Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Monografia] Pino Daniele


  • Please log in to reply
218 replies to this topic

#41 AlfredinoDalFondoDelPozzo

AlfredinoDalFondoDelPozzo

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84752 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 11:54

Io faccio questo ragionamento:

Purtroppo, vale per Daniele quello che vale per molti altri: prima ha sfornato qualche (semi) capolavoro, poi ha inanellato una serie di immondizia musicale paragonabile solo a quella che ha invaso Napoli nei mesi scorsi. Pino Daniele si è rivelato solo un tamarro come tanti (anzi peggio di altri suoi colleghi): dobbiamo pensare che ad un certo punto della sua vita è impazzito? O piuttosto è vero che la sua personalità (e la sua sensibilità) è stata sempre questa, sin dagli esordi? Dato che la seconda ipotesi mi sembra la più probabile, allora io sostengo: ogni suo lavoro, anche precedente, dovrebbe essere giudicato (e dunque ridimensionato) anche alle luce dei lavori successivi. Mi sembra assurdo che qualcuno prima scriva dei capolavori, e poi dell'immondizia. Se scrive dei capolavori, allora è un vero artista. Ma se è un vero artista, non si riduce così... Se si riduce così, allora rivela di non aver mai avuto nessuna autentica vena artistica. Lo stesso ovviamente vale per Vasco e tanti altri.

sai vero che questo tanti altri comprende anche i Rolling Stones, i Pink Floyd e altri fantastici gruppi minori?

sei andato a lavorare o stai ancora viaggiando col cervello in un tuo personale mondo di minchiate?


Io faccio questo ragionamento:

asd asd asd asd asd
  • 0
I tried to tell her about Marx and Engels
God and Angels, I don't really know what for
But she looked good in ribbons

#42 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12619 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:00

Io faccio questo ragionamento:

Purtroppo, vale per Daniele quello che vale per molti altri: prima ha sfornato qualche (presunto) capolavoro, poi ha inanellato una serie di immondizia musicale paragonabile solo a quella che ha invaso Napoli nei mesi scorsi. Pino Daniele si è rivelato solo un tamarro come tanti (anzi peggio di altri suoi colleghi): dobbiamo pensare che ad un certo punto della sua vita è impazzito? O piuttosto è vero che la sua personalità (e la sua sensibilità) è stata sempre questa, sin dagli esordi? Dato che la seconda ipotesi mi sembra la più probabile, allora io sostengo: ogni suo lavoro, anche precedente, dovrebbe essere giudicato (e dunque ridimensionato) anche alle luce dei lavori successivi. Mi sembra assurdo che qualcuno prima scriva dei capolavori, e poi dell'immondizia. Se scrive dei capolavori, allora è un vero artista. Ma se è un vero artista, non si riduce così... Se si riduce così, allora rivela di non aver mai avuto nessuna autentica vena artistica. Lo stesso ovviamente vale per Vasco e tanti altri.


Joey, io ti stimo e ti rispetto (non dico tanto per), ma questa è una cazzata sesquipedale eh
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#43 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:09


Io faccio questo ragionamento:

Purtroppo, vale per Daniele quello che vale per molti altri: prima ha sfornato qualche (semi) capolavoro, poi ha inanellato una serie di immondizia musicale paragonabile solo a quella che ha invaso Napoli nei mesi scorsi. Pino Daniele si è rivelato solo un tamarro come tanti (anzi peggio di altri suoi colleghi): dobbiamo pensare che ad un certo punto della sua vita è impazzito? O piuttosto è vero che la sua personalità (e la sua sensibilità) è stata sempre questa, sin dagli esordi? Dato che la seconda ipotesi mi sembra la più probabile, allora io sostengo: ogni suo lavoro, anche precedente, dovrebbe essere giudicato (e dunque ridimensionato) anche alle luce dei lavori successivi. Mi sembra assurdo che qualcuno prima scriva dei capolavori, e poi dell'immondizia. Se scrive dei capolavori, allora è un vero artista. Ma se è un vero artista, non si riduce così... Se si riduce così, allora rivela di non aver mai avuto nessuna autentica vena artistica. Lo stesso ovviamente vale per Vasco e tanti altri.


sai vero che questo tanti altri comprende anche i Rolling Stones, i Pink Floyd e altri fantastici gruppi minori?


1) In primo luogo, Rolling Stones e Pink Floyd sono a mio avviso due gruppi alquanto sopravvalutati. I Rolling Stones erano degli eccezionali performers, ma non applicherei loro la categoria di "artista". Anche in loro l'istinto tamarro era in agguato. 
2) In secondo luogo, in una rock-band c'è un lavoro di equipe quindi le responsabilità individuali sono minori. Intendo dire che non è musica cantautoriale come nel caso di Pino Daniele (il metro di paragone sarebbe semmai un David Bowie).  
3) In terzo luogo, nessuno di questi due gruppi è sceso così in basso come il soggetto in questione in questo thread. Nemmeno lontanamente, a mio avviso.

sei andato a lavorare o stai ancora viaggiando col cervello in un mondo di minchiate?

E tu non sei ancora andato a quel paese? Se vuoi ti ci mando io...

Joey, io ti stimo e ti rispetto (non dico tanto per), ma questa è una cazzata sesquipedale eh

Può darsi. Ma argomenta.
  • 0

#44 aries

aries

    Watcher of the skies.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4415 Messaggi:
  • LocationInland Empire

Inviato 31 agosto 2008 - 12:11

Se c'è aperto un thread su Pino Daniele comincio a capire il senso del thread su Scatman... quello su Apicella dov'è?
  • 1
Electro alt-kraut ambient dreamy wave post worldgazer.
Immagine inserita

Questo sopra è un fumetto che ho appena pubblicato. Più info qui.
Qui c'è il mio Rym. Il sito coi miei lavori è invece qui.

#45 AlfredinoDalFondoDelPozzo

AlfredinoDalFondoDelPozzo

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84752 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:14

...un mucchio di cagate come sempre...

Joey non ti faccio l'esempio dei tuoi (e miei) amati Clash perchè diresti che il guppo era al 50% della formazione originale (tra l'altro a me Cut the Crap piaciucchia) ma metti che Brian Wilson, invece di fare un altro disco bello, avesse tirato fuori nel 2008 una (o più) minchiata al livello di quelle di Pino Terrone Daniele (dischi che non conosco ma mi fido), ecco, cosa penseresti di lui?

cosa pensi degli Who allora?


   
3) In terzo luogo, nessuno di questi due gruppi è sceso così in basso come il soggetto in questione in questo thread. Nemmeno lontanamente, a mio avviso.


il tuo ragionamento dovrebbe valere comunque


I Rolling Stones erano degli eccezionali performers, ma non applicherei loro la categoria di "artista". Anche in loro l'istinto tamarro era in agguato.

altro che in agguato, erano tamarrissimi ma un artista non può essere tamarro?
  • 0
I tried to tell her about Marx and Engels
God and Angels, I don't really know what for
But she looked good in ribbons

#46 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:25

...un mucchio di cagate come sempre...

...a cui tu non sai nemmeno cosa rispondere, come vedo. Quindi reagisci con la tua solita maleducazione. 

Joey non ti faccio l'esempio dei tuoi (e miei) amati Clash perchè diresti che il guppo era al 50% della formazione originale (tra l'altro a me Cut the Crap piaciucchia)


Fammelo invece, l'esempio. Come sai, considero Mick Jones la maggiore anima (musicale) dei Clash. E si spiega perchè "Cut The Crap" è nettamente inferiore agli altri. Ma, nonostante tutto, è ben lungi dall'essere immondizia.


altro che in agguato, erano tamarrissimi ma un artista non può essere tamarro?

Forse, nel caso degli Stones, sì. Ed è per questo che, nonostante tutto, restano dei grandi. Sono tra i pochi che hanno saputo trasformare quel "tamarro" in arte. Senza che però nessuno di loro avesse (a mio avviso) una spiccata sensibiltà artistica.

ma metti che Brian Wilson, invece di fare un altro disco bello, avesse tirato fuori nel 2008 una (o più) minchiata al livello di quelle di Pino Terrone Daniele (dischi che non conosco ma mi fido), ecco, cosa penseresti di lui?

Non mi sembra un esempio valido, dato che così non è. Certo, Brian Wilson ha scritto alcune cose non sempre all'altezza del suo passato, ma si tratta sempre di lavori con una loro rispettabilità e una loro coerenza all'interno della sua carriera. Ogni artista (compreso Mozart) ha realizzato alcuni lavori migliori e altri meno, fin qui ci può stare. Ma non si è mai sentito che un artista, ad un certo punto della carriera, ha cominciato a realizzare immondizia.
  • 0

#47 AlfredinoDalFondoDelPozzo

AlfredinoDalFondoDelPozzo

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84752 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:29


...un mucchio di cagate come sempre...

...a cui tu non sai nemmeno cosa rispondere, come vedo. Quindi reagisci con la tua solita maleducazione. 

Joey non ti faccio l'esempio dei tuoi (e miei) amati Clash perchè diresti che il guppo era al 50% della formazione originale (tra l'altro a me Cut the Crap piaciucchia)


Fammelo invece, l'esempio. Come sai, considero Mick Jones la maggiore anima (musicale) dei Clash. E si spiega perchè "Cut The Crap" è nettamente inferiore agli altri. Ma, nonostante tutto, è ben lungi dall'essere immondizia.


altro che in agguato, erano tamarrissimi ma un artista non può essere tamarro?

Forse, nel caso degli Stones, sì. Ed è per questo che, nonostante tutto, restano dei grandi. Sono tra i pochi che hanno saputo trasformare quel "tamarro" in arte. Senza che però nessuno di loro avesse (a mio avviso) una spiccata sensibiltà artistica.

ma metti che Brian Wilson, invece di fare un altro disco bello, avesse tirato fuori nel 2008 una (o più) minchiata al livello di quelle di Pino Terrone Daniele (dischi che non conosco ma mi fido), ecco, cosa penseresti di lui?

Non mi sembra un esempio valido, dato che così non è. Certo, Brian Wilson ha scritto alcune cose non sempre all'altezza del suo passato, ma si tratta sempre di lavori con una loro rispettabilità e una loro coerenza all'interno della sua carriera. Ogni artista (compreso Mozart) ha realizzato alcuni lavori migliori e altri meno, fin qui ci può stare. Ma non si è mai sentito che un artista, ad un certo punto della carriera, ha cominciato a realizzare immondizia.


ti ho detti metti che, ipotizza insomma

prova a farlo e dimmi cosa penseresti di lui
  • 0
I tried to tell her about Marx and Engels
God and Angels, I don't really know what for
But she looked good in ribbons

#48 Panfilo Maria Lippi

Panfilo Maria Lippi

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3099 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:29

Io faccio questo ragionamento:
...


Ma, poniamo il caso (restando nell'esempio di PD e ragionando per assurdo) che dopo "Vai mò" fosse improvvisamente morto... in tal caso i dischi fino ad allora usciti sarebbero rimasti capolavori perchè non seguiti da una caterva di pupù?
Posso capire il ragionamento se ci si ferma al giudizio sull'artista (posso capirlo, ma condividerlo molto di meno), ma il valore (positivo o negativo) di un singolo album per me si giudica in se' stesso... poi inquadrarlo nel contesto può essere utile per farsi un'idea più chiara sull'artista o che altro, ma se "Have you seen my shoes?" mi piace continuerà a piacermi anche se dopo un po' Pinone si metterà a cantare "Che Dio ti benedica, che fica".
  • 0

#49 Panfilo Maria Lippi

Panfilo Maria Lippi

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3099 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:30

Se c'è aperto un thread su Pino Daniele comincio a capire il senso del thread su Scatman... quello su Apicella dov'è?


Che ti ha fatto Pino Daniele?
Lui il mellotron non lo usava.
  • 0

#50 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 31 agosto 2008 - 12:31



Io faccio questo ragionamento:

Purtroppo, vale per Daniele quello che vale per molti altri: prima ha sfornato qualche (semi) capolavoro, poi ha inanellato una serie di immondizia musicale paragonabile solo a quella che ha invaso Napoli nei mesi scorsi. Pino Daniele si è rivelato solo un tamarro come tanti (anzi peggio di altri suoi colleghi): dobbiamo pensare che ad un certo punto della sua vita è impazzito? O piuttosto è vero che la sua personalità (e la sua sensibilità) è stata sempre questa, sin dagli esordi? Dato che la seconda ipotesi mi sembra la più probabile, allora io sostengo: ogni suo lavoro, anche precedente, dovrebbe essere giudicato (e dunque ridimensionato) anche alle luce dei lavori successivi. Mi sembra assurdo che qualcuno prima scriva dei capolavori, e poi dell'immondizia. Se scrive dei capolavori, allora è un vero artista. Ma se è un vero artista, non si riduce così... Se si riduce così, allora rivela di non aver mai avuto nessuna autentica vena artistica. Lo stesso ovviamente vale per Vasco e tanti altri.


sai vero che questo tanti altri comprende anche i Rolling Stones, i Pink Floyd e altri fantastici gruppi minori?


1) In primo luogo, Rolling Stones e Pink Floyd sono a mio avviso due gruppi alquanto sopravvalutati. I Rolling Stones erano degli eccezionali performers, ma non applicherei loro la categoria di "artista". Anche in loro l'istinto tamarro era in agguato. 
2) In secondo luogo, in una rock-band c'è un lavoro di equipe quindi le responsabilità individuali sono minori. Intendo dire che non è musica cantautoriale come nel caso di Pino Daniele (il metro di paragone sarebbe semmai un David Bowie).  
3) In terzo luogo, nessuno di questi due gruppi è sceso così in basso come il soggetto in questione in questo thread. Nemmeno lontanamente, a mio avviso.

sei andato a lavorare o stai ancora viaggiando col cervello in un mondo di minchiate?

E tu non sei ancora andato a quel paese? Se vuoi ti ci mando io...

Joey, io ti stimo e ti rispetto (non dico tanto per), ma questa è una cazzata sesquipedale eh

Può darsi. Ma argomenta.


Allora secondo te tanti figli dei... Come ad esempio i Radiohead o i Nirvana siccome han fatto meno album e hanno avuto minor possibilità di floppare son più grandi degli Stones e dei Floid?

#51 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:34



...un mucchio di cagate come sempre...

...a cui tu non sai nemmeno cosa rispondere, come vedo. Quindi reagisci con la tua solita maleducazione. 

Joey non ti faccio l'esempio dei tuoi (e miei) amati Clash perchè diresti che il guppo era al 50% della formazione originale (tra l'altro a me Cut the Crap piaciucchia)


Fammelo invece, l'esempio. Come sai, considero Mick Jones la maggiore anima (musicale) dei Clash. E si spiega perchè "Cut The Crap" è nettamente inferiore agli altri. Ma, nonostante tutto, è ben lungi dall'essere immondizia.


altro che in agguato, erano tamarrissimi ma un artista non può essere tamarro?

Forse, nel caso degli Stones, sì. Ed è per questo che, nonostante tutto, restano dei grandi. Sono tra i pochi che hanno saputo trasformare quel "tamarro" in arte. Senza che però nessuno di loro avesse (a mio avviso) una spiccata sensibiltà artistica.

ma metti che Brian Wilson, invece di fare un altro disco bello, avesse tirato fuori nel 2008 una (o più) minchiata al livello di quelle di Pino Terrone Daniele (dischi che non conosco ma mi fido), ecco, cosa penseresti di lui?

Non mi sembra un esempio valido, dato che così non è. Certo, Brian Wilson ha scritto alcune cose non sempre all'altezza del suo passato, ma si tratta sempre di lavori con una loro rispettabilità e una loro coerenza all'interno della sua carriera. Ogni artista (compreso Mozart) ha realizzato alcuni lavori migliori e altri meno, fin qui ci può stare. Ma non si è mai sentito che un artista, ad un certo punto della carriera, ha cominciato a realizzare immondizia.


ti ho detti metti che, ipotizza insomma

prova a farlo e dimmi cosa penseresti di lui


Penserei che i suoi tanti anni di assunzione di droghe hanno avuto le loro conseguenze... :)

Ma, poniamo il caso (restando nell'esempio di PD e ragionando per assurdo) che dopo "Vai mò" fosse improvvisamente morto... in tal caso i dischi fino ad allora usciti sarebbero rimasti capolavori perchè non seguiti da una caterva di pupù?

Probabilmente sì. La storia conosce molti esempi di artisti che sono riconosciuti tali sopratutto per la morte prematura... magari non tutti erano dei veri geni. Ma io ti faccio un controesempio: poniamo che Fabrizio De Andrè fosse morto quindici anni prima. Sarebbe cambiato qualcosa nella valutazione del valore della sua musica? Non credo.
  • 0

#52 AlfredinoDalFondoDelPozzo

AlfredinoDalFondoDelPozzo

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84752 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:38



Penserei che i suoi tanti anni di assunzione di droghe hanno avuto le loro conseguenze... :)


non penso che Pino Daniele si sia risparmiato in quanto a droghe


  • 0
I tried to tell her about Marx and Engels
God and Angels, I don't really know what for
But she looked good in ribbons

#53 Panfilo Maria Lippi

Panfilo Maria Lippi

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3099 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 12:47

Ma, poniamo il caso (restando nell'esempio di PD e ragionando per assurdo) che dopo "Vai mò" fosse improvvisamente morto... in tal caso i dischi fino ad allora usciti sarebbero rimasti capolavori perchè non seguiti da una caterva di pupù?

Probabilmente sì. La storia conosce molti esempi di artisti che sono riconosciuti tali sopratutto per la morte prematura... magari non tutti erano dei veri geni. Ma io ti faccio un controesempio: poniamo che Fabrizio De Andrè fosse morto quindici anni prima. Sarebbe cambiato qualcosa nella valutazione del valore della sua musica? Non credo.


Scusa, sarà per la digestione in atto, ma non ho capito il nesso. Per me la produzione di De Andrè si è sempre mantenuta su livelli qualitativi medio-alti, i capolavori saranno altri, ma negli ultimi 15 anni ha prodotto comunque dei lavori più che dignitosi.
Qui invece si stava parlando di artisti colti da improvviso quanto drastico rincoglionimento.

Poi il discorso sulla morte aveva senso fino a un certo punto, la parte "significativa" ( ::)) del mio intervento era la successiva

Quando dico:

Posso capire il ragionamento se ci si ferma al giudizio sull'artista (posso capirlo, ma condividerlo molto di meno), ma il valore (positivo o negativo) di un singolo album per me si giudica in se' stesso


  • 0

#54 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12619 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 13:06

Joey, io ti stimo e ti rispetto (non dico tanto per), ma questa è una cazzata sesquipedale eh

Può darsi. Ma argomenta.


Più che altro a me sembra una sega mentale, non una cosa basata sulla musica. Se un disco di un artista mi piace tantissimo e poi lo stesso musicista se esce con una vaccata, perchè mai dovrei ridimensionare il giudizio sull'opera precedente? Tra l'altro il fatto che si apprezzino i primi dischi di Daniele ha poco a che fare con "etica" o cose del genere, ci sta benissimo il fatto che lui sia sempre stato un tamarraccio che però ha fatto dei dischi musicalmente raffinati a inizio carriera, si parla di invenzioni melodiche e armoniche, volendo pure di un periodo di ispirazione felice che poi è passato o che è stato diluito dalla voglia di farci soldi che ha sostituito quella di fare buona musica, mica di un sistema filosofico.
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#55 Panfilo Maria Lippi

Panfilo Maria Lippi

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3099 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 13:09


Joey, io ti stimo e ti rispetto (non dico tanto per), ma questa è una cazzata sesquipedale eh

Può darsi. Ma argomenta.


Più che altro a me sembra una sega mentale, non una cosa basata sulla musica. Se un disco di un artista mi piace tantissimo e poi lo stesso musicista se esce con una vaccata, perchè mai dovrei ridimensionare il giudizio sull'opera precedente? Tra l'altro il fatto che si apprezzino i primi dischi di Daniele ha poco a che fare con "etica" o cose del genere, ci sta benissimo il fatto che lui sia sempre stato un tamarraccio che però ha fatto dei dischi musicalmente raffinati a inizio carriera, si parla di invenzioni melodiche e armoniche, volendo pure di un periodo di ispirazione felice che poi è passato o che è stato diluito dalla voglia di farci soldi che ha sostituito quella di fare buona musica, mica di un sistema filosofico.


Quoto anche le virgole.
  • 0

#56 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 14:14

Allora secondo te tanti figli dei... Come ad esempio i Radiohead o i Nirvana siccome han fatto meno album e hanno avuto minor possibilità di floppare son più grandi degli Stones e dei Floid?

Un paragone improprio, per il semplice fatto che non puoi mettere a confronto musicisti operanti in decenni diversi. Per i Radiohead, staremo a vedere... 

Scusa, sarà per la digestione in atto, ma non ho capito il nesso. Per me la produzione di De Andrè si è sempre mantenuta su livelli qualitativi medio-alti, i capolavori saranno altri, ma negli ultimi 15 anni ha prodotto comunque dei lavori più che dignitosi.
Qui invece si stava parlando di artisti colti da improvviso quanto drastico rincoglionimento.

Appunto. De Andrè si è dimostrato un artista, quindi se fosse morto prima lo sarebbe stato comunque. Pino Daniele si è dimostrato un cialtrone, quindi meno male che non sia morto prematuramente, la qual cosa ci avrebbe potuto confondere le idee.

Posso capire il ragionamento se ci si ferma al giudizio sull'artista (posso capirlo, ma condividerlo molto di meno), ma il valore (positivo o negativo) di un singolo album per me si giudica in se' stesso

Su questo rispondo appena dopo.

Più che altro a me sembra una sega mentale, non una cosa basata sulla musica. Se un disco di un artista mi piace tantissimo e poi lo stesso musicista se esce con una vaccata, perchè mai dovrei ridimensionare il giudizio sull'opera precedente?


E' abbastanza evidente che la fruzione di un'opera (musicale, artistica, etc) avviene sempre all'interno di un contesto. Innanzitutto, all'interno del contesto dell'opera di un artista. Se quest'ultimo tuttavia non si dimostra tale, allora è ovvio che anche il contesto di ricezione della singola opera non è più lo stesso. Mi sapresti fare l'esempio di qualcuno che è riconosciuto unanimamente come un artista (che so, Picasso o Fellini per citare due che non sono morti giovani) ma che ad un certo punto della carriera si è messo a fare vaccate? Ora, secondo te non c'è nessun rapporto tra la qualità riconosciuta di una singola opera e il fatto che essa sia inserita nel contesto dell'opera di una personalità artistica?

Tra l'altro il fatto che si apprezzino i primi dischi di Daniele ha poco a che fare con "etica" o cose del genere, ci sta benissimo il fatto che lui sia sempre stato un tamarraccio che però ha fatto dei dischi musicalmente raffinati a inizio carriera, si parla di invenzioni melodiche e armoniche, volendo pure di un periodo di ispirazione felice che poi è passato o che è stato diluito dalla voglia di farci soldi che ha sostituito quella di fare buona musica, mica di un sistema filosofico.


Ma attenzione, non dico mica che i primi dischi di Daniele siano da buttare: sono dischi di buona fattura, a tratti molto gradevoli. Ma non mi venite a parlare di capolavori. I capolavori sono quelli realizzati da artisti, e uno come Daniele ha dimostrato di non essere tale.
  • 0

#57 Panfilo Maria Lippi

Panfilo Maria Lippi

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3099 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 14:23

Appunto. De Andrè si è dimostrato un artista, quindi se fosse morto prima lo sarebbe stato comunque. Pino Daniele si è dimostrato un cialtrone, quindi meno male che non sia morto prematuramente, la qual cosa ci avrebbe potuto confondere le idee.


Vabbè, ma ragionando in questo modo chi ci dice che De Andrè negli anni 2000 non si sarebbe messo a scrivere canzoni per Paola e Chiara?

E' abbastanza evidente che la fruzione di un'opera (musicale, artistica, etc) avviene sempre all'interno di un contesto. Innanzitutto, all'interno del contesto dell'opera di un artista. Se quest'ultimo tuttavia non si dimostra tale, allora è ovvio che anche il contesto di ricezione della singola opera non è più lo stesso.


Quindi se tu ascolti un disco di un musicista di cui non sai niente (vita, altre opere, data di pubblicazione, scena di appartenenza) non sei in grado di apprezzare o meno le qualità del disco in quanto tale?
Poi, ti ripeto, posso essere d'accordo sul fatto che avere un quadro completo permette di farsi un'idea più precisa; ma è un di più, che si colloca su un piano diverso rispetto al puro godimento dell'oggetto artistico.
  • 0

#58 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 14:37


Appunto. De Andrè si è dimostrato un artista, quindi se fosse morto prima lo sarebbe stato comunque. Pino Daniele si è dimostrato un cialtrone, quindi meno male che non sia morto prematuramente, la qual cosa ci avrebbe potuto confondere le idee.


Vabbè, ma ragionando in questo modo chi ci dice che De Andrè negli anni 2000 non si sarebbe messo a scrivere canzoni per Paola e Chiara?


Vabbè, ma ragionando in questo modo chi ci dice che se Beethoven vivesse oggi non sarebbe un metallaro?

Quindi se tu ascolti un disco di un musicista di cui non sai niente (vita, altre opere, data di pubblicazione, scena di appartenenza) non sei in grado di apprezzare o meno le qualità del disco in quanto tale?

Soltanto in parte. E anche per quella "parte", utilizzo molte conoscenze che possiedo già su stili musicali, strumenti, arrangiamenti (magari conoscenze implicite, ma necessarie). Ovviamente, la cosa vale anche per te.

Nel caso di Pino Daniele, peraltro, il contesto di ricezione è ancora più ristretto a chi appartiene ad una certa area culturale. Non mi sembra un caso che i suoi maggiori estimatori siano proprio i napoletani... il punto è che un'opera d'arte dovrebbe superare le differenze culturali ed aspirare ad essere quanto più universale.

Poi, ti ripeto, posso essere d'accordo sul fatto che avere un quadro completo permette di farsi un'idea più precisa; ma è un di più, che si colloca su un piano diverso rispetto al puro godimento dell'oggetto artistico.

Questo potrebbe essere vero solo per alcuni oggetti artistici, quelli in cui si apprezza sopratutto la configurazione formale (in musica, Bach e tutti i suoi derivati); ma come si può parlare di puro godimento per un album di Pino Daniele? Secondo te, se lo ascolta un cinese che non capisce una parola di italiano (figuriamoci di napoletano), quell'opera ha lo stesso effetto?
  • 0

#59 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12619 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 14:38

E' abbastanza evidente che la fruzione di un'opera (musicale, artistica, etc) avviene sempre all'interno di un contesto. Innanzitutto, all'interno del contesto dell'opera di un artista. Se quest'ultimo tuttavia non si dimostra tale, allora è ovvio che anche il contesto di ricezione della singola opera non è più lo stesso. Mi sapresti fare l'esempio di qualcuno che è riconosciuto unanimamente come un artista (che so, Picasso o Fellini per citare due che non sono morti giovani) ma che ad un certo punto della carriera si è messo a fare vaccate? Ora, secondo te non c'è nessun rapporto tra la qualità riconosciuta di una singola opera e il fatto che essa sia inserita nel contesto dell'opera di una personalità artistica?


Per me l'unico contesto interessante sono le mie orecchie, il resto, che un'artista abbia fatto ottimi dischi e poi schifezze non è rilevante e neppure rivelante di un bel nulla. Per quanto riguarda gli altri esempi non saprei, ma non so dello stesso Daniele perchè non conosco nulla della sua seconda parte di carriera se non le canzoni che passavano in tv e per radio (infatti per lunghissimo tempo ho avuto un pregiudizio grosso come una casa nei suoi confronti, i suoi primi dischi non li conosco da moltissimo)

Ma attenzione, non dico mica che i primi dischi di Daniele siano da buttare: sono dischi di buona fattura, a tratti molto gradevoli. Ma non mi venite a parlare di capolavori.


non ne ho parlato infatti, parlando di capolavori dicevo in generale. Però i suoi primi li trovo sicuramente molto buoni

I capolavori sono quelli realizzati da artisti, e uno come Daniele ha dimostrato di non essere tale.


i capolavori sono tali indipendentemente da chi li realizza.

  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#60 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 31 agosto 2008 - 14:44

Per me l'unico contesto interessante sono le mie orecchie, il resto, che un'artista abbia fatto ottimi dischi e poi schifezze non è rilevante e neppure rivelante di un bel nulla.

A questo punto, mi chiedo quali sono quelli che tu reputi "artisti"...

Per quanto riguarda gli altri esempi non saprei,


Per avvalorare quello che hai scritto appena sopra, dovresti averne parecchi...


I capolavori sono quelli realizzati da artisti, e uno come Daniele ha dimostrato di non essere tale.

i capolavori sono tali indipendentemente da chi li realizza.

Peccato che, guarda caso, non sia mai così...
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq