Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Valerio Zurlini


  • Please log in to reply
85 replies to this topic

#21 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 07 marzo 2008 - 15:07

Segnalo la densa monografia di Francesco Savelloni La spiaggia nel deserto. I film di Valerio Zurlini, Firenze Atheneum, 2007, pp. 139, 13 euro e 20.

Impostazione filosofica un po' cazzuta ma scrittura molto sentita, il che fa sempre piacere. E poi ogni sforzo di rivalutazione zurliniana è degno del massimo rispetto, checché i compilatori di liste salvifiche vadano escludendo.


io avevo letto la monografia del castoro, uscita pochi anni fa... completa ma niente di eccezionale...

sto cercando una versione decente de la prima notte di quiete sul mulo (magari qualche santo che ha rippato il dvd francese con l'audio in italiano), la mia vecchia vhs mondadori fa schifo...

#22 Flight

Flight

    cosa rimane dentro noi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1039 Messaggi:
  • LocationRoma

Inviato 07 marzo 2008 - 15:13

sto cercando una versione decente de la prima notte di quiete sul mulo (magari qualche santo che ha rippato il dvd francese con l'audio in italiano), la mia vecchia vhs mondadori fa schifo...


come già dalla pagina precedente, ho letto che la versione francese del film, chiamata "Le Professeur" è stata rimontata e ridotta di durata; con finale diverso per divergenze a quanto pare, tra Delon che produceva in Francia, e Zurlini. Chi sa di più riferisca...insomma, rischi di guardarti tutt'altro film. Io l'ho rimediata in italiano proprio via equina, e la qualità è quella dell'avatar di corey... ;)

ah, ça va sans dire, procurerò questa nuova mono.
  • 0
fabio

#23 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 07 marzo 2008 - 15:22


sto cercando una versione decente de la prima notte di quiete sul mulo (magari qualche santo che ha rippato il dvd francese con l'audio in italiano), la mia vecchia vhs mondadori fa schifo...


come già dalla pagina precedente, ho letto che la versione francese del film, chiamata "Le Professeur" è stata rimontata e ridotta di durata; con finale diverso per divergenze a quanto pare, tra Delon che produceva in Francia, e Zurlini. Chi sa di più riferisca...insomma, rischi di guardarti tutt'altro film. Io l'ho rimediata in italiano proprio via equina, e la qualità è quella dell'avatar di corey... ;)


wow... ottima versione quindi... io ne avevo trovata sul mulo una rippata dalla rai (pessima)e una rippata dalla vhs (che avevo già proprio come vhs, altrettanto pessima)... spero di trovare la vers a cui alludi

#24 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 07 marzo 2008 - 15:42


Segnalo la densa monografia di Francesco Savelloni La spiaggia nel deserto. I film di Valerio Zurlini, Firenze Atheneum, 2007, pp. 139, 13 euro e 20.

Impostazione filosofica un po' cazzuta ma scrittura molto sentita, il che fa sempre piacere. E poi ogni sforzo di rivalutazione zurliniana è degno del massimo rispetto, checché i compilatori di liste salvifiche vadano escludendo.


io avevo letto la monografia del castoro, uscita pochi anni fa... completa ma niente di eccezionale...

sto cercando una versione decente de la prima notte di quiete sul mulo (magari qualche santo che ha rippato il dvd francese con l'audio in italiano), la mia vecchia vhs mondadori fa schifo...


Sono perfettamente d'accordo con te sul castoro cinema, niente da aggiungere. Questa monografia invece è meno cinefila (e pertanto meno completa) ma senz'altro più partecipata. Insomma, un bel complemento bibliografico.
Comunque i testi più interessanti a mio avviso restano la monografia curata da Sergio Togffetti (Lindau, 1993) e, soprattutto, La prima notte di quiete di Valerio Zurlini. Un viaggio ai limiti del giorno, pubblicato nel 2000 dalla Lindau in occasione del restauro della pellicola.

Di altre pubblicazioni di rilievo non so.

Attenzione alle versioni che circolano de La prima notte di quiete: anche quelle in apparenza più integre sono mancanti di alcune inquadrature (la conferma ce l'ho avuta guardando una vhs registrata da rai tre alcuni anni fa.

E attenzione anche a questo: il film è in programmazione su Raisat Cinema (fatte salve variazioni).

- mar, 11/3 - 21:00, Raisat Cinema

- sab, 15/3 - 13:30, Raisat Cinema

- mar, 18/3 - 18:50, Raisat Cinema (il 18 marzo è anche il mio compleanno, mentre Zurlini è nato il 19 marzo, questi son segni ;)).

Io non ho il satellite e non lo potrò registrare, ma se qualche anima caritatevole lo facesse, gliene sarei eternamente grato.
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#25 Guest_eustache_*

Guest_eustache_*
  • Guests

Inviato 07 marzo 2008 - 15:47



Segnalo la densa monografia di Francesco Savelloni La spiaggia nel deserto. I film di Valerio Zurlini, Firenze Atheneum, 2007, pp. 139, 13 euro e 20.

Impostazione filosofica un po' cazzuta ma scrittura molto sentita, il che fa sempre piacere. E poi ogni sforzo di rivalutazione zurliniana è degno del massimo rispetto, checché i compilatori di liste salvifiche vadano escludendo.


io avevo letto la monografia del castoro, uscita pochi anni fa... completa ma niente di eccezionale...

sto cercando una versione decente de la prima notte di quiete sul mulo (magari qualche santo che ha rippato il dvd francese con l'audio in italiano), la mia vecchia vhs mondadori fa schifo...


Sono perfettamente d'accordo con te sul castoro cinema, niente da aggiungere. Questa monografia invece è meno cinefila (e pertanto meno completa) ma senz'altro più partecipata. Insomma, un bel complemento bibliografico.
Comunque i testi più interessanti a mio avviso restano la monografia curata da Sergio Togffetti (Lindau, 1993) e, soprattutto, La prima notte di quiete di Valerio Zurlini. Un viaggio ai limiti del giorno, pubblicato nel 2000 dalla Lindau in occasione del restauro della pellicola.

Di altre pubblicazioni di rilievo non so.

Attenzione alle versioni che circolano de La prima notte di quiete: anche quelle in apparenza più integre sono mancanti di alcune inquadrature (la conferma ce l'ho avuta guardando una vhs registrata da rai tre alcuni anni fa.

E attenzione anche a questo: il film è in programmazione su Raisat Cinema.

- mar, 11/3 - 21:00, Raisat Cinema

- sab, 15/3 - 13:30, Raisat Cinema

- mar, 18/3 - 18:50, Raisat Cinema (il 18 marzo è anche il mio compleanno, mentre Zurlini è nato il 19 marzo, questi son segni ;))

Io non ho il satellite e non lo potrò registrare, ma se qualche anima caritatevole lo facesse, gliene sarei eternamente grato.


certo... il libro della lindau era stato il primo che avevo preso di zurlini... quello in occasione del restauro lo avevo solo sfogliato, ma non lo avevo comprato...
purtroppo non ho nemmeno io raisat

#26 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 19 marzo 2008 - 09:28

Segnalo la mia recensione della monografia scritta da Francesco Savelloni:

http://www.spietati....nel_deserto.htm

Buona lettura.
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#27 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 19 marzo 2008 - 11:27

Avverto: ho un filo esagerato, eh!  :)

Comunque è una lettura non sterile, dal momento che Savelloni conosce molto bene i film di cui parla e traccia dei percorsi di sicura intuizione, soprattutto quando prende in considerazione i personaggi e la loro evoluzione nel corpus cinematografico zurliniano.
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#28 Jules

Jules

    Pietra MIliare

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 22342 Messaggi:

Inviato 19 marzo 2008 - 13:30

Immagine inserita
  • 0

#29 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 14 dicembre 2008 - 09:26

Per prepararsi alla registrazione/visione del capo d'opera zurliniano che verrà trasmesso domani notte alle 3.00 su Rai 1, ecco una recensione incentrata sullo stile e non sugli aspetti meramente contenutistici, ossia non basata su cosa tratta il film, ma su come lo tratta.

http://www.spietati....-50.htm#filmtv4

Buona, intrepida lettura
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#30 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 26 marzo 2009 - 08:05

http://www.youtube.c...feature=related
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#31 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 26 marzo 2009 - 08:35

Che bello rivedere certe cose prima di andare a lavorare...il cappotto cammello e Alain Delon sono tutt'uno con quella Rimini livida.
  • 0

#32 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 21 giugno 2009 - 22:58

Martedì mattina, ore 9.15 su Rai 3, verrà trasmesso Cronaca familiare, insieme a La prima notte di quiete il capo d'opera di Valerio Zurlini.

Immagine inserita

Per chi ne volesse sapere di più, ne ho scritto qui:

http://www.spietati....-24.htm#filmtv7

Buona lettura e, soprattutto, buona visione.
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#33 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 22 giugno 2009 - 08:27

Martedì mattina, ore 9.15 su Rai 3, verrà trasmesso Cronaca familiare, insieme a La prima notte di quiete il capo d'opera di Valerio Zurlini.

Immagine inserita

Per chi ne volesse sapere di più, ne ho scritto qui:

http://www.spietati....-24.htm#filmtv7

Buona lettura e, soprattutto, buona visione.


Complimenti, Corey. Complimenti davvero. Ottimo lavoro. Uno dei film di Zurlini più affascinanti e complessi.
  • 0

#34 corey

corey

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1732 Messaggi:

Inviato 22 giugno 2009 - 09:31

Grazie Dazed, onorato della tua approvazione. Anche se l'opera di Zurlini basta a se stessa, rimarcarne l'eccezionalità ogni qual volta se ne presenti l'occasione è assolutamente indispensabile (altrimenti persevera il cliché del regista minore debitore della ricerca figurativa di Antonioni e della melodrammaticità di Visconti).

Totalmente d'accordo con quanto dici. Lo squisito struggimento di Cronaca familiare è tra i risultati più alti della scarna filmografia zurliniana. Trovo poi che in questo film la sintesi tra musica e immagini, solitamente concentrata in sequenze di avvolgente suggestività (il ballo tra Eleonora Rossi Drago e Jean-Louis Trintignant sulle note del sax in Estate violenta, o la scala discesa da Claudia su quelle di "Celeste Aida" in La ragazza con la valigia), sia portata al più alto grado di dilatazione drammatica (tant'è che la pervasiva partitura di Petrassi prende il posto della singola sequenza musicata).

A questo punto non resta che sperare in una buona copia (l'ideale sarebbe la qualità dell'ultima trasmissione de La prima notte di quiete): le versioni che si trovano in giro sono orrendamente mutilate dal punto di vista della durata (108' anziché 122') e barbaramente sfigurate da quello del formato (l'adattamento allo schermo televisivo amputa i margini laterali dell'immagine, soffocando la composizione del quadro). Domattina vedremo.
  • 0
i periti hanno dimostrato che non vi è alcuna certezza.

#35 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 22 giugno 2009 - 11:39

Grazie Dazed, onorato della tua approvazione. Anche se l'opera di Zurlini basta a se stessa, rimarcarne l'eccezionalità ogni qual volta se ne presenti l'occasione è assolutamente indispensabile (altrimenti persevera il cliché del regista minore debitore della ricerca figurativa di Antonioni e della melodrammaticità di Visconti).

Totalmente d'accordo con quanto dici. Lo squisito struggimento di Cronaca familiare è tra i risultati più alti della scarna filmografia zurliniana. Trovo poi che in questo film la sintesi tra musica e immagini, solitamente concentrata in sequenze di avvolgente suggestività (il ballo tra Eleonora Rossi Drago e Jean-Louis Trintignant sulle note del sax in Estate violenta, o la scala discesa da Claudia su quelle di "Celeste Aida" in La ragazza con la valigia), sia portata al più alto grado di dilatazione drammatica (tant'è che la pervasiva partitura di Petrassi prende il posto della singola sequenza musicata).

A questo punto non resta che sperare in una buona copia (l'ideale sarebbe la qualità dell'ultima trasmissione de La prima notte di quiete): le versioni che si trovano in giro sono orrendamente mutilate dal punto di vista della durata (108' anziché 122') e barbaramente sfigurate da quello del formato (l'adattamento allo schermo televisivo amputa i margini laterali dell'immagine, soffocando la composizione del quadro). Domattina vedremo.


Amo profondamente Zurlini, per una serie di motivi.
Mi dispiace ancora sentirne parlare come  un regista minore, debitore verso Antonioni e Visconti. In realtà, Zurlini ha una sua precisa estetica, un gusto mirabolante e sublime di esprimere la dilatazione drammatica, come dici giustamente tu. Per non parlare del contrappunto musicale di alcune scene, le cui vette più alte sono proprio quelle che hai descritto, la scena del ballo ne L'estate violenta e la scala discesa da Claudia Cardinale, sulle note dell'Aida. Ne La ragazza con la valigia c'è un'altra scena magistrale, da questo punto di vista: lo sguardo attonito, innocente, sbigottito di Perrin, reso con un primissimo piano,  quando Claudia balla con un altro uomo. Il registro, la gamma di emozioni che passa in quello sguardo è incredibile.
Speriamo domani avrai la versione integrale del film.
Ho visto Cronaca familiare due anni fa in Piazza Maggiore, a Bologna, per la rassegna Il cinema ritrovato.
Dedicarono gran parte del festival a Zurlini, con mia immensa gioia. Presentò alcuni film proprio la figlia di Valerio Zurlini. Era previsto anche l'arrivo di Perrin, che diede forfait.


  • 0

#36 popten

popten

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4675 Messaggi:
  • LocationCampania

Inviato 23 giugno 2009 - 09:05

Martedì mattina, ore 9.15 su Rai 3, verrà trasmesso Cronaca familiare, insieme a La prima notte di quiete il capo d'opera di Valerio Zurlini.

Immagine inserita

Per chi ne volesse sapere di più, ne ho scritto qui:

http://www.spietati....-24.htm#filmtv7

Buona lettura e, soprattutto, buona visione.


PAPA' me lo sta registrando, spero!
quindi presto conto di vederlo!
  • 0

#37 William Blake

William Blake

    Titolista ufficiale

  • Redattore OndaCinema
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16384 Messaggi:

Inviato 23 giugno 2009 - 10:07

Martedì mattina, ore 9.15 su Rai 3, verrà trasmesso Cronaca familiare, insieme a La prima notte di quiete il capo d'opera di Valerio Zurlini.

Immagine inserita

Per chi ne volesse sapere di più, ne ho scritto qui:

http://www.spietati....-24.htm#filmtv7

Buona lettura e, soprattutto, buona visione.


grazie, l'ho finito di vedere poco fa e mi sono precipitato a leggere la puntuale recensione. davvero poco da aggiungere, un film in cui la distanza (dello sguardo della mdp) reifica il linguaggio affettivo, che si palesa solo nei momenti di più struggente vicinanza. da brividi il movimento di macchina che precede all'immagine postata.
Davvero eccezionale Mastroianni, in uno dei suoi ruoli più misurati.
  • 0
Ho un aspetto tremendo, e non bado a vestirmi bene o a essere attraente, perché non voglio che mi capiti di piacere a qualcuno. Minimizzo le mie qualità e metto in risalto i miei difetti. Eppure c'è lo stesso qualcuno a cui interesso: ne faccio tesoro e mi chiedo: "Che cosa avrò sbagliato?"

#38 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 14067 Messaggi:

Inviato 23 giugno 2009 - 10:12

Anche se avrei dovuto lavorare me lo sono visto (vedere i film di mattina ha un che di trasgressivo, di salutare perdita di tempo). Davvero bellissimo. Personalmente lo preferisco a "La prima notte di quiete", che mi è parecchio piaciuto, ma aveva anche quella pesantezza, quello sfilacciamento tipico dei film italiani anni '70 che non sempre mi prende bene. E poi va beh, a pari capotto e cicca in bocca, un Delon per me non vale un Mastroianni.

Molto bello anche "Le soldatesse", visto qualche mese fa, con un cast femminile da restarci secchi. Straordinaria la prima ora e mezza di "donne verso l'ignoto" di wellmaniana memoria e tensione quasi western (non a caso con al centro della scena un mitologico Tomas Milian pre-Cuchillo). Solo nell'ultima mezz'ora si scade nel didascalico, ma visto che è uno dei pochi film (l'unico?) che denucia senza mezze misure i crimini di guerra degli italiani "brava gente", personalmente gli perdono tutto.

Dei lungometraggi ormai mi manca solo "Seduto alla sua destra".
  • 0

#39 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 23 giugno 2009 - 11:06

Anche se avrei dovuto lavorare me lo sono visto (vedere i film di mattina ha un che di trasgressivo, di salutare perdita di tempo). Davvero bellissimo. Personalmente lo preferisco a "La prima notte di quiete", che mi è parecchio piaciuto, ma aveva anche quella pesantezza, quello sfilacciamento tipico dei film italiani anni '70 che non sempre mi prende bene. E poi va beh, a pari capotto e cicca in bocca, un Delon per me non vale un Mastroianni.

Molto bello anche "Le soldatesse", visto qualche mese fa, con un cast femminile da restarci secchi. Straordinaria la prima ora e mezza di "donne verso l'ignoto" di wellmaniana memoria e tensione quasi western (non a caso con al centro della scena un mitologico Tomas Milian pre-Cuchillo). Solo nell'ultima mezz'ora si scade nel didascalico, ma visto che è uno dei pochi film (l'unico?) che denucia senza mezze misure i crimini di guerra degli italiani "brava gente", personalmente gli perdono tutto.

Dei lungometraggi ormai mi manca solo "Seduto alla sua destra".


Quoto anche le virgole.
  • 0

#40 dazed and confused

dazed and confused

    festina lente

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6082 Messaggi:

Inviato 23 giugno 2009 - 12:19

Lunedì prossimo in prima serata (viva l'estate!):
21.10 La7 Il deserto dei tartari (1976) di Valerio Zurlini con Jacques Perrin, Vittorio Gassman, Philippe Noiret, Francisco Rabal


Imperdibile!!! Non vedo l'ora!
  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq