Vai al contenuto


Foto
- - - - -

100.000.000.000 di Euro- [ Agg. 155 Miliardi di Euro]


  • Please log in to reply
59 replies to this topic

#21 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 25 settembre 2007 - 14:07

Finalmente ieri sera la trasmissione satirica "Striscia la Notizia" è andata nella redazione del Secolo XIX per far ricostruire in prima serata questa incredibile vicenda,confermando tutti i fatti e documentando in video il comportamento di Visco.
Chissà che serva a portare davanti alle proprie responsabilità gli artefici,finora ultraprotetti dal sistema di questa,che ad oggi risulta essere la più grande evasione fiscale di tutti i tempi.


Buon divertimento !

http://www.video.med...o&from=striscia
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#22 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 03 ottobre 2007 - 10:12

http://www.video.med...o&from=striscia

Seconda puntata del servizio di Striscia dedicato alla maxievasione.

Notate che-essendo l'evasione appurata da "Corte dei Conti" e "Guardia di Finanza",nonchè documentata e giacente sulla scrivania di Visco- l'efficiente Prodi avvicinato da Morello afferma di essere effettivamente a conoscenza di qualcosa che ha a che fare con la questione.E che l'ha saputo in questi ultimi giorni perchè ha ricevuto molte E-Mail !!!

Se non cadrà questo governo di buffoni entro pochi giorni,Pinocchio-Prodi darà la colpa della bancarotta al Gatto & la Volpe.
Francamente questo va di molto oltre il berlusconismo.....
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#23 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 04 ottobre 2007 - 18:24

E dire che questo forum pullula,o forse è d'uopo dire pullulava,di persone che lanciavano slogan del tipo "manette agli evasori".
Ci pensi chi tra qualche giorno o mese s'azzarderà a formulare ipotesi sull'incessante crescita del debito pubblico affermando che la colpa è degli evasori fiscali...eh si perchè passi l'incoerenza ma nascondersi dietro l'omertà manifestata dai propri beniamini al governo è smisuratamente autodegradante...
Era meglio non aver mai detto cose simili...vero cari i miei "anche i ricchi piangano" ?
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#24 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 12 ottobre 2007 - 12:12

Tira aria di condono...  :-\

Con governo e opposizione che si comportano...come il forum.

http://www.ilsecolox...9a-0003badbebe4

http://www.ilsecolox...58-0003badbebe4

Tutta la storia :
http://www.ilsecolox...8-0003badbebe4" title="www.ilsecoloxix.it">http://www.ilsecolox...003badbebe4</a>

  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#25 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 03 aprile 2008 - 11:55

La storia(questa è una parte) viene ora ripresa da Calaudio Gatti per "Le Ore 24 Sole". Gatti,quello osannato quando s'infiltra tra i clandestini nei CPT o nei campi di pomodori con altri clandestini in Puglia,fatti fuori perchè tentano di scappare dalla schiavitù e oggi completamente ignorato in qualità di curioso tra altri poteri forti,evidentemente maggiormente mafiosi e trasversali.
:-\
Oddio,ignorato non del tutto,visto che c'è stata la presa di posizione ufficiale di Visco e di Giorgio Tino, (Nipote di Antonio Maccanico)direttore generale dei monopoli di stato.
Presa di posizione a seguito di due puntate dell'inchiesta pubblicate sul quotidiano di confindustria.Per nulla riprese,al solito,da altri organi d'informazione.


LE MANI DELLA MAFIA E CAMORRA SUL GIOCO CLANDESTINO E LE SCOMMESSE LEGALI
LA PROCURA DI PALERMO: INDAGINE ESPLOSIVA SUL GIRO D??AFFARI DEI VIDEO-POKER
RAMIFICAZIONI SOCIETARIE: IL FIGLIO DI MASTELLA E I FRATELLI DI SANDRA LONARDO.


Claudio Gatti per ??Il Sole 24 Ore?

«Il controllo del gioco clandestino e delle scommesse legali». Così sono intitolate le ultime pagine del provvedimento di fermo della Procura di Palermo dell'inchiesta Old Bridge, che nel gennaio scorso ha messo in luce i nuovi collegamenti tra Cosa Nostra e le famiglie mafiose italoamericane. Secondo gli inquirenti, a coordinare l'attività era Maurizio Di Fede, che è stato accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso assieme a Salvatore Lo Piccolo, l'erede di Provenzano arrestato nel novembre scorso.

Ecco che cosa si legge su di lui nell'ordinanza: «Se da un lato Maurizio Di Fede, con la partecipazione attiva dei suoi sodali, coordinava in prima persona il giro d'affari proveniente dalle "macchinette" video-poker, dall'altro le risultanze investigative permettevano di appurare l'interesse, e di conseguenza l'infiltrazione, della cosca mafiosa in quel mercato nuovo e in rapidissima espansione derivato dalla legalizzazione delle scommesse sportive. In tale settore l'organizzazione criminale, ravvedendo grandi margini di profitto direttamente conseguenti alla crescente e rapida diffusione di centri scommesse del tutto legali, interveniva proponendosi, in forma occulta, come socio alla pari di coloro i quali gestivano legalmente i punti scommesse ».

LE INDAGINI SU BETTING 2000
La procura ha identificato due punti scommesse controllati da Di Fede- un bar e un'edicola di Palermo - che operavano grazie alle licenze della stessa società di Napoli, la Betting 2000. E non è stata ritenuta una coincidenza. «Sintomatico appariva in tal senso il fatto che entrambi i punti di scommesse su cui gravava l'ingerenza di Maurizio Di Fede fossero affiliati alla medesima agenzia di accettazione di scommesse», hanno scritto i pm. Altrettanto sintomatico era il fatto che il mafioso avesse accesso ai server della Betting 2000 e poteva quindi verificare personalmente il volume delle giocate e di conseguenza degli incassi di quei punti scommesse.

Betting 2000 era apparso per la prima volta in un articolo del Sole 24 Ore che annunciava gli aggiudicatari dei punti di raccolta scommesse del bando indetto a fine 2006 dall'Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato (Aams). La società napoletana si era aggiudicata ben 57 tra sale e corner (gli angoli di raccolta in esercizi commerciali non dedicati interamente alle scommesse). A colpire tutti gli addetti ai lavori era stata soprattutto la sua offerta per un corner in un paesino del Palermitano, Misilmeri. Pur di ottenere quella concessione aveva pagato 237mila euro, cifra assolutamente spropositata e del tutto diseconomica.

Lo stesso vale per la politica commerciale condotta dalla Betting sul fronte delle scommesse telematiche, che nell'aprile 2007 portò la società napoletana a superare il tetto dei 3.600 punti di vendita. In quel mese la raccolta arrivò a oltre dieci milioni di euro e Betting divenne il maggiore concessionario di scommesse sportive telematiche in Italia.
La procura distrettuale antimafia che indaga su Betting 2000 sta cercando di accertare da dove siano arrivati i capitali. Da quel che risulta al Sole 24 Ore, gli investigatori stanno verificando se la società napoletana sia o meno un punto di collegamento tra la criminalità organizzata siciliana e quella campana.

L'OMBRA DELLA CAMORRA
Da visure camerali sulla proprietà di Betting 2000 risulta che fino all'anno scorso la società è stata di proprietà di una dozzina di membri della stessa famiglia napoletana, quella dei Grasso. Con loro, nella compagine azionaria, c'è da anni anche un commercialista napoletano, Antonio Luciano, che risulta detenere lo 0,08 per cento. Una partecipazione pressocché simbolica. Quasi di presenza.

L'anno scorso i signori Grasso hanno venduto parte delle quote di Betting 2000 che possedevano come persone fisiche a un veicolo da loro controllato, la Meth Srl, di cui è secondo maggior azionista Renato Grasso, un membro della famiglia il cui nome non è mai apparso direttamente in Betting 2000, società che in quanto concessionaria dei Monopoli deve essere al di sopra di ogni sospetto mafioso.

Secondo fonti nel settore delle scommesse sportive, l'amministratore delegato di Betting 2000 Tullio Grasso rappresenta il volto pubblico della famiglia oltre che dell'azienda. Ma in realtà sarebbe proprio suo fratello Renato il deus ex machina dell'intera operazione. Non a caso viene chiamato da molti 'o mast, che in napoletano vuol dire il capo.

A differenza degli altri familiari, Renato Grasso non è incensurato. Il 21 settembre 1993 fu condannato in via definitiva a 4 anni e 9 mesi di reclusione per «estorsione continuata aggravata in concorso». Ma ancora più significativa è l'altra sentenza che lo riguarda, anch'essa confermata in Cassazione e quindi definitiva, datata 13 ottobre 1995. In questo caso si parla di 5 anni e 6 mesi di reclusione per «associazione camorristica pluriaggravata »e collaborazione con«un'organizzazione criminosa dedita alle estorsioni, lo spaccio di stupefacenti, l'organizzazione e la gestione del gioco del lotto clandestino e dei giochi d'azzardo in genere».In particolare, Grasso fu riconosciuto colpevole di imporre con mezzi estorsivi l'utilizzo di videogiochi da lui noleggiati.

Grasso non è l'unico camorrista con cui il commercialista Antonio Luciano, altrimenti noto come Antonello, avrebbe avuto rapporti professionali. Da un'indagine della Direzione distrettuale antimafia di Napoli risulta che Luciano è stato commercialista di una decina di società riconducibili a Vincenzo Maresca, personaggio che la Dda ha presentato come «responsabile della struttura tecnicogestionale delle macchinette di videopoker » per il clan dei Casalesi in un processo oggi a dibattimento presso il tribunale di Santa Maria di Capua Vetere.

Ad aiutarci nella ricostruzione di questo legame è la richiesta di applicazione di misura cautelare avanzata contro Mario Iovine e suo cognato Alfonso Schiavone, del clan dei Casalesi, quello di Francesco Schiavone, detto "Sandokan" e di Stefano Reccia (camorrista al quale è stato sequestrato un punto internet operante su licenza di Betting 2000).

Altro personaggio-chiave è Vincenzo Maresca, accusato di essere «responsabile della struttura tecnico-gestionale delle macchinette » ?? si legge nel documento della Dda ?? e di curarne «la materiale installazione e il ciclico conteggio dei proventi presso i vari esercizi».
«Maresca Vincenzo, utilizzando una struttura collaudata, negli anni 1998-1999, ha operato, pressoché in regime di monopolio, sul territorio di Marcianise relativamente all'installazione di videopoker. Maresca, benché titolare di ditta individuale operante nel settore dei videogiochi, non è risultato mai esserne, ufficialmente, il noleggiatore...

? evidente, quindi, che Maresca Vincenzo disponga di una pletora di piccole ditte individuali a cui ricorre quando se ne appalesa la necessità. Sintomatico,in tal senso,appare l'esito degli accertamenti che sono stati esperiti presso lo studio del commercialista dott. Luciano Antonello con studio in Napoli alla via Francesco Giordani nr. 42. Quivi infatti si accertava che il citato professionista cura la contabilità delle 9 sottoelencate ditte individuali operanti nel settore noleggio videogiochi... Non appare azzardato ipotizzare che gran parte di tali ditte individuali facciano capo al Maresca ».

RAMIFICAZIONI SOCIETARIE
Contattato telefonicamente dal Sole 24 Ore, Luciano ha confermato di aver gestito la contabilità delle ditte citate dalla Procura di Napoli ma ha negato di conoscere Maresca: «Personalmente non lo conosco... Si sa come si svolge il lavoro di commercialista: io tenevo solo la contabilità». Sul suo attuale socio in Betting 2000, Renato Grasso, Luciano aggiunge: «? ormai stato riabilitato. Tant'è che è stato indagato varie altre volte ed è stato sempre assolto».

Ma dalle carte rinvenute dal Sole 24 Ore emerge poi un'altra,forse ancor più significativa, sorpresa. Viene dal nome di una partecipata di Betting 2000: la Sgai Srl. Altro azionista di Sgai è Pellegrino Mastella, primogenito dell'ex ministro della Giustizia. Contattato telefonicamente dal Sole 24 Ore, Pellegrino Mastella ha minimizzato: «Un gruppo di amici mi aveva proposto questo investimento qualche anno fa, e io ho preso una quota di partecipazione dell'1%...io non sapevo neanche da chi è composta la compagine sociale (di Sgai)... ma adesso che lo so, provvederò subito ad uscire».

Ma nella compagine sociale di Sgai ci sono anche gli zii materni, Carlo e Italico Lonardo, fratelli di Sandra Lonardo, presidente del Consiglio regionale della Campania. Il maggior azionista di Sgai è invece Giampiero Pilla, socio di Italico Lonardo in tre altre società del settore giochi.

Il Sole 24 Ore è inoltre in grado di rivelare che Italico Lonardo e il suo socio Giampiero Pilla sono oggetto di indagine da parte della Squadra Mobile di Palermo assieme a personaggi affiliati a un'importante cosca di Palermo, quella di Passo di Rigano. Si tratta di un'indagine avviata su indicazioni fornite da un collaboratore di giustizia che ha confessato di aver lavorato nel settore del gioco.

Tra le varie persone indagate in quella vicenda c'è anche Giuseppe Abbagnato, un palermitano con alle spalle varie condanne in via definitiva per ricettazione, associazione a delinquere, truffa ed esercizio abusivo di gioco d'azzardo. Il suo nome emerge anche in un'altra indagine, questa volta della procura antimafia di Lecce, perché Abbagnato è sospettato di aver partecipato a una cordata che ha sponsorizzato indirettamente la Primal, una società catanese che ha partecipato al bando per le sale scommesse indetto dai Monopoli nel 2006.

La storia della Primal è stata al centro della prima puntata dell'inchiesta del Sole 24 Ore sulle infiltrazioni della criminalità organizzata nel settore del gioco (pubblicata il 15 gennaio scorso).

RISPUNTA PRIMAL
In quell'articolo avevamo rivelato che al bando di gara dell'Aams riguardante 14mila concessioni per punti di raccolta scommesse avevano partecipato soggetti che, come Betting 2000, avevano offerto cifre inaudite. A presentare cinque delle 14 offerte più alte in assoluto era stata la Primal. Che, spendendo quasi 8 milioni e mezzo di euro, si era aggiudicata 24 sale e 71 corner.

La Primal appartiene da anni a Michele Spina, di San Giovanni la Punta, in provincia di Catania, e a sua moglie Donata Genoveffa Ferrara. Ma fino al dicembre 1999 il partner di Spina era stato suo zio, Sebastiano Scuto, noto nella zona come «il re dei supermercati e dei centri commerciali». Il signor Scuto è oggi sotto processo per associazione mafiosa ed estorsione ed è stato accusato da un pentito di fare "da cassaforte" dei Laudani, cosca alleata dei Santapaola.

Per partecipare al bando dei Monopoli del 2006, Spina aveva apparentemente creato una cordata informale che, dall'indagine di Lecce,sembrerebbe includere una trentina di altre persone. Tra queste, oltre appunto ad Abbagnato, su ammissione dello stesso Spina al Sole 24 Ore, c'era anche Saverio De Lorenzis, il cui fratello Salvatore ha ricevuto una condanna in primo grado, confermata in appello e pendente in Cassazione per affiliazione alla Sacra Corona Unita.

Quell'articolo aveva provocato l'irritata risposta di Michele Spina. In una nota diffusa alla stampa, Spina aveva sottolineato «la moralità e la solidità finanziaria della società che rappresento e la sua totale estraneità alle ipotesi riportate nell'articolo ». Spina aveva concluso dicendo che «fare imprenditoria in Sicilia non significa essere mafiosi ». La nota aveva però sorvolato su alcuni dettagli significativi. Dall'inchiesta della procura di Lecce risulta infatti che, oltre a De Lorenzis e Abbagnato, la cordata includeva anche Antonino e Andrea D'Emanuele, il cui obiettivo era quello di usare la Primal per entrare nel business del gioco con la D&D Servizi Globali Srl, società tra loro spartita al 50 per cento.

Possibile che Spina non sapesse chi erano? Difficile, perché a Catania quello dei D'Emanuele non è cognome che passa inosservato. Natale D'Emanuele, capofamiglia e padre di Antonino e Andrea, è infatti il cugino di primo grado di Nitto Santapaola. E soltanto nell'ottobre scorso, Natale e Andrea D'Emanuele sono stati arrestati nell'ambito di un blitz antimafia contro il clan dei Santapaola, la cosiddetta "Operazione Arcangelo". In quell'occasione la Direzione investigativa antimafia ha posto i sigilli a due società di onoranze funebri controllate da Andrea D'Emanuele.

A far parte della cordata della Primal era infine anche la signora Daniela Botta. Di Palermo. E attraverso di lei, si arriva dritti dritti a Cosa Nostra. In che modo? Lo spiega il decreto di fermo e sequestro preventivo depositato nel gennaio scorso dai pm di Palermo che riguarda un'altra cosca legata all'erede di Bernardo Provenzano, Salvatore Lo Piccolo. Il decreto in questione spiega il coinvolgimento di questa cosca nel business del gioco clandestino e di quello legale attraverso il loro uomo di fiducia: Giovanni Botta, fratello di Daniela.

Partendo dalle testimonianze dei due pentiti, gli inquirenti hanno appurato che Botta era riuscito a trovare un canale per ottenere le licenze per punti scommesse da lui poi intestate alla sorella: «Botta Daniela, nata a Palermo il 26.12.1969, sorella di Botta Giovanni, è titolare della licenza per gestire un puntodi gioco sportivo per la commercializzazione di giochi pubblici, sito in Palermo, Piazza Tommaso Natale nr.108. Analoga licenza è stata rilasciata a Botta Daniela per il punto di gioco ubicato in Palermo, Viale Della Resurrezione nr.11, all'interno quindi del cosiddetto "Villaggio Ruffini". In entrambi i casi l'autorizzazione alla commercializzazione dei giochi pubblici è stata rilasciata dalla Primal Srl».
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#26 Notker

Notker

    Scaruffiano

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18302 Messaggi:

Inviato 03 aprile 2008 - 13:43

OT

non sapevo che si potessero aprire blog personali sul forum

asd asd
  • 0
« La schiena si piega solo quando l'anima è già piegata »
(Arturo Toscanini)

molti si chiedono se il pop/rock possa essere una forma d'arte musicale o meno; ebbene, lo è sicuramente... ma solo quando risponde al requisito esposto da Don Van Vliet:
« Non voglio vendere la mia musica. Vorrei regalarla, perché da dove l'ho presa non bisogna pagare per averla »

#27 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 16 maggio 2008 - 10:54

Forse tanto polverone su Travaglio anche per nascondere ste robe...guardatevi l'ultimo servizio del "Gabibbo"...perchè è a questo che siamo.

http://www.video.med...o&from=striscia
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#28 virginia wolf

virginia wolf

    apota

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6639 Messaggi:

Inviato 16 maggio 2008 - 12:36

Però eviti di dire che Giorgio Tino è stato nominato direttore generale dei Monopoli di Stato nel 2002 da Giulio Tremonti, e che fa capo ad Alleanza Nazionale.
Che, secondo le indagini in corso, fra i beneficiari di questa maxi evasione, oltre a società guidate da appartenenti a Cosa Nostra, vi sarebbero società con a capo esponenti di AN.

  • 0
Penso a come contiamo poco, come tutti contino poco; com'è travolgente e frenetica e imperiosa la vita, e come tutte queste moltitudini annaspino per restare a galla.

#29 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 16 maggio 2008 - 14:41

Certo,che problema c'è,il rappresentante legale della maggiore debitrice è appena stato rieletto (meglio rinominato) 20 giorni fa col PDL.
Prodi aveva promesso tolleranza zero...Risultato: tutto sanato.
Proprio per la trasversalità del caso Prodi ha dovuto raccontare l'ennesima bugia.
C'è di mezzo AN ? Bene,datevi da fare allora....
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#30 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 28 aprile 2009 - 10:29

Ecche ingenuo...pensavo si trattasse di licenze aeroportuali o cose simili...

Camorra e mafia controllavano le slot

??Il tesoretto della mafia?, intitolava ilSecolo XIX nella sua edizione del 31 maggio 2007. Prima puntata dell??inchiesta sulle infiltrazioni della criminalità nel settore dei videogiochi, delle macchinette da bar e delle sale bingo. E della vicenda, ancora non conclusa, della maxi-sanzione da 90 miliardi di euro (più di tre leggi finanziarie) inflitta alle società concessionarie delle slot machineEcco il sistema di coperture in Italia. La guardia di Finanza ha confermato quei sospetti. L??inchiesta della procura di Napoli ha aperto uno squarcio inquietante sui giochi (anche quelli ??legali?) in Italia. Camorra e mafia hanno stretto un patto. Il business dei giochi è un salvadanaio sicuro per incrementare i guadagni e riciclare il denaro sporco. Un??invasione silenziosa: sale Bingo, centri di raccolta di scommesse sportive e soprattutto slot machine, disseminate in ogni angolo della penisola. Finiscono in carcere in 29 e tra di loro ci sono anche tre carabinieri.

http://ilsecoloxix.i...vano-slot.shtml


Queste quisquiglie continuano ad'essere talmente marginali da non trovare spazio in nessun altro organo.... STAMPA o TV ..
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#31 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 24 luglio 2009 - 15:20

http://ilsecoloxix.i...i_nessuna.shtml



Nessuna ??sanatoria? sulle sanzioni per il mancato versamento del Preu sulle new slot per il periodo 2004-2007. L??emendamento è stato stralciato dal maxiemendamento governativo al decreto legge anticrisi, su cui il Governo ha annunciato di chiedere la fiducia. Il deputato Pdl Cosimo Ventucci, presidente della Commissione, che aveva presentato l??emendamento, conferma: «La Lega si è impuntata, il ministro Tremonti, ha deciso di ritirarlo»

L??intervento proposto sulle violazioni sul prelievo erariale per gli anni
2004-2007, determinava il pagamento di sanzioni ridotte e l??annullamento del pagamento degli interessi sulle stesse. Per il resto dei provvedimenti in materia di giochi è stato recepito il testo licenziato dalle Commissioni Bilancio e Finanze con la massima aderenza: le differenze, secondo il Presidente della Camera Gianfranco Fini, si limitano alla soppressione di un limitato numero di disposizioni e alcune correzioni di carattere tecnico, per non vanificare il lavoro delle Commissioni stesse tramite la richiesta della fiducia. Entro martedì 28 è prevista la votazione finale.


Stay tuned

  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#32 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 12 ottobre 2010 - 08:30

Novità ?

;D
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#33 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16456 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 12 ottobre 2010 - 12:35

Lo sto seguendo sul Fatto, siamo in attesa di sentenza mi pare. Il consiglio di Stato si è pronunciato, trattasi di una ragazzata bastano due spiccioli. Il pm però sembra uno cazzuto e non ha indietreggiato, 87 miliardi la richiesta. Il pd, il pdl, persino di pietro (a parte Barbato) e la lega, sono tutti zitti. Vicenda davvero inquietante.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#34 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 13 ottobre 2010 - 13:14

Vedremo....

intanto,appunto : http://edicola.ilsec...=2010&giorno=12
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#35 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2010 - 10:11


Maxi penali newslot: Fugatti (Lnp) interroga Tremonti



http://www.gioconews...onti-10242.html

Di seguito il prode venne minacciato in caso di reiterazione delle interrogazioni...
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!

#36 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16456 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 21 ottobre 2010 - 11:02



La vicenda è davvero inquietante, lo Stato che non c'ha una lira nemmeno per la tav o la riforma dell'università, non si accanisce contro le slot machine. Voti non ne portano, quindi ci sarà dell'altro che è facile intuire.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#37 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7477 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2010 - 11:10



La vicenda è davvero inquietante, lo Stato che non c'ha una lira nemmeno per la tav o la riforma dell'università, non si accanisce contro le slot machine. Voti non ne portano, quindi ci sarà dell'altro che è facile intuire.


Sa sempre uno dei modi più facili per "pulire" denaro sporco è l'attività connessa al gioco d'azzardo.
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#38 ucca

ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16456 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 21 ottobre 2010 - 13:04


Appunto è inquietante la vicenda. In parlamento c'è molta gente con le mani in pasta in troppi affari. Il dubbio viene, visto il silenzio assordante di tuttu i partiti tranne l'Italia dei valori.
  • 0

https://www.facebook...sychomusicband/

 

Mettere su un gruppo psichedelico a 40 anni.


#39 joseph K.

joseph K.

    Tout est pardonné

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7477 Messaggi:

Inviato 21 ottobre 2010 - 16:39

Intanto:

http://www.dagospia....icolo-19608.htm
  • 0

Ora l'inverno del nostro scontento è reso estate gloriosa da questo sole di York, e tutte le nuvole che incombevano minacciose sulla nostra casa sono sepolte nel petto profondo dell'oceano.


#40 Russian

Russian

    populista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5964 Messaggi:

Inviato 27 ottobre 2010 - 11:58

....Non si chiamerà più mille proroghe e, come sostiene il popolare quotidiano economico, conterrà anche la regolarizzazione del poker sportivo accanto alle lotterie per giocare il resto della spesa e alla gara per le concessioni online. Ovviamente la novità più popolare potrebbe essere la «lotteria della spesa», alla quale si potrà giocare rinunciando al resto, nei negozi e nei supermercati. Ma nel pacchetto sono attese anche le concessioni per scommesse ippiche e sportive. ...


http://www.gioconews...omia-10579.html

:(
  • 0
FORZA LEGA, FORZA SALVINI!




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq