Vai al contenuto


Foto
- - - - -

Best Jazz/impro 2016


  • Please log in to reply
12 replies to this topic

#1 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 535 Messaggi:

Inviato 23 December 2016 - 22:36 PM

6057003.jpg

Henry Threadgill's Ensemble Double Up - Old Locks and Irregular Verbs (Pi Recordings)

 

6079493.jpg

Anthony Braxton - 3 Compositions (EEMHM) 2011 (3 cd Firehouse 12

Records)

 

6053604.jpg

Alexander Hawkins & Evan Parker - Leaps in Leicester (Clean Feed)

 

6330770.jpg

Peter Evans Quintet - Genesis (More is More)

 

6048555.jpg

Peter Brötzmann & Heather Leigh -  Ears Are Filled With Wonder 

 

6303134.jpg

Shabaka and the Ancestors - Wisdom of Elders (Brownswood Recordings)

 

6210485.jpg

Andrew Cyrille Quartet - The Declaration of Musical Independence(ECM) 

 

6016799.jpg

Vijay Iyer & Wadada Leo Smith - A Cosmic Rhythm With Each Stroke (ECM)

 

6280403.jpg

 Wadada Leo Smith - America's National Parks (2 cd Cuneiform) 

 

5974469.jpg

Rova Channeling Coltrane - Electric Ascension Live at the 2012 Guelph Festival / Cleaning the Mirror (Rogue Art) 

 

SM3140.jpg

Yoko Miura/Gianni Mimmo - Departure (Setola di Maiale)

 

boxed_set.jpg

Jon Lundbom & Big Five Chord - 2016:EPs (4 cd -Hot Cup Records)

 

6296418.jpg

Mary Halvorson Octet - Away With You (Firehouse 12)

 

6120357.jpeg

Large Unit  - Ana (PNL)

 

6304729.jpg

Ingrid Laubrock - Serpentines (Intakt)

 

6073214.jpg

Fire! Orchestra - Ritual(Rune Grammofon) 

 

6095093.jpg

Mats Gustafsson and Friends - MG 50 - Peace & Fire (Trost) 

 

6124597.jpg

Yoni Kretzmer - Five (OutNow)

 

6190741.png

Various Artists  - The Boston Creative Jazz Scene 1970-1983(Book & cd 2016) 

 

6249946.jpg

São Paulo Underground - Cantos Invisíveis (Cuneiform)

 

Anthony Braxton & Miya Masaoka -  Duo (DCWM) 2013( 2 Cd Rogue Art) 

Illegal Crowns - s/t (Rogue Art)

PIKA, Katsui Yuji & 大友良英 [Otomo Yoshihide]SUNRANEW (Telegraph) 

 

 

 

 

 


  • 4
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#2 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 535 Messaggi:

Inviato 23 December 2016 - 22:50 PM

Ristampe/Box/ Live

 

Alterations – Alterations ( 4 cd booklet and 5 postcards  Special Edition Box Set Unpredictable Series)

http://unpredictable.bigcartel.com

 

Seikatsu Kōjyō Iinkai - Seikatsu Kōjyō Iinkai (Off Note)

 

Sun Ra - Singles The Definitive 45 s Collection 1952-1991  (3 Cd Strut Records)

 

Marion Brown Quartet – La Placita – Live in Willisau (Ltd Remaster Ultravybe)

 

Eugene Chadbourne - There'll Be No Tears Tonight (Corbett vs Dempsey)

 

Jimmy Lyons ­- Push Pull (Corbett vs Dempsey)

 

John Tchicai Cadentia Nova Danica - August 1966 Jazzhus Montmartre (Storyville)

 

Cecil Taylor - Complete Live At The Cafe Montmartre (2 cd Solar records)

 

La Monte Young / Marian Zazeela - Dream House 78’ 17’’

 

Don Cherry, John Tchicai, Irène Schweizer, Léon Francioli & Pierre Favre - Musical Monsters(Intakt)

 

Roscoe Mitchell - Sustain and Run - Ao Vivo Jazz na Fábrica (Selo Sesc)

 

William Parker Quartet - Ao Vivo Jazz Na Fábrica (Selo Sesc)

 

Anthony Braxton - Ao Vivo Jazz Na Fábrica (2 Cd Selo Sesc)

 

AA. VV. - Celestial Blues. Cosmic, Political and Spiritual Jazz 1970-1974 (BGP)

 

Gilles Peterson - Magic Peterson Sunshine (Edel)

 

Sonny Rollins - A Night At The Village Vanguard (2 cd PWR)

 

AA. VV. - New Jazz Festival Balver Höhle: New Jazz 1974 & 1975 (Box 11 Cd B. Free)

 

Sven-Åke Johansson - Blended Box (SAJ Box 5 Cd)

 

William Hooker - Light - The Early Years 1975-1989(Box  3 cd NoBusiness records)

 

Masayuki Takayanagi ‎– Angry Waves Vol.1 and Vol.2 (Jinya Disc‎)


  • 1
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#3 wago

wago

    FURTHERMORE

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 18267 Messaggi:
  • LocationBergamo

Inviato 24 December 2016 - 10:16 AM

Molto jazz quest'anno: sarà la vecchiaia incipiente, sarà che in effetti è un periodo di uscite assai interessanti e vivaci.

 

Sul mio disco dell'anno riprendo quanto scritto nell'intervista fattami da Psycanprog:

 

41kCLBNghkL._SX300_QL70_.jpg

Nik Bärtsch Mobile - Continuum [ECM]

Bärtsch è una figura che seguo da una decina d’anni, un pianista sui generis che con estrema personalità e limpidezza di orizzonti si muove sulla linea di confine tra jazz e minimalismo. Sebbene sulla carta la formula che propone – musica strumentale fortemente basata sulla ripetizione e gli incastri di moduli posti su differenti piani ritmici – potrebbe apparire velleitaria o intellettualistica, l’effetto delle sue composizioni è per me dirompente. Il magma ritmico che coi suoi collaboratori riesce a evocare, al tempo stesso scarno e iperdettagliato, regolare e imprevedibile, mi risulta irresistibilmente ipnotico e astraente: un lasciapassare verso uno stato atemporale, meditativo ed estatico. Suppongo il fenomeno possa risultare simile per ogni altro amante dei tempi dispari e degli incastri poliritmici dei King Crimson post-Discipline, lontani come genere ma decisamente prossimi in termini di espedienti adottati e orizzonti emotivi. Ho avuto occasione di ascoltare Nik Bärtsch quest’estate a Londra assieme alla sua band, e per quanto questo sia stato per me un anno di grandi concerti (King Crimson, Sigur Rós, At the Drive-In, Alice&Battiato, 65daysofstatic, GoGo Penguin…) l’esperienza mi è rimasta impressa più di ogni altra.

 

Poi, sempre su livelli molto alti:

 

Le Boeuf Brothers & JACK Quartet - Imaginist [Panoramic Recordings]

Anche per loro riprendo quanto già scritto altrove: Questi li ho scoperti totalmente per caso sfogliando un numero digitale omaggio del New Yorker. Sono fratelli (ma va?) e fanno una roba che decenni fa si sarebbe chiamata third stream jazz: un mischiotto assai intellettualoide, ma anche decisamente a fuoco e leggero, di jazz classico e classica neanche-troppo-contemporanea. Con evidenti influssi minimalisti (talvolta dalle parti di Reich, altre da quelle di Einaudi -- ma a me francamente va bene uguale) e Radioheadiani.
Nel loro terzo lavoro, parecchio distante dai precedenti come formula, anche se lo stile quello è, la proposta prende decisi contorni cameristico/novecenteschi e sfocia in una brillante pièce con voce narrante alla "Pierino e il Lupo", condita da altri variopinti episodi. L'ascolto è leggero ma suona serio, appagante ma non immediato. Insomma, un disco davvero riuscito che mi ha spinto a recuperare i due lavori precedenti (che si sono rivelati pure migliori).

 

Phronesis - Parallax [Edition Records]

GoGo Penguin - Man Made Object [Blue Note]

Mammal Hands - Floa [Gondwana]

Con questi tre dischi ci muoviamo su territori fra loro decisamente attigui: nu-jazz britannico dalla forte presenza pianistica, marcato dall'inventiva e dalla rapidità di un batterismo dalle evidentissime influenze drum'n'bass (o drill'n'bass). Se nei Mammal Hands la batteria è più tranquillina, i contorni sono spesso minimal/ambient e il ruolo del sax è di primissimo piano, coi Phronesis è il pianoforte ad assumere il ruolo di forza motrice e a spingere contrabbasso e batteria verso soluzioni decisamente dinamiche e concitate. Per il pianoforte leggo molti paragoni con l'Esbjörn Svensson Trio, ma a me sembra che qua sia tutto assai più vitale e "incastroso": personalmente preferisco di molto lo stile di questo Ivo Neame.
Un po' a metà strada (ma solo per fini retorici) sta il sound dei GoGo Penguin, che al di là del valore del disco (preferisco leggermente quello dei Phronesis) sono la formazione il cui stile ha i contorni più lucidi e inventivi del terzetto. Il terzetto pianoforte-basso-batteria riesce a mettere al centro tutti e tre gli strumenti, con una batteria imprendibile e di eccezionale capacità di guida, un pianoforte sapientemente padrone tanto del radioheadismo di Mehldau quanto dei trucchetti del minimalismo più melodico e piacione, e il contrabbasso, corposo e agile, a fare da raccordo tra le due anime conflittuali rappresentate dagli altri strumenti. La loro esibizione live al JazzMi è stata un evento notevolissimo, e i loro stop-n-go mi hanno fulminato come nessuno mai sul palcoscenico.

 

Ukandanz - Awo [Buda]

Non sapevo se inserirlo. Formalmente è ethio-jazz: c'è un sacco di sax, c'è la voce squillante e indubbiamente africana, ma l'energia è quella del brutal-prog dei Ruins, la baraonda quella di Zu e Lightning Bolt. Il suono è elettrico, noise, dominato da chitarra e basso distorto, ma voce e sax riescono perfettamente a riportare su un piano melodicamente strutturato, esotico ed efficace quella che sarebbe altrimenti l'ennesima proposta di puro chiasso brutal-prog fuori tempo massimo. Una sorpresa.

 

The Trio Project - Spark [Telarc]

Hiromi e il suo Trio Project sono una garanzia assoluta in fatto di fusion dai tratti sfavillanti e funambolici. Il pianoforte cristallino della giapponese gioca la parte del leone in questo terzetto dinamico e versatile, capace di unire carica ritmica, melodia e un gusto sbarazzino per voltafaccia e cambi di tempo. Come spesso nel panorama giapponese, lo stile è precisissimo e grintoso, luccicante ed effervescente... ma senz'altro a qualcuno risulterà troppo freddo (in un'accezione del termine che a oggi mi resta sostanzialmente incomprensibile, vista la focosità del tutto) e didascalico. Peggio per loro, si ascoltino le robe dei due post qua sopra :P

 

Frank Woeste - Pocket Rhapsody [ACT]

Si scrive Frank Woeste e si legge "due duetti con Ibrahim Maalouf". Ho avvicinato il disco del pianista franco-tedesco per via della duplice ospitata del miglior trombettista della Terra (sopraffina, come era facile prevedere) e ci ho scoperto un'ottima fusion dai tratti spigolosi, liquidi e scattanti al tempo stesso. La voce plurale delle tastiere (piano, rhodes, organo, bass synth), le coloriture offerte da violino e violoncello e i frequenti accenti di di derivazione funky o elettronica si sposano molto bene con l'approccio fortemente melodico di Woeste al piano, costruendo brani eleganti e variopinti, ben bilanciati tra gusto retrò e tocchi futuristi.

 

Anenon - Petrol [FoF]

Non so davvero cosa sia sta roba qua. Un mischiotto autistico di elettronica, jazz, ambient, minimalismo al confine tra idm, nu jazz, progressive electronic e dio sa cos'altro. Da quel che ho capito, è il prodotto di un tizio che si è messo a spippolare col sax improvvisando e poi ci ha lavorato sopra al pc, filtrando, rielaborando, giustapponendo. Il risultato - che è poi quello che conta - è davvero notevole. Malinconico e piovigginoso, potrebbe ricordare come orizzonti emotivi quel 2 8 1 4 che l'anno scorso qua fece sfaceli (ovviamente i mezzi stilistici sono del tutto diversi, sia chiaro). Altri nomi chiave potrebbero essere Arandel, lo Squarpusher più atmosferico (ammesso che esista) o le nenie del morissammazzato Colin Stetson, da cui per fortuna il disco si discosta per l'assoluta prevalenza dell'evocazione sull'autoreferenzialità e gli intellettualismi. Dubito possa piacere a molti qua dentro, ma a me ha davvero colpito.

 

Ikarus - Chronosome [Ronin Rhythm]

Formazione svizzera, prodotta da Nik Bärtsch e dedita a un equilibratissimo pastiche minimal/zeuhl, capace di riprendere dal sound lovecraftiano e vetusto di Eskaton e Dün gli elementi più leggiadri e fonderli alla tavolozza estatico/meditativa della musica di Bärtsch. Tra incastri reichiani e tempi dispari come se piovesse, i consueti colori torvi della scuola Magma riemergono quasi subliminalmente e conferiscono alle composizioni un retrogusto esoterico che affianca ma non cancella la celestiale limpidezza del sound.

 

Jizue - Story [Bud Music]

In Giappone per un prodotto decisamente easy listening: il quinto album del quartetto nu jazz/smooth/post-rock già distintosi in passato per la sopraffina qualità kitsch della sua formula. Tra pianismo ipercinetico (vedi Hiromi poco sopra), scatti ritmici, progressioni soft/loud, innesti elettronici e repentini salti da un quadretto stilistico all'altro, il disco inanella in mini-suite perfette sequenze di jingle simil-occidentali e proprio per questo così zuccherosamente nipponici. Prima o poi ce li ritroveremo negli spot tv, senza manco accorgercene.

 

Snarky Puppy - Family Dinner: Volume Two [Universl Classics and Jazz]

Non ho capito bene la ratio di questo progetto live, essenzialmente un insieme di duetti con gente a caso, anche lontanissima dallo stile che ha reso gli Snarky Puppy un nome di punta della fusion iperturnistica degli ultimi anni. Suppongo che l'etichetta volesse promuovere un po' di artisti accasati presso il suo marchio, e abbia preso la band più tecnicamente versatile del suo roster per mandare a centro la trovata. Beh, dannazione, ci sono riusciti. Il disco è del tutto schizofrenico, e salta dal synth-pop dei KNOWER al cantautorato romantico di serie b suo malgrado rappresentato dall'incolpevole David Crosby: ci sono episodi fulminanti e altre cose in cui il sensore antikitsch doppia o tripla il livello di guardia, ma nel complesso il ventaglio stilistico è davvero sorprendente, come lo è la capacità degli Snarky Puppy di adattarsi a ogni ricetta senza perdere la propria professionalissima personalità. Vorrei vederli dal vivo.

 

Niechęć - s/t [Wytwórnia Krajowa]

Formazione polacca che ha raccolto in questi anni un discreto seguito tra i rockettari pentiti, i Niechęć si muovono in modo decisamente personale sulla linea di confine tra avant-jazz, nu-jazz, post-rock. Adottando una tavolozza a tinte scurissime senza però sconfinare nel macchiettismo del dark-jazz più in voga, confezionano una musica che senz'altro non si adatta a ogni momento ma che è capace di proiettare il giusto clima meditativo sulle situazioni che richiedono concentrazione. Se gli episodi atmosferici non mancano, va comunque rilevata la preponderanza dei momenti in cui l'impronta jazz-rock eminentemente settantiana si fa più spinta. Il notevole sta in come i polacchi rielaborano le influenze Seventies, facendo propri espedienti post- e tonalità elettroniche e dando forma a un suono citazionista, sì, ma alquanto cinematico e originale.

 

House of Waters - s/t [GroundUP Records]

Terzetto di virtuosi di stanza a New York, gli House of Waters esordiscono con un disco di smooth/world/fusion dominato dalle intricatezze etno e dal suono argentino dei cordofoni (shamisen, salterio). Tutto è molto gentile e ovattato (a tratti anche troppo), ma la perizia e la capacità inventiva sono innegabili. Episodi come "In Waves" e "17" sposano relax e cinetismo, fascinazioni esotiche e disciplina quasi crimsoniana dando alla musica quel nerbo e quell'efficacia che un po' mancano in altri episodi di un disco comunque assai originale.

 

Takuya Kuroda - Zigzagger [Concord]

Fusion fatta e finita, hancockiana e super-funky: il trombettista nipponico di stanza a Brooklyn si avvale di un vasto parterre di collaboratori internazionali per frullare debitamente influenze settantiane e trovate elettroniche decisamente più contemporanee - su tutti, FlyLo. La musica è briosa ed efficace, lo stile trombettistico di Kuroda è un déjà vu post-bop ma la classe non si può negare. Notevole l'episodio finale con gli Antibalas: afro-funk in salsa downtown che mi fa montare l'impazienza per il ritorno della formazione newyorkese.


  • 3

#4 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7096 Messaggi:

Inviato 24 December 2016 - 11:55 AM

Nik Bärtsch mi sembra molto bello. O invecchio paurosamente io o la Ecm è in crescita costante in questi anni.

 

Crocus, Lehman rapparolo non ti è piaciuto?


  • 0

#5 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 535 Messaggi:

Inviato 24 December 2016 - 17:08 PM

 O invecchio paurosamente io o la Ecm è in crescita costante in questi anni.

 

 

 

Sono d'accordo. Vedi i dischi di Wadada/Iyer e Cyrille nel 2016 ( almeno per me).

E aggiungerei anche Carla Bley e questo ( che non so perché ho dimenticato di mettere in playlist..):

51hoRMRCrHL.jpg

Michael Formanek Ensemble Kolossus - The Distance


  • 0
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#6 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 535 Messaggi:

Inviato 24 December 2016 - 17:14 PM

Crocus, Lehman rapparolo non ti è piaciuto?

 

Ecco!  “rapparolo” è  il  mio problema. Perché incide su una delle mie poche idiosincrasie musicali (l’altra è il metal).

E’ un disco che mi ha completamente spiazzato proprio perché sono un attento seguace di Lehman

ma, nello stesso tempo, non digerisco il rap….

Indubbiamente è un disco di valore, anche innovativo per alcuni aspetti. E Lehman non rinuncia alle sue tecniche spettrali né ai suoi fraseggi veloci e contorti ma…per me non è abbastanza. 

In definitiva secondo me è un disco che si colloca maggiormente nell’ambito dell’hip hop/ elettronica sebbene dalle forti coloriture avant jazz.

Ovviamente tutto questo non sposta di una virgola la mia opinione su Lehman( e sulla Pi)  che continuo a considerare uno dei migliori musicisti contemporanei.


  • 0
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#7 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7096 Messaggi:

Inviato 25 December 2016 - 10:12 AM

penso che Lehman abbia volutamente fare un disco più rap che jazz un po' per valorizzare gli ospiti in un'operazione stilisitcamente "democratica" e un po' - chissà, forse - per cercare visibilità hipster. Che mi sembra arrivata ma non in modo clamoroso.


  • 0

#8 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 535 Messaggi:

Inviato 29 December 2016 - 16:58 PM

In effetti non hai poi tutti i torti...

Non avevo pensato alla possibilità di cercare "visibilità hipster"...

Che comunque ben venga se serve a far conoscere questi musicisti. 

Un po' come Kamasi… 

Ps: hai visto che hanno ristampato in cd il Seikatsu kojyo linkai?

E pure due live di Takayanagi...


  • 0
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#9 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 535 Messaggi:

Inviato 29 December 2016 - 17:03 PM

Aggiungo due libri muy interessanti usciti quest'anno:

 

musica-coleman-musica-senza-alfabeti.jpg

http://mimesisedizio...t_tab_products3

 

5852899.jpg

http://www.edizionie...n=9788846740311

 

 


  • 2
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#10 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7096 Messaggi:

Inviato 29 December 2016 - 17:29 PM

 

Ps: hai visto che hanno ristampato in cd il Seikatsu kojyo linkai?

E pure due live di Takayanagi...

 

 

sì, il primo in particolare credo fosse fuori stampa da tempo. I miei takayanagi preferiti li hanno ristampati 2-3 anni fa, Free-Form Suite e Live at Moers. Anche il cofanetto quintuplo su jynia mi piacerebbe averlo originale.


  • 0

#11 crocus behemoth

crocus behemoth

    Roadie

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStelletta
  • 535 Messaggi:

Inviato 30 December 2016 - 23:26 PM

Se ti riferisci al cofanetto Archive 1 piacerebbe molto anche a me averlo in originale.

In particolare la prima edizione con il bonus Dvd…Ma è molto difficile da trovare e comunque 

a prezzi improponibili.

Quanto agli altri due non conosco. Ma se mi dici che vale la pena corro a cercarli...

Il live at moers, se non sbaglio,  lo avevo visto ristampato dalla Three Blind Mice.


  • 0
Le merendine di quand'ero bambino non torneranno più! I pomeriggi di Maggio!

#12 beatoangelico

beatoangelico

    mainstream Star

  • Members
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 1570 Messaggi:

Inviato 31 December 2016 - 18:38 PM

In effetti non hai poi tutti i torti...

Non avevo pensato alla possibilità di cercare "visibilità hipster"...

Che comunque ben venga se serve a far conoscere questi musicisti. 

Un po' come Kamasi…

 

Lehman non ha gli sponsor di peso di washington... E poi è bianco.


  • 0

#13 slothrop

slothrop

    Enciclopedista

  • Redattore OndaRock
  • StellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStellettaStelletta
  • 7096 Messaggi:

Inviato 01 January 2017 - 14:28 PM

Se ti riferisci al cofanetto Archive 1 piacerebbe molto anche a me averlo in originale.

In particolare la prima edizione con il bonus Dvd…Ma è molto difficile da trovare e comunque 

a prezzi improponibili.

Quanto agli altri due non conosco. Ma se mi dici che vale la pena corro a cercarli...

Il live at moers, se non sbaglio,  lo avevo visto ristampato dalla Three Blind Mice.

 

 

sì, three blind mice, anche l'altro. Sono i miei Takayanagi preferiti insieme a "April is the cruellest month" (che ancora si trova, mi pare) e a "Second Concept", doppio culminante della fase tristaniana, che ovviamente propone proprio "un'altra musica".


  • 0




0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi

IPB Skin By Virteq