Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Film da "pietrificare"


  • Please log in to reply
637 replies to this topic

#61 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 05 settembre 2008 - 12:02



Io pietrificherei Manhattan.


anch'io preferireri "Manhattan" a "Annie Hall"...


Credo che Annie Hall sia già stata scelta come prima pietra milare per Allen...

Vabbè ragazzi, stiamo parlando di un gigante, onestamente io pietrificherei Manhattan tra i tre, come ho detto, ma solo se dovessi scegliere, e solo perchè è quello che preferisco. Ma poi, come accade su Ondarock con gli album, credo che si possa pietrificare anche più di un film per autore, o sbaglio?

#62 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12141 Messaggi:

Inviato 05 settembre 2008 - 12:21

Tre o quattro cose sulla Pietra dedicata a Woody:
- d'accordissimo con la scelta di "Io e Annie"
- il fatto che si cominci con "Io e Annie" non vuol dire che prima o poi non arriverà anche quella su "Manhattan" (Allen è un grande autore, e come ogni grande autore può aspirare ad Almeno due Pietre Miliari)
- la regia di "Provaci ancora Sam" non è firmata Woody Allen, e partire da un Allen con una regia non sua sarebbe stato paradossale, data l'enorme mole di pellicole realizzate come regista

- Jules, basta anticipazioni!!!
  • 0

#63 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 05 settembre 2008 - 12:41

Ribadiamo il concetto che ondacinema è appena nato e che per ora la linea scelta (giustamente) è quella di pietrificare un film per autore. Quando il materiale sarà più consistente, si comincerà a pietrificare anche altri film dello stesso.

Siamo tutti consapevoli che registi come Allen, Kubrick, Chaplin, Welles (per citare alcuni di cui si è discusso) non possono avere un solo film come pietra miliare.

  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#64 kida1984

kida1984

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3262 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2008 - 20:29

Non so se qualcuno l'avrà già scritto, ma dov'è Pulp Fiction tra le Pietre Miliari di Ondacinema? Non lo trovo, ci deve essere un equivoco... :)
  • 0

#65 marziano

marziano

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 8 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2008 - 13:36

a mio sommesso avviso di modernista altri titoli potrebbero essere:

blade runner (epico, ha disegnato il futuro)
memento (storia e tecnica)
soliti sospetti (la mania del finale del finale a sorpresa è poi esplosa, ma lui ne è il capostipite irragiungibile, miglior crime story)
probabilmente anche gli spietati.


  • 0

#66 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21731 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2008 - 13:50

Concordo sul primo, il secondo e il quarto.  :)
  • 0

#67 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 17 settembre 2008 - 14:03

Io in tema di fantascienza pietrificherei l'esercito delle dodici scimmie di Gillian.

#68 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 17 settembre 2008 - 15:44

Concordo sul primo, il secondo e il quarto.  :)


idem  :)

"Le 12 scimmie" nahhhhhh
  • 0

#69 Ian Smith

Ian Smith

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6643 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2008 - 15:48

"Le 12 scimmie" nahhhhhh


semmai "la Jetée" di Chris Marker
:D
  • 0

#70 vegeta851

vegeta851

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8571 Messaggi:
  • LocationFerrara

Inviato 17 settembre 2008 - 16:52


"Le 12 scimmie" nahhhhhh


semmai "la Jetée" di Chris Marker
:D


:-*
  • 0

#71 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12141 Messaggi:

Inviato 17 settembre 2008 - 19:08


Concordo sul primo, il secondo e il quarto.  :)


idem  :)

"Le 12 scimmie" nahhhhhh



Non mi sembra per nulla miliare, cosi' come non pietrificherei  mai i soliti sospetti e memento.
  • 0

#72 loulou

loulou

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 61 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2008 - 11:04

non so se ho interpretato bene lo spirito del thread, ma credo che per poter rispondere si debba prescindere dalle proprie preferenze personali come anche dai film che riteniamo fondamentali dal punto di vista artistico...
secondo me le pietre miliari sono quei film che hanno dato origine ad altre opere, quei film che hanno convinto alcune persone a fare cinema, quei film dai quali i registi successivi hanno attinto e preso ispirazione..
in questo senso il mio regista preferito in assoluto (tarkovskij) non ha dato pietre miliari, perché ha avuto un solo successore...
mizoguchi non saprei, certo ha influenzato molto i francesi, ma non mi risulta così saccheggiato come altri registi
su kubrick sono titubante, semmai metetrei però shining o full metal jacket
mentre è evidente che tarantino è un successore, non può essere pietra miliare (lo dice lui stesso)

quindi da parte mia direi:
l'atalante (ca va sans dire)
aurora (su tutti, anche se non è il più bello)
amarcord (e, perché no, lo sceicco bianco)
frank costello faccia d'angelo

se poi i viene in mente qualcos'altro aggiungo




  • 0

#73 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21731 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2008 - 11:29

E' una teoria bislacca, se mi permetti..

ps: perché rinomini ogni volta il thread?
  • 0

#74 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12141 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2008 - 11:49

...


Hai frainteso: per Pietra Miliare si intende in primo luogo Capolavoro del Cinema. Che poi possono aver influenzato o meno questo è un altro discorso. Molti geni del cinema non hanno avuto eredi perchè in qualche modo non replicabili.
Citi Mizoguchi e Kubrick, che solitamente sono valutati tra i più grandi registi della storia. Entrabi hanno realizzato parecchi capolavori e per quanto mi riguarda entrambi hanno diritto al massimo delle Pietre Miliari possibili (forse 4, non so).
L'influenza sulle generazioni future di cineasti verrà presa senz'altro in considerazione, ma la grandezza dell'autore ha la priorità.
  • 0

#75 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 18 settembre 2008 - 18:00

Mizoguchi ha influenzato anche tutto il cinema giapponese (asiatico?), Pasolini, in parte Welles e molti altri. Non è stato influente?
  • 0

#76 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12141 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2008 - 18:06

Mizoguchi ha influenzato anche tutto il cinema giapponese (asiatico?), Pasolini, in parte Welles e molti altri. Non è stato influente?


Non intendevo in quel senso. E' possibile trovare del Mizoguchi ovunque perchè è certamente un regista che ha sviluppato il linguaggio cinematografico tutto.
Ma guardando un film contemporaneo difficilmente esclamerai "questa pellicola mi ricorda Mizoguchi". Può capitare con del cinema giapponese (e non del più recente), ma per tematiche e approcci di singole sequenze piuttosto che di un'opera compiuta.

  • 0

#77 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 18 settembre 2008 - 18:14

Altra epoca, altri tempi. Si può dire lo stesso di un Renoir, di un Clair, di molti altri, non per questo da sottovalutare.
Mizoguchi è il fuoriclasse del piano-sequenza, chiunque adoperi questo stilema deve fare i conti con lui. E spesso lo ammette (anche Anghelopoulos lo ha citato tra i suoi maestri).
  • 0

#78 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12141 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2008 - 18:24

Altra epoca, altri tempi. Si può dire lo stesso di un Renoir, di un Clair, di molti altri, non per questo da sottovalutare.
Mizoguchi è il fuoriclasse del piano-sequenza, chiunque adoperi questo stilema deve fare i conti con lui. E spesso lo ammette (anche Anghelopoulos lo ha citato tra i suoi maestri).


Ma si, hai ragione: fondamentalmente a me importa molto relativamente dell'influenza di un regista. Si parlava di Russ Meyer qualche giorno fa. Ebbene: lui ha influenzato diverse generazioni di registi, ma al contempo non lo si può definire miliare.
Anche Honda, il regista di "Godzilla", ha avuto un'influenza spropositata nel suo genere. Ma chi, di preciso, ha influenzato?
Era questo quello che cercavo di dire in precedenza: per me conta la grandezza del film e del singolo autore.
Anghelopoulos può essere un "allievo" di Mizoguchi come possono esserlo altri autori, non necessariamente importanti. Ma nessuno riesce a ricordarmi il suo cinema.
  • 0

#79 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 18 settembre 2008 - 18:33


Altra epoca, altri tempi. Si può dire lo stesso di un Renoir, di un Clair, di molti altri, non per questo da sottovalutare.
Mizoguchi è il fuoriclasse del piano-sequenza, chiunque adoperi questo stilema deve fare i conti con lui. E spesso lo ammette (anche Anghelopoulos lo ha citato tra i suoi maestri).


Ma si, hai ragione: fondamentalmente a me importa molto relativamente dell'influenza di un regista. Si parlava di Russ Meyer qualche giorno fa. Ebbene: lui ha influenzato diverse generazioni di registi, ma al contempo non lo si può definire miliare.


Questo è un punto fondamentale, sono d'accordo.

Anghelopoulos può essere un "allievo" di Mizoguchi come possono esserlo altri autori, non necessariamente importanti. Ma nessuno riesce a ricordarmi il suo cinema.


Perché era unico!! O_O

Entusiasmi a parte, è un cinema radicato nella sua epoca, in parte superato, in parte irraggiungibile. I film che possono ricordarlo (butto lì Gertrud) sono più o meno coevi.
Comqunque, lui aveva già realizzato, anche dieci anni prima, quanto teorizzato da Bazin e inteso come innovativo. Mica male. O_O

  • 0

#80 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12141 Messaggi:

Inviato 18 settembre 2008 - 18:39

Entusiasmi a parte, è un cinema radicato nella sua epoca, in parte superato, in parte irraggiungibile. I film che possono ricordarlo (butto lì Gertrud) sono più o meno coevi.
Comqunque, lui aveva già realizzato, anche dieci anni prima, quanto teorizzato da Bazin e inteso come innovativo. Mica male. O_O


Radicato in un'epoca, ma allo stesso tempo fuori da qualsiasi moda o tendenza.
La grandezza sta proprio nel suo essere inclassificabile, di spalmare il suo stile su più piani, nell'indefinibile. Nel risultato che, produce come un'atmosfera davvero pregnante ma imprendibile, certo unica. E' una cosa difficile da spiegare.

Anche Dreyer, però, è uno di quelli che hanno generato delle visioni cinematografiche che fanno storia a sè
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq