Vai al contenuto


Foto
* * * * * 2 Voti

:Or: [Pietra Miliare] Jacula - In Cauda Semper Stat Venenum [Gnome Records/ Black Widow 1969 Progressive, Gothic]


  • Please log in to reply
665 replies to this topic

#41 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 20:26

Concordo al 100% con Gozer che è stato fin troppo buono.
Io aggiungerei che se un recensore recensisce un disco italiano che si presume uscito nel 1969 e non si accorge minimamente che quei suoni in italia sarebbero arrivati secoli dopo (oltretutto un gruppo ultraundeground che non poteva permettersi studi discografici all'avanguardia e produttori sopraffini) a quel punto perde del tutto credibilità (non dico come Fegiz che recensisce concerti inesistenti ma poco ci manca).
Considerando pure quello che dice The Silent Corner nella pagina precedente, direi che proprio non ci sono dubbi
  • 0

#42 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2191 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 20:38

Aggiungo, sempre dal libro "Il Ritorno del Pop Italiano", di Paolo Barotto:

Dopo aver militato nei Dietro Noi Deserto, Antonio Bartoccetti forma nel 1971 gli Invisible Force e l'anno successivo (1972, nota mia), modifica nome e formazione in Jacula, ispirato al fumetto molto in voga all'epoca.


  • 0

#43 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 82273 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 20:39

il prossimo capitolo delle Bufale Miliari sarà un disco bello davvero, forza Simon falla tu

Immagine inserita

http://www.youtube.com/watch?v=LXcnGigO8qA
  • 1

#44 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 34297 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:10

Concordo al 100% con Gozer che è stato fin troppo buono.
Io aggiungerei che se un recensore recensisce un disco italiano che si presume uscito nel 1969 e non si accorge minimamente che quei suoni in italia sarebbero arrivati secoli dopo (oltretutto un gruppo ultraundeground che non poteva permettersi studi discografici all'avanguardia e produttori sopraffini) a quel punto perde del tutto credibilità (non dico come Fegiz che recensisce concerti inesistenti ma poco ci manca).
Considerando pure quello che dice The Silent Corner nella pagina precedente, direi che proprio non ci sono dubbi

Guarda che mezzo mondo (e direi l'intero web, italiano e non) sostiene che il disco sia uscito nel 1969. Persino Scaruffi!
E' impossibile trovare notizie diverse in giro, infatti io stesso non le avevo trovate, pur essendomi informato a fondo sul disco. E resto tuttora convinto che il progetto musicale di fondo sia proprio quello del 1969, anche se riprocessato poi nel 2001.
Donato Zoppo, autorevolissimo critico che ha appena fatto uscire una specie di bibbia sul progressive, ha ad esempio scritto in questa recensione:

Il primo album di Jacula era da tutti considerato “Tardo Pede in Magiam Versus”, risalente al 1972 e solo vent’anni dopo ristampato dalla Mellow su cd: oggi l’attivissima label genovese Black Widow riporta finalmente alla luce il vero primo lavoro targato Jacula, quel leggendario “In Cauda semper stat venenum” di cui solo in pochi erano a conoscenza e che solo trecento fortunati possessori (tante erano le copie pubblicate nel ’69…) avevano potuto ascoltare.

E stiamo parlando di una delle massime autorità italiane in campo progressive.

Quindi, giù le mani da Marco, che ha scritto oltre tutto un'ottima recensione, il cui nucleo fondamentale, per me, resterebbe comunque valido anche se fosse vero che quel demo non è mai andato in stampa in 300 copie nel 1969.
  • 0

#45 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21469 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:17

Ahahah, incredibile, ti stiamo dicendo in tutti i modi che le informazioni che circolano sono errate perché SONO STATE FORNITE IN MANIERA FALSA DA CHI LE HA MESSE IN GIRO, e tu cosa fai? Continui a riportare fonti che appunto ripescano le informazioni ufficiali messe in giro da Rex. Dopo che ti è stata per giunta riportata una sua intervista che smentisce tutto. Oltre ai testi copiati dai VDGG che parlano da soli. Non c'è verso, ti ostini a non vedere la realtà. Continua pure così, complimenti. Pessimo, pessimo, pessimo giornalismo, livello Feltri.
  • 0

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#46 Reynard

Reynard

    Gummibaerchensuechtig

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9736 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:17

Quindi, giù le mani da Marco, che ha scritto oltre tutto un'ottima recensione, il cui nucleo fondamentale, per me, resterebbe comunque valido anche se fosse vero che quel demo non è mai andato in stampa in 300 copie nel 1969.


Scusate se mi intrometto.
Dato quel che quoto, non sarebbe allora opportuno e molto semplice aggiungere un breve paragrafo alla fine in cui si avverte il lettore di questa controversia; anche solo i nudi fatti, che le copie del '69 non si trovano, che per l'edizione del 2001 il suono è stato riprocessato, che alcuni hanno dubbi sull'esistenza dell'originale...
E' quel che si fa in campo letterario con opere dalla genesi complessa e/o dubbia; sono informazioni di contesto che non fa mai male avere (soprattutto quella per cui nell'edizione del 2001 il materiale è stato ripassato al computer: è rilevante); ed è anche una storia interessante per il lettore. E soprattutto, non cambia di una virgola il giudizio sull'album in sé.
  • 5
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#47 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:24

Beh ma alle autorità progressive può pure far comodo alimentare certi tipi di leggende, che sono il pane quotidiano di collezionisti e fan di ogni singolo genere.

Comunque non sono un esperto di Jacula, ma ogni tanto mi immergo anche io in queste leggende e ti giuro che avevo trovato subito alcuni forum (come quello linkato sopra) in cui veniva smentita la datazione. Smentita tra l'altro abbastanza ovvia, visto che nessuno mi avrebbe comunque fatto credere che il disco non fosse stato reinciso in toto o pesantemente rieditato.
L'intervista a Jacula lascia pochi dubbi e il fatto che l'editore non abbia mai visto i vinili originali la dice lunga. Aggiungici anche il sound degli altri due gruppi, che non sono nemmeno coevi ma addirittura posteriori di due annii e il primo disco a nome jacula (Bartoccetti suonava molto peggio la chitarra, forse aveva disimparato...).

Che il disco abbia la stessa importanza se inciso nel 1988 mi sembra altrettanto poco verosimile.
  • 1

#48 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2191 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:25


Guarda che mezzo mondo (e direi l'intero web, italiano e non) sostiene che il disco sia uscito nel 1969. Persino Scaruffi!


Direi che sostengono che è uscito nel 1969 perché si abbeverano tutti alla stessa fonte, la data riportata ufficialmente.
Però se si scopre - grazie all'attento Euripidello - che i testi sono spudoratamente copiati da opere uscite nel 1970/71, che nel 1971 Bartoccetti faceva beat e che le chitarre non sono assolutamente chitarre del '69 e che il disco - per bocca dello stesso autore - non è mai uscito nel 1969, ci sono fin troppi elementi per rivedere le informazioni. Comunque il recensore non ha alcuna colpa, la recensione è ben scritta, è colpa della disinformazione che gira intorno al disco.
  • 1

#49 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 82273 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:29

Scusate se mi intrometto.
Dato quel che quoto, non sarebbe allora opportuno e molto semplice aggiungere un breve paragrafo alla fine in cui si avverte il lettore di questa controversia; anche solo i nudi fatti, che le copie del '69 non si trovano, che per l'edizione del 2001 il suono è stato riprocessato, che alcuni hanno dubbi sull'esistenza dell'originale...
E' quel che si fa in campo letterario con opere dalla genesi complessa e/o dubbia; sono informazioni di contesto che non fa mai male avere (soprattutto quella per cui nell'edizione del 2001 il materiale è stato ripassato al computer: è rilevante); ed è anche una storia interessante per il lettore. E soprattutto, non cambia di una virgola il giudizio sull'album in sé.


ma infatti sarebbe così semplice
  • 0

#50 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 34297 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:29

Ahahah, incredibile, ti stiamo dicendo in tutti i modi che le informazioni che circolano sono errate perché SONO STATE FORNITE IN MANIERA FALSA DA CHI LE HA MESSE IN GIRO, e tu cosa fai? Continui a riportare fonti che appunto ripescano le informazioni ufficiali messe in giro da Rex. Dopo che ti è stata per giunta riportata una sua intervista che smentisce tutto. Oltre ai testi copiati dai VDGG che parlano da soli. Non c'è verso, ti ostini a non vedere la realtà. Continua pure così, complimenti. Pessimo, pessimo, pessimo giornalismo, livello Feltri.

Senti, feltrino, io non ho detto che "è così", ho detto che nessuno al mondo fino ad oggi ha mai negato questa tesi e che quindi l'intera informazione musicale, incluso il nostro recensore, si fonda su quelle fonti. Tutto qua. Quell'intervista, di cui evidentemente il mondo intero ignorava l'esistenza, è l'unico documento che ad oggi smentisce quella informazione. L'ho correttamente riportata al recensore che ne trarrà le conseguenze.
Il resto è fuffa (e livore).
  • 0

#51 Gozer

Gozer

    :3

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21469 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:29

Comunque il recensore non ha alcuna colpa, la recensione è ben scritta, è colpa della disinformazione che gira intorno al disco.

Esatto, nessuno sta dicendo che il recensore è un brutto, anzi ben venga che si parli dei Jacula (che a me piacciono, truffa o meno). E sia chiaro che fino all'altro giorno io ero fra i convintissimi che il disco fosse del 1969 (per quanto non lo ascoltassi da anni, magari oggi come oggi non mi avrebbe fregato), mi è crollata addosso la giovinezza quando cercando in giro per la rete, dopo l'imbeccata di Eury, ho scoperto la verità. :D
Però ora che si sa come stanno le cose, correggere sarebbe il minimo, qualunque persona di buon senso modificherebbe la rece alla luce di quanto abbiamo riportato, metti per una-volta-una da parte l'orgoglio Claudio (stai negando l'evidenza solo perché ti rode che Ondarock abbia riportato una cosa scorretta, ma appunto non è una colpa particolarmente grave, essendoci cascato il mondo intero), che davvero non c'entra nulla...
  • 1

RYM ___ i contenuti

 

 "SOVIET SAM" un blog billizzimo

 

 

 


#52 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 82273 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:33

claudio non puoi mettere dei finali diversi alla recensione?
sarebbe un'idea innovativa e gagliarda, sono sicuro che Feltri non ci arriverebbe mai

quello della Bufala lo fai scrivere a telegram o a un altro

Immagine inserita
  • 4

#53 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:33

Beh comunque anche avere delle orecchie attaccate alla testa aiuta in casi come questo.
Cioè io capisco che uno dia un ascolto disattento a un disco e li per li non si accorga dell'enorme divario che c'è tra le sonorità del disco e quelle del 1969 (se poi si considera che siamo in Italia ancora peggio), ma uno che scrive una recensione dovrebbe avergli dato come minimo un pò di ascolti attenti e se poi mi vende quel disco come disco del 69 per me è poco affidabile come critico.
  • 0

#54 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 82273 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:36

critico.


Immagine inserita
  • 1

#55 Euripidello

Euripidello

    Sigh...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1158 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:38


però che bastardo Peter Hammill a fottergli i testi così, eh asd

I testi può anche averli sovrascritti dopo quando ha pubblicato il cd, ma per me conta soprattutto il sound, che è stato inventato all'epoca. Tanto i progster si scopiazzavano un po' tutti :P


Io francamente non ti seguo, se i testi sono stati sovrascritti dopo, ovvero alla pubblicazione del cd, di che album del '69 stiamo parlando se nessuno lo ha ascoltato?
  • 1

#56 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 34297 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:43


Comunque il recensore non ha alcuna colpa, la recensione è ben scritta, è colpa della disinformazione che gira intorno al disco.

Esatto, nessuno sta dicendo che il recensore è un brutto, anzi ben venga che si parli dei Jacula (che a me piacciono, truffa o meno). E sia chiaro che fino all'altro giorno io ero fra i convintissimi che il disco fosse del 1969 (per quanto non lo ascoltassi da anni, magari oggi come oggi non mi avrebbe fregato), mi è crollata addosso la giovinezza quando cercando in giro per la rete, dopo l'imbeccata di Eury, ho scoperto la verità. :D
Però ora che si sa come stanno le cose, correggere sarebbe il minimo, qualunque persona di buon senso modificherebbe la rece alla luce di quanto abbiamo riportato, metti per una-volta-una da parte l'orgoglio Claudio (stai negando l'evidenza solo perché ti rode che Ondarock abbia riportato una cosa scorretta, ma appunto non è una colpa particolarmente grave, essendoci cascato il mondo intero), che davvero non c'entra nulla...

Ma non c'è nessun orgoglio, ripeto, ho solo ribadito che le informazioni utilizzate dal recensore erano quelle riportate dall'intera informazione musicale del pianeta Terra, le stesse che, come ammetti, avevi consultato anche tu fino a ieri.
Quindi contesto fermamente l'idea di checazzoquoti che "se un recensore recensisce un disco italiano che si presume uscito nel 1969 e non si accorge minimamente che quei suoni in italia sarebbero arrivati secoli dopo perde del tutto credibilità". Tutto qua.
Per il resto, la precisazione sarà fatta, ma ritengo sia corretto, visto che parliamo con disinvoltura di deontologia, avvisare l'autore dell'articolo.

Beh comunque anche avere delle orecchie attaccate alla testa aiuta in casi come questo.
Cioè io capisco che uno dia un ascolto disattento a un disco e li per li non si accorga dell'enorme divario che c'è tra le sonorità del disco e quelle del 1969 (se poi si considera che siamo in Italia ancora peggio), ma uno che scrive una recensione dovrebbe avergli dato come minimo un pò di ascolti attenti e se poi mi vende quel disco come disco del 69 per me è poco affidabile come critico.

Quindi sono tutti inaffidabili quelli che l'hanno recensito finora.
Persino tra i detrattori del disco, che in redazione non volevano miliarizzarlo, nessuno ha eccepito la questione della data.
  • 0

#57 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 82273 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:44

Per il resto, la precisazione sarà fatta,


oh bene

In Claudio Semper Stat Criticum
  • 1

#58 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:45

Poi oltretutto la prima cosa che è diversa in un disco registrato 15 e passa anni dopo è proprio il sound
  • 0

#59 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 34297 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:47

Ma sentire un sound più moderno nella (presunta) ristampa perché mai dovrebbe far concludere che la copia originale non è mai stata pubblicata?
Oltre tutto si parlava di una diffusione limitatissima di 300 copie di cui era impossibile entrare in possesso.
  • 0

#60 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2228 Messaggi:

Inviato 21 febbraio 2012 - 21:48



Beh comunque anche avere delle orecchie attaccate alla testa aiuta in casi come questo.
Cioè io capisco che uno dia un ascolto disattento a un disco e li per li non si accorga dell'enorme divario che c'è tra le sonorità del disco e quelle del 1969 (se poi si considera che siamo in Italia ancora peggio), ma uno che scrive una recensione dovrebbe avergli dato come minimo un pò di ascolti attenti e se poi mi vende quel disco come disco del 69 per me è poco affidabile come critico.

Quindi sono tutti inaffidabili quelli che l'hanno recensito finora.
Persino tra i detrattori del disco, che in redazione non volevano miliarizzarlo, nessuno ha eccepito la questione della data.


Davvero? Nessuno in redazione aveva contestato la data?
Sul fatto che nessuno la contesti è perchè molti sono dei fan del prog che si divertono con questo tipo di cose.
Non credo che uno come Franco Fabbri oppure anche uno come Bertoncelli non si accorgerebbe della cosa.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq