Vai al contenuto


Foto
* * * * - 2 Voti

Sergio Leone


  • Please log in to reply
119 replies to this topic

#41 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 30 aprile 2011 - 21:00

Oggi da Expert ho comprato il doppio DVD di "C'era una volta in America" in un cesto di offerte a 9,50.
Sono strafelice!
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#42 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15365 Messaggi:

Inviato 30 aprile 2011 - 23:28

Oggi da Expert ho comprato il doppio DVD di "C'era una volta in America" in un cesto di offerte a 9,50.
Sono strafelice!


tieni d'occhio la home, allora :OR:
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#43 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 01 maggio 2011 - 09:35

Leone riprende letteralmente TUTTO dal film di Kurosawa: storia, sequenze, inquadrature, ritmo, violenza, atmosfere. Persino la musica di Morricone è evidentemente influenzata dalla colonna sonora dell'originale giapponese. Tanto è vero che spesso i fan più ultra di Leone ci restano parecchio male a vedere il film di Kurosawa...


Il film di Kurosawa è decisamente più ironico, e soprattutto il personaggio di Mifune è un po' diverso da quello di Eastwood. Il pistolero di Leone ha un fondo di morale (nel corso del film percepisci che a suo modo è un "buono"), ma questà moralità di fondo alla fin fine non influenza granché le sue azioni, se non alla fine quando sente che deve andare a salvare il barista (e anche qui la cosa si mescola con la motivazione vendicativa nei confronti del messicano). Tra l'altro è un fondo etico che nel corso della trilogia sparirà, ma questo è un altro discorso ancora. Il ronin di Kurosawa invece agisce molto più secondo principi etici forti: nel "far west" del Giappone di inizio '800 Kurosawa ci cala ancora un po' di sano spirito Samurai, ricavando come risultato divertimento e sangue a fiotti. La mimica dei due personaggi principali è poi molto diversa (in ambo i casi qualcosa di epico, la gelida immobilità corrucciata di Clint da un lato, le smorfie di ironica interrogatività di Toshiro), e questo è importante visto che i film visivamente girano tutti intorno a loro.
   
Sono due bellissimi film, ma lasciatemi dire che oggi credo risulti MOLTO più fresco e moderno quello di Kurosawa. Parlo di regia e fotografia proprio (il direttore della fotografia di Yojimbo è lo stesso di Rashomon, un genio del grigio pieno e corposo!).
  • 0

#44 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 01 maggio 2011 - 10:06


Oggi da Expert ho comprato il doppio DVD di "C'era una volta in America" in un cesto di offerte a 9,50.
Sono strafelice!


tieni d'occhio la home, allora :OR:


Ho controllato, mi ero sbagliato. In realtà erano 8,90.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#45 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15365 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2011 - 10:02

per completezza

http://www.ondacinem...in_america.html
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#46 Guest_ale_*

Guest_ale_*
  • Guests

Inviato 05 maggio 2011 - 17:40

per completezza

http://www.ondacinem...in_america.html


ben scritta. sei tu william vero?

#47 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15365 Messaggi:

Inviato 05 maggio 2011 - 22:45


per completezza

http://www.ondacinem...in_america.html


ben scritta. sei tu william vero?


ma come avete lottato tanto per avere i nickname rivelati! asd
comunque sì, sono io...
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#48 Reynard

Reynard

    poligraf poligrafovic pallinov

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9522 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 03 febbraio 2012 - 22:16

Visto che in chat si parlava di "C'era una volta in America", copincollo un mio commento di quando ero giovane e ingenuo e scrivevo papielli sui film:

Il tema del gangster, trasformato da Coppola in epica, reso da Scorsese come tragedia (non una tragedia classica, forse più in ambito barocco, da dramma del siglo de oro), diventa in Leone elegia. Rimpianto e ricerca del tempo perduto. Il Proust del gangster movie, sin dall'inizio immerso in quell'ottica di esasperata soggettività.

Alla fine de "L'uomo che uccise Liberty Valance", un giornalista dice a James Stewart: "Nel west, quando la realtà è diversa dal mito, noi scriviamo il mito". La storia di Noodles è la storia di un uomo alla ricerca del suo passato, della verità del passato, e che scopre che ciò che realmente rivuole sono le sue illusioni.

Le tre parti del film prendono tre momenti, relativamente brevi, di un'intera vita, eppure ci mostrano la vita di Noodles nella sua totalità. I tantissimi anni trascorsi tra l'uno e l'altro sono meri spazi bianchi ("Che cosa hai fatto in tutti questi anni?" "Sono andato a letto presto"), riempiti dalle decisioni prese in pochi momenti. Il destino di un uomo legato ad un unico atto, le cui conseguenze lo inchioderanno di fronte all'eternità.

La prima parte è quella che amo di più. La più corale, la più oggettiva, eppure la più illusoria. Il passato (irrecuperabile) a cui agognare. Il paradiso prima della caduta. Non è un caso, secondo me, che il film si svolga in ambiente ebraico. Non manca neppure Eva in questa Genesi profana; solo mi chiedo, chi è il serpente?

La seconda parte è ossessiva, claustrofobica. Luciferina. Comincia la ricerca del passato perduto, ma Noodles dovrà imparare che non si può mai veramente tornare a casa. E la madeleine in questo caso ha un sapore amaro.

La terza parte conclude la ricerca. E canta il suo inno all'illusione, al passato, ma non nella sua realtà. E' per questo che la scena conclusiva non poteva essere se non quella che è. Canta la sua canzone di tristezza e malinconia, chiude un bilancio fallimentare, fa rimpiangere una vita sprecata (o anche due, forse), un mondo perduto. L'ambiente sporco e casalingo del 1921, divenuto quello ripulito e crudele del 1933, è ora asettico e freddo come una bara. La ricerca si conclude in un tono funebre, ma non morboso. E' l'ultimo addio sotto un cielo di monotono grigiore.
  • 2
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#49 Euripidello

Euripidello

    Sigh...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1158 Messaggi:

Inviato 03 febbraio 2012 - 22:24

Beh "Per un pugno di dollari" se vogliamo è un film di Leone... e Kurosawa: mica cazzi. ;)

A parte gli scherzi, trovo assurdo che in sede critica ci si dimentichi SEMPRE di fare il dovuto confronto con "La sfida del samurai" nell'analisi del film.
Leone riprende letteralmente TUTTO dal film di Kurosawa: storia, sequenze, inquadrature, ritmo, violenza, atmosfere. Persino la musica di Morricone è evidentemente influenzata dalla colonna sonora dell'originale giapponese. Tanto è vero che spesso i fan più ultra di Leone ci restano parecchio male a vedere il film di Kurosawa...
Eppure ogni volta la cosa viene quasi liquidata come un fatto di costume, un aneddoto a margine.
E' un remake geniale (lo adoro anch'io ovviamente), ma è pur sempre un remake. E pure dei più fedeli.


Sì è vero, un colpo di genio. Da qualche parte su Youtube c'è un collaboratore (?) di Leone che racconta di come lui, Leone e un altro andarono a vedere il film di Kurosawa al cinema e di come Leone rimase poi folgorato e decise di farne una trasposizione in chiave western. Se non sbaglio Kurosawa ha intentato anche una causa (che poi vinse) a Leone per plagio.
  • 0

#50 Denjo Zadkovic

Denjo Zadkovic

    Absolutni uničevalec vsakega komunizma.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11520 Messaggi:

Inviato 03 febbraio 2012 - 22:28

il miglior regista italiano di sempre? non credo, ma sicuramente uno di quei colossi che hanno sbancato le false credenze che l'italia è tutta santi, poeti e navigatori. essendo stato un attento lettore dell'immagine cinematografica, mi sono impappinato diverse volte sul finale del suo ultimo film, quello del sogno, dell'allucinazione perversa, dei mondi "incompossibili" di De Niro. il romano si può paragonare ai classicissimi della regia americana tipo Ford, e nonostante tutto, al cinema crepuscolare, cervellotico che studiava il tempo nel suo (s)farsi del mitico tarkovskij. è morto giovane, e sicuramente ha lasciato un vuoto impossibile da colmare, almeno al cinema.
  • 0

Moja birokracija ne bo obrabljena. Tukaj ne skrbim za pravičnost; moja naloga je samo uničiti in iztrebiti; nič drugega. Hermann Göring

 

Il colpo più duro che l'umanità abbia ricevuto è l'avvento del cristianesimo. il bolscevismo è un figlio illegittimo del cristianesimo. L'uno e l'altro sono un'invenzione degli Ebrei. Adolf Hitler

 

Sai, sono automaticamente attratto dalla bellezza – inizio subito a baciarle, è così. È come una calamita. Bacio subito. Nemmeno aspetto. Quando sei famoso te lo lasciano fare. Puoi fare tutto. Afferrale dalla figa. Puoi fare tutto. Donald Trump

 

 


#51 sokurov

sokurov

    Bambino Adattato +

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9185 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2012 - 02:03

Visto che in chat si parlava di "C'era una volta in America", copincollo un mio commento di quando ero giovane e ingenuo e scrivevo papielli sui film:

Il tema del gangster, trasformato da Coppola in epica, reso da Scorsese come tragedia (non una tragedia classica, forse più in ambito barocco, da dramma del siglo de oro), diventa in Leone elegia. Rimpianto e ricerca del tempo perduto. Il Proust del gangster movie, sin dall'inizio immerso in quell'ottica di esasperata soggettività.

Alla fine de "L'uomo che uccise Liberty Valance", un giornalista dice a James Stewart: "Nel west, quando la realtà è diversa dal mito, noi scriviamo il mito". La storia di Noodles è la storia di un uomo alla ricerca del suo passato, della verità del passato, e che scopre che ciò che realmente rivuole sono le sue illusioni.

Le tre parti del film prendono tre momenti, relativamente brevi, di un'intera vita, eppure ci mostrano la vita di Noodles nella sua totalità. I tantissimi anni trascorsi tra l'uno e l'altro sono meri spazi bianchi ("Che cosa hai fatto in tutti questi anni?" "Sono andato a letto presto"), riempiti dalle decisioni prese in pochi momenti. Il destino di un uomo legato ad un unico atto, le cui conseguenze lo inchioderanno di fronte all'eternità.

La prima parte è quella che amo di più. La più corale, la più oggettiva, eppure la più illusoria. Il passato (irrecuperabile) a cui agognare. Il paradiso prima della caduta. Non è un caso, secondo me, che il film si svolga in ambiente ebraico. Non manca neppure Eva in questa Genesi profana; solo mi chiedo, chi è il serpente?

La seconda parte è ossessiva, claustrofobica. Luciferina. Comincia la ricerca del passato perduto, ma Noodles dovrà imparare che non si può mai veramente tornare a casa. E la madeleine in questo caso ha un sapore amaro.

La terza parte conclude la ricerca. E canta il suo inno all'illusione, al passato, ma non nella sua realtà. E' per questo che la scena conclusiva non poteva essere se non quella che è. Canta la sua canzone di tristezza e malinconia, chiude un bilancio fallimentare, fa rimpiangere una vita sprecata (o anche due, forse), un mondo perduto. L'ambiente sporco e casalingo del 1921, divenuto quello ripulito e crudele del 1933, è ora asettico e freddo come una bara. La ricerca si conclude in un tono funebre, ma non morboso. E' l'ultimo addio sotto un cielo di monotono grigiore.


Bravo!
  • 0
All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy All work and no play make Jack a dull boy

#52 Boces

Boces

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 436 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2012 - 09:23

ieri mi è preso il matto e mi sono visto "Per un pugno di dollari" "C'era una volta il west" e "C'era una volta in america"

non sono molto d'accordo sulla riflessione riguardo alla scelta dell'ambiente ebraico (non è proprio dell'ebraismo rappresentare "il paradiso prima della caduta" secondo me) e anche riguardo al finale... sono stato colpito diversamente alla radice... quella caratteristica unitaria del film che l'hai sentita come elegiaca, per me è un'appassionata Ode sin dall'inizio immersa in quell'ottica di esasperata soggettività ... dalle scorribande dell'inizio e la vita nella città che non appare diversa da quella del far west o della giungla, dove le sovrastrutture sociali sono perfettamente inquadrate nel mondo naturale.... al finale dove - se tutti (come in qualsiasi altro film di leone) hanno sempre avuto il proprio sogno di libertà da mettere in atto - alla fine della vita potendo fare un bilancio (fallimentare appunto) dei risultati del tentativo di raggiungere quel sogno, il risultato lo conduce non a rimpiangere, ma ad accettare la sua vita sprecata... non ho colto nè rifiuto nè rassegnazione nè orgoglio nel finale, quanto più un'autocoscenza (più o meno distorta) propria della fine del percorso, la chiusura della grande ode in cui provare empatia e partecipazione nei confronti di noodles è quasi obbligatorio...

ma non so se ci ho messo un pò troppo del mio in questo film bho... se dovessi fare un discorso del cazzo direi che non saprei se eleggerlo a uno dei miei preferiti, altrimenti direi che mi è piaciuto tantissimo

Immagine inserita

la cardinale non mi aveva mai convinto del tutto ma in c'era una volta il west è proprio folgorante
  • 2

#53 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12620 Messaggi:

Inviato 04 febbraio 2012 - 09:51

Se non sbaglio Kurosawa ha intentato anche una causa (che poi vinse) a Leone per plagio.

Sì, Kurosawa vinse i diritti di sfruttamento del film sul mercato orientale... tenendo conto che erano soldi che gli venivano in tasca senza nessun tipo di investimento guadagnò più che con qualsiasi sua opera, nonostante l'enorme successo di alcuni suoi film.
Leone e gli sceneggiatori avevano avvertito i produttori di pagare i diritti ai giapponesi, ma i due produttori, confidando che quel filmetto di terza categoria avebbe fatto al massimo il giro della sale parrocchiali italiane, pensarono di fare i furbi. Fu uno dei tanti motivi per cui Leone litigò a morte con la produzione.

non sono molto d'accordo sulla riflessione riguardo alla scelta dell'ambiente ebraico (non è proprio dell'ebraismo rappresentare "il paradiso prima della caduta" secondo me)

Fermo restando che trovo lecito leggere in un'opera significati che travalicano le intenzioni degli autori, Leone scelse di parlare della mafia ebraica perché non voleva assolutamente dare l'impressione dell'italiano che racconta in modo nostalgico della mafia italoamericana.
  • 3

#54 Reynard

Reynard

    poligraf poligrafovic pallinov

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9522 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 04 febbraio 2012 - 12:54

non sono molto d'accordo sulla riflessione riguardo alla scelta dell'ambiente ebraico (non è proprio dell'ebraismo rappresentare "il paradiso prima della caduta" secondo me)

Non e' proprio questo che intendevo, quanto che la rappresentazione del mondo familiare come "paradiso prima della caduta" (ma in cui la caduta e' gia' implicita, pronta ad avvenire) e' un tema molto presente nella cultura e letteratura ebraica.
E' solo una mia associazione mentale, niente di propriamente argomentabile... comunque, non so se hai letto "Chiamalo sonno" di Henry Roth; a me la prima parte di "C'era una volta in America" ha ricordato parecchio le atmosfere di quel romanzo.
Credo sia pacifico che Leone non aveva in mente nulla del genere, ma diciamo che nello scegliere l'ambiente ebraico e' riuscito a coglierlo talmente bene che certe suggestioni culturali funzionano quasi da sole, a mio avviso.
  • 1
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#55 Boces

Boces

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 436 Messaggi:

Inviato 05 febbraio 2012 - 19:03

Avevo interpretato male la frase allora, credo di aver capito a cosa ti ha suscitato (anche se non ho letto quel libro :P)... D'accordissimo con la tesi di tom sulla libertá nel leggere significati che tra valicano le intenzioni degli autori comunque (come ho detto sopra, ci ho messo molto del mio nel vedere il film e inoltre la lettura di mbv mi ha fatto ripensare a certe caratteristiche che avevo notato poco)

Volevo capire qualcosa in più sul termine Exploitation che è associato a leone o tarantino, ma anche a splatter e b-movies... Viene usato in senso dispregiativo? La definizione di wikipedia "Per film d'exploitation si intende un genere cinematografico che mette da parte i meriti artistici per una estetizzazione più forte" me lo fa pensare... Mi sembra un modo parecchio riduttivo di definire la mentalitá dietro la trilogia del dollaro
  • 0

#56 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15365 Messaggi:

Inviato 05 febbraio 2012 - 19:13

sì, è dispregiativo anche se al giorno d'oggi si è rivalutato ogni cosa. c'è però una distinzione da fare: Leone girava western e aveva l'intenzione di fare western. è il western spaghetti che alla lunga è diventato un genere assimilabile al calderone dell'exploitation
  • 3
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#57 StuntmanMike

StuntmanMike

    Membro Premium

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4900 Messaggi:

Inviato 20 ottobre 2012 - 23:49

Dopo la presentazione a Cannes l'edizione finalmente completa di C'era una volta in America arriva in cento sale selezionate - tra cui quelle del circuito The Space- per soli quattro giorni (a dicembre in blu-ray). Il director's cut dura 26 minuti in più (4h e 15'), recupera il doppiaggio originale e inserisce scene mai viste che completano alcuni snodi narrativi del capolavoro di Leone. I negativi dei fotogrammi inediti erano andati perduti e la qualità dei positivi mal conservati è spesso contrastata, l'impatto rimane comunque grandioso.

Come la visionaria sequenza 137 di Deborah che interpreta a teatro la Cleopatra shakespeariana con Noodles tra il pubblico. All'epoca venne tagliata, pazzesco.

Immagine inserita
  • 0
Quello che se ne fotte dei punti sulla patente.

#58 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15365 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2012 - 00:47

c'è lo speciale sul sito http://www.ondacinem...rector_cut.html e il thread al riguardo aperto: http://forum.ondaroc...gio-leone-1984/
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#59 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3421 Messaggi:

Inviato 13 ottobre 2014 - 00:11

9669b_il-buono-il-brutto-il-cattivo-viso

 

premetto (anche se non ce ne sarebbe bisogno) che sto parlando di un raro esempio di film epocale, che a distanza di 50 anni continua a tenere incollati allo schermo (e che riguardo sempre ogni volta che passa in tv). ma visto che sono anche un pignolo e che dopo tutto il bello di parlare di cinema in libertà è che appunto non si è qui a fare i tifosi nè i critici lapidari e quindi si può dir quel che si vuole, ammetto che al netto dei grandi momenti il buono, il brutto e il cattivo sconta secondo me un bel po' di difetti

 

ed hai scoperto l'america, qualcuno mi potrebbe dire. al di là delle santificazioni, questo film ha da sempre avuto un sacco di critici. forse non dirò nulla di nuovo, ma lo dico da amante del film quindi forse già di per sè questa è una novità. dire appunto che leone l'ha decisamente fatta fuori dal vasino con il suo terzo western, perdendo la misura, è dire quasi una ovvietà. non è per forza di cose un difetto: è una constatazione. anzi, il gigantismo e la ridondanza diventeranno una vera e propria cifra stilistica. mi viene da dire che con questo film leone si è affrancato dallo spaghetti-western per intraprendere una strada più personale, in questo osando e dunque rischiando. non è più "soltanto" un film di genere, è un film unico e personale. con appunto tutti i pregi e i difetti. sono sempre più convinto che più passano gli anni e più il suo barocchismo delirante ed esasperato invecchia male, ma si sa il tempo non risparmia nessuno. in un certo senso lo squilibrio generale è proprio una delle caratteristiche che mi affascina di più di questo film

 

la cosa principale che mi sento di criticargli maggiormente è l'aver fatto entrare la storia con la "s" maiuscola in questo divertente film d'avventura. il film è disseminato di didascaliche sequenze di pietas verso morti e feriti di guerra. il fatto che tradiscano lo spirito cinico e sadico dello spaghetti è il meno. è semplicemente molto goffa la retorica leoniana (anche e soprattutto quando scenderà nell'ambito politico come in giù la testa): in questo perde in partenza con i maestri americani. adesso così ragionandoci mi viene da dire che il suo allievo/ammiratore quentin tarantino abbia commesso lo stesso errore con i suoi ultimi due film (aveva quindi ragione spike lee? ora come ora mi viene da dire di "si")

 

non voglio fare il noioso, ma parlare bene di questo film è fin troppo facile. ci sono sequenze che continuano a mettere i brividi e non riesco ad immaginare che grande esperienza deve essere stata vederlo al cinema. però nel suo complesso è un grande film imperfetto, come ultimamente mi capita sempre di più di notare anche con gli altri capolavori di leone (penso a c'era una volta in america). si tratta di un film squilibrato e diseguale, un grande film squilibrato e diseguale. ci voleva infatti soltanto il talento di leone per tenere il tutto insieme. ma molto probabilmente questo è leone, questo è il suo cinema. questa è anche la sua cifra, la sua particolarità. grandi sequenze e grandi momenti che monopolizzano la visione, che scavalcano tutto il resto. che sia questa l'essenza del cinema?


  • 3

#60 100000

100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6644 Messaggi:

Inviato 13 ottobre 2014 - 06:29

Forse capita solo a me, ma i film/libri/album imperfetti sono quelli che preferisco.

Anche in questo caso, ovviamente.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq