Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Disco Del Mese] Binker & Moses - Feed The Machine (Gearbox Records 2022)


  • Please log in to reply
6 replies to this topic

#1 Ezio Maria

Ezio Maria

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 156 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2022 - 14:30

DATA DI USCITA  FEBBRAIO 25 2022
a1792117924_10.jpg
Quinto album del duo più interessante in ambito jazz della scena inglese degli ultimi anni (considerando anche gli ultimi due live album), che per questo nuovo lavoro in studio si sono avvalsi della collaborazione di un terzo elemento che risponde al nome di Max Luthert, il quale si è occupato della parte elettronica.
Questo l'elemento principale che differenzia Feeding The Machine dai precedenti. L'uso di loop, sintetizzatori e software vari ha contribuito a dare maggiore respiro alle composizioni, fornendo a Binker e Moses un raggio d'azione più ampio all'interno del quale muoversi in maniera meno claustrofobica.
 
L'introduzione della componente elettronica li ha indirizzati verso territori tendenti molto più al free jazz, entrambi gli strumenti sono stati dati in pasto alle macchine di Luthert e, una volta processati, riproposti con una veste spoglia del suono acustico originale. Il sax di Binker suona meno claustrofobico, Ad oggi sono state pubblicate tre canzoni su un totale di sei, abbastanza per provare a capire la direzione di questo nuovo album, che è sicuramente un passo in avanti notevole nel percorso musicale di questo straordinario duo londinese. Non solo jazz quindi ma anche elettronica e psichedelia!
 
 

  • 1

#2 Ezio Maria

Ezio Maria

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 156 Messaggi:

Inviato 17 febbraio 2022 - 14:34


  • 0

#3 Ezio Maria

Ezio Maria

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 156 Messaggi:

Inviato 04 marzo 2022 - 13:23

Parecchio diverso dall'album di debutto, pareri? 


  • 0

#4 Mr. Atomic

Mr. Atomic

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3583 Messaggi:

Inviato 04 marzo 2022 - 23:03

A me non dispiace come ascolto in sottofondo ma non riesco cogliere la forza che dovrebbe elevarlo tra gli altri prodotti simili. Cioè, da cosa si differenza da tanti altri dischi nu-jazz che stanno uscendo a migliaia?
  • 0

#5 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 12538 Messaggi:

Inviato 05 marzo 2022 - 10:24

Se ci penso razionalmente posso concordare con quanto detto sopra da Atomic, ma onestamente questo disco mi sta piacendo un sacco proprio a pelle. Credo sia il continuo saliscendi di rumore che si snoda non solo tra traccia e traccia ma anche all'interno del movimento stesso. Lo trovo ipnotico, mi sta stregando. Tra l'altro l'ultimo solista di Moses mi aveva alquanto annoiato nonostante l'hype e le premesse, secondo me sa dare il meglio quando si affianca ad altri (vedi anche Alewya).


  • 1
OR

#6 Ezio Maria

Ezio Maria

    Groupie

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 156 Messaggi:

Inviato 05 marzo 2022 - 12:36

A me non dispiace come ascolto in sottofondo ma non riesco cogliere la forza che dovrebbe elevarlo tra gli altri prodotti simili. Cioè, da cosa si differenza da tanti altri dischi nu-jazz che stanno uscendo a migliaia?

 

Non ci sono altri prodotti simili. In questo disco sono in tre e qualcosa è cambiato rispetto ai primi album, la forza sta nell'essere sostanzialmente in due e non risultare mai monotoni (che detta così può sembrare una cosa da poco, ma è tutt'altro che semplice).


  • 0

#7 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 20997 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 05 marzo 2022 - 14:56

Beh a dire il vero non mi sembra un album così paradigmaticamente nu jazz, anzi, io personalmente ho perplessità a includerlo nel genere tout-court. Ci trovo indubbi punti di contatto, ma rispetto ai canoni del filone mi pare assai meno incentrato sull'elemento compositivo e più che altro basato su quello improvvisativo, con una ripresa di stilemi free particolarmente evidente nel ruolo dei fiati.

A me non è spiaciuto, anzi l'ho trovato piacevole come sound. Certo, ho anche avuto l'impressione che pezzi davvero incisivi non ne abbia e che spesso si perda via: è un po' quel genere di disco in cui ogni sequenza mi convince abbastanza ma nessuna lo fa del tutto. Il tipo di cosa che ascolto con interesse un paio di volte ma difficilmente mi fa venir voglia di tornarci sopra.

Comunque sia i miei passaggi preferiti li ho: quelli in cui l'elemento impro- "tratatapum-pling-pepperepè" viene messo un po' da parte, gli sconfinamenti pseudo-spiritual che tanto vanno al momento cedono il passo alle presenze sintetiche, la bordaglia si coagula ed emerge un andamento un po' jazz-rock, con ritmo ben scandito e qualche richiamo minimalista. "Accelerometer Overdose" ad esempio trascina niente male.


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq