Vai al contenuto


Foto
* * - - - 3 Voti

Le Minoranze Hanno Rovinato Il Cinema?


  • Please log in to reply
238 replies to this topic

#41 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:24

Beh Ma Uno puö anche essere a favore di piü pluralismo e contrario alle cagate politically correct eh!
Che poi a me danno fastidio allo stesso Modo anche le Scienziate ultrafighe e simili controparti di tutti i colori, compreso il Bianco.


E lo si dimostra andando contro all'esito scadente, non negando la consistenza del principio che sta dietro a quell'esito come ad altri valevoli.


Conoscete smbc comics?
  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#42 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:27

E SOPRATTUTTO in Italia sento che ci si lamenta per questa oppressione politicamente corretta che qui mai si è veramente incarnata.

 
è (anche) questo il punto: importiamo in maniera supina le preoccupazioni (giuste), le ossessioni e i tic di certa sinistra statunitense senza avere, nel bene e nel male, una situazione paragonabile alla loro che le giusitifichi. ma nel caso specifico la discussione era nata da un film americano...

Importiamo la discussione, specie gli aspetti reazionari, rinforzando la parte peggiore del nostro status quo, imho.
Saltiamo tesi e antitesi e qua si è contro la PC culture ma rischiamo Salvini premier
  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#43 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:28

 

E SOPRATTUTTO in Italia sento che ci si lamenta per questa oppressione politicamente corretta che qui mai si è veramente incarnata.

 

è (anche) questo il punto: importiamo in maniera supina le preoccupazioni (giuste), le ossessioni e i tic di certa sinistra statunitense senza avere, nel bene e nel male, una situazione paragonabile alla loro che le giusitifichi. ma nel caso specifico la discussione era nata da un film americano...

 

 

Finalmente qualcuno che lo dice. Poi il punto non è fare i censori su una discussione nata da un film americano. Ben venga anche quella che nasce da un film cecoslovacco. Il problema è non percepire neanche una minima distanza tra loro e noi(che come ha detto Ronald Regaz esiste ancora[almeno in alcuni casi]). Siamo già là senza essere mai stati di qua-> schizofrenia



#44 Guybrush Threepwood

Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:29

Secondo me tu non capisci Che politicamente corretto e apertura mentale/pluralismo Sono due Cose a prima Vista simili, Ma molto Differenti. Qua nessuno e' contrario Al secondo aspetto, solo Al Primo. E una cagata rimane una cagata Al di la' degli aspetti etico-filosofici (per me distorti) Alla base
  • 0

#45 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23831 Messaggi:

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:33

 

Come ci spieghiamo invece i progetti del (bravissimo) regista Steve McQueen?
Partito con "Hunger" e "Shame", ottenuto il riconoscimento mondiale si dedica a "12 anni schiavo" e pare stesse lavorando a un film su Paul Robeson, cantante e attivista nero.
Non suona un po' come: "ora che posso tutto, finalmente faccio i film sui neri"?


Tu che ne pensi? Domanda non retorica. Io non lo seguo direttamente (poi lui è inglese, giusto?), quindi per me può essere "se le faccio da ignoto, certe cose non se le fila nessuno"

 

 

 

La questione è complessa, perché io penso sia così - nel senso che ha fatto / farà film meno belli per parlare (come tutti gli altri) di storie razziali. Però nasce il dubbio contrario: e se fossi io ad avere una visione prevenuta o indulgente verso i film bianchi di McQ, che mi porta a preferire questi anziché quelli sui neri? Ma a dire il vero "Shame" non mi fa impazzire, mentre "Hunger" è un film molto potente e intransigente. Quindi resto ancora sulla mia idea iniziale.

 

edit: anche 12aS merita come film, parliamo comunque di un regista d'alto livello.


  • 1

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#46 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:35

 

 

E SOPRATTUTTO in Italia sento che ci si lamenta per questa oppressione politicamente corretta che qui mai si è veramente incarnata.

 
è (anche) questo il punto: importiamo in maniera supina le preoccupazioni (giuste), le ossessioni e i tic di certa sinistra statunitense senza avere, nel bene e nel male, una situazione paragonabile alla loro che le giusitifichi. ma nel caso specifico la discussione era nata da un film americano...

Importiamo la discussione, specie gli aspetti reazionari, rinforzando la parte peggiore del nostro status quo, imho.
Saltiamo tesi e antitesi e qua si è contro la PC culture ma rischiamo Salvini premier

 

 

Saltiamo il travaglio del negativo: saltiamo la storia. Saltiamo quando di buono conteneva ancora il pensiero marxista(l'attenzione ai processi storici).

E' l'eterno presente capitalista che non tollera nulla al di fuori di sè. La scuola Preve-Fusaro è tutta nel rifiuto di questa falsa percezione(che nasconde una falsa coscienza).

Attenzione che non sto sostenendo che sia in atto, nell STORIA, un processo di americanizzazione(che uno può valutare bene o male) ma che appunto non si percepisca la storicità di questo avvenimento, che lo viva come spontaneo. Il pensiero deve insorgere, as Anders docet, soprattutto su quanto viene pensato come spontaneo ma che spontaneo/naturale non è



#47 Guybrush Threepwood

Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:37

Oddio il culturalismo americano mi sembra Che sia stato e venga tuttora discusso.
  • 0

#48 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:42

Secondo me tu non capisci Che politicamente corretto e apertura mentale/pluralismo Sono due Cose a prima Vista simili, Ma molto Differenti. Qua nessuno e' contrario Al secondo aspetto, solo Al Primo. E una cagata rimane una cagata Al di la' degli aspetti etico-filosofici (per me distorti) Alla base


No, secondo me tu sei tu che non capisci che non serve essere razzisti per distorcere la realtà e non basta non esserlo perché sia meno distorta o le distorsioni abbiano effetti diversi, etc.

Ma magari tu lo capisci e io capisco quello che hai detto, no?
  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#49 Guybrush Threepwood

Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:44

Infatti manco io Ho Mai affermato niente di simile.
  • 0

#50 Guybrush Threepwood

Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 04 gennaio 2018 - 13:55

Che poi se non fosse chiaro Lo posso pure specificare: il razzismo e' peggio del politicamente corretto. Cio' non toglie Che ritengo sbagliati entrambi (in misura diversa)
  • 0

#51 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 04 gennaio 2018 - 14:47

E se nel 1998 una serie tv che parlava apertamente di sesso e normalizzava la promiscuità poteva (e anzi doveva) risultare una novità assoluta, guardare oggi Sex And The City diventa un po' un problema. E non solo perché il 99 percento dei personaggi sono bianchi (diversità etnica, questa sconosciuta). Il vero problema è Carrie.

 

https://i-d.vice.com...ex-and-the-city

 

Fresca, fresca. Poi mi dite: Tanto è Vice, blablabla.

Giusto così, per tastare il polso della follia, leggetelo.



#52 Faustino magiche emozioni

Faustino magiche emozioni

    l'uomo che sussurava ai citofoni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 666 Messaggi:
  • LocationTristan da Cunha

Inviato 04 gennaio 2018 - 14:49

Sono tutto sommato ancora abbastanza recenti le polemiche per Idris Elba ne La Torre Nera, in un ruolo che a detta di molti poteva essere solo di un bianco.
Che dire, io il libro non l ho letto, non sono nemmeno un ammiratore di King (del quale ho letto solo La Metà Oscura) però il film mi è piaciuto.
Idris Elba è un grande attore, io lo vedrei benissimo anche come James Bond.

Mi piacerebbe un bel James Bond nero, quella si che sarebbe una svolta decisiva verso il Black Power, che comunque è sempre meglio del "Fighe di Legno Power", la vera minaccia dell'imminente futuro.
  • 0
Qualcosa più di un freddo vuoto

#53 WaruMonzeamon

WaruMonzeamon

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3011 Messaggi:

Inviato 04 gennaio 2018 - 14:54

É un argomento questo che non mi interessa. Non credo che si sia rovinato il cinema per questo, magari avrá contribuito ed é sicuramente un fattore negativo, pero mi sembra anche una cosa relativamente facile da superare. 


  • 0

#54 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8278 Messaggi:

Inviato 04 gennaio 2018 - 14:56

E se nel 1998 una serie tv che parlava apertamente di sesso e normalizzava la promiscuità poteva (e anzi doveva) risultare una novità assoluta, guardare oggi Sex And The City diventa un po' un problema. E non solo perché il 99 percento dei personaggi sono bianchi (diversità etnica, questa sconosciuta). Il vero problema è Carrie.

 

https://i-d.vice.com...ex-and-the-city

 

Fresca, fresca. Poi mi dite: Tanto è Vice, blablabla.

Giusto così, per tastare il polso della follia, leggetelo.

 

Tanto è Vice, blablabla.


  • 2

#55 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 04 gennaio 2018 - 15:00

E se nel 1998 una serie tv che parlava apertamente di sesso e normalizzava la promiscuità poteva (e anzi doveva) risultare una novità assoluta, guardare oggi Sex And The City diventa un po' un problema. E non solo perché il 99 percento dei personaggi sono bianchi (diversità etnica, questa sconosciuta). Il vero problema è Carrie.
 
https://i-d.vice.com...ex-and-the-city
 
Fresca, fresca. Poi mi dite: Tanto è Vice, blablabla.
Giusto così, per tastare il polso della follia, leggetelo.

 
Tanto è Vice, blablabla.

Ma per davvero. Poi però una lettura ce la do, anche se non credo che Sex and the City sia un bersaglio difficile e sono completamente sconnesso dal target come questo lo era probabilmente dalla diversità.
Poi sparare sulla croce rossa passata a volte è troppo facile, ma a volte sempre su Vice trovi la giornalista che parte prevenuta su Woody Allen e poi gli riconosce la cura del personaggio femminile di Annie
  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#56 Ronald Regaz

Ronald Regaz

    ritardato mentale

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 801 Messaggi:
  • LocationSirolo

Inviato 05 gennaio 2018 - 09:39

 

 

E SOPRATTUTTO in Italia sento che ci si lamenta per questa oppressione politicamente corretta che qui mai si è veramente incarnata.

 
è (anche) questo il punto: importiamo in maniera supina le preoccupazioni (giuste), le ossessioni e i tic di certa sinistra statunitense senza avere, nel bene e nel male, una situazione paragonabile alla loro che le giusitifichi. ma nel caso specifico la discussione era nata da un film americano...

Importiamo la discussione, specie gli aspetti reazionari, rinforzando la parte peggiore del nostro status quo, imho.
Saltiamo tesi e antitesi e qua si è contro la PC culture ma rischiamo Salvini premier

 

 

appunto: una delle ragioni per cui rischiamo Salvini premier, sebbene ovviamente non la prima, potrebbe essere il fatto che certa popolazione giovane di sinistra anziché preoccuparsi della nostra situazione voglia mostrarsi trendy (quanto metaironicamente non lo so e me ne frego) scimmiottando gli aspetti più discutibili della sinistra giovane di un altro paese... e questo vale anche per chi gli risponde, certo, ovvero la destra replica paro paro certi attacchi a un p.c. che come giustamente si diceva qui da noi non è mai veramente esistito se non, a sua volta, per imitazione.

 

un po' come quelli che se la prendono col neoliberismo come causa di tutti i mali e la destra liberale che gli fa notare che in Italia magari ci fosse mai stato (a loro volta ignorando, o facendo finta d'ignorare, che anche se non c'è stato da noi c'è stato comunque a un livello globale nel quale siamo coinvolti, di modo che la società italiana come al solito finisce per avere il peggio di entrambe le situazioni: l'immobilismo di una società illiberale + le devastazioni del liberismo globalizzato; una politica che non s'è mai fatta problemi a essere sommamente scorretta + le polemiche idiote attorno al politically correct; etc.


  • 1

#57 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8278 Messaggi:

Inviato 05 gennaio 2018 - 10:01

ray bradbury comunque in linea con the man / wallera / regaz sulle minoranze rovinanti:

 

Now let's take up the minorities in our civilization, shall we? Bigger the population, the more the minorities. Don't step on the toes of dog lovers, Mormons, Baptists, Unitarians, second-generation Chinese, Swedes, Italians, Germans, Texans, Brooklynites, Irishmen, or people from Oregon or Mexico. The people in this book, this play, this TV serial are not meant to represent any actual painters, cartographers, mechanics anywhere.

The bigger your market, the less you handle controversy, remember that! All the minor minor minorities with their navels to be kept clean. Authors, full of evil thoughts, lock up your typewriters. They did. Magazines became a nice blend of vanilla tapioca. Books, so the damned snobbish critics said, were dishwasher. No wonder books stopped selling, the critics said.


  • 1

#58 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 05 gennaio 2018 - 10:06

@RR

Onesto? Onesto: non nego la realtà dei fenomeni che elenchi, ma ogni volta mi deludete o mi deludo, perché io il nesso causale (fra le tante cause, lo dite sempre) non lo vedo. Per me è inconcepibile. Per me la disattenzione ai nostri temi è, al meglio, scorrelata; al peggio, condizione di partenza per l'interessamento a quelli altrui. E questo a sua volta non lo vedo motivo, pur secondario, del rischiare Salvini.

Fate voi il discorso analogo meno off-topic.

Ed entrambe queste visioni (la nostra sinistra, o meglio, noi giovani su internet, colpevoli di... l'aumento di personaggi secondari e primari collegati a minoranze) secondo me sono fastidiose, "pericolose" e concausa di disattenzioni.

Dopotutto si possono scrivere longform equivalentemente long su qualsiasi cosa, e qui mi fermo


  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you


#59 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7585 Messaggi:

Inviato 05 gennaio 2018 - 10:08

Si, ma si era partiti parlando di un argomento specifico cioè la situazione del cinema americano, in particolar modo quello di intrattenimento che volenti o nolenti è quello che ha creato la grande polla dei miti degli ultimi 60 anni, ora mi sembra si stia allargando il discorso in maniera un po' troppo dispersiva.

Nella discussione su Star Wars 8 parlavo della morte del perturbante nel cinema mainstream americano che sta velocemente portando ad avere prodotti sempre più standardizzati e anestetizzati, la cosa è dovuta sicuramente a più fattori: il politicamente corretto imperante che per quanto si cerchi di ridicolizzarne o sminuirne gli effetti ha messo molti nuovi e discutibili paletti su cosa sia proponibile in una grossa produzione cinematografica, gli studios ormai sempre più in mano a grosse multinazionali che cercano i massimi profitti col minimo rischio ed esercitano un sempre più asfissiante controllo sul processo creativo proprio per depurarlo di qualunque elemento teoricamente pericoloso, l'arrivo ai vertici del potere hollywoodiano di executives che di cinema ne capiscono sempre meno e si affidano a indagini di mercato e altre amenità assortite, e bisogna pur dire che uno come Weinstein per quanto discutibile, schifoso ecc rappresentava ancora un'idea di produttore vecchio stampo che di cinema bene o male ne capisce, una figura che oramai sia avvia all'estinzione.

In questo senso l'egemonia sempre più totale della Disney nel panorama cinematografico americano degli ultimi vent'anni è paradigmatica e sta producendo effetti devastanti proprio perché la compagni riassume tutti i difetti sopracitati oltre a veicolare per definizione un'idea di cinema edulcorato, zuccheroso, inoffensivo e sottilmente rincoglionente a cui personalmente sono sempre più insofferente.

 

Spoiler


  • 1

#60 bELLE ELLEish

bELLE ELLEish

    TOPAZIO

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10792 Messaggi:
  • Location...riverrun

Inviato 05 gennaio 2018 - 10:12

ray bradbury comunque in linea con the man / wallera / regaz sulle minoranze rovinanti:

 

Now let's take up the minorities in our civilization, shall we? Bigger the population, the more the minorities. Don't step on the toes of dog lovers, Mormons, Baptists, Unitarians, second-generation Chinese, Swedes, Italians, Germans, Texans, Brooklynites, Irishmen, or people from Oregon or Mexico. The people in this book, this play, this TV serial are not meant to represent any actual painters, cartographers, mechanics anywhere.

The bigger your market, the less you handle controversy, remember that! All the minor minor minorities with their navels to be kept clean. Authors, full of evil thoughts, lock up your typewriters. They did. Magazines became a nice blend of vanilla tapioca. Books, so the damned snobbish critics said, were dishwasher. No wonder books stopped selling, the critics said.

 

Vedi? Una volta il fardello dell'uomo bianco era dover civilizzare i buzzurri, adesso è non offenderli. Chiaramente è un fardellone e chi ce l'ha sul groppone?
Però com'è vero che il ruolo della vittima possa essere ambito, specialmente se si è fatto il classico, è vera anche l'istanza per cui chi è stato vittima, o fa parte di una categoria che storicamente lo sia stato, non vuole essere rappresentato solo come una vittima.

Istanza che a volte però, se è ascoltata, lo è come occasione di togliersi il fardellone dal groppone e non come spunto di riflessione [rappando]


  • 0

A proposito del Maurizio Costanzo show, a me l'ospitata del Joker al programma del personaggio di De Niro ha ricordato una di Aldo Busi, ma proprio uguale, compreso il balletto con cui si presenta al pubblico. Dubito che Phoenix si sia ispirato a quella, ma in certe parti, quando si mette a checcheggiare, la somiglianza era impressionante.

il primo maggiorenne che vedrò vestito da joker a carnevale, halloween o similia lo prendo per il culo di brutto
minimo un A STRONZOOOO, ANCORA STU JOKER? STRONZOOOO, vieni a casa mia che ho bisogno di una mano a sgomberare la mansarda, STRONZOOOO

There is a duality between thought and language reminiscent of that which I have described between dreaming and play

Man the sum of his climatic experiences Father said. Man the sum of what have you





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq