Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Lars von Trier


  • Please log in to reply
316 replies to this topic

#1 Mia

Mia

    Non sono bionda.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3392 Messaggi:
  • LocationCork, Ireland

Inviato 22 agosto 2007 - 20:16

Ahi ahi ragazzi, manca il topic su uno dei registi più amati/detestati degli ultimi anni. Ieri sera ho visto Il Grande Capo, ultimo film, una commedia, del danese Lars Von Trier. Che dire, come regista l'ho sempre amato. Anche nelle sue prove da molte considerate veri e propri bluff (vedi ad es. Dancer in the Dark o Dogville). E quest'ultima prova (vista da me in grosso ritardo per la verità) non ha deluso le mie aspettative. Fedele al proprio stile nel montaggio, nella fotografia, nel ritmo, nel minimalismo ricercato (il Dogma insomma), Von Trier tira fuori una commedia acida e surreale, piena di personaggi incredibili tutti perfettamente credibili, magistralmente interpretati dagli attori in scena. Insomma un bel film, grottesco e anche un pò amaro, che mi ha ulteriormente confermato il talento di questo discusso regista.
  • 0

#2 varrick

varrick

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 123 Messaggi:

Inviato 22 agosto 2007 - 21:45

Non ho visto granchè del danese, appena due pellicole, i bluff che hai citato ("Dancer in the dark" e "Dogville"), ma quel poco che ho visto mi è piaciuto; in particolare, il primo è un film da autentico figlio di p..., usa tutte le nefandezze possibili per colpire lo spettatore al basso ventre, il che sarebbe male se non fosse che funziona; il secondo pure l'ho guardato con piacere,anche se più che un film pare un esperimento sociologico (però i titoli di coda con "Young americans" in sottofondo meritano l'applauso).
  • 0

#3 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12199 Messaggi:

Inviato 22 agosto 2007 - 22:33

[...]usa tutte le nefandezze possibili per colpire lo spettatore al basso ventre, il che sarebbe male se non fosse che funziona


Sulla sua capacità di coinvolgere e sconvolgere lo spettatore non si discute.
Per me il problema viene dopo, quando ripensando ai suoi film mi accorgo di quanto siano vuoti, superficialmente epidermici e rozzi i meccanismi che li muovono. Finita la visione non mi resta nulla.

A parte THE KINGDOM non c'è un suo film che abbia la minima voglia di rividere.

Infatti ad una (involontaria) seconda visione di DOGVILLE e IDIOTI, film che non nego mi avevano fatto una certa impressione alla prima, ho provato solo una gran noia, come succede con quei gialli che perdono totalmente ragion d'essere una volta scoperto l'assassino.   

Insomma alla distanza lo trovo parecchio noioso.


  • 0

#4 bosforo

bosforo

    无形

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16763 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2007 - 01:38

Ahi ahi ragazzi, manca il topic su uno dei registi più amati/detestati degli ultimi anni. Ieri sera ho visto Il Grande Capo, ultimo film, una commedia, del danese Lars Von Trier. Che dire, come regista l'ho sempre amato. Anche nelle sue prove da molte considerate veri e propri bluff (vedi ad es. Dancer in the Dark o Dogville). E quest'ultima prova (vista da me in grosso ritardo per la verità) non ha deluso le mie aspettative. Fedele al proprio stile nel montaggio, nella fotografia, nel ritmo, nel minimalismo ricercato (il Dogma insomma), Von Trier tira fuori una commedia acida e surreale, piena di personaggi incredibili tutti perfettamente credibili, magistralmente interpretati dagli attori in scena. Insomma un bel film, grottesco e anche un pò amaro, che mi ha ulteriormente confermato il talento di questo discusso regista.


un film fantastico con alcune scene da sganasciarsi dal ridere (la firma del contratto, il monologo finale, le situazioni d'equivoco con il "capo" che improvvisa...), però non sono d'accordo che siano tanto credibili i personaggi, il bello è che sono per l'appunto, assurdi
  • 0

#5 Mia

Mia

    Non sono bionda.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3392 Messaggi:
  • LocationCork, Ireland

Inviato 23 agosto 2007 - 10:01

Con credibili intendo ben delineati e ben interpretati, al punto da immaginare che possa davero esistere un'azienda con dei tizi del genere.
  • 0

#6 Guest_Glory days_*

Guest_Glory days_*
  • Guests

Inviato 23 agosto 2007 - 10:52

Conosco soltanto 5 dei suoi film, ma considero Von Trier un regista eccellente. Non sono un esperto di cinema ma ho sempre trovato la sua opera ammirevole per la ricerca stilistica, la volontà di sperimentare, i forti contenuti di ogni pellicola, la riflessione e il carattere sul cinema che i suoi film propongono, la capacità di colpire lo spettatore con sequenze e atmosfere intense, cariche.

Ho visto: The Kingdom; Le onde del destino; Dancer in the dark; Dogville; Il grande capo.
Tra questi "Le onde del destino" è quello che ha lasciato il segno più profondo, grazie anche alla eccezionale interpretazione della Watson nei panni di Bess.
"Dancer in the dark" è un ulteriore pugno allo stomaco, un film dove tutto è spoglio, corrotto, insensato, lanciato nudo contro lo spettatore.
"Dogville" mi ha dato l'impressione di un ricercato equilibrio formale, un abile esperimento tra cinema, narrativa e riflessione filosofica, più nitido.



#7 Staré Mesto

Staré Mesto

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 222 Messaggi:

Inviato 23 agosto 2007 - 15:43

Per me questo regista rappresenta un'incognita, non saprei se considerarlo un bluff o un genio, forse una via di mezzo. Non ho visto tutto, ma il mio preferito è l'ultimo capitolo della sua prima trilogia,lo scurissimo Europa, seguito a ruota da Le onde del destino. Dell'ultimo Trier ho visto solo Dogville ma mi ha irritato, non ce l'ho fatta a finirlo. Il "bistrattato" Dancer in the dark perlomeno ha saputo coinvolgermi, più che un film l'ho preso come una specie di musical/favola amara. In sala partirono delle frignate con l'acqua che arrivava alla caviglia che forse solo Ghost riuscì a tanto..

Ho visto anche uno dei sui primi corti, "Notturno", carino.

Mi hanno parlato bene delle "Cinque variazioni" , qualcuno si sente di consigliarmelo o è una palla?  :)
                                                             
  • 0

#8 Guest_Sir Psycho Sexy_*

Guest_Sir Psycho Sexy_*
  • Guests

Inviato 23 agosto 2007 - 16:38

Ho visto Dancer in the dark solo (ahimè). Non so se l'applicazione del trattato del 1995 di non so chè sia una mossa che agevoli il cinema, ma di sicuro rende il tutto più interessante. Quasi se vogliamo...più realistico.

Senta ehm...il film proprio preferito preferito..qual'è?
Bhe..ovviamente "Le onde del destino" di Lars Von Trier...


Citazione di "Tu la conosci Claudia" di Aldo, Giovanni e Giacomo

#9 Guest_Benner_*

Guest_Benner_*
  • Guests

Inviato 27 agosto 2007 - 15:02

Europa era stupendo...Dogville una masturbazione mentale.
Quest'ultimo l'ho trovato solo carino...non un capolavoro ma un discreto film vedibile e ben fatto...

#10 Guest_Glory days_*

Guest_Glory days_*
  • Guests

Inviato 27 agosto 2007 - 18:26

...Dogville una masturbazione mentale


Soltanto io lo considero pieno di implicazioni, allegorie e letture filosofico-religiose, come ben descritto qui?  O_O(http://www.ondarock....c/dogville.html)
Per non dire della concezione di stampo teatrale e della scenografia del tutto spiazzante.

#11 zeggai

zeggai

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 151 Messaggi:

Inviato 30 agosto 2007 - 12:55

dancer in the dark è il mio film preferito, e non solo perché sono un megafan di bjork.

  • 0

#12 nicholas_angel

nicholas_angel

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1620 Messaggi:

Inviato 03 settembre 2007 - 18:16

Un tempo si diceva che von Trier facesse film per il gusto di far soffrire gli spettatori. Dopo aver sentito mio padre che lo diceva più volte, ho cominciato ad appassionarmi a questo geniaccio (o furbo autorucolo?). Non so ancora come definirlo, ma i pochi film che ho visto mi son piaciuti tutti: Dogville, Manderlay, Dancer in the dark (il più bello) e il Grande capo. Ha fatto anche alcune bufale come Le 5 variazioni (da quel che ho sentito). Recupererò Le onde del destino, forse (era il film preferito di Giacomo in Tu la conosci Claudia?, ma non c'entra niente...)
  • 0
Immagine inserita

#13 Maldon

Maldon

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 225 Messaggi:
  • LocationEurope

Inviato 04 settembre 2007 - 01:13

Chi sostiene che Dogville sia un bluff è il classico masturbatore molesto che s'attarda per godere della (finta) intimità altrui, celando durante le ore diurne la sua repressa virilità sotto le mentite spoglie di un gentiluomo dall'aria blasé.
Cento, mille Dogville!

saluti
krisis
  • 0
[4.48 Psychosis]
«Omaggio a Sarah Kane. Le corde vocali di Staples diventano marmo su cui scivolano le parole della drammaturga britannica. Il mood Velvet Underground aleggia su questo brano...
è il miglior momento di Waiting for the Moon.»
Maldon

#14 ergen

ergen

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 805 Messaggi:

Inviato 04 settembre 2007 - 12:21

non capisco perchè si debba dipingere come una finissima ed infida presa per il culo uno fra i più acuti,dotati e sperimentali registi del panorama odierno.

Personalmente scoprii lars von trier con "le onde del destino",commovente e provocatorio, a ruota vennero "dogville" (qualcuno mi spiega il bluff che vi si cela dietro? io noto solo originalità,drammaticità metateatrale,interpretazioni enormi ) "gli idioti","dancer in the dark","the kingdom" e l'ultima brillante commedia amara "il grande capo", visto quando uscì quest'inverno se non ricordo male.

confondere la sensibilità controversa provocatoria e amara(il grande capo) (eccezion fatta per dancer,concesso) con cui von trier tocca i drammi della vita con un abile esercizio retorico teso ad infinocchiare il pubblico, mi pare davvero pretestuoso.
  • 0

#15 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 33374 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 21 luglio 2008 - 21:51

http://www.ondacinem..._von_trier.html

Condivido praticamente... tutto!
  • 0

#16 Guest_Incidente_*

Guest_Incidente_*
  • Guests

Inviato 22 luglio 2008 - 17:56

Per me Dogville è da pietra miliare.

#17 ergen

ergen

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 805 Messaggi:

Inviato 04 agosto 2008 - 11:16

http://www.ondacinem..._von_trier.html

Condivido praticamente... tutto!


mah più o meno, mi sa che chi s'è fatto prendere da un eccesso di protagonismo in questo caso non sia il buon von trier ma l'autore della scheda: bocciare su due piedi lo sperimentalismo di Idioti perchè manifesto di un modo di fare cinema che evidentemente non collima con i gusti dell'autore, e che purtuttavia ha sfornato dei capolavori come questo e Festen dell'altro dogmatico Vitenberg, insomma definire questo nudo mosaico in cui tutte le interpretazioni sono pugni allo stomaco dello spettatore definirla allore accozzaglia colossale (poi su scandalizzarsi per le scene "d'amplesso") che sancisce esplicitamente sempre l'autore della scheda se solo fosse stato affrontato con diversi canoni stilistici ecc (quali?) sarebbe stato un capolavoro ecccccc.
mah, questo vezzo del dire "doveva fare così e non cosà" tanto caro alla critica..

comunque, stanno per iniziare le riprese per il nuovo film di Lars Von Trier, Antichrist. A quanto pare un horror, dopo la commedia Il grando capo.
  • 0

#18 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21064 Messaggi:

Inviato 04 agosto 2008 - 12:44

1) Non mi sembra che lo sperimentalismo del Dogma sia stato bocciato su due piedi. Su due piedi lo bocciano quanti non provano a capire cosa ci possa stare dietro.

2) L'idea che il gusto di chi scrive una recensione non debba contare è un concetto molto accademico: se anche nel cinema accogliamo le cosiddette verità oggettive finisce il piacere di esprimersi sull'arte.

3) Non c'è nessuno scandalo sulle scene di amplesso. Semmai c'è perplessità sulla loro utilità e sulla loro suggestione.

4) Non si è mai detto che se il film fosse stato girato diversamente sarebbe stato un capolavoro. Si è piuttosto detto che non sarebbe cambiato nulla ai fini del risultato finale.

5) Le perplessità sul dogma sono sulla sua stessa filosofia di partenza: un manifesto che esalta la realtà a scapito della finzione non finisce per svilire la potenza stessa dello strumento cinema? A questa domanda, ognuno può dare la risposta che ritiene migliore.
  • 0

#19 ergen

ergen

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 805 Messaggi:

Inviato 04 agosto 2008 - 18:39

Non sto invocando nessuna verità oggettiva, anche perchè non ne ho le competenze, tuttavia mi pare che assunti del tipo "il risultato è stato un pasticcio colossale, un'insopportabile esibizione di situazioni ripetute che si assumono scandalose" tronchino una qualsiasi discussione in merito, perchè quello dirà che sono inutilmente rivoltanti e quell'altro dirà wow sono un pugno allo stomaco! wow il regista mi sta prendendo per il culo! wow le interpretazioni sguazzano in un'anarchia catartica! wow la scena di sesso non trasmette nulla, anonima meccanicità! e che è un male?inutile? e via wowuando.

Che poi dire "Un film che, probabilmente, se affrontato con una diversa scelta stilistica e tecnica, sarebbe stato senz'altro migliore" non ha alcun senso: Idioti è quello che è ed esprime la propria identità (per alcuni misera per altri sublime) in quelle due ore e mezza telecamera in spalla-microfoni che entrano in scena-teste mozzate nelle riprese-prepotenza visiva ecc.

Sul Dogma come svilimento del cinema, personalmente ritengo la realtà di per se l'insuperata finzione, ma come giustamente dici tu ognuno la pensi a suo modo.

Insomma tutto ciò per dire che secondo me l'autore della scheda (sei tu?) non ha colto la potenza di Idioti, relegandolo come passo falso e in parallelo relegando come bel(?) gioco che dura poco il manifesto teorico, di cui io non sapendo nulla di cinema vedo tracce da Le onde del destino fino al Grande Capo (che ho rivisto proprio oggi e cazzo presa per il culo o no von trier è un genio).
  • 0

#20 {`tmtd`}

{`tmtd`}

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6774 Messaggi:
  • LocationBologna

Inviato 04 agosto 2008 - 20:41

la monografia è bella però manca di commentare un film che lui ha scritto ma non girato, il bellissimo dear wendy.  :-*
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq