Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Disco Di Quasi-Fine Mese] Croatian Amor - Isa (2019, Posh Isolation)


  • Please log in to reply
5 replies to this topic

#1 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11080 Messaggi:

Inviato 26 gennaio 2019 - 14:42

a3219383944_10.jpg

 

:OR: http://www.ondarock....ianamor-isa.htm

 

 

Onestamente non ho ancora ben capito se - e quanto - mi sta piacendo, ma il disco adesso si trova su tutte le piattaforme ed è piuttosto spiazzante: tra onnipresenti screzi di vocoder, morbidissimi inserti ambient tra il "pop" e il pastorale (il trittico Point Reflex Blue / Eden 1.1 / Siren Blur Accent), rumorini in HD e battiti trip-hop, mi sembra di ascoltare un concentrato di tutto ciò che è al momento terribilmente contemporaneo, sia come concetti che come suoni. Posh Isolation è un'etichetta strana, la maggioranza dei loro lavori insiste su una pesantezza claustrofobica che io spesso trovo poco digeribile, per quanto le riconosca un "marchio" di tutto rispetto, ma uscite come questa (e quella di Kyo w/ Jeuru anno scorso) mi costringono a seguirla nonostante tutto. Il clima freddo e bagnato al momento è quello giusto.

 

Immagino i fruitori di elettronica true si divideranno in due di fronte ad un lavoro diviso al 50:50 tra fascino e paraculaggine, mi piacerebbe quindi sapere cosa ne pensano i quattro gatti qui dentro. Giuliano in sede di recensione è stato più che espansivo a riguardo, accennando anche a tutto il corollario PAN / NON Worldwide le cui uscite sono in effetti affiliabili a questo macro-filone di elettronica de concetto ma con un discreto cuore.

 

Questa al momento la traccia che mi piace di più:

 

 

Bandcamp.

 

Spoiler

  • 1
OR

#2 khonnor

khonnor

    xy

  • Validating
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 16595 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2019 - 12:09

Premessa: Posh Isolation, imho, è una label che non si può "analizzare" partendo solo dalla musica. C'è tutta una estetica bella definita, portata avanti negli anni (basterebbe darsi un'occhio a quanto sia curato il merchandise e quando spesso intervengano nel mondo della moda, sfilate, blabla). Assieme a Pan, è proprio la deriva arty dell'elettronica degli ultimi anni. Mi sembra che tutto quel giro lì abbia calcato la mano in maniera eccessiva, facendo quasi passare in secondo piano la musica [che peraltro spessa pare proprio abbandonata a se stessa].

 

Qua invece, in maniera inaspettatissima, per me ha tirato fuori un gran disco. Trip-hop a fiumi, robotismi molto notturni e molto "umani" e tutto quel che sempre ho detestato di posh qua mi pare girare sempre a dovere.


  • 0

noncuranti della fine, del calore, di poterci sciogliere.

or | mail


#3 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11080 Messaggi:

Inviato 27 gennaio 2019 - 15:06

In effetti questi nelle giornate di ufficio fanno pure i girotondi corporate a lavoro - sono proprio degli scandinavi ashd

 

The collaboration between Soulland and Posh isolation is an ode to city of Copenhagen and the merging youth scenes within the Danish capital.

Posh Isolation have been pacesetters for a new wave of music out of Denmark.

The aggressive esthetics and strong visuals that embody Posh Isolation are celebrated throughout the project.

To stay in line with the merchandise culture of Posh Isolation, the pieces are printed on Gildan. The collaboration consists of t-shirts, long sleeves and hoodies, all at merchandise pricing. The project also includes a special edition t-shirt and hoodie made together with the Danish Artist, Alexander Tovborg and Gallery Nicolai Wallner.

 

43577708_921843078011595_919480674623999


  • 0
OR

#4 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11080 Messaggi:

Inviato 29 novembre 2019 - 15:54

Stavo facendo qualche riascolto in vista della classifica di fine anno per capire cosa mi è rimasto di questo Isa (che tra una cosa e l'altra ammetto non aver più ripreso in mano da mesi...). E poi scopro che è appena uscito un nuovo Ep del Nostro assieme all'amico Varg2TM, così giusto per rendere le cose più complicate :P

 


  • 0
OR

#5 Ɲ●†

Ɲ●†

    Haunted

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11683 Messaggi:

Inviato 30 novembre 2019 - 09:53

Io l'ho ascoltato per un po', anche per capire se fosse o meno una paraculata e secondo me la è. Ciò non vuol dire che non sia un sentire gradevole ma per me non va al di là di una certa scolastica Burial+NON+HD sound tirata a lucido e alleggerita per una più ampia commestibilità (che potrebbe anche essere un plus, intendiamoci). Insomma, furbetto (7)

Posto che Dark Cut per me resta uno dei pezzi più belli dell'anno.
  • 2
A chemistry of commotion and style

#6 Damy

Damy

    pophead

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 11080 Messaggi:

Inviato 30 novembre 2019 - 14:04

Sì, è indubbiamente un disco fighetto che fa breccia grazie alle atmosfere "giuste" che vanno per la maggiore negli ambienti "giusti". I momenti più quieti e ambient però mi piacciono molto, questo minimalismo un po' glaciale ha un suo perché. Non penso proprio di riuscire a farlo entrare in top ten, comunque.

 

 

Posto che Dark Cut per me resta uno dei pezzi più belli dell'anno.

 

Ovviamente è la traccia più lafawndiana del lotto :D


  • 0
OR




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq