Vai al contenuto


- - - - -

Placebo (Monografia Inquieta E Non Fededegna)


  • Please log in to reply
244 replies to this topic

#21 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16118 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 15:26

"Concettualmente sono in grado di capire e di comunicare la dimensione post-moderna come un bambino di cinque anni l'Ulisse di Joyce"
Lo metto in firma. Perchè non so se è corretto per i Placebo (non conosco abbastanza per poter giudicare) ma sicuramente è giusto per me! asd


Ecco, appunto..quella frase e' un ottimo esempio di cosa una monografia NON dovrebbe essere.
Va bene criticare. Ma prendere per il culo il gruppo con frasi del genere mi pare abbastanza puerile.

Quella frase starebbe bene letta in un forum..anzi e' anche divertente.
Ma in una monografia che comunque dovrebbe mantenere un minimo di serieta', non sta bene per niente.

(premesso, ribadisco, che a me dei Placebo non importa nulla)
  • 1

#22 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3993 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 10 settembre 2012 - 15:26

Comunque a me Battle for the sun nel complesso non è dispiaciuto, ma lo trovo troppo pestone e monolitico: se avessere spezzato un po' il ritmo con qualche lento ne sarebbe uscito un disco decisamente migliore.

Ottime poi alcune cose finite tra le bonus track delle mille versioni pubblicate, tipo questa.
  • 0
"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"

Ricette Veg

#23 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15953 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 10 settembre 2012 - 15:39

I placebo sono stati un gruppo importante nella mia fase post-adolescenziale. Cure, David Bowie, Sonic Youth, il tutto mischiato con nerdume, arroganza, e un pizzico di incapacità piaciona.
Primo disco decente, secondo straordinario (Without I'm Nothing, Ask for Answers, My Sweet Prince, Scared of girls sono delle ferite aperte), alcune piccole belle cose (la cover di Dark Globe di Syd Barrett), un disco con bei singoli (Black Market Music), un altro disco molto leggero ma riuscito (Sleeping with ghost) eppoi il tracollo. Molto meglio di tanta roba osannata dopo (tipo gli Interpol, durati un disco solo) qualcosa da dire ce l'avevano e l'hanno detto subito. Ciò che mi disgusta sono piu' che altro i loro concerti, il modo poco generoso con cui si approcciano al pubblico, scaletta di singoli e via il prima possibile.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#24 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15820 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 17:34

A me i Placebo continuano a piacere molto, Without You I'm Nothing rimarrà sempre uno dei miei dischi preferiti e che ascolto sempre (e spesso) con grande piacere... gli altri un po' meno ma almeno una volta all'anno finiscono comunque nel mio lettore. La scheda mi ha sempre fatto sorridere.

P.S.: secondo me Battle For The Sun non era affatto così brutto come si dice, certo non memorabile e iniziava con due canzoni che non mi piacevano niente però come songwriting non era male (poco importa se decisamente più immediato e "facile")... nel complesso l'ho trovato migliore di Meds che era proprio stanco e scheletrico.
  • 1
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#25 xtc

xtc

    Gianfranco Marmoro

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11269 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 17:50

una band mai superlativa ma comunque capace di ottimi spunti e due album rimarchevoli, inoltre il loro nome è stato un manifesto di sincerita:
l'effetto PLACEBO è quello di un medicinale che non cura ma da la sensazione psicologica di stare meglio, la band ha dato sollievo a tutti quelli che chiedevano emozioni forti che non sembravano più disponibili nel panorama musicale, un effetto Placebo appunto, negarne lìimportanza è impossibile
  • 1

#26 Camouflage

Camouflage

    Alessandro Liccardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3236 Messaggi:
  • LocationPadova

Inviato 10 settembre 2012 - 17:51

Se fossi stato nei panni di Claudio, una scheda come questa non l'avrei mai pubblicata. Vi dirò di più, condivido tutte le critiche che ho letto su Facebook (e sarei andato giù ancora più pesante).
  • 0

#27 Rayuela

Rayuela

    utente per finta

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 104 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 10 settembre 2012 - 18:04

La monografia è bella, però peccato che lo sia involontariamente, ecco. Insomma ci sta non osannare, ma così com'è è inutile che ci sia.
Anch'io a sedici, diciassette anni li ascoltavo, e francamente non c'è alcun bisogno di rinnegare: i primi due dischi sono belli, ma anche il terzo e quarto non sono completamente da buttare. I Placebo hanno saputo inquadrare bene quella tipica fase di dramma adolescenziale, ma mica è una colpa.
(E poi diciamolo: 3/4 del livore verso i Placebo è dovuto all'androgino e parachiul Molko che tanto piaceva alle fans asd)
  • 0
the time rolls away to the sea
for words of love so seldom seen
it's like the sun has gone

frustration in these calm streams
'cause life scares me to death

#28 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15953 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 10 settembre 2012 - 19:49

A me i Placebo continuano a piacere molto, Without You I'm Nothing rimarrà sempre uno dei miei dischi preferiti e che ascolto sempre (e spesso) con grande piacere... gli altri un po' meno ma almeno una volta all'anno finiscono comunque nel mio lettore. La scheda mi ha sempre fatto sorridere.

P.S.: secondo me Battle For The Sun non era affatto così brutto come si dice, certo non memorabile e iniziava con due canzoni che non mi piacevano niente però come songwriting non era male (poco importa se decisamente più immediato e "facile")... nel complesso l'ho trovato migliore di Meds che era proprio stanco e scheletrico.


Battle for the sun è prodotto una chiavica e arrangiato peggio. Le canzoni in sè sono medie, con alcune truzzate evitabili tipo il ritornello in spagnolo (mi ricordo male?).E' bella Come Undone, con la superschitarrata centrale. Però il resto è veramente brutto, sembra proprio un altro gruppo, hanno perso il "tocco". Meds aveva "one of kind". Poco altro.

Se dovessi dare i voti direi:

Placebo: 6
Without I'm Nothing: 7,5
Black Market Music: 6,5
Sleeping with ghosts: 7 (sono brevi e belle quasi tutte)
Meds: 5
BFS: 4

Dai live (dalla scaletta) sembrano in caduta libera.
  • 1

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#29 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15820 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 20:02

Però il resto è veramente brutto, sembra proprio un altro gruppo, hanno perso il "tocco".


Mah secondo me la title-track è proprio bella invece, mi piace tantissimo... e poi non trovo affatto malvagie Speak In Tongues, Devil In The Details, The Never Ending Why (che come pezzo pop è molto carino) e Come Undone. Sul fatto che sembrino quasi un altro gruppo, beh in effetti è vero ma era anche ora che al sesto album iniziassero a suonare "diversamente" (visto che Meds sembrava già uno stanco riepilogo dei loro brani tipo).
  • 0
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#30 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15953 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 10 settembre 2012 - 21:55

si però, una svolta coatta e caciarona. non lo so, mi ha fatto sostanzialmente schifo quel disco.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#31 Michael Jimmy Bill

Michael Jimmy Bill

    Ghost in the A-Shell

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2233 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 22:03

Placebo
Vietato ai maggiori di 18 anni
di Tommaso Franci


Immagine inserita


  • 6

#32 bosforo

bosforo

    无形

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17268 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 22:12

ahahahahahahahah
  • 0

#33 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36495 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 10 settembre 2012 - 23:46

anche i fan dei Metallica asd

http://www.facebook....135382273154704
  • 2

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#34 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6024 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 11 settembre 2012 - 08:26

Secondo me le mono deve scriverle chi c'ha un minimo d'amore per la band di cui va a parlare. Vi spiego.
Con le recensioni la stroncatura e un tono più criticone ci stanno, è chiaro che quando si va ad analizzare un nuovo prodotto al momento dell'uscita si dovrebbe optare per un approccio asettico ed il più oggettivo possibile, ma essendo la rece fine al disco stesso e basta -in caso di delusione- la mazziata all'artista ci sta tutta. Con le mono invece l'approccio deve essere diverso, per il carattere enciclopedico che intendono avere e per il quadro generale su una carriera che vanno a tracciare. Insomma... se uno deve distruggere un artista perché gli sta in culo che cazzo la scrive a fare la mono di st'artista? Meglio lasciare la band a qualcuno che più oggettivamente, per quanto magari la band faccia oggettivamente schifo, ne può evidenziare pecche e virtù, magari scindendo e sottolineando quanto di buono e quanto di merda essa ha prodotto.
  • 8

#35 Trespy Sledge

Trespy Sledge

    Strawberry Switchblade

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16118 Messaggi:

Inviato 11 settembre 2012 - 09:31

Si' ma non deve neanche esserne un fan. Se no diventa troppo di parte, e non mi piace.

Secondo me l'unico problema di Ondarock e' che non c'e' molta coerenza tra recensioni/mono/sito.
Voglio dire: capita che una recensione abbia un voto, e poi magari nella monografia di quell'artista ne ha un altro.
Questo accade perche' la recensione e la mono vengono fatte da 2 persone diverse, e va bene.

Ma cosi' facendo si perde il filo conduttore e la coerenza del sito.
Il sito deve avere una propria linea.
  • 1

#36 Incidente

Incidente

    Feudo

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6024 Messaggi:
  • LocationBerlin

Inviato 11 settembre 2012 - 09:45

Si' ma non deve neanche esserne un fan. Se no diventa troppo di parte, e non mi piace.


Infatti, ho detto un minimo. D'accordissimo anche sulla coerenza mono/recensioni.
  • 0

#37 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15953 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 11 settembre 2012 - 10:59

A me sembra semplicemente una monografia inutile. Ondarock è "famosa" in rete per le monografie, che sono le piu' complete e quindi anche le piu' indicative per imparare a conoscere un gruppo.
Da quella monografia non traggo nulla, se non che è un gruppo demmerda. non è vero, e non è tutta uguale la discografia dei placebo, anzi.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#38 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 34297 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 11 settembre 2012 - 12:37

Più che altro è troppo stringata e sbrigativa, motivo per cui sarà un giorno sostituita, come tante altre (alcune mie in primis).
  • 0

#39 sfos

sfos

    utente unisalento

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 11 settembre 2012 - 12:44

Without You I'm Nothing un disco su cui puoi contare sempre.
  • 2
"The sun was setting by the time we left. We walked across the deserted lot, alone. We were tired, but we managed to smile."

#40 Guybrush Threepwood

Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 11 settembre 2012 - 14:40

Ma lui è l'idolo del metal è morto / il rock è morto?
Mono impietosa ma i placebo sono sempre stati un peto.


infatti, francis for president! mi ha semi-massacrato i FNM :unsure:

come non quotare la sua dichiarazione sulla mono dei jesus lizard

Dopo il 1991 i Jesus Lizard, da buoni gemelli e inevitabilmente, seguono la sorte dei Fugazi: i loro sempre tra gli album migliori dell'anno, ma fatalmente (vuoi per la fine del rock, vuoi per la fissazione sulla medesima formula; d'altronde quando si cambia formula sarebbe bene anche cambiare nome del gruppo) sempre inutili (ma cos'è utile, dopo il '91, nella musica popolare, se non l'elettronica? … e c'è chi compra album "rock" nel 2004!).
Liar (1992), Down (1994), Shot (1996), Blue (1998), quattro statue granitiche nel vento del vuoto. Gli anni 1992, 1994, 1996, 1998 non vedono album rock superiori a quelli dei Jesus Lizard (perché questi sono, con Slint e Fugazi, tra gli ultimissimi a fare vero e proprio rock, anche se detto post-rock). Ma gli anni 1992, 1994, 1996, 1998 non avrebbero dovuto vedere album rock.


e se non sbaglio da qualche parte sosteneva che tanto era inutile andare oltre il terzo album, per ogni band.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq