Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

Bud Spencer e Terence Hill


  • Please log in to reply
358 replies to this topic

#21 Fitzcarraldo

Fitzcarraldo

    Conquistatore delle cose inutili

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4144 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2012 - 11:05

Devo ancora trovare una persona a cui non piacciano.


alzo la mano,
devo dire che non rivedo loro film da quando avevo una decina di anni, ma il ricordo che fossero delle mostruose cagate mi ha sempre tenuto lontano dall'avvicinarmici in seguito. Se in tv sento anche solo tre note di Dune buggy cambio canale.
  • 0

I'm too old for this shit


#22 Twin アメ

Twin アメ

    pendolare pre post attilio lombardo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9869 Messaggi:
  • Location1991

Inviato 07 settembre 2012 - 07:50

La particolarità sta nel fatto che Mario Girotti recita


Già questa è una grossa particolarità, l'ho sempre considerato un cane assoluto al di fuori del suo personaggio icona.


Sono tutti film italianissimi. Anche quelli girati veramente in America.


Ma loro se non sbaglio vivevano per lo più in America, fra l'altro mi sembrava che recitassero in inglese, almeno Terence Hill, ti risulta o è una minchiata?
  • 0

“Era un animale difficile da decifrare, il gigante di Makarska, con quella faccia da serial killer e i piedi in grado di inventare un calcio troppo tecnico per essere stato partorito da un corpo così arrogante." (Marco Gaetani  - UU)

 


#23 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12475 Messaggi:

Inviato 07 settembre 2012 - 09:39


Devo ancora trovare una persona a cui non piacciano.


alzo la mano,
devo dire che non rivedo loro film da quando avevo una decina di anni, ma il ricordo che fossero delle mostruose cagate mi ha sempre tenuto lontano dall'avvicinarmici in seguito. Se in tv sento anche solo tre note di Dune buggy cambio canale.


ma manco trinità?
cioè
http://www.youtube.c...h?v=omkt3SOjZY4
  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#24 Fitzcarraldo

Fitzcarraldo

    Conquistatore delle cose inutili

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4144 Messaggi:

Inviato 07 settembre 2012 - 10:19



Devo ancora trovare una persona a cui non piacciano.


alzo la mano,
devo dire che non rivedo loro film da quando avevo una decina di anni, ma il ricordo che fossero delle mostruose cagate mi ha sempre tenuto lontano dall'avvicinarmici in seguito. Se in tv sento anche solo tre note di Dune buggy cambio canale.


ma manco trinità?
cioè
http://www.youtube.c...h?v=omkt3SOjZY4


mai visto tutto, conosco questa scena e poche altre
e mi irritano non poco, che ne so: sarà legato ad un trauma d'infanzia, boh :-[
  • 0

I'm too old for this shit


#25 pasquale

pasquale

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2547 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 09:57




Devo ancora trovare una persona a cui non piacciano.


alzo la mano,
devo dire che non rivedo loro film da quando avevo una decina di anni, ma il ricordo che fossero delle mostruose cagate mi ha sempre tenuto lontano dall'avvicinarmici in seguito. Se in tv sento anche solo tre note di Dune buggy cambio canale.


ma manco trinità?
cioè
http://www.youtube.c...h?v=omkt3SOjZY4


mai visto tutto, conosco questa scena e poche altre
e mi irritano non poco, che ne so: sarà legato ad un trauma d'infanzia, boh :-[


Come penitenza dovrai guardare dal primo all'ultimo secondo tutta questa scena cult
http://www.youtube.com/watch?v=LmBMvFw59d8
  • 0
Concerto di Bruce Springsteen a Roma, Ippodromo Capannelle - 11.07.2013, in audio e video, il link alla playlist apposita è questo

http://www.youtube.c...feature=mh_lolz

#26 sash

sash

    seguace del Re

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 971 Messaggi:

Inviato 10 settembre 2012 - 11:37

Ma loro se non sbaglio vivevano per lo più in America, fra l'altro mi sembrava che recitassero in inglese, almeno Terence Hill, ti risulta o è una minchiata?


Terece Hill vive sei mesi negli Stati Uniti (non so in che stato) e sei mesi a Gubbio. Bud Spencer vive a Roma.

Questa è una foto di Carlo Pedersoli quando era campione di nuoto. Se non ricordo male è stato il primo italiano a scendere sotto il minuto nei 100 stile libero

Immagine inserita
  • 0
We are showroom dummies.

#27 Cliff

Cliff

    utente col favore delle tenebre

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10807 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 01 aprile 2014 - 09:34

Immagine inserita
  • 2
Ha detto bene il presidente del coni, che il mondo dei dilettanti...chapeau. On duà parler français monsieur, mettenan nous parlon français, tout suit, ma la question n’est parer, n’est pas, comme ça [Carlo Tavecchio]


Caro Sig.'Cliff' di Roma le confesso che non capito..


non vorrei sembrare pedante


#28 signora di una certa età

signora di una certa età

    old signorona

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 19317 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 09:37

che teneri :)
  • 0

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#29 bluetrain

bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7095 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 09:44

Mi avete fatto prendere un colpo, pensavo fosse crepato uno dei due.
  • 0

#30 Infinite dest

Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28156 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 01 aprile 2014 - 10:00

Mi ero perso questo thread
Da bravo nonno del forum, dal 1970 in poi li ho visti tutti al cinema, complice mio padre che non se ne perdeva uno: sempre al Metropolitan (ora non c'è più), una sala enorme dove tutti gli adulti fumavano e i ragazzi facevano un gran casino. Poi sono arrivati gli anni 80 e vabbè, però voglio confortare Tom, era proprio come diceva lui, a volte dal casino che c'era in sala qualche battuta andava perduta: sembra una scena di Tornatore, ce lo so, ma era proprio così.
  • 3

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#31 neuro

neuro

    king (beyond the wall)

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3756 Messaggi:
  • Locationqua

Inviato 01 aprile 2014 - 11:43

Lo chiamavano Bulldozer imbattibile, persino superiore a Trinità
  • 0
apri apri, apri tutto!

#32 Max Stirner

Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14074 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 01 aprile 2014 - 11:49

l'altra volta in tv c'era io sto con gli ippopotami, mi stavo commuovendo
  • 0
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#33 geeno

geeno

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11692 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 12:00

l'altra volta in tv c'era io sto con gli ippopotami, mi stavo commuovendo


Mia mamma mi racconta sempre che quando uscì mi dovette portare fuori dal cinema perché ridevo troppo forte.
  • 1

#34 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    It's Morning In Oslo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7643 Messaggi:
  • LocationSilver Bridge, 1967

Inviato 01 aprile 2014 - 12:01

idoli assoluti.
  • 0

#35 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7583 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 13:13

Grandissimi ovviamente, i loro sono film che resteranno.
Il pranzo del secondo Trinità per inventiva, ritmo e oltraggiosa comicità fa impallidire persino quello memorabile dei Blues Brothers. -_-
  • 0

#36 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22291 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 14:13

l'altra volta in tv c'era io sto con gli ippopotami, mi stavo commuovendo


l'ho visto anch'io asd
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#37 Garp in Mono

Garp in Mono

    Keine gegenstände aus dem fenster werfen

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23890 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 15:19

"Vai Leonard...vai..."
  • 0
"Garp sei un pochino troppo monotematico coi gusti secondo me."
 
"Io sono tutto ciò che vale. Non sono uno come Garp che ascolta solo un genere."
 
"Che imabarazzante battuta e due cretini ti hanno dato pure i più riparatori. Sei sempre fortunato, prima o poi ti arriverà una mazzata in testa riparatrice spero."
 
"Echheccazzo gdo cresciuto che nin sei altro."
 
"Coglione"
 
"Ma basta sto tipo di musica da sfattone finto dai"
 
"vabbeh garp te oltre alla barriera linguistica c'hai pure la barriera monogenere"
 

 


#38 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14250 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 15:22

*
POPOLARE

e5fnuh.jpg

Bud Spencer solista
La carriera in solitaria di Spencer. Visto che sono film che hanno segnato almeno tre o quattro generazioni di ragazzini si impone di segnalare il tasso di nostalgia.

1968 Al di là della legge di Giorgio Stegani
Curioso western per ragazzi con personaggi alla Mark Twain, ma con una quantità industriale di ammazzamenti, anche piuttosto truci, come si usava allora. E' l'unico film dove si fa chiamare Bud Spencer dove non porta la barba. Il protagonista è Lee van Cleef, Spencer fa la particina di un bancario vigliaccone, il che da ragazzino ti faceva incazzare quando retequattro o italiauno ficcavano questo film in qualche rassegna dedicata a lui.
Filmetto passabile, ma tasso di nostalgia inesistente.

1968 Oggi a me... domani a te! regia di Tonino Cervi
Qui la barba ce l'ha, ma palesemente finta, evidentemente non gli era ricresciuta dal film precedente. Ed è pure doppiato da Ferruccio Amendola invece del solito Glauco Onorato. Però si ritaglia momenti niente male e inizia a rubare alla scena agli altri attori. Uno di quei western spaghetti ultra-violenti e funerei che si guardavano nei pomeriggi domenicali degli anni 80 e che rivisti da adulti ti accorgi essere molto più sofisticati e ben fatti di quel che ricordavi.
Tasso nostalgia formato 24.

1969 Un esercito di 5 uomini regia di Italo Zingarelli
Altro western violentuccio. Il direttore della fotografia è Enzo Barboni, futuro creatore di Trinità. Barboni forse non si era limitato alla fotografia perché diverse sequenze sembrano una netta anticipazione dei film di Trinità. Spencer si prede sempre più spazio e inizia a mettere a punto i tic comici che lo renderanno celebre.
Tasso di nostalgia 18.

1970 Gott mit uns (Dio è con noi) regia di Giuliano Montaldo
Filmone impegnato e di denuncia. L'ho anche visto, ma onestamente non mi ricordavo neanche che Bud fosse nel cast e di che parte faccia.
Tasso di nostalgia sottozero.

1971 Quattro mosche di velluto grigio regia di Dario Argento
Ormai già famosissimo per i Trinità fa un cameo da grande star nella parte di Dio (diminutivo di Diomede), barbone filosofo. Curiosamente è doppiato da Sergio Graziani, il primo doppiatore di Terence Hill. Poca nostalgia (se non per l'Argento che fu), ma ruolo mitico...



1972 Torino nera regia di Carlo Lizzani
Melodrammone poliziottesco diretto con la mano sinistra da Lizzani, dove Spencer fa un ruolo drammatico dove le prende pure. Mai visto sinceramente.
Tasso nostalgia nullo.

1972 Si può fare... amigo regia di Maurizio Lucidi
Primo western da protagonista senza Hill. Da qui in poi i suoi film inizieranno ad essere pensati per un pubblico più giovane. Qui resiste ancora la carognaggine dei Trinità, ma Hill è malamente sostituito da un decisamente meno simpatico Jack Palance, che ha l'aria di essere sempre ubriaco (e probabilmente lo era veramente) e dall'allora biondo e onnipresente Renatino Cestié, la cui presenza sposta fatalmente il film su toni dolciastri che non fanno bene alla comicità. Rivisto poco tempo fa resa un film loffietto.
Tasso di nostalgia molto basso.

1972 Una ragione per vivere e una per morire, regia di Tonino Valerii
Un must delle programmazioni estive anni 80. Il suo ultimo film iper-violento, uno spaghetti diretto come un war movie dal grande Tonino Valerii. Spencer fa una parte alla Tuco e, a dispetto di quello che ha sempre sostenuto la critica, regge benissimo il confronto con gigioni come Eli Wallach, grazie al suo stile asciutto e all'umanità che è in grado di iniettare nei suoi personaggi.
Tasso di nostalgia considerevole.

1973 Anche gli angeli mangiano fagioli regia di E.B. Clucher
Ovviamente, il miglior film di Bud Spencer e Terence Hill... senza Terence Hill. Infatti quasi non ci si accorge della mancanza del biondo, tanto viene perfettamente sostituito da Giuliano Gemma (che per non sbagliarsi è doppiato dal solito Pino Locchi), che caratterizza il personaggio dello smilzo con maggiore nervosismo e più candore. Trama senza viti, a favore di una memorabile scarica di gag e una sfiata di personaggi esilaranti (Giuda l'informatore!) che parodiano il gangster movie, ma anche il melodramma emigrante (la famiglia di morti di fame) e i film di samurai (le fantasie di Gemma).
Tasso di nostalgia fuori ogni misura.

1973 Piedone lo sbirro regia di Steno
1975 Piedone a Hong Kong regia di Steno
1978 Piedone l'africano regia di Steno
1980 Piedone d'Egitto regia di Steno
Serie fortunatissima, diretta dal veterano della commedia all'italiana Steno. Con Piedone Spencer metta a punto definitivamente il suo personaggio, gigante buono e manesco, ma anche molto intelligente (a differenza dei film con Hill). Nonostante gli sganassoni e le scemette umoristiche, il primo (e il migliore) è un vero e proprio poliziottesco napoletano, pieno di morti ammazzati e situazioni piuttosto drammatiche. In seguito la serie si sposterà su toni più infantili e avventursi, con Piedone in giro per il mondo quasi fosse un Tintin che dispensa cazzotti. Solo nel primo Spencer è doppiato dal solito Glauco Onorato, nei film successivi recita con la sua vera voce, dimostrando di reggere tranquillamente la scena. Confesso di non aver molto amato la serie da bambino, forse per via della troppo italianità del personaggio (ero un bambino esterofilo), ma l'ho riscoperta da adulto.
Quindi tasso di nostalgia alto ma non il massimo.

1976 Il soldato di ventura regia di Pasquale Festa Campanile
1978 Lo chiamavano Bulldozer regia di Michele Lupo
1982 Bomber regia di Michele Lupo
La trilogia "sportiva". Fa un po' storia a sé, il primo film diretto da Campanile, di ambientazione storica evidentemente ispirata all'Armata Brancoleone monicelliana, ma la trama è praticamene la stessa degli altri due film: per una sfida in cui è in gioco l'onore italico, Spencer "allena" una banda di cialtroni italiani che devono sfidare una meglio organizzata rappresentanza straniera. Alla fine sarà comunque lui a sistemare le cose. Campanile non era un regista adatto per un attore come Spencer e pencola un po' troppo tra commedia storica alla Magni e gag da film facassone. Meglio il più scattante Michele Lupo che diventerà il regista di fiducia di Spencer. Infatti Bulldozer è un gioiello di epica bonaria e sportiva, sorretto da una colonna sonora che ti si pianta in testa e tutto giocato sull'agognata attesa della discesa in campo di Spencer: quando alla fine entra in campo al rallentatore era un orgasmo. Altrettanto efficace anche se un po' meno riuscito Bomber, che difetta della presenza di quell'inutile essere vivente di Jerry Calà (che odiavo anche da bambino, prima che qualcuno venga a rompere i coglioni con storie di snobismo) e replica fin troppo fedelmente in versione pugilistica lo schema di Bulldozer.
Tasso di nostalgia altissimo.

1977 Charleston regia di Marcello Fondato
Il raffinato Fondato aveva diretto Altrimenti ci arrabbiamo, ma qui esagera in raffinatezza e realizza una versione all'amatriciana de La stangata. Frega a qualcuno vedere Bud Spencer fare il dandy in bombetta per praticamente tutto un film?
Tasso di nostalgia nullo.

1979 Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre regia di Michele Lupo
1980 Chissà perché... capitano tutte a me regia di Michele Lupo
E va beh, vi rimando a quanto scritto mesi fa su dove e perché li ho rivisti una caterva di volte. Cinema per ragazzini, ma fatto di un'aggraziata ed efficacissima miscela di comicità sganassona, fantascienza, cinema sentimentale, finto rurale americano. Sul finire dei 70 il già declinante cinema italiano sapeva ancora comunque cogliere e riutilizzare spunti, facce, idee dal cinema americano tornato dominatore egemone del mercato. In questo caso lo Spielberg di Incontri Ravvicinati, da cui era ripreso anche il piccolo Cary Guffey, anticipando persino qualcosina di ET.
Tasso di nostalgia oltre ogni beta-periodo.

1981 Occhio alla penna regia di Michele Lupo
Nel '81 Spencer era praticamente l'unico in Italia che poteva ancora permettersi di girare western con budget di tutto rispetto. Il francese Amidou (scomparso pochi mesi fa) che fa l'indiano è troppo macchietta per essere una vera spalla di uno Spencer che giganteggia in ogni inquadraura neanche fosse un Orson Welles comico. Filmetto gradevole, anche se votato ormai ad una comicità insesorabilmente infantile, ma la confezione è di lusso (musiche di Morricone) e in confronto ai western comicaroli che avevano infestato il decennio precedente sembra un film di Chaplin.
Tasso di nostaglia nella norma.

1982 Banana Joe regia di Steno
Un altro film pensato per i ragazzini, comunque un pubblico abbastanza rispettato da confezionare pellicole sempre dignitose, qui irrobustito da una vena ecologica e anti-capitalista piuttosto marcata. Il carattere naif e ingenuo del protagonista si riflette sul tono di tutto il film, simpatico e sgangherato. Per molti miei amici e coetanei è un mito (il tormentone su Pinco Pallino è stato per anni un must nella mia compagnia), io non avendolo stranamente mai visto da ragazzino stavolta non saprei dire sul fattore nostalgia: facciamo che mi fido dei miei amici...
Tasso nostalgia alto.

1983 Cane e gatto regia di Bruno Corbucci
L'ultimo vero film "di" Bud Spencer. Tomas Milian gigioneggia senza freni come al solito, ma diverte, anche per lui sarà stata un'occasione per uscire dalla desolante ripetizione dei troppo Monnezza & Co. Ed è forse lui a restituire un po' di spirito canagliesco e levare la patina infantile ad un film con Spencer, riavvicinandolo allo spirito dei film con Hill. Comunque un gustoso on the road comicarolo, ultimo barlume di un cinema di genere italiano che riusciva ancora ad intercettare e adattare certe idee del cinema americano.
Tasso nostalgia abbastanza elevato, col senno di poi sarebbe altissimo.

1986 Superfantagenio regia di Bruno Corbucci
Siamo al "post", con Spencer ormai già arruolato in pianta stabile da Finivest/Mediaset per le loro spente serie tv. Tristo tentativo di connettersi ad un certo cinema fantastico per ragazzi americano che andava allora per la maggiore. Più che fantastico si va a parare nella favoletta puerile e gli effetti speciali sono desolanti.
Nostalgia di un bel cazzo di niente.

1991 Un piede in paradiso regia di Enzo Barboni
Mai visto. Mi bastava il trailer con Spencer che faceva le facce da allupato davanti a Carol Alt per provare tristezza. Già nel '91 vedere Bud Spencer in un nuovo film faceva strano, sembrava il reduce di un cinema appartenente ad un epoca ormai lontanissima.
Nostalgia... lasciamo perdere.
  • 17

#39 Infinite dest

Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28156 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 01 aprile 2014 - 15:36

Inutile dire che ho fatto tutta la serie Piedone (forse l'ultimo no però) + il Milian versione Monnezza (cui ho il torto di assomigliare parecchio). La malattia di mio padre per il cinema di questo genere si spinse al punto di farmi ciucciare anche la serie in cui Milian faceva Provvidenza, ho detto tutto

Va detto che in Piedone lo sbirro è circondato da ottimi caratteristi
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#40 bluetrain

bluetrain

    Fourth rule is: eat kosher salamis

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7095 Messaggi:

Inviato 01 aprile 2014 - 15:47

1976 Il soldato di ventura regia di Pasquale Festa Campanile
1978 Lo chiamavano Bulldozer regia di Michele Lupo
1982 Bomber regia di Michele Lupo
La trilogia "sportiva". Fa un po' storia a sé, il primo film diretto da Campanile, di ambientazione storica evidentemente ispirata all'Armata Brancoleone monicelliana, ma la trama è praticamene la stessa degli altri due film: per una sfida in cui è in gioco l'onore italico, Spencer "allena" una banda di cialtroni italiani che devono sfidare una meglio organizzata rappresentanza straniera. Alla fine sarà comunque lui a sistemare le cose. Campanile non era un regista adatto per un attore come Spencer e pencola un po' troppo tra commedia storica alla Magni e gag da film facassone. Meglio il più scattante Michele Lupo che diventerà il regista di fiducia di Spencer. Infatti Bulldozer è un gioiello di epica bonaria e sportiva, sorretto da una colonna sonora che ti si pianta in testa e tutto giocato sull'agognata attesa della discesa in campo di Spencer: quando alla fine entra in campo al rallentatore era un orgasmo. Altrettanto efficace anche se un po' meno riuscito Bomber, che difetta della presenza di quell'inutile essere vivente di Jerry Calà (che odiavo anche da bambino, prima che qualcuno venga a rompere i coglioni con storie di snobismo) e replica fin troppo fedelmente in versione pugilistica lo schema di Bulldozer.


Grande Tom, bellissimo post.

Però rimettiamo le cose in ordine su un punto: è snob far passare Jerry Calà come grande attore/grande intellettuale (cosa che per altro credo avvenga per lo più sul forum di OR, e fatto per ridere può anche essere divertente), non descriverlo per quello che è come hai fatto tu.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq