Vai al contenuto


Foto
* * * - - 13 Voti

[Topic Ufficiale] Hip Hop/ R&B


  • Please log in to reply
1987 replies to this topic

#1 Rooftrampler

Rooftrampler

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 868 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 09:10

Volevo approfondire un po' il rap, in particolare mi interessa quello della scena anni '90, per capirci. Ma in generale mi servono dei consigli sugli album degni di nota, i migliori insomma. Conosco poco, conosco un po' di Tupac, Nas, Public Enemy, Run DMC, Snoop Dogg, ma sempre artisti di livello più o meno mainstream, e che per giunta conosco attraverso i singoli, non attraverso gli album. Vorrei proprio dei consigli su come procedere, anche per ordine, nella storia dell' hip hop, ascoltando i migliori lavori.

Ho aperto il thread perchè non ne ho trovato uno che me la dicesse lunga sull'hip hop (c'era qualcosa sul rap alternativo).
  • 0

#2 bebo

bebo

    this modern love

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8006 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 09:37

A casa mi dilungo un po' di più:
Non puoi dire di conoscere il rap degli anni '90 senza aver ascoltato A Tribe Called Quest (e a ruota Mos Def).
In linea di massima il c.d. gangsta non mi ha mai appassionato più di tanto, per quanto riguarda quel mondo è più divertente e interessante capire da dove è nato con NWA, Dre, Run DMC, Eric B. & Rakim, Whodini, la compila della soul jazz Big Apple Rappin', Beastie Boys, etc.
  • 0
Do you wanna come over and kill some time?
Tell me facts, tell me facts, tell me facts
Tell me facts
Throw your arms around me
Do you wanna come over and kill some time?
Throw your arms around me


a beast caged
u
nderwater dancehall

#3 kebab

kebab

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3631 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 10:16

non ho ben capito se vuoi approfondire il "gangsta" o il rap tout court. nel primo caso, non posso aiutarti perchè un filone che non mi ha mai entusiasmato, anzi. l'unico disco che sconsidero degno è straight outta compton degli nwa, dove c'è un ice cube incazzatissimo e soprattutto il mitologico eazy-e che ha una voce da ragazzino sadico fantastica.

edit: anche il wu-tang clan, che è east coast e quindi più figo.
  • 0

#4 Rooftrampler

Rooftrampler

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 868 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 10:43

non ho ben capito se vuoi approfondire il "gangsta" o il rap tout court. nel primo caso, non posso aiutarti perchè un filone che non mi ha mai entusiasmato, anzi. l'unico disco che sconsidero degno è straight outta compton degli nwa, dove c'è un ice cube incazzatissimo e soprattutto il mitologico eazy-e che ha una voce da ragazzino sadico fantastica.

edit: anche il wu-tang clan, che è east coast e quindi più figo.


Innanzitutto grazie per gli aiuti, se avete ancora da dire, dite pure.

Mi piacerebbe avere una visione generale del rap, e in particolare di quella scena dell' inzio anni '90 (forse non essendo molto informato mi sono espresso male, in realtà intendo le scene del '90, con quel gangsta ho un po' generalizzato tutto).
  • 0

#5 kebab

kebab

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3631 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 11:13

se vuoi approfondire la storia del rap, io ti consiglio di partire non dai '90 ma dagli '80, con alcuni degli artisti già elencati da Bebo.
e vai di listone:

aa.vv. - big apple rappin': the early days of hip-hop culture in new york city 79-82 (soul jazz, 2006)
sugarhill gang - sugarhill gang (sugar hill, 1979)
grandmaster flash & the furious five - the message (sugar hill, 1982)

questi tre sono le fondamenta, tre punti di vista diversi sullo stesso movimento culturale. il primo è un super ripescaggio della soul jazz di autentiche perle tra disco music e early hip-hop (in mezzo c'è anche del reaggae!). il secondo è l'origine di tutto, ancora adesso chiunque voglia avventurarsi nel mondo dell'hip-hop deve affrontare questo disco; è un po' troppo da party in certi punti ma rimane una pietra miliare. l'ultimo dalle mie parti si dice classicòn (è più soul, comunque).

eric. b & rakim - paid in full (1987, island)
eric. b & rakim - follow the leader (1988, uni)

qua sarebbe solo da stare zitti e ascoltare. io potrei morire sull'attacco del giro di basso di "paid in full" e ho detto tutto. sono stati i primi a buttarla sulla serietà senza perdere assolutamente nulla in credibilità e coerenza. i migliori.

per ora così, poi appena ho più tempo ci ritorno.

  • 0

#6 aries

aries

    Watcher of the skies.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4415 Messaggi:
  • LocationInland Empire

Inviato 28 maggio 2009 - 11:20

ma saltare tutto a pié pari?  ;D
  • 0
Electro alt-kraut ambient dreamy wave post worldgazer.
Immagine inserita

Questo sopra è un fumetto che ho appena pubblicato. Più info qui.
Qui c'è il mio Rym. Il sito coi miei lavori è invece qui.

#7 de coach

de coach

    Roadie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 553 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 11:31

A casa mi dilungo un po' di più:
Non puoi dire di conoscere il rap degli anni '90 senza aver ascoltato A Tribe Called Quest (e a ruota Mos Def).
In linea di massima il c.d. gangsta non mi ha mai appassionato più di tanto, per quanto riguarda quel mondo è più divertente e interessante capire da dove è nato con NWA, Dre, Run DMC, Eric B. & Rakim, Whodini, la compila della soul jazz Big Apple Rappin', Beastie Boys, etc.


Questo è già un pasto completo. Aggiungerei: De La Soul, EPMD, House Of Pain, Cypress Hill, Jurassic 5. Più The Roots, Stetsasonic e Fugees per quel che riguarda il rap strumentale.

Ah, e i Public Enemy. Chettelodicoaffare!  ;D
  • 0

#8 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11483 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 12:04

Sul rap "alternativo" di inizio anni '90 i nomi più interessanti son già saltati fuori: A Tribe Called Quest (soprattutto Low End Theory e Midnight Marauders), De La Soul, Arrested Development, Digable Planets, Disposable Heroes etc...

Per quanto riguarda il gangsta rap invece la maggior parte è monnezza, tuttavia ci sono delle perle: capostipite è Straight Outta Compton dei NWA (che però ' anni '80) poi io recupererei assolutamente The Chronic di Dr. Dre, qualcosa di Notorious BIG (uno dei migliori flow mai sentiti) e i Mobb Deep.

Poi è chiaro che c'è tutta la roba old school ma andiamo indietro nel tempo, mi sembra di avere capito che ti interessano i Novanta.
  • 0

#9 Guest_Julian_*

Guest_Julian_*
  • Guests

Inviato 28 maggio 2009 - 12:10

Secondo me però si fa un pò di confusione. Ed anche per questo chiedo numi a gente più ferrata: il gangsta non sarebbe il filone strettamente legato all'hip-hop delle origini e degli anni '80, quello che precede la svolta "impegnata" di Public Enemy & c: per dire LL Cool J, Schoolly D, poi magari nei '90s Nas.. Tribe Called Quest e successori non sono qualcosa di diverso, nelle forme e nei contenuti?
Chiedo eh, però mi sembra di aver letto spesso di questa distinzione, di fasi distinte.

#10 bebo

bebo

    this modern love

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8006 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 12:52

Io ho sempre visto che dalla nascita del movimento fino all'esplosione commerciale (i Run DMC hanno incominciato a pagarsi le bollette quando han collaborato con gli Aerosmith, per dire) la cosa venisse chiamata Golden Era sul cui finire è poi nato l'hardcore rap (che è poi il flow torrenziale + basi serrate di gente come PE o Eric B. & Rakim) che ha dato a sua volta il via al movimento gangsta, con tutto quell'immaginario distorto e traviato che hanno fornito gente come 2Pac, Notorious, Busta Rhymes e compagnia pistolettante da un lato e roba fuori dagli schemi (e oggettivamente di un'altra categoria) come ATCQ, Digable Planets, Disposable Heroes Of Hiphoprisy e un po' tutto l'underground hiphop che ha regalato tante belle cose.

Poi oh, son definizioni, quindi van prese con le molle -e servono giusto come riferimento di massima- quindi non so darti una certezza.

In ogni caso è bellissimo, a livello di "senti qui che passione!", recuperare le cose di Afrika Bambaata (che è il capo e non bisogna scordarlo) e l'immaginifico Kool Keith (poi Dr. Octagon, e scusate se è poco).
  • 0
Do you wanna come over and kill some time?
Tell me facts, tell me facts, tell me facts
Tell me facts
Throw your arms around me
Do you wanna come over and kill some time?
Throw your arms around me


a beast caged
u
nderwater dancehall

#11 bebo

bebo

    this modern love

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8006 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 12:54

Ah, scordavo e li si scorda sempre (peccando gravemente), ma durante gli anni '90 secondo me c'è stato un duo capace di unire fruibilità, creatività e metodo come quasi nessuno (o nessuno, dai): Outkast. Per me son tutti belli, fino a Speakerboxx\The Love Below non ne hanno sbagliato uno.

Aquemini è un disco DELLA MADONNA!
  • 0
Do you wanna come over and kill some time?
Tell me facts, tell me facts, tell me facts
Tell me facts
Throw your arms around me
Do you wanna come over and kill some time?
Throw your arms around me


a beast caged
u
nderwater dancehall

#12 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11483 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 13:09

Per come l'ho sempre sentita io, l'espressione "gangsta" si riferisce al rap anni '90 discendente diretto dei NWA, per intenderci quello della faida West Coast (G-funk, Death Row Records) vs. East Coast (Bad Boy) e dell'esplosione commerciale e dell'entrata in classifica dei vari Tupac e Notorious BIG ma anche Ice T, Snoop Dogg etc...

Certamente alcuni elementi come l'apologia dello stile di vita gangsta, i gioielli, le macchine e un maschilismo esasperato erano già presenti nel rap del decennio precedente di gente tipo Schoolly D e LL Cool J, tuttavia lo stile "gangsta" mi sembra eminentemente anni '90.

Peraltro certe cose sono quasi endemiche nella musica black, penso all'immaginario del pappone nel funk, o dell'outlaw nella musica giamaicana per non parlare del machismo imperante da Ray Charles a Bob Marley o Fela Kuti.
  • 0

#13 de coach

de coach

    Roadie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 553 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 13:19

Secondo me però si fa un pò di confusione. Ed anche per questo chiedo numi a gente più ferrata: il gangsta non sarebbe il filone strettamente legato all'hip-hop delle origini e degli anni '80, quello che precede la svolta "impegnata" di Public Enemy & c: per dire LL Cool J, Schoolly D, poi magari nei '90s Nas.. Tribe Called Quest e successori non sono qualcosa di diverso, nelle forme e nei contenuti?
Chiedo eh, però mi sembra di aver letto spesso di questa distinzione, di fasi distinte.


Si il Gangsta Rap per convenzione è quello della costa occidentale (Ice-T, ad esempio, è O.G., The Original Gagsta autodefinitosi tale), che sociologicamente fa riferimento alla malavita losangelina, alle faide di strada degli anni 80 fra Blood e Crips (molti dei capi pare avessero forti interessi economici nell'industria discografica hip-hop) e che avrà un picco in conomitanza dell' affaire Rodney King e della rivolta di South Central. A livello musicale i punti di contatto con l'hardcore rap sono sostanziali (anche se la west-coast spesso tendeva più all'enfasi e all'epica caricaturale), in certi casi li differenzia solo un'etichetta d'appartenenza territoriale e commerciale.
  • 0

#14 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17630 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 13:42

i migliori sono i Pharcyde
Soul Flower rmx
Ya Mama is Soooo Fat
  • 0

rym |


#15 bluetrain

bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6655 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 14:18

Per come l'ho sempre sentita io, l'espressione "gangsta" si riferisce al rap anni '90 discendente diretto dei NWA, per intenderci quello della faida West Coast (G-funk, Death Row Records) vs. East Coast (Bad Boy) e dell'esplosione commerciale e dell'entrata in classifica dei vari Tupac e Notorious BIG ma anche Ice T, Snoop Dogg etc...

Certamente alcuni elementi come l'apologia dello stile di vita gangsta, i gioielli, le macchine e un maschilismo esasperato erano già presenti nel rap del decennio precedente di gente tipo Schoolly D e LL Cool J, tuttavia lo stile "gangsta" mi sembra eminentemente anni '90.

Peraltro certe cose sono quasi endemiche nella musica black, penso all'immaginario del pappone nel funk, o dell'outlaw nella musica giamaicana per non parlare del machismo imperante da Ray Charles a Bob Marley o Fela Kuti.


Anche i bluesmen neri degli anni 20/30, se ci pensi, erano, nei limiti delle loro drammatiche possibilità economiche, quasi sempre tappatissimi (a differenza, ad esempio dei coevi hillbilly bianchi). Mutatis mutandis, penso che la zarritudine di fondo sia la stessa, e a voler fare i fighi un po' sociologhi, si potrebbe ricercare la ratio nel desiderio di emancipazione dei balck dalla schiavitù prima e dalla condizione di miseria poi. Non a caso, parliamo quasi sempre di musica nera originata dai discendenti degli schiavi. Tra i tuoi esempi, l'unico Africano tout court è Fela Kuti, ma nel suo caso, il machismo potrebbe dipendere dalle presunte dimensioni smisurate del suo fallo, come da stereotipatissimo copione.
Non ho riletto, ma temo di aver detto un sacco di stronzate.
  • 0

#16 Guest_gulliver_*

Guest_gulliver_*
  • Guests

Inviato 28 maggio 2009 - 14:34

fanculo ai gangsta

procurati questi :-* :-*

Immagine inserita

Immagine inserita

#17 de coach

de coach

    Roadie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 553 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 14:47


Per come l'ho sempre sentita io, l'espressione "gangsta" si riferisce al rap anni '90 discendente diretto dei NWA, per intenderci quello della faida West Coast (G-funk, Death Row Records) vs. East Coast (Bad Boy) e dell'esplosione commerciale e dell'entrata in classifica dei vari Tupac e Notorious BIG ma anche Ice T, Snoop Dogg etc...

Certamente alcuni elementi come l'apologia dello stile di vita gangsta, i gioielli, le macchine e un maschilismo esasperato erano già presenti nel rap del decennio precedente di gente tipo Schoolly D e LL Cool J, tuttavia lo stile "gangsta" mi sembra eminentemente anni '90.

Peraltro certe cose sono quasi endemiche nella musica black, penso all'immaginario del pappone nel funk, o dell'outlaw nella musica giamaicana per non parlare del machismo imperante da Ray Charles a Bob Marley o Fela Kuti.


Anche i bluesmen neri degli anni 20/30, se ci pensi, erano, nei limiti delle loro drammatiche possibilità economiche, quasi sempre tappatissimi (a differenza, ad esempio dei coevi hillbilly bianchi). Mutatis mutandis, penso che la zarritudine di fondo sia la stessa, e a voler fare i fighi un po' sociologhi, si potrebbe ricercare la ratio nel desiderio di emancipazione dei balck dalla schiavitù prima e dalla condizione di miseria poi.


Si penso anch'io che, di fondo, la ragione sia quella. Certo recentemente l'ostentazione del lusso e del successo è diventata una dinanica omologante, fomentata dagli stilisti, quasi tutti bianchi, tra parentesi, che si sono accorti che la "street fashion" tirava di brutto. Così mentre gli adolescenti bianchi incominciavano a vestirsi come i loro coetanei di colore, molti rapper neri adottavano un look "italiano", promosso dai "gangsta" di Hollywood, in primis il Tony Montana, tutto vestito Armani, di Al Pacino in "Scarface".

Non a caso, parliamo quasi sempre di musica nera originata dai discendenti degli schiavi. Tra i tuoi esempi, l'unico Africano tout court è Fela Kuti, ma nel suo caso, il machismo potrebbe dipendere dalle presunte dimensioni smisurate del suo fallo, come da stereotipatissimo copione.
Non ho riletto, ma temo di aver detto un sacco di stronzate.


Si un certo "machismo", orientato ad una divisione dei ruoli sessuali di stampo tribale, percorre un po' tutta la musica nera (non che quella bianca ne sia immune, anzi, ma il discorso sarebbe lungo...) in 'sto secolo. Anche se non mancano le eccezioni, specie a partire dalla contaminazione coi movimenti di liberazione degli anni sessanta. Il rap conserva, in un buon 90% dei casi, un'impronta sessista. E per questo è stato spesso oggetto di critiche e riflessioni anche in seno alla stessa comunità intellettuale nera più progressista.
  • 0

#18 kebab

kebab

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3631 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 14:51

i migliori sono i Pharcyde
Soul Flower rmx
Ya Mama is Soooo Fat

fantastici! li ho conosciuti proprio grazie a te, tra l'altro. adoro il beat di "drop". anche il video.

secondo me per fare i primi passi in questo mondo bisogna ascoltare i beastie boys. il mio preferito è paul's boutique, che ha i beat negri e un po' jazzy, quelli con i fiati sfiatati à là miles davis periodo elettrico, che mi sanno tanto di bronx in agosto, partite di basket e bambini che giocano attorno a un idrante. peccato che abbia fatto schifo a tutti, ai tempi. molto più compatto invece ill communication, quello con cui hanno un po' fatto il botto grazie al singolazzo "sabotage"; è bello, anche se ha i suoi fillers. ottimo il pezzo con q-tip (per rimanere in ambito a tribe called quest).
infine, consiglio anche the sound of science, una super raccoltona con tanti singoli che prendono e una selezione efficace di pezzi meno conosciuti.
  • 0

#19 Steph

Steph

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 20 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 17:30

Un sincero apprezzamento per chi ha citato A Tribe Called Quest e Arrested Developement.
Il disco fondamentale per me resta "Fear of a Black Planet".
911 is a Joke e Welcome to the Terrordome sono IL rap.

In alternativa c'è questo
http://www.youtube.c...h?v=qnQtwbuojy4
  • 0

#20 Rooftrampler

Rooftrampler

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 868 Messaggi:

Inviato 28 maggio 2009 - 18:34

Ringrazio ancora tutti per i consigli  ;).

Allora, ho ascoltato un paio di volte Low End Theory di A Tribe called Quest è mi è sembrato un ottimo album, hip hop forte, commistione di rap ed elementi jazzy. Veramente una scoperta, grandi.

Ho dato un paio di ascolti anche a "Straight Outta Compton" degli N.W.A e anche questo è un bell' album. L'inizio è da urlo, con l'assalto dell prime due tracce che  travolgono completamente l'ascoltatore.

Per curiosità ho ascoltato anche "Illmatic" di Nas: a me è sembrato una bomba, rime molte buone, e soprattutto grandi basi e bassi profondi che mi fanno venire in mente un certo trip-hop.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq