Vai al contenuto


* * * * - 1 Voti

[Monografia] Akira Kurosawa


  • Please log in to reply
74 replies to this topic

#21 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2006 - 16:59


Rashomon è un mito; leone d'oro nel 1950 ha aperto le porte al cinema giapponese in occidente; Kurosawa è considerato il più occidentale dei registi giapponesi, ma per me tale definizione lascia il tempo che trova; Kurosawa è colto, è tecnico, è poetico, è un grande artista che suscita emozioni e che impegna intellettualmente; in Rashomon più che mai; un film dal contenuto vagamente pirandelliano, costruito su tre piani narrativi, con i suoi 4 flashback, le sue 4 false verità, è un film che ha sempre affascinato e coinvolto fin dal suo apparire lo spettatore; da vedere? certamente .... nella scuola dell'obbligo!


Farlo vedere nella scuola dell'obbligo? Be', metterlo in commercio sarebbe comunque un inizio! ::) Da quello che ho capito non si può definire propriamente "fuori catalogo", è che proprio non ne è mai stata fatta un'edizione italiana in dvd!
Credo che opterò per "cane randagio", "vivere", e al più "la sifda del samurai" o "ran".
  • 0

#22 ur79

ur79

    Complottista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1340 Messaggi:

Inviato 06 settembre 2006 - 17:41

sono d'accordo; dal punto di vista prettamente cinematografico Ozu e Mizoguchi sono superior

Cosa intendi con ciò?

  • 0
Minden út Rómába vezet

#23 Guest_verdoux_*

Guest_verdoux_*
  • Guests

Inviato 07 settembre 2006 - 07:43


sono d'accordo; dal punto di vista prettamente cinematografico Ozu e Mizoguchi sono superior

Cosa intendi con ciò?


che Mizoguchi è inarrivabile per l'inquadratura, un quadro dipinto, per la profondità di campo, per il piano sequenza e soprattutto per la capacità espressionista; vedi sequenze come quella di O'haru che vede le statue dei budda trasformarsi nei volti dei suoi uomini;

#24 Guest_verdoux_*

Guest_verdoux_*
  • Guests

Inviato 07 settembre 2006 - 07:45

I Sette Samurai

Presentato a Venezia nel 1954 non vinse il leone d??oro e la circostanza mi ha sempre fatto sorridere. Vinse Giulietta e Romeo di Castellani.
? un film che unisce elementi spettacolari a pause di riflessione ed a squarci poetici; un film sulla cultura del samurai, sulla cultura del contadino, sul ruolo della donna nella società, sul banditismo.
Poche battute sono dedicate ai banditi; perché non se ne vanno quando scoprono che il villaggio è difeso? Il capo villaggio aveva previsto proprio questo quando ha ingaggiato i samurai, che avrebbero dovuto essere un deterrente; ma i banditi non se ne vanno ed il villaggio si trasforma per loro in una tonnara, dove ad uno ad uno vengono eliminati tutti; hanno fame, questo è il loro movente ed il loro appare come un suicidio collettivo; la loro è una fame vissuta senza dignità.
La fame ed il bisogno sono protagonisti del film ed i contadini ed i samurai, ciascuno a proprio modo, li vivono con dignità.
Kikuchiyo,  (Toshiro Mifune), il figlio di contadini che vuol farsi samurai, rappresenta l??anello di congiunzione tra le due culture, tra i due mondi.
La sua figura è dominante nel film; da iniziale buffone, deriso, non considerato ed anche insultato dai samurai, quando vorrebbe utilizzare armature di samurai caduti, prende quota e conoscenza di se stesso mentre la vicenda si dipana e diventa l??eroe che si sacrifica; in realtà è quello che più di ogni altro ha capito tutto della vita e la sua complessa figura assurge a dimensioni di shakespeariana grandezza.


#25 Nekokuma

Nekokuma

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1197 Messaggi:

Inviato 07 settembre 2006 - 12:18



sono d'accordo; dal punto di vista prettamente cinematografico Ozu e Mizoguchi sono superior

Cosa intendi con ciò?


che Mizoguchi è inarrivabile per l'inquadratura, un quadro dipinto, per la profondità di campo, per il piano sequenza e soprattutto per la capacità espressionista; vedi sequenze come quella di O'haru che vede le statue dei budda trasformarsi nei volti dei suoi uomini;


fare piani sequenza, usare la profondità di campo o usare tecniche "espressioniste" sono scelte, non sono cose che se uno le fa è meglio di uno che non le fa (se si parla beninteso di due grandi artisti quali Mizoguchi e Kurosawa), e soprattutto sono scelte funzionali al tipo di pellicola che si sta girando. Ozu a questo punto sta inguaiato proprio, con le sue inquadrature fisse.
  • 0

#26 Ejzenstejn

Ejzenstejn

    aspirante indie

  • Members
  • StellettaStelletta
  • 98 Messaggi:

Inviato 07 settembre 2006 - 12:42


fare piani sequenza, usare la profondità di campo o usare tecniche "espressioniste" sono scelte, non sono cose che se uno le fa è meglio di uno che non le fa (se si parla beninteso di due grandi artisti quali Mizoguchi e Kurosawa), e soprattutto sono scelte funzionali al tipo di pellicola che si sta girando. Ozu a questo punto sta inguaiato proprio, con le sue inquadrature fisse.


E adesso voglio vedere se c'è qualcuno che sostiene che Ozu fa inquadrature fisse perchè le altre non le sa fare!
  • 0

#27 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 11 aprile 2007 - 07:55

Giusto in questi giorni pre e post Pasquali ho avuto modo di vedere 3 ottimi film di Kurosawa : Cane Randagio, L'angelo ubriaco, Vivere.
In precedenza avevo già visto Dersu Uzala,i Bassifondi e giusto un paio di episodi da Sogni.

Devo quindi ancora approcciarmi al suo cinema avventuroso, ma posso dire che questi film che ho visto mi sono piaciuti tutti.
Dersu Uzala è un film davvero poetico,

Cane Randagio e l'Angelo ubriaco degli ottimi film che se vogliamo riflettono sul bene e sul male, approfondendo molto le origini sociali dei 'crimini'. Vivendo in una realtà di periferia disastrata, probabilmente ho ingigantito questi aspetti nella mia mente, in ogni caso è evidente che ero aperto a questo tipo di cinema.

Vivere è un film che dovrebbero vedere un po' tutti, lo accosto nella mia mente a L'eterna illusione di Frank Capra, per un messaggio di fondo comune. Devo però dire che in alcune sequenze ho trovato la camera fin troppo insistente, specie in alcuni primi piani.In ogni caso, è giusto per dire...!

Circa i Bassifondi invece devo dire che il film mi è risultato un tantino indigesto, è certamente un'opera importante in ciò che vuole mostrare e dire ma forse è un po' eccessivo, almeno così mi è risultato poi non sò!

Una domanda : come sono i film Barbarossa, lo Spirito più elevato e I cattivi dormo in pace?
Grazie!
  • 0

#28 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 11 aprile 2007 - 09:26

Una domanda : come sono i film Barbarossa, lo Spirito più elevato e I cattivi dormo in pace?
Grazie!


Barbarossa è un grande film umanista, ampiamente sottovalutato. Mifune fin troppo straordinario, tant'è che il regista ruppe il sodalizo con lui perchè aveva costriuto un personaggio troppo personale, non segiendo le sue indicazioni. resta una delle più grandi prove d'attore che io ricordi.

Lo spirito più elevato è un film giovanile, girato su commissione a fini di propaganda. Non aspettarti un film perfettamente riuscito, ma neanche un pamphlet grondante retorica. i personaggi non sono affatto piatti e si può notare l'influenza del grande cinema sovietico. Alcune scene sono ancha abbastanza toccanti.

L'altro è un film controverso e diseguale, che però un'occhiata la merita (come tutti i film dell'autore).
  • 0

#29 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 11 aprile 2007 - 09:49


Una domanda : come sono i film Barbarossa, lo Spirito più elevato e I cattivi dormo in pace?
Grazie!


Barbarossa è un grande film umanista, ampiamente sottovalutato. Mifune fin troppo straordinario, tant'è che il regista ruppe il sodalizo con lui perchè aveva costriuto un personaggio troppo personale, non segiendo le sue indicazioni. resta una delle più grandi prove d'attore che io ricordi.

Lo spirito più elevato è un film giovanile, girato su commissione a fini di propaganda. Non aspettarti un film perfettamente riuscito, ma neanche un pamphlet grondante retorica. i personaggi non sono affatto piatti e si può notare l'influenza del grande cinema sovietico. Alcune scene sono ancha abbastanza toccanti.

L'altro è un film controverso e diseguale, che però un'occhiata la merita (come tutti i film dell'autore).


Diciamo che dovendo decidersi per l'acquisto -5 euro cadauno dal mio bancarellaro di fiducia-, fra i 3 consiglieresti -almeno- Barbarossa?
  • 0

#30 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 11 aprile 2007 - 11:21

Assolutamente sì, a patto che tu mi dica dove trovi i dvd di Kurosawa a 5 euro!
  • 0

#31 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22348 Messaggi:

Inviato 11 aprile 2007 - 11:35

Con 5 euro popten riesce a rimediare l'intera filmografia mondiale..
  • 0

#32 strangelove

strangelove

    Scaruffiano

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12555 Messaggi:

Inviato 11 aprile 2007 - 12:49

Il mio bancariello di fiducia li vende a 6 euro, tanto che, quando 3 settimane fa ho regalato la versione rimasterizzata di "Vivere" ad un amico, ho fatto un fugurone. ;D
  • 0

#33 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 11 aprile 2007 - 13:31

Assolutamente sì, a patto che tu mi dica dove trovi i dvd di Kurosawa a 5 euro!


A Napoli,zona Maddalena(alle spalle di Piazza Garibaldi), entri nel mercatino, seconda traversa a sinistra, in fondo sulla sinistra trovi questo simpatico bancarellaro con negozietto. All'esterno ti butta appresso dvd per lo più da edicola ma anche penso dvd invenduti per secoli e magari gli pesano ,non sò.
all'interno c'è parecchia robbba succosa, edizioni cartonate ecc...
ATTENZIONE, fa anche lo scontrino.

Dopo, visto che ti trovi in zona, fai visita a Michele, chiedi una margherita doppia mozzarella -specificando la cottura 'bionda'- e infine vai in pace.
  • 0

#34 satyajit

satyajit

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6747 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 11 aprile 2007 - 14:26

Purtroppo per me è un po' fuori mano.
  • 0

#35 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 11 aprile 2007 - 14:48

Purtroppo per me è un po' fuori mano.


alla fine è tutto relativo, ho sempre pensato che se un giorno dovessi allontanarmi da Napoli qualche volta dovrò necessariamente fare una trasferta per far visita a Michele, così come oggi ogni tanto faccio trasferte per qualche concerto.
Non si vive di solo cinema e musica.
  • 0

#36 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14071 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2007 - 07:36

Farlo vedere nella scuola dell'obbligo? Be', metterlo in commercio sarebbe comunque un inizio! ::) Da quello che ho capito non si può definire propriamente "fuori catalogo", è che proprio non ne è mai stata fatta un'edizione italiana in dvd!


No esiste, la biblioteca della mia città ce l'ha in DVD.

E' strano, Kurosawa è uno degli autori che mi hanno fatto innamorare del cinema come arte e non solo come spettacolo, eppure mi rendo conto di aver visto pochi film suoi, e quasi tutti molti anni fa in una rassegna estiva di raitre (la domenica a mezzogiorno, mi ricordo). CANE RANDAGIO mi fece letteralmente impazzire, ricordo che alla resa dei conti finale trattenevo veramente il respiro... che capolavoro!

Voglio ricordare anche il picaresco e divertentissimo LA FORTEZZA NASCOSTA che servirà da modello al Lucas di Guerre Stellari e i pluri-parafrasato LA SFIDA DEL SAMURAI. 

Recentemente ho visto il bellissimo L'ANGELO UBRIACO da cui esce l'enorme debito che Kitano ha ne suoi confronti come costruzione dei personaggi.   
  • 0

#37 Flight

Flight

    cosa rimane dentro noi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1039 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 12 aprile 2007 - 08:40


Recentemente ho visto il bellissimo L'ANGELO UBRIACO da cui esce l'enorme debito che Kitano ha ne suoi confronti come costruzione dei personaggi.   


non posso scindere l'arte di Kurosawa di questi film dalla maschera di Toshiro Mifune..

un mio scritto desunto dalla lettura di una mono sul regista:

I personaggi convenzionali non fanno per Kurosawa. Egli esige una maggiore complessità e scontri di carattere, per svolgere un intreccio coinvolgente e verosimile.
Ne L??angelo ubriaco, memorabile è il rapporto di odio-amicizia, di attrazione e rifiuto, tra i due protagonisti: un attempato medico e un giovane boss della mala.
Il regista ebbe modo di conoscere un dottore alcolizzato. Tale incontro si rivelò determinante per lui: affascinato dalla conoscenza della natura umana del medico, decise di narrarne la personalità nella sua opera.
??Il burattino del giovane dottore umanitario andò in pezzi. Finalmente entrava in scena l??angelo ubriaco, il personaggio prese vita immediatamente, cominciò a respirare e a muoversi. Era un uomo sulla sessantina, un dottore alcolizzato con una clinica di sua proprietà. Voltando le spalle alla fama e alla ricchezza, si era stabilito fra la gente comune. (?) A chi gli parlava con arroganza, egli ribatteva sempre con brutalità; ma sotto quelle apparenze trascurate, nascondeva un cuore d??oro?.
L??angelo ubriaco è anche il film che segna l??esordio di Toshiro Mifune, l??attore prediletto di Akira Kurosawa. Il sodalizio tra attore e regista fu tra i più equilibrati e fruttuosi, e durò quasi vent??anni.

Mifune divenne celebre per l??incarnazione di moltissime maschere tragiche del cinema di Kurosawa, in parte ispirate dal teatro shakespeariano.
Sono figure spavalde, boriose e crude, dal destino avverso, ma autentiche e vive come pochi altri personaggi visti prima d??allora al cinema, col sangue che ribolle nelle vene, al limite del parossismo. Oltre alla singolare espressività, Mifune mostrava senso del ritmo e fine sensibilità.

  • 0
fabio

#38 sud afternoon

sud afternoon

    Si legge sud afternùn.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2857 Messaggi:

Inviato 12 aprile 2007 - 20:29


Farlo vedere nella scuola dell'obbligo? Be', metterlo in commercio sarebbe comunque un inizio! ::) Da quello che ho capito non si può definire propriamente "fuori catalogo", è che proprio non ne è mai stata fatta un'edizione italiana in dvd!


No esiste, la biblioteca della mia città ce l'ha in DVD.


Sì, è stato pubblicato, l'ho segnalato qui: http://www.ondarock....p?topic=3227.40

Dall'apertura di questo thread ho approfondito un po' Kurosawa (ma la mia idiosincrasia per il cinema è rimansta immutata  asd). Il mio preferito resta l'eccezionale I sette samurai,un'estasi ad ogni visione, seguito a raffica da quel capolavoro di Rashomon e dallo spassosissimo La sfida del samurai. Belli anche Cane Randagio, L'angelo ubriaco e Vivere, anche se devo rivedere meglio gli ultimi due (specie Vivere mi ha lasciato un po' l'amaro in bocca, forse le aspettative erano esagerate, ma il giudizio non è certo definitivo). Apprezzo anche Dersu Uzala, e di là ho il dvd di Barbarossa che mi aspetta...  ;)

Non ho voglia di dilungarmi, ma credo ormai di avere un'attrazione praticamente fisica per Toshiro Mifune

Immagine inserita

  • 0

#39 Disposable Hero

Disposable Hero

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3768 Messaggi:

Inviato 10 febbraio 2008 - 00:14

Giusto per non aprire altre discussioni (e così evito di dover controllare se c'è scritto altrove  asd), in edicola ci sono i film di Kurosawa a 10 euro. Non son certo pochi, ma considerando che per arrivare a piazza Garibaldi e tornare indietro se ne vanno otto euro circa di treno...  :-\

Per ora sono usciti
1)I sette samurai
2)La sfida del samurai
3)Kagemusha

A seguire
La fortezza nascosta, Dersu Uzala, Rashomon, ecc ecc.

  • 0

#40 Guest_miamotutti_*

Guest_miamotutti_*
  • Guests

Inviato 10 febbraio 2008 - 00:40

Giusto per non aprire altre discussioni (e così evito di dover controllare se c'è scritto altrove  asd), in edicola ci sono i film di Kurosawa a 10 euro. Non son certo pochi, ma considerando che per arrivare a piazza Garibaldi e tornare indietro se ne vanno otto euro circa di treno...  :-\

Per ora sono usciti
1)I sette samurai
2)La sfida del samurai
3)Kagemusha

A seguire
La fortezza nascosta, Dersu Uzala, Rashomon, ecc ecc.


Ecco, io invece me li sono fatti scaricare ( :P); però, non conoscendo questo regista, non so da quale film partire. So bene che I sette samurai è il suo film più importante, ma dura più di tre ore. Qualcuno di voi potrebbe consigliarmi un approccio più morbido? 




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq