Vai al contenuto


Foto
* * * * - 1 Voti

Film Onirici


  • Please log in to reply
90 replies to this topic

#21 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11997 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 13:36

butto lì qualche altro titolo (fate lo stesso, che prendo appunti):

 

tre donne di Altman

Scala al paradiso di Powell & Pressburger (probabilmente anche Scarpette rosse e altra roba)

L'ange di Bokanowski

Night on the galactic railroad di Gisaburo Sugii

Toby Dammitt, Giulietta degli spiriti, E la nave va, la città delle donne e forse pure altro di Fellini

Lamù - Beautiful dreamer di Oshii

Di Weir oltre al bellissimo Picnic a hanging rock citato sopra anche L'ultima onda

La morte ha fatto l'uovo di Questi

Ondata di calore di Nelo Risi

Fantasma d'amore di Dino Risi

Pandora di Lewin

Don't look now (mi rifiuto di usare il titolo italiano) di Roeg

L'australiano di Skolimowski

robe varie di Cronenberg 

 

in misure abbastanza diverse ovviamente, L'ange è una roba deragliatissima, Lamù molto meno


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#22 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3735 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 13:39

butto lì qualche altro titolo (fate lo stesso, che prendo appunti):


femme fatale di de palma. l'hai mai visto?
  • 1

#23 Reynard

Reynard

    segno zodiacale: salamandra ascendente testadicazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9698 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 14 settembre 2019 - 13:45

Il bianco e nero onirico anni '40 evocato da Tom mi fa venire in mente certo Welles (La signora di Shangai, Lo straniero, soprattutto Il terzo uomo [che non è di Welles ma è come se fosse]).

 

E in generale è molto forte la componente onirica nel noir: "L'ombra del passato" soprattutto, "La donna fantasma", "La fuga", alcuni Hitchcock, "La morte corre sul fiume", "La donna del ritratto", "The lost weekend" [che non è un noir ma è come se fosse]...


  • 2
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#24 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3735 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 13:50

secondo me dei film vecchi l'aspetto onirico che come suggestione riscontrate, può essere dato oltre che da una fotografia antinaturalistica come il b/n, anche dalla retroproiezione e in generale dal fatto che i film degli anni 30, 40 ed anche 50 erano perlopiù girati negli studios …

a questo proposito mi viene in mente la new york di eyes wide shut (altro film che si può inserire?), ricostruita a londra da k, che ha portato scorsese ad esclamare durante la visione "questa non è la mia new york!" … film nel quale k. usa la retroproiezione … anche i "trucchi" tecnici sono indicativi. più realismo vuoi e meno trucchi usi
  • 0

#25 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11997 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 13:58

 

Allucinazione perversa


se non sbaglio però alla sua uscita fu un mezzo flop . il sesto senso - che né è in pratica quasi un rifacimento - è però una ghost story: in questi film i fantasmi si suppongono reali, non sognati ashd e comunque è una ghost story girata con uno stile realistico ed ambientata in un setting realistico

Shutter island … Inception (anche se in effetti è un film più SUI sogni che un film che evoca una dimensione onirica


questi due film però sono girati come film "realistici". in particolare il secondo. nolan è un regista che non fa mai entrare il fantastico, l'onirico nei suoi film. inception ne è la prova (più dei batman). analizza (ed immagina) i sogni come farebbe un dottore o un programmatore (da qui i riferimenti a matrix)

L'horror forse è un'eccezione rispetto a quello che dici, nel senso che la dimensione del sogno è usatissima, dal Nightmare qui sopra a vari altri film (probabilmente un bel po' di altri film), e molti di quelli sono comunque film ben noti e non certo roba underground da cinema d'essai.


l'horror italiano aveva forti componenti surrealiste (pensiamo a darione argento, ma in generale al giallo). però il genere horror di maggior successo commerciale è stato lo slasher, che fa parte del filone realistico dell'horror (derive camp escluse). nightmare in effetti è una eccezione: anche se io lo vedo più come un mix fantasy-horror molto anni 80, più che un horror surrealista nella vena del cinema europeo che è il bersaglio di questo topic

ci sono molti esempi di questo tipo di horror (shining di k. , rosemary's baby di polanski, ecc), però anche qua li vedo come esempi più del filone "autoriale" dell'horror (che ha molti epigoni pure oggi)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

in realtà il bersaglio è più la componente onirica, quella surrealista spesso si aggiunge perchè è anche normale che sia così come dicevi, ma se si trovano film che hanno una dimensione onirica senza per forza ricorrere al surrealismo (nel senso che diceva Tom) è anche più interessante per me.

Nel senso di film-incubo per dire anche opere molto realistiche tipo il finale di Taxi Driver o quello dei guerrieri della palude silenziosa, o anche Va e vedi (che ha pure una colonna sonora che aiuta parecchio) ci possono rientrare. 

O certi noir, che so Detour o La scala a chiocciola (altra roba che ho visto da un sacco di tempo e non so quanto ricordi bene a dirla tutta). 

 

Sull'horror commerciale mi sa che c'è anche altro a parte Nightmare comunque. 


 

butto lì qualche altro titolo (fate lo stesso, che prendo appunti):


femme fatale di de palma. l'hai mai visto?

 

 

si e decisamente ci sta


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#26 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3735 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 14:12

in realtà il bersaglio è più la componente onirica, quella surrealista spesso si aggiunge perchè è anche normale che sia così come dicevi, ma se si trovano film che hanno una dimensione onirica senza per forza ricorrere al surrealismo (nel senso che diceva Tom) è anche più interessante per me.
Nel senso di film-incubo per dire anche opere molto realistiche tipo il finale di Taxi Driver o quello dei guerrieri della palude silenziosa, o anche Va e vedi (che ha pure una colonna sonora che aiuta parecchio) ci possono rientrare.


ho capito, e io forse sarò troppo rigido con etichette e generi, ma insomma un conto è trovare elementi onirici (il finale di taxi driver effettivamente ha un che di trasognato e "surreale") in film realistici o iperrealistici. un altro conto sono i film onirici. e quelli della tua lista appartengono più al filone surrealista

spero che nessuno inserirebbe mai in un topic "film onirici" , taxi driver o ladri di biciclette , questo voglio dire. sennò vuol dire farsi i propri viaggioni personali (e magari ci starebbe pure con il sottotesto acid-trip del topic ashd )
  • 1

#27 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5287 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 14:24

ma sì infatti, ora sembra che ogni film suggestivo sia onirico, cazzo vi ha fatto di male la realtà per reputarla così arida da dovervi sempre rifugiare in un sogno?


  • 0

#28 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11997 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 14:32

ma sì infatti, ora sembra che ogni film suggestivo sia onirico, cazzo vi ha fatto di male la realtà per reputarla così arida da dovervi sempre rifugiare in un sogno?

 

vabbè ma non è che il mio punto sia definire onirico ogni film, dicevo solo che sarebbe interessante trovare anche film che non ricorrono necessariamente al surreale per realizzare quell'atmosfera onirica (poi a me piacciono moltissimo quelli eh, e ne ho menzionato un bel po'). Citavo il finale di Taxi driver per dire che magari è possibile fare dei film realistici che riescono a creare quel senso di stare in un sogno (vabbè, un incubo nel caso specifico), non per dire che il film di Scorsese sia da cima a fondo un film onirico, cosa che ovviamente per quanto mi riguarda non è.


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#29 Spiritchaser

Spiritchaser

    underground nebulosa

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 2249 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 14:41

butto lì qualche altro titolo (fate lo stesso, che prendo appunti):

 

tre donne di Altman

Scala al paradiso di Powell & Pressburger (probabilmente anche Scarpette rosse e altra roba)

L'ange di Bokanowski

Night on the galactic railroad di Gisaburo Sugii

Toby Dammitt, Giulietta degli spiriti, E la nave va, la città delle donne e forse pure altro di Fellini

Lamù - Beautiful dreamer di Oshii

Di Weir oltre al bellissimo Picnic a hanging rock citato sopra anche L'ultima onda

La morte ha fatto l'uovo di Questi

Ondata di calore di Nelo risi

Pandora di Lewin

Don't look now (mi rifiuto di usare il titolo italiano) di Roeg

L'australiano di Skolimowski

robe varie di Cronenberg 

 

in misure abbastanza diverse ovviamente, L'ange è una roba deragliatissima, Lamù molto meno

 

Se ho capito il "filone" ci rientra sicuramente benissimo La doppia vita di Veronica


  • 1

#30 pooneil

pooneil

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5287 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 14:44

per me, ad esempio per Ladri di Biciclette o i film noir, si confonde il mezzo con cui si crea un atmosfera con un fine che gli si vuole arbitrariamente attribuire.


  • 1

#31 Grande Capo Culo Grigio

Grande Capo Culo Grigio

    l'uomo che sussurava ai citofoni

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 603 Messaggi:
  • LocationTristan da Cunha

Inviato 14 settembre 2019 - 16:39

Il finale di 2001, la sequenza della stanza, per me è quanto di più onirico si sia mai visto
  • 1
I have come here to chew bubblegum and kick ass... and I'm all out of bubblegum

#32 Max Stirner

Max Stirner

    Scaruffiano

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 13864 Messaggi:
  • LocationAci Trezza(CT)

Inviato 14 settembre 2019 - 17:01

banalmente waking life ma anche valzer con bashir ha delle parti molto oniriche


  • 1
"Ho abituato i miei occhi al sangue." Georg Büchner


"Caedite eos! Novit enim Dominus qui sunt eius"

#33 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3735 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 17:16

per me, ad esempio per Ladri di Biciclette o i film noir, si confonde il mezzo con cui si crea un atmosfera con un fine che gli si vuole arbitrariamente attribuire.


sono assolutamente d'accordo con te

ad inquadrare una certa mentalità o un certo stile tipico di questo forum (e dei suoi massimi partecipanti) riesce benissimo il ficcante monologo iniziale di jep gambardella (a proposito di film che strizzano l'occhio al surrealismo):

A questa domanda, da ragazzi, i miei amici davano sempre la stessa risposta: "La fessa". Io, invece, rispondevo: "L'odore delle case dei vecchi". La domanda era: "Che cosa ti piace di più veramente nella vita?" Ero destinato alla sensibilità

asd non me ne vogliano gli amici che prenderanno sul personale questo OT

[sorrentino non mi garba granché come regista ma come scrittore è veramente bravo]
  • 0

#34 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11997 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 17:41

 

per me, ad esempio per Ladri di Biciclette o i film noir, si confonde il mezzo con cui si crea un atmosfera con un fine che gli si vuole arbitrariamente attribuire.


sono assolutamente d'accordo con te

ad inquadrare una certa mentalità o un certo stile tipico di questo forum (e dei suoi massimi partecipanti) riesce benissimo il ficcante monologo iniziale di jep gambardella (a proposito di film che strizzano l'occhio al surrealismo):

A questa domanda, da ragazzi, i miei amici davano sempre la stessa risposta: "La fessa". Io, invece, rispondevo: "L'odore delle case dei vecchi". La domanda era: "Che cosa ti piace di più veramente nella vita?" Ero destinato alla sensibilità

asd non me ne vogliano gli amici che prenderanno sul personale questo OT

[sorrentino non mi garba granché come regista ma come scrittore è veramente bravo]

 

 

ma come fai a essere d'accordo che sopra hai citato Femme fatale. Non è un noir?

Non è che in un genere tutti i film debbano avere le medesime caratteristiche. Guarda l'horror, ci puoi mettere dentro Nosferatu di Murnau, Martyrs, L'armata delle tenebre, Shining e Blair witch project. Non è che genere vuol dire per forza film tutti uguali a stampino.


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#35 username

username

    granita di gelsi rossi

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 5953 Messaggi:
  • Locationmediterranea

Inviato 14 settembre 2019 - 17:43



a me sembra più neobarocco, non troppo distante da Baz luhrmann, Zack snyder ecc.

[detto che l'unico film "surrealista" di snyder è sucker punch… non è proprio il prototipo del regista da film d'arte ashd ]
300 è neobarocco tanto quanto Drive, Il grande Gatsby o Sorrentino, no? mi sembrano registi simili, per niente surrealisti
  • 0

La tua firma può contenere:

  • • Fino a 1 immagini
  • • Immagini fino a 350 x 150 pixels
  • • Qualsiasi numero di URLs
  • • Fino a 12 linee

#36 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3735 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 17:50

ma come fai a essere d'accordo che sopra hai citato Femme fatale. Non è un noir?


guarda che pooneil non si riferiva a tutto il noir, ma solo al riferimento fatto da reynard al noir degli anni 40 in b/n

mica dico che se fai un noir o un horror debbano essere per forza realistici! dove l'avrei scritto? anzi, ti ho portato esempi in questi generi di noir/horror con elementi onirici/surrealisti. scusa, lynch? strade perdute è un noir, ma è anche un film surrealista

300 è neobarocco tanto quanto Drive, Il grande Gatsby o Sorrentino, no? mi sembrano registi simili, per niente surrealisti


teoria alquanto personale e bislacca ashd
  • 0

#37 dick laurent

dick laurent

    ...

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11997 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 18:10

 


guarda che pooneil non si riferiva a tutto il noir, ma solo al riferimento fatto da reynard al noir degli anni 40 in b/n

mica dico che se fai un noir o un horror debbano essere per forza realistici! dove l'avrei scritto? anzi, ti ho portato esempi in questi generi di noir/horror con elementi onirici/surrealisti. scusa, lynch? strade perdute è un noir, ma è anche un film surrealista

 

 

il noir l'ho citato anche io e ho citato due titoli dell'era classica, credo rispondesse a entrambi. Poi tu hai risposto che eri d'accordo, quindi boh, mi sembrava che fossi d'accordo asd

 

Comunque pare che nel primo libro sul noir di sempre il genere venisse definito dicendo che era "oneiric, strange, erotic, ambivalent and cruel"... insomma forse non è che sia un'idea così campata in aria che anche tra i titoli storici ci siano film con quel tipo di atmosfera. Mi sembra anche difficile da capire il distinguo di Pooneil sul fatto del mezzo e del fine, nel senso che non vedo che differenza farebbe ma vabbè, alla fine quello che mi interessa è trovare film di un certo tipo, se poi uno vuole suggerirmi  film che non ho visto e sono "banalmente" film onirici et surreali non mi offendo mica, anzi a me quella roba piace (e la maggior parte di quelli che ho menzionato sono effettivamente così).


  • 0

dai manichei che ti urlano o con noi o traditore libera nos domine


#38 cinemaniaco

cinemaniaco

    Classic Rocker

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 3735 Messaggi:

Inviato 14 settembre 2019 - 18:20

il noir l'ho citato anche io e ho citato due titoli dell'era classica, credo rispondesse a entrambi. Poi tu hai risposto che eri d'accordo, quindi boh, mi sembrava che fossi d'accordo


se pooneil intende quello che intendo io, allora sono d'accordo asd

dipende da che film mi citi: jacques tourneur è un conto, se mi citi alcuni hitchcock "perché mi danno questa sensazione" o perché hai mangiato i funghetti , è un altro discorso ashd

poi sul noir classico si può dire questo: avendo il cinema espressionista nel proprio background, quel tipo di atmosfera fondata sulla deformazione dello spazio può dare quell'idea di onirismo a cui ti/vi riferite. però devi metterti un po' d'accordo: che film vuoi vedere? film onirici/surrealisti o film fatti da suggestioni personali?
  • 0

#39 Reynard

Reynard

    segno zodiacale: salamandra ascendente testadicazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9698 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 14 settembre 2019 - 18:57

 


guarda che pooneil non si riferiva a tutto il noir, ma solo al riferimento fatto da reynard al noir degli anni 40 in b/n

 

 

Le allucinazioni in "L'ombra del passato" e in "The lost weekend". Il fatalismo delle coincidenze in "Detour". La sequenza jazz de "La donna fantasma" (anche se lì è più drogato che onirico). L'intera tematica del desiderio ne "La donna del ritratto". "io ti salverò" di Hitchcock...

Non è solo questione di fotografia in bianco e nero, sono intere scene, componenti tematiche forti. Poi non sono tutto il film (e men che meno tutto il genere) ma ci sono.

 

 

 


ho capito, e io forse sarò troppo rigido con etichette e generi, ma insomma un conto è trovare elementi onirici (il finale di taxi driver effettivamente ha un che di trasognato e "surreale") in film realistici o iperrealistici. un altro conto sono i film onirici.

 

 

Ecco, forse non era chiaro che parlavo di 'singole componenti oniriche' e non di 'film onirici dall'inizio alla fine', ma il concetto è questo.


  • 1
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.

#40 Reynard

Reynard

    segno zodiacale: salamandra ascendente testadicazzo

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 9698 Messaggi:
  • LocationComo

Inviato 14 settembre 2019 - 19:00

 

il noir l'ho citato anche io e ho citato due titoli dell'era classica, credo rispondesse a entrambi. Poi tu hai risposto che eri d'accordo, quindi boh, mi sembrava che fossi d'accordo


se pooneil intende quello che intendo io, allora sono d'accordo asd

dipende da che film mi citi: jacques tourneur è un conto, se mi citi alcuni hitchcock "perché mi danno questa sensazione" o perché hai mangiato i funghetti , è un altro discorso ashd

poi sul noir classico si può dire questo: avendo il cinema espressionista nel proprio background, quel tipo di atmosfera fondata sulla deformazione dello spazio può dare quell'idea di onirismo a cui ti/vi riferite. però devi metterti un po' d'accordo: che film vuoi vedere? film onirici/surrealisti o film fatti da suggestioni personali?

 

 

Non ho mai detto che 'sono onirici', ho detto che hanno componenti oniriche.

 

E francamente le ironie e i sorrisetti che ti permetti sugli altri dall'alto della tua autoattribuita maggiore comprensione avrebbero rotto il cazzo. Non sei l'unico ad aver visto film in vita sua.

 

(E di componenti oniriche nei film noir ne parlava un certo Renato Venturelli; un altro che si faceva i funghetti?)


  • 0
La firma perfetta dev'essere interessante, divertente, caustica, profonda, personale, di un personaggio famoso, di un personaggio che significa qualcosa per noi, riconoscibile, non scontata, condivisibile, politicamente corretta, controcorrente, ironica, mostrare fragilità, mostrare durezza, di Woody Allen, di chiunque tranne Woody Allen, corposa, agile, ambiziosa, esperienzata, fluente in inglese tedesco e spagnolo, dotata di attitudini imprenditoriali, orientata alla crescita professionale, militassolta, automunita, astenersi perditempo.




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq