Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Il Lavoro e i contratti in Italia


  • Please log in to reply
767 replies to this topic

#81 Guest_Oyuki_*

Guest_Oyuki_*
  • Guests

Inviato 26 ottobre 2010 - 20:13



Certo che una paga base di 415 euro per gli assistenti AirOne è oro colato, eh...


Non ho capito. E' ironico? 415 euro di paga base sarebbero tanti? Ma poi paga base per che tipologia di contratto?


Ovvio che è ironico. Lo devo pure scrivere?

Ve lo dico: gesù che palle. Le compagnie aeree sono tutte così. Se a carico degli assitenti non sono gli abiti e i corsi, sono gli alberghi, se non sono gli alberghi, sono i trasferimenti da e per l'aeroporto e i pasti, se non sono quelli è qualcos'altro. Tra l'altro la disponibilità (essere a disposizione in caso di necessità anche alcuni giorni non lavorativi) ormai non la  paga praticamente più nessuno e il precariato è a quintali ovunque. Pensate di rsolvere il problema del precariato non volando con Ryanair? Tanti auguri. Se non volete fare un torto agli assitenti di volo state a terra, così perderanno il lavoro tutti, voi avrete la coscienza pulita e tutto andrà meglio.
Io volando per vancanze, volo dove spendo meno e sono più puntuali. Ho la coscienza a postissimo.


Oh ma rilassati! Io ti avevo solo chiesto se eri ironico o no perché non avevo capito.
Lungi da me iniziare una diatriba in merito.


#82 Bara dei pupi

Bara dei pupi

    Pietra MIliare

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 81611 Messaggi:

Inviato 27 ottobre 2010 - 16:53




  lessi che RA manco apriva le posizioni Inps ai suoi dipendenti.


ecco, al di là di quel che fa la ryan, consiglierei a tutti di controllare perchè mi sa che, negli ultimi anni della famosa crisi, l'inps se la son saltata in tanti eh  asd


E a volte controllare serve anche a poco: sono due anni che cerco di far sistemare sette anni di contributi fatti ad un codice fiscale sbagliato. Cioè sti ebeti hanno aperto una posizione anagrafica corretta con codice fiscale corretto ma mi hanno versato contributi di sette anni su un altro codice fiscale, inesistentem...
Non vi sto a dire chiaramente la totale, assoluta follia di questo organismo composto da subumani completamente inetti, incapaci, lavativi e poltroni, chiamato Inps. Basta andare 5 minuti sul sito Inps per saperne 10 volte tanto ogni essere respirante ivi presente (ma stesso discorso si potrebbe fare, anzi peggio, per l'Agenzia delle Entrate con cui ugualmente ho avuto recentemente a che fare).


Capito con che gente ho a che fare io tutti i santi giorni? Quelli altro che precariato si meriterebbero ma pure un sacco di calci in culo ogni mattina appena arrivati al lavoro.


quelli dell'INPS lavorano di fronte al bar dove vado spesso (sede di VIa SIlva); ognuno di loro, al bar, ha un disegnino diverso da farsi fare nel cappuccino, chi il cuore, chi la stella, chi l'uccellino, fantastici, ogni mattina entrano, timbrano e poi via al bar di cappuccino per almeno 2 ore

ovviamente non tutti, ne vedo comunque tanti
  • 0

#83 brachilone

brachilone

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3018 Messaggi:

Inviato 29 ottobre 2010 - 12:52

mi rendo conto di essere una mosca bianca, però, devo anche dire, che nella mia epserienza molti ragazzi con il contratto  progetto non hanno minimamente compreso l'utilità di questo in termini di opportunità future.


L'errore in questo punto per me sta nel fatto che tu sembri presupporre che il coltello dalla parte del manico lo abbia il lavoratore, e non l'azienda. Questo è vero solo in alcune realtà (come quelle che hai trovato tu), anche quelle mosche bianche, anzi fosforescenti, tipicamente medio-piccole. Nella grande maggioranza dei casi è l'azienda che decide quanto darti e cosa farti fare, e di medaglie per chi è in gamba e cerca di lavorare al meglio ce ne sono pochissime, e vengono distribuite con logiche fuori dalla meritocrazia. Il rischio è piuttosto quello di attirarsi le invidie dei colleghi e al limite anche del proprio responsabile che vede minacciata la sua posizione.
A fronte di situazioni come quella che ho descritto, capisci che la percezione che il lavoratore ha del contratto a progetto è esattamente all'opposto della tua. Per come la vedo io sei stato molto bravo e fortunato, ma l'idea che il contratto a progetto in Italia sia una bella opportunità è molto lontana dalla maggioranza delle situazioni.
  • 0

#84 Number 6

Number 6

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12107 Messaggi:

Inviato 30 ottobre 2010 - 16:50

consideriamo anche che se stai lavorando a progetto per un'azienda ed essa fallisce, gli eventuali versamenti inps e stipendi arretrati, non li vedrai mai più.


Fixed.
  • 0
I'm not a number! I'm a free man!

#85 music won't save you

music won't save you

    reprobo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8758 Messaggi:

Inviato 18 novembre 2010 - 13:37

Questa è, a suo modo, geniale. E rende tristemente l??idea di come si continui a lucrare, sulla disperata ricerca di un lavoro, inteso sempre meno ??diritto? e sempre più ??privilegio? elargito dall??imprenditore o dal politico di turno. 

http://www.affarital...oni_171110.html
  • 0
in eremitaggio su http://musicwontsaveyou.com

#86 tabache

tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6535 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 11 gennaio 2011 - 16:28

Della complessa vicenda di FIAT Mirafiori/Marchionne stò seguendo a tratti quello che succede.

Il mio punto di vista è questo:
Posso capire che sia discutibile il peggioramento delle condizioni di contratto/vita da parte degli operai in cambio di un lavoro. Gente con famiglia ecc... non può permettersi di rimanere a casa.
Ma mi chiedo come gli altri sindacati favorevoli al SI nel referendum non si indignino per il punto che non venga più concessa l??elezione dei delegati di fabbrica! Cioè questo che cacchio c'entra con la produttività? questi sono solo diritti dei lavoratori. Ieri il segretario della UIL a porta a porta manco si incazzava per sta cosa?!?!

Ma anche il punto <<Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo non si paga il primo giorno di malattia a chi si sia ammalato subito prima di un giorno di riposo o di ferie, negli ultimi 12 mesi. >> Ma che cacchio èh?? Fate in modo che ci siano i giusti controlli scritti per legge.

Ho visto uno spezzone di Porta a Porta ieri. E una operaia favorevole al SI (quindi all'accordo di Marchionne) diceva "Sono favorevole perchè ci aumentano lo stipendio e non vine assolutamente intaccata la qualità della nostra vita"  ??? ma è pazza?


QUESTO è il primo articolo che ho trovato che elenca i punti per cui si va a votare

a me ste cose mi sembrano ovvie, poi non sò, ditemi dove sbaglio.
  • 0

#87 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15532 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 11 gennaio 2011 - 18:18

Ma anche il punto <<Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo non si paga il primo giorno di malattia a chi si sia ammalato subito prima di un giorno di riposo o di ferie, negli ultimi 12 mesi. >> Ma che cacchio èh?? Fate in modo che ci siano i giusti controlli scritti per legge.


Ma quali controlli dai, siamo seri. E' una pratica diffusissima. Così come è stravero che licenziarti per giusta causa è impossibile. Abbiamo creato un sistema di garanzie (alcune davvero insensate) pagato da chi non viene assunto che invece viene trattato come uno schiavo. Per chi sta a progetto, rispetto ad un indeterminato abbiamo:
- una pensione non calcolabile (mi risulta questo grazie a Prodi durante l'ultimo governo, quando venne eliminato lo scalino previsto da Maroni a spese dei lavoratori precari che tanto elettoralmente non avevano peso).
- non comulabilità di contributi progetto/indeterminato ai fini dell'indennità di disoccupazione
- ammortizzatori sociali inesistenti
- due anni e assunzione coatta, che si traduce in due anni e o te ne vai o ti metti a p.iva.
- maggiore convenienza delle imprese a tenerti precario visto che costa di meno.

Correggetemi se sbaglio, eh. Ma in queste condizioni è difficile provare solidarietà per chi si mette a discutere dei giorni di malattia a ridosso delle ferie. Per non parlare di chi (FIOM) col 13% di rappresentanza sindacale (tra il 53% dei lavoratori iscritti ad un sindacato quindi veramente una superminoranza) pretende di avere diritto di veto e non riconosce i risultati di un referendum che a dirla tutta non ha nemmeno motivo di esistere. Qui si è arrivati a parlare di democrazia in azienda, manco di rispetto delle regole (sacrosanto) ma di democrazia. Ma che è un collettivo un'azienda? Un centro sociale?

  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#88 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3348 Messaggi:

Inviato 11 gennaio 2011 - 19:15

C'è da dire che CISL e UIL hanno accettato con gusto anche perché era una ghiotta occasione per sfanculare definitivamente un sindacato prepotente e arrogante come FIOM/CGIL.
  • 0

#89 tabache

tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6535 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 11 gennaio 2011 - 21:10

C'è da dire che CISL e UIL hanno accettato con gusto anche perché era una ghiotta occasione per sfanculare definitivamente un sindacato prepotente e arrogante come FIOM/CGIL.


che bel modo di ragionare, quindi una guerra fra bande e chissene degli operai. Spero non sia vero.


Ma anche il punto <<Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo non si paga il primo giorno di malattia a chi si sia ammalato subito prima di un giorno di riposo o di ferie, negli ultimi 12 mesi. >> Ma che cacchio èh?? Fate in modo che ci siano i giusti controlli scritti per legge.


Ma quali controlli dai, siamo seri. E' una pratica diffusissima.


Così come è stravero che licenziarti per giusta causa è impossibile. Abbiamo creato un sistema di garanzie (alcune davvero insensate) pagato da chi non viene assunto che invece viene trattato come uno schiavo. Per chi sta a progetto, rispetto ad un indeterminato abbiamo:
- una pensione non calcolabile (mi risulta questo grazie a Prodi durante l'ultimo governo, quando venne eliminato lo scalino previsto da Maroni a spese dei lavoratori precari che tanto elettoralmente non avevano peso).
- non comulabilità di contributi progetto/indeterminato ai fini dell'indennità di disoccupazione
- ammortizzatori sociali inesistenti
- due anni e assunzione coatta, che si traduce in due anni e o te ne vai o ti metti a p.iva.
- maggiore convenienza delle imprese a tenerti precario visto che costa di meno.

Correggetemi se sbaglio, eh. Ma in queste condizioni è difficile provare solidarietà per chi si mette a discutere dei giorni di malattia a ridosso delle ferie.


E questa sarebbe la soluzione? Se ci son dei coglioni che si stan a casa troppo per malattia, pagate tutti le conseguenze. Immagino con che gusto un onesto operaio chiederà la malattia. Bella roba. Invece che una simil soluzione non è meglio che la FIAT chieda maggiori controlli, magari sistematici al rientro dalle ferie?
Proprio l'altro mese son andato in Francia per una settimana, ho preso un freddo assurdo e mi son ammalato a fine vacanza, mi son dovuto prendere un giorno di malattia (cosa che di rado faccio).


Per non parlare di chi (FIOM) col 13% di rappresentanza sindacale (tra il 53% dei lavoratori iscritti ad un sindacato quindi veramente una superminoranza) pretende di avere diritto di veto e non riconosce i risultati di un referendum che a dirla tutta non ha nemmeno motivo di esistere. Qui si è arrivati a parlare di democrazia in azienda, manco di rispetto delle regole (sacrosanto) ma di democrazia. Ma che è un collettivo un'azienda? Un centro sociale?


Qua mi sembra che si stia andando fuori strada. Il referendum è stato fatto perchè verranno imposte regole che vanno fuori dal contratto nazionale, non aderisce al sistema confindustriale.
O sbaglio?
Allora domani Marchionne decide di fare quel cavolo che gli pare, eliminiamo le pause, turni a distanza di 4 ore consecutivi, lavori antiergonomici, spezza schiena ripetitivi per 8 ore consecutive. E in barba a tutti, che è la fabbrica una democrazia?
Qua non si sta parlando di democrazia, ma di una vita decente per migliaia di operai. Non so se hai mai fatto l'operaio tu ucca (io no e non ci tengo minimamente).
  • 0

#90 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15532 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 11 gennaio 2011 - 22:19

Il referendum è stato fatto perchè verranno imposte regole che vanno fuori dal contratto nazionale, non aderisce al sistema confindustriale.
O sbaglio?



C'è lo Statuto dei Lavoratori, quello vale comunque. Mi risulta che le condizioni di lavoro previste non si discostino significativamente da quelle praticate altrove in Occidente. In America poi, devono essere pazzi. O hanno semplicemente realizzato che il lavoro serve per campare non per dare un mestiere a Landini. Non sono 10 minuti di pausa ad introdurre o levare la schiavitù, dai. E nemmeno il fatto che se firmi un accordo, lo approvi con un (inutile) referendum, poi se ci scioperi contro ti licenzio. Poi oh, senti la notizia: puoi sempre cambiare lavoro. La Fiat sono ottomila anni che è in crisi, che lo Stato gli regala la cassa integrazione chi ci lavora non l'ha ancora capito che questa azienda non è sicura? Marchionne sta provando a tirarla su allora mi chiedo
1) se il progetto di Marchionne ha un senso (vedremo). Se ce l'ha buon per lui per gli azionisti per gli Agnelli ma anche per chi lavora in FIAT.
2) qual è l'alternativa proposta da Landini?
Ho l'impressione che i tanti soldi buttati in questo ex (forse) carrozzone abbiano creato l'illusione di un mega ammortizzatore sociale per una zona del paese dove non c'è lavoro. Tanto vale essere onesti allora: Landini proponga allo Stato di statalizzare la FIAT e di farlo amministratore delegato.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#91 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3348 Messaggi:

Inviato 12 gennaio 2011 - 09:25


C'è da dire che CISL e UIL hanno accettato con gusto anche perché era una ghiotta occasione per sfanculare definitivamente un sindacato prepotente e arrogante come FIOM/CGIL.


che bel modo di ragionare, quindi una guerra fra bande e chissene degli operai. Spero non sia vero.


Dall'articolo del Corriere, Bonanni:

Poi conferma che il referendum sull'accordo di Mirafiori si farà senza alcun rinvio dopodomani, auspicando la vittoria dei sì perché «l'investimento è importante, non solo perché salva Torino ma perché è una indicazione fortissima per gli investitori italiani e stranieri». La Fiom dovrà attenersi e rispettare le decisioni della maggioranza, ma «la verità vera - chiosa in una intervista al Tg3 Bonanni - è che non rispetta mai le decisioni della maggioranza».


  • 0

#92 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 12 gennaio 2011 - 09:52

Ma anche il punto <<Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo non si paga il primo giorno di malattia a chi si sia ammalato subito prima di un giorno di riposo o di ferie, negli ultimi 12 mesi. >> Ma che cacchio èh?? Fate in modo che ci siano i giusti controlli scritti per legge.


Ma quali controlli dai, siamo seri. E' una pratica diffusissima.

Può darsi, come le truffe alle assicurazioni, per le quali le persone oneste (immagino tu lo sia) pagano polizze salatissime, per "compensare".
Quindi se tu, persona onesta, ti ammali (davvero) il venerdì, perdi un giorno di paga.
O anche: per compensare quelli che evadono le tasse, le raddoppiamo a tutti gli altri.
E così via.
Non so se qualcuno ve l'ha spiegato,ma le democrazie non funzionano così;se un'azienda non riesce a fare funzionare i controlli (e non per incapacità,ma per calcolo:le visite fiscali si pagano) è un'azienda di merda, punto. Altro che grandi manager.
Inoltre: l'altro giorno ascoltavo alla radio l'intervento (sensatissimo) di un signore proprietario di un'azienda che lavora per la Fiat...il cosiddetto indotto; costui sosteneva che un turno di 10 ore sulla linea è pura follia, perchè già dopo sei ore il livello di attenzione cala e quindi la produtività e la qualità del prodotto calano in proporzione.
Non c'è nessuno in Europa che ha turni di dieci ore,nemmeno in Polonia;altra genialata di mr. maglioncino e delle brillanti menti delle HR. Suggerimento: ma non c'è nessuno che pensa che se un'azienda non funziona o funziona poco e male o se non è competitiva è ANCHE colpa dei managers?
No, perchè altrimenti a me sembra di vivere su Marte.

  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#93 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3348 Messaggi:

Inviato 12 gennaio 2011 - 10:44

Gli stabilimenti FIAT improduttivi sono solo quelli italiani, sia per l'arretratezza del sistema industriale che per quello legislativo dei contratti, e anche perché le fabbriche Fiat sono state finanziate dallo Statto perché dessero lavoro ( = creare stabilimenti dove non è produttivo, assumere incapaci con la complicità del sindacato).

Le 10 ore sono una bufala, o meglio, le aveva menzionate qualcuno che non ricordo ma sono ovviamente impensabili da proporre seriamente, praticamente un errore di battitura.

L'indotto Fiat si sta cagando in mano perché con l'introduzione della nuova (nuova per l'Italia) produzione a ciclo continuo i ritardi sono intollerabili e chi non impara a consegnare in tempo viene escluso a favore di concorrenti esteri.

E per finire, mi pare che ci sia scritto "Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo", cioè non a priori.
  • 0

#94 Harvey

Harvey

    analog kid

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 305 Messaggi:

Inviato 12 gennaio 2011 - 11:10

C'è da dire che CISL e UIL hanno accettato con gusto anche perché era una ghiotta occasione per sfanculare definitivamente un sindacato prepotente e arrogante come FIOM/CGIL.

Secondo me hanno fatto molto male. Avrebbero dovuto cercare una mediazione sia con Marchionne sia con la FIOM/CGIL, per quanto difficile, forse non possibile; forti delle loro posizioni più moderate. Invece no. Continuano a dire sì ad ogni proposta di Marchionne: ma che sindacati sono? Agire in unità con le altre sigle non sarebbe meglio?

http://it.peacerepor.../26060/Bocciato
In più in questa intervista il presidente della CES (sindacato europeo, che non conoscevo) dice che CISL e UIL hanno accettato le condizioni di Marchionne, senza garanzie che questo le rispetti.
Non conosco bene le dinamiche, ma, se così fosse, sono molto perplesso.
  • 0

#95 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 12 gennaio 2011 - 11:17

Gli stabilimenti FIAT improduttivi sono solo quelli italiani, sia per l'arretratezza del sistema industriale che per quello legislativo dei contratti, e anche perché le fabbriche Fiat sono state finanziate dallo Statto perché dessero lavoro ( = creare stabilimenti dove non è produttivo, assumere incapaci con la complicità del sindacato).

Le 10 ore sono una bufala, o meglio, le aveva menzionate qualcuno che non ricordo ma sono ovviamente impensabili da proporre seriamente, praticamente un errore di battitura.

L'indotto Fiat si sta cagando in mano perché con l'introduzione della nuova (nuova per l'Italia) produzione a ciclo continuo i ritardi sono intollerabili e chi non impara a consegnare in tempo viene escluso a favore di concorrenti esteri.

E per finire, mi pare che ci sia scritto "Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo", cioè non a priori.

La storia della Fiat la conosciamo tutti, ma mi sembra che questo tipo di accordo non possa curare retroattivamente i mali creati dalla mala-azienda e dalla mala-politica; nè l'accordo stesso può essere giudicato necessario perchè il management Fiat non riesce a rendere produttive le fabbriche italiane, o perchè il governo latita o perchè i sindacati non fanno il loro dovere e sono collusi, di volta in volta, con la politica o con le aziende.

Inoltre:il link di Tabache chiarisce la storia delle 10 ore (altro che boutade, è tutto vero).

Poi:chi è che giudica eccessivo il tasso di assenteismo? Un organismo terzo o l'azienda stessa?E se il parametro è fissato a zero, che si fa, si licenzia tutti?
Siamo alle solite:il sistema di garanzie vige in tutta Europa, solo qui è considerato un problema. Perchè? Forse perchè - torno ad insistere - è la classe dirigente che non è all'altezza? E sarà per questo, o ANCHE per questo, o SOPRATTUTTO per questo che le fabbriche sono improduttive? O forse l'operaio italiano è meno produttivo perchè è geneticamente inferiore a un polacco?
Andiamo, su.

  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#96 tabache

tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6535 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 12 gennaio 2011 - 11:24

Gli stabilimenti FIAT improduttivi sono solo quelli italiani, sia per l'arretratezza del sistema industriale che per quello legislativo dei contratti, e anche perché le fabbriche Fiat sono state finanziate dallo Statto perché dessero lavoro ( = creare stabilimenti dove non è produttivo, assumere incapaci con la complicità del sindacato).


Guarda che la tecnologia del sistema industriale degli stabilimenti italiani è uguale a tutti quelli nel resto del mondo, vengono tutti progettati in Italia. Lo sò perchè ho lavorato con la fiat nella creazione di stabilimenti all'estero (India - Fiat TATA). Gli facevamo le simulazioni 3D degli stabilimenti prima della creazione.

Quindi queste sarebbero  le soluzioni per migliorare i contratti arretrati italiani? Ma vogliamo parlare dei punti in questione? Esattamente ci son due punti su cui io non sono favorevole. E vedo che nessuno mi ha ancora dato una giustificazione sensata. 1 - Non prevedere l??elezione dei delegati di fabbrica. 2 - Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo non si paga il primo giorno di malattia a chi si sia ammalato subito prima di un giorno di riposo o di ferie, negli ultimi 12 mesi.
e anche il fatto che "non autorizza scioperi contro la stessa intesa (si rischia il licenziamento) e libera l??azienda dall??obbligo di trattenere la quota d??iscrizione ai sindacati dalla busta paga dei lavoratori." Non mi sembra proprio carino.

E per finire, mi pare che ci sia scritto "Quando il tasso di assenteismo è giudicato eccessivo", cioè non a priori.


Esatto, quando supera una certa percentuale. E quindi?? Ci son 10 coglioni che si mettono sempre in malattia e tutti pagano per loro? (ne ho già parlato nei post precedenti comunque)



Il fatto è che in mezzo ai punti (anche comprensibili) per mantenere la concorrenza ci sono delle schifezze non da poco, comode ai dirigenti e a discapito dei diritti dell'ultima ruota del carro di questa società.
Non vorrei che poi questa diventasse una prassi degli imprenditori << O chiudiamo o rinunciate a tutte queste cose (infilandoci in mezzo tutto quel cavolo che gli pare) >>.
Secondo me si sta sottovalutando il caso. I politici dovrebbero essere i primi a criticare questi punti da me elencati.

  • 0

#97 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 12 gennaio 2011 - 12:38

il gioco di marchionne è molto chiaro, speculazioni borsistiche


Se l'accordo si chiude, il titolo schizza di qualche punto...considerato che maglioncino ha una specie di montagna di stock options, forse adesso ce la farà a comprarsi una giacca da ometto
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#98 Marguati

Marguati

    opinion maker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3348 Messaggi:

Inviato 12 gennaio 2011 - 14:02

Vedo una serie di puttanate da rabbridire:
- il Brasile sarebbe un paese privo di tutele sindacali? la Polonia? srsly?
- che le 10 ore sono state menzionate nell'ambito delle proposte da vagliare lo so anch'io, ma è evidente che non verranno mai approvate, scommettiamo quello che vi pare;
- spostare il problema della scarsa produttività al management (alto) è ridicolo, perché gli stabilimenti esteri invece funzionano (è da lì che viene l'attivo della Fiat);
- le fabbriche sono poco produttive per GLI STANDARD ATTUALI DELL'INDUSTRIA DELL'AUTO: sono lontane dall'ottimo teorico, vanno ottimizzate o resteranno sempre in perdita;
- non si parla di tecnologia quando ci si riferisce all'ammodernamento del sistema produttivo, ma dell'organizzazione della produzione: ciclo continuo, alta redditività etc (se prevedono 360 euro di aumento di stipendio significa che prevedono a regime un aumento di valore prodotto di tipo 3500 - 4000 euro a operaio)
- l'assenteismo è particolarmente dannoso per il sistema di produzione previsto, ovvio che sia un punto su cui dovranno essere cattivi, come lo saranno con i fornitori;
- non ci sono dettagli sulla cosa dell'assenteismo, e se si trattasse del tasso di assenteismo personale e non medio? ci sarebbero problemi?
  • 0

#99 dUST

dUST

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 27464 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 12 gennaio 2011 - 14:49

Vedo una serie di puttanate da rabbridire:


Non ho capito quali sarebbero le puttanate cui ti riferisci, vediamo nel dettaglio:

- il Brasile sarebbe un paese privo di tutele sindacali? la Polonia? srsly?

Cioè? Chi l'ha scritto e dove? Boh.

- che le 10 ore sono state menzionate nell'ambito delle proposte da vagliare lo so anch'io, ma è evidente che non verranno mai approvate, scommettiamo quello che vi pare;

Può darsi,ma intanto è una proposta al vaglio di lavoratori e sindacati.
Se è una puttanata, è della FIAT.

- spostare il problema della scarsa produttività al management (alto) è ridicolo, perché gli stabilimenti esteri invece funzionano (è da lì che viene l'attivo della Fiat)


Nessuno vuole spostare nulla;casomai è una chiamata in correità... d'altronde l'hai detto tu che è stata gestita come il parastato, una azienda che ha vissuto di assistenzialismo e clientele eccetera. L'esempio che tu fai è fuorviante, perchè nelle nuove fabbriche il management, ovviamente, è stato scelto di recente e con criteri diversi.

- le fabbriche sono poco produttive per GLI STANDARD ATTUALI DELL'INDUSTRIA DELL'AUTO: sono lontane dall'ottimo teorico, vanno ottimizzate o resteranno sempre in perdita;

Anche questo lo sappiamo tutti,ma è un problema di TUTTA la grande industria produttiva italiana, legato anche ad altre problematiche di ordine generale...la puttanata però quale sarebbe?Non si discute il merito, ma il metodo adottato da Marchionne.

- non si parla di tecnologia quando ci si riferisce all'ammodernamento del sistema produttivo, ma dell'organizzazione della produzione: ciclo continuo, alta redditività etc (se prevedono 360 euro di aumento di stipendio significa che prevedono a regime un aumento di valore prodotto di tipo 3500 - 4000 euro a operaio)

Ho capito, ma che c'entra?E' proprio impossibile, in Italia, conciliare l'organizzazione della produzione col mantenimento delle tutele di base?Perchè altrove è possibile e qua no?Perchè nessuno risponde su questo?Non sarà che è il NOSTRO sistema produttivo svantaggiato in partenza da un apparato politico inadeguato (è quello che da sempre sostiene Confindustria)?Quale grande industria italiana è competitiva nel mondo?

- l'assenteismo è particolarmente dannoso per il sistema di produzione previsto, ovvio che sia un punto su cui dovranno essere cattivi, come lo saranno con i fornitori;
- non ci sono dettagli sulla cosa dell'assenteismo, e se si trattasse del tasso di assenteismo personale e non medio? ci sarebbero problemi?

L'assenteismo è dannoso COMUNQUE; perchè quando si parla di assenteismo (è questione di intendersi,il termine ha una connotazione negativa in partenza) si parla di astensione VOLONTARIA (e fraudolenta) dal lavoro, e quindi già siamo nell'illecito, da punire severamente, stop. Ad una condizione: quella di accertarlo. E quindi, di organizzare un sistema di controlli rigido ed efficiente. Questo, secondo te, non è "organizzazione"? Per me lo è, ed è importante. Perchè consentirebbe di poter mantenere le garanzie di base e al contempo di tutelare i lavoratori onesti, senza costringerli ad andare a lavorare quando sono malati per mantenersi in media.

Tutte ste puttanate io non le vedo, forse rabbrividisci perchè hai la finestra aperta.
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#100 tabache

tabache

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6535 Messaggi:
  • LocationBologna / Cotignola (Ra)

Inviato 12 gennaio 2011 - 15:08

Vedo una serie di puttanate da rabbridire:
- il Brasile sarebbe un paese privo di tutele sindacali? la Polonia? srsly?
- che le 10 ore sono state menzionate nell'ambito delle proposte da vagliare lo so anch'io, ma è evidente che non verranno mai approvate, scommettiamo quello che vi pare;
- spostare il problema della scarsa produttività al management (alto) è ridicolo, perché gli stabilimenti esteri invece funzionano (è da lì che viene l'attivo della Fiat);
- le fabbriche sono poco produttive per GLI STANDARD ATTUALI DELL'INDUSTRIA DELL'AUTO: sono lontane dall'ottimo teorico, vanno ottimizzate o resteranno sempre in perdita;
- non si parla di tecnologia quando ci si riferisce all'ammodernamento del sistema produttivo, ma dell'organizzazione della produzione: ciclo continuo, alta redditività etc (se prevedono 360 euro di aumento di stipendio significa che prevedono a regime un aumento di valore prodotto di tipo 3500 - 4000 euro a operaio)


Tutti discorsi sensati, discutibili. Ma che non rispondono alla questione che io ho posto. Quei due/tre punti che la fiat ha infilato in mezzo dove sembra si voglia solo cavare diritti agli operai, in modo che rompano meno le palle.

- l'assenteismo è particolarmente dannoso per il sistema di produzione previsto, ovvio che sia un punto su cui dovranno essere cattivi, come lo saranno con i fornitori;
- non ci sono dettagli sulla cosa dell'assenteismo, e se si trattasse del tasso di assenteismo personale e non medio? ci sarebbero problemi?


Se anche fosse personale (che non è), non sarebbe una bella soluzione. Ribadisco: puntare su un sistema di controlli.

Da luglio 2011, se l'assenteismo medio non dovesse scendere sotto il 6% (e dal conteggio saranno escluse malattie lunghe come infarti, fratture etc.), scatteranno le prime penalizzazioni. In sostanza, l'azienda non pagherà un giorno di lavoro - sui tre a suo carico, poi interviene l'Inps - ai dipendenti che presenteranno certificati medici per periodi brevi e vicini ai week end. La penalizzazione scatterà dal terzo certificato medico in poi. Con assenteismo inferiore al 6% nessuna penalizzazione è prevista.

Da gennaio 2012 nuovo giro di vite. L'asticella dell'eliminazione delle penalità scende al 4% di assenteismo medio nel semestre precedente. Se questa soglia sarà superata l'azienda non pagherà 2 giorni di lavoro sempre a partire dalla presentazione del terzo certificato medico in poi. Con assenteismo inferiore al 4% non scattano penalizzazioni. Da gennaio 2013 nessuna penalizzazione solo se la soglia d'assenteismo dell'anno precedente, sarà inferiore al 3,5%. Una commissione paritetica composta da dirigenti aziendali e sindacali esaminerà i casi di penalizzazione uno per uno "tenendo conto - c'è scritto nel testo - della particolarità di ogni situazione concreta".

http://www.ilmessagg...&npl=&desc_sez=
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq