Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Doppiaggi doppiaggioni e doppiaggiacci


  • Please log in to reply
281 replies to this topic

#1 Pickpocket

Pickpocket

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 663 Messaggi:

Inviato 01 novembre 2006 - 22:28

Il doppiaggio, inutile dilungarsi, è fondamentale nella visione di un film.Ce ne sono alcuni che addirittura lo migliorano, altri che invece lo distruggono.
Mi piacerebbe discutere un pò e fare qualche nome con voi su quelli più scandalosi e quelli meglio riusciti.

Subito in apertura vorrei citare Lionello nel suo doppiaggio di Woody Allen, che secondo me non solo rende perfettamente la genialità dell'artista americano, ma lo migliora, lo completa, lo esalta.Vedendo in lingua originale i film di Allen mi sono trovato davanti a una grossa delusione, la sua voce non solo non m'è parsa incisiva, ma a tratti stucchevole.Invece l'indecisione, il vibrato e il sottotono di Lionello sono straordinari, consiglierei allo stesso Allen di provare a sentirne l'efficacia.

Altro doppiaggio riuscitissimo: Peter Sellers in Hollywood Party di B. Edwards.L'accento indianoinglese è davvero sublime, e si affianca meravigliosamente alla mimica di Sellers, qui, a mio parere, nella sua più grande interpretazione in uno dei capolavori del cinema USA di tutti i tempi.
Chiaramente, in un film tutto giocato sul personaggio il lavoro del doppiatore si sente di più, soprattutto di fronte a una personalità immensa come Sellers.

Poi c'è il discorso Monty Pithon, come tradurli?Operazioni diverse sono state fatte, alcune, come quella del Santo Graal, secondo me hanno dato esiti davvero imbarazzanti, il tentativo di rendere la pluralità delle tonalità vocali inglesi con i dialetti fallisce miseramente sfociando nel grottesco e oscurando l'ammiccamento intellettuale che si cela sotto i film del quartetto trash (?) inglese.

Ora la parola a voi, anche perchè ho da studiare ancora la Canonica epicurea. ;D
  • 0

#2 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2006 - 22:57

semplicemente il doppiaggio va eleminato, meglio i sub anche se ci costringe ad una visione strabica, meglio ancora conoscere le lingue. poi ovviamente ci sono autori che usano il doppiaggio a scopi creativi (pasolini, carmelo bene), ma quello è un altro discorso

p.s. il doppiaggio di lionello per allen sarà pure geniale ma imperfetto, soprattutto in "Mariti e mogli" e negli ultimi film. la vera voce di allen noi italiani non ce la immaginiamo, sembra quasi che lionello abbia trasceso l'originale. allen ha una voce molto più cupa, meno fintamente balbettante

#3 Guest_Lukas_*

Guest_Lukas_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2006 - 23:23

La voce originale di Scarlett Johansson è mooolto meglio rispetto a quella doppiata. ? + calda, + profonda e + sensuale mentre il doppiaggio italiano la fa diventare una sciaquetta, stessa cosa per Josh Hartnett e Jude Law hanno entrambi una voce baritonale doppiati sempre da voci che sono completamente l'opposto di quella originale. Non dico che il doppiaggio debba imitare la voce originale ma quando già queste sono ben impostante mi pare inutile trovare una qualche variazione.

#4 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 01 novembre 2006 - 23:34

La voce originale di Scarlett Johansson è mooolto meglio rispetto a quella doppiata. ? + calda, + profonda e + sensuale mentre il doppiaggio italiano la fa diventare una sciaquetta


e per forza...finchè gli danno la voce di Bart Simpson!!!

#5 Guest_LoriVarney_*

Guest_LoriVarney_*
  • Guests

Inviato 02 novembre 2006 - 08:12

sono anni ormai che guardo film solo in inglese, quando richiesto facilitandomi coi sottotitoli (sempre in inglese), quindi non saprei fare molti esempi. Recentemente pero' mi e' capitato di guardare Butterfly Effect con un'amica italiana e quindi col supporto della versione doppiata. Santo cielo credo di non aver mai sentito doppiaggio peggiore. Non ci potevo credere. Tutti i personaggi suonano impacciati e infantili, inoltre spesso hanno cambiato il significato delle frasi, cosi', a capocchia. imbarazzante.
Anche gli inglesi a volte fanno castronerie, mi viene in mente Kiki's Delivery Service di Miyazaki, in cui la voce del gatto Jiji sulla traccia inglese suona come una effemminatissima drag-queen, senza un motivo, visto che in lingua originale ha una voce dolce da gattino. Mentre Kiki e' doppiata molto bene da Kirsten Dunst. Rimedio semplicemente guardandolo in giapponese sottotitolato!

#6 scirocco

scirocco

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2016 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 11:04

Da sempre accanito sostenitore della lingua originale pur ammettendo l'enorme bravura dei nostri doppiatori, forse i migliori al mondo.
All'estero (Francia, Spagna, Nord Europa, Stati Uniti...) le prime visioni sottotitolate sono l'assoluta normalità. Noi siamo ancora molto indietro, anche se negli ultimi anni qualche timido esperimento ha avuto discreto successo.

I peggiori risultati che io ricordi riguardano la filmografia di Eric Rohmer, sistematicamente massacrato da doppiaggi a dir poco criminali (Il raggio verde, L'amico della mia amica, La nobildonna e il duca, La carriera di Susanna, La moglie dell'aviatore...). D'accordo, lavorare su un cinema così sottile come quello del maestro francese è un'impresa difficilissima, ma vi assicuro che conoscendo l'intero percorso rohmeriano (per vecchi motivi di tesi) ho potuto confermare tutto ciò che è stato denunciato in proposito..

Ottimo, invece, mi è sembrato il lavoro sui film di Kieslowski (sebbene non conosca certamente la lingua polacca!). Un doppiaggio molto intenso e teatrale, ma allo stesso tempo assai preciso, secco, composto, severo. Mai un accento fuori posto, pause calibratissime, rigore assoluto.
  • 0

#7 Malato_del_vinile

Malato_del_vinile

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 734 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 11:45

I peggiori risultati che io ricordi riguardano la filmografia di Eric Rohmer, sistematicamente massacrato da doppiaggi a dir poco criminali (Il raggio verde, L'amico della mia amica, La nobildonna e il duca, La carriera di Susanna, La moglie dell'aviatore...). D'accordo, lavorare su un cinema così sottile come quello del maestro francese è un'impresa difficilissima, ma vi assicuro che conoscendo l'intero percorso rohmeriano (per vecchi motivi di tesi) ho potuto confermare tutto ciò che è stato denunciato in proposito..

I film di "Rohmer" per fortuna li ho visti tutti in V.O. su Fuori Orario  ;) (mai viste le versioni doppiate)
  • 0

#8 vamos

vamos

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 586 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 12:29

Sono quasi otto anni che guardo film in lingua originale, alcuni mi danno dello snob ma ormai faccio fatica ad andare al cinema proprio perché mi da fastidio vederli doppiati.

Come dice Scirocco, quello italiano è uno dei migliori (consiglio caldamente di sentire quello polacco se ne avete occasione) ma assurdo insistere sulla messa in onda di film doppiati, in Italia come in Svizzera italiana. Tra l'altro vedere in tv film sottotitolati e in lingua originale porta un considerevole vantaggio per l'apprendimento dell'inglese, vedi la scioltezza dei ragazzi scandinavi o persino argentini con questa lingua.
  • 0

#9 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11926 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 12:38

Personalmente sono rimasto sconvolto la prima volta che ho sentito la voce originale di John Wayne: bassissima, rauca, mormorante, simile a quella di un Leonard Cohen... nulla a che vedere con il tono stentoreo e vagamente enfatico che gli è sempre stato associato in Italia.

Quello che fa spavento è la decadenza attuale del doppiaggio italiano.

L'altro giorno con la mia ragazza abbiamo visto un pezzo di non ricordo più quale film americano dei '70 (ma era un filmetto del cavolo) e siamo restati stupiti nel notare la bellezza del doppiaggio italiano: voci "vere", espressive e aderenti al personaggio.
Oggi questa grazia non accade nemmeno ai kolossal e agli attori più famosi (penso ad esempio al povero Di Caprio che probabilmente doppieranno come un adolescente anche quando avrà 50 anni)...

D'altra parte basta confrontare il doppiaggio di Apocalypse Now! originale con quello della versione Redux per rendersi conto di quanto in basso sia arrivato i livello dei doppiatori italiani.

Quando posso anch'io mi rivolgo ai sottotitoli... anche se è vero che è una visione azzoppata.

  • 0

#10 Guest_vegeta_*

Guest_vegeta_*
  • Guests

Inviato 02 novembre 2006 - 12:56

il doppiaggio penalizza è ovvio...

il doppiaggio, per quanto ben fatto, non potrà mai restituire tutte le sfumature di un'interpretazione.

Un recente esempio è "Brokeback Mountain": nella versione italiana la strepitosa interpretazione di Heath Ledger è azzoppata: che ne è rimasto di quella voce roca, di quell'accento del sud? Ben poco...poi non mi meraviglia che molti dicano che Di Caprio non è un gran attore!

Tuttavia, doppiaggio o meno io cerco di vedere più film che posso al cinema, perchè sul piccolo schermo è tutta un altra cosa, e non ditemi di no.



#11 Hollywood

Hollywood

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 95 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 13:13

.

Subito in apertura vorrei citare Lionello nel suo doppiaggio di Woody Allen, che secondo me non solo rende perfettamente la genialità dell'artista americano, ma lo migliora, lo completa, lo esalta.

ottima osservazione direi ;)
  • 0

#12 Guest_Lukas_*

Guest_Lukas_*
  • Guests

Inviato 02 novembre 2006 - 17:30


La voce originale di Scarlett Johansson è mooolto meglio rispetto a quella doppiata. ? + calda, + profonda e + sensuale mentre il doppiaggio italiano la fa diventare una sciaquetta


e per forza...finchè gli danno la voce di Bart Simpson!!!


:o ? vero! Mo ci ho fatto caso...oddio Bart a questo punto diventa + effemminato di Milhouse, NO!

#13 Moonchild

Moonchild

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 497 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 18:01


Il problema dei sottotitoli è che per questioni di tempo bisogna condensare
ciò che viene detto in un numero molto minore di parole.. quindi si vengono
a perdere un'infinità di dettagli, per non parlare di tutte le sfumature che
appartengono all'ambito proprio del linguaggio. Ad esempio guardare un
film come My Fair Lady sottotitolato, senza capire la lingua originale, è peggio
che non guardarlo affatto. Oltretutto questi sottotitoli vengono troppo spesso
affidati a traduttori che non si preoccupano minimamente di stravolgere il
senso di alcune frasi o di tagliare di punto in bianco parole indispensabili.
vedo tali barbarie da vicino visto che mia madre fa la doppiatrice/adattatrice
da una vita, e ho frequentato alcuni corsi su questo tipo di traduzioni.
Ovvio che la visione in lingua originale è la cosa migliore, però siccome per
quanto mi riguarda posso farlo solo con film in inglese o al massimo in
francese, per tutti gli altri se devo scegliere tra sottotitoli e doppiaggio
scelgo il doppiaggio..


Recentemente pero' mi e' capitato di guardare Butterfly Effect


..scusate se vado un attimo OT-  com'è quel film? volevo vederlo su sky ma
me lo sono lasciato scappare, vale la pena di cercarlo?
  • 0

#14 Pickpocket

Pickpocket

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 663 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 19:07



Recentemente pero' mi e' capitato di guardare Butterfly Effect


..scusate se vado un attimo OT-  com'è quel film? volevo vederlo su sky ma
me lo sono lasciato scappare, vale la pena di cercarlo?


No.
  • 0

#15 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20756 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 19:09

Più che no direi assolutamente no..
  • 0

#16 Guest_Mattia_*

Guest_Mattia_*
  • Guests

Inviato 02 novembre 2006 - 19:27

Concordo nel giudicare fallimentari i doppiaggi della maggior parte delle pellicole di Rohmer, ma il peggiore della storia del cinema rimane quello della versione in DVD de L'Infernale Quinlan (già il titolo italiano la dice lunga sugli oltraggi che ha dovuto subire il film nel nostro Paese) che, oltre a non rendergli giustizia, lo spersonalizza abominevolmente.

#17 Moonchild

Moonchild

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 497 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 19:29

Più che no direi assolutamente no..


Vabbè se la mettete così rinuncio  ;)
  • 0

#18 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 02 novembre 2006 - 19:38

Concordo nel giudicare fallimentari i doppiaggi della maggior parte delle pellicole di Rohmer, ma il peggiore della storia del cinema rimane quello della versione in DVD de L'Infernale Quinlan (già il titolo italiano la dice lunga sugli oltraggi che ha dovuto subire il film nel nostro Paese) che, oltre a non rendergli giustizia, lo spersonalizza abominevolmente.


si tratta  dei doppiaggi delle versioni redux dei dvd. anche c'era una volta in america, apocalipse now e superman in dvd sono stati ridoppiati per difficoltà tecniche. ovviamente si prova un po' di nostalgia nei confronti dei primi doppiaggi di questi film, ma il vantaggio è che queste versioni diventano un ulteriore incentivo per vedere i film nelle versioni originali

#19 Hollywood

Hollywood

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 95 Messaggi:

Inviato 02 novembre 2006 - 19:53

comunque Al Pacino ha praticamente la stessa voce del suo doppiatore 'cho fatto caso oggi vedendo Scarface in lingua madre... ;)
  • 0

#20 Guest_pAggIoni_*

Guest_pAggIoni_*
  • Guests

Inviato 02 novembre 2006 - 20:41

Io pure tendo a vedermi i film in lingua originale , quando posso .E sinceramente mi puzza un po' sentire qualcuno qua dentro che dice di guardare SOLO film in lingua originale . Dico , la televisione non la guardate mai ? al cinema non ci andate mai ?
Film in compagnia con gli amici poco disposti alla purezza linguistica mai?
Vedersi i film in lingua originale significa guardarsi VERAMENTE un film .
L'ostacolo linguistico non è cosa da poco , chiariamo . Non si schiuderà mai a noi poveri allievi dell'alta istruzione nazionale la originaria immediatezza di una inclinazione dialettale , di storpiature slangate (penso al cinema americano) che hanno un substrato socio-culturale ben più radicato di quello che pensiamo mentre guardiamo un film ; questo è tristemente scontato . Ma sentire la voce originale di un attore mentre piange mentre mentre grida è una sensazione incommensurabile . Il doppiaggio toglie anima all' attore . Cosa significa per il 'cinefilo' medio da Warner Village affermare che " Al Pacino è un grande attore! " !? Fondamentalmente , nulla . poco . Al Pacino non è certo il sibillino pagliaccio schizoide Nicholson o Carrey , non ha la smorfia melò di un che ne sò Robin Williams . Quanto a mimica facciale , lo ricordo impressionante solo nella stanza d'albergo del secondo padrino quando litiga con Diane Keaton . E' la voce di titanica di Amendola/Giannini a fulminarci , diciamolo . Dove non arriva la mimica , arriva la voce . il suono . E quando il suono è irreale, che ci rimane ?

Detto questo , ultimamente mi è capitato di vedere doppiaggi di schifo in :
-History of violence , The new world , match point , broken flowers . The new world era veramente impresentabile , prego per chi lo ha visto in italiano .
In lingua originale mi perdono molto Robert de Niro e Woody Allen ( ma vabhè , la voce di Lionello è una delle meraviglie del mondo ) , Harvey Keitel , Al Pacino . Di Robert De Niro in L.O. ho visto poco e quel poco non mi ha esaltato , tranne che Re per una notte che in certe scene mi ha tolto il respiro ( tipo quando è di sotto a provare le parti e sua mamma gli urla di finirla e lui si incazza ) .
Non posso non esaltarmi per mitica mitica mitica voce di Marlon Brando , leggermente mucciniana nello Zapata e stanchissima elegantissima nel Padrino .
Non posso non esaltarmi per Jeff Bridges , tutto bassi e acuti e ondulazioni nel Fisher King e nel Lebowsky . Grande Nicholson , grande Jim Carrey in man on the moon . Simpaticissimo Samuel L.Jackson . questo per quanto riguarda il cinema anglofono .




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq