Vai al contenuto


Foto
* * * - - 8 Voti

#brexit E Futuro (Istituzionale, Politico, Economico) Dell'ue: Parliamone


  • Please log in to reply
1814 replies to this topic

#1 combatrock

    utente antifrastico-apotropaico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30630 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2016 - 18:41

Allora: visto che il tema aleggiava in vari thread, e visto anche siamo ormai alla vigilia del referendum che potrebbe cambiare tutto o non cambiare niente, mi pareva il caso di aprire una discussione apposita. Mi piacerebbe che fosse costruttiva, che si postassero molti articoli dalle più diverse fonti (in modo di farsi un'idea sulle opinioni dei britannici ma anche degli altri); e che si evitassero posizioni massimaliste per partito preso da tutte le parti (tipo che il sì o il no sarebbero la realizzazione della Gerusalemme celeste o il tramonto dell'Occidente). Riusciamo a non mandarla in vacca?

 

Inizio postando un articolo che ho trovato curioso e interessante, tratto dal Washington Post (a proposito dello sguardo degli altri). Visto che i fautori della Brexit sostengono di voler seguire l'esempio norvegese....

 

 

 

 

 

Brits look to Norway for post-Brexit model.

Norwegians urge Brits to look again.

 

Some people advocating for a British exit from the European Union have used Norway as a prime example of how the U.K. would survive and thrive outside the E.U. But many Norwegian politicians and business people are wondering why. 

 

 

 


If Britain votes to leave the E.U. on June 23 and follows Norway’s lead as an E.U. outsider, officials here say, the British should be prepared for less control over their own affairs, not more. That is because Norway still must abide by E.U. rules and regulations, even though it has no say in shaping them.

 

“Yes, we have access to the single market. But we’re also subject to legislation that we can’t influence,” said Kristin Skogen Lund, director general of the Confederation of Norwegian Enterprise. “The U.K. is a big member of the E.U., and they have crucial influence. Why would they give that up?” 


  • 2

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#2 neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3843 Messaggi:
  • Locationqua

Inviato 13 giugno 2016 - 21:58

71304040.jpg

 

scusa è più forte di me pensare a questa vignetta ogni volta che leggo Brexit


  • 0
apri apri, apri tutto!

#3 corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12039 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 14 giugno 2016 - 05:45

Pensavo fosse una vittoria relativamente facile del Remain, tipo 56-44. Gli ultimissimi sondaggi (Guardian mi pare), danno addirittura sei punti di vantaggio a Leave, ma anche nel referendum scozzese ci fu un sorpasso nei sondaggi negli ultimi giorni. Dando per assodato le ovvie differenze nella composizione dell'elettorato, penso che la bolgia anti-UE  sia piu' "vocal" (cosi' come accadde nel referendum scozzese) e alla fine della fiera vincera' di pochissimo Remain.

Cameron si scopa i maiali, e' posh, vuole distruggere l'NHS etc., ma se vince anche questa avra' un posto d'onore nella storia politica britannica (anche se corre il serissimo rischio di venire sbranato dal partito anche in caso di vittoria, a questo punto rosicata). Bisogna ammirare di questi tempi in Europa il pro-attivismo di Cameron che ha rischiato tutto due volte in meno di un anno.

 

Altri pensieri sparsi (e scarsi):

1) Merita una riflessione il fatto che il blocco BigBusiness/MurdochMedia/Tory/WhiteVans sia stato spezzato dal referendum.

2) Ho avuto l'impressione che il Labour e quel pezzente filo-Hamas di Corbyn non si siano spesi quanto avrebbero dovuto per Remain

3) Se vince Leave, la Scozia sara' indipendente nei prossimi 10-15 anni

4) Per la UE saranno "uncharted waters" in caso di vittoria di Leave, ma non e' detto che la Core EU non ne possa uscire addirittura rafforzata dopo un periodo di sbandamento

5) Putin tifa Brexit. Meglio ricordarlo.

6) Per sicurezza mi sono informato sul come far ottenere la cittadinanza italiana a mia moglie. 


  • 3

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと ... 僕はわかった

 


#4 bosforo

    ¬`¬`

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19668 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 07:49

Per me invece Cameron si conferma il vigliacco che è per aver lasciato una scelta strategica come questa ad un pubblico impreparato. E sospetto che se non fosse stato per gli intercentindella regina e di Gordon Brown a quest'ora la Scozia sarebbe un paese a sé.

Sono più d'accordo sulla responsabilità di quell'ectoplasma invertebrato di Corbyn, in caso di vittoria del Leave. Non mi meraviglierei se la sua fosse una decisione consapevole.

Devo dire che segretamente spero vinca il Leave, anche se sarebbe contro i miei interessi, e spero che l'esito sia disastroso. Ne ho sentite veramente troppe in questi ultimi mesi e penso sia l'ora che i britannici (anzi, gli inglesi) dalla memoria corta imparino la lezione con le cattive.
  • 1

#5 corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12039 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 14 giugno 2016 - 08:01


Sono più d'accordo sulla responsabilità di quell'ectoplasma invertebrato di Corbyn, in caso di vittoria del Leave. Non mi meraviglierei se la sua fosse una decisione consapevole.

 

Quasi sicuramente. Probabilmente lui ed il suo core-electorate vedono la UE come un progetto politico neoliberale etc. e sperano di uscirne fuori (senza avere le palle di spendersi pubblicamente per Leave). D'altronde ormai e' diventata verita' storica assodata che negli anni '70 il regno Unito pre-Thatcher fosse una Bengodi socialista, quindi perche' non riprovarci.

 

Su Cameron vigliacco, non sono d'accordo. Sia il referendum scozzese che quest'ultimo per me sono temi che hanno il diritto di esser decisi con questo strumento. I referendum ridicoli sono quelli sull'Ucraina fatto in Olanda recentemente ad esempio (io direi anche l'ultimo fatto in Italia, ma vabbe'). 


  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと ... 僕はわかった

 


#6 bosforo

    ¬`¬`

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19668 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 08:19

Sono più d'accordo sulla responsabilità di quell'ectoplasma invertebrato di Corbyn, in caso di vittoria del Leave. Non mi meraviglierei se la sua fosse una decisione consapevole.

D'altronde ormai e' diventata verita' storica assodata che negli anni '70 il regno Unito pre-Thatcher fosse una Bengodi socialista, quindi perche' non riprovarci.

Non a caso le working classes tanto amate dal Guardian supportano il fronte leave con tanta veemenza.

Forse inconsapevoli del fatto che proprio negli anni di Wilson e Heath per ben due volte non li hanno fatti entrare nella CEE anche perché all'epoca crescevano molto più lentamente dei sei paesi del blocco iniziale.
  • 0

#7 Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14105 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 14 giugno 2016 - 10:53

Ck485U0UoAA2LEQ.jpg

non che ci fossero dubbi sul sun ma non è male il gioco di parole

secondo me vincono i leave, son piu motivati


  • 0
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#8 Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14105 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 14 giugno 2016 - 11:18

ah una cosa positiva della brexit potrebbe essere la diminuzione di quelle persone che quando gli chiedi cosa fanno nella vita ti rispondono: "sto a londra"


  • 8
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#9 combatrock

    utente antifrastico-apotropaico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30630 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 11:37

Buon articolo riassuntivo del Sole, lo riporto qua sotto con un paio di stralci su altrettanti punti di cui si parla poco ma che mi sembrano molto importanti. Soprattutto per quanto riguarda i laburisti (non capisco francamente le polemiche su Corbyn qui sopra), la Scozia e la situazione irlandese, potenzialmente la più calda post-referendum (gli Unionisti ovviamente sono per l'uscita, così si tronca ogni legame con l'"altra" Irlanda).

 

P.s.: non mi riesce di metterlo in un formato decente perché non lo so fare. Accontentatevi.

 

 

 

 

 

Due settimane al referendum su Brexit: tutto quello che c’è da sapere

 

 

Le urne saranno aperte dalle 7 alle 22 di giovedi 23 giugno, mentre il voto postale è già avvenuto. Gli elettori dovranno rispondere alla domanda: «La Gran Bretagna dovrebbe restare membro dell'Unione Europea o lasciare l'Unione Europea?» e mettere una croce sulla casella prescelta. Possono votare tutti i cittadini britannici, irlandesi o dei Paesi del Commonwealth che hanno la residenza in Gran Bretagna, ma non i residenti cittadini di altri Paesi Ue. Non c'è un'affluenza minima, e vincerà la parte che ottiene anche un solo voto più dell'altra. 

 

Chi è a favore di restare? 
Il premier David Cameron, il cancelliere dello Scacchiere George Osborne e il ministro dell'Interno Theresa May, e circa metà dei deputati conservatori. La grandissima maggioranza dei deputati laburisti, l'intero partito liberaldemocratico e i Verdi. Il partito gallese Plaid Cymru e lo Scottish Nationalist Party. Tories, laburisti, verdi e libdem hanno fatto campagna insieme e riconoscono Stronger in Europe come movimento ufficiale dei sostenitori di Remain. La Cbi, la Confindustria britannica, le multinazionali e la maggioranza delle grandi imprese vogliono restare.

 

Chi è a favore di Brexit? 

Ukip e i quattro milioni di persone che hanno votato per il partito di Nigel Farage nelle elezioni dello scorso anno. Circa metà dei deputati conservatori, tra i quali l'ex sindaco di Londra Boris Johnson, il ministro della Giustizia Michael Gove e altri quattro ministri; una decina di deputati laburisti e il Democratic Unionist Party dell'Irlanda del Nord. Il fronte pro-Brexit è più diviso, con diversi movimenti come VoteLeave e Grassroots Out. Ukip fa campagna da solo. Molte piccole e medie imprese sono a favore di Brexit, così come gli hedge fund. 

 

Cosa succede in caso di vittoria del fronte Brexit?
In base all'articolo 50 del Trattato sull'Unione Europea, che contempla il ritiro volontario di un Paese membro dalla Ue, iniziano i negoziati tra Bruxelles e Gran Bretagna e il periodo di transizione durerà due anni. La Gran Bretagna deve continuare a rispettare le regole Ue ma non avrà più una voce in capitolo. Tutto quindi resta ‘congelato' fino alla conclusione delle trattative, che però si prevede dureranno ben oltre il 2018. 

 

Cosa succederà a un turista o lavoratore italiano dopo Brexit? 
Nell'immediato nulla, fino a quando durerà il periodo di transizione e verranno stabilite le nuove regole. Chi ha già la residenza in Gran Bretagna non avrà problemi. Nella peggiore delle ipotesi se vincerà la linea di Ukip e verranno imposte restrizioni alla circolazione dei cittadini Ue, i non residenti dovranno ottenere un visto per vivere e lavorare in Gran Bretagna. L'ipotesi è però improbabile, perchè avrebbe contraccolpi negativi anche per i due milioni di cittadini britannici che vivono in altri Paesi europei.

 

Quali saranno le nuove regole sull'immigrazione in Gran Bretagna? 
Impossibile prevederlo, perchè dipende da che tipo di accordo verrà stabilito. Lo schieramento pro-Brexit ha promesso di limitare l'immigrazione dalla Ue, omologando i cittadini Ue ai cittadini extra-Ue che devono richiedere il visto, e introducendo un sistema a punti come quello in vigore in Australia. Se però la Gran Bretagna vorrà restare parte del libero mercato e vuole la libera circolazione dei beni allora dovrà accettare anche la libera circolazione delle persone, come ad esempio ha dovuto fare la Svizzera pur non essendo parte della Ue.

 

Quale sarà l'impatto di Brexit sull'economia? 
Tutti concordano che l'impatto immediato sarà negativo, con una ricaduta sulla sterlina e sui mercati finanziari. Il fronte pro-Brexit ritiene che superata la fase iniziale l'economia britannica ripartirà alla grande e Londra resterà il centro finanziario d'Europa, libera dalle regole imposte da Bruxelles. Il fronte Remain invece, sostenuto dal Fondo monetario internazionale, dall'Ocse e dagli uffici studi delle maggiori banche, afferma che il danno all'economia sarà permanente, con brusco calo del Pil, crollo degli investimenti e dell'export. Tre milioni di posti di lavoro sono direttamente collegati agli scambi commerciali con la Ue.

 

Quale sarà l'impatto di Brexit sul Regno Unito?
La Scozia, fortemente filo-europea, chiederà un secondo referendum che questa volta potrebbe portare all'indipendenza. Però non è una prospettiva immediata, dato che l'Snp al Governo ha perso la maggioranza assoluta e che il crollo del prezzo del petrolio ha indebolito l'economia scozzese. La situazione si prospetta più grave per l'Irlanda del Nord, dato che i trattati di pace tra protestanti e cattolici prevedono la libera circolazione delle persone all'interno dell'isola. Il fronte pro-Brexit si è impegnato a mantenere la libera circolazione interna, ma questo costringerebbe a controlli all'immigrazione all'uscita dall'Irlanda che sarebbero complessi e politicamente delicati.

 

Quale sarà l'impatto di Brexit sulla Ue? 
Gli esperti prevedono un impatto negativo per l'economia europea, che nella peggiore delle ipotesi potrebbe scivolare di nuovo verso la recessione. Il contraccolpo sarà grave soprattutto per l'economia irlandese, che è strettamente connessa a quella britannica. Il rischio maggiore è però politico. Brexit darebbe la carica ai partiti anti-Ue in altri Paesi europei che potrebbero volere seguire le orme della Gran Bretagna, anche se realisticamente solo Svezia e Danimarca potrebbero uscire. L'uscita di un Paese dell'eurozona sarebbe infatti troppo complessa e destabilizzante.

 
Ci sono precedenti?
No, è terra incognita. Nessun Paese sovrano ha mai lasciato la Ue. L'unico precedente è la Groenlandia, che nel 1982 dopo avere ottenuto maggiore autonomia dalla Danimarca ha tenuto un referendum. Il 52% ha votato a favore di lasciare e dopo un periodo di negoziati la Groenlandia è uscita.

  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#10 Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14105 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 14 giugno 2016 - 11:41

ma la sterlina e la piazza di londra eran fortissimi già prima dell'entrata nell'ue, non credo cambierebbe molto

non mi pare che le banche svizzere se la passino male

ecco la questione irlandese già la vedo piu complicata


  • 0
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#11 combatrock

    utente antifrastico-apotropaico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30630 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 11:43

ma la sterlina e la piazza di londra eran fortissimi già prima dell'entrata nell'ue, non credo cambierebbe molto

ecco la questione irlandese già la vedo piu complicata

 

No, Max: mi sa che hai bisogno di un ripasso di storia asd

Quando la Gran Bretagna è entrata in Europa, aveva letteralmente le pezze al culo, una bilancia dei pagamenti in stato pietoso e la sterlina idem.

 

Questo è il cambio sterlina/dollaro nell'ultimo secolo (e ovviamente non registra solo gli effetti dell'ingresso in Europa o meno).

dollar-verylong.gif


  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#12 Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14105 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 14 giugno 2016 - 11:50

se vedi quel grafico la sterlina sta peggio ora del 73


  • 0
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#13 Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12778 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 12:24

A me questa storia sembra tutta una follia, soprattutto quando sento gli inglesi che parlano della Norvegia come di modello da inseguire, senza rendersi conto che mentre i norvegesi sono pochissimi e soprattutto molto ben organizzati, la storia del successo anglosassone nel corso dei secoli è dovuta quasi esclusivamente allo sfruttamento del lavoro di terzi asd


  • 0
OR

#14 uomoz

    ឡុកឡាក់

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 939 Messaggi:
  • LocationGunung Agung

Inviato 14 giugno 2016 - 12:32

 mentre i norvegesi sono pochissimi e soprattutto molto pieni di petrolio e ben organizzati,

 

Bosforo ha ragione, forse sarebbe il momento che si prendano una bastonata e che si rendano conto che sono parte dell'Europa molto più di quanto vogliano credere. 

 

Commento meh, ma non essendo in UK è un po'difficile veramente capire, sia che aria tira sia le vere conseguenze. 


  • 0

#15 combatrock

    utente antifrastico-apotropaico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30630 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 13:00

se vedi quel grafico la sterlina sta peggio ora del 73

 

Max, non mi spostare l'obiettivo: tu hai detto "la sterlina e la piazza di Londra erano fortissime già prima dell'entrata" e io ti sto dicendo che non è così, che la sterlina è diventata forte più tardi e che anche Londra come piazza finanziaria ha conosciuto una "rinnovata gioventù" in anni successivi e per ragioni non necessariamente legate all'ingresso nel processo di integrazione europea. Se però parliamo della situazione economica nel complesso, gli anni in cui è stato accettato l'ingresso hanno corrisposto a uno dei periodi più neri dell'economia britannica. Il problema semmai, come alcuni hanno fatto notare, è che la Gran Bretagna non ha vissuto gli "anni d'oro" (quelli precedenti) il cui soprattutto la CEE ha fatto da incubatrice per la ripresa economica continentale, Italia in testa. Quindi, per certi versi, sono privi di quella "memoria positiva" associata all'Europa e questo è parte del problema per quel che riguarda il popolo (bue).

 

 

A me questa storia sembra tutta una follia, soprattutto quando sento gli inglesi che parlano della Norvegia come di modello da inseguire, senza rendersi conto che mentre i norvegesi sono pochissimi e soprattutto molto ben organizzati, la storia del successo anglosassone nel corso dei secoli è dovuta quasi esclusivamente allo sfruttamento del lavoro di terzi asd

 

Se leggi l'articolo che ho postato all'inizio, è tutto un ragionamento sul paragone con la Norvegia. Ed è interessante.

 

 

 

 mentre i norvegesi sono pochissimi e soprattutto molto pieni di petrolio e ben organizzati,

 

Bosforo ha ragione, forse sarebbe il momento che si prendano una bastonata e che si rendano conto che sono parte dell'Europa molto più di quanto vogliano credere. 

 

 

Se vince la Brexit, è prevedibile un nuovo referendum in Scozia con vittoria degli indipendentisti (e magari richiesta di questi ultimi di tornare nella UE). E ciao petrolio britannico.


  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#16 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 13:16

A naso, chiacchierando di questa faccenda con alcuni amici britannici (nemmeno pochi eh):

 

La totalità di loro di si professa a favore del "Remain". Il fatto è che loro per lo più fanno parte del ceto privilegiato che si può permettere gli studi all'UCL, fare l'erasmus nel resto d'Europa e poi prendersi l'anno sabbatico in giro per il mondo. Molti di loro hanno lavorato o lavorano in qualche paese dell'Eurozona (Germania e Francia in primis). Ridicolizzano sul fantomatico "orgoglio britannico" e capiscono l'insensatezza di un modello in stile Norvegia per l'Uk. Non proprio un campione rappresentativo.

 

Non ci vuole un genio per capire l'enorme scollatura che intercorre tra loro e il resto dell'Uk (working class ma non solo), specie fuori Londra, che vive in maniera nettamente diversa e sente esigenze ben più populiste e chissà se ha mai messo piede fuori dall'Uk.    

 

Staremo a vedere. 


  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#17 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 13:19

io non ho idea di nulla

combat cosa sta succedendo?
tolgono le ghinee?
  • 0

 


#18 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 13:23

io non ho idea di nulla

combat cosa sta succedendo?
tolgono le ghinee?

 

come sono le quote lassi?


  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#19 combatrock

    utente antifrastico-apotropaico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30630 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 13:54

io non ho idea di nulla
combat cosa sta succedendo?
tolgono le ghinee?

 
come sono le quote lassi?

Già: domanda interessante. Lassi, che dici? Due lire sulla GB che rimane nella UE le metterei.
  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#20 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 14:06

 

 

io non ho idea di nulla
combat cosa sta succedendo?
tolgono le ghinee?

 
come sono le quote lassi?

Già: domanda interessante. Lassi, che dici? Due lire sulla GB che rimane nella UE le metterei.

 

 

combat a me piace giocare solo ai cavalli; esempio le poche volte che sono andato al casinò, non ho messo una lira, mi fa schifo, stavo al bancone a bere con le signore in cerca di ricchi da accalappiare

 

mi concedo qualche diversivo così ma non si può scommettere su tutto dai; e poi meglio bancare che almeno si guadagna


  • 0

 


#21 Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12778 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 15:36

A naso, chiacchierando di questa faccenda con alcuni amici britannici (nemmeno pochi eh):

 

La totalità di loro di si professa a favore del "Remain". Il fatto è che loro per lo più fanno parte del ceto privilegiato che si può permettere gli studi all'UCL, fare l'erasmus nel resto d'Europa e poi prendersi l'anno sabbatico in giro per il mondo. Molti di loro hanno lavorato o lavorano in qualche paese dell'Eurozona (Germania e Francia in primis). Ridicolizzano sul fantomatico "orgoglio britannico" e capiscono l'insensatezza di un modello in stile Norvegia per l'Uk. Non proprio un campione rappresentativo.

 

Non ci vuole un genio per capire l'enorme scollatura che intercorre tra loro e il resto dell'Uk (working class ma non solo), specie fuori Londra, che vive in maniera nettamente diversa e sente esigenze ben più populiste e chissà se ha mai messo piede fuori dall'Uk.    

 

Staremo a vedere. 

 

Questo è verissimo, purtroppo. Del resto gli inglesi sono isolani, hanno la Regina e si sentono superiori al "continente". Londra è ovviamente pro-remain, ma la mentalità nel resto dell'Inghilterra è ben diversa, e ai fini del risultato di questo referendum la componente nazionalista non è assolutamente da sottovalutare.

 

Ma al di là dell'orgoglio nazionale, e delle solite stronzate stile Uk jobs for Uk people, io non riesco proprio a vedere argomentazioni davvero valide a favore dell'uscita dall'EU (come del resto non le vedevo per la Scozia, che se si fosse staccata dall'UK e poi aggregata all'EU sarebbe entrata come l'ultimissima ruota del carro contro superpotenze come Francia e Germania, che le avrebbero letteralmente pisciato dentro ogni lattina di Irn-Bru). Questo per dire che l'EU - nonostante sia lontanissima dall'essere perfetta e sia chiaramente dominata dalla Germania - crea una rete socio-economica dal potenziale enorme e nella quale oggi come oggi è importatissimo avere un posto per poter assicurare i propri interessi, soprattutto per un paese come l'Inghilterra, che è potente e viene ascoltato con più attenzione rispetto a quelli del Sud.

L'unico modo per vivere veramente bene in autonomia è essere la Svizzera o le Cayman, ma l'Uk è troppo grossa e frastagliata per potersi trasformare in un paradiso fiscale. E dal momento che l'industria è morta, le manifatture si fanno in Cina e il terziario giova soprattuto grazie al traffico esterno, io non riesco proprio a vedere un'Inghilterra in grado di trasformari in super potenza a sé stante - o per lo meno, lo posso vedere per chi si muove ai piani altissimi della finanza all'interno della City, ma ironicamente l'average Joe che non ha mai messo piede fuori dalle Midlands se lo prenderà sempre e comunque nel culo come ai tempi di Maggie. E mi dispiace dirlo, ma con i mezzi che ci sono oggi la cosiddetta "ignoranza" della working class non è più una scusa, non sono mica come i neri in America, qui c'hanno NHS e istruzione di buona qualità per tutti.

 

Comunque, staremo a vedere.


  • 7
OR

#22 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9002 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 16:32

Mi pare però che l'approccio qui sia "chi vota a favore della brexit o è un ignorante proletario o c'ha qualche problema mentale o è un reazionario nazionalista bastardo." asd


  • 1

#23 Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12778 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 16:44

Mi pare però che l'approccio qui sia "chi vota a favore della brexit o è un ignorante proletario o c'ha qualche problema mentale o è un reazionario nazionalista bastardo." asd

 

Oppure uno ricco coi soldi depositati a Panama al quale dell'Uk non frega sostanzialmente un tubo ashd

 

 

Comunque non volevo passare per drastico, ma dal momento che effettivi e sicuri benefici economici io non ne vedo, mi viene da pensare che questo brexit sia una questione principalmente di orgoglio, esattamente come per la Scozia pochi mesi fa. Politicamente ed economicamente al momento sarebbe una sorta di suicidio, e mi sembra che lo stiano dicendo un po' tutti. Poi magari scoprono il petrolio a Bristol, e allora ci può anche stare...


  • 1
OR

#24 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9002 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 16:46

Secondo me conta anche una certa rivalità mai troppo sopita con i crucchi, gli inglesi sono molto sensibili a ste cose e le velate minacce di Schauble sicuramente non hanno aiutato.


  • 0

#25 Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12778 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 16:58

Sì, c'è sicuramente tanta insofferenza verso i tedeschi. Ma il punto rimane sempre lo stesso: per poter tenere sotto controllo le manovre della Germania (o per capire se stanno organizzando una nuova invasione della Polonia asd ) il metodo migliore è stare seduti al loro tavolo. Tirarsi fuori equivale a togliersi la possibilità di interferire. Che senso ha, al giorno d'oggi?


  • 0
OR

#26 Matthew30

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4013 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 17:37

Dunque da quanto leggo l'upper class sarebbe a favore del Remain, mentre le lower class preferirebbero un'uscita dall'UE sotto la spinta di Farage (il Salvini d'Albione, giù per lì), ho capito bene?

 

Al solito dipende tutto da quando deciderà la middle class, secondo me. Sempre che alla middle class il destino europeo dell'Inghilterra interessi. 


  • -1

#27 bosforo

    ¬`¬`

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19668 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 20:44

Per dare un'idea del livello del dibattito sgancio questo capolavoro di sottigliezza, praticamente degna delle vignette di Michael Cummings sugli irlandesi

Ckwk-BvWsAEAzES.jpg

Se ce la faccio lunedì vado in paese e fotografo quelli del banchetto Vote Leave, praticamente dei tuberi antropomorfi con panze da nono mese e metà denti mancanti che sputacchiano consegnando volantini.
  • 8

#28 ArchieFisher

    pacato come il vecchio che ho in avatar da 50 anni

  • Moderators
  • 7519 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 22:10

Un interessante link con i sondaggi sulla brexit disaggregati per categorie.

 

http://www.economist...s-eu-referendum

 

In sintesi:

Conservatori favorevoli, Laburisti contrari, LibDems contrari, UKIP favorevolissssssimi.

Scozzesi contrari, gallesi incerti, Inglesi incerti sia nel nord che nel sud.

Uomini e donne incerti.

Ricchi contrari, poveri favorevoli.

Giovani contrari, vecchi favorevoli.


  • 1
Life was never better than
in nineteen sixty-three

Ogni vita ha peso e dimenticanza calcolabili

"What kind of music do you usually have here?"
"Oh, we got both kinds. We got Country, and Western."

#29 combatrock

    utente antifrastico-apotropaico

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 30630 Messaggi:

Inviato 14 giugno 2016 - 22:13

 

Giovani contrari, vecchi favorevoli.

 

Grazie mille, Archie.

Quest'ultimo era l'unico dato che consideravo scontato. Clamoroso il dato dei LibDem: solo il 68% per rimanere, per un partito che negli ultimi anni ha fatto dell'europeismo la sua unica bandiera, è piuttosto basso. Segno che davvero la questione rimescola le carte della politica tradizionale (dato che anche gli altri partiti maggiori risultano spaccati).


Messaggio modificato da combatrock il 14 giugno 2016 - 22:16

  • 0

Rodotà beato te che sei morto


A voi la poesia proprio non piace eh?Sempre a rompere il cazzo state.


Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 


#30 ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21839 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 15 giugno 2016 - 08:20

 

A naso, chiacchierando di questa faccenda con alcuni amici britannici (nemmeno pochi eh):

 

La totalità di loro di si professa a favore del "Remain". Il fatto è che loro per lo più fanno parte del ceto privilegiato che si può permettere gli studi all'UCL, fare l'erasmus nel resto d'Europa e poi prendersi l'anno sabbatico in giro per il mondo. Molti di loro hanno lavorato o lavorano in qualche paese dell'Eurozona (Germania e Francia in primis). Ridicolizzano sul fantomatico "orgoglio britannico" e capiscono l'insensatezza di un modello in stile Norvegia per l'Uk. Non proprio un campione rappresentativo.

 

Non ci vuole un genio per capire l'enorme scollatura che intercorre tra loro e il resto dell'Uk (working class ma non solo), specie fuori Londra, che vive in maniera nettamente diversa e sente esigenze ben più populiste e chissà se ha mai messo piede fuori dall'Uk.    

 

Staremo a vedere. 

 

Questo è verissimo, purtroppo. Del resto gli inglesi sono isolani, hanno la Regina e si sentono superiori al "continente". Londra è ovviamente pro-remain, ma la mentalità nel resto dell'Inghilterra è ben diversa, e ai fini del risultato di questo referendum la componente nazionalista non è assolutamente da sottovalutare.

 

Ma al di là dell'orgoglio nazionale, e delle solite stronzate stile Uk jobs for Uk people, io non riesco proprio a vedere argomentazioni davvero valide a favore dell'uscita dall'EU (come del resto non le vedevo per la Scozia, che se si fosse staccata dall'UK e poi aggregata all'EU sarebbe entrata come l'ultimissima ruota del carro contro superpotenze come Francia e Germania, che le avrebbero letteralmente pisciato dentro ogni lattina di Irn-Bru). Questo per dire che l'EU - nonostante sia lontanissima dall'essere perfetta e sia chiaramente dominata dalla Germania - crea una rete socio-economica dal potenziale enorme e nella quale oggi come oggi è importatissimo avere un posto per poter assicurare i propri interessi, soprattutto per un paese come l'Inghilterra, che è potente e viene ascoltato con più attenzione rispetto a quelli del Sud.

L'unico modo per vivere veramente bene in autonomia è essere la Svizzera o le Cayman, ma l'Uk è troppo grossa e frastagliata per potersi trasformare in un paradiso fiscale. E dal momento che l'industria è morta, le manifatture si fanno in Cina e il terziario giova soprattuto grazie al traffico esterno, io non riesco proprio a vedere un'Inghilterra in grado di trasformari in super potenza a sé stante - o per lo meno, lo posso vedere per chi si muove ai piani altissimi della finanza all'interno della City, ma ironicamente l'average Joe che non ha mai messo piede fuori dalle Midlands se lo prenderà sempre e comunque nel culo come ai tempi di Maggie. E mi dispiace dirlo, ma con i mezzi che ci sono oggi la cosiddetta "ignoranza" della working class non è più una scusa, non sono mica come i neri in America, qui c'hanno NHS e istruzione di buona qualità per tutti.

 

Comunque, staremo a vedere.

 

 

 

Comunque non so a voi, ma mi pare che in Europa la preoccupazione al riguardo sia solo istituzionale. 

Sarei curioso di capire quanti cittadini europei sono favorevoli all'uscita e quanti quelli che vogliono gli inglesi ancora dentro.


  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#31 ArchieFisher

    pacato come il vecchio che ho in avatar da 50 anni

  • Moderators
  • 7519 Messaggi:

Inviato 15 giugno 2016 - 08:52

Sarei curioso di capire quanti cittadini europei sono favorevoli all'uscita e quanti quelli che vogliono gli inglesi ancora dentro.

 

 

 

http://www.pewglobal...-beyond-brexit/

 

70% Brexit bad for Europe

16% Brexit good for Europe

gli altri (credo) indecisi

 

 

There is overwhelming sentiment across Europe that Brexit would be a bad thing for the European institution: 89% in Sweden, 75% in the Netherlands and 74% in Germany say the British leaving would be not good for the EU.
France is the only country where more than a quarter (32%) of the public says it would be positive for the EU if the UK departed.


  • 1
Life was never better than
in nineteen sixty-three

Ogni vita ha peso e dimenticanza calcolabili

"What kind of music do you usually have here?"
"Oh, we got both kinds. We got Country, and Western."

#32 Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28165 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 15 giugno 2016 - 08:55

http://www.lastampa....kqN/pagina.html

 

Qual è il rischio più grande che corre l’Unione Europea ?

«C’è un susseguirsi di eventi che potrebbe derivare dall’addio di Londra. All’uscita britannica potrebbe seguire una separazione dall’Unione anche dei Paesi del Nord, quelli scandinavi in particolare. A questo si aggiunge la possibile elezione di Trump in America che porterebbe a un mix pericoloso. Il rischio peggiore per l’Europa è di fare un rovinoso salto indietro fino agli anni ’30 del Novecento, quelli che hanno preceduto l’avvento di Hitler e la Seconda Guerra Mondiale».


  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#33 Dottor Brewster

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9002 Messaggi:

Inviato 15 giugno 2016 - 09:00

tumblr_mojqcxv1Us1qz6z2wo1_400.gif


  • 0

#34 uomoz

    ឡុកឡាក់

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 939 Messaggi:
  • LocationGunung Agung

Inviato 15 giugno 2016 - 15:59

Celebrity deathmatch  asd 

 

NIGEL FARAGE vs BOB GELDOF
 

 


  • 0

#35 stalker

    93

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3405 Messaggi:

Inviato 15 giugno 2016 - 17:06

Da quanto mi dicono i miei colleghi inglesi l equazione working class = leave non è poi così esatta. Mi hanno parlato di parecchi familiari o amici di ceto e istruzioni elevati pronti a votare per uscire.
  • 0

#36 dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13085 Messaggi:

Inviato 15 giugno 2016 - 20:36

Comunque non è possibile che la risposta a nazioni che fanno referendum sul fatto di stare o meno in Europa sia semplicemente minacciarle che tutto andrà male in caso di uscita. Anche perchè la Grecia per esempio è rimasta e non è che poi la situazione lì sia migliorata.

Prima al telegiornale sentivo inglesi intervistati che dicevano di essere a favore dell'uscita citando tra i motivi quello che succede in Grecia e Italia. Hai voglia a convincerli che fanno male se su cose come immigrazione e austerità l'Europa non cambia. E credo che molti si rendano conto che al di là dei proclami l'Europa non ha alcuna intenzione (o forse neppure la capacità politica attualmente) di cambiare.


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#37 Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 15 giugno 2016 - 21:00

Comunque non è possibile che la risposta a nazioni che fanno referendum sul fatto di stare o meno in Europa sia semplicemente minacciarle che tutto andrà male in caso di uscita. Anche perchè la Grecia per esempio è rimasta e non è che poi la situazione lì sia migliorata.

Prima al telegiornale sentivo inglesi intervistati che dicevano di essere a favore dell'uscita citando tra i motivi quello che succede in Grecia e Italia. Hai voglia a convincerli che fanno male se su cose come immigrazione e austerità l'Europa non cambia. E credo che molti si rendano conto che al di là dei proclami l'Europa non ha alcuna intenzione (o forse neppure la capacità politica attualmente) di cambiare.

 

la grecia e l italia avevano giá problemi (e gli stessi tra l altro) ben prima di far parte dell euro eh...


  • 1

#38 ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21839 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 15 giugno 2016 - 22:49

Giusto meritavano il colpo di grazia soprattutto i greci che ci mancava poco venissero direttamente bombardati.
  • 1

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#39 Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 16 giugno 2016 - 05:51

Anche un po' di autoresponsabilitä non guasterebbe in ogni caso. Molti fingono che i problemi siano caduti dal cielo cosi', all improvviso. Non e' che fare qualche riforma seria faccia male eh, solo si vanno a toccare centri di interesse e di potere e ovviamente tutti sono d accordo che bisogna cambiare, ma non io, lo facciano gli altri. Poi per caritä si puö discutere sicuramente sulle modalitä e sui mezzi usati.
  • 1

#40 brachilone

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3501 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 06:53

Comunque non è possibile che la risposta a nazioni che fanno referendum sul fatto di stare o meno in Europa sia semplicemente minacciarle che tutto andrà male in caso di uscita. Anche perchè la Grecia per esempio è rimasta e non è che poi la situazione lì sia migliorata.

Prima al telegiornale sentivo inglesi intervistati che dicevano di essere a favore dell'uscita citando tra i motivi quello che succede in Grecia e Italia. Hai voglia a convincerli che fanno male se su cose come immigrazione e austerità l'Europa non cambia. E credo che molti si rendano conto che al di là dei proclami l'Europa non ha alcuna intenzione (o forse neppure la capacità politica attualmente) di cambiare.

 

Che le ricette dell'Europa non abbiano funzionato in Grecia e Italia ok, ma da qui ad accusare l'Europa di aver causato i problemi è profondamente sbagliato. Se l'Italia non fosse entrata nello SME avrebbe dichiarato bancarotta


  • 0

#41 reallytongues

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25498 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:03

Ho 42 anni fino a quando c'era la lira stavo da Diocleziano
Cambiavo lavoro quando mi rompeva anzi mi chiamavano dall'ufficio collocamento e i soldi non mi mancavano mai. Con un part time mettevo via soldi quanto ora con un full
Litalia era tra le prime 5 del mondo dio cristo
  • -3

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#42 reallytongues

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25498 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:08

Ricordo poi ai vecchietti europeisti che il loro bel lavoro indeterminato dove passano il tempo sul forum adesso se lo scorderebbero se avessero 20 anni
  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#43 brachilone

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3501 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:11

Ho 42 anni fino a quando c'era la lira stavo da Diocleziano
Cambiavo lavoro quando mi rompeva anzi mi chiamavano dall'ufficio collocamento e i soldi non mi mancavano mai. Con un part time mettevo via soldi quanto ora con un full
Litalia era tra le prime 5 del mondo dio cristo

 

Ah beh se stavi da dio tu forse era meglio tenersi la lira


  • 4

#44 reallytongues

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25498 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:17

Ho 42 anni fino a quando c'era la lira stavo da Diocleziano
Cambiavo lavoro quando mi rompeva anzi mi chiamavano dall'ufficio collocamento e i soldi non mi mancavano mai. Con un part time mettevo via soldi quanto ora con un full
Litalia era tra le prime 5 del mondo dio cristo


Ah beh se stavi da dio tu forse era meglio tenersi la lira
Stavano meglio tutti quelli che conosco
Vai a fare l'università e studia invece di perdere tempo qui
  • -1

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#45 brachilone

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3501 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:29

 

 

Ho 42 anni fino a quando c'era la lira stavo da Diocleziano
Cambiavo lavoro quando mi rompeva anzi mi chiamavano dall'ufficio collocamento e i soldi non mi mancavano mai. Con un part time mettevo via soldi quanto ora con un full
Litalia era tra le prime 5 del mondo dio cristo


Ah beh se stavi da dio tu forse era meglio tenersi la lira
Stavano meglio tutti quelli che conosco
Vai a fare l'università e studia invece di perdere tempo qui

 

 

Magari... purtroppo l'ho già finita. Comunque ti sbagli, l'Italia era a rischio fallimento. La tua percezione o la mia ovviamente non fanno testo. Ma è proprio per questo che nella costituzione è scritto che non si possono fare referendum su materie di questo tipo. Per fortuna.


  • 0

#46 reallytongues

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25498 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:33

Fallimento quando? Il Giappone è Fallito?
La costituzione probabilmente non prevede nemmeno il potere politico in cessione a Bruxelles. Europa unita impossibile. L'importante era solo privatizzare le monete nazionali
  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#47 brachilone

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3501 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:34

1992 - 1993


  • 0

#48 reallytongues

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25498 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:37

Ma Pensa? E chi te l'ha detto? Lo hai letto in qualche pubblicazione?
Io stavo da dio con un part time
800 mila lire
  • -1

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#49 brachilone

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3501 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:41

E' cosa recente, trovi informazioni dovunque. Allora c'era Amato presidente del consiglio, il debito pubblico degli ultimi 10 anni era raddoppiato e l'Italia fu obbligata dall'Europa ad abbandonare temporaneamente lo SME per poter svalutare, e rientrarci qualche anno dopo


  • 0

#50 reallytongues

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25498 Messaggi:

Inviato 16 giugno 2016 - 07:43

BETELLO tg1 annunciava le 35 ore ora ore settimanali-
Forse se non si entrava nell'euro si lavorava pure di meno
  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi