Vai al contenuto


- - - - -

Robert Wyatt [Monografia]


  • Please log in to reply
52 replies to this topic

#1 Guest_freakout93_*

Guest_freakout93_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2008 - 15:10

non pensate che sia troppo spesso sottovalutato?secondo me andrebbe considerato molto di più...

#2 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4680 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 17 ottobre 2008 - 15:21

in generale sì.
qui dentro penso abbia molti estimatori
  • 0

#3 Guest_dub_housing_*

Guest_dub_housing_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2008 - 17:41

ha sempre vissuto all'ombra della fama dei pink floyd. non credo che fosse la sua principale preoccupazione. ricordo una sua frase su top of the pops

#4 Guest_freakout93_*

Guest_freakout93_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2008 - 17:44

bah a me sul sito sembra un pò trascurato...non c'è neanche una sua scheda...

#5 Guest_Terzo_*

Guest_Terzo_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2008 - 18:18

The End Of An Ear è un capolavoro di proporzioni cosmiche, per quando mi riguarda fra i 20 dischi più immensi di sempre.

#6 bosforo

bosforo

    ¬`¬

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18547 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 18:20

bah a me sul sito sembra un pò trascurato...non c'è neanche una sua scheda...


due recensioni, una pietra miliare, un'intervista e ottimi piazzamenti nelle classifiche del forum; non mi sembra un esempio di trascuratezza!  :)
  • 0

#7 Guest_Julian_*

Guest_Julian_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2008 - 18:41

Anche per me si tratta di un grande artista, che ha realizzato almeno due capolavori assoluti come "End of an Ear" e "Rock Bottom", più un lavoro interessante con i Matching Mole.
Non conosco molto il resto della produzione, ho sempre temuto una cocente delusione (a parte l'ultimo "Comicopera", che ho trovato meno peggio di altri utenti ma che certo non mi sognerei di definire capolavoro).

#8 blackwater

blackwater

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14969 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 18:45

Anche per me si tratta di un grande artista, che ha realizzato almeno due capolavori assoluti come "End of an Ear" e "Rock Bottom", più un lavoro interessante con i Matching Mole.
Non conosco molto il resto della produzione, ho sempre temuto una cocente delusione (a parte l'ultimo "Comicopera", che ho trovato meno peggio di altri utenti ma che certo non mi sognerei di definire capolavoro).


Almeno Old Rottenhat (1985) e Dondestan (1992) sono capitoli da avere. Secondo me, senza se e pure senza ma.
  • 0

... sei solo chiacchiere e Baraghini 

 


#9 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23954 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 18:54

The End Of An Ear è un capolavoro di proporzioni cosmiche, per quando mi riguarda fra i 20 dischi più immensi di sempre.


Il mio preferito di Wyatt, ma non un capolavoro cosmico direi. Per Rock Bottom io sono la pecora nera di tutto il web. Ancora non mi piace come dovrebbe, ancora poco.
Un altro che adoro, piuttosto, è il successivo "Ruth is stranger than Richard" (sbavàz!!)
Per il resto sì, è molto sottovalutato, e qui su Ondarock nemmeno "valutato".

Anche per me si tratta di un grande artista, che ha realizzato almeno due capolavori assoluti come "End of an Ear" e "Rock Bottom", più un lavoro interessante con i Matching Mole.
Non conosco molto il resto della produzione, ho sempre temuto una cocente delusione (a parte l'ultimo "Comicopera", che ho trovato meno peggio di altri utenti ma che certo non mi sognerei di definire capolavoro).


Anche io ero scettico sul resto della produzione, ma sono stato smentito non da uno, non da due bensì da 3 dischi della sua produzione "seconda": Shleep, Cuckooland (meravigliosissimo) e Comicopera (moooooolto bello pure quello). Fìdati.
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#10 supersonicsoul

supersonicsoul

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 431 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 19:42

Non dimentichiamo poi quello che ha combinato coi Soft Machine: II è un capolavoro e "Moon in June" sul terzo non è da meno.
  • 0

#11 Embryo

Embryo

    Enciclopedista

  • Moderators
  • 8339 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 19:48

Per il resto sì, è molto sottovalutato, e qui su Ondarock nemmeno "valutato".


Ma scherzate o cosa?
  • 0
nobody knows if it really happened

At this range, I'm a real Frederick Zoller.

La birra è un perfetto scenario da sovrappopolazione: metti una manciata di organismi in uno spazio chiuso con più carboidrati di quanti ne abbiano mai visti e guardali sterminarsi con gli scarti che producono - nel caso specifico, anidride carbonica e alcol. E poi, alla salute!

#12 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2411 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 20:16

Io segnalo The Hapless Child, musiche di Michael mantler e voce di Wyatt su testi (di cui ignoro il significato) di un poeta.
Alla batteria De Johnnette al basso Stave Swallow, pianoforte di Carla Bley e chitarra di Terje Rypdal. Se non un capolavoro un disco obbligatorio per tutti i fan di Wyatt.

Poi il misconosciuto Un Certo Discorso, titolo tratto dall' omonima trasmissione di radio tre che andava in onda all' inizio degli 80.
Si prendeva un grande artista (quelli che mi ricordo che hanno partecipato sono stati Wyatt e Fred Frith) e gli si faceva fare un pò che cazzo gli pareva. Grande radio Radio Tre.
Il cd ricevato è un opera realizzata dal solo Wyatt con voce tastiere e vari nastri su cui sovraincideva la sua voce (non ho mai capito se in tempo reale o meno). Lo scoprii quasi per caso, piacerà agli estimatori di End of an Ear, per me è un altro disco comunque obbligatorio.

Da citare anche EPs, raccolta di vari brani tra cui spicca un immensa Shipbuilding originariamente scritta e cantata da Costello, Round Midnight e altri brani di cui non ricordo il titolo e mi fa fatica andare a ricercare.


  • 0

#13 woody

woody

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2411 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 20:18

Qui un live di Shipbuilding, forse la versione studio è anche meglio, ma non saprei scegliere.

http://www.youtube.c...h?v=B6T9qp9XbRY
  • 0

#14 gigiriva

gigiriva

    ï͂͑̉͆ͧͮͩ̓ͧ̒͒̉̎̂̊͆͑͐̊̓̊̅ͭ͗̐̄̏̾̄͊

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 17729 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 20:29

Segnalo questo articolo, impossibile da trovare con google:

http://www.sands-zin...art.php?id=1205

interessante anche la "compilation virtuale" in fondo, dove vengono segnalate anche le collaborazioni di Wyatt al di fuori dei suoi gruppi storici, alcune sono tra le cose migliori che abbia mai inciso, per esempio i tre pezzi che ha cantato per l'album Songs di John Greaves, davvero irrinunciabili.
  • 0

rym |


#15 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23954 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 20:56

"Moon in June" sul terzo non è da meno.


SOLO QUELLA? "Third" è un capolavoro di dimensioni mastodontiche (in tutti i sensi), il massimo che la scena di Canterbury abbia offerto (e parliamo quindi anche di roba come i Caravan..). E non solo per "Moon in June".  :)
  • 1

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#16 Guest_telegram_*

Guest_telegram_*
  • Guests

Inviato 17 ottobre 2008 - 22:11

"Third" è un capolavoro di dimensioni mastodontiche (in tutti i sensi), il massimo che la scena di Canterbury abbia offerto (e parliamo quindi anche di roba come i Caravan..)

Per quel che mi riguarda invece cinque secondi presi a caso da uno dei primi tre dischi dei Caravan si magnano quella lagna di "Third" a colazione. asd

#17 paloz

paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23954 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 22:22

quella lagna di "Third"


BANNATELO.

( O_O)
(Senza offesa per i Caravan, eh)
  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#18 fems

fems

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 107 Messaggi:

Inviato 17 ottobre 2008 - 23:21

Poi il misconosciuto Un Certo Discorso, titolo tratto dall' omonima trasmissione di radio tre che andava in onda all' inizio degli 80.
Si prendeva un grande artista (quelli che mi ricordo che hanno partecipato sono stati Wyatt e Fred Frith) e gli si faceva fare un pò che cazzo gli pareva. Grande radio Radio Tre.
Il cd ricevato è un opera realizzata dal solo Wyatt con voce tastiere e vari nastri su cui sovraincideva la sua voce (non ho mai capito se in tempo reale o meno). Lo scoprii quasi per caso, piacerà agli estimatori di End of an Ear, per me è un altro disco comunque obbligatorio.

dove si trova?  :-[
  • 0

#19 Plozzer

Plozzer

    Haddaway

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5394 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2008 - 09:06

Almeno Old Rottenhat (1985) e Dondestan (1992) sono capitoli da avere. Secondo me, senza se e pure senza ma.


Anche 'Shleep', aggiungerei.
  • 0

Whatever you do, don't


#20 sanctio

sanctio

    Michele Saran

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3651 Messaggi:

Inviato 18 ottobre 2008 - 09:18

Anche 'Shleep', aggiungerei.


ma anche Cuckooland e Comicopera, se è per questo. tutti lavori di una medietà imbarazzante, se paragonati alle vette della musica contemporanea che ha saputo produrre.

mik
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq