Vai al contenuto


Foto
* * * - - 2 Voti

La Peste Degli Anni 10: Color Grading


  • Please log in to reply
62 replies to this topic

#21 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5940 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:18

non mi sono chiari i motivi: economici? O puramente estetici, anche se non mi pare un tema così mainstream (nel senso che andiamo sul tecnico)...

 

Non sono perfettamente chiari neanche a me ma penso sia appunto moda + facilità tecnica. Considerate che non esiste ripresa digitale che oggi non venga "corretta", per questo ho parlato di grading e non di correction. Usarlo moderatamente può andare bene, e anche strafare in alcuni casi artistici che lo richiedono, ma è l'omologazione acritica su quell'estetica a infastidire. Si fa perché si usa, perché inserisce nel contesto contemporaneo, perché (lo dice nel video) "sembra big budget", perché la gente è abituata già da instagram, perché è un modo molto facile per comunicare presunte emozioni / dramma. In particolare nel caso di film "ambientati nel", quello è uno strumento immediato per collocare lo spettatore nello stereotipo di un'atmosfera. Ma oramai viene fatto anche su Don Matteo.

 
 

 

La cosa che personalmente mi infastidisce di più è il non riuscire più a gustarmi dei cazzo di neri pieni

 
ma per quello credo che ti "basti" (virgolette visto che non sono esattamente economicissime) prenderti una tv oled

 


Credo stia dicendo che ce l'ha ma avendo ogni film le ombre blu non riesce ad approfittarne.


  • 0

#22 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13409 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:21

Solaris, hai ragione, ma te la prendi per nulla.

E' una moda estetica, tra qualche anno fara' "anni 10", sara' vintage e buonanotte.

 

Passera'.

Come e' passata la gabbia cromatica del technicolor anni 50 (che io adoro, ma li' si' che i film erano tutti uguali, altro che oggi).

Come e' passata tutta quell'iper-saturazione degli anni 60 a volte fatta alla cazzo da direttori della fotogografia venuti su a b/n.

Come e' passato quel terribile alone flou di tanti film anni 70, che fu una iattura particolarmente nel cinema italiano.

Come e' passata quella fotorafia naturale di molti anni 80, che se non la sapevi usare tutto sembrava un film di Chuck Norris.

Come sono passate le highlight sparate e senza ombre degli anni 90, che quasi uccisero il cinema fantastico.


  • 4

#23 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5940 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:23

Nei 90 ne fecero di disastri asd e i koreani / orientali in genere han continuato per lungo tempo, specie con quei verdi e gialli acidi e quella fotografia sovraesposta marcia.

 

Invece devo dirti che le mie razzolate fra 70 e 80 mi danno quasi solo grandi soddisfazioni. Ok c'è maggiore distacco nella mia personalissima percezione, ma visti oggi sono acqua fresca.


  • 0

#24 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12130 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:30

 

 

 

 

La cosa che personalmente mi infastidisce di più è il non riuscire più a gustarmi dei cazzo di neri pieni

 
ma per quello credo che ti "basti" (virgolette visto che non sono esattamente economicissime) prenderti una tv oled

 


Credo stia dicendo che ce l'ha ma avendo ogni film le ombre blu non riesce ad approfittarne.

 

 

da quel punto di vista comunque ho il sospetto che soprattutto negli anni a venire (con gli oled e quando arriveranno i microled) ce ne saranno sempre di più di film che invece proveranno a esaltare i neri perfetti, penso a cose tipo certe scene di Stranger things o Under the skin con persone/oggetti immersi nel buio totale che sembrano quasi delle demo fatte apposta (e sospetto lo siano) per approfittare di quel tipo di tecnologia


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#25 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12130 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:38

tra l'altro a proposito di colori, da poco volevo guardare The day the earth caught fire proprio perchè avevo visto queste immagini

 

5nuEZfbbBdg6eXsytbmVbntH9ES.jpg

day-the-earth-caught-fire-the-1961-014-r

 

e ci sono rimasto male quando l'ho trovato in un normale bianco e nero e non ho capito manco perchè.

Il giallo e nero sembrava fighissimo.


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#26 Cliff

Cliff

    utente con la pattumiera nel cuore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10260 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:40

Propagatosi nell’era di Instagram


Credo che la risposta al perché dia fastidio sia qui
  • 1
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]

Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


probabilmente off topic


#27 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36750 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:40

E comunque il filtro giallo per il Messico e blu per Mosca è stata la scintilla che ha fatto partire tutto ciò, averne nostalgia è un po' come rimpiangere il pentapartito.

 
uno dei primi che mi colpì fu Traffic con un intenso Michael douglas nel ruolo di Grande Puffo asd
 
 
DynTszeWkAIsFeg.jpg
 

coverlg.jpg


  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#28 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6605 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 16:46

Simpson vs Puffi, gran match.


  • 0

#29 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5540 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 17:00

 

Non sono perfettamente chiari neanche a me ma penso sia appunto moda + facilità tecnica. Considerate che non esiste ripresa digitale che oggi non venga "corretta", per questo ho parlato di grading e non di correction

 

 

 

Non ho capito la distinzione che fai fra correction e grading.

Perché a me viene naturale intenderla correction e mi interessa il tuo discorso, che mi pare più tecnico.

 

Invece altri spesso parlano di "fotografia" e mi sembra sviato il discorso, o no? Ovviamente chi fa la color parlerà con il Direttore della fotografia, ma son due lavori molto diversi e che hanno controllo su cose differenti. 


  • 0

lazlotoz, [...]: sei un gigantesco coglione. Ma proprio un cretino senza pari, [...] Sparati, che fai un favore al mondo.


#30 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5940 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 17:04

Sì son due lavori differenti... almeno ora, non so un tempo quanto ci fosse la possibilità. A mio modo di vedere chi fa la color dovrebbe essere uno schiavo del direttore della fotografia, ma pare una lobby piuttosto indipendente asd

 

Correction dovrebbe essere la versione soft, utilizza gli stessi strumenti ma ha più l'obiettivo di bilanciare e correggere i colori di un girato poco omogeneo piuttosto che di inventarsi trovate creative.


  • 0

#31 Giuseppe Bergman

Giuseppe Bergman

    Masturbatore

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 420 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 17:07

Nei 90 ne fecero di disastri asd e i koreani / orientali in genere han continuato per lungo tempo, specie con quei verdi e gialli acidi e quella fotografia sovraesposta marcia.

 

Ecco, queste invece esteticamente le adoro  asd


  • 0

" Chi lo sa veramente? Chi può qui dichiarare

da dove è stata prodotta, da dove viene la creazione?

Dalla creazione di questo universo gli Dei vennero successivamente:
chi allora sa da dove ciò è sorto? "


#32 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Dungeon Synth nei giorni pari e Vaporwave in quelli dispari

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 82922 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 17:10

dovrebbe essere anche una questione di estensione del lavoro; la correzione viene fatta immagine per immagine, se è un lavoro di trasformare tutto il film con un'idea precisa di colore oltre il ritocco degli errori, non è una correzione


  • 0

#33 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 713 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 17:11

Invece devo dirti che le mie razzolate fra 70 e 80 mi danno quasi solo grandi soddisfazioni. Ok c'è maggiore distacco nella mia personalissima percezione, ma visti oggi sono acqua fresca.

 

peggio della fotografia patinata (di derivazione pubblicitaria) degli anni '80 non c'è niente, dai


  • 1

#34 Reynard

Reynard

    We're not in Kansas anymore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9800 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 09 dicembre 2019 - 17:48

Solaris, hai ragione, ma te la prendi per nulla.

E' una moda estetica, tra qualche anno fara' "anni 10", sara' vintage e buonanotte.

 

Passera'.

Come e' passata la gabbia cromatica del technicolor anni 50 (che io adoro, ma li' si' che i film erano tutti uguali, altro che oggi).

Come e' passata tutta quell'iper-saturazione degli anni 60 a volte fatta alla cazzo da direttori della fotogografia venuti su a b/n.

Come e' passato quel terribile alone flou di tanti film anni 70, che fu una iattura particolarmente nel cinema italiano.

Come e' passata quella fotorafia naturale di molti anni 80, che se non la sapevi usare tutto sembrava un film di Chuck Norris.

Come sono passate le highlight sparate e senza ombre degli anni 90, che quasi uccisero il cinema fantastico.

Il problema è il colore: b/n e passa la paura asd

 

Battute da cinenecrofilo a parte, giusto per curiosità mia mi faresti un paio di esempi (di quelli obbrobriosi, ma magari anche uno virtuoso) per ogni categoria?


  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#35 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13409 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 19:21

*
POPOLARE

Battute da cinenecrofilo a parte, giusto per curiosità mia mi faresti un paio di esempi (di quelli obbrobriosi, ma magari anche uno virtuoso) per ogni categoria?

 

Sul technicolor anni 50 basta prendere un film a caso di Hollywood. C'era la variante con i colori saturi (i western i kolossal) e quella coi colori piu' freddi e pastellosi (Sirk o Hitchcock). Credo anche per limiti tecnici, c'era un uso dei colori rigidissimo: i cieli dovevano essere sempre di quell'azzurro, le notti sempre di quel blu, ecc. Oggi vediamo quei film e ne ammiriamo l'effetto quasi pittorico, ma era tutto DAVVERO standardizzato. E infatti all'epoca il colore era considerato quasi in automatico "volgare" e il cinema genuino solo in b/n.

 

Poi sono arrivati i 60 e tutti si sono buttati sul colore, anzi piu' colore c'era e meglio era. I disastri ci furono nel cinema di serie B, anche se oggi fa tutto molto vintage, ma leggersi cosa scrivevano dei film di Bava, che pure di quella-ipersaturazione faceva un uso creativo. Ma pure Fellini o il Kubrick di 2001 vennero accusati di fare cinema "hippie" perche si erano arresi a colori violenti e saturi. 

 

L'effetto flou anni 70 imperversava in generi come il poliziottesco italiano e un po' tutte le commedie. Un regista che lo usava in maniera masochista era De Sica. Sul finire dei 70 non c'era quasi film "medio" in cui gli attori non fossero circondati di una specie di alone di luce. Oggi e' un effetto che mi mette nostalgia e mi ricorda l'infanzia, ma era un puro "smarmellamento".

 

MV5-BZTkx-NDIz-NWIt-NDFi-YS00-Mm-Uy-LWJk

 

Gli 80 oggi passano per gli anni dei colori al neon o della fotografia satura da spot. In realta' andava di moda anche un'illuminazione naturalista e smorzata. Che finche' avevi soldi poteva essere ottima, ma appena scendevi di budget l'effetto era spesso sullo squallidino andante. Un po' tutto il cinema di serie B e a scendere di quegli anni patisce questa cosa.

 

I 90 sono stati i nemici delle ombre e del buio. Una visione vitrea perfetta ad esempio per un cinema freddo come il pulp alla Tarantino/Coen, terribile per il cinema fantastico. In televisione poi imperversava un'icomprensibile astio verso i contrasti, con serie tv tendenti al grigietto. Oggi a rivederle magari l'effetto e' attenuato, perche' il digitale e' di suo piu' contrastato, ma mi ricordo che vedersi al tempo dell'analogico serie tv come X Files o Hercules sembrava di vedersele attraverso una nuvola di smog. L'apice lo si e' avuto con Buffy e quella sua fotografia opaca che non ho mai capito.


  • 13

#36 Spiritchaser

Spiritchaser

    underground nebulosa

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2315 Messaggi:

Inviato 09 dicembre 2019 - 22:00

Sì son due lavori differenti... almeno ora, non so un tempo quanto ci fosse la possibilità. A mio modo di vedere chi fa la color dovrebbe essere uno schiavo del direttore della fotografia, ma pare una lobby piuttosto indipendente asd

 

Correction dovrebbe essere la versione soft, utilizza gli stessi strumenti ma ha più l'obiettivo di bilanciare e correggere i colori di un girato poco omogeneo piuttosto che di inventarsi trovate creative.

 

Quindi il problema non è tanto il color grading in sé ma un suo uso/abuso particolarmente volgare e trashoso tipo negli screenshot postati da Seattle? Sennò non capisco, mi sembra strano che di per sé un mezzo tecnico sia disastroso a prescindere.

Mi sembra pure strano che su una fase della produzione che può cambiare totalmente l'estetica di un film non abbia voce il direttore della fotografia, almeno per i film d'autore (tipo The Irishman: non è che la resa finale è quella voluta da direttore della fotografia e regista e semplicemente non ti piace come scelta artistica, e che il color grading in sé non c'entri nulla visto che può essere usato in modo diverso?)

'sta cosa del color grading mi sembra solo un subappalto di qualcosa che prima faceva già il direttore della fotografia coi mezzi che aveva, e che quindi il punto non sia il color grading ma un suo uso facilone e volgare soggetto a "mode" - anche qui, com'è sempre successo, l'uso creativo del colore c'è sempre stato. Poi magari mi sfugge qualcosa.


  • 0

#37 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36750 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 09 dicembre 2019 - 22:42

L'apice lo si e' avuto con Buffy e quella sua fotografia opaca che non ho mai capito.


se dai un occhiata al disastro che hanno fatto per conversione in HD rimpiangerai anche la fotografia scura e granulosa originale asd


  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#38 razzledazzle

razzledazzle

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3312 Messaggi:

Inviato 10 dicembre 2019 - 08:30

1280px-Smetto_quando_voglio.png
  • 1

#39 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13409 Messaggi:

Inviato 10 dicembre 2019 - 12:50

[...]

 

L'uso dei colori in "Smetto quando voglio" e' davvero un delirio incomprensibile.


  • 0

#40 usernam*

usernam*

    granita di gelsi rossi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6811 Messaggi:
  • Locationmediterranea

Inviato 10 dicembre 2019 - 13:38

In Fury Road è problematica?
  • 0

La tua firma può contenere:

  • • Fino a 1 immagini
  • • Immagini fino a 350 x 150 pixels
  • • Qualsiasi numero di URLs
  • • Fino a 12 linee




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq