Vai al contenuto


Foto
* * - - - 6 Voti

'murica


  • Please log in to reply
1544 replies to this topic

#21 juL fu Sig.M.

juL fu Sig.M.

    Utente paraolimpionico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8878 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2007 - 11:00


nell'esperimento di milgram chi si beccava la scarica elettrica faceva parte della recita, e può darsi che sia andata così anche questa volt(a)... per chi fosse curioso, il giovanotto ha un suo sito web, e sembra che sia un gran burlone.


che cosa? potrebbe essere una baggianata?
rimane comunque evidente il fatto che il pubblico non abbia detto neanche "bah". proprio come nell'esperimento di milgram. branco di automi :-\


ma quale baggianata?

finiamola con queste stronzate. Anche se fosse stata una provocazione non esiste una reazione del genere.
  • 0

#22 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 20 settembre 2007 - 11:18

se il tipo è noto come giullare, la reazione degli astanti è più comprensibile.

quella dei poliziotti e di kerry invece potrebbe essere pre-sceneggiata.

#23 Brucaliffa

Brucaliffa

    mainstream Star

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2602 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2007 - 11:19

Non intendevo suscitare questo genere di reazioni, ovviamente, anche perché se gli americani sono un branco di automi, chissà cosa ci sarebbe da pensare del vecchio continente che ha ospitato il nazismo.
  • 0
Better Call Saul!

#24 vuvu

vuvu

    الرجل المكرسة لقضية المرأة ويقع في

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15556 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2007 - 11:37

Non intendevo suscitare questo genere di reazioni, ovviamente, anche perché se gli americani sono un branco di automi, chissà cosa ci sarebbe da pensare del vecchio continente che ha ospitato il nazismo.


Infatti, tra l'altro noi europei non siamo meno indifferenti a certe situazioni. Bastano gli svariati atti omertosi a evidenziare tale tendenza.


Prima di attraversare l'atlantico, comunque pietoso per certe indifferenze, fermiamoci anche nei nostri dintorni please..vi ricordate questo?:

http://www.corriere....7/bologna.shtml




  • 0

"L'intensità del rumore provoca ostilità, sfinimento, narcisismo, panico e una strana narcosi." (Adam Knieste, cit.)

 

"Deve rimanere solo l'amore per l'arte, questo aprire le gambe e farsi immergere dal soffio celeste dello Spirito." (Simon, cit.)

 

La vita è bella solo a Ibiza (quando non c'è nessuno).


#25 iancurtis80

iancurtis80

    mainstream Star

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2104 Messaggi:
  • LocationPratola Peligna (AQ)

Inviato 20 settembre 2007 - 12:08

nell'esperimento di milgram chi si beccava la scarica elettrica faceva parte della recita, e può darsi che sia andata così anche questa volt(a)... per chi fosse curioso, il giovanotto ha un suo sito web, e sembra che sia un gran burlone.


A me il dubbio era venuto. Dagli americani ci si aspetta questo e altro.
  • 0

#26 khachacha

khachacha

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 6 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2007 - 13:11

OT riguardo la bolognese stuprata.

gli stupri a bologna mi danno i brividi. conosco un ragazzo imputato (a mio avviso ingiustamente) di stupro a bologna, il capro espiatorio per tutti i maniaci che non sono stati acciuffati. :'(

fine OT.

sono andata sul sito del tipo e non smi sembra che quello che sia successo sia stato architettato dal ragazzo. temo che sia stato tutto vero, lo scherzo stavolta l'hanno fatto a lui
  • 0

#27 juL fu Sig.M.

juL fu Sig.M.

    Utente paraolimpionico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8878 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2007 - 17:06

Non intendevo suscitare questo genere di reazioni, ovviamente, anche perché se gli americani sono un branco di automi, chissà cosa ci sarebbe da pensare del vecchio continente che ha ospitato il nazismo.


Vogliamo parlare anche della Chiesa cattolica che è in assoluto la religione col più grande numero di morti sulla coscienza?

Eddai, il passato è passato.
  • 0

#28 Pier

Pier

    Roadie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 573 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2007 - 17:52

Per cultura personale mi riesce difficile tagliare con l'accetta opinioni e pensieri su qualsivoglia tema. Il rischio è quello di non avere mai una posizione netta, e ammetto che il rischio ha volte è realtà. Altre no. Rimane per me difficile capire il dividere il mondo tra pro-America e anti-America. Anche perchè riesco con difficoltà a comprendere cosa ciascuno legge dietro la parola America. Se pensiamo a Bush Sr e al petrolio texano, a Bush Jr e ai sauditi, alla pena di morte, alle armi nei college, alla guerra preventiva, a Guantanamo, alle lobbies, difficilmente mi ci rivedrei tra i sostenitore dell' America. Tuttavia e fortunatamente l' America è anche questo, ma non solo questo. La stessa Altra America si è movimentata, coordinandosi per far sentire la propria voce, coinvolgendo Hollywood e lo star system più out (ammesso che George Clooney sia out). Non dimentichiamoci, e cito la cosa più forte nata negli USA negli ultimi 10 anni, il movimento No-Global e tutto quello che ci ruota intorno.
E alla fine rimaniamo con un pugno di mosche in mano rispetto ai propositi di divisione manichea tra buoni e cattivi, perchè la raltà è sempre più complessa e difficilmente catalogabile come volevano i filosofi tedeschi. E' tutto molto più sfumato.
L'America è incivile tanto e quanto l'Europa. E ne è civile altrettanto. Paga, va detto, lo scotto di essere la più grande potenza del mondo.
Poi anche i miei sono pensieri, va da sè, e quindi opinabili fin dalla prima riga.

  • 0

#29 Guest_Maori Tattoo_*

Guest_Maori Tattoo_*
  • Guests

Inviato 20 settembre 2007 - 19:50

Noto no n e` visto che sulla CNN c`e` stato per 3 giorni il titolone `STUDENTE ARRESTATO`

#30 Brucaliffa

Brucaliffa

    mainstream Star

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2602 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2007 - 00:51

Per cultura personale mi riesce difficile tagliare con l'accetta opinioni e pensieri su qualsivoglia tema. Il rischio è quello di non avere mai una posizione netta, e ammetto che il rischio ha volte è realtà. Altre no. Rimane per me difficile capire il dividere il mondo tra pro-America e anti-America. Anche perchè riesco con difficoltà a comprendere cosa ciascuno legge dietro la parola America. Se pensiamo a Bush Sr e al petrolio texano, a Bush Jr e ai sauditi, alla pena di morte, alle armi nei college, alla guerra preventiva, a Guantanamo, alle lobbies, difficilmente mi ci rivedrei tra i sostenitore dell' America. Tuttavia e fortunatamente l' America è anche questo, ma non solo questo. La stessa Altra America si è movimentata, coordinandosi per far sentire la propria voce, coinvolgendo Hollywood e lo star system più out (ammesso che George Clooney sia out). Non dimentichiamoci, e cito la cosa più forte nata negli USA negli ultimi 10 anni, il movimento No-Global e tutto quello che ci ruota intorno.
E alla fine rimaniamo con un pugno di mosche in mano rispetto ai propositi di divisione manichea tra buoni e cattivi, perchè la raltà è sempre più complessa e difficilmente catalogabile come volevano i filosofi tedeschi. E' tutto molto più sfumato.
L'America è incivile tanto e quanto l'Europa. E ne è civile altrettanto. Paga, va detto, lo scotto di essere la più grande potenza del mondo.
Poi anche i miei sono pensieri, va da sè, e quindi opinabili fin dalla prima riga.


Io non riesco a prendere sul serio questa storia dell'anti-americanismo, c'è molta gente che magari si sente anti-americana, e altra che vede anti-americanismo ovunque. Senza dubbio tutti, o moltissimi, leggono e ascoltano cosa succede negli Stati Uniti e soprattutto che cosa fanno gli Stati Uniti nel mondo. E' un interesse naturale, superficiale o meno che sia, perché gli USA sono una grande potenza e sono molto attivi politicamente e militarmente nel mondo. E se questo non bastasse, in Italia sono entrati con onore nella nostra storia e nella nostra cultura. In più ci sono altre mille ragioni per interessarsi agli USA, io li considero un modello molto importante, né positivo né negativo di per sé.
Il sogno americano è un sogno bellissimo, condivido in pieno un sogno di questo tipo:

"The American Dream is that dream of a land in which life should be better and richer and fuller for everyone, with opportunity for each according to ability or achievement. It is a difficult dream for the European upper classes to interpret adequately, and too many of us ourselves have grown weary and mistrustful of it. It is not a dream of motor cars and high wages merely, but a dream of social order in which each man and each woman shall be able to attain to the fullest stature of which they are innately capable, and be recognized by others for what they are, regardless of the fortuitous circumstances of birth or position."

Poi essendo un sogno ognuno lo interpreta a modo suo, a me non piace il conservatorimo antistatalista fondato sull'individualismo sfrenato (che però non è certo l'unico volto degli USA), contrasta con altri valori in cui credo e lo trovo pericoloso, credo che sia troppo duro e che possa portare alla sistematica lesione dei diritti civili, anche perché ricordiamoci che nella Dichiarazione di Indipendenza si parla di diritti delle persone, ma che non tutti erano considerate persone allora, il valore della vita dei neri, essendo la schiavitù istituzionalizzata, era stimato pari ai 3/5 di quello di una "persona". E negli Stati Uniti c'è ancora molta tensione razziale, il riconoscimento formale dei diritti civili è stato un punto di partenza, non un punto di arrivo, per fare un esempio concreto invece di tirare fuori cifre sulla povertà, le assicurazioni, ecc, pochi giorni fa è uscito un articolo così, certe cose succedono ancora.
E' anche vero però che negli USA la libertà è un valore davvero vissuto, nel bene e nel male, e io sono anche affascinata da tutto questo, perché mi sembrano così importanti e così vicini, ma anche tanto diversi da sembrarmi esotici. E provo sentimenti ambivalenti, da un lato ovviamente godo se penso a come si è ridotto Bush, coi suoi fallimenti e la popolarità che scende proprio a causa dei pilastri su cui ha basato tutta la sua politica, 11 settembre, guerra preventiva, terrorismo con relativo stato di emergenza (che le libertà le ha anche ristrette), politicamente mi ha sempre fatto vomitare l'ho sempre detto e ora godo, finché ha potuto ha fatto leva sul panico, ma a conti fatti la sua guerra è un disastro e la sua strategia non ha pagato (so che ha chi pensa al posto suo, come il buon vecchio Karl Rove che ha dato le dimissioni, ma dico Bush per essere più breve), ma allo stesso tempo con gli USA mi succede anche di emozionarmi davanti a una riflessione come quella di Ernesto Galli Della Loggia nel suo Calendario:

"C??è qualcosa di assolutamente inconsueto, per noi europei, nella deposizione del generale Petraeus l??altro giorno davanti a una commissione del Congresso degli Stati Uniti: non per il contenuto, ma per il fatto in sé. Per il fatto che oggi, in un Occidente ideologicamente saturo di pace, di democrazia e di diritti, un??intera nazione si è fermata ad ascoltare il capo dei suoi eserciti impegnati in terre lontane che le parlava del suo destino. Più o meno come un tempo, con i consoli convocati dal Senato a riferire sull??uso delle legioni loro affidate in Bitinia o in Grecia, o quando un intero mondo sentiva il proprio futuro dipendere da una spedizione in Sicilia o in Egitto. L??America non ha cancellato il potere delle armi. Sa ancora cosa sono la guerra, il coraggio, la morte, e cos??è un capo militare. Conosce ancora, dunque, la pienezza dell??esperienza politica con il trionfo e la sconfitta veri, definitivi, che solo le armi possono decretare. Noi no. Noi dobbiamo accontentarci del sentito dire."

Insomma, tutto questo per dire che secondo me è impossibile essere anti o pro gli Stati Uniti ed è stupido ragionare in questi termini, anche chi dice di essere anti e chi accusa gli altri di esserlo in realtà sta consapevolmente esasperando il dibattito su una cosa che interessa e accende più o meno tutti. Io personalmente quando esprimo un'opinione negativa su qualcosa che li riguarda non lo faccio certo per offenderli.
A parte tutto questo, non sono mai stata accusata di essere "anti-cinese" o "anti-russa" in vita mia, invece mi capita di criticare anche la Cina e la Russia, e sarebbe anche un'accusa molto più sensata visto che a loro mi sento meno vicina, soprattutto alla Cina. Il problema secondo me è più di chi accusa gli altri di antiamericanismo.

  • 0
Better Call Saul!

#31 Guest_Maori Tattoo_*

Guest_Maori Tattoo_*
  • Guests

Inviato 21 settembre 2007 - 01:52

Brucaliffa hai fatto un bellissimo intervento.


Galli Della Loggia mi fece ridere.




#32 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 21 settembre 2007 - 08:24

ma allo stesso tempo con gli USA mi succede anche di emozionarmi davanti a una riflessione come quella di Ernesto Galli Della Loggia


achtung: è propaganda bellica mascherata, non farti ipnotizzare!

#33 Brucaliffa

Brucaliffa

    mainstream Star

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2602 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2007 - 09:12

No io non penso che sia propaganda, o anche se lo fosse nelle intenzioni esprime comunque pensieri che condivido.
Grazie Orfy.
  • 0
Better Call Saul!

#34 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 21 settembre 2007 - 09:19

mi dispiace che tu non ti renda conto delle implicazioni di questo modo di ragionare.

p.s. orfy sarebbe favorevole a un attacco contro l'iran.

#35 Brucaliffa

Brucaliffa

    mainstream Star

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2602 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2007 - 09:25

mi dispiace che tu non ti renda conto delle implicazioni di questo modo di ragionare.



Non ti sembra di essere un filino presuntuoso? O_O Dimmi almeno di cosa non mi renderei conto. 
  • 0
Better Call Saul!

#36 juL fu Sig.M.

juL fu Sig.M.

    Utente paraolimpionico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8878 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2007 - 09:26

Galli della Loggia ha rotto il cazzo e non ha mai vissuto in america.

Sartori certe cose non le dice e non le direbbe, un conto è la nostra mancanza di patriottismo (vergognosa) che ora tra l'altro andrebbe allargata al discorso europeo....un'altra è vederci come sfigati perchè non andiamo alla guerra compatti col comandante in capo.

Che ci vada Galli della Loggia col mitra, lui e suo figlio, e non venga a rompere i coglioni a noi.
L'europa la guerra come risoluzione delle controversie internazioni l'ha assaggiata fin troppo, noi abbiamo già dato.

E, lo dico francamente, io NON MI SENTO IN ALCUN MODO MINACCIATO DALL'IRAN.
Mentre sono altresì terrorizzato da cosa possa succedere se questa cose della guerra prende largo.
  • 0

#37 Pierrot le fou

Pierrot le fou

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 645 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2007 - 09:27

ma allo stesso tempo con gli USA mi succede anche di emozionarmi davanti a una riflessione come quella di Ernesto Galli Della Loggia nel suo Calendario:


Ammazza, a me ha fatto accapponare la pelle invece!
  • 0

#38 Brucaliffa

Brucaliffa

    mainstream Star

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2602 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2007 - 09:43

Ma anch'io sono contraria alla guerra all'Iran così come sono sempre stata contraria a quella in Iraq, e non penso che gli americani siano dei santi, però penso che davvero conoscano i valori del coraggio, della vittoria e della sconfitta, sono valori che nel bene e nel male riconosco agli americani e li rispetto molto. L'ho detto subito che il mio era un sentimento ambivalente.
E secondo me Ernesto Galli Della Loggia è una grande penna, anche quando dice cose che non condivido. Fa riflettere, è una grande testa ed è stimolante confrontarsi con le sue opinioni.
  • 0
Better Call Saul!

#39 Guest_runciter_*

Guest_runciter_*
  • Guests

Inviato 21 settembre 2007 - 09:54

se non avessero quei valori, sarebbe più difficile mandarli ad ammazzare gente in posti lontani.

e tieni presente che qui si tratta della realtà, non di un romanzo o di un film, quindi della loggia saprà pure scrivere, ma fa uso della sua retorica per creare il consenso a una guerra (e alla guerra in sé): la sua abilità nel toccare le corde dell'emotività è un'aggravante, non un merito.

per me è uno dei peggiori, non a caso editorialeggia sul corriere.

#40 Brucaliffa

Brucaliffa

    mainstream Star

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2602 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2007 - 10:02

se non avessero quei valori, sarebbe più difficile mandarli ad ammazzare gente in posti lontani.


Infatti mi sento male quando penso ai ragazzi reclutati per le strade e buttati nel tritacarne della guerra, ma credo che il male sia quello perpetrato dalle autorità che consapevolmente sfruttano questi valori sacrificando vite umane, i valori in sé sono nobili.


  • 0
Better Call Saul!




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq