Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Oriana Fallaci (1929 - 2006)


  • Please log in to reply
66 replies to this topic

#21 astrodomini

astrodomini

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9181 Messaggi:
  • LocationUdine, Padova

Inviato 15 settembre 2006 - 16:20

Valido solo fino ad un certo punto. Le dichiarazioni rilasciate negli ultimi anni sono degne di Borghezio oltre che distantissime dalla realtà, mistificatorie.


Interessante sapere che la corrente è quella di Borghezio.

Per me anche un Bertinotti che per descrivermi il paese mi porta la madre con sette figli a carico e un lavoro solo part-time è mistificatorio e distante dalla realtà, opinioni.

Personalmente mi sembra che la visione predominante sia quello di un buonismo imposto e senza un senso logico, quel buonismo che fa male a tutti.
Le posizioni decise della Fallaci proprio per la loro decisione, per la loro fermezza, per il loro essere una presa di posizione forte non mi sembrano proprio rappresentare la corrente specie in un paese come il nostro.

La cosa che mi dispiace comunque è che per molti la Fallaci è questi ultimi cinque anni, non tutto quello che ha fatto prima che per me è un monumento alla forza delle donne e del pensiero libero. Abbiamo perso una grande donna, spero che un giorno tutti se ne accorgano.
  • 0

the music that forced the world into future


#22 Psyke

Psyke

    pivello

  • Members
  • Stelletta
  • 36 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 16:28

Una volta nato non ti dovrai scoraggiare, dicevi: neanche a soffrire, neanche a morire. Se uno muore vuol dire che e' nato, che e' uscito dal niente, e niente e' peggiore del niente: il brutto e' dover dire di non esserci stato.
Oriana Fallaci



Oriana Fallaci è stata una giornalista e una scrittrice che va rispettata anche solo per l'impegno con cui ha svolto, per 50 anni, il suo lavoro e per la qualità con cui ha tessuto i suoi articoli. Perchè chi vuole ricordarla solo per le sue idee politiche (e voglio dosare le parole) vuol dire che non si è mai fermato a leggere nulla di ciò che ha scritto. Si poteva essere in disaccordo col suo modo di pensare. Ma è stata una persona che non ha mai parlato tanto per far prendere aria alla bocca. Perchè lei la guerra, anzi LE GUERRE, le ha vissute in prima persona. Con il coraggio che solo una donna può avere. Con la rabbia che solo una persona che si sente lesa nel profondo può provare. Con l'orgoglio di chi crede fermamente nelle proprie idee. A differenza di tanti altri giornalisti, così bravi a scrivere i loro articoli, stando inabissati nelle loro poltrone di pelle e affogati nel mogano dei loro studi. Chi le augurava di beccarsi un tumore (commenti che si sono più volte sentiti in tv) sarà contento che "l'Alieno", com'era abituata a chiamare il suo male, l'abbia portata via. Oriana Fallaci merita tutta la mia stima e il mio cordoglio per la sua scomparsa. E' morta una grande italiana...
  • 0

#23 tupelo

tupelo

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2744 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 17:15

A me piace ricordarla per la storia che ha dato origine a questo libro.

http://www.bol.it/bo...o=PIB&cdSito=BL
  • 0

#24 Kraftwave

Kraftwave

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 913 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 17:22

Spesso in disaccordo con le sue (ultime) argomentazioni, l'ho sempre considerata "miope" come giornalista, ma allo stesso tempo una donna dalla grande personalità e molto carismatica. Ovvio che dispiace.
  • 0

#25 Debord

Debord

    Everyday people

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 243 Messaggi:
  • LocationMarche

Inviato 15 settembre 2006 - 17:31


Una donna controcorrente


Valido solo fino ad un certo punto. Le dichiarazioni rilasciate negli ultimi anni sono degne di Borghezio oltre che distantissime dalla realtà, mistificatorie.


Bah, non mi ricordo in pratica nessuno nel mondo del giornalismo (serio) o della letteratura in italia negli ultimi anni ad avere avuto LE PALLE come ce l'ha avute lei, tutti preoccupati di star buoni e portar a casa la pagnotta "che non si sa mai": lei se ne sbatteva, lei lottava e rischiava.
Se accosti Borghezio a lei davvero hai visto la Fallaci con occhi troppo piccini.
  • 0

#26 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 19:32

La morte della Fallaci è sicuramente un grande contraccolpo per i suoi sostenitori, ma credo che lo sia altrettanto per i suoi detrattori (che tuttavia credo saranno sempre meno). Con chi se la prenderanno adesso? Su chi scaricheranno le proprie frustranti paure? Voglio dire: io credo che la Fallaci ha suscitato anche odio perchè le sue tesi facevano paura. Era molto più rassicurante dare addosso alla persona, molto più rassicurante pensare che era una rimbambita, piuttosto che rischiare di pensare che potesse aver ragione. Si tratta di un meccanismo psicologico elementare, e credo che la psiche collettiva non si distingua dalla psiche individuale: quando un pensiero suscita turbamento, lo si rifiuta spostando quell'energia psichica su qualcos'altro (in questo caso, l'odio per la persona che formula quella tesi). Ma ora che la persona viene a mancare, e restano solo i suoi lucidi libri, credo che molta gente sarà costretta ad aprire gli occhi...
  • 0

#27 Guest_BlueValentine_*

Guest_BlueValentine_*
  • Guests

Inviato 15 settembre 2006 - 21:12

Se ne va qualcuno di cui non apprezzavo la prosa.

Se ne va qualcuno che esprimeva idee sul mondo che considero false e offensive.

Se ne va qualcuno.

#28 Malato_del_vinile

Malato_del_vinile

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 734 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 21:24

R.I.P. :'(
  • 0

#29 Francis

Francis

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3017 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 21:25

Ho visto alcune sue foto da giovane, era una ragazza bellissima
  • 0

#30 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 21:28

Lettera a Pier Paolo
di Oriana Fallaci

[...] Diventammo subito amici, noi amici impossibili. Cioè io donna normale e tu uomo anormale, almeno secondo i canoni ipocriti della cosiddetta civiltà, io innamorata della vita e tu innamorato della morte. Io così dura e tu così dolce. 
V??era una dolcezza femminea in te, una gentilezza femminea. Anche la tua voce del resto aveva un che di femmineo, e ciò era strano perché i tuoi lineamenti erano i lineamenti di un uomo: secchi, feroci.


QUA il testo completo
Qui invece l'articolo che mise in subbuglio polizia e magistrati dopo l'omidicio Pasolini.
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#31 Brucaliffa

Brucaliffa

    mainstream Star

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2602 Messaggi:

Inviato 15 settembre 2006 - 22:28

La morte della Fallaci è sicuramente un grande contraccolpo per i suoi sostenitori, ma credo che lo sia altrettanto per i suoi detrattori (che tuttavia credo saranno sempre meno). Con chi se la prenderanno adesso? Su chi scaricheranno le proprie frustranti paure? Voglio dire: io credo che la Fallaci ha suscitato anche odio perchè le sue tesi facevano paura. Era molto più rassicurante dare addosso alla persona, molto più rassicurante pensare che era una rimbambita, piuttosto che rischiare di pensare che potesse aver ragione. Si tratta di un meccanismo psicologico elementare, e credo che la psiche collettiva non si distingua dalla psiche individuale: quando un pensiero suscita turbamento, lo si rifiuta spostando quell'energia psichica su qualcos'altro (in questo caso, l'odio per la persona che formula quella tesi). Ma ora che la persona viene a mancare, e restano solo i suoi lucidi libri, credo che molta gente sarà costretta ad aprire gli occhi...


La Fallaci soprattutto con i suoi ultimi scritti si è resa un personaggio molto popolare e impopolare a livello di massa, tutti conoscono il suo coraggio come donna e come giornalista, il suo stile di scrittura unico, nel bene e nel male, e il suo carisma di donna forte e indipendente e di persona vera. Non capisco quindi come la sua morte possa cambiare l'idea che le persone si sono fatte di lei quando era in vita, non stiamo certo parlando di un artista incompreso che verrà scoperto postumo. Mi sembra un po' presuntuosa la tua analisi della psiche di chi non condivide le sue ultime tesi, come se le sue non fossero state opinioni, discutibili come tutte, ma un distillato di verità assoluta. Non hanno la testa molti di quelli che la demonizzano così come non ce l'hanno molti di quelli che sposano le sue ultime tesi, questo secondo me è inevitabile. Io poi non parlerei di detrattori, ma di nemici, perché non ho mai sentito le persone che non condividono i suoi punti di vista su determinati argomenti dire che i suoi libri o la sua scrittura siano brutti, o che la sua carriera e la sua storia non contino niente. Ti dò ragione invece sulla brutalità e la cattiveria umana con cui molti, forse anch'io in alcune occasioni, si sono scagliati contro di lei. Ma le parole che non condividi ti fanno più incazzare se sono scritte bene, con rabbia e con orgoglio, soprattutto se anche tu sei uno che si infiamma facilmente. Secondo la mia esperienza poi, purtroppo quando a una persona "aggressiva" e con la lingua (o la penna) velenosa capita anche di essere donna, questa si espone a una maleducazione e a una mancanza di rispetto umano che non credo che ad un uomo capiti con la stessa facilità.
  • 0
Better Call Saul!

#32 del piero

del piero

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 98 Messaggi:

Inviato 16 settembre 2006 - 07:13

se ne è andata una delle poche voci libere di quell'occidente che lei ha accusato di essersi calato le braghe di fronte ad un islam sempre piu' arrogante e similfascista,basta vedere quello che stanno cominciando a fare nei confronti del papa e come stanno strumentalizzando le sue dichiarazioni.
per quello che mi riguarda condivido al 100 per 100 le sue idee sull'islam,me ne frego di essere politicamente corretto,è in atto un aspro confronto tra due societa' ,quella occidentale e quella araba, che negli ultimi decenni si allontanano sempre di piu'.
  • 0

#33 sheikyerbouti

sheikyerbouti

    anti-intellettuale, coerente, obiettivo, ironico, arguto, spacca

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 15807 Messaggi:
  • Locationmilano

Inviato 16 settembre 2006 - 08:16

"la rabbia e il cordoglio"...

la rabbia verso la migliore giornalista italiana regredita ad un??intolleranza ed un populismo identici a quelli degli islamici che avversava, il cordoglio per una vita che termina.

saluti a tutte/i.
  • 0

#34 Guest_Number 5_*

Guest_Number 5_*
  • Guests

Inviato 16 settembre 2006 - 08:16

Comunque io penso che sia lievemente ridicolo ciò che stanno facendo molti commentatori, molti quotidiani e telegiornali, molti politici e molte persone in generale anche qui dentro: ridurre la carriera cinquantennale e la vita intera di Oriana Fallaci agli ultimi cinque anni, agli ultimi tre libri e all'ultima manciata di articoli sul "Corrierone".
Penso che andrò a visitare la tomba, qundo le acque si saranno calmate, e passando di lì metterò un fiore anche sulla stele che leiha voluto in quello stesso cimitero in ricordo di Alessandro Panagulis, l'uomo della sua vita e protagonista di "Un uomo". Un grande romanzo che consiglio a tutti per capire gli orrori cui - solo trent'anni  fa - è potuta giungere nella "civilizzata" Europa una dittatura.

#35 Pier

Pier

    Roadie

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 573 Messaggi:

Inviato 16 settembre 2006 - 08:56

La cosa che mi dispiace comunque è che per molti la Fallaci è questi ultimi cinque anni, non tutto quello che ha fatto prima che per me è un monumento alla forza delle donne e del pensiero libero. Abbiamo perso una grande donna, spero che un giorno tutti se ne accorgano.


Per il resto, eccessiva, sempre, nel bene e nel male. Incapace di sedersi ad un tavolo, mai disposta a cambiare le sue opinioni. Sverginare la propria mente nella Resistenza, aprire gli occhi con la IIWW, cose che formano, lontano anni luce dalle nostre adolescenze, dai nostri lazy afternoons. Immaginare, solo immaginare, l'impatto di una qualsiasi foto della Fallaci al fronte, travestita da soldato, ma con una biro al posto del mitra, e immaginare l'impatto appunto di quella foto apparsa sui giornali e sulle tv di 30 anni fa. Una donna che ha spostato le opinioni, rendendone uniche perchè paradossali: a sinistra prima e a destra adesso. Troppo eccessive prima, troppo eccessive adesso. Monumento dell'emancipazione e della sinistra prima, monumento della virtù occidentale e della destra adesso. Sempre schierata, mai in mezzo, se non nei conflitti.

Giudicare, anche solo azzardare un paio di riflessioni sulla Fallaci, con in testa gli articoli su commissione per il Corriere, è francamente spazzatura. E anch'io, incapace come tutti, di poter tratteggiare un profilo vero della personalità Fallaci.
Lei che, è bene ricordarlo, s'è ritirata dall'agone politico quotidiano una ventina d'anni fa, poi ricomparsa con il romanzo sul Libano e infine di nuovo 10 anni di silenzio letterario e politico, per poi ricomparire vivace a 75 anni nel 2001. L'ultima Fallaci si commenta quasi da sola, perchè sola è voluta rimanere, in vita e nella morte. Sola nel suo appartamento a New York, solo sul lettino d'ospedale, con visite della sorella e del nipote. Una donna che 5 anni fa si sente profondamente scossa, e che forse rivive nella vecchiaia il galore di un tempo. Ed eccesiva deve essere, dando in bocca al nulla della intellighentia culturale mondiale opinioni che a definirle fasciste non si sbaglia. Eccessiva, sempre, anche nei suoi anni da nazionalista, fascista, in difesa dei suoi valori, del suo passato che fugge e se ne va, di tempi che non saranno mai più i suoi, e forse anche triste  e rassegnata, perchè quella sua voglia di vivere che non ha mai nascosto è una condannata a morte. E l'atteggiamento acido e incazzato, forse, senza azzardare riflessioni o pensieri troppo alti per me che scrivo, è figlio proprio della malinconia, di quella malinconia ora svelata di una donna che non potrà raccontare il tempo che cambia, perchè a finire è il suo tempo. Stop, game over, tolaga il disturbo ora. Forse questa sostituzione voluta dalla natura o da chissà cosa è stato il boccone più amaro, più di vedere l' Occidente colpito a sangue e disrutto in una mattinata di sole.

A me rimangono le piacevolissime ore passate a leggere i suoi romanzi e i suoi articoli. Mi tengo questo.
Che sia felice.
  • 0

#36 Kebabträume

Kebabträume

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 66 Messaggi:

Inviato 16 settembre 2006 - 09:52

La prima vera donna del giornalismo italiano dotata di uno stile inconfodibile e di una determinazione che ne hanno fatto un simbolo per le generazioni a seguire, un diamante grezzo nella mediocrità dell'informazione assogettata del bel paese. Le sue opinioni sono scomode, estreme, terribili; chi ha la mia età non può nemmeno avvicinarsi alla comprensione di un personaggio così complesso. Spesso le voci fuori dal coro c'indispettiscono, ci deludono...ma sono sempre troppo poche.
  • 0

#37 Claudio

Claudio

    I am what I play

  • Administrators
  • 34106 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 16 settembre 2006 - 10:20

Comunque io penso che sia lievemente ridicolo ciò che stanno facendo molti commentatori, molti quotidiani e telegiornali, molti politici e molte persone in generale anche qui dentro: ridurre la carriera cinquantennale e la vita intera di Oriana Fallaci agli ultimi cinque anni, agli ultimi tre libri e all'ultima manciata di articoli sul "Corrierone".


Sì, ridicolo e offensivo per la memoria di un personaggio di questo valore, ma direi anche per la memoria collettiva di una nazione intera.

Questa storia della "memoria corta", specie dei mezzi di informazione (per non parlare dei politici) meriterebbe una discussione a sé, io la trovo veramente una delle principali aberrazioni del nostro tempo.
  • 0

#38 Joey

Joey

    Classic Rocker

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3499 Messaggi:

Inviato 16 settembre 2006 - 10:42


Comunque io penso che sia lievemente ridicolo ciò che stanno facendo molti commentatori, molti quotidiani e telegiornali, molti politici e molte persone in generale anche qui dentro: ridurre la carriera cinquantennale e la vita intera di Oriana Fallaci agli ultimi cinque anni, agli ultimi tre libri e all'ultima manciata di articoli sul "Corrierone".


Sì, ridicolo e offensivo per la memoria di un personaggio di questo valore, ma direi anche per la memoria collettiva di una nazione intera.

Questa storia della "memoria corta", specie dei mezzi di informazione (per non parlare dei politici) meriterebbe una discussione a sé, io la trovo veramente una delle principali aberrazioni del nostro tempo.


Sono d'accordo, anche perchè molti dei giudizi negativi riguardo i suoi ultimi cinque anni si basano sopratutto sull'ignoranza di chi è stata la Fallaci nei decenni precedenti. Non sono d'accordo, però, se questa diventa una scusa per fare una qualche distinsione tra gli ultimi 5 anni e il periodo precedente: come se la Fallaci degli ultimi anni non fosse la stessa Fallaci di tante altre battaglie passate, con la stessa coerenza e la stessa grinta. Fino alla fine.
  • 0

#39 Kesson

Kesson

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 138 Messaggi:

Inviato 16 settembre 2006 - 12:39

Grande donna, mi mancherà.

R.I.P.
  • 0

#40 stolen_music

stolen_music

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 56 Messaggi:

Inviato 16 settembre 2006 - 13:50

Si è "spenta" forse una di quelle persone che non aveva paura di dire ciò che pensava.

Onore ad Oriana Fallaci.
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq