Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Remake Superiori (O All'altezza) Dei Film Originali


  • Please log in to reply
72 replies to this topic

#1 Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5081 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 06 gennaio 2019 - 16:06

 

Non l'ho visto, ma ho come il sospetto che - come per il 97,8% dei remake della storia del cinema* - se ne parlerà parecchio adesso all'uscita e tempo un anno non se ne ricorderà più nessuno.

 
Giustamente, dato che i remake sono superati in essenza del male puro forse solo dai cine-fumetti.
 
 
* i casi in cui il remake ha spazzato via l'originale si contano davvero sulle dita di una mano o poco più (esempio da manuale: "La cosa" di Carpenter). Quando va proprio di lusso, poi, esce un bel film che però non regge il confronto con l'originale (vedi "Il salario della paura" di Friedkin, molto bello, ma non capolavoro come il film di Clouzot).

 

Prendendo spunto da questo post (che, per inciso, condivido in toto) scritto da Bluetrain nel thread di "Suspiria", parliamo un po' di remake. Quali sono secondo voi quelli più riusciti?

 

Direi di usare queste tre categorie.

 

- Remake superiori agli originali

 

- Remake all'altezza degli originali (magari di poco inferiori, ma comunque molto validi: ci sta di preferire l'uno o l'altro)

 

- Remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti

 

 

 Scatenatevi!

 

Spoiler
 


  • 0
i0fGiu6.png
 

OR

 

 


#2 Ganzfeld

    In un certo senso

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5786 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 16:14

- Remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti

Per questo mi viene in mente L'invasione degli ultracorpi con relativo remake del 1978. (leggo ora che ne hanno fatti addirittura altri due :o )


  • 0

#3 Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5081 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 06 gennaio 2019 - 16:15

I primi titoli che mi vengono in mente...
 
Remake superiori agli originali:
È nata una stella di George Cukor (> È nata una stella di William A. Wellman e a tutti i successivi remake);
Magnifica ossessione di Douglas Sirk (> Al di là delle tenebre di John M. Stahl);
Lo specchio della vita di Douglas Sirk (> Lo specchio della vita di John M. Stahl);
L'uomo che sapeva troppo di Alfred Hitchcock (> L'uomo che sapeva troppo sempre di Hitch);
La cosa di John Carpenter (> La cosa da un altro mondo di Christian Nyby)
 
Remake all'altezza degli originali (magari inferiori, ma comunque molto validi: ci sta di preferire l'uno o l'altro):
Angeli con la pistola di Frank Capra (= Signora per un giorno dello stesso Capra);
Per un pugno di dollari di Sergio Leone (= La sfida del samurai di Akira Kurosawa);
Prima pagina di Billy Wilder (= La signora del venerdì di Howard Hawks);
Scarface di Brian De Palma (= Lo sfregiato di Howard Hawks)
 
Remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti:
Contratto per uccidere di Don Siegel (< I gangsters di Robert Siodmak);
Terrore dallo spazio profondo di Philip Kaufman (< L'invasione degli ultracorpi di Don Siegel)

  • 2
i0fGiu6.png
 

OR

 

 


#4 Stan Bowles

    Socialista dalle tasche buche

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 567 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 17:03

Cape Fear di Scorsese superiore o comunque all'altezza dell'originale.

La Mosca di Cronenberg,se si può considerare remake,superiore all'originale.

Distretto 13 di Carpenter,sempre se si può considerare un remake,non superiore a Un dollaro d'onore ma ottima versione.
  • 1

#5 nicholas_angel

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1645 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 17:41

Trovo l’adattamento di “Millenium - Uomini che odiano le donne” di David Fincher superiore all'originale svedese, ma non sono sicuro si possa parlare di remake. 


  • 0
Immagine inserita

#6 Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15177 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 17:46

Remake all'altezza degli originali (magari inferiori, ma comunque molto validi: ci sta di preferire l'uno o l'altro):
Eldorado -> Un dollaro d'onore

Remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti:
Rio Lobo -> Eldorado -> Un dollaro d'onore

 

Remake superiori agli originali:
L'uomo che sapeva troppo di Alfred Hitchcock (> L'uomo che sapeva troppo sempre di Hitch);


Questo in genere viene dato per assodato, ma per me la versione anni 30 ha quella spigliatezza, ironia e ritmo tipici dell'Hitchcock inglese e che un po' perdera' a Hollywood. E poi c'e Peter Lorre. Mentre di la' c'e' Doris Day. Beninteso che adoro tutte e due le versioni.


  • 0

#7 cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 18:10

topic divertente. anche se i remake inutili e merdosi supereranno sempre in numero quelli riusciti, da sempre penso che sia da sfatare il mito cinefilo del remake = merda apriori

c'è però una piccola precondizione per sviluppare queste liste. per onestà intellettuale bisognerebbe aver visto anche l'originale. io non ho mai visto la cosa di hawks ma mi fido ciecamente del fatto che il film di carpenter sia superiore asd però tutti gli altri che cito ho visto anche l'originale
 

- Remake superiori agli originali


- la cosa
- scarface
- cape fear
- the departed
- terrore dallo spazio profondo
- millennium: uomini che odiano le donne
- l'ultima casa a sinistra (craven)
- senso '45
 

- Remake all'altezza degli originali (magari di poco inferiori, ma comunque molto validi: ci sta di preferire l'uno o l'altro)


- le colline hanno gli occhi
- halloween (rob zombie)
- psycho (okay è una provocazione asd )
- the manchurian candidate
- pelham 1,2,3
 

- Remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti


- non aprite quella porta
- venerdì 13
- la casa
  • 0

#8 Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5081 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 06 gennaio 2019 - 18:35

Mmm, su "Cape Fear" onestamente non sono molto d'accordo. Nonostante alcune riuscite trovate, il remake scade clamorosamente nel finale per quanto mi riguarda; preferisco tutto sommato l'originale, per quanto a sua volta un po' troppo manicheo. E poi trovo molto più affascinante (e pure più inquietante) il rude e volgare psicopatico interpretato da Mitchum rispetto al tamarrozzo tatuato e sopra le righe di De Niro.
 
3UK6Wmf.gif
 
 
"Il Grinta" dei fratelli Coen me l'ero dimenticato, ma ci può senz'altro stare.

  • 0
i0fGiu6.png
 

OR

 

 


#9 cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 18:41

certo che liquidare il lavoro di de niro a "tamarrozzo tatuato"... cosa mi tocca fare, cosa mi tocca fare! autoquotarmi! asd

http://forum.ondaroc...cano/?p=1896111
  • 0

#10 Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5081 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 06 gennaio 2019 - 18:52

Me lo ricordo quell'intervento, l'avevo letto a suo tempo, ma rimango della mia opinione: tra le interpretazioni del De Niro dei tempi d'oro è forse quella che mi convince di meno (troppo caricaturale, per i miei gusti). 


  • 0
i0fGiu6.png
 

OR

 

 


#11 cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 18:55

era un bel pezzo però, meritava l'autoquoto ashd
  • 0

#12 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20443 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 06 gennaio 2019 - 20:09

Il cattivo tenente di Herzog, regista per cui non impazzisco, superiore a quello di Ferrara, regista che ho adorato, in quegli anni.
  • 0

#13 razzledazzle

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3854 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 20:16

Compagni di scuola >>> The Big Chill.

Vanilla Sky === Abre los ojos

 

Valgono le serie TV?

 

Battlestar Galactica del 2003 >>> Quella del 1978

90210 <<< Beverly Hills, 90210


  • 0

#14 Reynard

    No OGM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10261 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 06 gennaio 2019 - 20:53

La signora del venerdì è a sua volta un remake. Secondo me ci sono remake superiori all'originale di cui non ci si ricorda neanche dell'originale. Il mistero del falco, Ben Hur non sono le prime versioni dei rispettivi soggetti.
  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#15 Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15177 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2019 - 21:20

Nosferatu il vampiro (Murnau) = Nosferatu, il principe della notte (Herzog) > Dracula (Bela Lugosi) = Dracula il vampiro (Cristopher Lee) = Dracula di Bram Stoker > Dracula (Frank Langella) quest'ultimo comunque un bel film sottovalutato.

 

La mummia di Cristopher Lee =/> La mummia di Boris Karloff


  • 2

#16 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20443 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 06 gennaio 2019 - 21:20

Il regista Bergman migliore del remake utente
  • 1

#17 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20443 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 07 gennaio 2019 - 10:01

Il Dracula di Langella è di John badham, regista molto sottovalutato.
  • 0

#18 thom

    The infrared insert of memory encouragement immersion

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3453 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 11:47

Il cattivo tenente di Herzog, regista per cui non impazzisco, superiore a quello di Ferrara, regista che ho adorato, in quegli anni.

 

Herzog ha insistito sul fatto che non bisognerebbe definirlo remake, visto che i due film hanno davvero poco in comune, a parte un protagonista simile. Questo film ad esempio non ha a che fare con lo stupro di una suora come quello di Abel Ferrara, ed è ambientato a New Orleans invece che a New York. [...]

Abel Ferrara ha reagito molto male alla notizia del remake. Ha affermato, riferendosi ai realizzatori del nuovo film: «Spero che quella gente muoia all'inferno. Spero che si trovino tutti nello stesso tram e che esploda».  asd  Herzog ha tenuto a sottolineare che il suo film non sarebbe stato un remake di quello di Ferrara, ma solo un film con un protagonista simile, e con una storia e ambientazione del tutto diversa. Quando gli sono state riferite le parole di Ferrara, Herzog ha reagito dicendo: «È stupendo! Lasciategli combattere i mulini a vento, pensa che io stia facendo un remake». Ha inoltre affermato di non avere la minima idea di chi sia Abel Ferrara e di non aver mai visto nessuno dei suoi film.  asd

 

due film enormi, con l'unica differenza che quello di Abel è stato (giustamente) canonizzato, e quello di Herzog perlopiù massacrato.


  • 0

#19 Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15177 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 15:08

Le dernier tournant (Pierre Chenal) = Ossessione (Visconti) = Il postino suona sempre due volte (Tay Garnett) = Il postino suona sempre due volte (Rafelson). E in fondo pure "Blood Simple" dei Coen e "L'impero della passione" di Oshima. Il romanzo di James M. Cain tipo il piu' cinematografico di sempre?
 


  • 0

#20 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20443 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 07 gennaio 2019 - 15:16

Il cattivo tenente di Herzog, regista per cui non impazzisco, superiore a quello di Ferrara, regista che ho adorato, in quegli anni.


Herzog ha insistito sul fatto che non bisognerebbe definirlo remake, visto che i due film hanno davvero poco in comune, a parte un protagonista simile. Questo film ad esempio non ha a che fare con lo stupro di una suora come quello di Abel Ferrara, ed è ambientato a New Orleans invece che a New York. [...]
Abel Ferrara ha reagito molto male alla notizia del remake. Ha affermato, riferendosi ai realizzatori del nuovo film: «Spero che quella gente muoia all'inferno. Spero che si trovino tutti nello stesso tram e che esploda». asd Herzog ha tenuto a sottolineare che il suo film non sarebbe stato un remake di quello di Ferrara, ma solo un film con un protagonista simile, e con una storia e ambientazione del tutto diversa. Quando gli sono state riferite le parole di Ferrara, Herzog ha reagito dicendo: «È stupendo! Lasciategli combattere i mulini a vento, pensa che io stia facendo un remake». Ha inoltre affermato di non avere la minima idea di chi sia Abel Ferrara e di non aver mai visto nessuno dei suoi film. asd


due film enormi, con l'unica differenza che quello di Abel è stato (giustamente) canonizzato, e quello di Herzog perlopiù massacrato.
Canonizzato, nel mio piccolo, anche da me medesimo. Ma, riguardo la straordinaria avventura dell'uomo sulla Terra, il film di Herzog, con mia grande sorpresa, ha detto molto di più (e senza innescare il gran falò dello strupro di una suora). Potremmo discuterne per anni ma di certo H. non mi ha messo con le spalle al muro, cosa che F ha fatto, con uno script vagamente ricattatorio.
  • 0

#21 Giuseppe Bergman

    Masturbatore

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 478 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 15:17

Il regista Bergman migliore del remake utente

 

Addirittura... Te la sei presa per il meno su Herzog / Ferrara?  asd


  • 1

" Chi lo sa veramente? Chi può qui dichiarare

da dove è stata prodotta, da dove viene la creazione?

Dalla creazione di questo universo gli Dei vennero successivamente:
chi allora sa da dove ciò è sorto? "


#22 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20443 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 07 gennaio 2019 - 15:18

Ma no, era per restare in topic asd
  • 0

#23 Giuseppe Bergman

    Masturbatore

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 478 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 15:21

Ma no, era per restare in topic asd

 

asd

Chiaramente concordo (Bergman > Bergman)


  • 0

" Chi lo sa veramente? Chi può qui dichiarare

da dove è stata prodotta, da dove viene la creazione?

Dalla creazione di questo universo gli Dei vennero successivamente:
chi allora sa da dove ciò è sorto? "


#24 Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5081 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 07 gennaio 2019 - 15:37

Le dernier tournant (Pierre Chenal) = Ossessione (Visconti) = Il postino suona sempre due volte (Tay Garnett) = Il postino suona sempre due volte (Rafelson). E in fondo pure "Blood Simple" dei Coen e "L'impero della passione" di Oshima. Il romanzo di James M. Cain tipo il piu' cinematografico di sempre?
 

 

Beh sì dai, tutti i noir impostati sul "terzo incomodo" seguono lo stesso canovaccio (che poi è anche quello del capolavoro definitivo "La fiamma del peccato"). Un altro che mi viene in mente è "Brivido caldo" di Kasdan. 

 

Dei vari Postini il mio preferito è quello con Lana Turner e John Garfield, che può contare su una delle più memorabili entrate in scena nella storia del cinema

 

8LtmuKO.gif


  • 0
i0fGiu6.png
 

OR

 

 


#25 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9014 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 16:01

>0b14f63ce8440b460ad14c646bfe922f.jpg

 

>>

 

a-bout-de-souffle-movie-poster-douglas-s

 

:firuli:


  • 0

#26 Spiritchaser

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2800 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 16:59

Seh...
  • 0

#27 bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7453 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 17:51

 

 
Per un pugno di dollari di Sergio Leone (= La sfida del samurai di Akira Kurosawa);
 

 

 

Anche Ancora vivo di Walter Hill è degnissimo. Certo non all'altezza dei due immensi capostipiti, ma a me è piaciuto un sacco.


  • 1

#28 Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15177 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 17:55

C'e' pure la versione fantasy... diciamo un pelo inferiore ai film di Kurosawa, Leone e Hill. asd

 


  • 1

#29 George Kaplan

    Giraghiere a tradimento

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1364 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2019 - 19:01

La tomba dell'onore, Fukasaku vs Miike. Vince di misura il maestro di Battle Royale, ma Miike piazza comunque l'ennesimo grande film.
[per chi volesse, c'è la versione di Piersa]

Cine, ma come remake de La casa intendi quella vaccata di Alvarez? No, dai, era impresentabile.


  • 0

#30 cinemaniaco

    FЯEAK ON A LEASH

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3916 Messaggi:

Inviato 08 gennaio 2019 - 14:35

era così brutto, davvero? ashd ricordo con piacere il tanto gore per una produzione mainstream, e in linea generale quella sensazione di aver riadattato alla sensibilità contemporanea un classico senza fare il compitino copia-carbone… devo premettere che non sono mai stato un fan di raimi e non ho tra i miei cult nessuno dei suoi film, quindi eventualmente non mi sono sentito "tradito" dal remake
  • 0

#31 George Kaplan

    Giraghiere a tradimento

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1364 Messaggi:

Inviato 08 gennaio 2019 - 17:26

C'era del gore abbastanza spinto, ma più che altro c'era tutto quel sovraccarico di tossicodipendenze e scene lacrimevoli per redimere un film che non si è avuto il coraggio di rendere puramente splatter. Operazione pessima, per me (indipendentemente dall'aver tradito o meno l'originale), con Alvarez che fa come quei primi della classe che si fingono dei tipacci.

 

edit: ah, notevole colonna sonora, però


  • 0

#32 Bad Vibes

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5224 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 09 gennaio 2019 - 11:04

Tre uomini e una culla > Tre scapoli e una bimba

Ghostbuster 2016 <<<<<<<<< Ghostbuster 1984 (anche se qualcuno obietterà che è un reboot).


  • 0

#33 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9014 Messaggi:

Inviato 09 gennaio 2019 - 11:11

Pale rider > Shane

Non di tanto eh ma un po' si.


  • 0

#34 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9014 Messaggi:

Inviato 09 gennaio 2019 - 11:14

Tre uomini e una culla >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>Tre scapoli e una bimba

 


  • 0

#35 tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4455 Messaggi:

Inviato 09 gennaio 2019 - 11:58

Un caso a parte dovrebbe essere considerato quando lo stesso regista rifà un suo film, tipo il già citato Hitch, mi viene in mente Hawks Colpo di fulmine e Venere e il professore e Wyler con là Calunnie e Quelle due.

Dei due film di Hitch: non ritengo il secondo superiore al primo, amo la versione in bianco e nero, le sue ombre, il dentista, la neve Etc. Capisco che nella versione più moderna Hitch si sbizzarrisca molto di più dal punto di vista tecnico, nel creare la suspance, il dubbio, il senso di persecuzione e i rumori sono sublimi, ma ecco sono belli tutti e due.

Dei film di Hawks: cambia il registro, il primo è una commedia frizzante con due superdivi che giocano con i personaggi che interpretano, godimento puro; il secondo è un musical, meno glamour certo, ma c’è Danny Kaye (e Armstrong).

Dei film di Wyler: capisco il bisogno di provare a non pasticciare un testo che fu censurato pesantemente, di riappropriarsi di una libertà autoriale, ma anche il secondo non è brillantissimo. Wyler fu grandissimo, qui ha zoppicato due volte.
  • 0

#36 Bad Vibes

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5224 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 09 gennaio 2019 - 16:20

Pale rider > Shane

Non di tanto eh ma un po' si.

Remake di Shane? Da quando?


  • 0

#37 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9014 Messaggi:

Inviato 09 gennaio 2019 - 16:28

Dal 1985.


  • 0

#38 piersa

    Megalo-Man

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20443 Messaggi:
  • Location14-16 Fabrizi Nicola e Aldo

Inviato 09 gennaio 2019 - 20:36

La parola ai giurati.
Dilemma.
Voto Henry fonda, per cui ho una certa venerazione.
  • 0

#39 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9014 Messaggi:

Inviato 09 gennaio 2019 - 20:49

Jack Lemmon non gli è da meno però...dilemma grosso, voto Lumet per quel bellissimo bianco e nero.
  • 0

#40 Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5081 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 09 gennaio 2019 - 21:08

Adesso tutti lo sanno che...

 

A proposito di remake televisivi di film celeberrimi: ho recentemente scoperto che il mio film preferito da infante (nel vero senso del termine) era un remake de "Il fiume rosso" di Hawks, intitolato semplicemente "Fiume rosso" e girato nel 1988. Una pellicola che conservo ancora gelosamente su una vecchia VHS, ma di cui non avevo mai visto né l'inizio né la fine, visto che quel furbacchione di mio padre non li aveva registrati; gli affibbiai pertanto l'originale titolo di "Mucche e cavalli" (o meglio, "Budda e tatalli", come li pronunciavo all'epoca asd). Un mese fa ho deciso di risolvere, una volta per tutte, quel dubbio che mi attanagliava fin dalla più tenera età e, con una rapida ricerca su internet, sono riuscito a risalire al vero titolo del film. E non so se ne sia valsa la pena: ero convinto fosse un misterioso western di serie b che si ispirava ai classici del genere e che forse non aveva mai visto neppure Tom, ci sono rimasto male quando ho invece scoperto che si trattava di un semplice e banale remake del film con John Wayne e Monty Clift...


  • 1
i0fGiu6.png
 

OR

 

 


#41 Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15177 Messaggi:

Inviato 09 gennaio 2019 - 22:23

No non l'ho visto e me l'ero completamente dimenticato, ma mi hai ricordo il prossimamente che lo pubblicizzava come la rimpatriata dei Zio Zeb e Luke di "Alla conquista del west", magari proprio la volta in cui tuo padre lo registro'. Anche se non sara' certo ai livelli del film di Hawks potrebbe essere un buon prodotto, certi western televisivi degli anni 80 erano fatti insospettabilmente bene.

 

Tra l'altro mi hai ricordato una cosa molto simile che mi e' capita e che rientra perfettamente in remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti.

 

Da bambino nel lettone insieme ai nonni mi vidi questo western in cui c'e' questa diligenza che attraversa un territorio di guerra e alla fine viene attaccata da un nugulo di apache. Il film mi fece una enorme impressione, ma dimenticai titolo e tutto. Anni dopo quando da adolescente iniziai ad appassionarmi al cinema scopri' l'esistenza di "Ombre rosse" e ovviamente identificai il film che avevo visto da bambino. Pero' quando vidi il classico di Ford rimasi "deluso", perche' la storia era quella ma non era il film che ricordavo. Anni dopo ancora scopri' che il film che avevo visto era "I 9 di Dryfork City" di Gordon Douglas (un signor regista nel genere), cioe' un remake girato nel 1966.

Ora, potrei tenere una lezione sulla grandezza di "Ombre rosse" e di come abbia praticamente inventato non solo il genere western come lo intendiamo, ma forse anche tutto un tipo di cinema action. Pero' il remake di Douglas, molto piu' violento e cupo del capolavoro di Ford, conserva una sua forza. E almeno in una sequenza oso dire che e' superiore al film di Ford, proprio quella che piu' mi aveva colpito da bambino e che piu' ero rimasto deluso di non trovare in "Ombre rosse": mentre nel classico del '39 l'attacco degli indiani e' fermato dall'arrivo provvidenziale (e un po' gratuito) della cavalleria, nel film del '66 (piu' coerentemente) sono i passeggeri che da soli respingono l'attacco dopo una disperata resistenza.


  • 0

#42 nicholas_angel

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1645 Messaggi:

Inviato 10 gennaio 2019 - 01:09

Comunque in ambito serie

si puo’ aggiungere che “Westworld" è un degnissimo

allargamento dell’universo visto nel "Mondo dei robot" di Crichton 

(almeno dalla prima stagione e mezzo che ho visto)


  • 0
Immagine inserita

#43 Kerzhakov91

    Born too late

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5081 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 08 febbraio 2019 - 11:55



- Remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti: Il bacio della pantera


 

 

 

Visto "Il bacio della pantera" di Paul Schrader.

 

il08XIz.jpg

 

Uhm. Non lo definirei riuscito, ma neanche così malvagio. Tecnicamente e stilisticamente non gli si può dire nulla: è girato bene, la fotografia è ottima e anche gli effetti speciali sono ok (si nota l'influenza di "Un lupo mannaro americano a Londra"). Meno azzeccato invece il cast, Nastassja Kinski a parte. Buona la trovata di ambientarlo a New Orleans. Tutto sommato si discosta abbastanza dall'originale, variando un po' la trama e aggiungendo personaggi nuovi (dannosi, però, nel caso del fratello incestuoso interpretato da Malcolm McDowell, protagonista suo malgrado di qualche caduta di troppo nel kitsch). Schrader indugia eccessivamente sulle scene erotiche (del resto, il regista - reduce da "Hardcore" e "American Gigolo" - si era fatto quella nomea all'epoca), ma ci mostra pur sempre la Kinski come mamma l'ha fatta, e per questo gli saremo sempre grati.

 

Il confronto con l'opera raffinata di Tourneur rimane tuttavia impietoso: basti pensare alla riproposizione della celebre scena in piscina, risolta frettolosamente, senza riuscire a trasmettere neanche un minimo di tensione.


  • 1
i0fGiu6.png
 

OR

 

 


#44 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9014 Messaggi:

Inviato 08 febbraio 2019 - 14:23

Sempre piaciuto molto questo remake, non è quello di Tourneur per carità ma mi sembra funzioni più che egregiamente, la Kinski veramente ipnotizzante, una delle interpretazioni più erotiche della storia del cinema.

 

 

 

:unsure:  :sbav:  :sbav:  :wub:


  • 3

#45 Sandor

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5907 Messaggi:
  • LocationVersilia

Inviato 08 febbraio 2019 - 14:34

Il remake l'ho visto secoli fa e lo ricordo come un gran film ma forse ricordo più la meravigliosa Nastassja del film in se stesso.


  • 0

#46 Robert Plant

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1564 Messaggi:

Inviato 08 febbraio 2019 - 16:43

Tre piccioni con una fava.

 

 

- Remake superiori agli originali: Il capolavoro di Romero "La notte dei morti viventi" superiore per potenza visiva, ma ugualmente geniale, al film culto di Ubaldo Ragona "Lultimo uomo della terra, con un indimenticabile Vincent Price. 

 

 

- Remake all'altezza degli originali (magari di poco inferiori, ma comunque molto validi: ci sta di preferire l'uno o l'altro): "Occhi bianchi sul pianeta terra" con Charlton Heston di poco inferiore all'originale di Ragona. Il film con Heston risulta un po' invecchiato esteticamente, a differenza del film con Price che ha un sapore decisamente classico.

 

 

- Remake che non reggono il confronto con gli originali, ma pur sempre ben fatti: "Io sono Leggenda" con Will Smith. Ben girato e assolutamente godibile ma privo di fascino. rispetto ai precedenti.


  • 0

#47 Sandor

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5907 Messaggi:
  • LocationVersilia

Inviato 09 febbraio 2019 - 10:26

La notte dei morti viventi non direi che è un remake del film di Ragona, sicuramente Romero conosceva il film e soprattutto il romanzo di Mhateson , avrà preso spunto e idee ma nell'insieme è molto originale e seminale.
Il film di Will Smith è solo merda dai.
  • 3

#48 Robert Plant

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1564 Messaggi:

Inviato 09 febbraio 2019 - 19:20

Sono di opinione diversa, Sandor. Se Romero avesse semplicemente preso degli spunti per fare tutt'altro, allora posso essere d'accordo con te. Ma i due film si assomigliano troppo, sia dal punto di vista estetico che narrativo, Poco importa se nelle due pellicole non compaiono gli stessi personaggi. Le analogie superano ampiamente certe rivisitazioni. Nel film di Ragona la fotografia in bianco e nero di Franco Delli Colli, ad esempio, crea quell'atmosfera claustrofobica, che sarà tanto cara a Romero, soprattutto in Zombi, con quelle luci livide usate in chiave espressionista, apocalittica. Quello di Ragona è un film Romeriano girato quattro anni prima del celebre esordio del caro vecchio George. Non è Romero ad essere stato seminale ma Ragona che introduce per primo l'elemento fantapolitico su un impianto narrativo di genere come quello del cinema horror, e rovesciando diversi canoni. Il male, ad esempio, non si nasconde più dentro una dimora ma è fuori. Gli zombi romeriani non sono altro che gli stessi mostri vampireschi di Ragona leggermente perfezionati, con le capacità motorie ridotte al minimo, assieme alla coscienza, che negli zombi è annullata totalmente, mentre nei vampiri è ancora viva.


  • 0

#49 Sandor

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5907 Messaggi:
  • LocationVersilia

Inviato 09 febbraio 2019 - 20:55

Sicuramente il romanzo di Matheson ha influito Romero come tutti gli altri ,io non ne so abbastanza ma credo sia l'opera più influente sul cinema di fantascienza e horror dagli anni sessanta in poi.
Sicuramente la tua non è un'idea senza fondamento ,mi piacerebbe che altri più informati di me dicessero la loro.
  • 0

#50 Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15177 Messaggi:

Inviato 10 febbraio 2019 - 10:12

Anche se indubbiamente ci sono delle analogie, secondo me si tende a sopravvalutare l'influenza del film di Ragona sul film di Romero. Il quale avra' avuto piu' in mente il molto famoso all'epoca Carnival of Souls (che citera' esplicitamente in The Land... nella scena degli zombi nel fiume), ma anche serie tv come Twilight Zone, a cui secondo me si ispirava anche il film di Ragona. Ma soprattutto Romero ce l'ha mostrata chiaramamente anni piu' tardi la sua principale fonte di ispirazione girando Creepshow: i fumetti della EC Comics, che gia' negli anni 50 in effetti pullulavano di morti viventi "borghesi" e ambientavano l'orrore nel quotidiano.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi