Vai al contenuto


Foto
* * * * * 1 Voti

Spade De Foco: Il Cinema Fantasy


  • Please log in to reply
59 replies to this topic

#1 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13527 Messaggi:

Inviato 20 marzo 2020 - 20:12

*
POPOLARE

Spade de foco: il cinema fantasy

Visto che, si spera, moriremo tutti a breve e non resteranno testimoni, posso apire un topic il cui tasso di nerditudine avrebbe tormentato le mie notti. Discussione che rimuginavo di aprire dal... 2009, e per cui avevo accumulato cartelle di jpg. Molti dei film citati li ho visti, il problema (se e' un problema) e' che nel frattempo ho dimenticato quasi tutto di molti di quei molti. Quindi, commentero' come capita.

Ovviamente non parlo di fantastico generico, ma di fantasy con gli spadoni, che preveda almeno una "quest", un approccio coerente e non surreale al magico. E mi limito, per limiti miei, al fantasy occidentale, quello orientale e' tutta un'atra storia e fuori dalla mia portata.

Il fantasy prima del fantasy

1924-fantasy.jpg

1924 Die Nibelungen: Siegfried (I Nibelunghi: Sigfrido) di Fritz Lang
1924 Die Nibelungen: Kriemhilds Rache (I Nibelunghi: la Vendetta di Crimilde) di Fritz Lang
L'amico Fritz che ha cinematograficamente codificato il noir, il thriller, lo spy-movie, il film di fantascienza e per l'appunto, con questo dittico capolavoroso oltre ogni dire, il fantasy. Qui mi esalto e ne straparlo un po'.

1946-1972-fantasy-URSS.jpg

Cinema fantastico sovietico
1946 The Stone Flower (Kamennyy tsvetok) di Alexander Ptushko
1950 The Magic Sword (Cudotvorni mac) di Vojislav Nanovic (SERBIA)
1953 Sadko (Le Tour du monde de Sadko) di Alexander Ptushko
1956 Ilya Muromets (The Sword and the Dragon) di Alexander Ptushko
1957 The Snow Queen (Snezhnaya koroleva) di Lev Atamanov
1959 The Day the Earth Froze (Sampo) di Aleksandr Ptushko e Risto Orko
1964 Jack Frost (Morozko) di Aleksandr Rou
1966 The Snow Queen (Snezhnaya koroleva) di Gennadi Kazansky
1966 Journey to the Beginning of Time (Cesta do Praveku) di Karel Zeman
1972 Il castello incantato (Ruslan Si Ludmila) di Aleksandr Ptushko

Ah, il cinema sovietico. Un festa per gli occhi, un immaginario da noi semi-sconosciuto. Roba fighissima da citare per far bella figura con gli amici, e una cornucopia di spunti per creare affascinanti jpg. Ma che palle quel narcisismo popolaresca da soviet, che palle tutte quelle narrazioni e quei personaggi violentemente semplificati per passare tra le maglie delle censura. Il piu' noto da noi e' probabilmente "La regina delle nevi" del '57, un classico per i bambini angosciati davanti alla tv degli anni 70 e 80.

1959-1971-fantasy-USA.jpg

I film fiaba
1959 Sleeping Beauty (La bella addormentata nel bosco) di Clyde Geronimi, Eric Larson, Wolfgang Reitherman e Les Clark
1961 The Wonderful World of the Brothers Grimm (Avventura nella fantasia) di Henry Levin e George Pal
1962 Jack the Giant Killer (L'ammazzagiganti ) di Nathan H. Juran
1962 The Magic Sword (La spada magica) di Bert I. Gordon
1963 The Sword in the Stone (La spada nella roccia) di Wolfgang Reitherman
1969 Il gatto con gli stivali (Nagagutsu o haita neko) di Kimio Yabuki
1970 The Phantom Tollbooth (Il castello fantasma) di Chuck Jones
1971 Bedknobs & Broomsticks (Pomi d'ottone e manici di scopa) di Robert Stevenson
1971 Il cavaliere inesistente di Pino Zac

Non che per anni in occidente sia andata meglio. Per decenni fiaba e fantasia sono state servite apparecchiate in film puerili, con regie ottuse e attori a fare i guitti. Tocca ammettere che si distingueva in intelligenza e sense of wonder (anche se non sempre) l'odioso Moloch disneyano. E ovviamente i giappi, almeno con quel film del cuore che e' "Il gatto con gli stivali" del '69.

In realta' il vero fantasy cinematografico per decenni e' stato l'avventura esotica, tutto quel filone di Sindbad e Aladini vari mutuati dalle Mille e una notte. E poi ovviamente i nostri Ercoli, Macisti, Sansoni, Ursus e gladiatori vari, anche se spesso contavano piu' gli sganassoni che non le trovate fantastiche.

Fantasy, yes it’s fantasy, it’s only fantasy, always fantasy

Per quanto riguarda il fantasy nel cinema tutto cambia quando nel 1977 esce un film misconosciuto di cui dubito abbiate mai sentito parlare...

1977-fantasy-1.jpg

1977 Star Wars (Guerre stellari) di George Lucas
Il manifesto di Frazetta parla da solo. Si lo so che tanti fan si incazzano se lo si mette sotto l'etichetta fantasy invece che fantascienza. D'altra parte: principesse rapite, cavalieri neri, basi spaziali come castelli antichi con tanto di segrete e mostri nelle fogne, maghi col cappuccio, robot gnomeschi, protagonisti identificabili nei miti di Parsifal e Lancilotto... come puo' anche solo venire in mente il fantasy? No via, il fantasy moderno cosi' come lo concepiamo oggi inizia da qui. Westernizzando e samuraizzando la materia Lucas toglie finalmente al genere quell'estetica dolciastra fatta di cavalieri in calzamaglia, maghi coi cappelli a punta e principesse con lo strascico.

1977-fantasy-2.jpg

1977 Jabberwocky di Terry Gilliam
L'esordio solista di Gilliam e' un misconosciuto capolavoro del genere, stranamente poco cagato anche da molti fan del regista. E' un film ancora totalmente 70s, smitizzante e crepuscolare, parente stretto del nostro Brancaleone, una roba picaresca opposta al film di Lucas e infatti anche la fortuna del film e' stata contraria. Un inadeguato e imbranatissimo protagonista si muove in un medioevo fantastico, grottesco e senza speranza. Si ride verde, tra genialate visive e momenti splatter.

1977-fantasy-3.jpg

1977 Wizards (I maghi della guerra) di Ralph Bakshi
Primo, dimenticatissimo, capitolo della trilogia fantasy di Bakshi. Sgangheratissimo, sbagliatissimo, ma alla fin fine affascinante, come un po' tutta la roba di questo regista un po' matto. Qui siamo immersi ancora in un'estetica da fumetto underground, coloratissima e molto hippie, con provocazioni visive e un tono cinico, satirico e strafottente. Sembra di vedere in scena un fumetto che potrebbe essere stato pubblicato da Lanciostory. Un reperto storico piu' che un film compiuto.

1977-fantasy-4.jpg

1977 The Hobbit (Lo Hobbit) di Jules Bass e Arthur Rankin Jr
In attesa del Signore degli Anelli di Bakshi, che si pensava sarebbe stato un mega-successo, Jules Bass e Arthur Rankin Jr, due volponi dell'animazione a basso costo, mettevano in cantiere il prequel. Un film per bambini lezioso e pieno di canzoncine, ma con una sua grazia e un suo fascino vintage. Certo molto piu' fedele al tono del romanzo di Tolkien della triplice sborratona di Peter Jackson quasi quarant'anni dopo.

1978-fantasy-1.jpg

1978 The Lord of the Rings (Il signore degli anelli) di Ralph Bakshi
Un'attesissima trasposizione, presa in considerazione da registi come Kubrick e Boorman, eppure fu un fiasco, anche perche' sostanzialmente dava l'idea (giustificata) piu' di un film incompleto che non di essere la prima parte di qualcosa. Ma se c'è un prima e un dopo nella storia del cinema riguardo la rappresentazione di un universo fantasy quello è rappresentato da questo film. Sotto l'ovvia influenza del primo SW di Lucas e ingentilendo l'estetica barbara dei fumetti di Conan della Marvel (il fumetto americano più venduto degli anni 70), questo film ha cristallizzato per sempre l'estetica "scout" del fantasy moderno, dando un'impronta definitivamente americana al genere.

1978-fantasy-2.jpg

1978 Watership Down (La collina dei conigli) di Martin Rosen, John Hubley
Altra trasposizione animata di un classico letterario del genere, l'epopea leporide di Richard Adams. Bellino eh, ma uno dei cartoni animati piu' tristi mai fatti, almeno in occidente. Non e' neanche tanto il cosa, anche se non mancano particolari macabri e funerei, e' proprio l'opprimente senso di malinconia e fatalismo che avvinghia dall'inizio alla fine a lasciare il segno. Io l'ho visto da adulto e mi ha depresso parecchio, immagino vederlo da ragazzini. O magari a quell'eta' non si coglie la tristezza di fondo e si resta invece affascinati dal sotto-mondo conigliesco.

1979-fantasy-1.jpg

1979 La spada di King Arthur (Entaku no Kishi Monogatari Moero Asa)
Mitologico anime di 52 episodi arrivato da noi nei primi anni 80. Dando ai cavalieri in armatura dell'epica arturiana agilita' da ninja e eleganza da samurai, i giapponesi dimostravano di aver capito piu' degli occidentali l'essenza innovativa dell'immaginario del primo SW, cosa del resto evidente anche nel profluvio di anime di fs che producevano in quegli anni. Mai rivisto da quando ero bambino e mi sembrava la cosa piu' figa mai esistita; mi tengo il ricordo senza verificare.

1980-fantasy-1.jpg

1980 The Empire Strikes Back (L'impero colpisce ancora) di Irvin Kershner
Altra tappa fondamentale per la definizione del genere. Se il primo manteneva una certa aria algida e "grafica" da 70s (ritocchi digitali lucasiani permettendo), il secondo aggiunge colori e diventa piu' pittorico, incupendosi accentua il fascino segreto e da medioevo barbarico con le astronavi. Le luci, i colori e le scenografie vegetali del pianeta-palude di Yoda di fatto cristalizzano e settano per sempre i colori e le luci del fantasy al cinema.

1980-fantasy-2.jpg

1980 Thundarr the Barbarian
In America gode di un discreto cult, ma non ho mai purtroppo visto niente di questa serie animata in 21 episodi che vide coinvolti anche mostri del fumetto come Jack Kirby, Alex Toth, John Buscema. Chiaramente figlia sia di Guerre stellari, col protagonista con la "spada de foco" e un compagno enorme e peloso, che di Mad Max, vista l'ambientazione post-apocalittica. Altrettanto chiaramente fu presa a modello per la futura e molto piu' famosa (ma anche molto meno interessante) serie di He-Man e i Masters.

1980-fantasy-4.jpg

1980 Return of the King di Jules Bass e Arthur Rankin Jr
Un altro prodotto del duo inglese Bass e Rankin, due pionieri dell'animazione per l'home-video. Lo stile grafico e' lo stesso del loro Hobbit del 1977, ma il film si pone chiaramente come riempitivo dell'enorme buco narrativo lasciato dal film di Bakshi, che interrompeva la nota storia a meta'. Mai visto, quindi non saprei dire quanto degnamente lo faccia, anche se scenografie e caratterizzazione dei personaggi, per quanto bambinesche, non mi sembrano male.

1980-fantasy-3.jpg

1980 Hawk the Slayer (La spada di Hok) di Terry Marcel
Cialtronata dal budget visibilmente ridicolo che pure becca qualcosina in certe scenografie smaccatamente finte. Curiosa l'ascendenza spaghetti western di molte scene, ma onestamente pallosissimo anche guardato in un'ottica trash. Jack Palance che sbraita a caso facendo un simil-Darth Vader con un costume arrabattato e' qualcosa tra il deprimente e il sublime.

1981-fantasy-1.jpg

1981 Excalibur di John Boorman
Avendo inutilmente tentato di portare sullo schermo Tolkien, Boorman ripiego' tornando alle radici, mettendo in scena la piu' famosa cine-trasposizione della saga arturiana. Mantenendone molte delle scabrosita' e cupezze medievali gli usci' fuori un epico spettacolone, pieno di colori e bagliori, ma in netto contrasto rispetto al sentire dell'epoca: una pellicola adulta, funerea, priva di personaggi in cui identificarsi, in cui l'ironia e' piu' spesso affondo grottesco che non allegerimento. Capo, ovvio.

1981-fantasy-2.jpg

1981 Heavy Metal di Gerald Potterton
Cultone dell'animazione per adulti. Non tutti gli episodi sono allo stesso livello, ma nella sua ostentata ignoranza di intenti il film mi sembra la piu' onesta trasposizione di uno spiritaccio "pulp" che raramente trova spazio nel cinema fantastico. Quindi tette, culi, machismo, cinismo, violenza dispensati con scellerata e adorabile gratuita', frullati in uno scenario di colori sparati e spericolate trovate visive di grande impatto, anche se non certo all'insegna del buon gusto. In tempi in cui “fumettistico” era un insulto questo film faceva di tutto per vedersi appioppato il termine.

1981-fantasy-3.jpg

1981 Dragonslayer (Il drago del lago di fuoco) di Matthew Robbins
Film lento e tutto sbagliato, eppure cupo e "strano", certo molto di piu' di quello che si proponevano gli autori. Peter MacNicol gia' con la faccia da avvocato quarantenne che fa il Luke Skywalker della situazione dice gia' tutto dei problemi del film, che prevede cose destabilizzanti tipo la bella principessa di turno che viene uccisa dal drago e divorata dai cuccioli dello stesso. Ma il drago e' uno dei piu' belli della storia del cinema e il film era un cult di certi pomeriggi onirici degli 80s.

1981-fantasy-4.jpg

1981 Meisaku Douwa (Il lago dei cigni) di Kimio Yabuki
Insieme a "Il gatto con gli stivali" del '69, un classicone delle rete locali dei pomeriggi del 25 dicembre. Piu' avventura che romanticismo. La caramellosita' di una certa estetica da balletto classico viene ampiamente riscattata dalla goticita' del castello dell'orco, dall'orco stesso e dal bel personaggino di sua figlia mutaforma. Rivisto anche da adulto mantiene una sua godibilita' e le musiche di Tchaikovsky spogliate da tutu' e calzemaglie guadagnano in epica.

1981-fantasy-5.jpg

1981 Blackstar
Serie tv in 13 episodi di scarsa fortuna, che era una mezza taroccata di Thundarr the Barbarian. La Filmation riciclera' scenari e pose di questa serie per creare il cartone dei Masters, tanto che, leggo, per gli appassionati Blackstar e' una specie di parente sfigato di He-Man. Mai visto nulla, ma notando che non ci sono principi in calzamaglia violetta, orchetti petulanti e moraline finali (tipica trovata della Filmation), mi sa che il cugino ciula era piu' He-Man.

1981-fantasy-6.jpg

1981 Clash of the Titans (Scontro tra titani) di Desmond Davis
Visto da ragazzino, non mi ricordo neanche se mi era piaciuto o meno. Mi ricordo solo che la mitologia mediterranea coi tizi in tunica e sandali mi sembrava infinitamente meno figa di quella nordica con le pellicce e gli stivali. Da adulto sono diventato meno esterofilo, anzi l'epica mediterranea mi affascina molto, ma dubito possa essere questo film a darmi soddisfazione.

continua...


  • 35

#2 Pancakes

Pancakes

    edgelord

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1317 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 21 marzo 2020 - 11:18

Di Watership Down e il primo LOTR ricordo lo stile di animazione particolarmente atavico, embrionale e inquietante, certo nel caso del primo forse è anche un punto a favore [mentre il suo recente remake di Netflix penso valga una menzione nel topic sulla fighetteria moderna asd]


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#3 lazlotoz

lazlotoz

    Classic Rocker

  • Moderators
  • 5623 Messaggi:

Inviato 21 marzo 2020 - 14:10

È un cinema che ha fatto presa tantissimo in me bambino. Ci son immagini che sono incredibilmente ficcate nella memoria. A prescindere che i film fossero buoni o meno (e per lo più non lo erano, sul cinema son stato precocemente un rompicazzo e ricordo già intorno ai 9 anni essere molto selettivo). Era proprio un gusto per il fantastico che mi catturava in maniera estasiante. 

E forse è lì la potenza di quel cinema e che penso abbia sempre meno spazio (ma aspetto la sezione sul cinema contemporaneo di Tom che magari mi smentisce clamorosamente) dopo Il signore degli anelli di Jackson.

 

Ripeto, non tanto i film, quanto quel sapore. Tanti già citati da Tom in più penso a Krull e Legend, che credo dessero una settimana sì e una no in televisione.


  • 0

#4 signora di una certa età

signora di una certa età

    old signorona

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18987 Messaggi:

Inviato 21 marzo 2020 - 14:21

bravo Tom che ci fornisci l'inserto culturale da leggere nel weekend


  • 0

In realtà secondo me John Lurie non aveva tante cose da dire... ma molto belle


#5 solaris

solaris

    Simmetriade.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6013 Messaggi:

Inviato 21 marzo 2020 - 14:45

Bellissimo Tom. Andrebbe analizzato di pari passo col diffondersi di D&D fra gli adolescenti italiani in quegli anni, vera tavola della legge (nel bene e nel male, soprattutto nel post Jackson) del fantasy della nostra epoca.


  • 2

#6 Bandit

Bandit

    Lorenzo Righetto

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 10853 Messaggi:
  • LocationMilano

Inviato 21 marzo 2020 - 17:38

Nel lotr di bakshi va ricordato anche l'uso delle riprese in carne e ossa "cartoonizzate". L'ho consumato quel film che per me rimane una buonissima trasposizione, piena di meraviglia ed epica, senso del tragico e del dramma della guerra.

Citerei anche dark Crystal e labyrinth che però ho visto solo di recente coi bimbi, da piccolo non li avevo visti.
  • 0

Immagine inserita


#7 Guest_Resp Into_*

Guest_Resp Into_*

    Maledettooo! Maledetooo! Maledettooo!

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2588 Messaggi:
  • LocationNo-go Zone

Inviato 21 marzo 2020 - 23:03

Bellissima analisi, sono curioso per la prossima puntata di sentire qualcosa su Legend.

Comunque diciamo la verità, al di fuori dell'animazione c'è veramente poca roba di vero valore.
Il problema credo sia lo stesso della letteratura. Se padroneggi a fondo gli strumenti del racconto, cioè se sai scrivere una storia come si deve, sei in grado di trasportare lo spettatore in un altro mondo senza tirare in ballo spadoni e draghi.
  • 0

OBIETTIVO MEDIA DI ALMENO UN + A POST RAGGIUNTO ;)

 

 

raramente ho visto un'immagine più autenticamente devastante dell'inermis dell'uomo contemporaneo occidentale


#8 Pancakes

Pancakes

    edgelord

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1317 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 22 marzo 2020 - 12:47

Nel lotr di bakshi va ricordato anche l'uso delle riprese in carne e ossa "cartoonizzate". L'ho consumato quel film che per me rimane una buonissima trasposizione, piena di meraviglia ed epica, senso del tragico e del dramma della guerra.

Citerei anche dark Crystal e labyrinth che però ho visto solo di recente coi bimbi, da piccolo non li avevo visti.

 

 

Bellissima analisi, sono curioso per la prossima puntata di sentire qualcosa su Legend.

Comunque diciamo la verità, al di fuori dell'animazione c'è veramente poca roba di vero valore.
Il problema credo sia lo stesso della letteratura. Se padroneggi a fondo gli strumenti del racconto, cioè se sai scrivere una storia come si deve, sei in grado di trasportare lo spettatore in un altro mondo senza tirare in ballo spadoni e draghi.

Beh Tom si è fermato per ora al 1982, al suo ritorno presumibilmente tirerà fuori quel catalogo ottantiano di cui fanno parte i due film di Bandit e che invalida per me la dichiarazione di Spiritomb: Conan, Legend, Highlander, Ladyhawke, Willow, The Black Cauldron, Neverending Story, Princess Bride...


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#9 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13527 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2020 - 20:14

*
POPOLARE

1982-fantasy-1.jpg
 
1982 Conan the Barbarian (Conan il barbaro) di John Milius
La creatura di Howard (anche se il film e' piu' figlio dell'enorme successo della splendida trasposizione fumettistica curata da Roy Thomas) non poteva trovare regista piu' appropriato di Milius, anche lui ossessionato dall'inutile, e per questo epica, lotta dell'uomo contro il Tempo e la Storia. Milius soprattutto intuisce meglio di altri l'elemento fondamentale su cui lavorare per mettere in cinema un universo "altro": il ritmo. Rallentando costantemente i tempi e solenizzando ogni gesto crea un mondo ieratico, dove ogni dialogo diventa cerimonia, ogni morte violenta sembra un sacrificio, ogni scena di sesso e' orgia. Realizzando comunque un blockbuster spettacolare e di grande successo, non un arcigno film d'autore. Il Conan bovino di Schwarzenegger ha poco a che fare con il Conan ombroso e felino dei romanzi e dei fumetti, ma e' subito icona. 
 
1982-fantasy-2.jpg
 
1982 The Dark Crystal (Dark Crystal) di Jim Henson
Una storiella stiracchiata e' il pretesto per mettere in scena un cine-diorama di pura meraviglia pupazzosa, una sarabanda di trovate e trovatine visive che riempiono gli occhi quasi ad ogni inquadratura. Il palesemente finto di un universo fatto solo di burattini diventa piu' concreto e coerentemente "reale" di ogni film con gli attori. Il creatore dei Muppets, Jim Henson, da sfogo alla sua vena piu' seria e malinconica, splendidamente assecondato da colonna sonora e fotografia. Il ritmo lentissimo, che e' forse il difetto che decreto' il flop commerciale del film, con gli anni e' diventato poetico. (Dieci, sprecatissime, ore di lussuoso girare a vuoto il recente prequel Netflix.)
 
1982-fantasy-3.jpg
 
1982 The Secret of NIMH (Brisby e il segreto di NIMH) di Don Bluth
La terza perla magica di quell'evidentemente fecondo 1982. Transfuga dall'impero del Topo, Bluth dirige il suo miglior film (il suo alto artigianato purtroppo non ritrovera' piu' questo equilibrio poetico) mettendo in scena una specie di Dark Side dell'immaginario disneyano, iniettando elementi fantasy e persino horror nell'idea di un mondo animale parallelo e in miniatura rispetto a quello umano. Un film "per bambini" cupamente suggestivo e con parecchi momenti forti, ma anche meravigliosamente colorato e pieno di trovate visive. E' l'irresistibile atmosfera "segreta" che lo rende un film speciale e un gustificato cult.
 
1982-fantasy-5.jpg
 
1982 The Sword and the Sorcerer (La spada a tre lame) di Albert Pyun
Un regista malfamato che dirige uno sword and sorcery incentrato su questa idiotissima idea di una spada a tre lame, di cui un paio lanciabili... che non si capisce cosa abbia di speciale rispetto a una banale balestra. Un disastro annunciato? E invece no, il film e' un divertentissimo B-movie dall'aria imprevidibilmente classica, ben fatto e ben recitato, quest'ultima cosa strana in questo tipo di prodotti. Un punto ulteriore che gli autori guardassero a Indiana Jones oltre che al solito SW.
 
1982-fantasy-6.jpg
 
1982 The Beastmaster (Kaan principe guerriero) di Don Coscarelli
Un piccolo classico della serie C in America, che ha dato vita a due sequel e persino a una tardissima serie tv alla fine degli anni 90. In effetti simpatiche e gradevoli le avventure di questo simil-Conan un po' Tarzan, che combatte cattivi sadomaso alla Mad Max, andandosene in giro con due furetti, un falco, una tigre nera, e soprattutto una Tanya Roberts poco vestita. Marc Singer (due anni dopo il Donovan di "Visitors") e' praticamente He-Man sputato.
 
1982-fantasy-7.jpg
 
1982 Sorceress (La spada e la magia) di Jack Hill
Scatenata stronzata del cultissimo Jack Hill, autentico piccolo "poeta" della serie Z americana (Spider Baby, Foxy Brown, Switchblade Sisters), che al suo ultimo film (ma e' ancora vivo) la buttava giu' nell'unico modo in cui poteva buttarla giu', cioe' nel ridicolo volontario con tante tette. Inguardabilmente simpatico. 
 
1983-fantasy-1.jpg
 
1983 Return of the Jedi (Il ritorno dello Jedi) di Richard Marquand
E alla fine fu tutto cosi' definitivamente fantasy che si fini' quasi per fare atterrare le astronavi nel mondo delle fiabe, con un trionfo del pupazzame a un passo da film dei Muppets (per caderci dentro con i ritocchi digitali di Lucas: si', mi piace metttere il dito nella piaga). Ok, non vale gli altri due capitoli perche' Marquand non vale Lucas e Kershner, ma l'antro di Jabba The Hut, la battaglia nel deserto, la corsa nella foresta, il villaggio Ewok sugli alberi, il duello davanti all'imperatore sono grande cinema della meraviglia.
 
1983-fantasy-2.jpg
 
1983 Fire and Ice di Ralph Bakshi
Uomo mezzo nudo e donna praticamente nuda scampano a mille pericoli, finche' un tizio mascherato risolve la situazione: la "trama" e' tutta qua, ma nonostante questo o proprio per questo se la gioca tranquillamente con il Conan di Milius come miglior trasposizione su pellicola di un mondo sword and sorcery. Quel matto di Bakshi colleziona l'ennesimo disastro produttivo e commerciale, ma conclude la sua trilogia fantasy col capitolo migliore e piu' compiuto. Collaborando con Frazetta (chi altri?) e dandoci giu' di rotoscopio in un tripudio di carne, corpi, erotismo plastico, scenografie selvagge. Un trionfo del gratuito da vedere solo nel piu' lussurioso e orizzontale cinemascope possibile.
 
1983-fantasy-3.jpg
 
1983 Krull di Peter Yates
Yates, bel regista della prima generazione della new hollywood, non era decisamente il piu' indicato a dirigere questo tentativo di rifare Star Wars in versione puramente fantasy. Belli i momenti piu' visionari (tipo le scenografie surreali del castello volante, che anticipano molto le analoge sequenze di "Legend") e crudeli (il massacro iniziale, la mortifera resa dei conti), ma nelle scene normalmente avventurose tira un po' aria da vecchi film di Robin Hood. Simpatico e molto generazionale.
 
1983-fantasy-4.jpg
 
1983 Wizards and Warriors (Storie di guerra e di magia)
Qui vado sul personale. Serie tv in 8 episodi trasmessi un paio di volte sotto natale su Italia Uno a meta' anni 80. La adoravo. L'evidente poverta' di mezzi veniva bilanciata da tonnellate di ironia. Un piccolo e adorabile microcosmo fantasy in versione commedia brillante con principesse scazzate, maghi sornioni, cavalieri sfortunati, cattivi in fondo simpatici, il tutto pero' senza diventare mai farsa o parodia, e caratterizzato visivamente dalla trovata delle spade che facevano scintille durante i duelli. In America ha un piccolo culto, da noi sembra che me la ricordo solo io. Anni fa ho rivisto un paio di episodi: uno reggeva da dio il bel ricordo, l'altro meno.
 
1983-fantasy-5.jpg
 
1983 Dungeons & Dragons
Il celebre gioco messo in scena in una produzione Marvel/giapponese di 27 episodi dallo scarso valore visivo, ma piu' interessante e intelligente di quello che puo' sembrare a livello narrativo, anche perche' precedente a quell'ondata moralizzatrice che impose l'infantilizzazione dell'animazione americana (vedi giusto sotto). Ne ho qualche vago ricordo, roba piu' per ragazzini che per bambini, con persino qualche episodio dal sapore horror.
 
1983-fantasy-6.jpg
 
1983 He-Man and the Masters of the Universe (He-Man e i dominatori dell'universo)
Quel che poteva essere e non e' mai stato. Il concept alla base dei giocattoli era figo e persino originale: fantasy "barbara" + tecnologia "magica" alla Guerre stellari + mostri horror, il tutto immerso in un'atmosfera tetra, quasi lovecraftiana. Purtroppo la serie usci' in un momento in cui in America facevano furore i comitati contro i contenuti inappropriati nei prodotti per bambini. La Filmation si cago' sotto e rese il tutto piu' innocuo possibile, trasformando una potenziala saga horror-fantasy in una commedia con personaggi farseschi, con tanto di ipocriti moraline finali. Da bambino non me ne perdevo una puntata, ma gia' allora ne percepivo la sostanziale stupidita'.
 
1983-fantasy-7.jpg
 
1983 Deathstalker di James Sbardellati
Avventure di un biondo Conan di serie C, in un B-movie abbastanza divertente e tutto sommato anche ben fatto, anche se chiaramente potabile solo in un'ottica di puro cazzeggio, cosa che non si puo' certo dire dei suoi ben tre sequel, uno piu' miserabile e raffazzonato dell'altro. Siccome dietro tutto c'era sua maesta' del risparmio Roger Corman, il riciclaggio degli stessi costumi e scenografie servi' anche per un'altra serie "scult": Barbarian Queen, I e II, in cui si indulgeva un po' di piu' su culi e tette.
 
1983-fantasy-8.jpg
 
1983 Conquest di Lucio Fulci
Il filone "barbarico" italiano uscito sulla scia del Conan di Milius lo evito, anche perche' la maggior parte dei titoli punto' piu' su fuffa simil-preistorica che non propriamente fantasy. Notevole eccezione questo perla del Fulcione nazionale, che con un budget praticamante nullo realizzo' un b-movie unico, dove piu' di chiunque dimostrava di aver colto la lezione di Milius, realizzando un film dall'atmosfera cerimoniosa e orgiastica, superando in tenebrosita' e senso del mistero lo stesso Milius, con in piu' un chiaro sottofondo gay.
 
1984-fantasy-1.jpg
 
1984 The Neverending Story (La storia infinita) di Wolfgang Petersen
Hai voglia di notare tutte le svenevolezze e banalizzazioni che ammorbano questo dolciastro film tedesco che fece incazzare anche Ende. Hai voglia di notare come un film nato come risposta europea a Spielberg e ai film della Amblin poi le provasse tutte per fingersi americano. Hai voglia di notare come puntassero tutto su un tripudio di effetti speciali e trucchi oggi non invecchiati benissimo (solo la meravigliosa tartarugona tiene botta). Eppure, sara' per via di qualche atmosfera ben costruita, sara' per il suggestivo doppio livello narrativo, ma tutto l'insieme ha una sua quasi misteriosa capacita' di suggestionare e creare un sense of wonder ancora genuino. E in confronto ai sequel e ai remake sembra diretto da Herzog.
 
1984-fantasy-2.jpg
 
1984 Conan the Destroyer (Conan il distruttore) di Richard Fleischer
Chissa' come ci arrivarono i De Laurentiis ad affidare il sequel del film di Milius a un lussuoso veterano di 70 anni, che abbordava la materia come ci si poteva aspettare da un regista che aveva iniziato a far cinema nel 1946: regia di servizio e totale menefreghismo. Dall'avventura epica si passava all'esibizione circense da film di Maciste, in un trionfo di cartapesta e goffaggine. Insomma, solita pacchianeria De Laurentiis style. Che poi il film non e' manco male se si evita l'impossibile paragone, a dirla tutta da ragazzino lo trovavo anche piu' divertente. La confezione e' del resto di lusso, con in particolare Basil Poledouris che supera se stesso e compone una colonna sonora indimenticabile.
 
1984-fantasy-3.jpg
 
1984 The Company of Wolves (In compagnia dei lupi) di Neil Jordan
Lussuosa rivisitazione fantasy/horror della figura di Cappuccetto Rosso, ispirata alla splendide riletture delle fiabe classiche in chiave erotica e femminista di Angela Carter. Visivamente ci si lustrano gli occhi, i passaggi tra sogno e realta', gli anacronismi (il Male arriva nel villaggio da favola con un macchinone) sono risolti con spirito surrealista, ma forse il tutto e' un pelo troppo algido. Manca probabilmente la possibilita' di spingere il morboso ai livelli permessi dalla pagina scritta. Da vedere.
 
1984-fantasy-4.jpg
 
1984 Sword of the Valiant: The Legend of Sir Gawain and the Green Knight di Stephen Weeks
Strano film praticamente dimenticato, nonostante la presenza di Sean Connery. Trasposizione della famosa leggenda dell'Uomo Verde in un b-movie visivamente ispirato alle luci smeraldine di Excalibur (senza lo stesso budget e il talento visivo di Boorman), ma crepuscolare, anti-epico, attraversato da una vena sarcastica e demolitrice. Non si capisce dove comincia la malavoglia degli autori e dove la demifisticazione ricercata. Non indispensabile riscoprirlo, ma male non fa.

 

1984-fantasy-5.jpg

 

1984 The Warrior and the Sorceress di John C. Broderick
Uno straniero arriva in un paesino diviso tra due bande in guerra, facendo il doppio gioco con entrambe riuscira' ad eliminarle. Eh si', e' la variante fantasy e trash de "La sfida del samurai / Per un pugno di dollari". Un divertito e sornione David Carradine fa il cavaliere errante menefreghista, in un filmetto adorabilmente cinico, pieno di tette al vento, violenza gratuita e mostri di gomma. Serie B di quella a cui voler bene.


  • 17

#10 debaser

debaser

    utente stocazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 21946 Messaggi:

Inviato 22 marzo 2020 - 22:20

Su He-Man hai visto spero la spassosa puntata della serie documentario di Netflix sui giocattoli? Molto consigliata asd
  • 0

Codeste ambiguità, ridondanze e deficienze ricordano quelle che il dottor Franz Kuhn attribuisce a un'enciclopedia cinese che s'intitola Emporio celeste di conoscimenti benevoli. Nelle sue remote pagine è scritto che gli animali si dividono in (a) appartenenti all'Imperatore, (b) imbalsamati, c) ammaestrati, (d) lattonzoli, (e) sirene, (f) favolosi, (g) cani randagi, (h) inclusi in questa classificazione, (i) che s'agitano come pazzi, (j) innumerevoli, (k) disegnati con un pennello finissimo di pelo di cammello, (l) eccetera, (m) che hanno rotto il vaso, (n) che da lontano sembrano mosche.
 
non si dice, non si scrive solamente si favoleggia


#11 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13527 Messaggi:

Inviato 26 marzo 2020 - 17:48

*
POPOLARE

1985-fantasy-1.jpg

 

1985 Legend di Ridley Scott
Ovvero quando un Ridley Scott ancora entusiasta del suo mestiere - come forse non lo sara' mai piu' - uso' ogni mezzo dell'arte cinematografica per dare tridimensionalita' e concretezza a un mondo fatto di luce, colori, riflessi e ombre. E' tutto filtrato e processato in un lavoro di manipolazione dell'immagine e del suono talmente stratificato da rischiare la saturazione. Ogni inquadratura e' composta come un'illustrazione, ogni suono rielaborato, ogni scena e' un esempio di virtuosismo del montaggio. La trovata piu' genialoide e' forse quella di riempire ogni scena di polvere, pollini, gocce, fumi, vapori, fiocchi neve, materiali rarefatti ma visibili che vanno a inspessire l'aria sullo schermo dando una sensazione di materialita' che manca al 99% dei film fantasy. Forse non un grande film (per quanto volutamente la storia e' davvero esile), ma sicuramente grande cinema.

 

1985-fantasy-2.jpg

1985 Ladyhawke di Richard Donner
Un vero classico del genere, un'avventura medievale e romantica, girata e ambientata in un'Italia da fiaba dark. Anche se da noi, per rendere il tutto piu' esotico, nel doppiaggio francesizzarono i nomi. La confezione e' ottima, pur senza soprassalti d'ingegno. Se il film appassiona e si fa ricordare piu' di altri e' per la magnifica coppia di attori protagonista: un Rutger Hauer al massimo della sua potenza iconica che divora la scena ad ogni apparizione e una Michelle Pfeiffer di bellezza e intensita' aliene. Matthew Broderick, che stara' in scena il triplo del tempo di entrambi, sembra un personaggio secondario.

 

1985-fantasy-3.jpg

 

1985 The Black Caulderon (Taron e la pentola magica) di Ted Berman e Richard Rich
Quasi un film maledetto per la Disney, a cui scappo' la mano sugli elementi gotici e spaventevoli (sembra pure sforbiciati in post-produzione), terrorizzando platee di bambini, cosa che posso testimoniare in prima persona avendolo visto al cinema, con mio fratello e dei cugini piu' piccoli di me che erano tutti atterriti. E' un po' un calderone (ah!) di spunti presi da altre parti, persino dai Puffi, ma col tempo la sua natura di minestrone troppo condito ne ha fatto un film affascinante, una specie di paradigma dei luoghi comuni del fantasy. 

 

1985-fantasy-4.jpg

 

1985 Return to Oz (Nel fantastico mondo di Oz) di Walter Murch
Sbagliato come Taron, ma peggio. Quindi meglio. Primo e ultimo film da regista di uno dei piu' grandi tecnici del suono di sempre, che pero' non aveva la mimima idea su come raccontare una storia in modo coerente. Se ne usci' quindi con un sequel del Mago di Oz visivamente esplosivo, ma completamente svitato, che inizia con toni tetri e opprimenti (la piccola protagonista finisce in un manicomio a fare l'elettroshock!) e procede di follia in follia, con scarti di tono assurdi, dove si passa da scene da film per ragazzi ad altre che sembrano venire da un film di Lynch. Persino la piccola protagonista aveva lo sguardo glaciale e da gatta della gia' adorabile Fairuza Balk.

 

1985-fantasy-7.jpg

 

1985 The Dungeonmaster (Il demone delle galassie infernali) di Charles Band e registi vari
Magari risultera' noioso per qualcuno questo mio indulgere anche su b-movie e trashate varie (e fidatevi che sto scremando), ma, ecco, questo mi fa morire: il re del no-budget Charles Band dirige e fa dirigere ad altri sei cialtroni suoi pari 'sta puttanta in cui un ingenere elettronico viene proiettato da un demone in piu' dimensioni per salvare la sua bella. Eppure nei suoi trashosi 71 minuti e' un tale catalogo di ossessioni, simboli ed effetti 80s di tale precisione sociologica da sembrare una parodia retrospettiva.

 

1985-fantasy-8.jpg

 

1985 Red Sonja (Yado) di Richard Fleischer
De Laurentiis & co, sempre tirando in ballo il povero Fleischer, perseverano diabolicamente e dopo aver macistizzato Conan qui annientano il personaggio di Red Sonja, scatenata virago dell'universo di Conan nei fumetti Marvel. Dice tutto il passaggio dalla chioma di fuoco dei fumetti al tragico mullet del film. Un film legnoso quanto la sua attrice protagonista, l'esordiente Brigitte Nielsen, troppo imbranata e statuaria per interpretare un personaggio vendicativo e rabbioso come Red Sonja. In confronto Sandahl Bergman, che nel Conan di Milius sapeva a malapena recitare, qui nella parte della regina cattiva sembra la Magnani e insieme a qualche bella scenografia salva spesso il film. Velo pietoso sul titolo italiano "ignobile", che tentava di spacciare Schwary come protagonista.

 

1986-fantasy-1.jpg

 

1986 Labyrinth di Jim Henson
Un piccolo grande capolavoro del cinema per ragazzi. Il mago dei pupazzi Henson fa tesoro del flop del pur bellissimo "Dark Crystal", contestualizzando la storia in una cornicie adolescenziale molto 80s, settando il tutto su un'ironia alla Carroll e procedendo ad un ritmo molto piu' spedito. Ma poi si scatena in un'altra sarabanda di magie muppetose da lustarsi gli occhi, con invenzioni visive e meraviglie scenografiche praticamente in ogni inquadratura, unendo teatrino per bambini e prospettive impossibili alla Escher. E pazienza per la Magic Dance di Bowie. Tra questo e "Phenomena" i primi piani della Connelly maciullarono i cuori di una generazione di adolescenti.

 

1986-fantasy-2.jpg

 

1986 Highlander di Russell Mulcahy
Sean Connery che in un film pieno di scozzesi fa la parte dello spagnolo la dice tutta su questa pacchianata videoclippona dove ogni cosa e' al posto sbagliato, ma dove alla fine se tutto e' fuori luogo niente lo e'. A cominciare dall'idea di un fantasy in epoca moderna, con gente che fa a spadate e si decapita nei parcheggi. Ma alla fine ve lo dico io perche' il primo Highlander funziona e gli altri fanno cagare sangue: perche' c'e' il grande Clancy Brown, che col suo Kurgan crea un cattivo memorabile e davvero minaccioso, tensione e dramma nella storia ce li mette tutti e solo il suo personaggio. 

 

1987-fantasy-1.jpg
 

1987 Neco z Alenky (Alice) di Jan Svankmajer
Mi ero detto niente fantastico generico o d'autore, ma faccio uno strappo per questo meraviglioso caleidoscopio di Svankmajer che rilegge in chiave inquietante / surreale l'Alice di Carroll. Una delle volte in cui mi e' uscito piu' potente la sensazione dello schermo come una finestra affacciata fisicamente su un mondo davvero "altro" rispetto alla nostra realta'. Non e' cinema fantasy, ma puro cinema fantasmagorico.

 

1987-fantasy-2.jpg

 

1987 The Princess Bride (La storia fantastica) di Rob Reiner
Oggi amatissimo cult, anche perche' il suo approccio "low" al genere lo rende molto trasversale e piace anche a chi non frega niente del fantasy. All'epoca, devo dire, non avrei mai detto, neanche lo consideravo un vero film d'avventura. E infatti e' piuttosto una fiaba metanarrativa, piu' dalle parti di Calvino che di Tolkien. Poi era romantico, e neanche nel modo figo e cupo di "Ladyhawk". Solo da adulto ne ho colto l'intelligenza, l'ironia e tutto il discorso sui meccanismi del racconto e le leve del raccontare. Ma poi chi non avrebbe voluto Peter Falk come nonno? 

 

1987-fantasy-3.jpg

 

1987 Lionheart di Franklin J. Schaffner
Chissa' perche' questo bella e lussuosa produzione di Coppola e' stato totalmente dimenticata. Forse perche' non c'era molta magia e l'argomento semi-vero della Crociata dei Fanciulli si portava dietro la tristezza della Storia (e anche qualche ambiguita'), ma il medioevo da racconto d'inverno e' un po' lo stesso di "Ladyhawke" e il film ha l'inconfondibile sapore del miglior cinema per ragazzi anni 80. Ai bravissimi giovani protagonisti si somma un Gabriel Byrne come inquietante Cavaliere Nero. Da riscoprire.

 

1987-fantasy-5.jpg

 

1987 Masters of the Universe (I dominatori dell'universo) di Gary Goddard
Arrivato con addosso una sfiga tremenda, quando ormai la mania per i Masters era finita - in Italia usci' addirittura nel '90, col trailer che tentava di nascondere i riferimenti ai giocattoli. Per miserie di budget quasi tutto ambientato sulla Terra, con He-Man stile E.T. praticamente. E gli andava bene che invece dei ragazzini si beccava una gnochissima Courteney Cox pre-Friends. Eliminare le stronzate del cartoon andando a mettere in scena l'immaginario fantasy/horror dei gicattoli era probabilmente la scelta giusta, ma il film e' di una goffaggine e ridicolaggine da mettere tenerezza.

 

1987-fantasy-6.jpg

 

1987 The Barbarians (I barbari) di Ruggero Deodato con, Richard Lynch
Confesso di non aver mai visto per intero questo (s)cult che con gli anni ha messo su un'imprevibile fama. La genesi e' nota: il nostro Deodato dove girare l'ennesimo simil-Conan pieno di sangue e tette, ma vistosi appioppare come protagonisti i due assurdi gemelli wrestler David e Peter Paul, incapaci di recitare, giro' tutto in parodia e farsa, anticipando il tono di Hercules e Xena degli anni 90. Per quel che ho visto mi e' sempre sembrato uno scherzone infantile tirato per le lunghe.

 

1988-fantasy-2.jpg

 

1988 The Navigator: A Medieval Odyssey (Navigator - un'odissea nel tempo) di Vincent Ward
Per scampare alla Peste Nera una piccola compagnia di pellegrini medievali, guidati dalle visioni di un ragazzino, finisce misteriosamente nella Auckland degli anni 80. Film neozelandese, e figurarsi se da quelle parti non se ne uscivano con una roba tutta stramboide e visionaria, a cominciare dal cambio di prospettiva, visto che ovviamente per gente proveniente dal medioevo la realta' "fantasy" e' la nostra. Anche se non priva di belle intuizioni visive la parte moderna e colorata non vale la prima mezz'ora in bianco e nero che sembra roba del Bergman piu' severo e funereo, ma alla fine sicuramente un film unico per tono e risultati. 

 

1988-fantasy-3.jpg

 

1988 The Storyteller di Jim Henson
Il testamento (involontario) del grande Jim Henson: una miniserie di 9 episodi da venti minuti l'uno, in tutto tre ore in cui si mettono in scena nove favole della tradizione europea - non le solite note o non le solite versioni: chiaro l'intento anti-disneyano. Davanti al focolare racconta e interagisce col racconto il narratore John Hurt col suo cagnone parlante. I mezzi non sono quelli di "Dark Crystal" e "Labyrinth", ma l'allegra inventiva, la poesia fiabesca e la magia pupazzosa sono le stesse. Previdibilmente Henson dirige i due episodi piu' belli, lo spassoso "Il soldato e la morte" e il malinconico "Il gigante senza cuore".  

 

Nel '91 la serie avra' una ripresa con altri quattro episodi basati sui miti greci, "The Storyteller: Greek Myth", presentati da Michael Gambon. Carini, ma si avvertono l'assenza di Henson (morto un anno prima dopo breve malattia) e la consueta difficolta' a mettere in scena l'immaginario antico greco-romano.

1988-fantasy-1.jpg

 

1988 Willow di Ron Howard
Dichiarato tentativo di Lucas e Howard di creare un nuovo Guerre Stellari, il cui successo sotto le aspettive praticamente fece estinguere il genere al cinema fino al SdA di Jackson. Avevo 13 anni ed ero cosi' preso dal fantasy che tipo comprai e lessi la novelization uscita prima del film (per altro molto piu' cupa del film, cosa che un po' mi deluse quando poi lo vidi la prima volta), ma in qualche modo sentivo che era gia' qualcosa nato in ritardo. Il limite grosso del film e' quello di rispettare troppo gli schemi gia' noti, sia del primo Star Wars che del fantasy tolkeniano. Ma, preso per quello che e', e' un divertentissimo spettacolone pre-infantilizzazione di tutto il cinema per ragazzi ("Home Alone" due anni dopo sara' devastante), con anche roba oggi un po' freak, tipo il massacro delle puerpere e il fatto che e' il film con piu' nani mai visti sullo schermo.


  • 21

#12 dendrite

dendrite

    un tempo any01

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1945 Messaggi:

Inviato 26 marzo 2020 - 18:12

Post come questi che scrivi sono una gioia per gli occhi, caro Tom. Grazie per il tempo e la conoscenza e l'entusiasmo che ci metti.

Detto questo, del Conan di Milius ho un ricordo sbiadito e generico, con un difetto che sta nella sceneggiatura non lucidissima e poco aderente ai libri di Howard, al pregio tra gli altri di forgiare -come forse solo Milius può permettersi*- un'epica che ricordi quella vera, da Iliade e Odissea, di carne sangue ed eroi che si stagliano sulla massa informe in forza del loro coraggio.

Poi collego a un ricordo di tarda adolescenza il Black Cauldron, di cui avevo giocato la versione avventura su pc (anzi, Apple II mi sembra), impazzendo per la difficoltà ma restando stregato dalla storia assai poco infantile, anzi.

 

* il Milius conservatore e individualista mette molto di sé nelle sue opere, ovviamente.


  • 0
La mia vita in vantablack

#13 Reynard

Reynard

    We're not in Kansas anymore

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9864 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 26 marzo 2020 - 18:13


 

1985-fantasy-4.jpg

 

1985 Return to Oz (Nel fantastico mondo di Oz) di Walter Murch
Sbagliato come Taron, ma peggio. Quindi meglio. Primo e ultimo film da regista di uno dei piu' grandi tecnici del suono di sempre, che pero' non aveva la mimima idea su come raccontare una storia in modo coerente. Se ne usci' quindi con un sequel del Mago di Oz visivamente esplosivo, ma completamente svitato, che inizia con toni tetri e opprimenti (la piccola protagonista finisce in un manicomio a fare l'elettroshock!) e procede di follia in follia, con scarti di tono assurdi, dove si passa da scene da film per ragazzi ad altre che sembrano venire da un film di Lynch. Persino la piccola protagonista aveva lo sguardo glaciale e da gatta della gia' adorabile Fairuza Balk.

Questo l'ho visto da bambino, e addirittura prima del "Mago di Oz" (i tempi pre-internet quando i genitori tiravano su VHS a caso...).

Ricordo che all'epoca mi era piaciuto, e non mi aveva particolarmente spaventato. Strano, perché ero un bambino cagasotto e perché, a rivederlo anni dopo, ho notato quanto fosse inquietante.

A suo modo, lo trovo affascinante. Ma la qualità delle scene sembra scemare con l'avvicinarsi all'epilogo, e il re degli gnomi (o quel che è) è davvero loffio.


  • 1
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#14 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6791 Messaggi:

Inviato 26 marzo 2020 - 18:19

Splendido e perfetto, concordo praticamente su tutto.
  • 0

#15 Seattle Sound

Seattle Sound

    Non sono pigro,è che non me ne frega un cazzo.

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 36857 Messaggi:
  • LocationTiny little green

Inviato 26 marzo 2020 - 20:01

un'unica integrazione all'ottimo post di Tom

 

z0CP8kZ.jpg


  • 8

Alfonso Signorini: "Hai mai aperto una cozza?"
Emanuele Filiberto: "Sì, guarda, tante. Ma tante..."
(La Notte degli Chef, Canale 5)

 

"simpatico comunque eh" (Fily, Forum Ondarock)

 

"passere lynchane che finiscono scopate dai rammstein"

"Io ho sofferto moltissimo per questo tipo di dipendenza e credo di poterlo aiutare. Se qualcuno lo conosce e sente questo appello mi faccia fare una telefonata da lui, io posso aiutarlo"
(Rocco Siffredi, videomessaggio sul web)


"Ah, dei campi da tennis. Come diceva Battiato nella sua canzone La Cura"


#16 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13527 Messaggi:

Inviato 27 marzo 2020 - 18:44

Coi 90 si fa in fretta.
Decennio infausto per il fantastico in generale. Se fantascienza e horror, pur andando in grossa crisi, in qualche modo la sfangarono adattandosi al clima "pulp", il fantasy non poteva proprio reggere in un'epoca dove il disincanto (anche nel senso piu' letterale del termine) era la regola. Per cui almeno su grande schermo spari' quasi totalmente dalla scena.  

 

1990-fantasy-1.jpg

 

1992 Army of Darkness (L'armata delle tenebre) di Sam Raimi 
Parentesi fantasy della saga demenzial-splatter di Raimi, che quando anni piu' tardi riprendera' la storia ritornera' all'horror dei due Evil Dead e dimentichera' questo episodio (anche per questioni di diritti, mi sembra). Raimi, che come produttore televisivo sara' praticamente l'unico a spacciare fantasy per tutto il decennio, qui anticipa la svolta camp che imporra' al genere, ma allo stesso tempo celebra un divertentessimmo e colorato omaggio all'immaginario fantastico dei decenni passati, frullando di tutto con un ritmo da cartone animato matto degli anni 50. Un po' festa e un po' funerale.

 

1995-fantasy-1.jpg

 

1995 Hercules: The Legendary Journeys (111 episodi + 5 film tv)
1995 Xena: Warrior Princess (134 episodi)
Praticamente l'80% dell'immaginario audiovisivo fantasy del decennio lo forniscono Hercules e il suo spin-off Xena. Come produttore Sam Raimi mette a punto un'idea di trash a basso voltaggio che fara' la fortuna di queste due sgangherate e simpatiche serie, ma produrra' una catena di imitazioni molto meno consapevoli che infesteranno tutto il decennio. La formula era semplice: sbandierare la mancanza di budget invece di provare a nasconderla, esibire l'idiozia delle sceneggiature, sottolineare la poverta' visiva, e soprattutto far recitare gli attori come fossero dei cosplayer che se la ridono sotto i baffi, ricordando allo spettatore che e' tutta una farsa. Un camp consapevole stile il Batman di Adam West, ma senza quell'entusiasmo pop art, con piuttosto una mestizia tutta 90s di chi pur divertendosi non ci credeva proprio piu'. 

 

1996-fantasy-1.jpg

 

1996 Dragonheart di Rob Cohen
Praticamente l'unico fantasy classico uscito in sala in tutto il decennio, l'unico che ci credeva e ci provava a creare il buon vecchio sense of wonder. Non a caso di novantino c'ha praticamente solo quella fotografia stinta e un po' sovraesposta che tirava all'epoca, ma per il resto sembrava in tutto un film di dieci anni prima, anche se l'animazione del drago mostrava gli enormi passi avanti fatti dalla CGI. Molto carino e baciato da un buon successo, e' diventato un piccolo cult di molti che all'epoca erano ragazzini, stava li' a dimostrare che si poteva ancora fare un cinema per ragazzi o bambini intelligente e non per forza buffonesco. 

 

1997-fantasy-1.jpg

 

1997 Kull the Conqueror (Kull il conquistatore) di John Nicolella
Doveva essere il terzo film di Conan, in teoria sarebbe un film su Kull (un altro personaggio di Howard), in pratica e' un puntatone di Hercules girato con un po' piu' di soldi. Ma neanche tanti in piu' e comunque non certo spesi per la tremenda CGI. Il tono innocuo, l'ironia svaccata, l'atmosfera da cosplayer sono quelli delle serie tv prodotte da Raimi. Non bastasse Kevin Sorbo ci pensava Tia Carrere come strega cattiva a completare l'atmosfera da film-tv tappabuchi per le mattinate di Italia Uno. Talmente menefreghista da essere simpatico.

 

1998-fantasy-1.jpg

 

1998 Quest for Camelot (La spada magica) di Frederik Du Chau
Peggio della pastellosa Disney degli anni 90 c'era solo chi la imitava senza manco averne la furbizia. Come questo film d'animazione di avventure pseudo-arturiane anche di una certa ricchezza, che sprecava delle belle scenografie e dei bei effetti speciali per una storia puerile, popolata da personaggi insulsi, piena di canzoncine di merda che riuscivano ad essere peggio dei gia' infimi modelli disneyani dell'epoca. Quando i film li fanno gli uffici di marketing.

 

1999-fantasy-1.jpg

 

1999 The 13th Warrior (Il 13° guerriero) di John McTiernan
Grossa produzione con animo da b-movie, nel senso nobile, carpenteriano e romeriano, del termine: quindi durata contenuta, ritmo speditissimo (anche per via dei tagli della produzione), trama ridotta all'osso, ironia quel che serve quando serve, personaggi ben delinati con un paio d'inquadrature e tre linee di dialogo. Divertente e figo. A livello mainstream e' un po' l'ultimo esemplare di un tipo "asciutto" di cinema d'avventura e fantasy, che gia' scarseggiava all'epoca, ma su cui due anni dopo Peter Jackson mettera' una definitiva pietra tombale.

 

Sul fantasy post-2000 non avevo raccolto materiale e non ho molta voglia di farlo, anche perche' i film che mi piacciono davvero sono pochi. Magari parlero' di quei pochi.


  • 9

#17 Pancakes

Pancakes

    edgelord

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1317 Messaggi:
  • LocationWhere the Iron Crosses Grow

Inviato 27 marzo 2020 - 19:11

 

Sul fantasy post-2000 non avevo raccolto materiale e non ho molta voglia di farlo, anche perche' i film che mi piacciono davvero sono pochi. Magari parlero' di quei pochi.

 

Domandone: quanto pensi possa aver influito il tuo coming of age in questo?


  • 0

The core principle of freedom
Is the only notion to obey


#18 Tom

Tom

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13527 Messaggi:

Inviato 28 marzo 2020 - 09:12

Non direi. Anzi, piu' invecchio e piu' di bocca buona divento.

Vero che il fantasy e' un genere che lego soprattutto alla mia pre-adolescenza, e che in seguito altri generi mi hanno davvero appassionato, ma una buona storia di spadate e robe magiche mi piace comunque sempre vederla. Solo che sono davvero rare. Quelle buone.

 

Mi e' piaciuta la saga del Signore degli Anelli, certo mi sarebbe piaciuta di piu' se dopo 9 ore di film Jackson non avesse cannato totalmente l'ultima mezz'ora rivelando di non aver capito un tubo di tutta la dannata storia. Pur con i suoi alti e bassi mi e' piaciuta la saga di Harry Potter che ha riportato intelligenza e fascino nel cinema per ragazzi, peccando se mai in eccessi di seriosita'. Nella loro buffonaggine mi divertono un mondo i Pirati dei Caraibi che alla fine sono fantasy appena appena travestiti.

 

In generale sono d'accordo con Resp, il genere non e' mai diventato davvero adulto. E' mancato il corrispettivo di un 2001 Odissea nello spazio o di un Rosemary's Baby che facesse fare il salto decisivo, e' mancata una serie di registi che indicassero una via alternativa (alla fine gli unici che si sono dedicati regolarmente al genere sono stati gli sfortunati Henson e Bakshi). Visivamente ci si e' andati spesso vicino, ma hanno sempre difettato le storie (anche Excalibur di Boorman, trasposizione troppo letterale dei miti arturiani).

 

Lo so che molti non saranno d'accordo (non lo ero neanch'io fino a non molto tempo fa), ma con tutti i suoi giganteschi difetti la volta che il genere e' andato davvero vicino a diventare adulto e' stato con Game of Thrones. Con le stagioni tratte da Martin, ma pure con le ultime villipese puntate: piaccia o meno come ci si e' arrivati il puntatone con la battagliona contro gli zomboni e' di una radicalita' visiva che non si era mai vista nel genere, un'ora di schermo nero squarciato da immagini di fiamme e morte. Certo, GoT e' un fantasy con un tasso di fantasy davvero minimo.


  • 4

#19 avatar blackwolf

avatar blackwolf

    Central Reservation

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7339 Messaggi:

Inviato 28 marzo 2020 - 09:31

a pensarci bene  forse in questa tua splendida analisi avrebbero potuto rientrare anche film come  Il Barone di Munchausen o Time Bandits  anche se siamo al limite come genere strettamente fantasy [citerei pure Paperhouse]


  • 1

*lastfm*

 

 

Delia, queen of the fairies.was presiding over the feast of plenty,celebrating 3,000 years of peace. In the midst of the celebration Delia felt a pull from the skies.She looked up and saw dark clouds forming on the horizon in every direction. She fell into a trance and left the party
heading for her home on a high hill. At first, the fairies were puzzled. But then they too felt a force drawing them to follow.Delia was alone inside. The storm grew until it was a raging cyclone hovering over the dwelling. One of the older fairies ventured inside the house. There lay Delia on her bed holding a pair of twins in her arms. The older fairy instantly knew that these were not ordinary twins, but magical wizards. The baby wizards were polarized like magnets: one attracting with a magnetic draw., the other repelling and impossible to get near. Avatar, the kind and good wizard. spent much of his boyhood entertaining his mother with beautiful visions. Blackwolf, the mutant wizard would never visit his mother and spent his time torturing small animals.

 


#20 Harry Caul

Harry Caul

    se ci dice bene finiamo nella merda

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 6791 Messaggi:

Inviato 28 marzo 2020 - 10:00

La saga fantasy migliore vista al cinema rimane probabilmente la prima trilogia di Star Wars, altri tentativi "alti" sono riusciti a metà secondo me, Excalibur troppo mortifero e pesante, LOTR di Jackson estenuante e ripetitivo mentre il pur riuscitissimo Conan di Milius è un film d'autore tout court, nessuno di loro trasmette comunque il senso di meraviglia e lo spirito avventuroso che Lucas è riuscito infondere alla sua saga né a mantenere il suo perfetto equilibrio tra alto e basso e la sua capacità affabulatoria e perturbativa dovuta alla totale libertà di mischiare e rielaborare i materiali più disparati.
  • 1




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq