Vai al contenuto


Foto
* * - - - 13 Voti

Lega Nord [Fenomenologia, varie ed eventuali]


  • Please log in to reply
5170 replies to this topic

#21 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21442 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:02

Khonnor, qui da me la Lega ha una percentuale comunque abbastanza sconcertante (4,3%) considerando che siamo una regione dell'Italia centrale. Quello che ti assicuro è che mi è capitato di parlare (aka scannarmi) con molta gente che li vota, e sono praticamente solo ex-fascisti dichiarati, di sinistra manco l'ombra. Però è vero che forse chi vota Lega Nord vivendo in un posto dove questa non applica politica sul territorio ha una testa diversa da chi vota Lega Nord vivendo nel paesino del Veneto. Non so, sto ipotizzando eh...

Quello che poi non capisco è come si possa combatterla semmai, questa politica del territorio? Facendola anche a sinistra? Il punto è che con gli argomenti che si hanno a sinistra, la politica del territorio funzionerebbe meno secondo me. Alla vecchia se vai a dire "via i negri" la conquisti subito, se invece nei confronti dei "negri" spendi parole di umanità non so mica quanto la convinci.
  • 0

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#22 khonnor

khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16586 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:06

La Lega ha successo perchè è l'unico partito post-ideologico, contrapposto ad una sinistra moraleggiante che fa sempre meno proseliti. La Lega difende quello che resta un principio di base: lo Stato deve tutelare innanzitutto i propri cittadini, e solo in seconda istanza può accogliere le problematiche dei "cittadini del mondo". Questo non dovrebbe aver nulla a che fare con la xenofobia, è la regola fondamentale alla base di ogni patto sociale. A me la Lega non è mai piaciuta, ma condivido che affermi quel principio. Semmai, non condivido il come vengono condotte certe battaglie. 


Condivido.

Khonnor, qui da me la Lega ha una percentuale comunque abbastanza sconcertante (4,3%) considerando che siamo una regione dell'Italia centrale. Quello che ti assicuro è che mi è capitato di parlare (aka scannarmi) con molta gente che li vota, e sono praticamente solo ex-fascisti dichiarati, di sinistra manco l'ombra. Però è vero che forse chi vota Lega Nord vivendo in un posto dove questa non applica politica sul territorio ha una testa diversa da chi vota Lega Nord vivendo nel paesino del Veneto. Non so, sto ipotizzando eh...

Quello che poi non capisco è come si possa combatterla semmai, questa politica del territorio? Facendola anche a sinistra? Il punto è che con gli argomenti che si hanno a sinistra, la politica del territorio funzionerebbe meno secondo me. Alla vecchia se vai a dire "via i negri" la conquisti subito, se invece nei confronti dei "negri" spendi parole di umanità non so mica quanto la convinci.


Al Nord penso sia diverso Telly, non fosse altro che i comuni e le province sono praticamente della Lega.

Guarda, come dicevo l'esempio è dato da amministrazioni [di sinistra] quali quelle di Verona, Vicenza o Padova dove si riesce a legare le esigenze comuni [sia dell'elettorato leghista che di quello del Pd]. E questo è un trend che pare si stia affermando, nel mio comune pare che a maggio ci sarà una lista che riunisce pd e lega.
  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#23 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11623 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:07

Stavrogin, io capisco che le analisi dicono che in genere l'elettore medio del lega ha generalmente una minore scolarizzazione [anche se, avendo il nord nei confronti del sud un tasso di scolarizzazione molto più elevato ci andrei cauto], però è gente come me e come te. Non sono diversi. E come sinistra ci si deve rivolgere a tutti, visto che il nostro vessillo dovrebbe essere quello dell'uguaglianza.


Ok, figurati, non volevo fare del razzismo di ritorno. Ho solo cercato di decrivere quale è per me l'humus da cui proviene l'elettore "tipo" della Lega, di contro alla tua ipotesi che sia fondamentalmente un ex-elettore di sinistra, la qual cosa mi riesce difficile credere (almeno non in modo così generalizzato). Poi non dico che l'elettore leghista sia analfabeta, ma non faccio nemmeno coincidere Cultura con Educazione...

Il rivolgersi a tutti sbandierando il vessillo dell'uguaglianza mi sembra però piuttosto utopistico. Nella radicalizzazione dello scontro politico attuale pensare di portar via voti alla Lega è semplicemente troppo... E siccome l'attuale scenario denota non solo un fenomeno politico ma connota anche un vistoso mutamento socio-antropologico di cui i media si fanno vettori, e per il quale ormai non limiterei il problema a Berlusconi, ma bensì agli italiani che lo votano o che votano Lega, beh, allora per me sono proprio "diversi", lo sono spiritualmente, eticamente e sotto tanti altri aspetti non-razzistici...
  • 0
A chemistry of commotion and style

#24 GrantHart

GrantHart

    tender is the night

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2552 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:08

Concludo con una considerazione generale che moltissimi di sinistra hanno delle Lega e dei suoi militanti. Non sono ignoranti zoticoni popoli primitivi senza istruzione. E' con questo snobismo che la sinistra ha perso completamente il Nord.


Quindi quello che il leghista medio pensa degli immigrati, dei "terroni" o degli omosessuali ( per citare tre categorie a caso) è roba degna di massima considerazione e non assecondarne gli umori, rifiutandosi di "parlare alla pancia del popolo" ( dio, che espressione idiota) è snobismo?
  • 0

#25 khonnor

khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16586 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:13


Concludo con una considerazione generale che moltissimi di sinistra hanno delle Lega e dei suoi militanti. Non sono ignoranti zoticoni popoli primitivi senza istruzione. E' con questo snobismo che la sinistra ha perso completamente il Nord.


Quindi quello che il leghista medio pensa degli immigrati, dei "terroni" o degli omosessuali ( per citare tre categorie a caso) è roba degna di massima considerazione e non assecondarne gli umori, rifiutandosi di "parlare alla pancia del popolo" ( dio, che espressione idiota) è snobismo?


La storia dei terroni è vecchia come mia nonna, non ascrivibile solamente ai leghisti dai. Idem per gli omosessuali.
E direi idem anche per la paura dello straniero.

La democrazia che nasce in Grecia non aveva proprio una buona opinione dei popoli d'oriente :)
  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#26 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11623 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:15

La Lega ha successo perchè è l'unico partito post-ideologico, contrapposto ad una sinistra moraleggiante che fa sempre meno proseliti. La Lega difende quello che resta un principio di base: lo Stato deve tutelare innanzitutto i propri cittadini, e solo in seconda istanza può accogliere le problematiche dei "cittadini del mondo". Questo non dovrebbe aver nulla a che fare con la xenofobia, è la regola fondamentale alla base di ogni patto sociale. A me la Lega non è mai piaciuta, ma condivido che affermi quel principio. Semmai, non condivido il come lo faccia. 


Sicuro che anche la Lega non abbai (era un refuso ma lo lascio) una propria ideologia "spicciola", fondata su poche parole d'ordine? Basterebbe leggere i loro manifesti, i loro slogan... Boh, a me poi certe pagliacciate folkloristiche che mettono in piedi ricordano assai le nazi-adunate...

Nutro forti dubbi anche sul fatto che la Lega si faccia portatrice dell'istanza (anche condivisibile) per la quale vengono prima i propri cittadini e poi gli altri. Temo invece che la logica sia quella del "prima noi, poi ancora noi"...
  • 0
A chemistry of commotion and style

#27 GrantHart

GrantHart

    tender is the night

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2552 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:16

Beh certo, anche l'antisemitismo non è stato inventato nel 1933, quindi quello successo in seguito non è ascrivibile al nazismo. Anzi, fu bravo Hitler a parlare alla pancia dei tedeschi. Proprio un ragionamento convincente, non c'è che dire asd.
  • 0

#28 khonnor

khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16586 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:22

Beh certo, anche l'antisemitismo non è stato inventato nel 1933, quindi quello successo in seguito non è certo ascrivibile al nazismo. Anzi, fu bravo Hitler a parlare alla pancia dei tedeschi. Proprio un ragionamento convincente, non c'è che dire asd.


Voglio semplicemente dire che lo straniero non viene percepito in quanto tale, ma in termini di quanto può produrre danno alla sicurezza individuale e sociale, nonchè in termini di pagamento tasse e varie.

Pure per i meridionali il discorso è molto pragmatico.
  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#29 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:29


La Lega ha successo perchè è l'unico partito post-ideologico, contrapposto ad una sinistra moraleggiante che fa sempre meno proseliti. La Lega difende quello che resta un principio di base: lo Stato deve tutelare innanzitutto i propri cittadini, e solo in seconda istanza può accogliere le problematiche dei "cittadini del mondo". Questo non dovrebbe aver nulla a che fare con la xenofobia, è la regola fondamentale alla base di ogni patto sociale. A me la Lega non è mai piaciuta, ma condivido che affermi quel principio. Semmai, non condivido il come lo faccia. 


Sicuro che anche la Lega non abbai (era un refuso ma lo lascio) una propria ideologia "spicciola", fondata su poche parole d'ordine? Basterebbe leggere i loro manifesti, i loro slogan... Boh, a me poi certe pagliacciate folkloristiche che mettono in piedi ricordano assai le nazi-adunate...

Nutro forti dubbi anche sul fatto che la Lega si faccia portatrice dell'istanza (anche condivisibile) per la quale vengono prima i propri cittadini e poi gli altri. Temo invece che la logica sia quella del "prima noi, poi ancora noi"...

Ma infatti, non condivido gli slogan e il modo di portare avanti certe battaglie. Però di fatto è rimasto l'unico partito ad affermare quel principio di massima, dato che ormai Don Fini è diventato un moralista di sinistra. Al Sud, la destra vota PDL perchè non ha alternative. Al Nord, sceglie la Lega.
  • 1

#30 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11623 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:30

Voglio semplicemente dire che lo straniero non viene percepito in quanto tale, ma in termini di quanto può produrre danno alla sicurezza individuale e sociale, nonchè in termini di pagamento tasse e varie.


Le tasse sì ma il diritto di voto no?

  • 0
A chemistry of commotion and style

#31 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12780 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:30



Concludo con una considerazione generale che moltissimi di sinistra hanno delle Lega e dei suoi militanti. Non sono ignoranti zoticoni popoli primitivi senza istruzione. E' con questo snobismo che la sinistra ha perso completamente il Nord.


Quindi quello che il leghista medio pensa degli immigrati, dei "terroni" o degli omosessuali ( per citare tre categorie a caso) è roba degna di massima considerazione e non assecondarne gli umori, rifiutandosi di "parlare alla pancia del popolo" ( dio, che espressione idiota) è snobismo?


La storia dei terroni è vecchia come mia nonna, non ascrivibile solamente ai leghisti dai. Idem per gli omosessuali.
E direi idem anche per la paura dello straniero.

La democrazia che nasce in Grecia non aveva proprio una buona opinione dei popoli d'oriente :)


Il difetto di fondo del tuo ragionamento è giudicare la comunicazione politica come quella pubblicitaria: se funziona, se convince la gente ed è vincente a livello elettorale, allora è per forza di cose "buona".

Anche il Ku Kux Klan sapeva parlare alla pancia della gente, era ben radicato nel suo territorio e dava voce al malessere della stragrande maggioranza dei cittadini (bianchi) del sud. E allora?

E comunque la Lega al Nord non mi risulta becchi il 90% dei voti, ne il 50% più uno... anzi, da sola becca molto meno voti di quegli sfigati del PD. Quindi mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse l'assunto per il quale la Lega saprebbe "parlare alla gente del Nord", mentre il PD no.
  • 0

#32 rimbaud_oh_yeah

rimbaud_oh_yeah

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1465 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:35

La Lega difende quello che resta un principio di base: lo Stato deve tutelare innanzitutto i propri cittadini, e solo in seconda istanza può accogliere le problematiche dei "cittadini del mondo". Questo non dovrebbe aver nulla a che fare con la xenofobia, è la regola fondamentale alla base di ogni patto sociale.


Esatto.

Alla vecchia se vai a dire "via i negri" la conquisti subito, se invece nei confronti dei "negri" spendi parole di umanità non so mica quanto la convinci.


Fallisci il punto, e perdi le elezioni.
Riguarda quello che ho postato sopra. Anche la destra o forza nuova dicono "via i negri" ma prendono lo 0,7% ovunque. Se rimane con quel concetto che hai espresso dopo 20 anni che esiste la lega siamo allo stesso punto della Bindi, che ad 8emezzo ha detto che la Lega è "il partito delle saponette, per lavare gli stranieri".
Ecco, ed infatti la Bindi ed il suo partito alla prossima tornata elettorale credo spariranno, com'è giusto che sia, visto che hanno concezione politica vicino allo 0, oh, ormai son passati 20 anni eh, ma niente da fare.
  • 0

#33 khonnor

khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16586 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:43


Voglio semplicemente dire che lo straniero non viene percepito in quanto tale, ma in termini di quanto può produrre danno alla sicurezza individuale e sociale, nonchè in termini di pagamento tasse e varie.


Le tasse sì ma il diritto di voto no?


Ma difatti concordo. Mica voto Lega infatti  :D


Il difetto di fondo del tuo ragionamento è giudicare la comunicazione politica come quella pubblicitaria: se funziona, se convince la gente ed è vincente a livello elettorale, allora è per forza di cose "buona".

Anche il Ku Kux Klan sapeva parlare alla pancia della gente, era ben radicato nel suo territorio e dava voce al malessere della stragrande maggioranza dei cittadini (bianchi) del sud. E allora?

E comunque la Lega al Nord non mi risulta becchi il 90% dei voti, ne il 50% più uno... anzi, da sola becca molto meno voti di quegli sfigati del PD. Quindi mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse l'assunto per il quale la Lega saprebbe "parlare alla gente del Nord", mentre il PD no.


Non, non considero la comunicazione politica come quella pubblicitaria. Considero che la Lega prende voti perchè si occupa delle questioni PRATICHE, e per questo vince.
Berlusconi fa i cazzi suoi? Bene, perde voti. I dati nazionali dicono di un pareggio Pd-Pdl, con la lega vero ago della bilancia.



E comunque la Lega al Nord non mi risulta becchi il 90% dei voti, ne il 50% più uno... anzi, da sola becca molto meno voti di quegli sfigati del PD. Quindi mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse l'assunto per il quale la Lega saprebbe "parlare alla gente del Nord", mentre il PD no.


O_O

Ma cosa stai dicendo scusa? La Lega al nord becca anche il 30% di media, con punto di 50% nei comuni. Il Pd nemmeno in Emilia o Toscana, nei piccoli comuni c'arriva al 50%.


  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#34 Haggard

Haggard

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2729 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:44

Anche il Ku Kux Klan sapeva parlare alla pancia della gente, era ben radicato nel suo territorio e dava voce al malessere della stragrande maggioranza dei cittadini (bianchi) del sud. E allora?


Porca miseria sì, questo è il punto. La Lega Nord è comunque una forza di retroguardia, fanno leva sugli istinti più bassi. Quello che spaventa (ma non sorprende) è il clamoroso supporto che ricevono dalla piccola imprenditoria, quelli che nelle pagine dei giornali milanesi vengono descritti da trent'anni come "affamati di liberismo, vogliono meno lacci e lacciuoli, vogliono libertà di competere e di innovare nel mercato internazionale" e poi scoprire che si parla di dazi e tariffe per i prodotti esteri, in particolare cinesi (se ne parla sul Corriere di oggi). Quando si dice avere la faccia come il culo. Forza Cina, a questo punto.
  • 0

#35 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:49

da leggere obbligatoriamente per farsi un'idea di cosa sia davvero oggi la Lega Nord:

Dove vince la Lega
Uno studio mostra come Bossi abbia raccolto al Nord i consensi che erano della Dc.
Grazie alla diffusione della piccola proprietà agricola e alla resistenza alla secolarizzazione

di Piero Ignazi e Spencer Wellhoffer



Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

La linea retta dei grafici di queste pagine registra la forza di relazione tra le due voci considerate. Se la retta unisce due angoli opposti del quadrante la relazione è massima: dove cala una, cresce con la stessa intensità l??altra (o viceversa). Meno relazione c??è e più la retta va in orizzontale. Il cerchietto nel grafico 2. segnala la zona a più forte radicamento leghista.


  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#36 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 12:53

Ieri in Tv si vedevano i sostenitori di Cota al ritmo di "chi non salta comunista è". Al di là della rozzezza della cosa, secondo me queste immagini assumono un grande significato simbolico: sanciscono la definitiva sconfitta popolare della sinistra ideologica, quella erede del partito comunista. Non è un caso che il PRC sia uscito male da queste elezioni, e che nessuno ne parli più. Nel giro di pochi anni le cose sono molto cambiate: fino a tre anni fa, questo forum era popolato da elettori che si dichiaravano "comunisti". Fino all'anno scorso, il democristiano Franceschini parlava ancora come un vecchio comunista. Oggi invece tutti gli ex "comunisti" votano uno come Di Pietro che in passato era visto di buon occhio persino dal MSI. Per un centrista come Casini, Di Pietro e la Lega sono sullo stesso livello. E in effetti quello dipietrista è l'altro partito post-ideologico, anche se tenta di spostare tutto su un piano ideologico, evocando una resistenza che non ha mai fatto. Messo di fronte alla scelta tra il pericolo del fantasma lontano di Mussolini e quello della minaccia concreta del clandestino, perchè l'elettore del nord dovrebbe votare a sinistra? Perchè il figlio del lavoratore ex-comunista dovrebbe votare ancora oggi "comunista"?  




  • 0

#37 Guest_gulliver_*

Guest_gulliver_*
  • Guests

Inviato 30 marzo 2010 - 12:57


Sono radicati nel territorio, ascoltano i cittadini e si danno da fare in quel senso


Anche il figlio di Bossi, che ha preso una valanga di voti, si è dato molto da fare. Alla fine è persino riuscito a prendere il diploma, tra indicibili sofferenze.

Chiunque ha vissuto anche solo pochi mesi al nord sa che quello che dici è solo facciata, i leghisti sono pienamente dentro l'establishment e le mani se le sporcano eccome. Avallarne le politiche solo per salvarsi il culo come fa tessera 1816 è scriteriato, e ce ne accorgeremo quando lui non ci sarà più, col paese irrimediabilmente diviso in due.

#38 khonnor

khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16586 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 13:01

Ma chiaro che anche il l'establishment leghista si sporchi le mani. Però vedi, c'è di fondo questa cosa del risolvere il problema, del pragmatismo [magari non disinteressato] che però viene giustamente apprezzato.

Il guaio è che la sinistra questo non lo capisce, e parlano di grandi questione senza badare alla loro rilevanza pratica.
  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#39 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11815 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 13:06

Ma chiaro che anche il l'establishment leghista si sporchi le mani. Però vedi, c'è di fondo questa cosa del risolvere il problema, del pragmatismo [magari non disinteressato] che però viene giustamente apprezzato.


oh andiamo, il motto "fatti non pugnette" è vecchio quanto il cucco e viene usato sia a destra che a sinistra. Oggi come oggi ci tengono tutti a definirsi partiti del fare
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#40 khonnor

khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16586 Messaggi:

Inviato 30 marzo 2010 - 13:08


Ma chiaro che anche il l'establishment leghista si sporchi le mani. Però vedi, c'è di fondo questa cosa del risolvere il problema, del pragmatismo [magari non disinteressato] che però viene giustamente apprezzato.


oh andiamo, il motto "fatti non pugnette" è vecchio quanto il cucco e viene usato sia a destra che a sinistra. Oggi come oggi ci tengono tutti a definirsi partiti del fare


Con una differenza, che la Lega a livello locale fa.

Che poi io non ho mai sentito dire al Pd che è il partito del fare :)
  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq