Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Faccio Foto, Vedo Gnente


  • Please log in to reply
388 replies to this topic

#1 reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 15 febbraio 2013 - 23:43

*
POPOLARE

Ormai non ci capisco più nulla con "Nel nostro piccolo ARTE", quindi apriamo un thread apposta dove ce la tiriamo con le nostre foto del cazzo.

Ho iniziato un corso di stampa alternativa e per ora ho imparato le basi dell'emulsione liquida: in pratica si copre la superficie su cui si vuole stampare di emulsione liquida (gelatina d'argento) e dopo averla asciugata segue il normale processo di stampa, molto più fragile e con tempi più lunghi. Dopo aver provato la stampa su questa carta "normale" sarà difficile tornare alla carta fotografica plasticosa, è una sensazione finale fighissima e tutto il concetto e il lavoro dietro per me è una goduria.

Queste sono su carta da 300g, tutte circa 24x16cm

Immagine inserita

Immagine inserita
Immagine inserita

Questo è stato il primo tentativo su tela

Immagine inserita

risoluzioni più alte qua https://www.flickr.c...os/reesefrancis
  • 23

#2 Guest_la grande illusion_*

  • Guests

Inviato 15 febbraio 2013 - 23:54

Immagine inserita


ennò ma devi esplicitare al popolo il titolo degno di lode che le hai dato: "in the aeroplane over the garbage" asd

io eviterò di postare le mie cosette. comunque apprezzo tanto il tuo set :)
  • 0

#3 Guest_la grande illusion_*

  • Guests

Inviato 15 marzo 2013 - 21:18

reese ci mancano le tue foto in analogica :P
  • 0

#4 reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 16 marzo 2013 - 12:59

*
POPOLARE

ma anche tu fai foto e vedi gente, posta!

Vado con le ultime robe:
altre due con l'emulsione liquida come sopra

Immagine inserita

Immagine inserita



queste invece sono dei cianotipi, un metodo di stampa che non necessita della camera oscura, perché è basato sui sali di ferro della soluzione liquida con cui si ricopre la superficie. E' un tipo di stampa a contatto: si piazza la pellicola sopra il foglio/tela/cotone/etc, che viene esposta a raggi UV - nei paesi sensati basta lasciarlo al sole per 5-10 min, in paesi come l'Inghilterra dove il sole è solo un dimenticato simbolo mitologico si possono usare i raggi UV di qualche lampada per l'abbronzatura. In fine si lava la superficie con acqua corrente, che in pratica è il processore dei sali e che trasforma un'immagine solarizzata nel blu finale.

per queste due ho usato delle pellicole negative a contatto, stampate da un inter-positivo, cioè un film positivo di 35mm che viene usato per stampare il negativo finale in grande.

Immagine inserita

Immagine inserita

per questo cianotipo ho usato una stampa su vetro ottenuta con l'emulsione liquida, infatti il risultato finale è in negativo

Immagine inserita

la cosa bella è che è quasi un'immagine latente, e si tende a sovraesporre per poi usare la candeggina per tirare fuori i dettagli da zone in cui sembra non ce ne siano.
risoluzioni più alte https://www.flickr.c...s/reesefrancis/
  • 17

#5 debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22976 Messaggi:

Inviato 16 marzo 2013 - 17:22

si vabè ciao reese, sei troppo avanti.
io oggi ho finito un rullino da 36, in teoria. ma continuava a andare: 38, 39, 40, 41, c'è qualcosa che non va. provo a riavvolgere e mi sembra che giri a vuoto, morale: mi sa che non devo averlo agganciato bene all'inizio, in pratica credo di aver scattato 36 volte sullo stesso pezzo di pellicola asd
a sto giro credevo anche di aver beccato qualche bella foto, ma porca zozza.
  • 1

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#6 Guest_la grande illusion_*

  • Guests

Inviato 16 marzo 2013 - 17:42

reese ma la prima è stupendissima!
comunque no mi vergogno, le mie non sono così belle :P
  • 0

#7 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 16 marzo 2013 - 23:17

Reese profonda stima per la sperimentazione e lo sbatti, e le foto sono anche belle.
L'emulsione liquida è interessante, conosco un tizio che stampava sui piatti.

Io quando riprenderò in mano la pellicola, penso verso l'estate, voglio provare a sviluppare in casa il colore.
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#8 Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37299 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 17 marzo 2013 - 03:27

non ci capisco una favazza ma belle


Immagine inserita


L'occhio della madre!
Immagine inserita
  • 2

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#9 reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 12:49

grazie ragazzi! postate anche voi però.

si vabè ciao reese, sei troppo avanti.
io oggi ho finito un rullino da 36, in teoria. ma continuava a andare: 38, 39, 40, 41, c'è qualcosa che non va. provo a riavvolgere e mi sembra che giri a vuoto, morale: mi sa che non devo averlo agganciato bene all'inizio, in pratica credo di aver scattato 36 volte sullo stesso pezzo di pellicola asd
a sto giro credevo anche di aver beccato qualche bella foto, ma porca zozza.

capita, e quando capita son bestemmie. Di sicuro non è agganciato all'inizio - con la Pentax capisci che ci son problemi se vedi che quando lo avvolgi il coso a sinistra non gira. Prova ad aprirla nel buio e "vedere" cosa succede. Anche a me era successo con due rullini di fila, avevo trovato dei bellissimi uccelli morti, sbranati da qualche animale, e c'ho fatto decine di foto tutto contento. E invece.

reese ma la prima è stupendissima!
comunque no mi vergogno, le mie non sono così belle :P

ma smettila e ppposta

Reese profonda stima per la sperimentazione e lo sbatti, e le foto sono anche belle.
L'emulsione liquida è interessante, conosco un tizio che stampava sui piatti.

Io quando riprenderò in mano la pellicola, penso verso l'estate, voglio provare a sviluppare in casa il colore.

fai bene a riprenderla in mano - sviluppare il colore sembra difficile al punto che non è così divertente, in teoria hai molta meno libertà e devi lavorare al buio completo. Fammi sapere, ché se non è così male potrei provarci.
  • 0

#10 debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22976 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 12:51

capita, e quando capita son bestemmie. Di sicuro non è agganciato all'inizio - con la Pentax capisci che ci son problemi se vedi che quando lo avvolgi il coso a sinistra non gira. Prova ad aprirla nel buio e "vedere" cosa succede. Anche a me era successo con due rullini di fila, avevo trovato dei bellissimi uccelli morti, sbranati da qualche animale, e c'ho fatto decine di foto tutto contento. E invece.


sì, non mi era mai capitato prima ma è quello, alla fine ho riavvolto a sinistra e girava, sì, ma a vuoto. ora ne ho messo un altro e gli ho fatto fare due giri prima di chiudere, mi sarò perso un paio di scatti ma almeno sono sicuro.
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#11 Guest_la grande illusion_*

  • Guests

Inviato 17 marzo 2013 - 14:07

Anche a me era successo con due rullini di fila, avevo trovato dei bellissimi uccelli morti, sbranati da qualche animale, e c'ho fatto decine di foto tutto contento. E invece.


:wub:
peccato che siano andati persi.
rivendico la mia vergogna comunque
  • 0

#12 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 14:11

reese hai mai provato a fare le rayografie?
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#13 Zpider

    Procrastinatore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3594 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 15:01

Bellissime davvero Reese.

Tecnicamente sono un analfabeta, avrei voglia di imparare qualcosa sulla stampa ma il tempo latita.
Al momento sono ancora innamorato di una compatta del cazzo che scatta foto mediocri ma che posso portare sempre in giro senza preoccuparmi di romperla bagnarla o doverla preparare.
I risultati sono indubbiamente peggiori, ma molte delle foto che faccio diversamente non le farei proprio.

Alcune foto dal Nepal:
http://sphotos-c.ak....749437888_o.jpg
http://sphotos-a.ak....784657126_o.jpg
http://sphotos-e.ak....613512920_o.jpg
http://sphotos-e.ak...._89163401_o.jpg
http://sphotos-a.ak....183686119_o.jpg
http://sphotos-c.ak....392352153_o.jpg
http://sphotos-a.ak....970463310_o.jpg
http://sphotos-c.ak....218559934_o.jpg
http://sphotos-a.ak....333434614_o.jpg
http://sphotos-g.ak....733046119_o.jpg
http://sphotos-d.ak....638374673_o.jpg

Roba più o meno surreale e stronzate varie:

http://sphotos-h.ak....430548502_o.jpg
http://sphotos-d.ak....312657880_n.jpg
http://sphotos-f.ak....191985458_o.jpg
http://sphotos-b.ak....371796770_o.jpg
http://sphotos-g.ak....083015212_o.jpg
http://sphotos-a.ak....502424209_o.jpg
http://sphotos-a.ak....529927879_o.jpg
http://sphotos-b.ak....863749010_o.jpg
http://sphotos-d.ak....408234892_n.jpg
http://sphotos-e.ak....193910559_o.jpg
  • 5

#14 Guest_la grande illusion_*

  • Guests

Inviato 17 marzo 2013 - 15:06

http://sphotos-c.ak....749437888_o.jpg

questa ha delle geometrie e dei colori bellissimi

ma queste due sono proprio perfette:
http://sphotos-c.ak....218559934_o.jpg
http://sphotos-g.ak....733046119_o.jpg

<3
  • 1

#15 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 15:34

sviluppare il colore sembra difficile al punto che non è così divertente, in teoria hai molta meno libertà e devi lavorare al buio completo. Fammi sapere, ché se non è così male potrei provarci.


Forse per la stampa, ma lo sviluppo non sembra così complicato, ci sono i kit pronti (Tetenal, Ornano) con i 3 bagni, il problema è che la temperatura e i tempi devono essere precisissimi, il fatto è che se anche mi escono le foto con colori strani è solo un plus perché mi interessa tutto tranne che il realismo estremo asd
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#16 reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 15:35

grande zpider. fighe, soprattutto quelle in natura, la prima è proprio spettacolare. dov'eri?

reese hai mai provato a fare le rayografie?

sì, è stata la prima cosa che ho provato, in un bagno minuscolo con bacinelle ovunque. tu?
  • 0

#17 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 15:38

Roba più o meno surreale e stronzate varie:


Sei piuttosto... eclettico asd

Interessante l'idea di queste foto
http://sphotos-b.ak....371796770_o.jpg
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#18 Zpider

    Procrastinatore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3594 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 16:03

grande zpider. fighe, soprattutto quelle in natura, la prima è proprio spettacolare. dov'eri?


Grazie. Annapurna, la prima verso Pon Hill.
  • 0

#19 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 16:11

grande zpider. fighe, soprattutto quelle in natura, la prima è proprio spettacolare. dov'eri?


reese hai mai provato a fare le rayografie?

sì, è stata la prima cosa che ho provato, in un bagno minuscolo con bacinelle ovunque. tu?


Divertente vero? Ne parlavamo al corso di fotografia.

E' che il genere di foto che fai in realtà le vedo molto vicine a una logica formale e di "quadro", come quasi tutti gli appassionati di foto del resto... qui come altrove. La fotografia (intesa come mezzo "estroverso", medium, sostituzione della realtà) in sé e per sé è tutta un'altra cosa secondo me. Vabbè, al momento faccio parte della schiera più concettuale che formale, ma anch'io ero partito con gli sperimentalismi sulla bella (o volutamente brutta) immagine, b/n, analog, effetti vari ecc... trattando la foto come fosse un quadro, appunto. Ora non più. E così mi ricordavi molto proprio quegli sperimentalismi fatti una novantina d'anni fa da tal Man Ray. Comunque continua, ci sai fare. Peccato che la logica formale che sta dietro questi procedimenti è ormai trita e ritrita ed era già "vecchia" cent'anni fa...
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#20 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 16:26

Vabbè, al momento faccio parte della schiera più concettuale che formale,


Spiega cosa intendi per concettuale, anche con qualche esempio, non necessariamente tuo, giusto per capire.
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#21 Guest_la grande illusion_*

  • Guests

Inviato 17 marzo 2013 - 16:40

ma anche con esempi tuoi
  • 0

#22 reese

    moriremo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5669 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 17:16

. Peccato che la logica formale che sta dietro questi procedimenti è ormai trita e ritrita ed era già "vecchia" cent'anni fa...

Ahahah marz
  • 2

#23 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 20:22


Vabbè, al momento faccio parte della schiera più concettuale che formale,


Spiega cosa intendi per concettuale, anche con qualche esempio, non necessariamente tuo, giusto per capire.


Nan Goldin, Wolfgang Tillmans, Thomas Ruff, Cindy Sherman, Franco Vaccari, Duane Michaels, Boltanski, Diane Arbus (anche lei) ma soprattutto l'immenso Marcel Duchamp, che spesso non scattava nemmeno lui personalmente le foto ma le faceva fare al compagno Man Ray, tanto era importante per lui l'idea di fotografia come medium piuttosto che l'esercizio pratico e tecnico. Vabbè ma in questo senso si sposa tutto con l'arte e qui storcono tutti il naso (giustamente). Ad esempio uno come Duchamp non viene mai nemmeno annoverato nelle antologie di fotografi, giusto per dire che visione ristretta e tecnica si ha della fotografia...
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#24 botty

    ask me about intersectionality

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5632 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 20:39

mi scommetto tutto quello che ho che marz sta facendo il corso con marra, sta ripetendo quasi con le stesse parole quello che dicevano le mie compagne che avevano scelto come opzionale storia della fotografia
  • 1

I aim to misbehave


#25 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 20:43

uff voglio capire anche io questa cosa
  • 0

 


#26 botty

    ask me about intersectionality

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5632 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 20:47

lassi, è come da maria de filippi, ci sono i ballerini tecnici che piacciono alla celentano e quelli espressivi che piacciono a garrison. in mezzo il vuoto
  • 4

I aim to misbehave


#27 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 21:02

lassi, è come da maria de filippi, ci sono i ballerini tecnici che piacciono alla celentano e quelli espressivi che piacciono a garrison. in mezzo il vuoto


hahahahah

in mezzo c'è corinne clary! (tvb)
  • 1
Everybody needs a bosom for a pillow

#28 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 21:37



Vabbè, al momento faccio parte della schiera più concettuale che formale,


Spiega cosa intendi per concettuale, anche con qualche esempio, non necessariamente tuo, giusto per capire.


Nan Goldin, Wolfgang Tillmans, Thomas Ruff, Cindy Sherman, Franco Vaccari, Duane Michaels, Boltanski, Diane Arbus (anche lei) ma soprattutto l'immenso Marcel Duchamp, che spesso non scattava nemmeno lui personalmente le foto ma le faceva fare al compagno Man Ray, tanto era importante per lui l'idea di fotografia come medium piuttosto che l'esercizio pratico e tecnico. Vabbè ma in questo senso si sposa tutto con l'arte e qui storcono tutti il naso (giustamente). Ad esempio uno come Duchamp non viene mai nemmeno annoverato nelle antologie di fotografi, giusto per dire che visione ristretta e tecnica si ha della fotografia...


Ah ok, scusa, non avevo colto... diciamo che dai vicoletti siculi coi muri scrostati hai fatto un bel balzo in avanti, anche troppo forse asd
Quella che proponi è arte concettuale, con la fotografia dei comuni mortali ha ben poco a che fare ed è altrettanto sterile l'esercizio di stabilire cosa sia meglio, cosa sia superiore.
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#29 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 21:49




Vabbè, al momento faccio parte della schiera più concettuale che formale,


Spiega cosa intendi per concettuale, anche con qualche esempio, non necessariamente tuo, giusto per capire.


Nan Goldin, Wolfgang Tillmans, Thomas Ruff, Cindy Sherman, Franco Vaccari, Duane Michaels, Boltanski, Diane Arbus (anche lei) ma soprattutto l'immenso Marcel Duchamp, che spesso non scattava nemmeno lui personalmente le foto ma le faceva fare al compagno Man Ray, tanto era importante per lui l'idea di fotografia come medium piuttosto che l'esercizio pratico e tecnico. Vabbè ma in questo senso si sposa tutto con l'arte e qui storcono tutti il naso (giustamente). Ad esempio uno come Duchamp non viene mai nemmeno annoverato nelle antologie di fotografi, giusto per dire che visione ristretta e tecnica si ha della fotografia...


Ah ok, scusa, non avevo colto... diciamo che dai vicoletti siculi coi muri scrostati hai fatto un bel balzo in avanti, anche troppo forse asd
Quella che proponi è arte concettuale, con la fotografia dei comuni mortali ha ben poco a che fare ed è altrettanto sterile l'esercizio di stabilire cosa sia meglio, cosa sia superiore.


beh grazie, lo prendo come un complimento!

Premesso che mi tengo ben lontano dallo stabilire cosa sia superiore, in realtà sei tu a essere risoluto nello scindere l'arte dalla fotografia, vedendole come due cose distinte e separate. L'arte (pernacchia) ingloba tutti i campi dell'espressione. E' come se noi prendessimo il tecnico operatore che riprende una partita, bravissimo nella composizione del video, zoom ecc... e dicessimo: ok, l'unico tipo di video accettato, quello dei comuni mortali, è il suo, quello dove si vede che sei bravissimo con la tecnica, immagine nitida dei giocatori, bellissimo gioco di luci. Tutto il resto è arte (cinematografica) concettuale...

Con la fotografia si è quasi sempre fatto così. Basti pensare al caso della straight photography del gruppo f/64, che con la scusa di cercare l'esclusivo valore fotografico, facevano sempre foto ricercando giochi di luce, composizione ecc... mettendo in mostra esclusivamente la loro bravura di fotografi e di fare belle foto. Penso che questo abbaglio di fondo che c'è sempre stato dipenda dalla povertà semantica del mezzo fotografico (che anzi da alcuni artisti è stato pure sfruttato ribaltandolo in positivo..). In realtà ci sono anche altri valori, oltre a quelli puramente formali e compositivi, come appunto l'idea di fotografia come medium, come sostituzione della realtà, come diario che racconta, come presenza e assenza, come prolungamento sensoriale di sé e mille altri com'è variegata l'espressione umana. Limitare la fotografia al campo delle belle arti o al tecnicismo delle riviste di foto alla maniera della straight photography di Weston è un po' claustrofobico, anche se rimane sempre comunissimo e direi anche imperante fra gli addetti ai lavori, con buona pace del povero Duchamp...
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#30 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 21:59

Quella che proponi


io non ho visto nulla

:-(
  • 0

 


#31 Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37299 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 17 marzo 2013 - 22:21

lassi, è come da maria de filippi, ci sono i ballerini tecnici che piacciono alla celentano e quelli espressivi che piacciono a garrison. in mezzo il vuoto


Artificio vs. Spontaneità
  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#32 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 22:42





Vabbè, al momento faccio parte della schiera più concettuale che formale,


Spiega cosa intendi per concettuale, anche con qualche esempio, non necessariamente tuo, giusto per capire.


Nan Goldin, Wolfgang Tillmans, Thomas Ruff, Cindy Sherman, Franco Vaccari, Duane Michaels, Boltanski, Diane Arbus (anche lei) ma soprattutto l'immenso Marcel Duchamp, che spesso non scattava nemmeno lui personalmente le foto ma le faceva fare al compagno Man Ray, tanto era importante per lui l'idea di fotografia come medium piuttosto che l'esercizio pratico e tecnico. Vabbè ma in questo senso si sposa tutto con l'arte e qui storcono tutti il naso (giustamente). Ad esempio uno come Duchamp non viene mai nemmeno annoverato nelle antologie di fotografi, giusto per dire che visione ristretta e tecnica si ha della fotografia...


Ah ok, scusa, non avevo colto... diciamo che dai vicoletti siculi coi muri scrostati hai fatto un bel balzo in avanti, anche troppo forse asd
Quella che proponi è arte concettuale, con la fotografia dei comuni mortali ha ben poco a che fare ed è altrettanto sterile l'esercizio di stabilire cosa sia meglio, cosa sia superiore.


beh grazie, lo prendo come un complimento!

Premesso che mi tengo ben lontano dallo stabilire cosa sia superiore, in realtà sei tu a essere risoluto nello scindere l'arte dalla fotografia, vedendole come due cose distinte e separate. L'arte (pernacchia) ingloba tutti i campi dell'espressione. E' come se noi prendessimo il tecnico operatore che riprende una partita, bravissimo nella composizione del video, zoom ecc... e dicessimo: ok, l'unico tipo di video accettato, quello dei comuni mortali, è il suo, quello dove si vede che sei bravissimo con la tecnica, immagine nitida dei giocatori, bellissimo gioco di luci. Tutto il resto è arte (cinematografica) concettuale...

Con la fotografia si è quasi sempre fatto così. Basti pensare al caso della straight photography del gruppo f/64, che con la scusa di cercare l'esclusivo valore fotografico, facevano sempre foto ricercando giochi di luce, composizione ecc... mettendo in mostra esclusivamente la loro bravura di fotografi e di fare belle foto. Penso che questo abbaglio di fondo che c'è sempre stato dipenda dalla povertà semantica del mezzo fotografico (che anzi da alcuni artisti è stato pure sfruttato ribaltandolo in positivo..). In realtà ci sono anche altri valori, oltre a quelli puramente formali e compositivi, come appunto l'idea di fotografia come medium, come sostituzione della realtà, come diario che racconta, come presenza e assenza, come prolungamento sensoriale di sé e mille altri come com'è variegata l'espressione umana. Limitare la fotografia al campo delle belle arti o al tecnicismo delle riviste di foto alla maniera della straight photography di Weston è un po' claustrofobico, anche se rimane sempre comunissimo e direi anche imperante fra gli addetti ai lavori, con buona pace del povero Duchamp...


Sì ma achtung, il problema che imputo al tuo ragionamento è quello di inglobare tutta la fotografia formale in un unico grande calderone che in realtà contiene al suo interno forme distantissime fra loro.
Si va dalle terribili e vomitevoli cartoline patinate, si passa per narrazioni urbane/paesaggistiche delle più varie tipologie (hai presente il vero Adams, Robert? asd) e si arriva al reportage estremo, potente, dentro i fatti.
C'è un mondo infinito di sfumature che ti perdi per strada. Ansel Adams è stato un tassello importante per la tecnica fotografica ma le sue foto sono evidentemente noiose come la morte, anche se magari una stampa di 1 metro dal vivo fa il suo effetto ma è pura superficie, effetto wow, riccardonismo fotografico asd
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#33 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 22:47

A proposito di riccardonismo fotografico vorrei che fosse chiaro a tutti che la più brutta foto mai scattata è questa


Immagine inserita
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#34 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 22:51






Vabbè, al momento faccio parte della schiera più concettuale che formale,


Spiega cosa intendi per concettuale, anche con qualche esempio, non necessariamente tuo, giusto per capire.


Nan Goldin, Wolfgang Tillmans, Thomas Ruff, Cindy Sherman, Franco Vaccari, Duane Michaels, Boltanski, Diane Arbus (anche lei) ma soprattutto l'immenso Marcel Duchamp, che spesso non scattava nemmeno lui personalmente le foto ma le faceva fare al compagno Man Ray, tanto era importante per lui l'idea di fotografia come medium piuttosto che l'esercizio pratico e tecnico. Vabbè ma in questo senso si sposa tutto con l'arte e qui storcono tutti il naso (giustamente). Ad esempio uno come Duchamp non viene mai nemmeno annoverato nelle antologie di fotografi, giusto per dire che visione ristretta e tecnica si ha della fotografia...


Ah ok, scusa, non avevo colto... diciamo che dai vicoletti siculi coi muri scrostati hai fatto un bel balzo in avanti, anche troppo forse asd
Quella che proponi è arte concettuale, con la fotografia dei comuni mortali ha ben poco a che fare ed è altrettanto sterile l'esercizio di stabilire cosa sia meglio, cosa sia superiore.


beh grazie, lo prendo come un complimento!

Premesso che mi tengo ben lontano dallo stabilire cosa sia superiore, in realtà sei tu a essere risoluto nello scindere l'arte dalla fotografia, vedendole come due cose distinte e separate. L'arte (pernacchia) ingloba tutti i campi dell'espressione. E' come se noi prendessimo il tecnico operatore che riprende una partita, bravissimo nella composizione del video, zoom ecc... e dicessimo: ok, l'unico tipo di video accettato, quello dei comuni mortali, è il suo, quello dove si vede che sei bravissimo con la tecnica, immagine nitida dei giocatori, bellissimo gioco di luci. Tutto il resto è arte (cinematografica) concettuale...

Con la fotografia si è quasi sempre fatto così. Basti pensare al caso della straight photography del gruppo f/64, che con la scusa di cercare l'esclusivo valore fotografico, facevano sempre foto ricercando giochi di luce, composizione ecc... mettendo in mostra esclusivamente la loro bravura di fotografi e di fare belle foto. Penso che questo abbaglio di fondo che c'è sempre stato dipenda dalla povertà semantica del mezzo fotografico (che anzi da alcuni artisti è stato pure sfruttato ribaltandolo in positivo..). In realtà ci sono anche altri valori, oltre a quelli puramente formali e compositivi, come appunto l'idea di fotografia come medium, come sostituzione della realtà, come diario che racconta, come presenza e assenza, come prolungamento sensoriale di sé e mille altri come com'è variegata l'espressione umana. Limitare la fotografia al campo delle belle arti o al tecnicismo delle riviste di foto alla maniera della straight photography di Weston è un po' claustrofobico, anche se rimane sempre comunissimo e direi anche imperante fra gli addetti ai lavori, con buona pace del povero Duchamp...


Sì ma achtung, il problema che imputo al tuo ragionamento è quello di inglobare tutta la fotografia formale in un unico grande calderone che in realtà contiene al suo interno forme distantissime fra loro.
Si va dalle terribili e vomitevoli cartoline patinate, si passa per narrazioni urbane/paesaggistiche delle più varie tipologie (hai presente il vero Adams, Robert? asd) e si arriva al reportage estremo, potente, dentro i fatti.
C'è un mondo infinito di sfumature che ti perdi per strada. Ansel Adams è stato un tassello importante per la tecnica fotografica ma le sue foto sono evidentemente noiose come la morte, anche se magari una stampa di 1 metro dal vivo fa il suo effetto ma è pura superficie, effetto wow, riccardonismo fotografico asd


so benissimo chi sono e non metto in dubbio la loro bravura e il loro valore formale.

La fotografia reportagistica però è una forma documentaria di fotografia. Come i documentari video. Non è artistica nè puramente tecnica ma appunto documentaria (e qui sono due cose diverse, perchè l'arte è essenzialmente inutile, il documentario no). Si può riprendere lo stile documentario in arte, questo sì. Ma è un'altra cosa. Nel reportage c'è l'urgenza di raccontare più che quella di esprimersi. E anche qui molti pensano che la fotografia sia solo questo, reportage...
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#35 Zpider

    Procrastinatore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3594 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 22:59

Secondo me ci state dando un po' di badile...
  • 0

#36 Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37299 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 17 marzo 2013 - 22:59

vogliamo il parere tecnico di geeno
  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#37 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 23:02

sì ma cazzo non possiamo parlare sempre di culi e tette eh... (anche se forse faremmo meglio di sì...)
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#38 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 23:05

vogliamo il parere tecnico di geeno


gino di notte fa i nudi
  • 0

 


#39 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 23:09

sì ma cazzo non possiamo parlare sempre di culi e tette eh... (anche se forse faremmo meglio di sì...)


Che poi i tuoi amici concettuali fanno largo uso di culi e tette, sti porconi asd
A parte gli scherzi, ho sempre notato un certo abuso del nudo nella fotografia artistica, ormai anche quella è una scelta ampiamente superata.
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#40 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 17 marzo 2013 - 23:11

La fotografia reportagistica però è una forma documentaria di fotografia. Come i documentari video. Non è artistica nè puramente tecnica ma appunto documentaria (e qui sono due cose diverse, perchè l'arte è essenzialmente inutile, il documentario no). Si può riprendere lo stile documentario in arte, questo sì. Ma è un'altra cosa. Nel reportage c'è l'urgenza di raccontare più che quella di esprimersi. E anche qui molti pensano che la fotografia sia solo questo, reportage...


Ho cancellato per sbaglio la risposta :facepalm:

Dicevo che ci sono reportage fotografici in cui l'aspetto compositivo è talmente peculiare da andare ben oltre il semplice documento della realtà, e anzi, l'aspetto formale è parte integrante del racconto.
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#41 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 23:15


La fotografia reportagistica però è una forma documentaria di fotografia. Come i documentari video. Non è artistica nè puramente tecnica ma appunto documentaria (e qui sono due cose diverse, perchè l'arte è essenzialmente inutile, il documentario no). Si può riprendere lo stile documentario in arte, questo sì. Ma è un'altra cosa. Nel reportage c'è l'urgenza di raccontare più che quella di esprimersi. E anche qui molti pensano che la fotografia sia solo questo, reportage...


Ci sono reportage che hanno uno stile compositivo talmente peculiare da andare al di là del semplice documento, anzi, l'aspetto formale in sé diventa parte integrante del racconto.


Ma io non rinnego l'aspetto formale in toto. Ad esempio uno dei miei fotografi preferiti in assoluto è Mapplethorpe che mescola abilmente bravura compositiva con idee concettuali come il farsi fotografare con un uccello nel culo e in pose sado, ma sempre all'interno di un'idea di perfezione formale. Anzi è proprio questa eccessiva cura formale per un'idea intima e pornografica di foto che ha creato un cortocircuito visivo (concettuale) all'epoca, parliamo fine anni '70. Farlo ora mi ci faccio giusto una risata e bona...



sì ma cazzo non possiamo parlare sempre di culi e tette eh... (anche se forse faremmo meglio di sì...)


Che poi i tuoi amici concettuali fanno largo uso di culi e tette, sti porconi asd
A parte gli scherzi, ho sempre notato un certo abuso del nudo nella fotografia artistica, ormai anche quella è una scelta ampiamente superata.


Ma guarda in realtà sul nudo fotografico c'è tutto un mondo. Appunto il nudo fotografico è abusato nella fotografia "artistica" quella più formale, che riprende i nudi pittorici se vogliamo.

Il nudo concettuale invece in realtà non esiste. O meglio, è un'idea di corpo, che può anche presentarsi vestito ma essere "nudo" in altro modo...
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#42 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 23:20

il farsi fotografare con un uccello nel culo



DIO!

ma non è morto di aids?
era il fida di patti smith

quegli uccellotti nel sederino l'hanno fregato
  • 0

 


#43 botty

    ask me about intersectionality

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5632 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 23:31


lassi, è come da maria de filippi, ci sono i ballerini tecnici che piacciono alla celentano e quelli espressivi che piacciono a garrison. in mezzo il vuoto


hahahahah

in mezzo c'è corinne clary! (tvb)


ma per carità
  • 0

I aim to misbehave


#44 Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84791 Messaggi:

Inviato 17 marzo 2013 - 23:36

marzy mi faresti vedere i tuoi lavori, concettuali o meno che siano avranno una forma visibile, no?
  • 0

 


#45 Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37299 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 17 marzo 2013 - 23:47

Il nudo concettuale invece in realtà non esiste. O meglio, è un'idea di corpo, che può anche presentarsi vestito ma essere "nudo" in altro modo...


Carmelo con le foto dei feti era molto cencettuale.
  • 0

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#46 marz

    in un romanticismo hegeliano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6844 Messaggi:

Inviato 18 marzo 2013 - 00:38

marzy mi faresti vedere i tuoi lavori, concettuali o meno che siano avranno una forma visibile, no?


ultimamente ho realizzato un progetto in fototessere, assieme all'inglesina, su questo sito qua:

http://www.laphotocabine.com/

verrà esposto presto in qualche museo bolognese assieme a quelli di molti altri studenti, per creare un muro di fototessere strambe e facendo una cosa un po' simile a Franco Vaccari alla biennale di Venezia del '72. Abbiate pietà però... non farò mai vedere niente di mio qui, per fortuna vostra.
  • 0
Everybody needs a bosom for a pillow

#47 debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22976 Messaggi:

Inviato 18 marzo 2013 - 07:04

dio che palle sti discorsi, pietà. la morte.

ah belle le fototessere, ogni tanto ne faccio qualcuna anch'io, di solito uso quella alla stazione del mio paese. la luce è terribile ma almeno ti fa scegliere fra tre scatti, non male, che dite?
  • 1

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#48 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 18 marzo 2013 - 08:24

dio che palle sti discorsi, pietà. la morte.


Non serve che ribadisci ogni volta la tua consueta allergia a ogni tipo di discorso asd
  • 1

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#49 debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22976 Messaggi:

Inviato 18 marzo 2013 - 08:26


dio che palle sti discorsi, pietà. la morte.


Non serve che ribadisci ogni volta la tua consueta allergia a ogni tipo di discorso asd


beh apritevi un thread dove Marz può dare aria alla bocca, questo aveva un intento diverso, siete ot
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#50 Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10711 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 18 marzo 2013 - 08:29



dio che palle sti discorsi, pietà. la morte.


Non serve che ribadisci ogni volta la tua consueta allergia a ogni tipo di discorso asd


beh apritevi un thread dove Marz può dare aria alla bocca, questo aveva un intento diverso, siete ot


Sì ok, sarebbe un thread di segnalazioni ma un approfondimento del tema non vedo come possa far male, che schifo eh se qualcuno impara qualcosa...
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi