Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Pensieri Liberi Letterari E Letterati


  • Please log in to reply
20 replies to this topic

#1 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 01 marzo 2024 - 17:46

Visto che tengono il loro topic di pensieri liberi anche le altre sezioni principali, pensavo bene di aprirne una anche qua. Poi magari dopo apro uno anche per la sezione sport e per quella del porno. 

 

comincio subito con una richiesta più che con un pensiero: come posso trovare un libro apparentemente introvabile? (trattasi de Le notti di Arancia Meccanica di Dido Sacchettoni) forse c'era pure un topic "libri introvabili" ma non riesco trovare manco quello (topic introvabili). 

 

e visto che questo era più che altro una richiesta d'aiuto e non un pensiero, ecco anche un pensiero: da un punto di vista organizzativo (chiarezza, reperibilità libri, catalogo, ristampe, prezzi etc.) la peggior casa editrice italiana è indubbiamente Einaudi. Una merda. Non si capisce assolutamente nulla, il sito fa quasi schifo quanto quello delle poste italiane. Non si capisce cosa sia fuori catalogo, indisponibile oppure ancora disponibile. Libri non separabili che costano 200 euro ma poi li trovi al mercato per 2 euro. Le ristampe sono rarissime, e quando vengono fatti (per i romanzi) ci vengono proposti copertine disegnate da qualche deficiente, come per altro già si accennava su questo forum. I prezzi della collana "Grandi opere" poi da elitisti veri, alcuni fanno veramente bestemmiare. Per esempio 90 euro per questo, interessante eh per carità, ma per 90 euro non riesco farmelo ordinare neanche dall'Istituto italiano qua presente. In altri casi non si capisce ne il prezzo ne la quantità ne l'eventuale disponibilità. 

 

Prendiamo questo: Einaudi Bologna - Dizionario dell' occidente medievale

 

come cazzo lo si può comprare? perchè non si può comprarlo semplicemente pagandolo? che è sto "Conto aperto Einaudi", con 50 euro mi piglio tutti e due oppure costano 50 euro a testa? non si capisce un cazzo, insomma la casa editrice Einaudi pronta alla merdificazione in questo pilot di topic. 


  • 0

#2 An Absent Friend

    We're happening

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3419 Messaggi:
  • LocationFuori della storia e in abito borghese

Inviato 04 marzo 2024 - 19:43

Sarebbe da aprire tutto un discorso sull'Einaudi storica, la sopravvalutazione del suo catalogo, la peste che è stato Pavese, lo snobismo del suo pubblico eccetera eccetera che penso permetta all'Einaudi odierna di sfangarla, almeno a livello d'immagine. 

 

Sul Sacchettoni, in effetti se ne trova solo una copia in giro, guarda un po' se interessa (https://www.ebay.it/...:Bk9SR6a2rq7BYw).


  • 2

 

Talmente brutto che e' da considerare 90

 

 
In pratica vogliono il magical negro senza i poteri magici, sai che palle.

 

 

I voti sono sull'attività svolta e sulle iniziative dichiarate o parzialmente avviate

 


#3 Greed

    round control to major troll

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13077 Messaggi:

Inviato 05 marzo 2024 - 15:58

Fatico a dare un giudizio sintetico su una casa editrice che ha ormai un secolo. Però facendo il giochino "pensa all'editoria italiana togliendo tutti i libri Einaudi" mi sembra che si aprirebbe una falla clamorosa nella cultura italiana e nell'accessibilità a moltissimi testi.

La proposta letteraria dell'Einaudi di questi anni invece non la capisco o generalmente non mi interessa proprio.


  • 0

#4 ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23863 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 27 maggio 2024 - 08:08

vi regalo questa bella favoletta che ho appena scritto.

 

C'è un calabrone che sbatte la testa contro una finestra chiusa, sbatte, sbatte, senza risultati. Avanti e indietro, non si passa. Nonostante tutto non demorde. Prima o poi riuscirà a a passare e arrivare al fiore oltre alla finestra, un fiore bellissimo che lui ha sempre desiderato. Ad un certo punto accanto a lui compare un'altra finestra, questa volta aperta. Se solo smettesse di sbattere la capoccia dritto per dritto riuscirebbe ad uscire, fare il giro e arrivare al fiore tanto agognato. Ma niente, l'istinto lo porta ad insistere sempre sulla stessa finestra. E' molto frustrato perchè vede che tanti calabroni facendo il giro arrivano al fiore che lui tanto desidera, e lui no. Proprio non riesce. Ma continua ad insistere. Ad un certo punto tra una testata e l'altra si materializza sopra di lui un angelo, un angelo con un alone dorato, la veste blu e un sorriso raggiante. L'angelo lo guarda e poi dice "Calabrone, perchè sbatti la testa"? E lui risponde "Perchè prima o poi ci riuscirò ad uscire" e l'angelo risponde "Ti sei mai domandato perchè dopo tanti tentativi non riesci lo stesso?" E lui allora per la prima volta si ferma e risponde "Non lo so, io so solo che prima o poi riuscirò a passare" e poi riflettendo aggiunge "Oltre il vetro". Al che l'angelo lo guarda e sorride "il vetro?" Domanda "Quale vetro?" Il calabrone è molto sorpreso e risponde "il vetro che ho solo adesso ho realizzato di avere davanti agli occhi" Ma l'angelo risponde "Quello non è il vetro, ma la tua mano". E il calabrone si guarda meglio e dice "Ma io non ho le mani e gli angeli non esistono".


  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#5 100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7757 Messaggi:

Inviato 27 maggio 2024 - 09:07

letto Wittgenstein? se no, te lo consiglio
  • 0

#6 ucca

    CRM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 23863 Messaggi:
  • LocationRome

Inviato 27 maggio 2024 - 10:08

No, mai letto nulla. Hai qualcosa con cui iniziare?


  • 0

www.crm-music.com

 

Mettere su un gruppo anarcho wave a 40 anni.


#7 100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7757 Messaggi:

Inviato 27 maggio 2024 - 13:18

non è che abbia scritto molto, praticamente due libri, di cui ti suggerisco il secondo: ricerche filosofiche
  • 1

#8 Reynard

    No OGM

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10307 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 27 maggio 2024 - 13:41

non è che abbia scritto molto

 

Ha scritto un fottio di roba.

Sono solo due i libri pubblicati nella forma in cui (probabilmente, nel caso delle 'Ricerche') lui li ha pensati, ma la massa di appunti, note, aforismi, progetti in corso, lezioni e conversazioni che ha lasciato alla sua morte non sono di certo cose inutili. Contengono molto che non è trattato nei 'due libri'.


  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#9 100000

    Enciclopedista

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7757 Messaggi:

Inviato 27 maggio 2024 - 18:19

sì, scusa, dovevo dire pubblicato, poi trovi anche tutto il resto ma non gli consiglierei di iniziare dagli appunti sparsi (per quanto Della certezza e Note sul ramo d'oro ottimi, entrambi libricini adelphi)

ora che ci penso invece magari i pensieri sparsi sono un buon modo per entrare trasversalmente nella sua mente, allora cambio tutto e dico: Pensieri diversi (sempre adelphi), meno tecnico
  • 0

#10 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2024 - 13:35

sono alla fine del secondo anno del PhD e l'argomento esteso dell'esame finale (per i restanti 2 anni dovrò solo scrivere) sarà un big omnibus "storia della prosa italiana dal secondo dopoguerra in poi". Ovviamente non occorre aver letto tutto il prodotto letterario degli ultimi ottant'anni ma quanto meno conoscere gli autori, romanzi, racconti, tendenze principali, dunque ho tirato giù una lista utilizzando vari manuali, saggi, ecc più utilizzando anche qualcosa da questo forum mattarello.gif

 

con gli ultimi 24 anni sono ancora in stand-by ma mi sembrano quelle meno fondamentali, mi pare pure difficile che professori emeritissimi esperti del cinquecento mi facciano domande sulle tendenze di oggi. Questa cmq è la lista, metto in spoiler, se ci sono gravi dimenticanze segnalatemi pure che mi fate un favorone! 

 

Spoiler

 

buttata giù tra ierri e l'altro ieri, devo ancora fare le sezioni per dividere romanzi e raccolte di racconti, etc e roba più saggistica magari tagliata fuori, etcc.


  • 0

#11 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2024 - 13:53

EDIT: Dal 1970 in poi mancano diverse cose e ci sarebbe un gran lavoro da fare, importantissimo peró che non manchi nessuno di fondamentale tra il 1945-1969


  • 0

#12 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25139 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2024 - 14:14

Benché antologico, per il 1998 aggiungerei Gioventù cannibale, dal cui titolo deriva la corrente dei Cannibali (Nove, Luttazzi, Pinketts, Labranca & co).


  • 1

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#13 Greed

    round control to major troll

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13077 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2024 - 20:26

Se riusi la lista per i titoli fai attenzione, con una scorsa rapida ho visto vari refusi tipo

 

Agro il cieco

La tentazione di Girolamo

Cima della nobildonna 

 

La prima però mi piace, è un mash-up tra Bufalino e Bianciardi.

 

Per il resto ho visto che c'è Gadda, Testori, D'Arrigo, Celati, Manganelli, quindi non dico niente. Manca Silvio D'Arzo che per me è un autore importante: non so se rientra nel tuo periodo perché ha una storia di pubblicazioni complicata (è quasi tutto pubblicato postumo).


  • 2

#14 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 11 giugno 2024 - 21:15

perfetto, grazie mille Greed! D'Arzo rientra sicuramente, vado ad inserirlo! 

 

con gli ultimi 10-15 anni ho il seguente problema: non ho trovato nessun "manualone", saggio critico che riassumesse con efficacia gli ultimi anni, eccetto questo ma giá qua i nomi mi convincono tutti. Dunque come metodo proprio adesso sto usando questo

 

a) romanzi/racconti che ho letto e che mi son piaciuti (Ferrandino, Maurensig, Montesano, Starnone - ma questi pubblicano giá negli anni novanta - Longo, Carotenuto)

b) mi affido  alle principali casi edtrici e raccolgo un po' i recentissimi, per poi dare il quadro generale a forma di elenco, ove fosse richiesto. 

 

Ecco una domanda: qualcuno ha letto Desiati? é uno che potrebbe meritare un approfondimento? va bene anche a sensazione, metodo che dal resto sto usando pure io 


  • 0

#15 Panfilo Maria Lippi

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3118 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2024 - 10:26

con gli ultimi 10-15 anni ho il seguente problema: non ho trovato nessun "manualone", saggio critico che riassumesse con efficacia gli ultimi anni, eccetto questo ma giá qua i nomi mi convincono tutti.

 

Come manualoni l'unico che conosco sul tema è questo. Non l'ho letto, eh, quindi non mi assumo responsabilità, ma sfogliando l'indice vedo comunque che si ferma grossomodo intorno al 2012.
Il fatto è che su cose tanto più recenti di quella data manca proprio la distanza necessaria a fare un minimo di storicizzazione, di distinzione tra filoni. Le uniche cose che mi vengono in mente sono gli ultimi di Scurati, che si inseriscono in un fenomeno di rifioritura del romanzo storico nel nuovo millennio che è già stato studiato (sia in ottica internazionale che più strettamente italiana) e quindi c'è già un'ottica critica per inquadrarlo. Oppure, l'esplosione di autofiction, memorialistica, ibridazioni romanzo/documentario che ad esempio da circa un decennio dominano allo strega. Per quel pochissimo che ho letto mi pare per lo più roba abbastanza fetente, ma senz'altro mi pare un fenomeno letterario contemporaneo chiaramente identificabile.

Naturalmente, tu sai in che consiste l'esame che devi fare meglio di me, ma come dicevi giustamente anche tu, faccio un po' fatica a credere che in un esame di dottorato di, suppongo, italianistica (una branca in genere non nota per l'avventurosa esplorazione dell'ultracontemporaneo) possano concentrarsi così tanto su libri usciti l'anno scorso.


  • 1

#16 paloz

    Poo-tee-weet?

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 25139 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2024 - 11:19

Semmai si può fare un discorso sui "casi editoriali", che in seguito potrebbero o meno diventare dei "classici"; resta difficile immaginare che ciò accada, se consideriamo che persino ottimi scrittori dell'Otto e Novecento sono stati pressoché dimenticati - non me la vedo una Chiara Valerio osannata fra 20-30 anni, ecco.


  • 0

esoteros

 

I have spoken softly, gone my ways softly, all my days, as behoves one who has nothing to say, nowhere to go, and so nothing to gain by being seen or heard.

 

(Samuel Beckett, Malone Dies)


#17 lazlotoz

    Enciclopedista

  • Moderators
  • 6772 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2024 - 14:04

 

buttata giù tra ierri e l'altro ieri, devo ancora fare le sezioni per dividere romanzi e raccolte di racconti, etc e roba più saggistica magari tagliata fuori, etcc.

 

 

Io, come i vecchi, mi ripeto: aggiungi Sergio Atzeni, almeno Passavamo sulla terra leggeri e Il quinto passo è l'addio.


  • 1

#18 geeno

    Pussy Malanga

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11850 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2024 - 14:33

Davide Orecchio?
Alessandro Piperno?
E perché no, luther blisset
  • 1

#19 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2024 - 16:09

oh grazie a tutti! Alla fine son passato, han fatto domande su Pasolini e Domenico Rea, più uno generale sulla letteratura degli anni ottanta


  • 1

#20 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2024 - 16:10

Davide Orecchio?
Alessandro Piperno?
E perché no, luther blisset

Piperno è buono? mi sembra uno odiatissimo da molti, dovrei approfondire però in futuro 


  • 0

#21 Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 4115 Messaggi:

Inviato 13 giugno 2024 - 16:18

 

con gli ultimi 10-15 anni ho il seguente problema: non ho trovato nessun "manualone", saggio critico che riassumesse con efficacia gli ultimi anni, eccetto questo ma giá qua i nomi mi convincono tutti.

 

Come manualoni l'unico che conosco sul tema è questo. Non l'ho letto, eh, quindi non mi assumo responsabilità, ma sfogliando l'indice vedo comunque che si ferma grossomodo intorno al 2012.

sembra ottimo questo! 

 

rispondendo anche a Paloz, alla fine il lavoro del buon critico letterario diventa proprio quello di trattare ed elevare quelli meno noti o dimenticati, c'è dunque tutto un lavoro di selezione da fare (oltre a leggere molto). 


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi