Vai al contenuto


- - - - -

Roman Polanski


  • Please log in to reply
352 replies to this topic

#21 scirocco

scirocco

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2016 Messaggi:

Inviato 26 dicembre 2006 - 19:29

non ho fatto il dams, ma non discuto della tecnica cinematografica, come trovo risibile discutere di musica basandomi sulla tecnica di un gruppo

nemmeno io ho fatto il dams, ma basta vedere un film con un minimo di occhio "fotografico" (o anche solo con sensibilità) per capire quanto la tecnica, in mani registiche sapienti, riesca ad esaltare ciò che un Autore ha dentro. Non puoi dimenticare che il cinema è anche preciso linguaggio tecnico, grammatica, mezzi espressivi la cui conoscenza è fondamentale per esprimere al massimo ciò che si vuol dire.
  • 0

#22 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12044 Messaggi:

Inviato 26 dicembre 2006 - 20:46

Non puoi dimenticare che il cinema è anche preciso linguaggio tecnico, grammatica, mezzi espressivi la cui conoscenza è fondamentale per esprimere al massimo ciò che si vuol dire.


certamente, ma al servizio di qualcosa (questo a prescindere dal pianista). Un virtuosismo di regia di per sè non mi dice nulla. Nel giusto contesto lo posso trovare geniale, ma un movimento di macchina per quanto perfetto e originale di per sè non mi rappresenta nulla.
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#23 scirocco

scirocco

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2016 Messaggi:

Inviato 26 dicembre 2006 - 21:24

certamente, ma al servizio di qualcosa (questo a prescindere dal pianista). Un virtuosismo di regia di per sè non mi dice nulla. Nel giusto contesto lo posso trovare geniale, ma un movimento di macchina per quanto perfetto e originale di per sè non mi rappresenta nulla.

Appunto! Perciò ho detto che Il pianista è un gran film, perchè è girato con grandissima sapienza cinematografica. Con una macchina da presa quasi "incollata" al protagonista (meravigliosi gli sguardi attraverso cui mostra la sua progressiva metamorfosi "animalesca" - in cerca di cibo, tra le rovine, sembra quasi un cane) eppure, allo stesso tempo, occhio freddissimo, cinico, entomologico, implacabile. Mai un'inquadratura fuori posto o un movimento superfluo. Tutto è calibrato al millimetro per rendere cinematograficamente perfetto ogni stato d'animo. Un film di una lucidità, uno stile e una sobrietà impressionanti, eppure di una potenza rarissima.
  • 0

#24 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 27 dicembre 2006 - 09:30


Per me, il Il Pianista è un Signor Film, altro che! Soprattutto dal punto di vista della tecnica cinematografica (rivedetevi i movimenti di macchina, poi mi dite, guagliò!). Personalmente, lo inserirei nei programmi di studio delle scuole di cinema. My opinion.


non ho fatto il dams, ma non discuto della tecnica cinematografica, come trovo risibile discutere di musica basandomi sulla tecnica di un gruppo: i dream theater sono ultra tecnici, embè? un film come le regole dell'attrazione è pieno di virtuosismi, ma per me non è nulla di eccezionale.
Il pianista non è male, ma i film di guerra sono sempre difficili da domare. Polanski per me eccelle nel descrivere in maniera precisa personaggi cinici o nel descrivere atmosfere morbose.
Nel pianista cerca di essere un po' più "umano" ma secondo me perde personalità e pure sincerità, e a un certo punto rischia pure l'effetto polpetta. Non capisco dove voglia andare a parare francamente. Certo non è retorico come Spielberg, perchè Polanski (oltre ad aver vissuto anche lui sulla sua pelle quelle cose, mi pare che i genitori fossero stati deportati) ha una testa molto più fina, ma ci sono una marea di film di guerra (o sulla guerra, se non va bene la definizione) che trovo migliori.
Di quel film è grande però la scena in cui vengono giustiziati quei tipi a terra, adesso è da un po' che non lo vedo e non saprei essere più preciso


Io penso che Polanski abbia avuto un gran fegato a girare questo film.
Era da anni che il regista aveva in mente questo film, ma non aveva mai avuto il tempo, forse nemmeno la disposizione interiore, per mettere su pellicola quello che egli stesso aveva visto con i suoi occhi.
Io non riuscirei nemmeno a pensare di mettere a disposizione degli altri un mio trauma...non credo di esserne capace.E voi?
Da qui, oltre alle notevoli doti di tecnica cinematografica, vengono i meriti del film.
A mio parere, lo trovo un capolavoro.
Non credo che il Pianista sia un film sulla guerra, come dice Laurent, ma credo che Polanski abbia voluto girare un film sulla dignità umana.Il pianista è un film sulla presa di coscienza dell'individuo ( lo stesso regista?) di fronte al disastro, alla disfatta, all'abisso della morte e all'irrazionalità del male.
Qualcuno, tempo fa, osservò molto cinicamente che è facile fare presa sulla nostra coscienza e sulle nostre emozioni con un film sull'olocausto.
Io ho pensato di averne visto più di un film su questo tema e mai nessuno altro è riuscito a sconvolgermi come questo.
La crudezza di alcune scene che non lasciano spazio all' umana pietà, il distacco cinico da quello che succede è il tratto distintivo del film:in questo è un film di Polanski.
Questo tocco di regia differenzia Il pianista dalla Lista di Schindler di Spielberg.
Spielberg mostra pietà nel filmare le vittime, mentre Polanski è meno indulgente.
In sala, quando lo vidi la prima volta, ci furono degli anziani signori che si alzarono e andarono via, dicendo che i tedeschi certe cose non potevano proprio averle fatte...
Pensate al bambino ucciso a calci, mentre cerca di rientrare da un buco nel muro del ghetto, oppure alla scena madre, quando il pianista suona, ormai allo stremo, con forte dignità, davanti al generale tedesco, caricando di disperata rassegnazione e bisogno di salvezza i tasti del pianoforte.
Magari si hanno sensibilità diverse, ma non essere toccati da certe scene mi sembra davvero incomprensibile.
  • 0

#25 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12044 Messaggi:

Inviato 27 dicembre 2006 - 11:02



Per me, il Il Pianista è un Signor Film, altro che! Soprattutto dal punto di vista della tecnica cinematografica (rivedetevi i movimenti di macchina, poi mi dite, guagliò!). Personalmente, lo inserirei nei programmi di studio delle scuole di cinema. My opinion.


non ho fatto il dams, ma non discuto della tecnica cinematografica, come trovo risibile discutere di musica basandomi sulla tecnica di un gruppo: i dream theater sono ultra tecnici, embè? un film come le regole dell'attrazione è pieno di virtuosismi, ma per me non è nulla di eccezionale.
Il pianista non è male, ma i film di guerra sono sempre difficili da domare. Polanski per me eccelle nel descrivere in maniera precisa personaggi cinici o nel descrivere atmosfere morbose.
Nel pianista cerca di essere un po' più "umano" ma secondo me perde personalità e pure sincerità, e a un certo punto rischia pure l'effetto polpetta. Non capisco dove voglia andare a parare francamente. Certo non è retorico come Spielberg, perchè Polanski (oltre ad aver vissuto anche lui sulla sua pelle quelle cose, mi pare che i genitori fossero stati deportati) ha una testa molto più fina, ma ci sono una marea di film di guerra (o sulla guerra, se non va bene la definizione) che trovo migliori.
Di quel film è grande però la scena in cui vengono giustiziati quei tipi a terra, adesso è da un po' che non lo vedo e non saprei essere più preciso


Io penso che Polanski abbia avuto un gran fegato a girare questo film.
Era da anni che il regista aveva in mente questo film, ma non aveva mai avuto il tempo, forse nemmeno la disposizione interiore, per mettere su pellicola quello che egli stesso aveva visto con i suoi occhi.
Io non riuscirei nemmeno a pensare di mettere a disposizione degli altri un mio trauma...non credo di esserne capace.E voi?
Da qui, oltre alle notevoli doti di tecnica cinematografica, vengono i meriti del film.
A mio parere, lo trovo un capolavoro.
Non credo che il Pianista sia un film sulla guerra, come dice Laurent, ma credo che Polanski abbia voluto girare un film sulla dignità umana.Il pianista è un film sulla presa di coscienza dell'individuo ( lo stesso regista?) di fronte al disastro, alla disfatta, all'abisso della morte e all'irrazionalità del male.
Qualcuno, tempo fa, osservò molto cinicamente che è facile fare presa sulla nostra coscienza e sulle nostre emozioni con un film sull'olocausto.
Io ho pensato di averne visto più di un film su questo tema e mai nessuno altro è riuscito a sconvolgermi come questo.
La crudezza di alcune scene che non lasciano spazio all' umana pietà, il distacco cinico da quello che succede è il tratto distintivo del film:in questo è un film di Polanski.
Questo tocco di regia differenzia Il pianista dalla Lista di Schindler di Spielberg.
Spielberg mostra pietà nel filmare le vittime, mentre Polanski è meno indulgente.
In sala, quando lo vidi la prima volta, ci furono degli anziani signori che si alzarono e andarono via, dicendo che i tedeschi certe cose non potevano proprio averle fatte...
Pensate al bambino ucciso a calci, mentre cerca di rientrare da un buco nel muro del ghetto, oppure alla scena madre, quando il pianista suona, ormai allo stremo, con forte dignità, davanti al generale tedesco, caricando di disperata rassegnazione e bisogno di salvezza i tasti del pianoforte.
Magari si hanno sensibilità diverse, ma non essere toccati da certe scene mi sembra davvero incomprensibile.


ma sai, io non discuto che ad altri possa essere piaciuto moltissimo, però il fatto che l'argomento del film sia nobile o cretino conta a mio avviso pochissimo.

Comunque chiamarmi col cognome del nick ("Laurent") è qualcosa di definitivo.  "Dick" sarebbe per mille e un motivo più - come dire - appropriato.  ;D
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#26 clapat71

clapat71

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1203 Messaggi:

Inviato 29 dicembre 2006 - 11:08

La nona porta, disprezzato invece da tutti, secondo me avrebbe avuto i numeri per essere un gran film, ma ha uno dei finali più brutti della storia del cinema. Peccato, perchè l'atmosfera è quella dei film maggiori.


Anch'io sono rimasto assolutamente scioccato dalla bruttura, soprattutto visiva, del finale. Credo riesca ad essere peggio di quello de 'L'avvocato del diavolo' che già buttava in vacca un film tutto sommato sufficiente.
  • 0

#27 Guest_Figazzo_*

Guest_Figazzo_*
  • Guests

Inviato 29 dicembre 2006 - 19:57

Luna di fiele è davvero un grandissimo film, trovo assurdo che un film del genere negli anni 90 sia stato immesso nel calderone delle merdine sexy più classiche alla nove settimane e mezzo, non ha nulla di tutto questo, è un film morboso, sadista, estremamente torbido, azzarderei a dire che è l'ultimo tango a Parigi di Polanski. Secondo me merita di stare assieme ai suoi film più riusciti.

#28 Ian Smith

Ian Smith

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6643 Messaggi:

Inviato 02 febbraio 2007 - 15:23

la vera anima di Polanski, quella morbosa e inquietante legata alle pulsioni sessuali, alle paranoie schizofreniche e alle ossessioni personali che emergono sempre e comunque da situazioni di normalità apparente, la si trova perfettamente espressa nei suoi primi film: da Repulsion a Cul De Sac, e trova poi la sua magnifica realizzazione (sublimata col gusto per il soprannaturale)in Rosemary e L'inquilino.
Quello seconde me è Polanski, non Chinatown (scritto da Towne) e neanche Il Pianista, doveroso omaggio al suo passato: quelli sono bei film ma non sono Polanski.
  • 0

#29 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2007 - 01:01

Ho rivisto da poco Tess, del 1979.
Non capisco perchè sia un film sottovalutato.
E' veramente un bel film, ben girato e ben recitato.
L'acerba, conturbante e, allo stesso tempo, innocente Nastassia Kinski è da colpo al cuore, talmente è bella.
La storia è toccante, dimessa, parte quasi in sordina ed arriva ad uno spietato finale.E' assolutamente un film da vedere.
La fotografia è, a mio avviso, una delle migliori viste nei film di Polanski.Non a caso vinse un oscar per questo e un altro per i costumi.
  • 0

#30 adolescent_germ

adolescent_germ

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 61 Messaggi:

Inviato 18 febbraio 2007 - 18:59

La mia classifica è questa:

1 Rosemary's Baby:
Orrore puro. Raccapricciante, malvagio, spietato. E' o non è impagabile lo sguardo di Mia Farrow nell'ultima scena?

2 Repulsion / Il coltello nell'acqua

Due perle in bianco e nero, il primo disturbante e universalmente considerato uno dei film più belli di Polanski, il secondo spesso dimenticato, forse perché la sua bellezza non è così lampante? E' bellissimo vedere le due generazioni che NON COMUNICANO in ogni modo possibile.

3 L'inquilino del terzo piano

Un perverso omaggio a Hitchcock. (Conosco così poco Hitchcock che mi sento un cretino a sparare sentenze del genere, cmq mi pare lampante  :P)

Ancora capolavori Chinatown e Cul-de-Sac. Il Pianista e Bitter Moon sono il primo sufficiente e il secondo mediocre. Per ora non ho visto altro.

Uno dei miei registi preferiti, Polonia Uber Alles.




  • 0

#31 Guest_verdoux_*

Guest_verdoux_*
  • Guests

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:02

 
Ho rivisto da poco Tess, del 1979.
Non capisco perchè sia un film sottovalutato.
 



perchè è brutto  ;D;

film piatto, di maniera; come oliver twist

#32 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:03

Sinceramente non capisco come mai Il pianista sia stato così esaltato dalla critica. A voi è piaciuto così tanto?
  • 0

#33 adolescent_germ

adolescent_germ

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 61 Messaggi:

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:06

Neanche a me è piaciuto, forse siamo troppo affezionati al Polanski 'classico', perché non è un film brutto, ma semplicemente non lo trovo un grande risultato artistico.
  • 0

#34 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:36

Voi siete pazzi.Non prendetevela.
Posso capire che Il pianista non sia il migliore film di Polanski o , perlomeno, non tratti le tematiche in cui il regista riesce a dare il meglio, ma rimane un film bellissimo e sconvolgente.
  • 0

#35 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12142 Messaggi:

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:37

Voi siete pazzi.Non prendetevela.Posso capire che non Il pianista non sia il migliore film di Polanski o , perlomeno, non tratti le tematiche in cui il regista riesce a dare il meglio, ma rimane un film bellissimo e sconvolgente.


Quoto ogni parola!
  • 0

#36 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:42

 
Ho rivisto da poco Tess, del 1979.
Non capisco perchè sia un film sottovalutato.
 



perchè è brutto  ;D;

film piatto, di maniera; come oliver twist


Un film piatto e/o manierista non è necassariamente un film brutto.
C'è un episiodio della vita di Tess che riguarda anche la mia vita, sarà per questo che non riesco ad essere oggettiva nel valutare questo film.
  • 0

#37 adolescent_germ

adolescent_germ

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 61 Messaggi:

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:44

Voi siete pazzi.Non prendetevela.
Posso capire che Il pianista non sia il migliore film di Polanski o, perlomeno, non tratti le tematiche in cui il regista riesce a dare il meglio, ma rimane un film bellissimo e sconvolgente.


Sì, non nego che lo sia, ma non l'ho trovato particolarmente rilevante. Un film molto meno eclatante come "Arrivederci ragazzi" di Malle mi ha lasciato molto di più.
  • 0

#38 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:51

Voi siete pazzi.Non prendetevela.
Posso capire che Il pianista non sia il migliore film di Polanski o, perlomeno, non tratti le tematiche in cui il regista riesce a dare il meglio, ma rimane un film bellissimo e sconvolgente.


Sì, non nego che lo sia, ma non l'ho trovato particolarmente rilevante. Un film molto meno eclatante come "Arrivederci ragazzi" di Malle mi ha lasciato molto di più.


Tutto ciò riguarda valutazioni personali e sensibilità proprie.Sono due film completamente diversi, pur partendo da un punto comune come l'odio razziale.
  • 0

#39 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 18 febbraio 2007 - 19:55

Sì, non nego che lo sia, ma non l'ho trovato particolarmente rilevante.

Sono d'accordo.
  • 0

#40 Guest_verdoux_*

Guest_verdoux_*
  • Guests

Inviato 18 febbraio 2007 - 20:03

Bellissimi i cortometraggi muti giovanili girati in Polonia; i mammiferi, due uomini e l??armadio, la caduta degli angeli, sono gioielli cinematografici di valore inestimabile; poi il bruco non è diventato farfalla ed è rimasto un buon mestierante; prometteva di più;

film:

Il coltello nell??acqua buono
Repulsione buono
Cul de sac buono
Rosmay??s baby più che buono
Per favore non mordermi sul collo discreto
Macbeth buono
Che? Mediocre
Chinatown più che buono
L??inquilino del terzo piano buono
Tess sufficiente
Pirati scadente
Frantic buono
Luna di fiele buono
La morte e la fanciulla ottimo
La nona porta buono
Il pianista non visto
Oliver Twist sufficiente





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq