Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

These New Puritans - Field Of Reeds [Infectious, 2013]


  • Please log in to reply
220 replies to this topic

#41 murphy

murphy

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1441 Messaggi:

Inviato 17 maggio 2013 - 23:12

Almeno quattro pezzi mostruosi a mio parere: Fragment two, V, Organ eternal (per ora il mio preferito, uno dei pezzi in cui l'assenza delle percussioni devastanti di Hidden è stata colmata al meglio), la title track.
Il resto da ascoltare e riascoltare.
  • 0

#42 Scripti Politti

Scripti Politti

    サカナクション

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2487 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 06:07

disco molto ostico ma mi regalerà un sacco di soddisfazioni.
  • 0

#43 murphy

murphy

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1441 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 10:36

Comunque qualcosa di Hidden è rimasto: Organ Eternal - un pezzo che non riesco a smettere di ascoltare - riprende dalla favolosa outro 5, dal loro secondo album. Solo che al posto del coro dei bimbi, che mi mancano, lo ammetto, ci sono quei rumori (voci?) inquietantissimi.
  • 0

#44 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7159 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 12:04

Comunque qualcosa di Hidden è rimasto: Organ Eternal - un pezzo che non riesco a smettere di ascoltare - riprende dalla favolosa outro 5, dal loro secondo album. Solo che al posto del coro dei bimbi, che mi mancano, lo ammetto, ci sono quei rumori (voci?) inquietantissimi.


i rumoracci in Organ Eternal sono la ciliegina, sono pochi e si aspettano, secondo me sono un po' come il suono delle lame che c'erano nel pezzone in Hidden.
E negli ultimi 10 secondi, quando sfuma, sembra ci sia la "dedica" a Reich (o al minimale in generale) - a parte che già ci sono nel pezzo delle scale fatte (penso) col vibrafono che mi fanno pensare a quell'autore - partono degli incroci di voci femminili come quelli che ci sono in tanti pezzi di Reich, ma non si sviluppano perché finisce il pezzo, come a dire "potevo metterci anche questo, eh...".
  • 0

#45 Selfon

Selfon

    Ondarocker Derivativo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2614 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 14:18

un link? lo trovo solo su uploaded ma uploaded non mi funzia.

edit: risolto, grazie.
  • 0

#46 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7159 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 15:57

gli "esperimenti vocali" sono di questi (Jack è quello dei TNP):
The unsettling feel continues with forlorn singing from Jack, a decidedly non-angelic children’s choir, basso profundo vocal tremors from Adrian Peacock (who has the lowest known voice in Britain), and Portuguese Fado vocalist Elisa Rodrigues.

effettivamente quello che fa il basso è impressionante asd
  • 0

#47 Giubbo

Giubbo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3875 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 16:32

Ed Elisa Rodrigues come canta?
  • 0

#48 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7159 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 16:34


non venirci a parlare di pop, eh, qui è dura trovarlo, mi sa che non è il miglior disco che ti potesse capitare per trovarne le influenze o forse conosci bene gli artisti che ho citato? Ognuno hai i suoi campi, non te lo direi mai per un disco pop


Ahahahah, sei favoloso. Ma che idea hai dei miei ascolti? Li hai visti gli artisti che ho citato? Il tardo, osticissimo Sylvian, "Mount Eerie", i Bark Psychosis, il tardo Scott Walker. Dove starebbe il pop fra questi?

La tua capacità di schematizzare gli ascolti degli altri in due-tre stereotipi a caso, come già facesti col Duca, è clamorosa. Io sono cresciuto a pane e progressive, reggo senza problemi i pezzi di venti minuti, ho passato periodi lunghissimi a ascoltare solo jazz, e dulcis in fundo ho una formazione blowup-scaruffotta alle spalle in cui mi sono magnato i peggio rumori. Che devi venirmi a insegnare, sparisci dai. asd

Detto questo, io questo campo vastissimo non lo vedo, perché tutti i nomi fatti tendono comunque verso un mod definitissimo -> oscurità, ma non oscurità gotica, bensì quella più legata all'esplorazione spirituale della natura e dell'uomo, più una certa severità a livello esecutivo.
Sono queste caratteristiche comuni a tutti i nomi che si sono fatti,
per quanto in ambiti distanti fra loro, quindi è chiaro che il disco ha una direzione precisa come poche e la segue in maniera addirittura autoritaria. Altro che puzzle e puzzle.


non l'avevo nemmeno letto bene, temevo ci fossero robe poco garbate asd
"l'oscurità non gotica ma spirituale" non è male - sono dei figli di satana i TNP - oscurità che sarebbe pure presente negli artisti citati da te (mah! Sylvian?BP?)

i miei "stereotipi a caso" sono i nomi, le assonanze, i generi, le annotazioni che ho fatto, mi sa andando un filo oltre quella roba tremolante qui sopra che fa spisciare, "mod definitissimo oscurità", dio!

ti dirò anche che trovo sbagliato dire "oscuro" questo disco, è severo e solenne come una messa, Zorn o i Raime sono oscuri perché inquietano, qui è il contrario, c'è una quiete totale, mesta e rassegnata, c'è morte in tanti pezzi, una pace totale e quasi gratificante, un omaggio alla morte (appunto dei salmi, inni alla morte)
  • 0

#49 murphy

murphy

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1441 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 17:52

Ed Elisa Rodrigues come canta?

Io mi aspettavo qualcosa di molto diverso, delle parti vocali più definite apposta per lei, invece Barnett mi ha sorpreso anche qui.
Comunque in "The light in your name" è favolosa.
  • 0

#50 Kim

Kim

    Flyin' Cats

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 444 Messaggi:

Inviato 18 maggio 2013 - 20:21

di Sylvian che perlatro conosco bene non ho sentito assonanze, il disco cmq in oggetto mi piace molto, V è un grandissimo pezzo.
Dal un punto di vista delle sensazioni, percepisco effettivamente un alone nero che pervade tutto il disco, cosa che non ho mai percepito in Sylvian neppure nelle ultime cose, quelle più contemporanee e pese.
C'è effettivamente un effetto di attesa, a volte l'ho percepito ascoltando anche i Coil, come se dovesse accadere qualcosa.
  • 0

#51 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21442 Messaggi:

Inviato 19 maggio 2013 - 01:50

non l'avevo nemmeno letto bene, temevo ci fossero robe poco garbate asd

Guarda te se uno rientra a st'ora e deve leggersi ste robe...


i miei "stereotipi a caso" sono i nomi, le assonanze, i generi, le annotazioni che ho fatto, mi sa andando un filo oltre quella roba tremolante qui sopra che fa spisciare, "mod definitissimo oscurità", dio!

Colui che accusa gli altri di non essere garbati, notare bene.


"l'oscurità non gotica ma spirituale" non è male

Sfotti per questa definizione e poi scrivi: "una pace totale e quasi gratificante, un omaggio alla morte". Se la mia ti fa tanto ridere, la tua come minimo dovrebbe farti scompisciare.


sono dei figli di satana i TNP - oscurità che sarebbe pure presente negli artisti citati da te (mah! Sylvian?BP?)

Anzitutto: ma come scrivi? Ma l'hai riletta 'sta roba almeno?
A ogni modo, se BP sono i Bark Psychosis, sarà buffo negare le affinità, visto che l'album è prodotto a quattro mani da Barnett e Sutton. Riguardo a Sylvian, non essendo stato l'unico a sentircelo* mi accontento di sapere che se sono pazzo sono in buona compagnia.
*E comunque non come rimando diretto, il giochetto io neanche l'ho tentato (e l'ho già scritto quindici volte che neanche l'ho tentato, vediamo quante volte ancora mi toccherà scriverlo per farti entrare che neanche l'ho tentato), ma come affinità di mood (a proposito, mood, non mod, conosciamole le parole).


ti dirò anche che trovo sbagliato dire "oscuro" questo disco, è severo e solenne come una messa, Zorn o i Raime sono oscuri perché inquietano, qui è il contrario, c'è una quiete totale, mesta e rassegnata, c'è morte in tanti pezzi, una pace totale e quasi gratificante, un omaggio alla morte (appunto dei salmi, inni alla morte)

Non c'è niente che trovo meno oscuro di Zorn onestamente, la cui musica non mi ha mai manco mai lontanamente inquietato. Al limite fatto ridere per quanto riesce a essere fastidiosa, ma inquietato proprio mai.
Buffo comunque che prima sbeffeggi le sensazioni altrui e poi innalzi le tue a pilastri oggettivi con cui valutare questo disco.
  • 0

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#52 nino#

nino#

    Slackware addict

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5233 Messaggi:
  • LocationῬήγιον - Μεγάλη Ἑλλάς

Inviato 20 maggio 2013 - 10:39

Album veramente stupendo!
Sinceramente non conosco bene i precedenti (ho sentito qualche brano qua e là), ma questo è qualcosa di indescrivibile...
  • 0
VINDICA TE TIBI

#53 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11618 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2013 - 12:24

Cestinato a metà scaletta. Scusassero ma proprio con loro non c'ho feeling.
  • 0
A chemistry of commotion and style

#54 marcio

marcio

    burning from the inside

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2954 Messaggi:
  • LocationTV

Inviato 20 maggio 2013 - 12:34

il trittico a metà V (Island song), Spiral e Organ eternal è clamoroso
cmq un disco ostico, spiazzante, addirittura pesante in alcuni punti, cantato in tono dimesso, sembra quasi un requiem, non è facile entrarci dentro da subito; la cosa più magnifica sono i fiati così maestosi e minacciosi
a me han ricordato tanto i Radiohead della fase Kid A / Amnesiac e Sylvian, però mi pare qualcosa di nuovo e coraggioso nel panorama odierno
mi sa che sarà un disco che consumerò i prossimi mesi, anche se devo capire ancora per bene le ultime 3 canzoni

p.s. un grazie a Corrigan che mi ha fatto venir voglia di ascoltarlo in un suo status, altrimenti non credo l'avrei mai sentito visto che Hidden non mi era piaciuto (ma mi sa che ci ritenterò)
  • 2

#55 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7159 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2013 - 12:59

disco dell'anno!
mah, con 'ste pause, questa rarefazione nei pezzi e 'ste dinamiche bellissime, al limite i Talk Talk post-rock, emozionalmente magari anche i Radiohead, Sylvian proprio lo cazzo, è molto più freddo e algido e sostanzialmente pop (e dopo exp con gente che nulla ha di "classico", il contrario), mentre questo disco è molto drammatico, forte, rock e di musica classica moderna.
ci sarebbero gli Her Name Is Calla che sono mogi mogi e post-rock e le cui atmosfere sono molto simili, però sono dei cazzoni (a me non piacciono) sempliciotti in confronto
  • 0

#56 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15416 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2013 - 13:06

a me han ricordato tanto i Radiohead della fase Kid A / Amnesiac e Sylvian, però mi pare qualcosa di nuovo e coraggioso nel panorama odierno


anche a me, ma chi ha citato Mount Eerie e Bark Psycosys non ha pisciato fuori dal vaso. disco denso di pulsazioni energetiche, cupe sì, ma trascinanti in un loop vorticoso. "Organ Eternal" capolavoro. possibile disco dell'anno.
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#57 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21442 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2013 - 13:08

Sylvian proprio lo cazzo, è molto più freddo e algido e sostanzialmente pop

Eh, il Sylvian degli ultimi 10 anni un pop che non ti dico...
  • 0

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#58 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7159 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2013 - 13:16

Sylvian proprio lo cazzo, è molto più freddo e algido e sostanzialmente pop

Eh, il Sylvian degli ultimi 10 anni un pop che non ti dico...


c'è scritto cosa è dopo, almeno leggere, caro il mio

mod definitissimo -> oscurità, ma non oscurità gotica, bensì quella più legata all'esplorazione spirituale della natura e dell'uomo

asd
  • 0

#59 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21442 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2013 - 13:17

a cosa serve precisare il "prima" pop allora, adducendolo come motivo di distanza? Per carità, povero mondo...
  • 0

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#60 Norman Bombardini

Norman Bombardini

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7159 Messaggi:

Inviato 20 maggio 2013 - 13:23

se uno fa anni e anni e anni di pop e poi fa sperimentale con dei giapponesi e Fennesz (e altri) e non fa rock/post-rock e tantomeno si avvicina alla classica moderna serve per dire che trovo ci siano evidenti differenze con il carattere di questo disco che è pure molto drammatico e forte come emozioni e mi piacerebbe sapere anche quello cosa c'entra con un algidone strafigoso come Sylvian
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq