Vai al contenuto


Foto
* * * - - 3 Voti

[Monografia] Antonello Venditti (1972-1979)


  • Please log in to reply
132 replies to this topic

#1 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2660 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2011 - 13:11

*
POPOLARE

Visto che ci sono thread su Masini, Tozzi, Grignani e non si è mai parlato della discografia migliore di Venditti...ne apro uno.
Premettendo che lo considero musicalmente morto da 30 anni, e che la sua svolta è stata davvero una delle cose più raccapriccianti della musica italiana (difficile pensare che l'autore di Canzone per Seveso sia lo stesso dell'orripilante Prendilo tu questo frutto amaro), mi pare giusto essere obbiettivi: Venditti veniva dal Folkstudio, si era fatto le ossa con De Gregori, Lo Cascio, Bassignano, e per tutti i '70 ha tirato fuori dischi di alto livello e grandi canzoni.

Andando album per album, e tralasciando il celebre Theorius Campus (del 1972, in coppia con De Gregori), partiamo con:


L'orso bruno (1973)

Questo è il vero esordio di Venditti, anche se è un album a se che non troverà conferme stilistiche in ciò che verrà dopo: nel disco infatti è impressionante la somiglianza delle canzoni di Venditti (e degli arrangiamenti, opera di Vince Tempera) con l'ottimo Elton John degli album omonimo e Madman Across the Water. Se Venditti gioca a fare l'Elton italiano, Tempera sa imitare bene gli arrangiamenti di Paul Buckmaster.
L'ingresso nella fabbrica è scritta a 4 mani con De Gregori.
Un piccolo classico, suonato e arrangiato splendidamente, pezzi come questo si ascoltano con grande piacere

http://www.youtube.c...h?v=whOqF4Rzkqo


Le Cose della Vita (1973)

Nettamente diverso dal predecessore, è un disco scarno ed essenziale, che mette a nudo le qualità di Venditti come interprete e pianista. Mio padre ha un buco in gola, Le cose della vita, Le tue mani su di me: pezzi molto belli che si staccano dal modello dell'album precedente e pongono le basi per quella che sarà la produzione del decennio in corso.

Quando verrà Natale (1974)

Gli arrangiamenti si fanno più complessi: è il disco di A Cristo, pezzo che subirà l'accusa di vilipendio alla religione. Ma ci sono anche le intense Marta e Quando verrà Natale

Lilly (1975)

Il capolavoro di Venditti. Dalla celebre Lilly a Compagno di Scuola, da L'amore non ha padroni ai 10 minuti di Lo Stambecco Ferito (pezzo oscuro e intenso, quasi hammilliano), è una scaletta senza cedimenti, struggente e appassionata.

Ullàlla (1976)

Il "disco politico" di Venditti, un po' meno poetico di Lilly ma non meno intenso. Canzone per Seveso è uno dei suoi pezzi migliori in assoluto, ma risaltano anche Maria Maddalena e Jodi e la scimmietta. Il pianoforte è messo in secondo piano a vantaggio delle chitarre. Nel disco suona sostanzialmente la stessa band che ha registrato con Battisti La batteria il contrabbasso, eccetera: Ivan Graziani (che si occupa delle chitarre) Walter Calloni (batteria) e Hugh Bullen (basso), Claudio Pascoli (sax).

Sotto il segno dei pesci (1978)

I primi cenni di cedimento, ma anche un disco tra i più convincenti: ci sono Sara e Bomba o non bomba, ma anche la riuscita Sotto il segno dei Pesci, la commovente Francesco (dedicata all'amico De Gregori), le belle Chen il cinese e Giulia.

Buona Domenica (1979)

Un disco spaccato, tra deriva commerciale (Buona Domenica, Robin) e slanci di rara bellezza (la lunga Modena). In mezzo, brani di medio valore: Scusa devo andare via, Donna in Bottiglia e soprattutto Stai con Me, a sottolineare come Venditti riesca ancora a parlare d'amore senza cadere nella stucchevolezza e nella mediocrità assoluta che prenderà il sopravvento dalla seconda metà degli anni '80.

A titolo di cronaca citiamo almeno altri due album

Sotto la Pioggia (1982)

La strada è ormai in declino, eppure ci sono ancora barlumi di bellezza che rimandano al passato (Fellini) e canzoni ben costruite (Sotto la pioggia, Dimmelo tu cos'è, Eleonora).

Cuore (1984)

Il primo disco del "nuovo" Venditti, quello commerciale (Ci vorrebbe un amico) e dai suoni plastificati. Ci sono ancora buone canzoni (Qui, Piero e Cinzia, Stella), ma affogate in arrangiamenti luccicanti e pacchiani. Si salva dalla plastica e passa alla storia Notte prima degli esami, l'ultimo gioiello della discografia e una delle canzoni più belle di Venditti.
  • 13

#2 Moreno Saporito

Moreno Saporito

    burzumaniaco

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 84784 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2011 - 13:19

se fosse morto da bambino, come pare dal titolo di questo topic, ci saremmo levati dalle palle anche Muccino
  • 2

This place is death with walls

...

And the body electric flashes on the bathroom wall
Crawling to the corners where the idiot children call
See the body flashing on the bathroom wall


#3 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 36033 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 20 settembre 2011 - 13:20

Io salvo quasi tutto (salvo qualche lagna di troppo) fino a "Buona Domenica", incluso anche "Theorius Campus" con De Gregori. Dopo mi diventa tremendamente indigesto*

* E vale anche per gli inni della Roma: "Roma non si discute si ama" (che è del 1975) è un bellissimo pezzo (così come gli arrangiamenti di Bardotti) "Grazie Roma" (1983) no.
  • 2

#4 floods

floods

    l'utente main$tream

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17167 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2011 - 13:21

A me piace solo quello di plastica degli anni 80!
Scherzo, solo qualche singolo... ma rigorosamente di quel periodo! asd
  • 0
RYM enafffffffiiiiooooooooolllll

#5 frankie teardrop

frankie teardrop

    That's right, The Mascara Snake, fast and bulbous

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21924 Messaggi:
  • LocationPalma Campania (Napoli)

Inviato 20 settembre 2011 - 14:31


Lilly (1975)

Il capolavoro di Venditti. Dalla celebre Lilly a Compagno di Scuola, da L'amore non ha padroni ai 10 minuti di Lo Stambecco Ferito (pezzo oscuro e intenso, quasi hammilliano), è una scaletta senza cedimenti, struggente e appassionata.


"Compagno di scuola" è un pezzo immenso.
  • 5

#6 Infinite dest

Infinite dest

    dolente o nolente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 28156 Messaggi:
  • LocationKagoshima

Inviato 20 settembre 2011 - 14:38

se fosse morto da bambino, come pare dal titolo di questo topic, ci saremmo levati dalle palle anche Muccino

Però ci saremmo persi l'imitazione di Guzzanti, lassy (ma poi mi sfugge il legame con Muccino)
  • 0

 mi ricorda un po' Moro.

 

 

 

 

Con trepidazione vivo solo le partite dell'Inter.

 

 

 

Io non rispondo a fondo perchè non voglio farmi bannare, però una cosa voglio dirla: voi grillini siete il punto più basso mai raggiunto dal genere umano. Di stupidi ne abbiamo avuti, non siete i primi. Di criminali anche. Voi siete la più bassa sintesi tra violenza e stupidità. Dovete semplicemente cessare di esistere, come partito (e qui non ci si metterà molto) e come topi di fogna (e qui sarà un po' più lunga, ma cristo se la pagherete cara).

 

 


#7 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23291 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2011 - 14:46

(la lunga Modena)

Non la sentivo da quando ero bambino mi sa, l'avevo totalmente rimossa... saranno almeno 17-18 anni. E' davvero bellissimissima... chi caspita se lo ricordava... O_O
  • 2
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#8 Vito Miceli

Vito Miceli

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4512 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 20 settembre 2011 - 14:56

Se non fosse per Modena ed altri due brani, io butterei nel cesso anche Buona Domenica :rolleyes: .
  • 1
Immaginate che abbia messo in firma qualcosa di interessante

#9 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 36033 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 20 settembre 2011 - 15:37

(la lunga Modena)

Non la sentivo da quando ero bambino mi sa, l'avevo totalmente rimossa... saranno almeno 17-18 anni. E' davvero bellissimissima... chi caspita se lo ricordava... O_O

Con il sax di un certo Gato Barbieri, mica cazzi! In quegli anni la Rca era veramente una fucina di talenti e un cenacolo di incontri, anche internazionali, di altissimo livello. Se si puntava su un artista, si cercava di sostenerlo con i musicisti più validi in circolazione e di farlo esprimere in piena libertà. Ennio Melis era un discografico di grande coraggio e intelligenza, di quelli ormai estinti da un pezzo, almeno in Italia. E si capisce anche come, nei 70, siano potuti uscire tanti nomi importanti della canzone d'autore.
  • 1

#10 Владимир Гозерин

Владимир Гозерин

    Grande eletto non anglofonista Kadosch

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23291 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2011 - 16:11

Ok, però molte altre fra quelle linkate sempre qui sopra io continuo a trovarle bruttarelle. :P Poi se parliamo di questa, de "Lo stambecco ferito" o di "Marta" allora si ragiona.
  • 0
RYM ___ i contenuti

"SOVIET SAM" un blog billizzimo

#11 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2660 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2011 - 17:08

Ok, però molte altre fra quelle linkate sempre qui sopra io continuo a trovarle bruttarelle. :P Poi se parliamo di questa, de "Lo stambecco ferito" o di "Marta" allora si ragiona.


Beh, A Cristo ad esempio non la sopporto (l'ho linkata giusto per motivi legati alla censura), così come trovo ancora acerbo l'album Le Cose della vita (che diversi considerano il vertice di Venditti, mentre trovo che Lilly sia tutt'altra storia e ben altro spessore).
Comunque (giusto per ripetere un po' le solite cose) se fosse morto nel 1978 staremmo ad ascoltare Lilly con i lacrimoni e ne staremmo a parlare come di un grandissimo cantautore, "chissà cos'altro avrebbe fatto in questi ultimi 33 anni", etc... :lol:
Sotto questo aspetto è stato migliore il destino di Ivan Graziani, che ha lasciato un'eredità e un talento che è andato si sbiadendo (come è fisiologico che accada per tutti) negli ultimi lavori, ma senza mai giocarsi la dignità della carriera o vendersi al mercato.
Venditti invece sarà ricordato dalle masse come quello "impermeabile e occhiali da sole" che fa i lenti per i matrimoni, non come il bravo pianista/cantautore barbuto del Folkstudio.
Peggio di lui è andata solo ad Alan Sorrenti, da emulo di Buckley/Hammill a Figlio delle stelle, e tra l'altro credo che oggi Sorrenti se la passi anche economicamente ben peggio di Venditti.
  • 0

#12 Fallen Angel

Fallen Angel

    Zoolander

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 578 Messaggi:

Inviato 20 settembre 2011 - 17:13

Sono d'accordo. In quel periodo Venditti è stato uno dei cantautori più importanti del panorama musicale italiano. Moltissimi dischi sono belli. Io comunque non avrei tralasciato lo stupendo Theorius campus con Francesco De Gregori, dove tra le altre cose campeggia una Roma capoccia assolutamente meravigliosa.
  • 0

#13 Vito Miceli

Vito Miceli

    Sporco Lennoniano Fanatico [(C) BillyBud]

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4512 Messaggi:
  • LocationSassari, 08/09/1980

Inviato 21 settembre 2011 - 11:24

Parlano de Venditti... ando stà Pablito quanno serve :'( ?

asd
  • -4
Immaginate che abbia messo in firma qualcosa di interessante

#14 gulliver

gulliver

    Classic Rocker

  • Banned
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5070 Messaggi:

Inviato 21 settembre 2011 - 11:52


se fosse morto da bambino, come pare dal titolo di questo topic, ci saremmo levati dalle palle anche Muccino

Però ci saremmo persi l'imitazione di Guzzanti, lassy (ma poi mi sfugge il legame con Muccino)


per eliminare muccino avremmo dovuto strangolare nella culla carmen consoli.


forse lassy pensa che sia di muccino pure la notte prima degli esami ( troppo raffinato per essere dei muccino bros)
  • 0

#15 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2660 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2013 - 14:54

Ieri sera su youtube ho dato un ascolto agli ultimi pezzi di Venditti, dal suo ultimo album del 2011: niente, ormai suona le stesse canzoni da 30 anni a questa parte...anche i suoni e gli arrangiamenti continuano a essere gli stessi, anni '80. Musica preconfezionata, patinatissima, che sembra uscita da una pressa guidata da un software che assembla "canzoni che si somigliano tutte".

Continuo a chiedermi: perché 30 anni fa ha imboccato questa strada, quando nei '70 era tra i maggiori cantautori italiani, lodato persino da Lucio Battisti?

Poi ho messo su questa perla e mi sono commosso


  • 1

#16 chronochromie

chronochromie

    Laurea presso Facoltà di Non Rispondere

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 371 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2013 - 15:26

Se riuscite a farmi piacere Venditti...

Possiamo inserirlo anche nel thread "pop rock pianistico".
  • 0
Prima ch'io mi profilassi...

#17 markmus

markmus

    cui prodi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 8461 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2013 - 16:10

a me sotto la pioggia non dispiace
  • 1

#18 The Silent Corner

The Silent Corner

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2660 Messaggi:

Inviato 18 aprile 2014 - 12:46

Venditti in tour con scaletta depurata e zeppa di capolavori, volutamente ristretta agli anni '70 e '80...al massimo tocca sorbirsi un paio di album post--Cuore).
Sta suonando Lo Stambecco Ferito, Sora Rosa, Mio padre ha un buco in gola, Campo de' Fiori, Le Cose della Vita, Roma Capoccia, Marta, Modena, Le tue mani su di me, Penna a Sfera, Lilly, Compagno di Scuola, Giulia, Sotto il segno dei Pesci, Bomba o non Bomba

Dal live del 28/03

Lo Stambecco

https://www.youtube....h?v=TTz7vTt3TsA

Marta

https://www.youtube....h?v=Tb0ZMJMAPFA
  • 0

#19 Merlo

Merlo

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4393 Messaggi:
  • LocationItalia

Inviato 18 aprile 2014 - 13:07

"Ci vorrebbe un amico" è la canzone che mi mette più tristezza in assoluto: basta sentirla in sottofondo in un negozio per rovinarmi l'umore della giornata, ogni volta che la sento mi vien voglia di buttarmi giù da un viadotto :'(
  • 0

"Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace"


#20 maladiez

maladiez

    Kosmische express courier

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3948 Messaggi:
  • LocationMagna Grecia

Inviato 18 aprile 2014 - 13:32

C'è stato un periodo che lo ascoltavo tantissimo,tutto il periodo anni 70 è stato bello, anche i dischi degli 80 non sono male, ma lì gia stava cominciando ad azzeccare i primi singoli di successo e quindi poi è stato un susseguirsi di album via via sempre piu' commerciali. NOn dispiace nemmeno a me Sotto la pioggia, l'ultimo disco diciamo accettabile è stato , almeno per me, Venditti e segreti (anche se non tutti i pezzi). Ora è insopportabile!
  • 0

"Chi vuol brillare, si metta in ombra"

 

 

Alice: "Quanto tempo è per sempre?"

Bianconiglio: " A volte solo un secondo"





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq