Vai al contenuto


Foto
* * * * - 1 Voti

Gus Van Sant


  • Please log in to reply
141 replies to this topic

#21 stalker

stalker

    93

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3388 Messaggi:

Inviato 25 novembre 2006 - 14:52

curioso il paragone van sant-bela tarr...non ci avevo mai pensato..pur avendo qualche elemento comune mi pare un po forzato. ma hai letto qualche intervista di van sant in cui dice che si è ispirato al regista ungherese?
  • 0

#22 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 25 novembre 2006 - 18:15

curioso il paragone van sant-bela tarr...non ci avevo mai pensato..pur avendo qualche elemento comune mi pare un po forzato. ma hai letto qualche intervista di van sant in cui dice che si è ispirato al regista ungherese?


si. Io ho letto il "Castorino" dedicato a Van Sant, e il regista afferma di essersi esplicitamente ispirato al cinema di Bela Tarr e John Cassavetes.

#23 {`tmtd`}

{`tmtd`}

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7070 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 05 novembre 2007 - 09:31

visto ieri, dopo diverso tempo che volevo vederlo ma facevo sempre sopravanzare altri film. non mi è piaciuto per niente. la scomposizione cronologica usata in elephant qua non funziona, sbatte contro un filo narrativo che non è funzionale, non ha mordente. il film si fa apprezzare soltanto per alcune sequenze (geniale il latte fuori dal frigorifero e i cereali dentro!) e per un prodotto di questo genere non è certo un gran complimento.
  • 0

#24 Guest__clòd__*

Guest__clòd__*
  • Guests

Inviato 05 novembre 2007 - 23:05

spinto dalla discussione ho rispolverato il dividì e guardato per la terza-quarta volta sto' film, ma non c'è niente da fare, continuo a trovarlo inutile e fastidioso.
certo, visivamente è stupendo, il sonoro è da paura (sarà proprio perchè mancano i nirvana? asd), pitt fa la sua porca figura anche coi borbottii doppiati orrendamente in italiano, e in generale il tentativo di creare un'atmosfera straniante e sostanzialmente non comunicativa è riuscita, cazzo, forse fin troppo!: ciò che può avere di interessante una storia del genere, il dramma del personaggio, i suoi pensieri, l'intimismo, questi dove sono? non si riesce proprio ad entrare in contatto con cobi, e se un approccio distante e chirurgico era la manna per elephant, qui fa crepare il film.
oltre all'esrcizio di stile visivo e sonoro alla fine rimane solo la noia di osservare un cretino che vaga come un'anima in pena per tutto il film senza dire o fare alcunchè, con attorno comprimari ridicoli e invischiato in una trama a cazzo, condita come se non bastasse con reminescenze di discontinuità temporale che non ci stanno a dire niente.
voto:4

#25 Dana

Dana

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 169 Messaggi:

Inviato 05 novembre 2007 - 23:39

film noiosissimo e inutile
  • 0

#26 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 07 novembre 2007 - 08:29

dunque in linea di massima condivido i pensieri dell'autore del thread e dei 'favorevoli'.
parte il film e la prima sequenza mi piace. successivamente, ho un po' di difficoltà a farmi interessare, ad entrarci dentro. anzi, ad un tratto penso serimente di interrompere la visione. fortunatamente non lo faccio perchè entro sempre più in sintonia col film e alla fine mi sento di consigliare di vederlo, quando però ci si sente particolarmente predisposti per la visione di un film tutto sommato 'tosto' nella sua 'banalità'.
oltre le stupende sequenze già indicate dagli altri, dico che la sequenza finale con la barella è acidissima..!

forse ***1/2, oppure ***/****
  • 0

#27 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22228 Messaggi:

Inviato 03 dicembre 2007 - 18:20

Usiamo questo anche per paranoid park?

In attesa di andare a vederlo domani, faccio la seconda di Altman e, dopo una recente revisione della sua filmografia, propendo per un ridimensionamento pure di Gus..
  • 0

#28 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 03 dicembre 2007 - 18:47

Vidi Paranoid Park in rassegna e scrissi questo:

Van Sant torna sempre sugli stessi temi, ma non fa mai lo stesso film. Questa sua ultima opera è incentrata su un giovane capellone appassionato di skate che viene coinvolto in una vicenda torbida di cui non è il caso rivelare altro per non rovinare la sorpresa. Quel che avviene è comunque un'iperbole che serve da pretesto per affrontare il tema dello scontro degli adolescenti che noi definiremmo "alternativi" con istituzioni quali la scuola, che non è in grado di influenzarli, e la famiglia, sempre assente (se non erro la madre compare una sola volta in campo lungo, idem  il padre, che per metà di quell'unica scena è sfocato), se non quando occorre dispensare vaghi e retorici consigli. Un ruolo analogo è affidato a un'agente di polizia, altrettanto logorroico ma forse un po' più attento alle problematiche reali dei suoi giovani interlocutori. La scena del protagonista sotto la doccia è la più bella vista in questa rassegna e il film sprigiona talento da vendere; forse però i continui salti temporali (organizzati alla perfezione) servono anche all'autore per coprire alcuni punti deboli in sceneggiatura.

Per me Gus è al momento il regista americano più interessante.
  • 0

#29 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 03 dicembre 2007 - 19:04

Per me Gus è al momento il regista americano più interessante.


è senza dubbio uno dei più interessanti, se non il più interessante come dici tu

#30 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 03 dicembre 2007 - 19:23

Venerdì esce! Venerdì esce!
Ricordo che rimasi impressionato quando vidi al cinema Elephant.
Mi aspetto molto.
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#31 fatbob

fatbob

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 434 Messaggi:

Inviato 04 dicembre 2007 - 21:43

Mi ha annoiato a morte ed a differenza di molti commenti letti, ho trovato Pitt insopportabile (come in "the dreamers" del resto).

Dei film di Van Sant che ho visto (Drugstore Cowboy, Elephant, Belli e Dannati), senza dubbio il peggiore...e di gran lunga.
  • 0

#32 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 08 dicembre 2007 - 09:32

Lo ammetto: mi sono precipitato al cinema proprio ieri, giorno di uscita (cosa che in effetti non faccio quasi mai), per andare a vedere Paranoid Park, trascindando con me un gruppo di amici. Ero curioso.

Come ho già avuto modo di scrivere, ieri sera a caldo, dopo la visione, il film mi è piaciuto davvero tanto e per ora penso di dargli un posto nella mia personale top 10.

Nonostante quanto si possa pensare (e da quanto, chissà perchè, io mi aspettassi), non è uguale, nelle scelte di regia e di messa in scena, ad Elephant (e come dice giustamente satyajit, Van Sant torna sugli stessi temi, già da Belli e dannati, ma non fa mai lo stesso film).
Van Sant costruisce, attraverso l'incastro dei piani temporali (soprattutto nella prima metà del film, per diventare più continuo e lineare nella seconda), il viaggio interiore di un giovane skater all'interno del mondo che lo circonda a partire da un tragico evento, che si svolge proprio vicino a Paranoid Park, skatepark malfamato della piccola e tranquilla Portland. Il tutto attraverso il racconto in prima persona del protagonista, che passa attraverso la famiglia, la ragazza ed il sesso, la scuola (tutti aspetti che incontrano, spesso si scontrano con la vita di un adolescente) e la polizia.
Alcune scene bellissime: quella del tragico evento (a differenza della strage nella scuola in Elephant, qui Van Sant non lascia molto all'immaginazione), quella sotto la doccia, e quella finale; tutte a loro modo agghiaccianti, effetto in parte garantito da lunghi piani sequenza o primi piani molto stretti. Van Sant dirige gran parte del film in questo modo e risulta azzeccata la scelta di alternare scene girate in 35 mm (giocando anche molto sulla messa a fuoco) a quelle in 8 mm, dedicate esclusivamente alle acrobazie degli skaters (il che crea come un mondo fantastico, un idillio, che pare essere tutto e pura felicità per questi adolescenti)
C'è qualche difetto? Secondo me sì e sta prima di tutto in alcune scelte musicali (del tutto assenti in Elephant), che rischiano a volte di far trasparire un qualche giudizio o partecipazione di Van Sant (che tenta di restare obiettivo, puro e semplice narratore), come nel caso della scena del tragico evento. Anche se poi, risultanto invece perfette in altre situazioni, come le parti girate in 8 mm. E poi cade ogni tanto in alcuni buchi nel tentare di approfondire la psicologia di alcuni personaggi di contorno.
In complesso però, mi sbilancio: 8/10.

P.S.: due note di demerito: la sala praticamente vuota (era un secondo spettacolo del venerdì sera, mica il pomeridiano del martedì) e la commessa che -alla nostra richiesta del film da vedere- con sorriso ironico condito da sbuffatina sbeffeggiante chiede "Ma siete proprio sicuri"?

  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#33 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22228 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2007 - 09:42

D'accordo sui pregi, ma metterei in evidenza come gravissimo difetto l'esasperata ricerca dello stile virtuoso che comincia ad affliggere Van Sant (e non solo lui, è un vizio che molti autori che vogliono farsi perdonare certe precedenti prostituzioni non riescono a levarsi di dosso)...alcune scene non si dimenticano: geniale la presentazione di alcuni dei protagonisti mediante primo piano fisso con sottofondo musicale che li inquadra caratterialmente...ma ho l'impressione che VanSant vuol dire qualcosa che non riesce a comunicare, tutto preso da certi tic da cinema post-postmoderno...

Voto 6/7

(La mia classifica è pronta, salvo Cronenberg di cui però non è che si dica un grandissimo bene all'indomani di Torino)
  • 0

#34 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 08 dicembre 2007 - 09:59

D'accordo sui pregi, ma metterei in evidenza come gravissimo difetto l'esasperata ricerca dello stile virtuoso che comincia ad affliggere Van Sant


Dove l'hai vista questa ricerca? Non so, la scena dell'interrogatorio?
Secondo me, invece, Van Sant si è un pò troppo sbilanciato nel voler "giudicare", quando il suo scopo penso fosse (come per Elephant) il distacco, il semplice raccontare.
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#35 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22228 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2007 - 10:06

Questo invece non ce l'ho visto io, mi sembra che la "naturalezza degli eventi" venga messa in scena piuttosto bene anche qui...

Quando parlo di effetto esasperato di virtuosismo non mi riferisco ad una scena in particolare, ma in generale all'impressione che un regista mi dà circa la sua invadenza, incapace di mettere in scena i personaggi e non se stesso...poi a freddo, da bravi cinefili coglioni, tutti quanti ci mettiamo a disquisire sui profili tecnico-narrativi dei film però quando mi siedo in sala voglio la storia prima di tutto, voglio dimenticarmi che la finzione è architettata da una mano fuori scena...spesso VanSant ti fa sentire tantissimo la sua presenza, e questo non mi piace (penso alla scena di sesso, se proprio vuoi un esempio)..
  • 0

#36 Pier

Pier

    Roadie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 573 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2007 - 10:07

e in generale il tentativo di creare un'atmosfera straniante e sostanzialmente non comunicativa è riuscita, cazzo, forse fin troppo!


Hai centrato il punto su questo film.
E proprio per questo il mio giudizio è sostanzialmente opposto al tuo.
  • 0

#37 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12513 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2007 - 10:08

(La mia classifica è pronta, salvo Cronenberg di cui però non è che si dica un grandissimo bene all'indomani di Torino)


EH? ??? Io ho lette soltanto critiche che vanno dall'ottimo al capolavoro. Non vedo l'ora di vederlo.
  • 0

#38 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22228 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2007 - 10:10

Io ho invece letto di ottimo film su commissione, ma episodio sostanzialmente minore nella fimografia del Maestro (che comunque vorrebbe dire un film da 7, dato che non ha mai fallito completamente)..
  • 0

#39 Homer

Homer

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3019 Messaggi:
  • LocationBoston

Inviato 08 dicembre 2007 - 10:15

Questo invece non ce l'ho visto io, mi sembra che la "naturalezza degli eventi" venga messa in scena piuttosto bene anche qui...


POSSIBILE SPOILER

Non è un pò invadente il commento musicale alla scena della morte della guardia?
  • 0

"Beh, devo essere ottimista. Va bene, dunque, perché vale la pena di vivere? Ecco un’ottima domanda. Beh, esistono al mondo alcune cose, credo, per cui valga la pena di vivere. E cosa? Ok. Per me... io direi... per Groucho Marx tanto per dirne una, e Willie Mays e... il secondo movimento della sinfonia Jupiter... Louis Armstrong, l'incisione Potatoehea Vlues... i film svedesi naturalmente... L’educazione sentimentale di Flaubert... Marlon Brando, Frank Sinatra, quelle incredibili... mele e pere di Cézanne, i granchi di Sam Wo, il viso di Tracey"

"Saigon. Merda. Sono ancora soltanto a Saigon. Ogni volta penso che mi risveglierò di nuovo nella giungla"


#40 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22228 Messaggi:

Inviato 08 dicembre 2007 - 10:29

Per me no...

NON LEGGETE SE NON L'AVETE VISTO









Il commento musicale più spettacolare è quello metal con il ralenty del primo piano di Jared in auto..
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq