Vai al contenuto


Foto
* * * - - 3 Voti

Noel Gallagher's High Flying Birds - Chasing Yesterday


  • Please log in to reply
189 replies to this topic

#41 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23879 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 15:54

E' semplice: che siano orecchiabili è la realtà dei fatti, il "non vuote" è un giudizio. Ho interesse nel commentare la prima cosa, non ho alcun interesse a commentare il secondo. 


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#42 Limenitis

Limenitis

    sputasentenze

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25804 Messaggi:
  • LocationArcore (ex URSS)

Inviato 12 aprile 2015 - 16:07

l'oggettiva scarsezza e mancanza di talento



Oggettiva eh
  • 0

Stefano

 

 

Sono stato ad un loro concerto in prima fila, impiedi. Ubriaco fracico ed erano convinte fossi un fan sfegatato, mi dedicavano le canzoni mentre io per quasi due ore urlavo: troieee!

 


#43 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5814 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:21

Non vuote effettivamente non significa niente, però ora star qui a sottolineare la differenza di melodie, armonie e arrangiamenti tra Gallagher e Ramazzotti e davvero troppo.

 

A leggere certe valutazioni mi convinco che gli Oasis e relativo successo sono stati inevitabili, oltre che necessari, quantomeno il panorama brit-pop d'allora era un campo aperto per una band che odiava i testi ironici medio borghesi di molte di quelle band, senza poi considerare il disfattismo del Grunge. Definitely Maybe ebbe un contrasto forte con quella scena musicale proprio per il suo disimpegno  semi-totale nei contenuti, era semplicemente pura musica pop fatta e finita senza doppie letture, e chi l'ascoltava non aveva paura di sembrare depresso o snob. Erano perfetti. In quei casi o tiri fuori ritornelli fantastici o sei fuori.

 

I loro limiti già evidenti si sono visti dal 1997 in poi, e nessuno sta qui a rivalutare quel periodo, ma è indiscutibile la bontà dei primi due album anche, ripeto, alla luce delle produzioni odierne. Oggi se gli Arctic Monkeys pescano a piene mani dai Black Sabbath e da Lou Reed nessuno gli rompe le balle, con gli Oasis invece no.

Ecco, il vero confronto lo farei tra Arctic Monkeys e Oasis.

 

Ah sui Supergrass mi limitavo al periodo del Brit pop, i loro primi album specie il secondo, erano piuttosto similari ad altre band del periodo, e la loro natura caciarona era innegabile.


  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#44 Kerzhakov91

Kerzhakov91

    X Offender

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4697 Messaggi:
  • LocationSan Pietroburgo, Russia

Inviato 12 aprile 2015 - 17:25

Sono l'unico a cui piacciono gli ultimi due album degli Oasis? Soprattutto Dig Out Your Soul

 

Il precedente disco solista di Noel mi aveva detto poco comunque, questo nuovo invece devo ancora ascoltarlo. 


  • 0

#45 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5814 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:29

Dig Out Your Soul mezzo capolavoro. Don't Believe the Truth con alti e bassi, ma già lì si avvertiva che Noel si era ripreso dall'oblio.


  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#46 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6871 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:32

Ma quale mezzo capolavoro... è ampiamente dimenticabile, escluso un paio di brani.


  • 0

#47 Limenitis

Limenitis

    sputasentenze

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25804 Messaggi:
  • LocationArcore (ex URSS)

Inviato 12 aprile 2015 - 17:36

e chi l'ascoltava non aveva paura di sembrare depresso o snob. Erano perfetti.




Non voleva sembrare depresso o snob.


Il resto sono le solite cagate: il brit pop la rivalità coi blur, tutto fatto per vendere più copie dei giornali, più copie dei dischi e ancora giornali. Confrontare i blur cogli Oasis musicalmente non ha senso.
  • 0

Stefano

 

 

Sono stato ad un loro concerto in prima fila, impiedi. Ubriaco fracico ed erano convinte fossi un fan sfegatato, mi dedicavano le canzoni mentre io per quasi due ore urlavo: troieee!

 


#48 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23879 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:37

Non vuote effettivamente non significa niente, però ora star qui a sottolineare la differenza di melodie, armonie e arrangiamenti tra Gallagher e Ramazzotti e davvero troppo.

 

A leggere certe valutazioni mi convinco che gli Oasis e relativo successo sono stati inevitabili, oltre che necessari, quantomeno il panorama brit-pop d'allora era un campo aperto per una band che odiava i testi ironici medio borghesi di molte di quelle band, senza poi considerare il disfattismo del Grunge. Definitely Maybe ebbe un contrasto forte con quella scena musicale proprio per il suo disimpegno  semi-totale nei contenuti, era semplicemente pura musica pop fatta e finita senza doppie letture, e chi l'ascoltava non aveva paura di sembrare depresso o snob. Erano perfetti. In quei casi o tiri fuori ritornelli fantastici o sei fuori.

 

I loro limiti già evidenti si sono visti dal 1997 in poi, e nessuno sta qui a rivalutare quel periodo, ma è indiscutibile la bontà dei primi due album anche, ripeto, alla luce delle produzioni odierne. Oggi se gli Arctic Monkeys pescano a piene mani dai Black Sabbath e da Lou Reed nessuno gli rompe le balle, con gli Oasis invece no.

Ecco, il vero confronto lo farei tra Arctic Monkeys e Oasis.

 

Ah sui Supergrass mi limitavo al periodo del Brit pop, i loro primi album specie il secondo, erano piuttosto similari ad altre band del periodo, e la loro natura caciarona era innegabile.

 

Per punti...

 

- Nel primo album dei Supergrass trovi dal pop coi coretti alla Beach Boys al powerpop, dalla ballata acustica alla jam blues. C'è più varietà in quei solchi che in tutta la carriera degli Oasis. Così tanto per precisare.

 

- Quando hai un minuto trovami il punto in cui avrei paragonato Oasis e Ramazzotti.

 

- Gli Arctic Monkeys hanno fatto cinque dischi tutti uno diverso dall'altro, e all'interno degli stessi dischi ci sono pezzi diversissimi fra loro. Gli Oasis hanno fatto lo stesso disco per tutta la carriera, e l'unico tentativo di fare qualcosa di diverso, "Be Here Now", si risolse in un album poi rinnegato da loro stessi e che in sostanza non faceva che aumentare le durate dei pezzi.


  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#49 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5814 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:37

 

Ma quale mezzo capolavoro... è ampiamente dimenticabile, escluso un paio di brani.

 

 

L'ultime quattro canzoni sono pessime, infatti non sono scritte da Noel.

 

E' il loro miglior disco post 90' per distacco, sia per bontà delle canzoni sia per produzione e sonorità efficaci e lontane dai loro standard.

 

Di meglio non hanno fatto.


  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#50 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6871 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:50

Di meglio non hanno fatto.

 

No, ok, se la si mette in questi termini... per me sono un frutto del loro tempo ed è naturale che siano morti con esso. Anacronistici oggi come 15 anni fa, super imbolsiti, Noel l'ha capito e s'è messo a scrivere per i nostalgici le sue cose da una posizione più defilata e meno esposta, e ha fatto solo bene (oltre a essere, immagino, maturato come persona, e ora mi sembra puntare a cose differenti).

 

Comunque siete riusciti a tirar fuori un nome peggiore degli Oasis, con gli Arctic Monkeys asd speriamo ci salutino presto anche loro!


  • 0

#51 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14693 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:54

Ascoltato per curiosità il disco solista. 3 - 4 pezzi sono effettivamente di classe, il resto è la solita minestra allungata. La sensazione è che se la piantasse di presentarsi come "l'alfiere" (© Ondarock) del ruock pane e salame potrebbe dire la sua. Anche restando nell'ambito del pane e salame, ma dove appunto si può essere i Creedence quanto il peggior Ligabue. Paradossalmente, proprio ad un tipetto come lui, sembra mancare l'ambizione di fare qualcosa di diverso, eppure è evidente che gli basta cambiare qualche sfumatura per trovare una verve diversa.

Il disco precedente non l'ho sentito, ma rispetto ad altre sue cose che ricordavo è notevolmente maturato come cantante, posto che in quell'ambito non sarà mai un granché.


  • 0

#52 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5814 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 17:54

 

 

 

Per punti...

 

- Nel primo album dei Supergrass trovi dal pop coi coretti alla Beach Boys al powerpop, dalla ballata acustica alla jam blues. C'è più varietà in quei solchi che in tutta la carriera degli Oasis. Così tanto per precisare.

 

- Quando hai un minuto trovami il punto in cui avrei paragonato Oasis e Ramazzotti.

 

- Gli Arctic Monkeys hanno fatto cinque dischi tutti uno diverso dall'altro, e all'interno degli stessi dischi ci sono pezzi diversissimi fra loro. Gli Oasis hanno fatto lo stesso disco per tutta la carriera, e l'unico tentativo di fare qualcosa di diverso, "Be Here Now", si risolse in un album poi rinnegato da loro stessi e che in sostanza non faceva che aumentare le durate dei pezzi.

 

 

- Amo i Supergrass più di chiunque altro, però nel contesto brit-poppiano avevano lo stesso gusto per il ritornello, per le ballate, e l'attitudine zoticona degli Oasis. Non ti sto dicendo che sono uguali, voglio solo difendere il lato buzzurro del brit-pop.

 

- Hai messo sullo stesso piano l'immediatezza e la semplicità dei brani di Noel Gallagher con quelli di Eros Ramazzotti. Uno si affida al buon gusto per la melodia e del ritornello euforico, l'altro si affida al contesto medievale del paese Italia in fatto di musica. I ritornelli di Eros sono orrendi.

 

- I primi due delle scimmie sono uguali, il terzo ottimo, il quarto un calderone pieno di canzoni che Noel G. scriveva meglio e il quinto e un ottimissimo disco rock.

Il punto che interessava a me sta sulla dignità del "saccheggio" al rock fatto da Turner e soci, che la passano giustamente liscia perchè si può fare, mentre quando si tratta di Oasis si ritorna al 1996, alle accuse su Wonderwall, Mark Bolan, i paralleli con i Beatles che nemmeno loro negavano ma che li rendevano ridicoli alla critica.

Si può dire che i Monkeys copiano meglio? Anzi che metà delle band odierne sanno elaborare meglio i riff e melodie varie prese in prestito dal passato?


  • 1

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#53 Reinessenz

Reinessenz

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 654 Messaggi:
  • LocationViareggio

Inviato 12 aprile 2015 - 18:06

Do manforte a Gozer, gli Oasis sono il peggio che il britpop possa offrire.

Per carità Wonderwall la ascolto con piacere, ma nel complesso sono degli zozzoni  :)

Paragonarli poi ai Supergrass?

Non confondiamo "attitudine zoticona" con "attitudine punk" (al limite), d'altra parte i Supergrass non disdegnavano i Buzzcocks per dire. Poi nel primo disco ci son pezzi trainati dal pianoforte, sfuriate chitarristiche punk, un pezzo quasi country, motivetti di influenza Kinks-iana (quindi anti-zoticone per definizione) e pezzi fini e delicati molto arty. Tale varietà dove si riscontra negli Oasis?!


  • 1

#54 Lee Carvallo

Lee Carvallo

    tocco piuma

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7841 Messaggi:
  • Locationdentro....il parcheggio

Inviato 12 aprile 2015 - 18:19

tutto quello che volete , ma le sensazioni che una Live Forever , riesce a tirarmi fuori ogni volta che l'ascolto , non le ho mai trovate in altre band contemporanee.


  • 1

#55 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5814 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 18:29

Do manforte a Gozer, gli Oasis sono il peggio che il britpop possa offrire.

Per carità Wonderwall la ascolto con piacere, ma nel complesso sono degli zozzoni  :)

Paragonarli poi ai Supergrass?

Non confondiamo "attitudine zoticona" con "attitudine punk" (al limite), d'altra parte i Supergrass non disdegnavano i Buzzcocks per dire. Poi nel primo disco ci son pezzi trainati dal pianoforte, sfuriate chitarristiche punk, un pezzo quasi country, motivetti di influenza Kinks-iana (quindi anti-zoticone per definizione) e pezzi fini e delicati molto arty. Tale varietà dove si riscontra negli Oasis?!

 

Il punto è se era necessario nell'economia degli Oasis avere una varietà simile? E' necessario per qualunque band al mondo? No.

Nei primi due album ci sono le giuste variazioni e tanto basta (Columbo, Bring It On Down, Cast No Shadow, She's Electric).

 

Non mi sembra un metro di giudizio affidabile.


  • 1

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#56 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23879 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 18:30

- Amo i Supergrass più di chiunque altro, però nel contesto brit-poppiano avevano lo stesso gusto per il ritornello, per le ballate, e l'attitudine zoticona degli Oasis. Non ti sto dicendo che sono uguali, voglio solo difendere il lato buzzurro del brit-pop.

 

Puoi difendere ciò che vuoi, ma i Supergrass non sono dei buzzurri, hanno cambiato a ogni album e spesso all'interno degli stessi album. Basti contare che "Alright" è nello stesso disco di "Sofa" https://www.youtube....?v=YiVKVD_PDrw 

non parliamo poi di quelli della maturità, "St. Petersburg" https://www.youtube....h?v=gLCzx7rXXeI è praticamente un antidoto a tutto ciò che possa esistere di buzzurro in musica, uno dei pezzi più eleganti di sempre.

 

 

 

 

- Hai messo sullo stesso piano l'immediatezza e la semplicità dei brani di Noel Gallagher con quelli di Eros Ramazzotti. Uno si affida al buon gusto per la melodia e del ritornello euforico, l'altro si affida al contesto medievale del paese Italia in fatto di musica. I ritornelli di Eros sono orrendi.
Che siano orrendi è un parere tuo, non una scienza esatta, di fatto c'è che sono orecchiabili gli uni e orecchiabili gli altri, per questo l'orecchiabilità non può essere presa come metro. Ci vuole, perché ci vuole, ma ci vuole anche altro.

Precisato ciò, non ho messo sullo stesso piano i due, ho detto solo che utilizzando il ragionamento che usate per gli Oasis, si salva anche Ramazzotti, quindi fate attenzione a quello che dite. 

 

 

 

 

- I primi due delle scimmie sono uguali, il terzo ottimo, il quarto un calderone pieno di canzoni che Noel G. scriveva meglio e il quinto e un ottimissimo disco rock.

I primi due hanno una produzione profondamente diversa a dire il vero. Sono comunque quelli con il minore sbalzo stilistico all'interno della discografia questo sì. 

Nel terzo entra l'elemento stoner, del tutto assente nei primi.

Nel quarto arrivano parentesi di cantautorato, brani d'atmosfera, pop psichedelico dai tratti dreamy e quant'altro. E non c'entra ovviamente NIENTE DI NIENTE con qualsiasi cosa Noel abbia mai scritto.

Quanto all'ultimo, che tu riduci con disprezzo a "ottimissimo disco rock", ci sono addirittura beats influenzati dall'hip hop.

Quindi evoluzione continua dal primo all'ultimo album, e di pezzo in pezzo all'interno degli stessi.

 

 

 

 

Il punto che interessava a me sta sulla dignità del "saccheggio" al rock fatto da Turner e soci, che la passano giustamente liscia perchè si può fare, mentre quando si tratta di Oasis si ritorna al 1996, alle accuse su Wonderwall, Mark Bolan, i paralleli con i Beatles che nemmeno loro negavano ma che li rendevano ridicoli alla critica.

Mark Bolan? Sleepy guarda, passi Tolhrust nei Ride, ma Bolan me lo scrivi bene, Marc, per cortesia. 

 

Gli Oasis ridicoli agli occhi della critica quando li hai sognati? "Morning Glory" fu numero 3 del 1995 per Melody Maker, numero 2 per NME, numero 2 per Select, numero 4 per Mojo, e finì fra i primi dieci anche in pubblicazioni americane come Rolling Stone e Village Voice. Un tripudio in pratica. Ridicoli agli occhi della critica... ecco perché mi viene difficile discuterne, distorcete totalmente l'andamento della storia pur di farli apparire le vittime che non sono.

 

 

 

Il punto è se era necessario nell'economia degli Oasis avere una varietà simile? E' necessario per qualunque band al mondo? No.

Nei primi due album ci sono le giuste variazioni e tanto basta (Columbo, Bring It On Down, Cast No Shadow, She's Electric).

 

Non mi sembra un metro di giudizio affidabile.

 

Guarda che sei tu che ti sei messo a dire che i Supergrass sono buzzurri. Ti si dimostra che è una cosa falsa e ti metti a dire "a cosa serve la varietà"? 

Non servirà, ma se c'è, come nei Supergrass, non si può negare che ci sia. Evita di paragonarli agli Oasis di nuovo se non ti piace sentirti rispondere che gli uni sono variegati e gli altri no.


  • 2
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#57 Rinnegato Pulcio

Rinnegato Pulcio

    Goonie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 24634 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 18:31

 

E cosa avrebbero di tanto differente? 

 

Tipo qualsiasi elemento sonoro e ogni singola nota mai emessa?

 

 

Chitarre:

Oasis - chitarroni buzzurri con riffazzo elementare e via

Stones Roses - chitarre jangle molto più delicate e capaci di molte più variazioni

 

Voce:

Oasis - un asino che raglia

Stone Roses - voce estatica e pulita

 

Sezione ritmica:

Oasis - praticamente anonima, non si ricorda un solo giro di basso o un solo pattern di batteria

Stone Roses - una delle più fantasiose e giustamente celebrate nella storia del rock alternativo, un vortice di trovate in ogni pezzo

 

 

Ovviamente non c'era bisogno che le facessi notare io queste cose, le sapevi benissimo già da te ma al solito se non provochi non sei contento...

 

che fantastiche argomentazioni per trovare differenze in band brit mediocri

ti ripeto gozer non riesci nemmeno a cogliere che i tuoi amati Black Rebel siano degli Oasis senza talento melodico figuriamoci se bisogna star qui a considerare delle differenze su musica insulsa che rimane solo insulsa senza tante differenze

e la musica insulsa può sempre piacermi ognitanto, non sono un Savonarola come te che sembri un ascoltatore fachiro


  • 0

Caro sig. Bernardus...

Scontro tra Titanic

"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."<p>

#58 Sleepyhead

Sleepyhead

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5814 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 18:47

Lì ho messi a confronto perché tu davi una connotazione negativa al fatto che gli Oasis erano dei buzzurri, e che nessun altro nel brit pop aveva questa attitudine.

E' inutile citare St. Petersburg, parlavo del brit-pop, anni 90'.

 

 

 

Quanto all'ultimo, che tu riduci con disprezzo a "ottimissimo disco rock",.

 

No.

 

E' che ora non mi va di approfondire i percorsi delle due band,e ho dato quel giudizio striracchiato. Parlavo di altri aspetti.

 

Fuori dal territorio UK come vennero accolti gli Oasis dalla critica? E a posteriori sopratutto qual'è il giudizio? Aries aveva già giustamente accennato a una maggioranza silenziosa qui che avverto pure io.

 

 

 

Mark Bolan? Sleepy guarda, passi Tolhrust nei Ride, ma Bolan me lo scrivi bene, Marc, per cortesia. 

 

Dio, scusa, hai ragione.  asd  :ph34r:

 

Se solo ci fosse Francis qui con me....


  • 0

"Dovete vedere noi, perché la televisione non vi fo' far crescere quando fa le sue trasmissioni, ve vo' tene boni; la televisione non ve vo' fa capire, ve vo' addormentà. Questa trasmissione discute e vi fa discutere dei vostri problemi, perché vedete - guardate che bell'abito che c'ho, ho una casa al mare - HO mi guardate o io me ne vado, ma me dovete guardà in tanti e vi dovete sentire il dovere IL DOVERE, perchè io a causa VOSTRA c'ho rimesso MILIARDI per divve aaverità."


#59 Limenitis

Limenitis

    sputasentenze

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25804 Messaggi:
  • LocationArcore (ex URSS)

Inviato 12 aprile 2015 - 19:46

Gli Oasis non sono un gruppo per la critica, poi è normale che sia positiva sono fenomeni. Sono un gruppo per il pubblico. Chi li ha ascoltati a 20 anni lo sa, è sono buoni anche a 40 vi dirò. Morning Glory è un capolavoro enorme, un disco giustamente entrato nella storia, di cosa stiamo parlando?
  • 0

Stefano

 

 

Sono stato ad un loro concerto in prima fila, impiedi. Ubriaco fracico ed erano convinte fossi un fan sfegatato, mi dedicavano le canzoni mentre io per quasi due ore urlavo: troieee!

 


#60 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23879 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2015 - 20:08

Lì ho messi a confronto perché tu davi una connotazione negativa al fatto che gli Oasis erano dei buzzurri, e che nessun altro nel brit pop aveva questa attitudine.

E' inutile citare St. Petersburg, parlavo del brit-pop, anni 90'.

 

Fra quelli maggiori erano gli unici, lo ribadisco. I Supergrass erano ben altro, come precisato anche da Renaissance. Quanto a "St. Petersburg" è arrivata dopo sì, ma un buzzurro non avrebbe mai saputo tirarla fuori, né prima né dopo.

 

 

 

Fuori dal territorio UK come vennero accolti gli Oasis dalla critica? E a posteriori sopratutto qual'è il giudizio? Aries aveva già giustamente accennato a una maggioranza silenziosa qui che avverto pure io.
Aries si riferiva allo specifico forum di Ondarock. Appena metti piedi fuori da qui gli Oasis sono idoli, suvvia. E anche qui dentro io non sono affatto convinto che ci sia questa maggioranza silenziosa che dite.

 

 

 

 Chi li ha ascoltati a 20 anni lo sa

E certo, perché c'eri solo te all'epoca. asd Io quando esplosero in Italia avevo 12 anni e me li ricordo benissimo, e hanno continuato ad avere successo durante tutta la mia adolescenza. Li ho sempre considerati delle mezze tacche.


  • 1
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq