Vai al contenuto


Foto
* * * - - 5 Voti

David Bowie - Blackstar (2016)


  • Please log in to reply
340 replies to this topic

#61 Guest_Michele Murolo_*

Guest_Michele Murolo_*
  • Guests

Inviato 06 gennaio 2016 - 18:13

Il mio piano è andato a segno. Bara dei Pupi è per te che l'ho fatto. Toccare Gozzy sul duca era l'unico modo.



#62 Giovanni Drogo

Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6984 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2016 - 18:16

Boh Goz, tu sei il mio critico preferito dell'area ondarock perché sai scrivere bene, sai ascoltare con profondità cose diversissime tra loro ed hai una personalità strabordante. Quest'ultimo aspetto rende il tutto più divertente e monopolizza l'attenzione ma provoca anche "incidenti" come quell'introduzione veramente troppo importante rispetto a quanto il problema possa essere reale. Prendi e porta a casa. La rece è divertente, l'ho letta alla velocità della luce, ma quella tesi là è un po' strampalata.


  • 0

Statisticamente parlando, non lo so.


#63 Giovanni Drogo

Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6984 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2016 - 18:39

Un conto è un'artista che faccia fatica a pubblicare o promuovere un disco per motivi extra-musicali, politici o contrattuali con un'etichetta, o sul quale i media facciano ostruzionismo all'uscita per motivi x, ma stiamo parlando di Bowie cazzo, uno che quando fa un disco nuovo lo sanno anche i muri, poi ovvio che ci sia chi ne parla bene e chi male. Quell'introduzione è tragicomica perché ci si rende conto di come i giovani d'oggi non riescano a trovare qualche ideale serio sul quale impegnarsi a fare le lotte. Quindi tocca prendere la media di voti di Pitchfork dati ai dischi di Bowie degli ultimi tot anni.  asd


  • 0

Statisticamente parlando, non lo so.


#64 Greed

Greed

    passive attack

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11746 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2016 - 20:26

Quell'introduzione è tragicomica perché ci si rende conto di come i giovani d'oggi non riescano a trovare qualche ideale serio sul quale impegnarsi a fare le lotte

 

Se è per questo anche quattro pagine di recensione al recensore non scherzano, comunque asd


  • 0

#65 Giovanni Drogo

Giovanni Drogo

    Non lo so

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6984 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2016 - 20:34

Accetto di far parte della tipologia di giovani che ho citato. : (


  • 1

Statisticamente parlando, non lo so.


#66 Limenitis

Limenitis

    sputasentenze

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25804 Messaggi:
  • LocationArcore (ex URSS)

Inviato 06 gennaio 2016 - 22:18

caro limenitis, a dispetto di quanto sostieni i dischi di Bowie non sono stati accolti come quelli degli altri, a meno che non tu voglia far finta che Mediacritic, Allmusic, Pitchfork e Roling Stone non esistano. Stiamo parlando delle maggiori testate mondiali, non del mio blog.
Oltre a ciò, a riprova di quanto Bowie ancora oggi disturbi di più, se apri gli ultimi video di Cohen su Youtube non ci trovate accuse di massoneria, anticristianesimo, satanismo e chissà che altro. In quelli di Bowie ne trovi a bizzeffe.
 


Ma che mi fotte di quelle merde di Cohen e Young non ho manco un disco loro di Bowie ne ho una decina. Oddio sono troppo emozionato madonna santa, W Gesù W Gargamella <3
  • -1

Stefano

 

 

Sono stato ad un loro concerto in prima fila, impiedi. Ubriaco fracico ed erano convinte fossi un fan sfegatato, mi dedicavano le canzoni mentre io per quasi due ore urlavo: troieee!

 


#67 MilleLire

MilleLire

    IL MORALIZZATORE

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3802 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 06 gennaio 2016 - 22:22

Il + del "popolare" l'ho piazzato io, ci tengo a sottolinearlo. Il disco? Ancora non ascoltato
  • 0
Immagine inserita

#68 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7625 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2016 - 22:28

 

caro limenitis, a dispetto di quanto sostieni i dischi di Bowie non sono stati accolti come quelli degli altri, a meno che non tu voglia far finta che Mediacritic, Allmusic, Pitchfork e Roling Stone non esistano. Stiamo parlando delle maggiori testate mondiali, non del mio blog.
Oltre a ciò, a riprova di quanto Bowie ancora oggi disturbi di più, se apri gli ultimi video di Cohen su Youtube non ci trovate accuse di massoneria, anticristianesimo, satanismo e chissà che altro. In quelli di Bowie ne trovi a bizzeffe.
 


Ma che mi fotte di quelle merde di Cohen e Young non ho manco un disco loro di Bowie ne ho una decina. Oddio sono troppo emozionato madonna santa, W Gesù W Gargamella <3

 

 

in due giorni una uno-due insu gozer al cardiopalma per il pover limenitis.


  • 0

#69 Limenitis

Limenitis

    sputasentenze

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25804 Messaggi:
  • LocationArcore (ex URSS)

Inviato 06 gennaio 2016 - 22:32

Infatti non reggo, mi bevo una grappa
  • 0

Stefano

 

 

Sono stato ad un loro concerto in prima fila, impiedi. Ubriaco fracico ed erano convinte fossi un fan sfegatato, mi dedicavano le canzoni mentre io per quasi due ore urlavo: troieee!

 


#70 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11337 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2016 - 22:34

 

Avevo postato quella roba di Garga in privato, non avevo capito che volesse postarla qui.

Scrivo questo unico post di chiarimento, risparmiatevi pure i teatrini sui sei mesi e via dicendo, perché tanto non aggiungo altro. 

 

 

Va bhe ma che vuol dire dai, se sono album migliori è ovvio che ricevano voti più alti, non è che vengano trattati meglio come se avessero corsi preferenziali. Cioè si sta parlando di Bowie. Basta complottismo dai

 

Dunque si risolverebbe tutto con l'oggettiva superiorità di quei dischi.

Peccato però che quei dischi superiori contengano esattamente ciò che Dylan, Cohen e Springsteen hanno sempre fatto.

"The Next Day" invece al suo interno contiene generi molto diversi fra loro. Bowie alla sua età fa ancora dei tentativi, e io sono convinto che alla musica faccia più bene chi ci prova rispetto a chi si accomoda. 

 

E caro Limenitis, a dispetto di quanto sostieni i dischi di Bowie non sono stati accolti come quelli degli altri, a meno che non tu voglia far finta che Mediacritic, Allmusic, Pitchfork e Roling Stone non esistano. Stiamo parlando delle maggiori testate mondiali, non del mio blog.

Oltre a ciò, a riprova di quanto Bowie ancora oggi disturbi di più, se apri gli ultimi video di Cohen su Youtube non ci trovate accuse di massoneria, anticristianesimo, satanismo e chissà che altro. In quelli di Bowie ne trovi a bizzeffe.

 

Se leggete le recensioni di Dylan non troverete mai scritto "è l'ennesimo disco folk di Dylan", in quelle di Bowie - seppure in una parte minoritaria (e l'ho scritto che mi riferivo SOLO a questo tipo di detrattori, ma l'avete bellamente ignorato altrimenti non vi sarebbe stato possibile parlare di "accerchiamento", "idolatria", "vittimismo", "fanatismo" e altre infamate di bassa lega) - capita invece di leggere "è il solito disco di Bowie" o all'opposto "Bowie prova ad aggiornarsi prendendo da...".

 

Io è questo atteggiamento che ho voluto analizzare.

Se tizio viene trattato "A" e caio viene trattato "B", come le principali testate mondiali dimostrano, a me interessa capire perché. Quando scrivo di musica, la ricezione/percezione della stessa è un argomento che mi affascina più di qualsiasi altra cosa, fatto salvo il contesto storico (che è peraltro argomento collimante).

L'accusare di "complottismo" chiunque voglia capire ciò che sta intorno alla musica lo trovo infantile. La musica non viene fuori dal nulla e porta dietro di sé delle simbologie pesantissime. Il continuo svilire questi elementi fino all'impossibilità di parlarne rappresenta grosso del motivo per cui non scrivo più da queste parti.

Se a voi non interessa ciò che interessa me... leggete altri redattori!

 

La redazione è variegata apposta per offrire più punti di vista possibile, non v'ho chiesto io di concentrarvi su me. "Eh, ma questo è Bowie": ok, come spiegate allora le dieci tonnellate di veleno pure sui 2814? Non salterà fuori che quella recensione è scritta con toni fanatici spero.

Insomma mi sa proprio che continuerò a scrivere per il sito. E che continuerò a scrivere pure di Bowie, anche perché mi ritengo perfettamente lucido sull'argomento.

 

Egocentrismo poi?

In questo sito si possono leggere recensioni di gente che prima di parlare del disco spende paragrafi interi a raccontare cosa gli è successo a scuola, a mettere discettazioni su Nietzsche in mezzo a dischi punk, ma ne ricordo persino di chi parlava di una sua scopata!!!

Eppure non ho mai letto nessuno dire di questi signori "sì ma perché non parli del disco?", e da questo traggo le mie conclusioni.

 
Peraltro, anche se eliminate l'introduzione dedicata all'atteggiamento di questa minoranza critica su Bowie - che ho scritto con assoluta tranquillità a dispetto del caso che ci avete montato, ma ora l'ho modificata rendendola ancora più pacata, così sto sereno - anche eliminandola dicevo, rimane un'intera pagina word dedicata al disco, che è quindi più di molte recensioni che compaiono sul sito.
Non vi piace neanche quella? Benissimo, il dissenso è il carburante del miglioramento, però dire che il disco non sia stato preso in analisi è falso.
"Aloha".

 

 Se bowie si fosse fatto intimidire dai critici non sarebbe Bowie, perché delle osservazioni sulla tua godibile recensione dovrebbero turbarti, sei Federico e resti Federico, competenza e coraggio non ti mancano, sulla tua analisi non trovo pecche o cose che facciano pensare a superficialità, l'unica cosa che avrei approfondito era l'approccio del progetto ovvero far suonare rock a musicisti jazz , che è la vera novità di Blackstar, 


  • 0

#71 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15898 Messaggi:

Inviato 06 gennaio 2016 - 22:59

Avete visto le due anteprime del video di Lazarus? In una riprende il look del personaggio di Blackstar con la benda sugli occhi e i bottoni cuciti a mo' di occhi mentre nel secondo è vestito come in un photoshoot del 76 per Station To Station, esattamente così:

 

tumblr_lg7qr7bqkn1qgkbz6o1_400.jpg

 

E lui è talmente vecchio che fa quasi male a guardarlo :( ma è sempre magnetico


  • 1
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#72 unkle

unkle

    utente non governativo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2556 Messaggi:
  • Locationfrom the hill

Inviato 06 gennaio 2016 - 23:58

E lui è talmente vecchio che fa quasi male a guardarlo :( ma è sempre magnetico

 

darei via un rene per arrivare alla sua età così lucidamente in forma.


  • 0

#73 interface

interface

    Matteo Meda

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4364 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 06 gennaio 2016 - 23:59

"Nel frattempo, Bowie per farsi pubblicità presso il pubblico alternativo le prova tutte come al solito, inclusa dichiarazione ruffiana tramite Tony Visconti sull'essere ispirato da Kendrick Lamar. Di cui ovviamente non si trova traccia nel corso dell'album, e va più che bene così." ashd


Ma della copertina stile-ISIS non parla nessuno?
  • 0
OndaRock | Facebook | Twitter | RYM

comunque 'sta gente che guarda i voti fa un po' ridere. ma leggerla una recensione, no?
tanto difficile da capire che qualcosa che entusiasma qualcuno può annoiare qualcun'altro?


#74 xone89

xone89

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1115 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2016 - 00:04

E lui è talmente vecchio che fa quasi male a guardarlo :(

 

Almeno lui è arrivato ai 70 prima di essere così appellato asd


  • 0

#75 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15898 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2016 - 00:06

Beh i lifting che aveva fatto negli anni 90 erano stati fantastici, sicuramente hanno contribuito! asd

 

Della copertina trovo bellissimo il modo in cui hanno cercato di scrivere Bowie utilizzando i pezzetti della stella, davvero una bella idea.


  • 0
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#76 The Joker

The Joker

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2700 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2016 - 09:03

 

Scusate l'ignoranza, ma chi cazz'è 'sto Gozer? E perchè tutto 'sto casino attorno a quello che scrive?

 

The Joker

Registrato:
04-August 06

 

are you sure?

 

 

Sono sparito per un po', assorbito da altre questioni ed altre passioni, e mi sono perso codesta faccenda e codesto illustre personaggio.


  • 0

#77 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15898 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2016 - 09:56

Ecco il video di Lazarus:

 

 

Decisamente più statico e meno impressionante di Blackstar ma comunque un gran bel vedere... praticamente l'effetto è lo stesso di guardare quello di Strangers When We Meet dopo The Heart's Filthy Lesson o Dead Man Walking dopo quello di Little Wonder.


  • 4
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#78 Guest_Franzy_*

Guest_Franzy_*
  • Guests

Inviato 07 gennaio 2016 - 10:57

 

 

Avevo postato quella roba di Garga in privato, non avevo capito che volesse postarla qui.

Scrivo questo unico post di chiarimento, risparmiatevi pure i teatrini sui sei mesi e via dicendo, perché tanto non aggiungo altro. 

 

 

Va bhe ma che vuol dire dai, se sono album migliori è ovvio che ricevano voti più alti, non è che vengano trattati meglio come se avessero corsi preferenziali. Cioè si sta parlando di Bowie. Basta complottismo dai

 

Dunque si risolverebbe tutto con l'oggettiva superiorità di quei dischi.

Peccato però che quei dischi superiori contengano esattamente ciò che Dylan, Cohen e Springsteen hanno sempre fatto.

"The Next Day" invece al suo interno contiene generi molto diversi fra loro. Bowie alla sua età fa ancora dei tentativi, e io sono convinto che alla musica faccia più bene chi ci prova rispetto a chi si accomoda. 

 

E caro Limenitis, a dispetto di quanto sostieni i dischi di Bowie non sono stati accolti come quelli degli altri, a meno che non tu voglia far finta che Mediacritic, Allmusic, Pitchfork e Roling Stone non esistano. Stiamo parlando delle maggiori testate mondiali, non del mio blog.

Oltre a ciò, a riprova di quanto Bowie ancora oggi disturbi di più, se apri gli ultimi video di Cohen su Youtube non ci trovate accuse di massoneria, anticristianesimo, satanismo e chissà che altro. In quelli di Bowie ne trovi a bizzeffe.

 

Se leggete le recensioni di Dylan non troverete mai scritto "è l'ennesimo disco folk di Dylan", in quelle di Bowie - seppure in una parte minoritaria (e l'ho scritto che mi riferivo SOLO a questo tipo di detrattori, ma l'avete bellamente ignorato altrimenti non vi sarebbe stato possibile parlare di "accerchiamento", "idolatria", "vittimismo", "fanatismo" e altre infamate di bassa lega) - capita invece di leggere "è il solito disco di Bowie" o all'opposto "Bowie prova ad aggiornarsi prendendo da...".

 

Io è questo atteggiamento che ho voluto analizzare.

Se tizio viene trattato "A" e caio viene trattato "B", come le principali testate mondiali dimostrano, a me interessa capire perché. Quando scrivo di musica, la ricezione/percezione della stessa è un argomento che mi affascina più di qualsiasi altra cosa, fatto salvo il contesto storico (che è peraltro argomento collimante).

L'accusare di "complottismo" chiunque voglia capire ciò che sta intorno alla musica lo trovo infantile. La musica non viene fuori dal nulla e porta dietro di sé delle simbologie pesantissime. Il continuo svilire questi elementi fino all'impossibilità di parlarne rappresenta grosso del motivo per cui non scrivo più da queste parti.

Se a voi non interessa ciò che interessa me... leggete altri redattori!

 

La redazione è variegata apposta per offrire più punti di vista possibile, non v'ho chiesto io di concentrarvi su me. "Eh, ma questo è Bowie": ok, come spiegate allora le dieci tonnellate di veleno pure sui 2814? Non salterà fuori che quella recensione è scritta con toni fanatici spero.

Insomma mi sa proprio che continuerò a scrivere per il sito. E che continuerò a scrivere pure di Bowie, anche perché mi ritengo perfettamente lucido sull'argomento.

 

Egocentrismo poi?

In questo sito si possono leggere recensioni di gente che prima di parlare del disco spende paragrafi interi a raccontare cosa gli è successo a scuola, a mettere discettazioni su Nietzsche in mezzo a dischi punk, ma ne ricordo persino di chi parlava di una sua scopata!!!

Eppure non ho mai letto nessuno dire di questi signori "sì ma perché non parli del disco?", e da questo traggo le mie conclusioni.

 
Peraltro, anche se eliminate l'introduzione dedicata all'atteggiamento di questa minoranza critica su Bowie - che ho scritto con assoluta tranquillità a dispetto del caso che ci avete montato, ma ora l'ho modificata rendendola ancora più pacata, così sto sereno - anche eliminandola dicevo, rimane un'intera pagina word dedicata al disco, che è quindi più di molte recensioni che compaiono sul sito.
Non vi piace neanche quella? Benissimo, il dissenso è il carburante del miglioramento, però dire che il disco non sia stato preso in analisi è falso.
"Aloha".

 

 Se bowie si fosse fatto intimidire dai critici non sarebbe Bowie, perché delle osservazioni sulla tua godibile recensione dovrebbero turbarti, sei Federico e resti Federico, competenza e coraggio non ti mancano, sulla tua analisi non trovo pecche o cose che facciano pensare a superficialità, l'unica cosa che avrei approfondito era l'approccio del progetto ovvero far suonare rock a musicisti jazz , che è la vera novità di Blackstar, 

 

E This Is Not America ce lo siamo dimenticato?



#79 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15898 Messaggi:

Inviato 07 gennaio 2016 - 11:15

Beh anche Lester Bowie in Balck Tie White Noise allora... solo che in quei casi si trattava di musicisti jazz prestati a canzoni che erano già pop di per sè, erano quasi delle guest-star di lusso, invece stavolta la collaborazione mi sembra più bilanciata e l'influenza dello stile di questi musicisti sul risultato finale si avverte maggiormente.


  • 0
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#80 good vibrations

good vibrations

    Utente in cerca di nuovi stampi per il rock

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7574 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 07 gennaio 2016 - 11:21

Arrivato l'8.5 di pitchfork


  • 0
Immagine inserita




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq