Vai al contenuto


Foto
- - - - -

1861-2011 l'Unità d'Italia vista da OndaRock


  • Please log in to reply
174 replies to this topic

#61 Garga Charrua

Garga Charrua

    La Cura.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9323 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 15:38

La disinformazione sull'unità d'Italia e sulla questione meridionale è fortissima e questo forum purtroppo non fa eccezione.


se cancelli quello che hai scritto in questo thread, la situazione migliorerà ^_^
  • 1

"Sei stati, cinque nazioni, quattro lingue, tre religioni, due alfabeti e un solo Gargamella."


#62 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 37020 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 10 luglio 2012 - 15:52

Il regno delle due Sicilie faceva una Brasilena migliore del regno di Savoia.Diglielo tank!
  • 1

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#63 MilleLire

MilleLire

    IL MORALIZZATORE

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3877 Messaggi:
  • LocationFirenze

Inviato 10 luglio 2012 - 16:06

La colpa è di questa roba qua lo so io.
Il Leghismo alla rovescia, che nell'intento di ribaltarne i principi in realtà li fa propri. Solo invertiti.
Maledetto facebook.
  • 2
Immagine inserita

#64 R. Mutt

R. Mutt

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2667 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 16:49

Però, ragazzi, il vostro perculare Tankian non vi rende così simpatici e soprattutto non fa bene alla discussione. E' vero, la sua analisi è troppo sbilanciata sul versante borbonico, ma c'è della verità in quel che dice. Io stesso ultimamente sto leggendo "Controstoria dell'unità d'Italia" di Gigi di Fiore, giornalista tra la'ltro specializzato in storia della camorra e che ha sempre propugnato una lettura critica dei due punti cardine della storia d'Italia (Risorgimento e Liberazione). Staimo parlando di un allievo di Montanelli, non il primo coglione alla Pino Aprile che si improvvisa storico. E infatti il suo libro ha ricevuto miriadi di riconoscimenti dagli stessi accademici.

Ora, leggendo questo libro mi sono reso conto anche io che dalle elementari alle scuole superiori ho studiato una storia che effettivamente non corrisponde a verità. E stiamo parlando delle nostre radici rispetto alle quali dovremmo tutti avere coscienza di dove sono state piantate. Non per fare a botte Nord contro Sud ma per cementare finalmente un sentimento unitario che comunque spesso latita, da nord a sud.

L'idea che mi sono fatto è che i piemontesi abbiano usato l'idealismo dei vari Mazzini e Garibaldi per rimettere a posto i conti di uno stato che, dopo le guerre di Crimea e gli investimenti per le linee ferroviarie, erano in rosso pesante. Allora io posso accettare l'dealismo alla base delle azioni di Garibaldi (che comunque è stato quantomeno ingenuo, visto che lui stesso e i garibalidini sono stati poi sfanculati senza troppi rimorsi da Vittorio Emanuele, con grande disappunto da parte dello stesso eroe dei due mondi, che sentì traditi i suoi ideali). Non accetto però la retorica del Risorgimento perché l'unità d'Italia fu, purtroppo, una sporca questione e se è vero che il Regno delle Due Sicilie era uno stato destinato a morire in fretta, strozzato dal protezionismo interno che ne frenava lo sviluppo, è anche vero, come dice Tankian, che ciò non giustificava un intervento armato in uno stato sovrano, come erano tra l'altro anche il granducato di Toscana e il ducato di Parma (che se ne stavano lì per cazzi loro, forti della neutralità dichiarata).

E soprattutto quello che più colpisce è la politica dell'immediato periodo post-unitario, volta a favorire lo spostamento di capitali dal sud al nord. Le fabbriche al sud forse non erano molte ma con i Borbone avevano garantite commissioni e lavoro per tutto l'anno, dopo l'unità d'Italia le commissioni statali andarono unicamaente a favore delle industrie del nord, con l'effetto che le poche industrie del sud furono costrette a chiudere. L'operazione che più mi ha toccato però fu questa:

"Nel 1865, con il trasferimento della capitale a Firenze, anche il banco di Napoli riuscì ad allargarsi più a nord, ostacolato però dalle due principali banche toscane. Di fatto, nei primi anni dell'unità, fu favorito un trasferimento di capitali dal Mezzogiorno al nord, ostacolando il contrario. Era ancora in vigore la piena convertibilità della moneta con l'oro. E la Banca nazionale studiò una speculazione in grande: vendeva a sud titoli di credito pubblici, ricevendo in cambio moneta del Banco di Napoli che poi convertiva in oro agli sportelli dell'Istituto di credito meridionale. In questo modo cominciarono a diminuire le riserve auree del Banco: da 78 milioni a 41 milioni in tre anni. A coronamento di tutto ci fu la famosa legge del Primo maggio 1866 sul corso forzoso: la maoneta del Banco di Napoli poteva essere convertita con l'oro dei depositi della banca meridionale, mentre si dichiarava inconvertibile la moneta emessa dalla banca nazionale. L'oro piemontese veniva messo in salvo, mentre quello custodito al sud fu sostituito da monete di carta straccia, deprezzate dalla continua inflazione. Il tanto vituperato Banco di Napoli finì per salvare dal fallimento l'istituto di credito piemontese, garantito dalla non conversione delle monete di sua emissione. Nel 1898 si mise fine alla pluralità delle banche che potevano emettere moneta. Nacque la Banca d'Italia: al Mezzogiorno furono concesse 20.000 azioni, 280.000 al centro-nord"
  • 7

#65 strawberry wine

strawberry wine

    Dunphies

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1155 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 16:53

io ho amici su facebook che tra le info precisano di vivere " nel Regno delle Due Sicilie ", e non appena possono sputano veleno su tutto e tutti ; tarantella infarcita con resoconti storici dei Borboni che, non so in quale modo, dovrebbero scioccare l' umanità. che palle
  • 0

#66 mr_tankian

mr_tankian

    Prossimamente nuovo avatar

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3192 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 18:51

Tankian, in genere le unificazioni statali sono una parte che annette l'altra. E' accaduto in Germania con Prussia vs 1342 staterelli, è accaduto in Russia, è accaduto anche in Italia. La questione meridionale nasce ben prima dell'unità, direi che già alla fine del medioevo c'erano tutti gli aspetti tipici: mancanza di un borghesia forte, baronaggio e latifondo radicati, difficoltà naturali, asservimento dell'economia locale a quelle straniere. Poi mettiamoci la dabbenaggine di chi ha governato il Regno di Napoli (quel fesso di Franceschiello è solo il culmine di un'idiozia plurisecolare), ed ecco che la riunificazione (sottolineo il "ri") è cosa fatta.


"Franceschiello" era un sovrano giovane e inesperto e non a caso la cosa agevolò i Savoia nella conquista del Sud Italia, in quanto corruppero senza problemi i generali dell'esercito borbonico, mentre i soldati furono fedeli al Regno e lottarono contro i piemontesi. Hai ragione a parlare di dabbenaggine di chi governò il Regno di Napoli, ma sbagli in pieno quando dici che la questione meridionale esisteva già prima dell'unità. La questione meridionale non è un'eredità dell'Italia unita, ma la conseguenza dell'unità d'Italia, e in merito posso anche citare una frase di un documento pubblicato dalla Banca d'Italia a luglio del 2010, che dice: "l’arretratezza evidente del Mezzogiorno alla vigilia della Grande Guerra non era stata ereditata dalla storia preunitaria".
Questo è il documento, la citazione la trovate a pag. 23.
http://www.bancadita...economica_4.pdf
  • 0

 


#67 mr_tankian

mr_tankian

    Prossimamente nuovo avatar

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3192 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 19:12

Invece i libri di storia scolastici che esaltano la cultura industriale del Nord e che bollano come retrogrado e oscurantista il Regno Borbonico, sì che sono bilanciati e imparziali.


Il nord era già ai tempi molto più industrializzato del sud dove le uniche aree con un discreto tasso di industrializzazione erano la zona di Napoli e parte della Sicilia, nel resto del regno il tasso era praticamente nullo. Idem per i trasporti: le linee ferroviare erano molto più estese nel settentrione rispetto al meridione (60 contro 2000 chilometri di rotaia). La ricchezza poi si esprimeva nella tesaurizzazione delle monete preziose, pratica in uso nelle epoche buie dell'umanità e non certo in quelle floride (dove il capitale viene investito). Il resto era tutto imperniato sull'agricoltura di stampo latifondista.
Io capisco che questa specie di leghismo al contrario (gli argomenti, compresi i massoni, sono identici a quelli dei verdi più intransigenti o della Liga Veneta) voglia far credere che il regno borbonico sarebbe diventato meglio della Germania ma non è proprio così.
Su Trenitalia etc. non credo che i politici siano tutti del nord o facciano parte di una lobby padana. Dovreste chiedere a chi votate perché a fronte di una democrazia che rappresenta territorialmente tutto il paese non riescano a far investire al sud.


Il Nord aveva più km di ferrovie del Sud, è vero, ma non dimentichiamoci che il Regno di Napoli era bagnato per oltre 3/4 dal mare. Infatti era dotato di ottimi collegamenti portuali, grazie ai quali poteva intrattenere rapporti commerciali con Francia e Inghilterra, e non solo... Di conseguenza non so quanto possa essere valido il ragionamento secondo il quale le infrastrutture del Nord erano più sviluppate di quelle del Sud.
E' vero che il Regno borbonico tendeva molto alla tesaurizzazione ed alla solidità finanziaria (scelta non priva di conseguenze, come negarlo), ma non è affatto vero che l'agricoltura era prevalentemente latifondista, anzi, il Regno duosiciliano poteva vantare un'alta specializzazione agricola. Il latifondo, già esisteva in parte, ma è soprattutto dopo l'unità che si è espanso a macchia d'olio su tutto il Mezzogiorno.
Non so chi voglia far credere che il Regno di Napoli sarebbe diventato meglio della Germania, di sicuro non lo penso, dato che trovo insensato azzardare ipotesi che non potranno mai essere verificate. Quello che invece è vero è che le industrie Meridionali sono state smantellate e soppresse, quindi non sapremo mai dove sarebbe arrivato il Sud, dal momento che il Nord ha deciso che: "il Mezzogiorno non dovrà più essere in grado di intraprendere" (Carlo Bombrini - primo governatore della Banca d'Italia).
I politici di sicuro non sono tutti del Nord, ma sulla lobby padana, ci sei andato vicino, in quanto il settentrionalismo è l'unico modello di sviluppo economico che l'Italia conosce e a perpetuarlo, purtroppo, sono anche i tanti politici meridionali compiacenti.
  • 0

 


#68 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 20:00

quindi non sapremo mai dove sarebbe arrivato il Sud


Sarebbe arrivato dove arrivò il settentrione praticamente fino al boom: ad avere alcune province più industrializzate (quella di Napoli e parte della Sicilia, almeno fino alla crisi dello Zolfo; decisamente poco per sostenere un territorio molto vasto) e le restanti dominate dall'agricoltura e a bassa industrializzazione (situazione in cui le zone che negli ultimi trentanni hanno tirato l'economia del settentrione versavano fino agli anni sessanta: povertà ed emigrazione sostenuta). Le politiche piemontesi sono state in parte miopi ma francamente non credo che avremmo assistito a chissà quale boom del meridione e non credo che rimanendo divisi in staterelli e ducati avremmo fatto tanta strada stretti tra le grandi potenze europee ormai tutte unificate.
In ultimo sono passati 151 anni e di occasioni per riprenderci dagli eventuali errori dell'Unità ne abbiamo avute tante, tutte sprecate. Questo è il problema vero.
  • 0

the music that forced the world into future


#69 Guybrush Threepwood

Guybrush Threepwood

    avvocato delle cause perse

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3769 Messaggi:
  • Locationromagnolo in teutonia

Inviato 10 luglio 2012 - 20:03

In ultimo sono passati 151 anni e di occasioni per riprenderci dagli eventuali errori dell'Unità ne abbiamo avute tante, tutte sprecate. Questo è il problema vero.


amen!
  • 0

#70 mr_tankian

mr_tankian

    Prossimamente nuovo avatar

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3192 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 23:02

quindi non sapremo mai dove sarebbe arrivato il Sud


Sarebbe arrivato dove arrivò il settentrione praticamente fino al boom: ad avere alcune province più industrializzate (quella di Napoli e parte della Sicilia, almeno fino alla crisi dello Zolfo; decisamente poco per sostenere un territorio molto vasto) e le restanti dominate dall'agricoltura e a bassa industrializzazione (situazione in cui le zone che negli ultimi trentanni hanno tirato l'economia del settentrione versavano fino agli anni sessanta: povertà ed emigrazione sostenuta). Le politiche piemontesi sono state in parte miopi ma francamente non credo che avremmo assistito a chissà quale boom del meridione e non credo che rimanendo divisi in staterelli e ducati avremmo fatto tanta strada stretti tra le grandi potenze europee ormai tutte unificate.



Probabilmente è vero, non avremmo assistito a nessun boom del Meridione, ma il beneficio del dubbio comunque resta.
Il fatto gravissimo è che le politiche settentrionaliste hanno letteralmente ucciso le industrie meridionali è questo non è minimamente giustificabile. Insomma, da come rispondi pare quasi che cerchi di rendere meno grave la palese ingiustizia commessa a danno delle capacità imprenditoriali dei meridionali. Di sicuro non avremmo fatto tanta strada divisi in staterelli, ma di certo non è che siamo andati chissà quanto avanti, date le modalità criminali con le quali è stata "unificata" l'Italia.

In ultimo sono passati 151 anni e di occasioni per riprenderci dagli eventuali errori dell'Unità ne abbiamo avute tante, tutte sprecate. Questo è il problema vero.


Su questo ti do pienamente ragione. Di sicuro l'anno scorso poteva essere l'occasione giusta per far luce sul falso mito del risorgimento, e invece, così non è stato.
  • 0

 


#71 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 23:33

Il fatto gravissimo è che le politiche settentrionaliste hanno letteralmente ucciso le industrie meridionali è questo non è minimamente giustificabile. Insomma, da come rispondi pare quasi che cerchi di rendere meno grave la palese ingiustizia commessa a danno delle capacità imprenditoriali dei meridionali.


Perché trovo assai fuorviante far passare uno stato con limitatissime zone industrializzate per una potenza economica (e non dico sia la tua idea ma è quello che vogliono far passare molti neoborbonici) dipingendo, al contrario, un'unità nazionale che considero tuttosommato positiva come una disgrazia assoluta.
In ultimo non credo che il concetto di unità se la sia mai passata male come negli ultimi anni, vituperato persino da alcune delle più alte cariche dello stato e visto in maniera molto tiepida dalla popolazione. Tutta questa enfasi risorgimentale proprio non la vedo.
  • 0

the music that forced the world into future


#72 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 10 luglio 2012 - 23:44

Una cosa che mi fa incazzare di 'sto revisionismo storico-complottistico "filo-borbonico" - fino a qualche anno fa esercizio di pochi eletti rincoglioniti, anche io temo che la causa della sua attuale diffusione possano essere i social network - è lo strumentalizzare e banalizzare le figure dei briganti. Alcuni di loro invece sembrano personaggi interessantissimi, improbabili proto-anarchici, contadini violenti, capibanda megalomani, outsider. asd
  • 4

#73 mr_tankian

mr_tankian

    Prossimamente nuovo avatar

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3192 Messaggi:

Inviato 11 luglio 2012 - 10:59

Una cosa che mi fa incazzare di 'sto revisionismo storico-complottistico "filo-borbonico" - fino a qualche anno fa esercizio di pochi eletti rincoglioniti, anche io temo che la causa della sua attuale diffusione possano essere i social network


Ben venga. Vuol dire che sono sempre di più i Meridionali che diventano consapevoli della loro storia e di come l'unità, al contrario, abbia creato uno stato duale e disunito quale il nostro.
  • 0

 


#74 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3380 Messaggi:

Inviato 11 luglio 2012 - 11:54

ma anche ammesso tutto il bla bla, qual'è qual è la conseguenza? nel senso, volete altri soldi gratis o staccarvi proprio?
  • 2

#75 gulliver

gulliver

    Classic Rocker

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5070 Messaggi:

Inviato 11 luglio 2012 - 12:27

che qual è va scritto senza apostrofo asd
  • 0

#76 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3380 Messaggi:

Inviato 11 luglio 2012 - 12:41

uff, non me lo ricordo mai.
  • 0

#77 Infinite dest

Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28035 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 11 luglio 2012 - 12:44

che qual è va scritto senza apostrofo asd

Un Borbone lo saprebbe
Comunque, va detto che noi ci siamo abbondantemente vendicati mandandovi Notker lassù
  • 2

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#78 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3380 Messaggi:

Inviato 11 luglio 2012 - 12:49

Si ma noi vi abbiamo mandato kida pare
  • 0

#79 Infinite dest

Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28035 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 11 luglio 2012 - 12:57

Si ma noi vi abbiamo mandato kida pare

Nessun problema, abbiamo ancora i citofoni a carbone
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#80 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3380 Messaggi:

Inviato 11 luglio 2012 - 13:07


Si ma noi vi abbiamo mandato kida pare

Nessun problema, abbiamo ancora i citofoni a carbone

no dicevo l'altro, kida1984, se ne parlava nel topic delle foto come un antesignano di Marz
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq