Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Is Ma Anche Isl Oppure Isis Che Poi Sarebbe Daesh


  • Please log in to reply
267 replies to this topic

#1 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 00:37

Mi sembra strano che nessuno abbia ancora aperto una discussione su quella che potrebbe essere la nuova guerra per un po' di tempo oppure un grande bluff.
 
I nomi, essendo parole, sono importanti; sottolineano dei dettagli e il fatto che le ammministrazioni di mezzo mondo (occidentale) stiano cercando di trovare un nome comodo da utilizzare in piena epoca di tweet e social, significa che si preparano a un grosso bombardamento da parte di blogger e giornalisti improvvisati, soprattutto durante i bombardamenti di bombe che stanno cominciando.
 
 
Oggi ho avuto la fortuna :ph34r: di beccare il link youtube del film/documentario (55 minuti sfondapalle) di propaganda dal titolo Flames of War (titolo banalotto e anche la regia era abbastanza piatta) che tre giorni fa era stato anticipato dal rilascio del trailer. Ovviamente ora il video è stato rimosso (era un video non indicizzato nel motore e solo copincollando il link si poteva accedere).
 
Il film lascia il tempo che trova: immagini al rallentatore, ricostruzioni di fatti parziali e partigianerie del caso; dichiarazioni che se la prendono con la stampa internazionale e vari esponenti religiosi e televisivi del mondo arabo non allineati alle posizioni di questi qua (appunto questi qua, si torna al problema del nome). Esaltazione del martire nella morte in un conflitto a fuoco, esaltazione del mujaheddin per la conquista di una base radar.
 
Interessante e triste la parte finale in cui soldati di Assad sono costretti a scavarsi la fossa da soli ed uno di essi viene costretto a recitare delle accuse alla Siria e manda un messaggio - che potrebbe essere anche spontaneo visto che è detto da uno che si sta scavando la fossa letteralmente - in cui si invitano i giovani a disertare ed evitare di essere abbandonati come è capitato a loro.
 
Vengono poi fatti mettere in fila ed uccisi fra inquadrature ricercate, fotografia patinata, suono molto curato e immagini al rallentatore.
 
A differenza di altri combattimenti qui la connotazione trans-nazionale del gruppo assume un valore più marcato.
Lo scenario si fa ancora più contorto se si considera che al momento questo conflitto si inserisce in un quadro già molto intricato di alleanze e patti al punto che gli USA hanno bisogno dello spazio aereo siriano e però loro ad Assad ci volevano fare il culo. Credo non ci sia mai stata una situazione così contorta in medio-oriente con una simile stratificazione di conflitti e tensioni.
 
Ultimo appunto: chi foraggeremo oggi per combatterlo domani?
 

  • 1

#2 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21563 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 11:21

Alla tua domanda verrebbe da rispondere che foraggeremo chiunque ci permetterà di non sporcarci le mani con un nuovo intervento militare scellerato, al pari dei precedenti in Afghanistan e Iraq che hanno destabilizzato il Medio Oriente come mai era capitato prima.

 

Quindi: curdi, esercito regolare iracheno, quel che resta della rivoluzione laica siriana e ovviamente Teheran. 

 

Il punto è: sapremo non ripetere gli errori del passato? Se ora armiamo i curdi, siamo consapevoli che con quelle armi loro tra cinque anni rivendicheranno l'indipendenza del Kurdistan? O crediamo che si faranno ammazzare gratis per noi?

E Rohani? Tanto buono, riformista e simpatico, certo. Ma se davvero darà una mano a Baghdad per annientare l'Isis, poi non avrà guadagnato sul campo il diritto a trattare sull'atomica?

 

Insomma, come al solito, la domanda delle domande è: l'Occidente ha finalmente una visione di lungo periodo o siamo ancora alla deriva?


  • 0

#3 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2014 - 11:59

Ieri ho beccato questo articolo del Nyt che dà un po' un quadro indicando alcuni dei fattori.
Ho letto parecchi articoli in questi giorni, ma non ho il tempo di andarli a recuperare ora.

Il quadro può essere interessante, ma secondo me il contenuto degli articoli del Nyt sia su Ebola sia su IS va preso con le pinze.
Ho delle perplessità sulla reale quantità di olio che riescono ad estrarre e ho letto articoli che davano stime al ribasso.

Resta un mistero chi sia l'acquirente di tale petrolio e dove venga raffinato. Quello che ho letto è che mancano le competenze tecniche per gestire alcuni dei pozzi di cui hanno preso possesso (ho letto di uno potenzialmente da 75000 barili al giorno ma che richiede una particolare tecnica di pulizia per essere funzionante e pare che a questi qua manchi l'ABC dell'estrattore). Inoltre, anche fosse una produzione che resta nel territorio, non mi convince l'introito, perché non volendo ipotizzare che lo comprino stesso in paesi che sono nella coalizione contro l'IS, non so chi possa comprare ad un prezzo vantaggioso per i terroristi.

Poi c'è da valutare le armi a disposizione e la loro origine.


http://www.nytimes.c...tw-nytimes&_r=0

La guerra sta già iniziando in effetti, ma è molto blanda. Il territorio controllato da questi, secondo le mappe che mette qui il NYT è abbastanza impalpabile: sembra posseggano avamposti, qualche citttà e strade, ma tutto molto sparso. I curdi stanno già prendendo le armi (tra l'altro c'era un articolo denigratorio sul fatto che alcuni di questi martiri temono che venendo ammazzati dalle donne peshmerga curde potrebbero non avere diritto alle settantadue vergini :asd)


  • 2

#4 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9912 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 21 settembre 2014 - 12:33

molto interessanti, sia l'articolo che il tuo commento, grazie.

Resta un mistero chi sia l'acquirente di tale petrolio e dove venga raffinato.

già in passato Laurent Fabius aveva detto che Assad faceva affari con l'ISIS per indebolire le forze più moderate, e poi presentarsi come un'unica alternativa. La notizia pare essere nuovamente rimbalzata negli ultimi giorni (per ovvi motivi). Mancano prove evidenti ma mi sembra la cosa più ovvia.
  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 


#5 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 22 settembre 2014 - 19:27

Finalmente ho un po' di tempo per mettermi alla ricerca di link.
Parto da quello che mi lascia molto perplesso:
 
1) La coalizione che si sta creando è funambolica e strana per vari motivi.
 
 

Ghassan Salame, a former Lebanese minister, noted a couple of days ago that "when a disparate set of countries agrees to fight a common enemy, something fishy's going on"

 
qui tra l'altro si fa ancora riferimento al nome non chiaro da dare al nemico e questo secondo me non è un dettaglio marginale, perché sottolinea la confusione e la discrepanza di obiettivi dei membri della stessa coalizione. Il nome da dare al nemico è spesso molto importante perché nel nome si veicola un messaggio. Anche definirlo Stato Islamico potrebbe essere un autogol per taluni. Intanto l'Arabia Saudita si trova a dover sostenere una coalizione in supporto alla maggioranza Sciita al potere in Iraq e anche questa lotta intestina del mondo islamico non va dimenticata quando si cerca di capire chi sta con chi e perché.
 
2) Il territorio dell'IS è come già visto sul NYT e forse un po' più dettagliatamente qui conta sì su aree in cui può ottenere il supporto delle popolazioni locali (che poi il supporto delle popolazioni locali spesso lo ottieni semplicemente mostrandoti il più forte nella zona), ma mostra una natura sfilacciata lungo le strade, come già detto in precedenza, che a me ricorda l'avanzata delle truppe della coalizione abusiva nella seconda guerra del Golfo quando l'obiettivo era arrivare a Baghdad prima possibile e infatti questo ha prodotto la totale perdita di controllo del territorio
 
Sono andato a controllare riferimenti al leader di Isis su WikiLeaks, ma non riesco a trovare niente di utile sulla persona (magari uno più bravo a districarsi fra i cablo può trovare qualcosa).
 
Comunque sto impazzendo nella ricostruzione dei gruppi e provo a mettere un po' d'ordine, ma sembra di scavare nelle biografie delle band black-metal su metal-archives.
 
 
 
Stando a Wikipedia, il leader dell'IS  prende il potere nell'aprile 2010 per quattro anni, prima di fare l'upgrade in autoproclamato califfo. Il suo predecessore era Al.Masri che a sua volta aveva preso il posto di Al-Zarkawhi.
 
 
Il primo cablo che ho trovato cercando "Islamic State e altre cose" è il qui presente
 
Data 14 settembre 2006 (in pratica tre mesi dopo la morte di Al-Zarkawhi) e parla di un attacco con una bomba artigianale IED ad un convoglio militare americano. Nella ricerca sul luogo salta fuori una casa con dentro un tizio che aveva un manualetto del piccolo bombarolo. Il manuale risulta essere un pamphlet diffuso dal gruppo AI (Ansar Al-Islam).
 
Ora AI viene definito nel cablo:

 

AI IS A RADICAL ISLAMIST GROUP OF IRAQI KURDS AND ARABS WHO HAVE VOWED TO ESTABLISH AN INDEPENDENT ISLAMIC STATE IN IRAQ

 

 
ed è stato fondato da Al-Zarkawi con il nome di:
 
Jama'at al-Tawhid wal-Jihad che poi diventerà AI (noto come Alqaeda in Iraq, dopo l'alleanza con Osama nel 2004)
 
Al Zarkawi era giordano, ma il gruppo militare divenne presto un ricettacolo di forze differenti e molti sospettano che ci fosse una ricca componente iraqena. il gruppo si fonderà poi con l'ISIS nel 2010 sotto il comando di Al-Baghdadi.
 
Quindi a parte che sto impazzendo fra tutti 'sti nomi e il fatto che pare che sia tutto riconducibile ad Al-Zarqawi che nel 99 parte dal JTJ e passando per TQJBR fonda AI che si unisce a ISIS, le fonti di wikipedia fanno un loop poco chiaro perché sembra che ISIS fosse già esistente prima della nascita di AI.
 
Inoltre non è chaira la composizione. Sarebbero salafiti e AI nasce in Kurdistan. Il fatto che su WikiLeaks non si trovi alcun cablo che mensioni ISIS o ISIL nonostante ci siano su wikipedia date che fanno presupporre che il gruppo fosse già esistente nel 2004 quando AI venne fondato, mi lascia perplesso.
 
Ora sono fuso fusissimo, qundi se qualcuno vuol provare a mettere insieme i cocci, faccia pure.


EDIT: Qui c'è anche la versione della BBC che credo sia più o meno la stessa tipologia di interconnessioni viste sopra, ma dà anche altri dettagli:

http://www.bbc.com/n...e-east-29052144


In tutto questo: io ho un dubbio sul fatto che AI nasce in Kurdistan e i curdi sono quelli che stiamo armando, fra gli altri. Il Kurdistan cerca l'indipendenza e insomma, a voler pensar male potrebbe star sfruttando un'occasione ghiotta.

  • 0

#6 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36299 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 22 settembre 2014 - 23:47

Spoiler


  • 2

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#7 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9912 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 23 settembre 2014 - 04:41

Il primo cablo che ho trovato cercando "Islamic State e altre cose" è il qui presente
 
Data 14 settembre 2006 (in pratica tre mesi dopo la morte di Al-Zarkawhi) e parla di un attacco con una bomba artigianale IED ad un convoglio militare americano. Nella ricerca sul luogo salta fuori una casa con dentro un tizio che aveva un manualetto del piccolo bombarolo. Il manuale risulta essere un pamphlet diffuso dal gruppo AI (Ansar Al-Islam).
 
Ora AI viene definito nel cablo:


AI IS A RADICAL ISLAMIST GROUP OF IRAQI KURDS AND ARABS WHO HAVE VOWED TO ESTABLISH AN INDEPENDENT ISLAMIC STATE IN IRAQ

 

 
ed è stato fondato da Al-Zarkawi con il nome di:
 
Jama'at al-Tawhid wal-Jihad che poi diventerà AI (noto come Alqaeda in Iraq, dopo l'alleanza con Osama nel 2004)
 
Al Zarkawi era giordano, ma il gruppo militare divenne presto un ricettacolo di forze differenti e molti sospettano che ci fosse una ricca componente iraqena. il gruppo si fonderà poi con l'ISIS nel 2010 sotto il comando di Al-Baghdadi.
 
Quindi a parte che sto impazzendo fra tutti 'sti nomi e il fatto che pare che sia tutto riconducibile ad Al-Zarqawi che nel 99 parte dal JTJ e passando per TQJBR fonda AI che si unisce a ISIS, le fonti di wikipedia fanno un loop poco chiaro perché sembra che ISIS fosse già esistente prima della nascita di AI.
 
Inoltre non è chaira la composizione. Sarebbero salafiti e AI nasce in Kurdistan. Il fatto che su WikiLeaks non si trovi alcun cablo che mensioni ISIS o ISIL nonostante ci siano su wikipedia date che fanno presupporre che il gruppo fosse già esistente nel 2004 quando AI venne fondato, mi lascia perplesso.
...
In tutto questo: io ho un dubbio sul fatto che AI nasce in Kurdistan e i curdi sono quelli che stiamo armando, fra gli altri. Il Kurdistan cerca l'indipendenza e insomma, a voler pensar male potrebbe star sfruttando un'occasione ghiotta.


Disposable Hero, credo che hai fatto un errore nella ricerca. Il cablo su Ansar al-Islam ti spunta probabilmente perché hai fatto una ricerca per "Islamic State" e nel cablo c'è un passaggio che dice AI IS A RADICAL ISLAMIST GROUP OF IRAQI KURDS AND ARABS WHO HAVE VOWED TO ESTABLISH AN INDEPENDENT ISLAMIC STATE IN IRAQ. Però dice "uno" stato islamico, non "lo" stato islamico di al-Baghdadi.
oltretutto dalla wiki inglese di Ansar Al-Islam sembra che Al Zarqawi non avesse nulla a che fare col gruppo. AI era un movimento salafita curdo in lotta contro il PUK al potere in Kurdistan: "Krekar became the leader of the merged Ansar al-Islam, which opposed an agreement made between IMK and the dominant Kurdish group in the area, Patriotic Union of Kurdistan (PUK)." Cioè, questi erano-anche-curdi e salafiti ma erano fondamentalmente in lotta contro le forze al potere in Kurdistan adesso. Uno dei fondatori del movimento, Mullah Krekar è in carcere in Norvegia, dove arrivò come rifugiato nel '91, per hate crimes, e la sua estradizione è stata ripetutamente richiesta, ma rifiutata perché c'è il rischio che venga torturato ed ucciso.

per farla breve, non mi sembra ci sia alcuna connessione tra IS e AI. almeno dai link che hai postato.
  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 


#8 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11419 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2014 - 05:50

Tempo fa avevo letto un articolo-riassuntone del Post che mi era sembrato molto utile ("spiegato bene" asd): http://www.ilpost.it...6/19/isis-iraq/

 

Qualche inesattezza ci sarà pure eh, la materia è quella che è, dubito ci sia qualcuno che possa averne la versione definitiva.


  • 1

#9 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2014 - 13:08

 

Il primo cablo che ho trovato cercando "Islamic State e altre cose" è il qui presente
 
Data 14 settembre 2006 (in pratica tre mesi dopo la morte di Al-Zarkawhi) e parla di un attacco con una bomba artigianale IED ad un convoglio militare americano. Nella ricerca sul luogo salta fuori una casa con dentro un tizio che aveva un manualetto del piccolo bombarolo. Il manuale risulta essere un pamphlet diffuso dal gruppo AI (Ansar Al-Islam).
 
Ora AI viene definito nel cablo:
 

 


AI IS A RADICAL ISLAMIST GROUP OF IRAQI KURDS AND ARABS WHO HAVE VOWED TO ESTABLISH AN INDEPENDENT ISLAMIC STATE IN IRAQ

 

 
ed è stato fondato da Al-Zarkawi con il nome di:
 
Jama'at al-Tawhid wal-Jihad che poi diventerà AI (noto come Alqaeda in Iraq, dopo l'alleanza con Osama nel 2004)
 
Al Zarkawi era giordano, ma il gruppo militare divenne presto un ricettacolo di forze differenti e molti sospettano che ci fosse una ricca componente iraqena. il gruppo si fonderà poi con l'ISIS nel 2010 sotto il comando di Al-Baghdadi.
 
Quindi a parte che sto impazzendo fra tutti 'sti nomi e il fatto che pare che sia tutto riconducibile ad Al-Zarqawi che nel 99 parte dal JTJ e passando per TQJBR fonda AI che si unisce a ISIS, le fonti di wikipedia fanno un loop poco chiaro perché sembra che ISIS fosse già esistente prima della nascita di AI.
 
Inoltre non è chaira la composizione. Sarebbero salafiti e AI nasce in Kurdistan. Il fatto che su WikiLeaks non si trovi alcun cablo che mensioni ISIS o ISIL nonostante ci siano su wikipedia date che fanno presupporre che il gruppo fosse già esistente nel 2004 quando AI venne fondato, mi lascia perplesso.
...
In tutto questo: io ho un dubbio sul fatto che AI nasce in Kurdistan e i curdi sono quelli che stiamo armando, fra gli altri. Il Kurdistan cerca l'indipendenza e insomma, a voler pensar male potrebbe star sfruttando un'occasione ghiotta.

 


Disposable Hero, credo che hai fatto un errore nella ricerca. Il cablo su Ansar al-Islam ti spunta probabilmente perché hai fatto una ricerca per "Islamic State" e nel cablo c'è un passaggio che dice AI IS A RADICAL ISLAMIST GROUP OF IRAQI KURDS AND ARABS WHO HAVE VOWED TO ESTABLISH AN INDEPENDENT ISLAMIC STATE IN IRAQ. Però dice "uno" stato islamico, non "lo" stato islamico di al-Baghdadi.
oltretutto dalla wiki inglese di Ansar Al-Islam sembra che Al Zarqawi non avesse nulla a che fare col gruppo. AI era un movimento salafita curdo in lotta contro il PUK al potere in Kurdistan: "Krekar became the leader of the merged Ansar al-Islam, which opposed an agreement made between IMK and the dominant Kurdish group in the area, Patriotic Union of Kurdistan (PUK)." Cioè, questi erano-anche-curdi e salafiti ma erano fondamentalmente in lotta contro le forze al potere in Kurdistan adesso. Uno dei fondatori del movimento, Mullah Krekar è in carcere in Norvegia, dove arrivò come rifugiato nel '91, per hate crimes, e la sua estradizione è stata ripetutamente richiesta, ma rifiutata perché c'è il rischio che venga torturato ed ucciso.

per farla breve, non mi sembra ci sia alcuna connessione tra IS e AI. almeno dai link che hai postato.

 

 

 

Ho cercato proprio Islamic State perché ISIS, ISIL, Levant (sembrava la parola più selettiva) non hanno dato risultati.

Ora non so bene dove e devo ricercare di nuovo, ma è proprio questo che mi lasciava perplesso, perché non so bene dove ora, ma ho letto che AI è nato come gruppo fondato da Zarqawi. Fatto sta che il gruppo il gruppo Ansar Al-Islam e il gruppo Al-Qaeda in Iraq sarebbero lo stesso gruppo che cambia da AAI ad AI dopo aver raggiunto gli accordi con Osama.

Potrebbe essere un'omonimia con un altro gruppo AI?

Ci sono di sicuro molti problemi legati al fatto che nel disperato tentativo di Powell di convincere il mondo dei legami fra AQ e Saddam hanno inquinato un po' tutto seminando interviste e minchiate che possono essere finite nelle fonti di chiunque. (se ricordi il primo tentativo di invadere l'Iraq si basò su queste sterili ipotesi e poi virarono sulle armi chimiche)
http://news.bbc.co.u...ast/2730253.stm

Appena ho un attimo di tempo do un'occhiata


  • 0

#10 tiresia

tiresia

    Sue Ellen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4178 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2014 - 13:34

Sempre sul post, qualche giorno fa, ma non trovo più il link, avevano tradotto un articolo sulla variante Wahabita dell'Islam, che domina l'arabia saudita, e di come l'Is non fosse che una estremizzazione, ossia una estremizzazione di un fondamentalismo già ben estremizzato. Per questo l'appoggio economico dell'arabia saudita è sempre stato così forte. Ad oggi però sembra che il vero obiettivo dell'Is sia appunto la terra de La Mecca e di Medina, che il califfato stia diventando un'arma strategica dei movimenti di palazzo e di potere che si intensificano sulla dinastia morente in Arabia e sulla successione. Insomma Re Abda Allah e famiglia hanno foraggiato l'Is e ora questi sta diventando un pericolo per la loro dinastia.

Non è solo un problema degli occidentali non sapere chi appoggiare.


  • 0

#11 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9912 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 23 settembre 2014 - 14:40

Ora non so bene dove e devo ricercare di nuovo, ma è proprio questo che mi lasciava perplesso, perché non so bene dove ora, ma ho letto che AI è nato come gruppo fondato da Zarqawi. Fatto sta che il gruppo il gruppo Ansar Al-Islam e il gruppo Al-Qaeda in Iraq sarebbero lo stesso gruppo che cambia da AAI ad AI dopo aver raggiunto gli accordi con Osama.



Spoiler


EDIT: ecco forse ti riferivi a questo: http://www.trackingt...sar-al-islam-ai
Zarqawi avrebbe assunto il comando di AI dopo che l'organizzazione entrò nel franchise di Al Qaeda.
Ansar al-Islam (AI), formerly known as Ansar al-Sunna (AS), is a Sunni extremist group comprised of mainly Iraqi Kurds intent on establishing a Salafi Islamic state in Iraq. AI was established during December 2001. AI's formation followed an agreement between Osama bin Laden and Kurdish Islamist groups to integrate their presence and activities Iraq. AI's co-founder, Mullah Krekar, lived in Iran for a time before fleeing to Norway. Abu Musab al Zarqawi (deceased leader of al Qaeda in Iraq) assumed a leadership position in AI after fleeing Afghanistan. The formation resulted in the merger of the Islah, al-Tawhid Islamic Front, and Jund al-Islam. Initially the AI was associated with violent clashes with the Patriotic Union of Kurdistan (PUK), but following the USA intervention in Iraq the AI transformed itself into a powerful group within the Sunni insurgency groupings. AI is predominately comprised of Iraqis, some of whom are former intelligence and security personnel. However, AI’s ranks also include Sunni foreign fighters, such as Yemenis and Saudis.
  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 


#12 Garpewterschmidt

Garpewterschmidt

    farsical aquatic ceremony

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21294 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2014 - 14:50

Per il momento vince lui

 

10645258_716889808386912_198017990086337


  • 4
"Correr, corre cualquiera, pero jugar al fútbol es más complicado."
(Juan Román Riquelme)

 


#13 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9912 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 23 settembre 2014 - 15:03

in parole povere

"In tutto questo: io ho un dubbio sul fatto che AI nasce in Kurdistan e i curdi sono quelli che stiamo armando, fra gli altri. Il Kurdistan cerca l'indipendenza e insomma, a voler pensar male potrebbe star sfruttando un'occasione ghiotta."

per me qua fai un'errore: questi erano sì curdi-anche se soltanto all'inizio- ma fin dall'inizio erano nemici dei curdi che "stiamo armando." il problema è che in queste cose a "voler pensar male" la maggior parte delle volte si prendono cantonate.


poi, due parole sulla "Guerra all'ISIS." Mi sembra al momento un grave errore. Ovviamente non si può vincere un conflitto del genere senza "boots on the ground;" ovviamente avere aspettative adesso su ribelli "moderati," addestrati in Arabia Saudita è ridicolo, ovviamente si vuole approfittare dell'ISIS per rientrare dalla porta di servizio in Siria (credo che la "window of opportunity" si sia irrimediabilmente chiusa dopo la storia degli attacchi chimici di Assad, probabilmente anche prima).
Inoltre immagino che Obama abbia detto "no boots on the ground" per avere consenso immediato, e ciò ovviamente lascia la porta aperta ad un possibile intervento in futuro.


detto ciò io avrei:
1) non dichiarato "guerra all'ISIS" e promesso di distruggerlo. mi sarei limitato a fare ciò che effettivamente stanno facendo senza grandi proclami, cioè aiutare curdi e iracheni (magari con la collaborazione iraniana)

2) mi sarei tenuto lontano dalla Siria, un conflitto che probabilmente, come aveva visto giusto Luttwak l'anno scorso, è ormai irrecuperabile. Bisognava contenerlo e lasciarlo in autocombustione. L'unica sarebbe aiutare quel brav'uomo di Assad, ma non penso che nessuno si spingerà fin lì.
Certo, si può argomentare che è impossibile combattere efficacemente l'ISIS senza toccare le loro posizioni in Siria (visto che Assad non ha la forza/volontà per combatterli).
  • 1

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 


#14 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 23 settembre 2014 - 15:27

Sì, credo anche io che il pensar male sia un errore. 

Il link che hai messo tu non è lo stesso che avevo letto, lì davano una spiegazione meno dettagliata della cronologia. Nel tuo link il nome AI è stato usato due volte 2001-2003 e 2003-2007
Così di passaggio ci sarebbe anche un nuovo gruppo che si becca le bombe così a buffo da parte degli americani affiliato con Al-Qaeda e che forse sta là solo per cogliere al balzo l'occasione di ammazzare un po' di gente.

Ho letto delle statistiche e pare che l'intervento boots on the ground sia ancora supportato da una minoranza di americani, ma l'idea che si debba intervenire militarmente è predominante* e credo che al primo accenno di pericolo interno l'opinione pubblica si muoverà verso l'intervento militare. Ultimamente si diffondono molte notizie su tweet di minaccia, ma ho anche letto che molti di questi tweet non sono assolutamente riconducibili a persone realmente affiliate all' IS.


*come sempre mo' non ricordo dove ho visto il sondaggio


  • 1

#15 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 25 settembre 2014 - 19:12

A proposito del nuovo gruppo, il Foglio ne dà una lettura interessante.

http://www.ilfoglio....rd-la-siria.htm


Sul tizio francese che hanno accoppato in Algeria secondo me non c'entra un cazzo con tutta la storia. La Cabilia è una zona notoriamente da evitare e questo se ne va a fare trekking. Lì ci sono indipendentisti, terroristi, bande armate... insomma è sconsigliatissima in tutti i siti dei ministeri degli esteri e questo appena arriva va proprio là a fare la passeggiata.

Ci sono delle cose che non mi quadrano:
1) la stampa internazionale che dice che è stato "scovato" tramite facebook secondo la solita fonte con esperienza: però sulla sua pagina facebook non aveva aggiornato i luoghi, non aveva detto dove andava, non si trova niente di preciso sulla Cabilia e arriva il 20 in Algeria; il giorno dopo è già rapito. Insomma, questi come facevano ad aver la sensazione che arrivasse grazie a facebook?
Accenna al viaggio parlando con amici e dice "per una volta mi lascio guidare" ecco, qui secondo me al massimo ci sono i presupposti per pensare che qualcuno che conosceva i suoi amici l'abbia "adescato" organizzando questa passeggiata in montagna, ma è ben lontana la versione "adescato su facebook"
https://www.facebook...gourdel?fref=ts

2) Il video è strano a partire dal fatto che ha la macchina fotografica ancora appesa al collo dopo essere stato catturato. Veramente un video strampalato.
3) è troppo pacato nei modi e toni per essere un civile rapito da gente che la stampa ha notoriamente dipinto come tagliatori di teste.

In ufficio ho sentito sia che era uno dei servizi, sia che era un video fasullo. In effetti comunque qualcosa non quadra appieno.


  • 0

#16 kristofferson

kristofferson

    Giù la testa, coglioni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 633 Messaggi:

Inviato 26 settembre 2014 - 12:26

Mah io non vedo molte ombre su questa triste vicenda, sinceramente. Ci sono diversi tour operator anche in Italia che organizzano viaggi diciamo così 'avventurosi' sulle montagne e i deserti dell’Algeria. Probabilmente trattandosi di un viaggio organizzato con guide locali il francese si sentiva abbastanza sicuro, anche perché oltre a qualche rapimento finora nel paese nordafricano non c’erano mai state aggressioni rilevanti a danni di turisti stranieri. L’inasprimento di questi gruppi terroristici è del resto cosa abbastanza recente e probabilmente inaspettata in Algeria, paese che è stato relativamente 'tranquillo' negli ultimi anni (mentre fino a un decennio fa anche se la cosa non faceva notizia le teste tagliate si contavano a migliaia)…


  • 0

#17 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 26 settembre 2014 - 17:18

Mah io non vedo molte ombre su questa triste vicenda, sinceramente. Ci sono diversi tour operator anche in Italia che organizzano viaggi diciamo così 'avventurosi' sulle montagne e i deserti dell’Algeria. Probabilmente trattandosi di un viaggio organizzato con guide locali il francese si sentiva abbastanza sicuro, anche perché oltre a qualche rapimento finora nel paese nordafricano non c’erano mai state aggressioni rilevanti a danni di turisti stranieri. L’inasprimento di questi gruppi terroristici è del resto cosa abbastanza recente e probabilmente inaspettata in Algeria, paese che è stato relativamente 'tranquillo' negli ultimi anni (mentre fino a un decennio fa anche se la cosa non faceva notizia le teste tagliate si contavano a migliaia)…

 

Il Djurdjura è una zona dove semplicemente non puoi andare tranquillo se sei europeo (e proprio 2 settimane fa mi hanno invitato a fare trekking là ma ho lasciato cadere l'invito in un "sì, ti faccio sapere"  :firuli: )

Anche prima del Patatrac il sito viaggiare-sicuro della Farnesina diceva:

"È sconsigliato, se non strettamente necessario, recarsi in viaggio: nella regione di Timimoun; nella regione della Cabilia, in particolare nelle province di Tizi Ouzou, Boumerdés, Bouira[...]"

si parla di zone che sono anche a sessanta chilometri da Algeri (tipo Boumerdès).


Comunque Afrik.com riprende un giornale online secondo il quale la cellula in questione Djound al Khilafa abbia agito in questo modo come tentativo di convincere l'IS di essere degna di far parte dell'organizzazione e sottolineano che questo potrebbe essere il segnale che IS sta rubando la scena ad Al-Qaeda come esempio per tutte le cellule para-militari islamiche.

"« Daesh vole la vedette à Al Qaïda, d’où l’empressement de Djound Al Khilafa d’annoncer son allégeance à cette organisation criminelle »"

______________________-
EDIT: grazie ad un commento ho scoperto questa espressione bellissima:

Pourquoi chercher midi à quatorze heures - letteralmente perché cercare mezzogiorno alle 14 - riguardo ad un'altra cosa poco chiara: dove è stato rapito? ebbene sì, perché nonostante ci siano varie versioni con 2 o 4 compagni di viaggio (apparentemente rilasciati subito) di vari testimoni, nessuno sa dov'è stato rapito. Allora chi sono questi compagni di viaggio rilasciati? Perché non vengono interrogati?

________________________

Su El Watan invece parlano di personalità politiche che si preoccupano di fare la fine del Pakistan:

Mais ce rôle de partenaire privilégié dans la lutte antiterroriste nous expose au terrorisme international, il engage notre responsabilité et des dépenses qui pourraient être attribuées à l’amélioration du quotidien des Algériens.


La seconda parte della frase mi fa ridere perché da quando i francesi sono stati sconfitti questi non hanno rifatto manco la facciata di un palazzo asd 


 

  • 0

#18 Max Stirner

Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13772 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 27 settembre 2014 - 16:44

 Il Fronte al Nusra, la branca siriana di Al Qaida, ha diffuso un nuovo video in cui accusa il partito sciita libanese Hezbollah di ostacolare i negoziati per il rilascio di 30 soldati e poliziotti libanesi, presi in ostaggio dai jihadisti dello stesso Al Nusra e dello Stato islamico (Isis) durante un'incursione in Libano all'inizio di agosto. Tre degli ostaggi sono già stati uccisi. Per liberare gli altri, i miliziani vogliono che Hezbollah si ritiri dalla Siria, dove combatte per Assad.

 

è una delle cose piu divertenti degli ultimi anni


  • 0
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#19 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 27 settembre 2014 - 17:53

E pure il fatto che la Turchia che dopo la liberazione degli ostaggi di Mosul ora cambia strategia e si schiera con la NATO più apertamente (anche se non è ancora certo eh, in italiano solo fonti del cazzo e in inglese ci vanno cauti).

Are they going to invest themselves in a long term battle against this group?

 

Comunque è chiaro che non ci si capisce niente proprio in questo casino fra gruppi religiosi, gruppi etnici, alleanze sbilenche fra sciiti, sunniti, estremismi vari che si ripudiano e però mantengono dei nemici in comune... bah... davvero una roba fuori dall'ordinario scenario di guerra in cui hanno fatto facilmente le distinzioni buoni/cattivi che piacevano a Bush.

Ora l'unico modo per vincere l'opposizione dell'opinione pubblica all'operazione di terra è schiacciare l'acceleratore sulla violenza, continuando a parlare di decapitazioni senza specificare che sono fatte su corpi morti  - già perché nell'opinione pubblica la componente gore fa ancora presa e di sicuro fa alzare la barretta degli interventisti.

Paradossalmente sono i terroristi quelli che nonostante le decapitazioni ed esecuzioni fanno propaganda con i video tipo flames of war in cui abbracciano un'estetica eroica e cercano di mostrare più violenza verso il martire jihadista che verso gli altri mostrando la morte dei Siriani solo come "giusta punizione" per essersi schierati contro il movimento ed aver supportato un leader che non meritava fiducia (Assad). Sono proprio i jihadisti quelli che cercano di rarefare la violenza della loro quotidianità per imporre un messaggio di tipo ideologico in cui la violenza è solo uno strumento necessario.
 


  • 0

#20 corrigan

corrigan

    気持ち悪い

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9912 Messaggi:
  • LocationHK

Inviato 27 settembre 2014 - 18:08

 

Paradossalmente sono i terroristi quelli che nonostante le decapitazioni ed esecuzioni fanno propaganda con i video tipo flames of war in cui abbracciano un'estetica eroica e cercano di mostrare più violenza verso il martire jihadista che verso gli altri mostrando la morte dei Siriani solo come "giusta punizione" per essersi schierati contro il movimento ed aver supportato un leader che non meritava fiducia (Assad). Sono proprio i jihadisti quelli che cercano di rarefare la violenza della loro quotidianità per imporre un messaggio di tipo ideologico in cui la violenza è solo uno strumento necessario.
 

 

 

mah, non sono affatto d'accordo. tempo fa avevo letto questo pezzo che trattava riflessioni simili alle tue con risultati opposti.

 

 

The Pornography of Jihadism

What ISIS videos and X-rated movies have in common
 
lead.jpg?nbsujx

http://www.theatlant...os-porn/380117/

 

 

In both this and the Foley video, the executioner gives a brief explanation for what he is about to do...but the focus is less on the rationale than on the grisly act itself...It is a paradigmatic example of what Mark Juergensmeyer has described, in his book Terror in the Mind of God:The Global Rise of Religious Violence, as “performance violence”: a public, theatrical, “symbolic statement aimed at providing a sense of empowerment,” and not at achieving any strategic goal.


  • 0

I distrust orthodoxies, especially orthodoxies of dissent
「その時僕はミサト さんから逃げる事しかできなかった。 他には何もできない、 他も云えない… 子供なんだと……僕はわかった

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq