miei uomini" e l'assalto alla camera sfasciata e qualche cranio rotto, gente che caga dentro la testa di cicchitto morto, cose così

oggi ho combattuto come un toro. ho il cuore sfiancato. sento che stanno crollando le mura DI QUESTA BABILONIA PRECRISTIANA! vinceremo! Cit. Ale

webnicola: non sto leggendo. mi state facendo venire la colite

gli butto lì un "rizoma" così mi si bagna


#110 marz

marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:39

Lavoro, argomento che mi sta a cuore. A venti anni ho dovuto abbandonare medicina per dissidi famigliari


non sapevo avessimo anche questa cosa in comune... io comincio seriamente a preoccuparmi.

Intanto in bocca al lupo per tutto Gaelluccia.
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#111 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81609 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:39



I quotidiani nazionali è un miracolo che riescano a uscire tutti i giorni, sono 12 anni che mi chiedo come facciano.


indoviniamo o lo sappiamo?


No, nel senso che è uno degli ambiti lavorativi dove ci sono più masochisti disposti a farsi trattare di merda e lavorare in ogni condizione senza essere pagati. E sono tutti laureati, ovviamente.

ecco l'ho appena detto
  • 0

#112 Guest_Gael_*

Guest_Gael_*
  • Guests

Inviato 27 settembre 2013 - 10:40


Lavoro, argomento che mi sta a cuore. A venti anni ho dovuto abbandonare medicina per dissidi famigliari


non sapevo avessimo anche questa cosa in comune... io comincio seriamente a preoccuparmi.

Intanto in bocca al lupo per tutto Gaelluccia.


Credo sia destino comune, il dissidio. E anche l'abbandono.

Grazie, spero che questa volta sia la volpe a mordere le chiappe al lupo.

#113 signora di una certa

signora di una certa

    old signorona

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18209 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:42



Io non predico l'inutilità degli studi umanistici (al di là del momento sfortunato dal punto di vista professionale), io predico l'inutilità (assoluta!) degli studi per diventare artisti.


ma poi che significa "artista"?
Picasso?
sei un artista anche nella vita che fai eh, per come la vedo io; o anche in un lavoro fuori dall'arte, può essere artista un medico


Io dico che sei vuoi diventare cantante suoni, se vuoi diventare attore/regista vai ai corsi o fai comparsate o quel che è, se vuoi diventare pittore dipingi. L'università non insegna un mestiere, figuriamoci "essere artisti".
Quel che dico io è: a che cazzo serve un esame di storia della musica o del cinema? Per me lo stipendio ad un professore del genere è denaro buttato dalla finestra,il cinema,la musica,l'arte stessa non è materia da corsi universitari, la puoi benissimo apprendere, se ti va, in millemila modi più pratici,personali e sicuramente meno costosi


mamma mia Dottor Cool! voi revisori siete proprio brutta gente. almeno il ragioniere è incentivato allo sviluppo della propria creatività al momento della chiusura dei bilanci asd
  • 0

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#114 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81609 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:44

dai Marz, non lasciarti intristire. le paranoie le hanno tutti, specialmente alla tua età.
se puoi godertela, goditela. mica ti devi sentire in colpa o giustificarti qua.


ma infatti questa cosa è assurda

la vita è solo un periodo, di 40-50-70-90 anni boh, per alcuni meno

l'importante è sommare più giorni divertenti e sereni in questo periodo, il come è un dettaglio; tu marz dici di non avere manco problemi economici per ora e quindi cazzo te ne frega?

non è che diventando medico ti farebbero una tomba migliore eh, sempre lì vai a finire
  • 1

#115 {`tmtd`}

{`tmtd`}

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6881 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 27 settembre 2013 - 10:47




Ad una persona piace il proprio lavoro se ha un buon rapporto coi colleghi e se viene pagato bene.


anche per me l'armonia, la possibilità di fare le cose con calma (scrivendo 200 post al giorno su OR nel frattempo asd) e di qualità, l'interazione, ecc. sono fondamentali

e sono trasversali ai lavori e indipendenti dal contenuto nel senso che magari fai il tuo lavoro del cuore ma non le trovi


è na cosa fondamentale, è inutile una cosa che ti piace tantissimo se poi hai dei colleghi che ti fanno star male o un ambiente in cui non ti senti a tuo agio. Nel lavoro prima di questo mi mancavano queste componenti ed infatti ho mollato.


In quel caso dovevi cominciare a farli stare male tu. In determinate occasioni fuorisede devo ammettere che ho sempre sperato ricevere una sorta di mobbing o cose del genere. Purtroppo ci sono determinate occasioni dove se hai bisogno e ti serve il denaro devi fare pippa perchè padre di famiglia/mutui e cazzi vari. Una volta sola nella mia prima esperienza fuori sede hanno combinato un macello e volevano appiopparmi la colpa perchè ultimo arrivato. Porcoddxx gli ho alzato un casino che ancora se lo ricorderanno, mi hanno sostituito ma grazie al fattore impegno e buona volontà di cui parlavo sopra ricevetti solo complimenti dal mio capo con cui avevo un ottimo rapporto poichè aveva imparato a conoscermi e apprezzava la mia sincerità.


In quell'occasione c'era un mix di colleghi insopportabili, lavoro che non mi piaceva e scarsissime prospettive di crescita professionale, accettai solo perchè ero con l'acqua alla gola, senza quel posto sarei rimasto a spasso. Dopo un anno invece, nel momento in cui decisi di cambiare perchè esasperato, ricevetti addirittura tre proposte fra cui scegliere, una delle quali è la mia attuale occupazione.
  • 0

#116 White Duke

White Duke

    facente parte dell'élite

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16287 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:48

Io sono morbosamente interessato a conoscere il parere vostro, ma in specie di Ortodosso, qualora foste nella mia posizione. Premesso, due anni fa sono stato anche fortunato, trovandomi in una situazione di reale pericolo di perdita del posto di lavoro, perché sono finito in una Banca che ha acquisito l'attività di service amministrativo della Società di Gestione del Risparmio dove lavoravo, senza perdere nemmeno un euro di stipendio: insomma, mi hanno preso anche se non era affatto scontato, per motivi che in seguito saranno più chiari.
Il contesto odierno nel mio settore, che è l'amministrazione titoli, è il seguente: le SGR mantengono al loro interno la gestione dei portafogli dei Fondi Comuni/clientela Private, l'area commerciale, le strutture di controllo previste dalla normativa (compliance, risk management), le strutture di presidio amministrativo (idem) previste dalla normativa, e mandano in outsourcing la contabilità, l'amministrazione, e gran parte dell'information technology.
Il problema è che le strutture amministrative delle SGR, proprio perché di presidio, sono molto leggere, mentre le nuove società/banche (soprattutto banche) che si prendono l'attività in outsourching, sono tendenzialmente sovradimensionate, per effetto degli accordi con le Sgr, che il più delle volte operano una cessione di attività e non di ramo d'azienda, ma comunque fanno accordi tipo: "io ti do l'attività, tu ti prendi tot impiegati". Questo è lo scenario, ora veniamo a me.
Ho 48 anni, nella SGR ero responsabile di servizio, ora "solo" di ufficio e coordino una ventina di persone, anche se questo ha a che vedere più con questioni di organigramma che altro: mi hanno preso a coordinare alcune attività di Banca Depositaria che prima vedevo "dall'altra parte", e questo perché (toh!) la mia funzione nella Banca era già coperta (di qui la "fortuna" di aver trovato una posizione libera simile alla mia originaria, dove nella fortuna è inclusa anche la circostanza che, nel mio lavoro, me la cavo piuttosto bene).
Ora, questa Banca ha messo un sacco di soldi in questa attività, è in forte crescita ed è diventata in breve tempo uno dei due o tre player del mercato: diciamo che sono al momento molto tranquillo, ma nello stesso tempo guardo con grande preoccupazione l'evolversi del mercato, anche perché ho visto diversi colleghi, della mia età e non, accompagnati alla porta, magari con incentivi che ti lasciano tranquillo per un paio di anni, ma che ora nella migliore e delle ipotesi (un 30% dei soggetti in questione) hanno contratti temporanei a 1.500 euro al mese ma che, come regola, sono a spasso. Va da sé che la mia attività è fortemente specializzata, quindi non è come quella di un contabile "classico", che può farlo tanto in una società di pannolini, che in una di fondi comuni di investimento.Insomma, il campo è questo, e non se ne esce: uffici titoli di Banche, Sgr, amministrazione fondi comuni, fondi pensione, patrimoni individuali di clienti e ,siccome ho una certa esperienza, al massimo mansioni commerciali, di compliance e, in posizioni di supervisione, risk management. Il settore, però, non potrebbe essere diverso.
Veniamo alla domanda scontatissima: che fare, nella malaugurata (ancorché ora remota) ipotesi di sorprese? O meglio ancora, se un contrattempo accadesse fra 5 anni, quindi superata la cinquantina...
Cambiare settore e mettermi a vendere limoni, pur non avendo i fondi necessari per aprire un'attività in proprio, ricevere corposi contributo dallo zio d'America (Ortodosso), che mi paghino almeno il mutuo e il mantenimento del figlio, o cos'altro?
  • 1
"No matter how high are one's estimates of human stupidity, one is repeatedly and recurrently startled by the fact that: a) people whom one had once judged rational and intelligent turn out to be unashamedly stupid b) day after day, with unceasing monotony, one is harassed in one's activities by stupid individuals who appear suddenly and unespectedly in the most inconvenient places and at the most improbable moments" (Carlo M. Cipolla)

#117 BillyBudapest

BillyBudapest

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7632 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 10:56

non ho voglia di fare niente. sono abbastanza sicuro.
  • 2

HarryBudini - Licence To Kill (album, file rar)
 
intero album in italiano: Licenza di uccidere (rar)

 


#118 cool as kim deal

cool as kim deal

    Utente contro le bonus track

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12131 Messaggi:
  • LocationLooking Corsica, Feeling Corsico

Inviato 27 settembre 2013 - 11:08




Io non predico l'inutilità degli studi umanistici (al di là del momento sfortunato dal punto di vista professionale), io predico l'inutilità (assoluta!) degli studi per diventare artisti.


ma poi che significa "artista"?
Picasso?
sei un artista anche nella vita che fai eh, per come la vedo io; o anche in un lavoro fuori dall'arte, può essere artista un medico


Io dico che sei vuoi diventare cantante suoni, se vuoi diventare attore/regista vai ai corsi o fai comparsate o quel che è, se vuoi diventare pittore dipingi. L'università non insegna un mestiere, figuriamoci "essere artisti".
Quel che dico io è: a che cazzo serve un esame di storia della musica o del cinema? Per me lo stipendio ad un professore del genere è denaro buttato dalla finestra,il cinema,la musica,l'arte stessa non è materia da corsi universitari, la puoi benissimo apprendere, se ti va, in millemila modi più pratici,personali e sicuramente meno costosi


mamma mia Dottor Cool! voi revisori siete proprio brutta gente. almeno il ragioniere è incentivato allo sviluppo della propria creatività al momento della chiusura dei bilanci asd


Altro che Cattelan: tappi e martellate sui consolidati come se piovesse :monk:


n.b.: che poi, io mi sarei pure rotto di far finta continuamente di capire le cose, quando in realtà me ne frega 0
  • 0
FATE TORNARE LO SPECCHIETTO DI RYM IN FIRMA

#119 Blue Tears

Blue Tears

    ---

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 597 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 11:09





Io faccio il revisore per colpa di Ortodosso, che,mentre ero nella situazione del limbo post universitario calabrese mi ha scosso in un topic che avevo aperto (Il post-università, dovrebbe esserci ancora) sparandomi nomi che nemmeno conoscevo (in Calabria non ci sono aziende). Da qui la decisione di spostarmi a Milano, prima come stagista, poi preso da una delle cd Big 4, ovvero i 4 giganteschi avvoltoi che si dividono il mercato della revisione aziendale.

Il lavoro è bello e perfetto se sei un rapace che pur di fare carriera è disposto a sacrificare tempo,amore (vero) e passioni, cosa che io non intendo fare. spero di resistere almeno un altro anno (sarebbe il terzo) per poter mettere a disposizione gli skills ed il knowledge acquisito alla servè di qualche azienda( asd ). Il problema è che non mi fido tanto perchè le aziende chiudono come funghi ad Ottobre...
Devo dire che per me è altalenante, non posso dire che mi piaccia perchè reputo di non essere abbastanza bravo (la contabilità,specie se internazionale, è labirintica), però ho avuto a che fare con ragazzi e non ragazzi ragionevoli e piacevoli: se becchi gli stronzi,gli arrivisti o semplicemente fottuti di testa, non ne esci più

Ma, curiosità, nel Dams,che cazzo studiate?


Postilla. se avrò un figlio gli consiglierò col cuore in mano di lasciar fottere l'uni ed imparare un mestiere, che sia parrucchiere o idrauliico non importa

anche se si snobano i corsi della laurea in lettere ci deve essere pur qualcuno che studia la storia delle arti, l'estetica, la letteratura ecc. altrimenti ci ritroveremmo solo delle pagine con codici HTML e con calcoli contabili!


Non basta una biblioteca e gli abbonamenti per i musei?

ci deve essere qualcuno che scrive i libri e si occupi della gestione delle biblioteche e dei musei. Inoltre se a scuola non c'è qualcuno uscito dalla facoltà di lettere che ti insegni l'italiano non puoi nemmeno svolgere il tuo lavoro per comunicare i tuoi calcoli.
Mi sembrano discorsi un po' retrogradi quelli che predicano l'inutilità degli studi umanistici, ma siamo alla solita solfa,,,


Io non predico l'inutilità degli studi umanistici (al di là del momento sfortunato dal punto di vista professionale), io predico l'inutilità (assoluta!) degli studi per diventare artisti. Mi fai qualche nome di esami del Dams, perchè magari sono io che non conosco e parlo a sproposito!

antropologia culturale, letteratura italiana, psicologia dell'arte, istituzioni di storia del cinema, semiotica, teorie del cinema, economia dei media ecc. ,nsomma materie tradizionali e anche altre che non convincono tanto, tuttavia nelle altre facoltà non mi pare si sfornino dei geni, di medici medi, avvocati medi ed ingneri medi ce ne sono un casino e che combinano anche casini. Credo che siamo tutti incappati in qualche medico (anche rinnomato) ma incapace di formulare una disgnosi. Poi non capisco se tutti fanno il medico, l'ingegnere o il dentista lavorando 20 ore al giorno chi si occupa di diffondere, organizzare il lavoro degli artisti, ma anche di tenerti aperta una biblioteca, magari non solo porgendoti un libro ma guidandoti nella scelta del testo...e il discorso si potrebbe estendere ancora su cose che magari ora vi sembrano fuori dal mondo (tipo il ruolo del filologo). Anche spiegarvi queste cose è uno dei ruoli dell'umanista altrimenti prendetevi quel mondo del cavolo fatto di sole macchine e discorsi ad essi connessi...iniziamo ad eliminare lo studio della letteratura sin dalle superiori e a bruciare i romanzi a 450 gradi F.
http://www.youtube.com/watch?v=M9n98SXNGl8
  • 0
Anche tra fiamme violente si può piantare il loto d'oro

#120 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81609 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2013 - 11:10

quindi non ho capito, i fake sono umanisti?
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq