Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

La scuola


  • Please log in to reply
336 replies to this topic

#1 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7394 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2007 - 08:47

Ve lo dico da mezzo "addetto" ai lavori, da uno che si sente dire che fu deriva dal verbo fare, che Cromosomuell (scritto così) fece la rivoluzione inglese, che i poeti elegiaci erano Tibullo e Prepuzio e che Luigi XIV, detto Re Leone...
La scuola fa immensamente cacare e c'è un abisso tra lo studente di 50 anni che si ripresenta a studiare avendo solo le medie e chi esce oggi anche da un Liceo (mi capitano entrambi). Ho uno studende di 73 anni arrivato alla 4 liceo dell'epoca che ne sa molto spesso realmente più di me laureato con i cazzi e mazzi del caso.
Quindi significa che la scuola di 50 anni fa che magari dava solo le elementari insegnava enormemente meglio dell'attuale?
Almeno questo ministro ha avuto la serietà minima di proibire truffe a cielo aperto come le maturità con commissioni totalmente interne a casadidio all'istituto compiacente passate con la sola presenza (purtroppo solo le maturità, continua a capitare di tutto negli istituti privati parificati, insomma fino a due anni fa con 1200 euro avevi un diploma, ora con 1200 euro arrivi solo al 4 anno, comunque una vergogna ma almeno la maturità bisogna sudarsela).

Ora pare che Fioroni riformerà ancora le elementari. Ritorno alle 40 ore (un assurdo logico e fisiologico... fateli giocare sti bambini che poi crescono ebeti e ciccioni), il ritorno alle tabelline e alla grammatica (sacrosanto nell'era del smsesse).
La cosa per me sconvolgente è vedere che teorie pedagogiche che da secoli tentano di mostrare almeno cosa non fare rimangano sempre sulla carta: parlo ad es. di Comenio che a inizio '600 criticava l'apprendimento delle lingue a partire dalla grammatica senza il contatto diretto con il "colloquio" in lingua.
Ogni ministro che arriva si mette a fare il praticone, tocca, cambia e tenta di incidere sulla sola cosa che può "modificare": gli stramaledetti "programmi". Della didattica non si parla mai, della preparazione e della valutazione dei docenti manco a sognarselo. La parola "disciplina" diventa una attentato alla famiglia mammona iperinterventista. Un mio conoscente si becca del coglione in diretta dagli "studenti", si è preso una piccola lesione alla cornea perchè è stato bombardato di palle di carta avvolte di nastro adesivo e poi il preside riprende in modo ufficiale lui per evitare cazzi da danunce ecc. Io mi becco i dementi di 14 anni che entrano con le cuffie ballando, quelli che si fanno squillare il cellulare, un misto di arroganza ed ignoranza totale, e poi si dovrebbe evitare il pregiudizio da curricola nascosti...

Il ministro Fioroni (che stimo, dal mio punto di vista il migliore di questo esecutivo scalcinato) sta introducendo la sospensione per un anno in presenza di atti di bullissimo su insegnanti o compagni. Ma siamo in Italia, come con i bravi di Manzoni, le pene aumentano, le mamme pingono, i ragazzi so' ragazzi, i fatti restano.

Io mi sto riscoprendo sempre più a mettere in discussione il principio dell'obbligo scolastico. Toglierei il limite di età e garantirei i 10 anni di istruzione obbligatoria e gratuita quanda capperi uno vuole. Cioè a scuola fino alle medie. I cinque anni di superiori se vuoi li fai subito, se non vuoi lo stato ti garantisce l'aspettativa dal lavoro anche a 60 anni e li fai quando realmente ne hai voglia.

Non so che ne pensate?

  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#2 {`tmtd`}

{`tmtd`}

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6735 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 15 ottobre 2007 - 08:52

io farei una festa per il ritorno degli esami a settembre.
la storia dei recuperi a settembre era vergognosa. gente che superava l'anno con due 4 e tre 5, arrivava in quinta tranquillamente, e magari prendeva un buon voto perchè era riuscito a copiare. e non parlo per sentito dire, ma perchè quando ho fatto le superiori, la situazione era così.
la cosa che fa ancor di più scalpore è la seguente; i ragazzi che sono andati a protestare il fine settimana scorso, non si sono lamentati dei professori assenteisti, dei corsi mal organizzati, delle tante strutture fatiscenti, no, mi sembra ovvio, si lamentano del ritorno degli esami di riparazione. come dire :"scusi signor ministro dell'istruzione, il suo dovere non è farci studiare, ci lasci fare quello che ci pare e si faccia gli affari suoi".
sono assolutamente sconcertato dai video che girano in internet; com'è possibile che in classe si possano permettere certe azioni? senza parole. devo essere sincero: se io fossi un professore mi comprometterei, perchè questi individui andrebbero presi a calci per il ehm.. sedere.
  • 0

#3 Pierrotelaluna

Pierrotelaluna

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5349 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2007 - 09:15

Sugli esami di riparazione a Settembre io invece non sono d'accordo.
Quello che era previsto negli ultimi anni non era proprio errato, non veniva però applicato. La materia la recuperi a Settembre, inizi a frequentare due settimane prima degli altri e se recuperi bene, altrimenti a fine anno sei bocciato. Non sarebbe proprio sbagliato. Però le cose bisogna farle per benino, non a cavolo, altrimenti qualunque riforma è una schifezza. Tornare a sostenere un esame  a Settembre, bo! Giugno, o promosso e bocciato. Non rimanere così precario, cavolo, è tutto precario in Italia.
Può capitare che sei al classico e il professore di Italiano ti prenda in antipatia, perché magari è del tuo paese e conosce la tua famiglia con cui ha avuto da ridire. Non ci sono santi, ti rimanda a settembre e ti boccia in qualunque caso.

Sulle regole per ridare rispetto al professore, e ancora di più alla professoressa (visto ciò che gira su youtube), sono d'accordissimo. Cavolo, c'è un'arroganza in alcuni ragazzini che è inconcepibile. Mi viene voglia di diventare professore per vendicare tutto il genere, cosa che non avrei mai pensato. Il primo telefonino che vedo in classe, sotto la suola inesorabile a carro armato delle mie Cult. Poi le natiche dello studentello proprietario del telefonino stiano attente alla punta delle suddette scarpe. Vengano i genitori a lamentarsi che è solo un ragazzino!

Allo stesso tempo è giusto punire, e punire davvero i professori assenteisti o che sono in aula per passare il tempo. E' un lavoro serio quello dell'insegnante.
Aggiungerei dele materie invece, o delle ore da passare ogni mese per informare i ragazzi sui fatti principali dell'attualità.


  • 0
Ti ritiri tu? Tiritirità?
Tannen, io ti maledico.

#4 {`tmtd`}

{`tmtd`}

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6735 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 15 ottobre 2007 - 09:21

Sugli esami di riparazione a Settembre io invece non sono d'accordo.
Quello che era previsto negli ultimi anni non era proprio errato, non veniva però applicato. La materia la recuperi a Settembre, inizi a frequentare due settimane prima degli altri e se recuperi bene, altrimenti a fine anno sei bocciato. Non sarebbe proprio sbagliato. Però le cose bisogna farle per benino, non a cavolo, altrimenti qualunque riforma è una schifezza. Tornare a sostenere un esame  a Settembre, bo! Giugno, o promosso e bocciato. Non rimanere così precario, cavolo, è tutto precario in Italia.
Può capitare che sei al classico e il professore di Italiano ti prenda in antipatia, perché magari è del tuo paese e conosce la tua famiglia con cui ha avuto da ridire. Non ci sono santi, ti rimanda a settembre e ti boccia in qualunque caso.


non veniva mai applicato. venivi comunque mandato all'anno successivo con gravi lacune. e cosa succedeva? che non riuscivi a tenere il passo con il programma dell'anno successivo, continuavi a non capire niente, ed arrivavi in quinta con una materia oscura.
è ovvio che i motivi per cui una persona non riesce a capire una determinata disciplina sono tanti. problemi personali (malattie gravi, lutti) ma anche svogliatezza o poco impegno. in tutti questi casi, è giusto che siano istituiti dei corsi di recupero (retribuiti, giustamente, in maniera corposa) in cui sia chi non ha potuto seguire le lezioni per motivi di forza maggiore, sia chi non ha avuto voglia di studiare, può comunque cercare di recuperare il tempo perso.
  • 0

#5 Pierrotelaluna

Pierrotelaluna

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5349 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2007 - 09:33

E' questo il fatto che non veniva applicato.
Ma se applicato per me era meglio che applicare il rimandare a settembre.
Forse bisognerebbe prima inculcare nella nostra civiltà che ci sono regole che andrebbero applicate se vogliamo migliorare qualcosina.
  • 0
Ti ritiri tu? Tiritirità?
Tannen, io ti maledico.

#6 Guest_soul crew_*

Guest_soul crew_*
  • Guests

Inviato 15 ottobre 2007 - 09:53

io sono favorevole ad alcune cose di questa riforma, ad esempio sul fatto che si studino di più grammatica e tabelline, dato che i ragazzi che escono diplomati oggi come oggi non sanno parlare, non sanno scrivere, non sanno fae di conto a mente e tutto questo lo trovo veramente assurdo.

sono favorevole anche all' esame di riparazione a settembre, ve lo dice uno che ha sperimentato questo nuovo modello (fu introdotto mentre facevo gli ultimi due anni di superiori). bene in quei due anni, complice il fatto che agli esami ancora si portavano solo poche materie scelte, mi sono tranquillamente permesso di escludere dallo studio due materie i cui professori mi stavano sui coglioni. allora lo feci per convenienza, anche se i corsi di recupero nella mia scuola li facevano ed entravo a scuola venti giorni prima degli altri, anche se per poche ore, ma a pensarci ora direi che ho sbagliato e che un atteggiamento del genere non è ammissibile se un istituto vuole essere preso sul serio.

sulla disciplina, ricordo che la linea non era molto dura, ma c' era un senso di responsabilità maggiore tra gli studenti, che oggi non c' è e quindi forse bisogna tornare alle punizioni esemplari di un tempo. non lo so, ma di sicuro l' ordine va mantenuto.

volevo anche aggiungere che le scuole, a partire dalle elementari fino ai licei, hanno nella maggior parte dei casi delle strutture sportive inadeguate, scadenti, quando proprio non ce l' hanno e devono appoggiarsi con convenzioni presso privati, che costano!
bene, bisogna assolutamente che venga fatto qualcosa in questo campo, anche dal punto di vista didattico. è giusto dare l' opportunità fin da piccoli di imparare uno sport, di apprendere la mentalità degli sport di squadra, di avere un corpo sano e allenato. basta con questa cazzata che puntare sullo sport è da nostalgici del fascio!

#7 il_pado

il_pado

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 83 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2007 - 15:40

Tornare a sostenere un esame  a Settembre, bo! Giugno, o promosso e bocciato. Non rimanere così precario, cavolo, è tutto precario in Italia.
Può capitare che sei al classico e il professore di Italiano ti prenda in antipatia, perché magari è del tuo paese e conosce la tua famiglia con cui ha avuto da ridire. Non ci sono santi, ti rimanda a settembre e ti boccia in qualunque caso.


Non è esattamente così: nel caso l'esame di settembre avesse esito negativo la bocciatura non è sicura. Tutto sta al consiglio di classe. Ovvero, se il corpo docente nota un impegno e un miglioramente dello studente lo promuove in barba al professore di italiano stronzo.
Il funzionamento attuale dei debiti è una gran buffonata - e lo dico da studente di quinta scientifico. All'inizio della quarta mi sono trovato a dover sanare un debito in fisica e ad avere a che fare con individui che non avevano la più pallida idea della differenza tra scalare e vettoriale. Cose che si fanno in terza media. Eppure il debito è stato passato da quasi tutti, tra soluzioni dei problemi che giravano per la classe e professori buonisti.

Più in generale mi trovo in perfetto accordo con il primo post di joseph k. La preparazione fornita dalla scuola è a dir poco imbarazzante, le colpe sono equamente divise tra studenti, istituzioni scolastiche e fattori esterni. Mi trovo persino a disagio nel notare come a tanti tra i miei coetanei manchino le più basilari capacità logiche e di analisi. La filosofia viene esposta per definizioni mandate giù a memoria senza alcuna consapevolezza della ricaduta che una certa affermazione può avere sulla stori del pensiero umano; la letteratura analizzata con schemi precofenzionati e senza alcun apporto personale; le materie scientifiche bollate come inutili. In generale c'è un atteggiamento che è quello del raggiungere la sufficienza e passare l'anno, fregandosone di quello che resta a se stessi, del proprio crescere come persone. Che può essere anche un atteggiamento comprensibile a quell'età ma il fatto è che questa abitudine alla pappa pronta con professori che imboccano gli studenti è deleteria. E anche per i professori - magari quelli più anziani, che ancora ricordano quando il latino si insegnava per davvero - più seri recuperare questa situazione è impossibile. Faccio ancora un esempio preso dalla mia esperienza recente: la professoressa di latino ha assegnato il proemio del De rerum natura da imparare a memoria in metrica. Alla classe non pareva vero che fosse richiesto uno sforzo di tale portata: si è rifiutata categoricamente fino a costringere la professoressa a cambiare idea. Rendetevi conto.



  • 0

#8 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2007 - 20:17

io sono favorevole ad alcune cose di questa riforma, ad esempio sul fatto che si studino di più grammatica e tabelline


Vabbe', però non facciamoci prendere per il culo dai titoli dei giornali. Con tutto il masle che se ne può dire, non credo che la scuola ultimamente stesse smettendo di insegnare le tabelline e la grammatica...
  • 0

#9 Guest_soul crew_*

Guest_soul crew_*
  • Guests

Inviato 15 ottobre 2007 - 20:22


io sono favorevole ad alcune cose di questa riforma, ad esempio sul fatto che si studino di più grammatica e tabelline


Vabbe', però non facciamoci prendere per il culo dai titoli dei giornali. Con tutto il masle che se ne può dire, non credo che la scuola ultimamente stesse smettendo di insegnare le tabelline e la grammatica...

non penso nemmeno io, ma infatti ho detto "che si studino di più", mica "che si ricominci a studiare"
molti ragazzetti che escono dalle scuole oggi sono veramente sgrammaticati e non sanno fare di conto "al volo". questo è un triste dato di fatto e lo si contrasta tornando ad insistere sui "fondamentali" dato che è inutile inserire 25 lingue straniere, corsi di autocad e prove di lancio nello spazio ( asd ) per bambini dai 6 ai 10 anni se poi non sanno neanche scrivere decentemente un curriculum o una lettera.

#10 Guest_Stipe_*

Guest_Stipe_*
  • Guests

Inviato 15 ottobre 2007 - 20:25

dato che è inutile inserire 25 lingue straniere


Ok sul troppe son d'accordo pure io, ma almeno insegnare bene l'inglese sin dalla prima elementare sarebbe cosa importante, visto che siamo tra gli ultimi in Europa nell'apprendimento delle lingue straniere.

#11 Guest_soul crew_*

Guest_soul crew_*
  • Guests

Inviato 15 ottobre 2007 - 20:28


dato che è inutile inserire 25 lingue straniere


Ok sul troppe son d'accordo pure io, ma almeno insegnare bene l'inglese sin dalla prima elementare sarebbe cosa importante, visto che siamo tra gli ultimi in Europa nell'apprendimento delle lingue straniere.

sì, ma tu fagli studiare l' inglese mentre intanto imparano a scrivere solo in "smsese"... poi quella frase da "25 lingue straniere" fino alla faccina sghignazzante, era appunto un' esagerazione per dire che oggi già a 6 anni ti riempiono la testa di tante cose che in realtà si possono approfondire anche dopo, mentre i fondamentali del linguaggio e della logica, sarebbe bene apprenderli bene subito. insieme all' inglese, certo.

#12 Glenn

Glenn

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 143 Messaggi:

Inviato 15 ottobre 2007 - 21:57

La scuola italiana fa mediamente schifo e su questo non ci piove, occorre però distinguere perchè c'è schifo e schifo e ci sono posti (pochi) dove le cose funzionano almeno decentemente. Se si vuole indagare verso il basso al peggio non c'è veramente fine, io nella mia esperienza personale ho visto e sentito di tutto: da minacce ai professori, voti politici per saltare le lezioni (in accordo col prof), professori che suggeriscono l' esame di stato perchè coscienti di non aver insegnato una mazza ai propri studenti.
Ora, tralasciando questi casi disperati, rimangono comunque certi aspetti della didattica veramente assurdi e il risultato finale è un preparazione neanche lontanamente confrontabile con quella della generazione precedente.

Ah, per certi versi la scuola italiana non è altro che lo specchio della nostra società: buonista e supergarantista; bisogna stare attenti a non essere troppo duri coi ragazzi, sono solo un po vivaci ed è colpa dell' età, poi le mamme dicono che son proprio degli angioletti e si sa, la mamma è sempre la mamma.
  • 0

#13 Guest_JackNapier_*

Guest_JackNapier_*
  • Guests

Inviato 16 ottobre 2007 - 07:30

Per me (e parlo relativamente a quello che accadeva nel mio istituto) il problema di fondo era la mancanza di elasticità mentale dei professori.
Innanzi tutto l'errore che commettevano la stragrande maggioranza dei docenti era inquadrare i loro alunni in "range di voti" già alla prima impressione e per fargliela cambiare ce ne voleva. Altra cosa che trovavo inammissibile dei prof era che erano totalmente ignoranti del mondo che li circondava (sto parlando sempre del mio istituto eh, non fraintendetemi  ;) ), non sapevano un cacchio di musica, né di cinema né altro... il loro compitino, gli argomenti delle loro lezioni li sapevano bene, ma oltre quello erano totalmente ignoranti. Nella loro ignoranza si sentivano di poter fare tutto... se decidevano a inizio anno che uno dovesse essere bocciato, facevano di tutto per farlo cadere coalizzandosi anche con altri docenti per crearti una cattiva reputazione (a me è capitato, ho dovuto cambiare sezione per scoprire un nuovo mondo... neanche tanto diverso, ma mi ha permesso di uscire). Nella mia scuola i bulli erano i prof.
Per questo ritengo sacrosanta la decisione di riportare in auge la commissione metà interna metà esterna (io me la facevo sotto a giugno, ma non crederete mai quanto io abbia beneficiato di questa situazione) ma gli esami a settembre per me sono una cosa orribile. Parlo sempre per esperienza personale dicendo che i prof che facevano i corsi spesso erano diversi da quelli che facevano la verifica... non si capiva mai se erano quelli che spiegavano che facevano schifo o quelli della verifica che erano bastardi, finiva sempre che quello che si sbatteva di più durante l'estate (cioé io  asd) prendeva il voto massimo: 3, mentre gli altri non superavano il 2... immaginate se ci fosse stata la bocciatura dopo quelle prove... una classe bocciata (visto che matematica e soprattutto elettronica erano le materie con il minor numero di sufficienti)...
No, io credo che se dei cambiamenti ci devono essere bisogna farli nella classe docente.
Poi non so, io ho parlato sempre della situazione nell'istituto da cui sono uscito, magari è solo l'ITIS di Crema ad essere una gabbia di matti...
fatto sta che un po' per colpa mia, un po' per colpa dei professori la voglia di farmi il culo sui libri mi è completamente passata.

Discorso bulli: sono pienamente d'accordo sull'inasprimento dei provvedimenti. Certo dipende sempre da quello che combinano... se scassano una porta 3 giorni di sospensione, multa e vaffanculo. Se allagano la scuola sospensione per mezzo anno e bocciatura.

#14 Guest_persephone_*

Guest_persephone_*
  • Guests

Inviato 16 ottobre 2007 - 13:43

Discorso bulli: sono pienamente d'accordo sull'inasprimento dei provvedimenti. Certo dipende sempre da quello che combinano... se scassano una porta 3 giorni di sospensione, multa e vaffanculo. Se allagano la scuola sospensione per mezzo anno e bocciatura.


Io sono per il fargli fare un lavoro socialmente utile ^^

#15 Guest_JackNapier_*

Guest_JackNapier_*
  • Guests

Inviato 16 ottobre 2007 - 15:31


Discorso bulli: sono pienamente d'accordo sull'inasprimento dei provvedimenti. Certo dipende sempre da quello che combinano... se scassano una porta 3 giorni di sospensione, multa e vaffanculo. Se allagano la scuola sospensione per mezzo anno e bocciatura.


Io sono per il fargli fare un lavoro socialmente utile ^^

durante il periodo di sospensione... sono d'accordo.

#16 ur79

ur79

    Complottista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1340 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2007 - 19:50

io farei una festa per il ritorno degli esami a settembre.
la storia dei recuperi a settembre era vergognosa. gente che superava l'anno con due 4 e tre 5, arrivava in quinta tranquillamente

Figurate, c'è chi ha passato l'anno con debito in TUTTE le sante materie, tutti 6 sottolineati in rosso... ;)
Quoto soul rew sulla questione grammatica-tabelline.
  • 0
Minden út Rómába vezet

#17 malluto

malluto

    Updated user

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 344 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 07:40

anche io sono d'accordo... il mio amico ha sempre avuto quattro debiti ogni anno, mai recuperati e alla maturità (c'era ancora la commissione interna), ammesso con tre debiti,  ha preso 80!!!!!!!!! inoltre in classe mia ci sono stati sette 100/100!!! questa scuola non andava è giusto avere regole più severe....



Discorso bulli: sono pienamente d'accordo sull'inasprimento dei provvedimenti. Certo dipende sempre da quello che combinano... se scassano una porta 3 giorni di sospensione, multa e vaffanculo. Se allagano la scuola sospensione per mezzo anno e bocciatura.



Io sono per il fargli fare un lavoro socialmente utile ^^

durante il periodo di sospensione... sono d'accordo.


la sospensione dovrebbe compromettere l'anno scolastico altrimenti verrebbe presa come una vacanza....
  • 0
Alles hat ein Ende, nur die Wurst hat zwei!

#18 {`tmtd`}

{`tmtd`}

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6735 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 19 ottobre 2007 - 07:53


io farei una festa per il ritorno degli esami a settembre.
la storia dei recuperi a settembre era vergognosa. gente che superava l'anno con due 4 e tre 5, arrivava in quinta tranquillamente

Figurate, c'è chi ha passato l'anno con debito in TUTTE le sante materie, tutti 6 sottolineati in rosso... ;)
Quoto soul rew sulla questione grammatica-tabelline.


eh, ancora peggio.. per una volta ci troviamo d'accordo..  ;D
  • 0

#19 xtal

xtal

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1202 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 17:52

Io mi sto riscoprendo sempre più a mettere in discussione il principio dell'obbligo scolastico. Toglierei il limite di età e garantirei i 10 anni di istruzione obbligatoria e gratuita quanda capperi uno vuole. Cioè a scuola fino alle medie. I cinque anni di superiori se vuoi li fai subito, se non vuoi lo stato ti garantisce l'aspettativa dal lavoro anche a 60 anni e li fai quando realmente ne hai voglia.


Per come è organizzato il sistema scolastico italiano, penso che sia il limite a 16 anni sia dannoso per alunni e insegnanti, perché chi non vuole studiare è costretto a farsi almeno due anni che poi, da soli, non valgono una beata mazza e nel contempo rallenta il resto della classe.

io farei una festa per il ritorno degli esami a settembre.
la storia dei recuperi a settembre era vergognosa. gente che superava l'anno con due 4 e tre 5, arrivava in quinta tranquillamente, e magari prendeva un buon voto perchè era riuscito a copiare. e non parlo per sentito dire, ma perchè quando ho fatto le superiori, la situazione era così.


Ecco, sottoscrivo in pieno, io la settimana scorsa in piazza non c'ero.

sono assolutamente sconcertato dai video che girano in internet; com'è possibile che in classe si possano permettere certe azioni? senza parole. devo essere sincero: se io fossi un professore mi comprometterei, perchè questi individui andrebbero presi a calci per il ehm.. sedere.


Ora non esageriamo, la situazione che descrivi tu e joseph k è largamente minoritaria: non vorrai mica credere che tutti i miei coetanei stanno a prendere per il culo gli insegnanti ogni santo giorno!

Mi trovo persino a disagio nel notare come a tanti tra i miei coetanei manchino le più basilari capacità logiche e di analisi. La filosofia viene esposta per definizioni mandate giù a memoria senza alcuna consapevolezza della ricaduta che una certa affermazione può avere sulla stori del pensiero umano; la letteratura analizzata con schemi precofenzionati e senza alcun apporto personale; le materie scientifiche bollate come inutili. In generale c'è un atteggiamento che è quello del raggiungere la sufficienza e passare l'anno, fregandosone di quello che resta a se stessi, del proprio crescere come persone.


Sì ma questo è un discorso diverso. Perché un ragazzo di 16 anni dovrebbe concentrare i propri sforzi a sviluppare un pensiero personale su letteratura, filosofia e sim. invece che a scopare il più possibile? (fermo restando che si può fare entrambe le cose senza problemi asd)

Faccio ancora un esempio preso dalla mia esperienza recente: la professoressa di latino ha assegnato il proemio del De rerum natura da imparare a memoria in metrica. Alla classe non pareva vero che fosse richiesto uno sforzo di tale portata: si è rifiutata categoricamente fino a costringere la professoressa a cambiare idea. Rendetevi conto.


OT: che utilità ha imparare un testo poetico a memoria? Io non l'ho mai capito, i tuoi compagni avevano ragione mi sa.

Figurate, c'è chi ha passato l'anno con debito in TUTTE le sante materie, tutti 6 sottolineati in rosso... ;)

Questo mi sembra praticamente impossibile, in genere il numero massimo di debiti si aggira sui 3-4. Appena trovo una normativa nazionale te la posto.
Mi sembra più plausibile che ad un alunno, che non abbia raggiunto la sufficienza nella maggior parte delle materie durante l'anno, alcune di esse vengano "regalate", facendo figurare solo 3 debiti.
  • 0

#20 xtal

xtal

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1202 Messaggi:

Inviato 19 ottobre 2007 - 18:19

Eccola:

Ordinanza Ministeriale 14 maggio 1999, n. 128

Prot. n. 6582

Norme per lo svolgimento degli scrutini ed esami nelle scuole statali e non statali di istruzione elementare, media e secondaria superiore - Anno scolastico 1998/99



IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Visto il decreto legislativo luogotenenziale 5.5.1918, n. 1852, contenente disposizioni sugli istituti di istruzione artistica;

Visto il R.D. 4.5.1925, n. 653, contenente disposizioni sugli alunni, esami e tasse negli istituti medi di istruzione;

Visto il R.D. 26.4.1928, n. 1297, ed in particolare l'art.137;


e un'altra decina di visti asd

ORDINA

TITOLO I
SCUOLA DELL'OBBLIGO

Art. 1
Scrutini ed esami nella scuola dell'obbligo

1. Sono confermate le disposizioni di cui al testo coordinato dell'ordinanza ministeriale n.65 del 20 febbraio 1998 concernenti gli scrutini e gli esami nella scuola elementare, nella scuola media e nelle scuole medie annesse ai Conservatori di musica e agli istituti d'arte.

TITOLO II
ISTITUTI D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Art.2
Scrutini finali

1. Gli scrutini finali negli istituti di istruzione secondaria superiore hanno luogo e sono pubblicati entro i termini stabiliti dall'ordinanza ministeriale riguardante il calendario scolastico.

2. Il collegio dei docenti determina i criteri da seguire per lo svolgimento degli scrutini al fine di assicurare omogeneità nelle decisioni di competenza dei singoli consigli di classe.

3. Per la formulazione dei giudizi e l'assegnazione dei voti di profitto e di condotta, si richiamano i criteri di cui alle norme dell'art.78 e dell'art.79 del R.D. 4.5.1925, n. 653, sostituito dall'art.2 del R.D. 21.11.1929, n. 2049, nonché, per la parte relativa all'incidenza del voto di condotta, le norme di cui al D.P.R.n.249/1998, citato nel preambolo.

4. Nei confronti degli alunni che presentino un'insufficienza non grave in una o più discipline, comunque non tale da determinare una carenza nella preparazione complessiva, il consiglio di classe, prima dell'approvazione dei voti, sulla base di parametri valutativi stabiliti preventivamente, procede ad una valutazione che tenga conto:

a - della possibilità dell'alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline interessate, nell'anno scolastico successivo. A tal fine saranno effettuati appositi accertamenti da parte del docente della o delle discipline sul superamento delle carenze formative riscontrate (debito formativo);

b - della possibilità di seguire proficuamente il programma di studi di detto anno scolastico. In particolare tali alunni sono valutati sulla base delle attitudini ad organizzare il proprio studio in maniera autonoma ma coerente con le linee di programmazione indicate dai docenti. Nel caso di promozione così deliberata, il preside comunica, per iscritto, alla famiglia le motivazioni delle decisioni assunte dal Consiglio di classe.

Nel prospetto degli scrutini affisso all'albo vengono altresì evidenziate la disciplina o le discipline in cui l'alunno non ha raggiunto totalmente la sufficienza e va precisato, altresì, che la promozione è stata conseguita ai sensi del presente comma.


5. Le istituzioni scolastiche in sede di programmazione delle attività didattico-educative definiscono ed adottano criteri e modalità degli interventi da realizzare nel corso dell'anno scolastico successivo, nel quadro di un'offerta formativa qualificata e diversificata volta in particolare a colmare situazioni di carenze, secondo un piano di fattibilità approvato annualmente dal Consiglio di Istituto.

6. La frequenza assidua e la partecipazione attiva alla vita della scuola sono elementi positivi che concorrono alla valutazione favorevole del profitto dell'alunno in sede di scrutinio finale. Pertanto, il numero delle assenze, pur non essendo di per sé preclusivo della valutazione del profitto stesso in sede di scrutinio finale, incide negativamente sul giudizio complessivo, a meno che, da un congruo numero di interrogazioni e di esercitazioni scritte, grafiche o pratiche, svolte a casa o a scuola, corrette e classificate nel corso dell'intero anno scolastico, non si possa accertare il raggiungimento degli obiettivi propri di ciascuna disciplina.

7. L'attività svolta dagli alunni presso aziende, qualora presenti caratteristiche tali da poter configurarsi come attività didattica sulla base di accordi nazionali o locali, è oggetto di valutazione. Parimenti sono oggetto di valutazione le attività di stages in aziende e di formazione effettuate durante l'anno scolastico, anche in attuazione di appositi progetti autorizzati.

8. Ai sensi della legge 8 agosto 1995,n.352, gli studenti che, al termine delle lezioni, a giudizio del consiglio di classe, non possono essere valutati per malattia o trasferimento della famiglia, sono ammessi a sostenere, prima dell'inizio delle lezioni dell'anno scolastico successivo, prove suppletive, che si concludono con un giudizio di ammissione o non ammissione alla classe successiva.



Quindi di fatto non c'è un limite fisso di debiti, esso viene deciso autonomamente da ogni scuola nel POF. Comunque applicando l'ordinanza di cui sopra è impossibile promuovere un alunno con la totalità di debiti, come sarebbe impossibile pretendere da un alunno di "raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline interessate, nell'anno scolastico successivo" e "seguire proficuamente il programma di studi di detto anno scolastico" con un'insufficienza in ogni materia.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq